Giovedì, 21 Settembre 2017 17:02

Prostitute rapinate durante la notte

Alle 00.45 della trascorsa notte il 113 riceveva una telefonata da parte di un appartenente al servizio "unità di strada anti-tratta" che riferiva che diverse prostitute erano state rapinate, in Via Emilia Ovest.

Gli agenti della volante riuscivano ad identificare una delle vittime la quale riferiva di essere stata avvicinata da due giovani che le chiedevano informazioni. Immediatamente dopo, uno dei due, molto probabilmente straniero, le mostrava una placca metallica simile a quelle in uso agli appartenenti alle forze di Polizia e, qualificandosi come poliziotto, le chiedeva i documenti della donna. Approfittando del momento in cui la donna apriva la borsa per mostrare quanto richiestole, uno degli individui la colpiva con un pugno al volto strappandole la borsa dalla mani per poi darsi alla fuga unitamente al complice.

La richiedente dell'intervento riferiva di aver contattato altre 4 prostitute rapinate durante la sera con le stesse modalità, verosimilmente dagli stessi individui che, in una occasione, venivano indicati come in numero di tre e fuggiti a bordo di utilitaria di colore scuro.

Le pattuglie, apprese le descrizioni dei rapinatori, effettuavano le ricerche senza riuscire a rintracciarli.

Pubblicato in Cronaca Parma

La scorsa notte, alle ore 04.25, la volante veniva inviata in un condominio di borgo Fornovo in quanto un residente, tramite il videocitofono, aveva visto uno straniero che stava prelevando alcune biciclette dai garages condominiali.

I poliziotti, giunti rapidamente sul posto, effettuavano un controllo interno sorprendendo, nascosto sotto ad una autovettura il ladro che, vistosi scoperto, tentava di fuggire ma veniva raggiunto e bloccato dagli agenti. Durante il sopralluogo gli agenti accertavano che quasi tutti i garages condominiali erano stati forzati e diverse bici erano state rubate e portate via dal luogo.

La successiva perquisizione domiciliare, eseguita a carico dello straniero dava esito positivo permettendo il rinvenimento di svariato materiale di probabile provenienza illecita nonché altra bicicletta, ancora chiusa con il lucchetto, provento di furto consumato in altra circostanza.

Condotto in Questura lo straniero veniva identificato per J.F. marocchino 24 enne con precedenti di Polizia, regolare sul territorio nazionale, e tratto in arresto per il reato di furto aggravato.

Pubblicato in Cronaca Parma

Ore 19.05 di ieri una volante veniva inviata in via Mazzini in quanto alcuni giovani stranieri riferivano di essere stati aggrediti da un soggetto il quale aveva ferito uno di loro con una coltellata all'addome.

Gli agenti  accertavano che la ferita era superficiale ed il ragazzo rifiutava l'intervento dell'ambulanza.

In merito all'accaduto il ragazzo aggridito riferiva che, mentre si trovava con i suoi amici, veniva avvicinato da un uomo che gli chiedeva del denaro. Al suo rifiuto veniva avvicinato nuovamente dall'uomo che chiedeva ancora dei soldi. Ad altra risposta negativa il soggetto estraeva un coltello dalla tasca e colpiva alla pancia uno dei ragazzi per poi allontanarsi.

La volante effettuava un controllo in zona alla ricerca dell'uomo e lo rintracciava, grazie alla descrizione dei ragazzi, nei pressi della Pilotta.

L'uomo, G.V. italiano classe 1975 pluripregiudicato, veniva trovato in possesso di un coltello con lama pieghevole. Accompagnato in Questura veniva denunciato per il reato di minaccia aggravata e porto abusivo di oggetti atti ad offendere.

Pubblicato in Cronaca Parma

Le volanti della Polizia di Stato intorno alle 03.00 della notte tra mercoledi e giovedi sono intervenutein zona Stazione FF.SS. per segnalazione di avvenuta rapina ai danni di un trentacinquenne residente a Parma.

Arrivate sul luogo della segnalazione, gli agenti intercettavano la vittima la quale presentava numerose abrasioni alle braccia ed una ferita lacero contusa alla testa nonché un'ecchimosi allo zigomo. L'uomo ha riferito che poco prima, mentre stava facendo rientro a casa, transitando per il piazzale antistante la stazione ferroviaria, veniva avvicinato da un giovane di origini africane.

Questi gli avrebbe dapprima richiesto insistentemente del denaro, per poi aggredirlo fisicamente, minacciarlo di morte impugnano una bottiglia di vetro che poco prima aveva infranto contro un muretto. Da questo si innescava una colluttazione durante la quale l'extracomunitario colpiva con diversi pugni la testa del malcapitato e si concludeva quando, dopo aver scaraventato a terra la vittima, l'aggressore gli sfilava dalla tasca un telefono cellulare per poi dileguarsi in sella ad una bicicletta.

L'uomo veniva poi affidato alle cure del 118, accorso sul posto a seguito della richiesta della Sala Operativa della Questura e successivamente veniva giudicato guaribile in giorni sette.

Pubblicato in Cronaca Parma
Mercoledì, 13 Settembre 2017 11:55

Controlli antidroga nelle principali zone di spaccio

Nell'ambito del programma dei "servizi straordinari antidroga" disposti dal Questore di Parma, nella giornata di ieri 12 settembre 2017, è stata effettuata un'accurata attività di prevenzione e contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti nei pressi di piazzale Carlo Alberto Dalla Chiesa, via San Leonardo e viale dei mille.

Il servizio antidroga ha visto l'impiego di un articolato contingente composto da personale della Squadra Mobile e delle Volanti, due unità cinofile antidroga della Questura di Bologna, una pattuglia della Polfer di Parma, due pattuglie del Reparto Prevenzione Crimine di Reggio Emilia, una squadra del Reparto Mobile di Milano ed una pattuglia della Polizia Municipale.

Durante i controlli effettuati nella zona antistante la stazione e nei pressi di via San Leonardo, sono stati controllati 41 cittadini stranieri e sequestrati, a cari di ignoti, circa 66 grammi di marijuana; in zona viale dei mille sono stati intercettati e controllati 5 stranieri e, grazie all'intervento dei cani antidroga, sono stati recuperati altri 240 grammi di marijuana sequestrata a carico di ignoti.
Nel corso del servizio svolto, inoltre, 3 persone prive di documenti sono state accompagnate in Questura per accertamenti al termine dei quali, a carico di un cittadino nigeriano irregolare sul territorio Nazionale, veniva emesso decreto di espulsione.

Pubblicato in Cronaca Parma

All'apertura del negozio, ieri mattina, il titolare del negozio "Cellular Parma" si è trovato di fronte a una spiacevole sorpresa. Smartphone e tablet si erano volatilizzati. Immediatamente ha contattato la Questura che faceva intervenire una pattuglia per i rilievi.

Gli agenti, effettuando un controllo all'interno del negozio, notavano varie confezioni di smartphone gettate in terra e tutti i cassetti e gli espositori aperti; dal sopralluogo effettuato  accertavano che i ladri erano riusciti ad accedere al negozio tramite una finestra posta sul retro, che risultava forzata e che le inferriate tagliate.

Il titolare del negozio, da un controllo sommario, riferiva che erano stato portati via circa 50 smartphone di varie marche e due talblet, uno marca Apple ed uno Samsung, specificando che tutti gli oggetti erano nuovi e custoditi in varie parti del negozio.
Oltre ai telefonini ed ai tablet, i ladri si sono impossessati  anche di denaro contenuto nel registratore di cassa pari a circa 300 euro in contanti suddivisi in banconote di vario taglio.

Sul posto è intervenuta la Polizia Scientifica che ha provveduto a effettuare i rilievi del caso.

Pubblicato in Cronaca Parma

In data 07.09.2017, verso le ore 21.40, la volante stava pattugliando la zona di viale vittoria / viale dei Mille, al fine di prevenire lo spaccio di sostanza stupefacente.

Durante il pattugliamento, giunti in via Don Giovanni Minzoni, notavano un cittadino nigeriano a bordo di una bicicletta. Lo straniero, accortosi della presenza della volante, lanciava in terra un involucro di colore nero e tentava di scappare in sella alla sua bicicletta ma veniva prontamente bloccato dagli agenti.

Gli operatori accertavano quindi che il fermato, A.E. nigeriano classe 1992, aveva lanciato a terra un involucro contenente circa 4 grammi di sostanza stupefacente.

Lo straniero veniva quindi accompagnato in Questura dove veniva sottoposto a rilievi segnaletici, in quanto privo di documenti identificativi, e denunciato in stato di libertà per il reato di possesso di sostanza stupefacente ai fini di spaccio, mentre la sostanza veniva appositamente sequestrata.

Pubblicato in Cronaca Parma

In data 04.09.2017, verso le ore 19.00, durante il controllo straordinario effettuato da personale della Questura di Parma unitamente a personale dell'R.P.C. di Reggio Emilia, venivano effettuati controlli nei pressi della stazione centrale.

Parma 5 settembre 2017 - Durante tali controlli veniva fermato K.F., nato in Guinea nel 1987, che da accertamenti SDI risultava destinatario di Ordinanza di Misura Cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Palmi. Il soggetto, come evidenziato nell'ordinanza, effettuava reclutamento di stranieri da utilizzare nella raccolta degli agrumi nei territori della provincia di Reggio Calabria; K.F., in concorso con altri soggetti, aveva quindi creato una rete di manodopera a basso costo, vessata da minacce, da fornire agli imprenditori locali operanti nel settore degli agrumi. per tale motivo il Tribunale di Palmi, ritenendo il soggetto pericoloso ed in grado di reiterare l'evento criminoso, emetteva l'Ordinanza di custodia cautelare in carcere.

Pakistano rapinato in stazione centrale

Alle ore 01.00 circa di questa notte, la volante veniva inviata in stazione centrale in quanto era appena stata perpetrata una rapina. Gli operatori giunti sul posto identificavano la vittima, E.M. classe 1974, pakistano di professione cuoco, il quale riferiva che mentre si trovava al piano sottostante i binari per controllare gli orari dei treni in partenza, veniva avvicinato da tre giovani, due ragazzi ed una ragazza. I due ragazzi, a dire del testimone di nazionalità nigeriana, si avvicinavano chiedendo una sigaretta ma, ricevuta risposta negativa, dapprima lo aggredivano verbalmente per poi passare alle vie di fatto. Durante l'aggressione E.M. cadeva in terra e i due giovani ne approfittavano per rubargli il telefono cellulare e darsi velocemente alla fuga.
Durante l'aggressione la ragazza, probabilmente italiana 20enne, rimaneva in disparte per poi fuggire insieme agli aggressori.
Le pattuglie sul territorio effettuavano vari giri di perlustrazione alla ricerca delle persone segnalate con esito negativo.

Tunisino arrestato per furto aggravato

Alle ore 01.00 circa la volante veniva inviata in zona via Savani in quanto un residente aveva notato un soggetto che aveva infranto il vetro di alcune autovetture in sosta.
Grazie all'aiuto del richiedente, che non perdeva mai di vista il soggetto, gli agenti della volante riuscivano a fermare il ladro. L'uomo, S.A., tunisino classe 1987, pluripregiudicato, veniva trovato in possesso di un martelletto frangi vetri di colore rosso con punta in metallo, un coltello multiuso, e vari oggetti accertato in seguito essere la refurtiva rubata sulle autovetture danneggiate.
L'uomo, che al momento del controllo era privo di documenti identificativi, dopo essere stato sottoposto a rilievi segnaletici, veniva tratto in arresto per il reato di furto aggravato.

Pubblicato in Cronaca Parma
Lunedì, 04 Settembre 2017 16:53

Coppia rapinata in Piazza del Duomo. Due Fermi.

Rapina aggravata in danno di una coppia di 23enni avvenuta in piazza del Duomo ad opera di tre individui. Due dei tre venivano fermati dalle volanti e tratti in arresto.

In data 03.09.2017, verso le ore 00.10, la volante interveniva su richiesta di una coppia di fidanzati in quanto avevano subito un furto.

La coppia riferiva che mentre si trovava in piazza duomo, si accorgeva che un gruppo di tre ragazzi, due uomini ed una donna, avevano rubato la borsa della ragazza contenente un iphone 6, 175 euro oltre a documenti vari. La coppia di fidanzati si avvicinava quindi ai tre sospetti notando che avevano tra le mani la borsa e gli oggetti della ragazza e ne chiedevano la restituzione.

Per tutta risposta, venivano invitati ad allontanarsi altrimenti sarebbero stati picchiati.

I tre ladri, visto che la coppia di giovani non desisteva, cercava di allontanarsi dalla piazza ma seguiti costantemente dalla coppia che nel frattempo contattala il 113.
I tre malfattori, resisi contro che la coppia era ancora sulle loro tracce, affrontavano i due e senza proferire parola li aggredivano fisicamente (cagionando loro ferite guaribili in 3 giorni), dopodichè li minacciavano con una bottiglie di birra.

Nel frattempo giungeva sul posto la pattuglia della polizia ed i tre si davano quindi a precipitosa fuga inseguiti dai poliziotti. Gli agenti riuscivano a fermare solo due degli autori, B. O. ragazzo algerino classe 1990, incensurato e regolare sul territorio e T.F. ragazza di 17 anni di origini marocchine titolare di permesso di soggiorno con precedenti di Polizia. I due venivano quindi accompagnati in Questura e tratti in arresto per il reato di rapina aggravata in concorso.

Pubblicato in Cronaca Parma

Parma 2 settembre 2017 - Verso le ore 13.15 di ieri, personale della Squadra Volante interveniva in Strada Repubblica su segnalazione di verificatori T.E.P., in quanto un cittadino extracomunitario, trovato privo di titolo di viaggio, rifiutava di fornire un proprio documento o comunque di declinare le proprie generalità. Lo stesso, avvisato dell'arrivo di forze di polizia, iniziava a prendere a calci la porta centrale del mezzo TEP - nel tentativo di scendere e nonostante il mezzo stesse regolarmente viaggiando – frantumandone il vetro.

Il bus fermava la propria corsa nei pressi della Prefettura nella speranza di poter far intervenire personale di polizia ma all'apertura delle porte l'extracomunitario si dava a precipitosa fuga.
Riconosciuto più tardi dagli stessi verificatori TEP sempre nella zona del centro cittadino, il soggetto veniva fermato, identificato e denunciato in stato di libertà per i reati sopra indicati.

P. G. E classe 1986 cittadino cubano, residente a Parma, incensurato, indagato in stato di libertà per i reati di resistenza, danneggiamento aggravato, interruzione di pubblico servizio; rifiuto di indicazioni sulla propria identità personale.

Pubblicato in Cronaca Parma