Visualizza articoli per tag: Mercanteinfiera

I Carabinieri forestali controllano il rispetto della normativa sugli animali in via di estinzione a “Mercante in Fiera”. Sequestrate due zanne d’avorio di elefante.

Pubblicato in Ambiente Parma

Ilaria Dazzi: “In Italia parte delle opere d’arte è collocata nei depositi dei mu-sei. Fiere di Parma restituisce al grande pubblico per dieci giorni l’archeologia (nascosta) del museo ligure di Luni"

Pubblicato in Economia Emilia

Al Via Mercanteinfiera: tra Golden Twenties e Kenneth Jay Lane,  l’eclettico Designer dei Gioielli Democratici - Fiere di Parma 29 febbraio- 8 marzo

di Antonella Maia Parma, 17 febbraio 2020 - 1919: il Trattato di Versailles ufficializza la fine della Grande Guerra. Nella vittoriosa Parigi, il clima di rinascita trasforma la capitale francese nel più febbrile laboratorio di cultura e creatività. Mentre l’euforia generalizzata, che si respira negli Stati Uniti d’America grazie all’espansione industriale, contagia l’Europa al ritmo di charleston, fox-trot e jazz.
Molti i personaggi illustri che fanno brillare gli anni venti: Louis Armstrong, F. S. Fitzgerald ("Il grande Gatsby”viene dato alla stampa nel 1925) Joséphine Baker, Picasso, Andrè Gide, Marcel Proust, Vionnet, Patou Lanvin e Chanel.

Un’epoca di ottimismo e libertà, apparentemente permanenti, nella quale la tecnologia entra nelle case sotto forma di telefono, radio, grammofono. Il cinema si trasforma in lungometraggio e le donne si fanno audaci. Entrate massicciamente nel mercato del lavoro abbandonano i costumi vittoriani, accorciano gli orli e adottano comportamenti sociali più liberi: trucco marcato e capelli corti alla “garconne”.

Si ispira a quest’epoca frenetica, elettrizzante, strabordante di vitalità e cambiamenti, “The Golden Twenties. Vita e moda del decennio de Les Années Folles” la prima collaterale in pro-gramma a Mercanteinfiera, l’appuntamento di Fiere di Parma dedicato ad antiquariato, design, modernariato e collezionismo vintage in programma dal 29 febbraio all’8 marzo.

La mostra è curata da Paolo Aquilini direttore del Museo della Seta di Como e Clara Cappelletti con la collaborazione della Fondazione Setificio, Associazione Ex Allievi del Setificio e il con-tributo di Ostinelli Seta, Clerici Tessuto, Bianca Cappello (storica e critica del gioiello) e Samuele Magri (storico dell’arte).

Nell’anno in cui Parma è Capitale della Cultura, il polo fieristico intende così idealmente ricongiungersi, con questa esposizione, con la città attraverso la contaminazione cultuale degli Anni Ruggenti.

Anni di esaltazione, eccesso e provocazione quella stessa che porterà, anche nella moda, ai primi segni di emancipazione femminile. Il punto vita si abbassa, la gonna si accorcia pochi centimetri ogni anno e nel 1923 è già alla caviglia. Nel 1924 al polpaccio, nel 1925 appena sotto il ginocchio mentre nel 1927 finalmente lo supera, per la prima volta nella storia della moda. Inizia il tempo della flapper girl che si ritocca il trucco in pubblico, fuma la sigaretta con il bocchino e sventola il suo ventaglio piumato tra un charleston e l’altro.

Attraverso una linea temporale che racconta il decennio 1919-1929, saranno così esposti a Mercanteinfiera oltre sessanta tra abiti, oggetti, accessori, preziosi tessuti e sete comasche risalenti al periodo dei Golden Twenties.
Un viaggio tra profumi, paillettes e morbide piume. Una magica macchina del tempo tra immaginarie Joan Crawford e Norma Shearer che riporterà il pubblico fino a quell’ultimo frammento di vi-talità prima del Venerdì Nero di Wall Street del 1929.

Gli abiti in mostra arrivano dalle collezioni private del Museo della Seta di Como, di Clerici Tessuto e Ostinelli Seta. Un contributo in termini di bijoux d’epoca arriva dal Museo del bijoux di Casalmaggiore.
Elegante, raffinato, amico di nobildonne come la Duchessa di Windsor e Margaret d’Inghilterra, di celebri dive come Audrey Hepburn e Liz Taylor non ha mai smesso di voler essere un simbolo dello spirito democratico americano, perché, se è vero che “un diamante è per sempre, uno strass è per tutte”.

E’ il ritratto di Kenneth Jay Lane (1932 - 2017) famoso bigiottiere americano protagonista della seconda collaterale in programma, “Brillanti Illusioni: omaggio a Kenneth Jay Lane. Il Re dei falsi” curata da Maria Teresa Cannizzaro, collezionista, studiosa di bijoux americani e Presi-dente dell’associazione culturale Passato e Futuro-Sezione italiana Vintage Fashion &Costume Jewelry Club e Fiorella Operto storica del costume, vice-presidente e pure appassionata collezionista.

I pezzi in mostra arrivano dalla collezione personale di Maria Teresa Cannizzaro e risalgono alla fine degli anni 60.
Un mostra che vuole anche essere un omaggio al sapere fare italiano che tanto contribuì a quello che lui stesso chiamò “ the beautification of America”. “Italia, paese che amo e visito spesso e dai cui eccezionali musei traggo tanta ispirazione” diceva il designer di gioielli.

Di italiano, infatti, apprezzava non solo la cultura e l’arte, ma anche la raffinata abilità degli artigiani che, emigrati dalla fine del 1800 a Providence (dove Kenneth si era diplomato alla prestigiosa Rhode Island School of Design) ne animavano le numerosissime fabbriche di bijoux, fornitrici dei produttori di Hollywood.

Oggi le sue creazioni meno care di quelle preziose, ma eleganti e di buon gusto, hanno acquistato una popolarità che cresce di giorno in giorno.Tanto che i suoi primi bijoux, come quelli disegnati per Jacqueline Kennedy dal 1962 in poi, sono andati all’ asta in sedi prestigiose a prezzi non dissimili da quelli battuti per gioielli veri, poichè un pubblico sempre più vasto in vari continenti ha cominciato a collezionarli.
Eclettico, colto, di se stesso amava dire di sentirsi essenzialmente un mercante, capace far senti-re le donne di ogni condizione sociale come Cenerentola che si reca al ballo del principe.

A raccontare questo personaggio eclettico che ha segnato la storia del costume sabato 29 febbraio a Mercanteinfiera alle ore 11.30 (Pad. 4 - Sala Toscanini) prenderà la parola Chris Sheppard, Presidente della Kenneth Jay Lane Inc. All’incontro sarà presente anche Umberto Mucci in rappresentanza dell’Italian American Museum di New York.

Circa duecento bijoux americani che si affiancano ad antiquariato, modernariato, design e collezionismo vintage gli indiscussi marchi di fabbrica di Mercanteinfiera.
A sfilare in 45 mila mq di superficie espositiva (tra 1000 espositori) la storia dell’arte dal ‘500 all’ 800: antichi monetieri in avorio e tartaruga di fattura iberica e italiana, imponenti specchiere settecentesche o pezzi della tradizione trapanese come una deposizione del ‘500 in alabastro rosa o i coloratissimi vasi in marmo porfido. In una caccia incessante di rarità non è inusuale imbattersi in curiosi pezzi unici come ad esempio 39 statue in Capodimonte del 1850 raffiguranti l’esercito di Napoleone, cavigliere in argento di fine 800 che le donne indiane portavano in dote o una collana villanoviana in bronzo addirittura del IX sec. a.C.
Ad arricchire l’esposizione pezzi iconici di maestri del design come Albini, Iosa Ghini e Fornasetti passando per i gioielli di David Webb o la moda rigorosamente vintage di Valentino, Chanel e Judith Leiber che seppe fare sognare le donne di mezzo mondo con le sue estrose clutch a forma di anguria.

A prenotarsi un posto alla 26ma edizione di Mercanteinfiera primavera oltre 5000 buyer provenienti da tutto il mondo. New entry il Canada.
Mercanteinfiera ha ottenuto il patrocinio dello IAM - Italian American Museum di New York.

Pubblicato in Dove andiamo? Emilia

Olivia Riccaboni Parma 7 ottobre 2019 - La mostra del Museo della Calzatura di Villa Foscarini Rossi, un viaggio nella “storia delle alture” ai piedi delle donne, simbolo di eleganza ma anche indiscusso strumento di empowerment.

Pubblicato in Cultura Parma

Mercanteinfiera Autunno: Dal 5 al 13 ottobre alle Fiere di Parma.

E’ sempre più “fusion” Mercanteinfiera, l’appuntamento internazionale di antiqua-riato, modernariato, design e collezionismo vintage di Fiere di Parma.

Pubblicato in Dove andiamo? Emilia

Si è aperta la 25° edizione di Mercanteinfiera primavera, la kermesse internazionale di antiquariato, modernariato e collezionismo vintage in corso presso le Fiere di Parma fino a domenica 10 marzo. Fra le novità imperdibili di questa edizione, un omaggio al patrimonio archeologico del Museo di Luni e una mostra dedicata ai giocattoli della collezione privata di Gianni Marangoni. 

MERCANTEINFIERA_PRIMAVERA_2019_010.jpg

La mostra collaterale (pad.4) dal titolo “Storie della città di Luna. Frammenti di vita all’ombra di Roma”, realizzata in collaborazione con il Polo Museale della Liguria, evidenzia attraverso una serie di straordinari reperti, quanto fosse diffuso, nel periodo imperiale, il marmo, utilizzato come elemento decorativo ed architettonico, per la realizzazione di oggetti di uso quotidiano, dai mortai ai pesi per bilance oppure in ambito religioso. Le opere, provenienti dal museo di Luni, saranno esposte al fianco della sua arte nascosta, opere cioè che giacciono all'interno del deposito museale quindi, ad oggi, invisibili al pubblico.

Fra le suggestioni di eleganti mobili settecenteschi di epoca napoleonica, statue sumere e oggetti iconici del design - firmati tra gli altri da Gio Ponti, Joe Colombo e Albini -, passando dal collezionismo vintage griffato Chanel, LV e Jimmy Choo, Mercanteinfiera racconta un'altra storia con “Let’s play: come giocavamo. Giochi e giocattoli della collezione privata di Gianni Marangoni” (Pad.4). 

MERCANTEINFIERA_PRIMAVERA_2019_019.jpg

Il visitatore è proiettato nel passato remoto. Una dimensione lontana, fatta di ricordi e sensazioni. Bambole, vestitini e macchine per cucire, - qui, per Marangoni, è come “giocare in casa” vista la tradizione familiare (il padre Giulio, nel 1935 fondò l'Istituto Marangoni, importante nome della moda italiana) – fino a improbabili treni, navi, auto ed aeroplani. Tra i giochi presenti spiccano i “Marinaretti” decorati da Attilio Mussino, noto per le sue illustrazioni de “Le avventure di Pinocchio” di Carlo Collodi, e le marionette in cartapesta, con tanto di abiti originali, risalenti agli anni '20. Ed ancora uno Snoopy americano degli anni '30 e, dello stesso periodo, una serie di dischi fascicolati contenenti immagini in cartone, che potevano essere ritagliate per costruire vere scenografie. 

Galleria fotografica cura di Francesca Bocchia 

MERCANTEINFIERA_PRIMAVERA_2019_018.jpg

MERCANTEINFIERA_PRIMAVERA_2019_041.jpg

MERCANTEINFIERA_PRIMAVERA_2019_042.jpg

MERCANTEINFIERA_PRIMAVERA_2019_055.jpg

MERCANTEINFIERA_PRIMAVERA_2019_056.jpg

MERCANTEINFIERA_PRIMAVERA_2019_058.jpg

MERCANTEINFIERA_PRIMAVERA_2019_059.jpg

MERCANTEINFIERA_PRIMAVERA_2019_062.jpg

MERCANTEINFIERA_PRIMAVERA_2019_064.jpg

MERCANTEINFIERA_PRIMAVERA_2019_066.jpg

MERCANTEINFIERA_PRIMAVERA_2019_067.jpg

MERCANTEINFIERA_PRIMAVERA_2019_068.jpg

MERCANTEINFIERA_PRIMAVERA_2019_078.jpg

MERCANTEINFIERA_PRIMAVERA_2019_084.jpg

MERCANTEINFIERA_PRIMAVERA_2019_085.jpg

MERCANTEINFIERA_PRIMAVERA_2019_086.jpg

MERCANTEINFIERA_PRIMAVERA_2019_088.jpg

MERCANTEINFIERA_PRIMAVERA_2019_089.jpg

 

 

 

 

Pubblicato in Dove andiamo? Parma
Giovedì, 28 Febbraio 2019 15:49

Al via la 25° edizione di Mercanteinfiera Primavera

L'incanto del marmo lunense che rese Roma eterna e il passato remoto del giocattolo. Al via la 25° edizione di Mercanteinfiera primavera, la kermesse internazionale di antiquariato, modernariato e collezionismo vintage torna alle Fiere di Parma sabato 2 marzo, con un omaggio al patrimonio archeologico, anche “nascosto”, del Museo di Luni e una mostra dedicata ai giocattoli della collezione privata di Gianni Marangoni. 

Pubblicato in Dove andiamo? Parma

E’ stato tutto all’insegna del “Made in italy” il primo fine settimana di Mercanteinfiera, l’appuntamento internazionale di antiquariato, modernariato, collezionismo e vintage di Fiere di Parma che da sabato scorso ha già appassionato migliaia di visitatori ma soprattutto i 5000 buyer arrivati da tutto il mondo.

 

Foto a cura di Francesca Bocchia 

MERCANTEINFIERA_AUTUNNO_2018_001.jpg

MERCANTEINFIERA_AUTUNNO_2018_002.jpg

MERCANTEINFIERA_AUTUNNO_2018_005.jpg

MERCANTEINFIERA_AUTUNNO_2018_010.jpg

MERCANTEINFIERA_AUTUNNO_2018_012.jpg

MERCANTEINFIERA_AUTUNNO_2018_013.jpg

MERCANTEINFIERA_AUTUNNO_2018_015.jpg

MERCANTEINFIERA_AUTUNNO_2018_018.jpg

MERCANTEINFIERA_AUTUNNO_2018_020.jpg

MERCANTEINFIERA_AUTUNNO_2018_024.jpg

MERCANTEINFIERA_AUTUNNO_2018_028.jpg

MERCANTEINFIERA_AUTUNNO_2018_029.jpg

MERCANTEINFIERA_AUTUNNO_2018_031.jpg

MERCANTEINFIERA_AUTUNNO_2018_032.jpg

MERCANTEINFIERA_AUTUNNO_2018_036.jpg

MERCANTEINFIERA_AUTUNNO_2018_040.jpg

MERCANTEINFIERA_AUTUNNO_2018_041.jpg

MERCANTEINFIERA_AUTUNNO_2018_042.jpg

MERCANTEINFIERA_AUTUNNO_2018_046.jpg 

 

Info
29 settembre - 7 ottobre 2018
Fiere di Parma
Viale delle Esposizioni, 393A Parma,43126 Italia + Google Map
 
Pubblicato in Dove andiamo? Parma
Mercoledì, 14 Marzo 2018 06:35

In 50mila al Mercanteinfiera, nonostante la neve.

Dazzi: "cambiano i gusti e le esigenze abitative ma il Salone di Fiere di Parma continua a rappresentare un riferimento per il mondo del collezionismo"

Parma, 13 marzo 2018 -  "Mercanteinfiera continua a rappresentare uno dei teatri più validi dove fare affari ". A testimoniarlo i numeri.
La rassegna di antiquariato, modernariato e collezionismo vintage più antica d'Europa si è chiusa domenica a Fiere di Parma riconfermando sostanzialmente le 50 mila presenze della precedente edizione nonostante l'ultima zampata d' inverno che aveva attraversato il primo week end.

Mille anni di storia raccontati da stili diversi. Accanto alla scultura polimorfa di un capitello del 1100 si poteva ammirare un monetiere in ebano e tartaruga realizzato cinque secoli più tardi e valutato trentamila euro, oppure una coppia di piatti di Robbia Tadino (valore 4mila euro) ancor più recenti, datati tardo Ottocento. Per arrivare a un cantarano in ulivo con intarsi in avorio di fine Settecento (in vendita a 20 mila euro) o ad un dipinto, decisamente più recente, di Cesare Viazzi del 1901 (quotato circa 200 mila euro). Poi l'Art Nouveau, l'Art Decò, una miscellanea di stili cui si affianca il potere seduttivo della storia che ciascun pezzo può raccontare.

"Al netto del gusto personale o del desiderio di possedere l'oggetto individuato - afferma Ilaria Dazzi brand manager di Mercanteinfiera - si è registrata una sensibile crescita della consapevolezza di cosa si acquista sia in termini di valore economico sia in termini di storia che il singolo pezzo racconta. Le giornate operatori hanno registrato l'aumento delle vendite, anche all'estero, di beni con quotazioni elevate. Sono autentici esempi di collezionismo di livello, che non possono essere semplicemente riconducibili al gusto o alla fascinazione del momento".

Un potere magnetico, quello del salone di Parma che ha richiamato 5000 buyer provenienti da Usa, UK, Turchia, Francia, Germania, Austria, Spagna, Russia Danimarca, Belgio, Svizzera, Cina e Giappone, segnale di un settore in fermento.

I russi vogliono i pezzi più importanti del nostro antiquariato, gli americani - continua Ilaria Dazzi - cercano il modernariato e il design italiano. Il dato per noi positivo è il fatto che molti buyer tornano di edizione in edizione". Segno che la formula di Mercanteinfiera, miscellanea e composita, è entrata definitivamente nelle agende deL collezionismo mondiale.

Non sono mancate le mostre collaterali che come sempre ripercorrono un pezzo del "costume" del Paese: " E i teleromanzi stanno a guardare" dedicata ad Anton Giulio Majano, regista e sceneggiatore che proprio a Parma girò "Quell'antico amore", storia della passione clandestina di Carlo III di Borbone.

Curata da Mario Gerosa studioso di cinema, la mostra ha riacceso i fari, e per molti visitatori una antica memoria, sull'inventore di un genere, il teleromanzo, da cui sono poi derivate le moderne serie TV.

A richiamare l'attenzione di fashion blogger è stata invece la collaterale sul jeans "Blu di Genova. Il Jeans è una storia italiana". Se gli americani furono i padri storici di questo capo di vestiario, spetta alla creatività italiana aver dato ai jeans i connotati attuali di modernità, glamour, taglio ed eleganza ma soprattutto a Genova il merito di averli inventati.
La mostra è stata curata da Serena Bertolucci, direttrice di Palazzo Reale di Genova e da Paolo Aquilini direttore del Museo Didattico della Seta di Como.

Apprezzata soprattutto dal pubblico dei giovanissimi la sperimentazione proposta da l'Illustratore, lo spazio espositivo curato da Alessandro Canu e Jamais Vu e dedicato all' illustrazione indipendente.

Mentre gli organizzatori stanno già pensando all'edizione autunnale (29 settembre - 7 ottobre), il popolo social ( FB 85.202 followers - Instagram 4.912 followers) ancora commenta a colpi di post e di tweet l'edizione appena conclusa.

 

Lunedì, 05 Marzo 2018 20:13

Curiosando a Mercanteinfiera Primavera - FOTO

Antiquariato, modernariato, illustrazione, collezionismo vintage tra moda e rari oggetti iconici del design. Un viaggio nel tempo e nell'armadio.

Mercanteinfiera, appuntamento di Fiere di Parma, meta di collezionisti e appassionati da tutto il mondo, sino a domenica 11 marzo, ospita oltre 40 mila mq di superficie espositiva dove è possibile scoprire trumeau settecenteschi, raffinate porcellane, preziosi e orologeria d'epoca (da Vacheron-Constantin a Audemars-Piguet) accanto a un Brancusi, a una lampada di Frank Lloyd Wright o Gae Aulenti, oppure accanto ad un strano telefono affogato in bachelite.

Arte, divagazioni artistiche e azzardi d'ironia proposti da 1000 espositori italiani ed esteri che catturano buyer (ne sono attesi 5000 da Usa, UK, Turchia, Francia, Germania, Austria, Spagna, Russia Danimarca, Belgio, Svizzera, Cina e Giappone) e un pubblico sempre più alla ricerca di oggetti capaci di raccontare.

mercanteinfiera-primavera-2018-phfrancescabocchia5.jpg

 

mercanteinfiera-primavera-2018-phfrancescabocchia7.jpg

 

mercanteinfiera-primavera-2018-phfrancescabocchia8.jpg

 

mercanteinfiera-primavera-2018-phfrancescabocchia14.jpg

 

mercanteinfiera-primavera-2018-phfrancescabocchia9.jpg

 

mercanteinfiera-primavera-2018-phfrancescabocchia19.jpg

 

mercanteinfiera-primavera-2018-phfrancescabocchia20.jpg

 

mercanteinfiera-primavera-2018-phfrancescabocchia23.jpg 

 

mercanteinfiera-primavera-2018-phfrancescabocchia25.jpg

 

mercanteinfiera-primavera-2018-phfrancescabocchia26.jpg

 

mercanteinfiera-primavera-2018-phfrancescabocchia27.jpg

 

mercanteinfiera-primavera-2018-phfrancescabocchia29.jpg

 

mercanteinfiera-primavera-2018-phfrancescabocchia30.jpg

 

mercanteinfiera-primavera-2018-phfrancescabocchia31.jpg

 

mercanteinfiera-primavera-2018-phfrancescabocchia10.jpg

 

mercanteinfiera-primavera-2018-phfrancescabocchia11.jpg

 

MIF_PRIMAVERA_2018_FOTO_FRANCESCA_BOCCHIA_007-1.jpg

 

MIF_PRIMAVERA_2018_FOTO_FRANCESCA_BOCCHIA_010-1.jpg

 

MIF_PRIMAVERA_2018_FOTO_FRANCESCA_BOCCHIA_015-1.jpg

MIF_PRIMAVERA_2018_FOTO_FRANCESCA_BOCCHIA_021-1.jpg

 

MIF_PRIMAVERA_2018_FOTO_FRANCESCA_BOCCHIA_022-1.jpg

 

MIF_PRIMAVERA_2018_FOTO_FRANCESCA_BOCCHIA_027-1.jpg

 

MIF_PRIMAVERA_2018_FOTO_FRANCESCA_BOCCHIA_031-1.jpg

 

MIF_PRIMAVERA_2018_FOTO_FRANCESCA_BOCCHIA_060-1.jpg

Galleria fotografica a cura di Francesca Bocchia

___________________________________________________________________

INFORMAZIONI
Date: 3 - 11 marzo
Luogo: Fiere di Parma- Viale delle Esposizioni,393A
Come raggiungerci: Autostrada A1 Uscita Parma Centro
Orari: dalle 10 alle 19
Prezzo: Euro 10 (intero); Euro 8 (on line) Euro 7 (ridotto architetti con tesserino)

 

Pubblicato in Dove andiamo? Parma
Pagina 1 di 3