Visualizza articoli per tag: Gianluigi Negri

Mangiacinema, è qui la festa: Daniele Persegani e Marcello Zaccaria ospiti a sorpresa e tantissime Mangiastorie con degustazioni gratuite 

Da giovedì 9 a domenica 19 giugno a San Secondo Parmense il meglio del Made in Bassa e della Food Valley

 

SAN SECONDO PARMENSE (Parma) – Allo straordinario cast di Mangiacinema - Festa del Cibo d’autore e del Cinema goloso, Festival ideato e diretto dal giornalista Gianluigi Negri che prende il via giovedì 9 giugno per chiudersi domenica 19 a San Secondo Parmense, si aggiungono anche due star della cucina come Daniele Persegani (Premio Mangiacinema Pop 2021) e Marcello Zaccaria. Lo chef di "È sempre mezzogiorno" (Raiuno) venerdì 17 giugno sarà protagonista (al pomeriggio) dello show cooking "Tagliolini alla Don Camillo e Peppone”, mentre lo chef di Academia Barilla (noto anche come giudice di programmi televisivi all'estero, tra i quali "Masterchef") domenica 19 giugno firmerà uno show cooking a sorpresa e riceverà il Premio Mangiacinema – Cibo e Comunicazione

UNA MANGIASTORIA TIRA L'ALTRA
Il cibo d'autore - quello buono, quello genuino, quello che, oltre al gusto, contiene una storia ed un'anima - è sempre stato il "cuore" di Mangiacinema, fin dalla prima edizione dedicata a Ugo Tognazzi. E lo sarà ancor di più in questa nona edizione dedicata a Guareschi, con il ritorno delle degustazioni gratuite che hanno fatto scuola e tendenza dal 2014, dopo due anni in cui non è stato possibile effettuarle a causa dell'emergenza Covid. La sezione “Le Mangiastorie”, i cui appuntamenti si terranno al Museo Coppini (nell’Area Guareschi allestita all’aperto, oppure in spazi interni in caso di maltempo), è curata dal giornalista della "Gazzetta di Parma" Sandro Piovani, responsabile dell’inserto “Gusto” e Premio Mangiacinema Pop 2021.
Negli undici giorni più golosi dell’anno il pubblico potrà essere protagonista di tantissime Mangiastorie e degustazioni con il meglio del Made in Bassa e della Food Valley. Senza dimenticare gli spettacoli, le proiezioni, le premiazioni, gli incontri con gli artisti dello spettacolo, i concerti, le mostre, le visite guidate e tutto ciò che rende questo Festival una vera festa per tutti. 

GLI SHOW COOKING
Tra gli show cooking imperdibili: “Love is an olive tree” (la pozione magica Mangiacinema firmata Stefano Narlè del bar moderno La fata e la strega), “Anolini della Bassa, anolini di Parma e mezze maniche” (con Cristina Cerbi, chef dell’Osteria di Fornio), “Il matrimonio perfetto: spalla cotta e torta fritta” (con il produttore Emanuele Cavalli di San Secondo e Patrizia Parma, chef dell’Osteria Antica Rocca), “Torta Patty (tutto l’anno)” (sempre con la Parma), “Com’è tosto questo caffè!” (con Massimo Bonini e Nicoletta Montini della Torrefazione Lady Cafè), “La salumoterapia” (con Ivan Albertelli dell’Hostaria da Ivan e la partecipazione a sorpresa di Stefano Bettella di Maiale Tranquillo e della Cantina Albinea Canali), “Il gelato al cubo” (con Gian Luca Cavi di Magritte – Gelati al cubo e tre nuovi sorprendenti gusti Mangiacinema, preparati utilizzando anche diversi tipi di olio Coppini), “Un pizzico di Sardegna nel cuore della Bassa” (con Anna Rita Piana, chef della Trattoria Angedras), “Anolini alla bolognese, tortellini alla parmigiana” (con Cristian Marchettini, chef della Trattoria La Maestà), “Chi va piano…” (con Fabrizio Parizzi dell’Elicicoltura Parizzi che preparerà il suo famoso panzerotto di lumache).

I CIBI D'AUTORE
Francesco Coppini, con gli oli di Coppini Arte Olearia, sarà tra le guest star. E poi le Mangiastorie “La torta Don Camillo” (con Angelo Pezzarossa della Nuova Pasticceria Lady), “I vini guareschiani e le spongate del Maestro e di  Don Camillo” (con Luca Bergamaschi delle Cantine Bergamaschi di Samboseto e Andrea Setti di Piccolo Mondo del Gusto con le spongate Muggia e Bacchi), “Cotto ’60, Cotto Tito e Cotto legato” (con Franco Branchi di Branchi Prosciutti Srl), “Buon compleanno, Paolo!” (con Federico Amadei dell’Azienda Vitivinicola Amadei), “Cento sfumature di grano” (con Roberto Ranieri dell’Azienda Agraria Sperimentale Stuard e show cooking a sorpresa), “Conta fino a cento!” (con Paolo Gennari del Caseificio Gennari che presenterà una straordinaria verticale di Parmigiano Reggiano che culminerà con un cento mesi di stagionatura).

LOCATION E MODALITÀ DI ACCESSO AL FESTIVAL
Il Festival si svolgerà nello splendido Museo Agorà Orsi Coppini e negli spazi comunali della straordinaria e quattrocentesca Rocca dei Rossi. Tutti gli eventi saranno a ingresso libero (fino ad esaurimento posti disponibili) e si terranno anche in caso di maltempo (in questo caso in spazi protetti).

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI
 
 
 

PARTNER 2022
Oltre al sostegno del Comune di San Secondo Parmense e di Coppini Arte Olearia, per il nono anno della kermesse che porta nella provincia di Parma turisti, visitatori e nomi dello spettacolo e del mondo del gusto, il main partner storico rimane Gas Sales Energia.
Special partner è Infinite Statue del gruppo Cosmic Group di Salsomaggiore.
media partner sono Radio 24 (con il programma "La rosa purpurea" di Franco Dassisti, da sempre al fianco di Mangiacinema fin dalla prima edizione del 2014), il settimanale Film Tv, l'agenzia di stampa Italpress, l'emittente Teleambiente, le testate GustoH24Italia a TavolaGazzetta dell'Emilia & dintorni e Stadiotardini.it.

I PREMI MANGIACINEMA 2022
Sette i premi che verranno assegnati in questa edizione: Premio Mangiacinema - Creatore di Sogni a Ivano Marescotti e a Luc Merenda, Premio Mangiacinema - Creatrice di Sogni a Giada Colagrande, Premio Mangiacinema Pop a Enrico Beruschi, Tullio SolenghiPatrizio RoversiValerio Varesi
Premi Mangiacinema 2022 sono firmati e realizzati dall'artista Lucio Nocentini.

I PREMI MANGIACINEMA DELLE PRECEDENTI EDIZIONI
Il Premio Mangiacinema – Creatore di Sogni è stato consegnato a Enrico Vanzina, Elio Pandolfi, Milena Vukotic, Maurizio Nichetti, Paola Pitagora, Pupi e Antonio Avati, Maria Grazia Cucinotta, Francesco Barilli, Carlo Delle Piane, allo scenografo Lorenzo Baraldi e alla costumista Gianna Gissi, Laura Morante, Renato Pozzetto, Sergio Martino, Lucrezia Lante della Rovere, Federico Zampaglione, alla famiglia Pedersoli (i tre figli di Bud Spencer: Cristiana, Diamante e Giuseppe).
Il Premio Mangiacinema alla carriera è stato assegnato a Wilma De Angelis, mentre uno speciale Premio Mangiacinema – Creatore di Sogni è andato allo chef stellato Massimo Spigaroli.
Il Premio Mangiacinema Pop è stato consegnato ai registi Marco Melluso e Diego Schiavo, Gabriel Garko, Gemelli Ruggeri (Luciano Manzalini e Eraldo Turra), Stefano Disegni, Syusy Blady, Vito, Lodo Guenzi, Alberto Patrucco, Flavio Oreglio, Mauro Coruzzi (Platinette), Daniele Persegani, Sandro Piovani, Andrea Grignaffini.
Il Premio Mangiacinema – Creatore di Incubi è stato ritirato da Pupi Avati, Lamberto Bava, Claudio Simonetti.
 
Lo chef Daniele Persegani con il Premio Mangiacinema Pop 2021 - Foto di Fabrizio Bertolini
Pubblicato in Dove andiamo? Emilia

Conto alla rovescia per il Festival più pop d'Italia, in programma dal 9 al 19 giugno a San Secondo Parmense

 

A Mangiacinema si servono anche assaggi di Mangiamusica: in anteprima nazionale lo spettacolo "She's a WOMAN"

Domenica 19 giugno gran chiusura del Festival con il nuovo show di Ezio Guaitamacchi, Andrea Mirò e Brunella Boschetti 

SAN SECONDO PARMENSE (Parma) – Anche quest’anno le emozioni di Mangiamusica approdano dentro Mangiacinema, per quella che sarà una Mangiamusica - Mangiacinema Edition, come già avvenuto nel 2020. Nella splendida Agorà del Museo Coppini di San Secondo Parmense, domenica 19 giugno (con inizio alle 21) andrà in scena in anteprima nazionale "She’s a WOMAN – Un secolo di musica al femminile", nuovo spettacolo di e con Ezio Guaitamacchi, con Andrea Mirò e Brunella Boschetti. Si chiuderà in musica, dunque, questa nona edizione del Festival ideato e diretto dal giornalista Gianluigi Negri, in programma a San Secondo Parmense dal 9 al 19 giugno e dedicato quest'anno a Giovannino Guareschi.

UNA NOTTE DA RE? NO, DA REGINE
"She’s a WOMAN – Un secolo di musica al femminile" vedrà in scena Guaitamacchi (in veste di musicista e narratore), la strepitosa Andrea Mirò (polistrumentista, cantante e direttore musicale) e la formidabile vocalist Brunella Boschetti. Lo spettacolo musical-teatrale è dedicato alle regine del blues, del jazz, del rock: da Aretha Franklin a Janis Joplin, da Amy Winehouse a Joni Mitchell, da Joan Baez a Patti Smith, senza dimenticare Bessie Smith e Billie Holiday. Racconti, suoni e visioni: e, soprattutto, dodici grandi classici della musica al femminile, arrangiati in modo originalissimo.
"Siamo strafelici di debuttare con questa nostra nuova produzione nel bellissimo Festival dell'amico Gianluigi Negri", afferma Guaitamacchi. "Da lui siamo di casa, e ogni anno chiudiamo Mangiacinema con un nostro spettacolo, diverso in ogni occasione. Continua così una bella tradizione che si è sempre trasformata in festa, con tantissima partecipazione, affetto e calore del pubblico". 

ALTRI ASSAGGI DI MANGIAMUSICA
Mangiamusica - Mangiacinema Edition proporrà inoltre, nel primo giorno di Festival, il concerto "Favola umida" dei Mé, Pék e Barba, in programma giovedì 9 giugno nella serata dedicata al compianto imprenditore Paolo Coppini. Poi l'arpista Carla They, con un repertorio di arie verdiane, nella serata d'onore con Ivano Marescotti sabato 11 giugno. Senza dimenticare "Mostri e prodigi", nuovo spettacolo di Vincenzo Zitello, primo divulgatore dell’arpa celtica in Italia e artista di fama internazionale, che andrà in scena domenica 12 giugno (alle 17.30) nella speciale giornata dedicata a Franco Battiato. Con Zitello ci saranno Elisabetta Motta (voce narrante e autrice del libro da cui è tratto lo spettacolo), la performer e poetessa Paola Turroni, l’attore e poeta Davide Ferrari.

LE LOCATION, LE MANGIASTORIE E LE DEGUSTAZIONI GRATUITE
Il Festival si svolgerà nello splendido Museo Agorà Orsi Coppini e negli spazi comunali della straordinaria e quattrocentesca Rocca dei Rossi. Tutti gli eventi saranno a ingresso libero e si terranno anche in caso di maltempo (in questo caso in spazi protetti).
Da quest'anno Mangiacinema inaugura la sezione Le Mangiastorie, curata da Sandro Piovani, giornalista della Gazzetta di Parma e responsabile dell'inserto "Gusto". Ogni Mangiastoria si chiuderà con una degustazione gratuita.

SFOGLIA il programma completo
SCARICA il programma completo in pdf o word
Andrea Mirò, Cristiano Godano, Brunella Boschetti ed Ezio Guaitamacchi al termine di "Amore, morte e rock'n'roll", spettacolo sold out lo scorso anno a Mangiamusica al Teatro Magnani di Fidenza - Foto di Fabrizio Bertolini 
Brunella Boschetti, Ezio Guaitamacchi e Andrea Mirò con il direttore artistico Gianluigi Negri a Mangiacinema lo scorso anno - Foto di Fabrizio Bertolini 
PARTNER 2022
Oltre al sostegno del Comune di San Secondo Parmense e di Coppini Arte Olearia, per il nono anno della kermesse che porta nella provincia di Parma turisti, visitatori e nomi dello spettacolo e del mondo del gusto, il main partner storico rimane Gas Sales Energia.
Special partner è Infinite Statue del gruppo Cosmic Group di Salsomaggiore.
media partner sono Radio 24 (con il programma "La rosa purpurea" di Franco Dassisti, da sempre al fianco di Mangiacinema fin dalla prima edizione del 2014), il settimanale Film Tv, l'agenzia di stampa Italpress, l'emittente Teleambiente, le testate GustoH24Italia a TavolaGazzetta dell'Emilia & dintorni e Stadiotardini.it.

I PREMI MANGIACINEMA 2022
Sette i premi che verranno assegnati in questa edizione: Premio Mangiacinema - Creatore di Sogni a Ivano Marescotti e a Luc Merenda, Premio Mangiacinema - Creatrice di Sogni a Giada Colagrande, Premio Mangiacinema Pop a Enrico Beruschi, Tullio SolenghiPatrizio RoversiValerio Varesi
Premi Mangiacinema 2022 sono firmati e realizzati dall'artista Lucio Nocentini.

I PREMI MANGIACINEMA DELLE PRECEDENTI EDIZIONI
Il Premio Mangiacinema – Creatore di Sogni è stato consegnato a Enrico Vanzina, Elio Pandolfi, Milena Vukotic, Maurizio Nichetti, Paola Pitagora, Pupi e Antonio Avati, Maria Grazia Cucinotta, Francesco Barilli, Carlo Delle Piane, allo scenografo Lorenzo Baraldi e alla costumista Gianna Gissi, Laura Morante, Renato Pozzetto, Sergio Martino, Lucrezia Lante della Rovere, Federico Zampaglione, alla famiglia Pedersoli (i tre figli di Bud Spencer: Cristiana, Diamante e Giuseppe).
Il Premio Mangiacinema alla carriera è stato assegnato a Wilma De Angelis, mentre uno speciale Premio Mangiacinema – Creatore di Sogni è andato allo chef stellato Massimo Spigaroli.
Il Premio Mangiacinema Pop è stato consegnato ai registi Marco Melluso e Diego Schiavo, Gabriel Garko, Gemelli Ruggeri (Luciano Manzalini e Eraldo Turra), Stefano Disegni, Syusy Blady, Vito, Lodo Guenzi, Alberto Patrucco, Flavio Oreglio, Mauro Coruzzi (Platinette), Daniele Persegani, Sandro Piovani, Andrea Grignaffini.
Il Premio Mangiacinema – Creatore di Incubi è stato ritirato da Pupi Avati, Lamberto Bava, Claudio Simonetti.
 
 
 
Pubblicato in Cultura Emilia

Tra i nomi più attesi a San Secondo Parmense dal 9 al 19 giugno, Ivano Marescotti, Giada Colagrande, Tullio Solenghi, Enrico Beruschi, Luc Merenda, Patrizio Roversi, Vito, Valerio Varesi. E poi tanti altri ospiti, anteprime, mostre, show cooking e degustazioni gratuite, omaggi e anniversari, spettacoli e concerti firmati Mangiamusica 

 

SAN SECONDO PARMENSE (Parma) – Da Ivano Marescotti a Giada Colagrande, da Tullio Solenghi a Enrico Beruschi, da Luc Merenda a Patrizio Roversi, da Vito a Francesco Barilli, da Andrea Mirò Vincenzo Zitello, da Valerio Varesi Ezio Guaitamacchi. Sono solo alcuni dei tantissimi nomi del cast di Mangiacinema - Festa del Cibo d'autore e del Cinema goloso, la cui nona edizione si terrà a San Secondo Parmense da giovedì 9 a domenica 19 giugno. Saranno undici giorni stuzzicanti e imperdibili, con tanti spettacoli, show cookingproiezioni appetitose, incontri con artisti, visite guidate, mostreanteprime nazionali, sette Premi Mangiacinema - Creatore di Sogni Mangiacinema Popconcerti e degustazioni gratuite (che tornano, finalmente, dopo due anni di stop forzato).
L'intero programma è stato presentato in mattinata nella Rocca dei Rossi di San Secondo, alla presenza del sindaco Giulia Zucchi, del direttore artistico Gianluigi Negri, dell'imprenditore Francesco Coppini di Coppini Arte Olearia, del main partner Gas Sales, dello special partner Infinite Statue e di tanti protagonisti. 

NON SOLO GUARESCHI
L'omaggio principale della nona edizione del Festival ideato e diretto dal giornalista Gianluigi Negri è dedicato a Giovannino Guareschi, lo scrittore italiano più tradotto nel mondo. Sono previsti, poi, eventi speciali in ricordo di Franco Battiato, di Lina Wertmuller e dello storico del cinema Roberto Campari. Inoltre verranno celebrati il 50° anniversario di "Don Camillo e i giovani d'oggi" (1972) e il 70° di "Don Camillo" (1952). Nel programma "Cinema" si aggiunge la speciale sezione "Il cinema del Mondo piccolo". Infine, Mangiamusica tornerà a proporre dentro Mangiacinema concerti esclusivi e un'anteprima nazionale.

IL GUSTO PER LO SPETTACOLO, LO SPETTACOLO DEL GUSTO
Attori, registi, intellettuali, scrittori, artisti, musicisti, chef, giornalisti: a Mangiacinema, che anche quest'anno si conferma il Festival più pop d'Italia, la cultura del cibo diventa intrattenimento e spettacolo per tutti. Una festa per gli occhi, una festa per il palato: con tantissime storie del gusto (selezionate) che verranno raccontate e "servite" in maniera unica e sorprendente, offrendo il meglio del Made in Bassa e della Food Valley.

LE LOCATION, LE MANGIASTORIE E LE DEGUSTAZIONI GRATUITE
Il Festival si svolgerà nello splendido Museo Agorà Orsi Coppini e negli spazi comunali della straordinaria e quattrocentesca Rocca dei Rossi. Tutti gli eventi saranno a ingresso libero.
Da quest'anno Mangiacinema inaugura la sezione Le Mangiastorie, curata da Sandro Piovani, giornalista della Gazzetta di Parma e responsabile dell'inserto "Gusto". Ogni Mangiastoria si chiuderà con una degustazione gratuita.

SFOGLIA il programma completo
SCARICA il programma completo in pdf o word
La conferenza stampa di Mangiacinema tenutasi a San Secondo Parmense nella Rocca dei Rossi - Foto di Fabrizio Bertolini

 

PARTNER 2022
Oltre al sostegno del Comune di San Secondo Parmense e di Coppini Arte Olearia, per il nono anno della kermesse che porta nella provincia di Parma turisti, visitatori e nomi dello spettacolo e del mondo del gusto, il main partner storico rimane Gas Sales Energia.
Special partner è Infinite Statue del gruppo Cosmic Group di Salsomaggiore.
media partner sono Radio 24 (con il programma "La rosa purpurea" di Franco Dassisti, da sempre al fianco di Mangiacinema fin dalla prima edizione del 2014), il settimanale Film Tv, l'agenzia di stampa Italpress, l'emittente Teleambiente, le testate GustoH24Italia a TavolaGazzetta dell'Emilia & dintorni e Stadiotardini.it.

I PREMI MANGIACINEMA 2022
Sette i premi che verranno assegnati in questa edizione: Premio Mangiacinema - Creatore di Sogni a Ivano Marescotti e a Luc Merenda, Premio Mangiacinema - Creatrice di Sogni a Giada Colagrande, Premio Mangiacinema Pop a Enrico Beruschi, Tullio SolenghiPatrizio RoversiValerio Varesi
Premi Mangiacinema 2022 sono firmati e realizzati dall'artista Lucio Nocentini.

I PREMI MANGIACINEMA DELLE PRECEDENTI EDIZIONI
Il Premio Mangiacinema – Creatore di Sogni è stato consegnato a Enrico Vanzina, Elio Pandolfi, Milena Vukotic, Maurizio Nichetti, Paola Pitagora, Pupi e Antonio Avati, Maria Grazia Cucinotta, Francesco Barilli, Carlo Delle Piane, allo scenografo Lorenzo Baraldi e alla costumista Gianna Gissi, Laura Morante, Renato Pozzetto, Sergio Martino, Lucrezia Lante della Rovere, Federico Zampaglione, alla famiglia Pedersoli (i tre figli di Bud Spencer: Cristiana, Diamante e Giuseppe).
Il Premio Mangiacinema alla carriera è stato assegnato a Wilma De Angelis, mentre uno speciale Premio Mangiacinema – Creatore di Sogni è andato allo chef stellato Massimo Spigaroli.
Il Premio Mangiacinema Pop è stato consegnato ai registi Marco Melluso e Diego Schiavo, Gabriel Garko, Gemelli Ruggeri (Luciano Manzalini e Eraldo Turra), Stefano Disegni, Syusy Blady, Vito, Lodo Guenzi, Alberto Patrucco, Flavio Oreglio, Mauro Coruzzi (Platinette), Daniele Persegani, Sandro Piovani, Andrea Grignaffini.
Il Premio Mangiacinema – Creatore di Incubi è stato ritirato da Pupi Avati, Lamberto Bava, Claudio Simonetti.
 
 
Pubblicato in Cronaca Parma

Il conduttore televisivo e lo scrittore ospiti a San Secondo Parmense sabato 18 giugno. E in loro onore anche la ricetta pop 2022 "Anolini alla bolognese, tortellini alla parmigiana"

SAN SECONDO PARMENSE (PARMA) – Il primo è un innovatore assoluto del varietà e della televisione, il secondo è giustamente considerato il "Simenon italiano". Mangiacinema - Festa del cibo d’autore e del cinema goloso, che si terrà a San Secondo Parmense dal 9 al 19 giugno, svela i suoi due ultimi premi di questa edizione. Il Premio Mangiacinema Pop, nel pomeriggio di sabato 18 giugno, verrà consegnato a Patrizio Roversi e a Valerio Varesi durante due eventi dedicati alle loro carriere, che saranno condotti dal direttore artistico Gianluigi Negri e si svolgeranno nell'Area Guareschi del Museo Coppini.  

PATRIZIO ROVERSI, UNA VITA IN (SLOW) TOUR
Patrizio Roversi celebra quest'anno il quarantesimo della nascita del Gran Pavese Varietà, laboratorio e scuola di spettacolo nata a Bologna nel 1982, con lui, Syusy Blady, Vito e i Gemelli Ruggeri. Un qualcosa di profondamente innovativo e originale che poi sarebbe approdato in programmi storici della televisione italiana come "Lupo solitario" (definito da Umberto Eco “varietà del futuro”) e "L’araba fenice". Da conduttore, Roversi è stato impegnato in altri programmi cult, con l’ex moglie Syusy Blady, come "Turisti per caso" e "Velisti per caso". Per anni è stato il volto di "Linea verde". Ha recitato anche nel cinema, dove è stato diretto, tra gli altri, da Fellini ("La voce della luna") e Nichetti ("Volere volare"). Conduce su Retequattro "Slow tour padano".
"Lo scorso anno a Mangiacinema - dichiara Negri - abbiamo celebrato una storica reunion del Gran Pavese Varietà, con la Blady e Vito (che hanno ricevuto il Premio Mangiacinema Pop) e con i Gemelli Ruggeri (Luciano Manzalini e Eraldo Turra, che erano già stati premiati nel 2020). Patrizio era videocollegato, perché impegnato con il suo programma. In questa edizione coroneremo il sogno di essere riusciti a premiarli tutti e cinque".

VALERIO VARESI, IL PAPÀ DEL COMMISSARIO SONERI
Valerio Varesi ha creato nel 1998 la figura del commissario Soneri, le cui indagini sono diventate sedici, finora, con il recente "Reo confesso" (Mondadori). Lo scrittore parmigiano è giustamente considerato il “Simenon italiano”. E il suo personaggio è noto per essere anche un buongustaio. Varesi è tradotto e amatissimo in Francia e Inghilterra, dove è appena uscito con la traduzione de "Gli invisibili"Non ha scritto solo gialli, ma anche romanzi come "La sentenza", "Il rivoluzionario", "Lo stato di ebbrezza". Sul piccolo schermo, il commissario Soneri è stato interpretato da Luca Barbareschi nella serie Nebbie e delitti. Nell’aprile 2015, Varesi ha partecipato alla grande festa del centesimo Mangia come scrivi con alcuni degli autori più importanti della provincia di Parma: Davide Barilli, Claudio Rinaldi, Fausto Taiten Guareschi, Andrea Grignaffini (Premio Mangiacinema Pop 2021), Daniele Cobianchi, Andrea Villani, Luca Ponzi.  

"ANOLINI ALLA BOLOGNESE, TORTELLINI ALLA PARMIGIANA": LA NUOVA RICETTA POP DI MANGIACINEMA
Ogni anno Mangiacinema lancia una ricetta pop nuova e sorprendente. In onore dei due protagonisti della giornata, lo chef Cristian Marchettini della Trattoria La Maestà di Ronco Campo Canneto (Sissa Trecasali) condurrà lo show cooking "Anolini alla bolognese, tortellini alla parmigiana" che si chiuderà con una degustazione a sorpresa.
 
LE LOCATION, LE MANGIASTORIE E LE DEGUSTAZIONI GRATUITE
Il Festival, che omaggia in questa edizione Giovannino Guareschi, si svolgerà nello splendido Museo Agorà Orsi Coppini e negli spazi comunali della straordinaria e quattrocentesca Rocca dei Rossi. Tutti gli eventi saranno a ingresso libero.
Da quest'anno Mangiacinema inaugura la sezione Le Mangiastorie, curata da Sandro Piovani, giornalista della Gazzetta di Parma e responsabile dell'inserto "Gusto". Ogni Mangiastoria si chiuderà con una degustazione gratuita.

PARTNER 2022
Oltre al sostegno del Comune di San Secondo Parmense e di Coppini Arte Olearia, per il nono anno della kermesse che porta nella provincia di Parma turisti, visitatori e nomi dello spettacolo e del mondo del gusto, il main partner storico rimane Gas Sales Energia.
Special partner è Infinite Statue del gruppo Cosmic Group di Salsomaggiore.
media partner sono Radio 24 (con il programma "La rosa purpurea" di Franco Dassisti, da sempre al fianco di Mangiacinema fin dalla prima edizione del 2014), il settimanale Film Tv, l'agenzia di stampa Italpress, l'emittente Teleambiente, le testate GustoH24Italia a TavolaGazzetta dell'Emilia & dintorni e Stadiotardini.it.

I PREMI MANGIACINEMA 2022
I due Premi Mangiacinema Pop a Patrizio Roversi e Valerio Varesi si aggiungono a quelli finora annunciati: il Premio Mangiacinema - Creatore di Sogni a Ivano Marescotti e a Luc Merenda, il Premio Mangiacinema - Creatrice di Sogni a Giada Colagrande, il Premio Mangiacinema Pop a Enrico Beruschi e a Tullio Solenghi.
Premi Mangiacinema 2022 sono firmati e realizzati dall'artista Lucio Nocentini.

I PREMI MANGIACINEMA DELLE PRECEDENTI EDIZIONI
Il Premio Mangiacinema – Creatore di Sogni è stato consegnato a Enrico Vanzina, Elio Pandolfi, Milena Vukotic, Maurizio Nichetti, Paola Pitagora, Pupi e Antonio Avati, Maria Grazia Cucinotta, Francesco Barilli, Carlo Delle Piane, allo scenografo Lorenzo Baraldi e alla costumista Gianna Gissi, Laura Morante, Renato Pozzetto, Sergio Martino, Lucrezia Lante della Rovere, Federico Zampaglione, alla famiglia Pedersoli (i tre figli di Bud Spencer: Cristiana, Diamante e Giuseppe).
Il Premio Mangiacinema alla carriera è stato assegnato a Wilma De Angelis, mentre uno speciale Premio Mangiacinema – Creatore di Sogni è andato allo chef stellato Massimo Spigaroli.
Il Premio Mangiacinema Pop è stato consegnato ai registi Marco Melluso e Diego Schiavo, Gabriel Garko, Gemelli Ruggeri (Luciano Manzalini e Eraldo Turra), Stefano Disegni, Syusy Blady, Vito, Lodo Guenzi, Alberto Patrucco, Flavio Oreglio, Mauro Coruzzi (Platinette), Daniele Persegani, Sandro Piovani, Andrea Grignaffini.
Il Premio Mangiacinema – Creatore di Incubi è stato ritirato da Pupi Avati, Lamberto Bava, Claudio Simonetti.

"Slow tour padano": il programma di Patrizio Roversi su Retequattro giunge alla sua terza stagione
Varesi nel 2015 alla grande festa del centesimo Mangia come scrivi con il direttore artistico Gianluigi Negri e con i protagonisti di quella serata, tra gli autori più importanti della provincia di Parma: Davide Barilli, Claudio Rinaldi, Fausto Taiten Guareschi, Andrea Grignaffini, Daniele Cobianchi, Andrea Villani, Luca Ponzi - Foto di Fabrizio Bertolini  
L'evento speciale di Mangiacinema dello scorso anno "C'era una volta il Gran Pavese Varietà...", con Syusy Blady e Vito che hanno ricevuto il Premio Mangiacinema Pop dai Gemelli Ruggeri (Luciano Manzalini e Eraldo Turra), già premiati nel 2020 - Foto di Fabrizio Bertolini
Pubblicato in Cultura Parma

L'attore francese sarà ospite d'onore a San Secondo Parmense domenica 19 giugno e torna al cinema nel nuovo film di Francesco Barilli

 

SAN SECONDO PARMENSE (PARMA) – È stato uno degli attori simbolo del cinema italiano degli anni Settanta, vera e propria icona del poliziottesco. A 33 anni dal suo ultimo film per il grande schermo («'O re» diretto da Luigi Magni nel 1989), torna ora, come protagonista, nel nuovo noir di Francesco Barilli "Il paese del melodramma", dove, insieme a Luca Magri, reciterà a partire dal prossimo 16 maggio, giorno del primo ciak.
Luc Merenda è tra gli attesi protagonisti della nona edizione di Mangiacinema - Festa del cibo d’autore e del cinema goloso, che si terrà a San Secondo Parmense dal 9 al 19 giugno. L'attore francese domenica 19 giugno, al Museo Coppini, riceverà il Premio Mangiacinema - Creatore di Sogni durante uno speciale evento sulla sua carriera e sulla lavorazione de "Il paese del melodramma", condotto dal direttore artistico Gianluigi Negri. A premiare Merenda, nella giornata di chiusura del Festival, saranno gli stessi Barilli e Magri

FOTOROMANZI, CINEMA E ANTIQUARIATO IN  OLTRE CINQUANT'ANNI DI CARRIERA 
Prima di esordire sul grande schermo nel 1970 in "OSS 117 prend des vacanses" di Pierre Kalfon, Merenda ha lavorato come modello nei fotoromanzi. Al cinema lo hanno diretto, tra gli altri, Marcel Carnè, Terence Young, Ugo Tognazzi, Tinto Brass, Samuel Fuller. Ha lasciato un'impronta indelebile nel poliziottesco con cult di Sergio Martino (Premio Mangiacinema - Creatore di Sogni 2020) come "Milano trema: la polizia vuole giustizia" e "La polizia accusa: il servizio segreto uccide" e di Fernando Di Leo come "Il poliziotto è marcio".
Barilli, che lo ha fatto tornare sul set dopo un lungo periodo in cui si era dedicato all'antiquariato, lo aveva già diretto nell'horror "Pensione paura" (1978). Eli Roth lo ha voluto in un cameo nel suo "Hostel: Part II" (2007), prodotto da Tarantino.

LE LOCATION, LE MANGIASTORIE E LE DEGUSTAZIONI GRATUITE
Il Festival, che omaggia in questa edizione Giovannino Guareschi, si svolgerà nello splendido Museo Agorà Orsi Coppini e negli spazi comunali della straordinaria e quattrocentesca Rocca dei Rossi. Tutti gli eventi saranno a ingresso libero.
Da quest'anno Mangiacinema inaugura la sezione Le Mangiastorie, curata da Sandro Piovani, giornalista della Gazzetta di Parma e responsabile dell'inserto "Gusto". Ogni Mangiastoria si chiuderà con una degustazione gratuita.

PARTNER 2022
Oltre al sostegno del Comune di San Secondo Parmense e di Coppini Arte Olearia, per il nono anno della kermesse che porta nella provincia di Parma turisti, visitatori e nomi dello spettacolo e del mondo del gusto, il main partner storico rimane Gas Sales Energia.
Special partner è Infinite Statue del gruppo Cosmic Group di Salsomaggiore.
media partner sono Radio 24 (con il programma "La rosa purpurea" di Franco Dassisti, da sempre al fianco di Mangiacinema fin dalla prima edizione del 2014), il settimanale Film Tv, l'agenzia di stampa Italpress, l'emittente Teleambiente, le testate GustoH24Italia a TavolaGazzetta dell'Emilia & dintorni e Stadiotardini.it.

I PREMI MANGIACINEMA 2022
Il Premio Mangiacinema - Creatore di Sogni a Luc Merenda si aggiunge a quelli finora annunciati: il Premio Mangiacinema - Creatore di Sogni a Ivano Marescotti, il Premio Mangiacinema - Creatrice di Sogni a Giada Colagrande ed il Premio Mangiacinema Pop a Enrico Beruschi e a Tullio Solenghi.
Premi Mangiacinema 2022 sono firmati e realizzati dall'artista Lucio Nocentini.

I PREMI MANGIACINEMA DELLE PRECEDENTI EDIZIONI
Il Premio Mangiacinema – Creatore di Sogni è stato consegnato a Enrico Vanzina, Elio Pandolfi, Milena Vukotic, Maurizio Nichetti, Paola Pitagora, Pupi e Antonio Avati, Maria Grazia Cucinotta, Francesco Barilli, Carlo Delle Piane, allo scenografo Lorenzo Baraldi e alla costumista Gianna Gissi, Laura Morante, Renato Pozzetto, Sergio Martino, Lucrezia Lante della Rovere, Federico Zampaglione, alla famiglia Pedersoli (i tre figli di Bud Spencer: Cristiana, Diamante e Giuseppe).
Il Premio Mangiacinema alla carriera è stato assegnato a Wilma De Angelis, mentre uno speciale Premio Mangiacinema – Creatore di Sogni è andato allo chef stellato Massimo Spigaroli.
Il Premio Mangiacinema Pop è stato consegnato ai registi Marco Melluso e Diego Schiavo, Gabriel Garko, Gemelli Ruggeri (Luciano Manzalini e Eraldo Turra), Stefano Disegni, Syusy Blady, Vito, Lodo Guenzi, Alberto Patrucco, Flavio Oreglio, Mauro Coruzzi (Platinette), Daniele Persegani, Sandro Piovani, Andrea Grignaffini.
Il Premio Mangiacinema – Creatore di Incubi è stato ritirato da Pupi Avati, Lamberto Bava, Claudio Simonetti.

Luc Merenda (a sinistra) con Leonora Fani e Francesco Barilli durante la lavorazione di "Pensione paura" (1978) di Barilli
Icona del poliziottesco e del cinema anni Settanta
Da sinistra: Luca Magri, Francesco Barilli, Luc Merenda e il direttore artistico di Mangiacinema Gianluigi Negri - Foto di Annarita Melegari
Pubblicato in Cultura Emilia
Martedì, 03 Maggio 2022 15:28

A Tullio Solenghi il Premio Mangiacinema Pop

Il grande mattatore sarà ospite d'onore a San Secondo Parmense sabato 18 giugno, insieme ai registi Marco Melluso e Diego Schiavo, per una serata speciale dedicata alla sua carriera e in ricordo di Lina Wertmuller

 

SAN SECONDO PARMENSE (PARMA) – Tratto comico inconfondibilecifra stilistica unica e inimitabile: graffiante, elegante e dai tempi sempre perfetti. Lina Wertmuller lo aveva capito bene 26 anni fa, quando già era molto famoso, ma non ancora pienamente valorizzato dal cinema. E il pubblico lo ha sempre amato tantissimo, fin dall'inizio della sua straordinaria carriera.
Tullio Solenghi è tra i protagonisti più attesi della nona edizione di Mangiacinema - Festa del cibo d’autore e del cinema goloso, Festival diretto dal giornalista Gianluigi Negri, che si terrà a San Secondo Parmense dal 9 al 19 giugno. Il grande mattatore sabato 18 giugno riceverà il Premio Mangiacinema Pop durante l'evento "La comicità a modo mio", in una speciale serata d'onore dedicata a Lina Wertmuller (la regista Premio Oscar scomparsa il 9 dicembre scorso), che culminerà con la proiezione di "Metalmeccanico e parrucchiera in un turbine di sesso e politica", commedia diretta dalla stessa Wertmuller, con Solenghi protagonista, insieme a Gene Gnocchi, Veronica Pivetti, Piera Degli Esposti, Cinzia Leone. Un film, quest'ultimo, girato in provincia di Cremona ed uscito anche negli Stati Uniti, in Germania e in Ungheria.

GLI OLTRE CINQUANT'ANNI DI CARRIERA DI SOLENGHI E LA NUOVA DOCUMMEDIA CON MELLUSO E SCHIAVO
Tullio Solenghi ha esordito a teatro nel 1970. Tutto si sa della sua carriera con il Trio (la loro avventura iniziò 40 anni fa, esattamente nel 1982, e "I promessi sposi" sono una pietra miliare della storia della televisione italiana), dell'amicizia con l'indimenticabile Anna Marchesini, del sodalizio con Massimo Lopez. e della sua maestria sul palcoscenico. 
Il cinema è una passione che sta riscoprendo: presto sarà protagonista della nuova docummedia di Marco Melluso e Diego Schiavo dal titolo "Cent'anni di Bentivoglio", di cui a Mangiacinema sarà presentato un "assaggio", insieme ai due registi, proprio durante la serata del 18 giugno.
Tra i suoi ruoli da ricordare, anche quello nel cult "La moglie in vacanza... l'amante in città", il cui 40° anniversario è stato celebrato a Mangiacinema 2020 con la consegna del Premio Mangiacinema - Creatore di Sogni al regista Sergio Martino. Solenghi, curiosamente, recita anche in due film nei quali ha lavorato Ivano Marescotti, Premio Mangiacinema - Creatore di Sogni di questa edizione: "Che bella giornata" con Zalone ed il recente "Free - Liberi".

LE LOCATION, LE MANGIASTORIE E LE DEGUSTAZIONI GRATUITE
Il Festival si svolgerà nello splendido Museo Agorà Orsi Coppini e negli spazi comunali della straordinaria e quattrocentesca Rocca dei Rossi. Tutti gli eventi saranno a ingresso libero.
Da quest'anno Mangiacinema inaugura la sezione Le Mangiastorie, curata da Sandro Piovani, giornalista della Gazzetta di Parma e responsabile dell'inserto "Gusto". Ogni Mangiastoria si chiuderà con una degustazione gratuita.

PARTNER 2022
Oltre al sostegno del Comune di San Secondo Parmense e di Coppini Arte Olearia, per il nono anno della kermesse che porta nella provincia di Parma turisti, visitatori e nomi dello spettacolo e del mondo del gusto, il main partner storico rimane Gas Sales Energia.
Special partner è Infinite Statue del gruppo Cosmic Group di Salsomaggiore.
media partner sono Radio 24 (con il programma "La rosa purpurea" di Franco Dassisti, da sempre al fianco di Mangiacinema fin dalla prima edizione del 2014), il settimanale Film Tv, l'agenzia di stampa Italpress, l'emittente Teleambiente, le testate GustoH24Italia a TavolaGazzetta dell'Emilia & dintorni e Stadiotardini.it.

I PREMI MANGIACINEMA DI QUESTA EDIZIONE
Il Premio Mangiacinema Pop a Tullio Solenghi si aggiunge a quelli finora annunciati in questa edizione: il Premio Mangiacinema - Creatore di Sogni a Ivano Marescotti, il Premio Mangiacinema - Creatrice di Sogni a Giada Colagrande ed il Premio Mangiacinema Pop a Enrico Beruschi.
Premi Mangiacinema 2022 sono firmati e realizzati dall'artista Lucio Nocentini.

I PREMI MANGIACINEMA DELLE PRECEDENTI EDIZIONI
Il Premio Mangiacinema – Creatore di Sogni è stato consegnato a Enrico Vanzina, Elio Pandolfi, Milena Vukotic, Maurizio Nichetti, Paola Pitagora, Pupi e Antonio Avati, Maria Grazia Cucinotta, Francesco Barilli, Carlo Delle Piane, allo scenografo Lorenzo Baraldi e alla costumista Gianna Gissi, Laura Morante, Renato Pozzetto, Sergio Martino, Lucrezia Lante della Rovere, Federico Zampaglione, alla famiglia Pedersoli (i tre figli di Bud Spencer: Cristiana, Diamante e Giuseppe).
Il Premio Mangiacinema alla carriera è stato assegnato a Wilma De Angelis, mentre uno speciale Premio Mangiacinema – Creatore di Sogni è andato allo chef stellato Massimo Spigaroli.
Il Premio Mangiacinema Pop è stato consegnato ai registi Marco Melluso e Diego Schiavo, Gabriel Garko, Gemelli Ruggeri (Luciano Manzalini e Eraldo Turra), Stefano Disegni, Syusy Blady, Vito, Lodo Guenzi, Alberto Patrucco, Flavio Oreglio, Mauro Coruzzi (Platinette), Daniele Persegani, Sandro Piovani, Andrea Grignaffini.
Il Premio Mangiacinema – Creatore di Incubi è stato ritirato da Pupi Avati, Lamberto Bava, Claudio Simonetti.

Tullio Solenghi e Veronica Pivetti in "Metalmeccanico e parrucchiera in un turbine di sesso e politica" di Lina Wertmuller
Tullio Solenghi e Gene Gnocchi in "Metalmeccanico e parrucchiera in un turbine di sesso e politica" di Lina Wertmuller
Tullio Solenghi con i registi di "Cent'anni di Bentivoglio" Marco Melluso (a sinistra) e Diego Schiavo (a destra) - Foto di Andrea Ranzi
Lina Wertmuller con l'Oscar alla Carriera. La grande regista si è spenta a Roma lo scorso 9 dicembre all'età di 93 anni 
Marco Melluso e Diego Schiavo con Lucrezia Lante della Rovere (madrina di Mangiacinema 2021 e Premio Mangiacinema - Creatrice di Sogni) e con il direttore artistico Gianluigi Negri - Foto di Fabrizio Bertolini
Giovedì, 24 Marzo 2022 20:12

Mangiacinema omaggia Giovannino Guareschi 

La Festa del Cibo d'autore e del Cinema goloso di San Secondo Parmense ricorda il grande scrittore nel cinquantesimo anniversario di "Don Camillo e i giovani d'oggi" (girato proprio nel paese della Bassa) e del settantesimo anniversario del primo "Don Camillo"

Il figlio Alberto Guareschi: "Felicissimo per questo omaggio alla memoria di mio padre". Il sindaco Giulia Zucchi: "Un Festival di grande prestigio che dimostra come nel Mondo piccolo ci sia qualcosa di grande"

 

SAN SECONDO PARMENSE (PARMA) – Benvenuti nel Mondo piccolo. L'omaggio principale della nona edizione di Mangiacinema - Festa del cibo d’autore e del cinema goloso, in programma a San Secondo Parmense dal 10 al 12 e dal 17 al 19 giugno 2022, verrà dedicato a Giovannino Guareschi, nato a Fontanelle di Roccabianca il 1° maggio 1908 e morto a Cervia (ma sepolto nella "sua" Roncole Verdi) il 22 luglio 1968.
Il Festival più pop d'Italia, ideato e diretto dal giornalista Gianluigi Negri, celebrerà, doverosamente, lo scrittore italiano più tradotto al mondo, non solo per il suo legame con il cinema (l'intramontabile saga di Don Camillo e Peppone), ma anche con il cibo (amava definirsi "trattore", riferendosi alla trattoria di famiglia, gestista con i figli Carlotta e Alberto).
Con tantissimi eventi, ospiti, artisti e intellettuali, verrà ricordata la sua figura. In particolare, si celebreranno i 50 anni di "Don Camillo e i giovani d'oggi" (1972) e i 70 anni del primo "Don Camillo". A fianco dell'omaggio principale, Mangiacinema proporrà al pubblico, come sempre, numerosi altri eventi e omaggi diversi al mondo del cinema e dello spettacolo di oggi e di ieri, oltre che al  mondo del cibo, tutti a ingresso gratuito.

L'APPREZZAMENTO DI ALBERTO GUARESCHI 
Alberto Guareschi, figlio del grande scrittore e responsabile della Casa-Archivio Guareschi di Roncole Verdi, dichiara: "Sono  gratissimo a Mangiacinema per  aver  voluto  onorare  la  memoria  di  mio  padre,  dedicandogli questa edizione che ricorre anche nel 50° di 'Don Camillo e i giovani d’oggi'. Trovo felicissima la collocazione di questa edizione a San Secondo, dove, cinquant’anni fa, hanno girato il film, sesto della serie 'Don Camillo'. Mi auguro che possa attirare l’attenzione degli appassionati delle versioni cinematografiche e li invogli a venire a visitare San Secondo e la Bassa".  

IL SOSTEGNO DEL COMUNE DI SAN SECONDO A MANGIACINEMA E IL "GEMELLAGGIO" CON LO STORICO PALIO DELLE CONTRADE
Entusiasta anche Giulia Zucchisindaco di San Secondo Parmense: "È importantissimo per noi poter ospitare e sostenere un Festival di rilievo nazionale come Mangiacinema, per il prestigio dei nomi coinvolti e degli eventi che ha creato nei suoi primi otto anni, non dimenticando mai di celebrare, attraverso il cibo, anche l'intero territorio della provincia di Parma e la nostra Bassa. Grazie all'impegno, alla passione e al lavoro del direttore artistico Gianluigi Negri, questo omaggio principale a Guareschi ci aiuterà a riscoprire le nostre radici (cosa di cui, mai come oggi, si avverte il bisogno) e a mostrare sempre più come il 'Mondo piccolo' contenga in sé qualcosa di grande. Inoltre è particolarmente significativo che Mangiacinema si inauguri proprio nella settimana successiva al nostro storico Palio delle contrade, in programma nel weekend del 2 giugno".
    
LA MOSTRA E I FILM
Mangiacinema ospiterà in anteprima nazionale la mostra "Route 77 - Tre anni dopo", dedicata al personalissimo "Giro d'Italia" che Guareschi percorse in bicicletta tra la via Emilia e il Po. La mostra è curata dal giornalista e studioso Egidio Bandini, presidente del Gruppo Amici di Giovannino Guareschi di Fontanelle. Successivamente sarà allestita al Meeting di Rimini e nella sede del Consiglio regionale a Bologna.
Oltre a celebrare il 70° anniversario del primo "Don Camillo", diretto da Julien Duvivier nel 1952, con i leggendari Fernandel e Gino Cervi, il Festival si aprirà con "Don Camillo e i giovani d'oggi" (1972). È l'ultimo film di Mario Camerini ed il primo della saga girato a colori. Gastone Moschin interpreta Don Camillo, mentre Lionel Stander è Peppone. Soprattutto fu girato a San Secondo Parmense e ricorre il suo cinquantesimo anniversario. 

LE MANGIASTORIE A CURA DI SANDRO PIOVANI E LA LOCATION
Da quest'anno Mangiacinema inaugura la sezione Le Mangiastorie, curata da Sandro Piovani, giornalista della Gazzetta di Parma e responsabile dell'inserto "Gusto". Il Festival si svolgerà nello splendido Museo Agorà Orsi Coppini. Tutti gli eventi saranno a ingresso libero.

PARTNER 2022
Oltre al sostegno del Comune di San Secondo Parmense e di Coppini Arte Olearia, per il nono anno della kermesse che porta nella provincia di Parma turisti, visitatori e nomi dello spettacolo e del mondo del gusto, il main partner storico rimane Gas Sales Energia.
Special partner è Infinite Statue del gruppo Cosmic Group di Salsomaggiore.
Rinnovate, fino a questo momento, anche le media partnership con Film Tv, Italia a Tavola, GustoH24, Italpress, Teleambiente e Stadiotardini.it.
Premi Mangiacinema 2022 sono opera dell'artista Lucio Nocentini.

Pubblicato in Cultura Parma

Intervista a Gianluigi Negri, giornalista e ideatore delle rassegne che uniscono arti diverse e buon cibo

Di Francesca Caggiati - Nell’anno di Parma Capitale Italiana della Cultura incontriamo il direttore artistico di format culturali-enogastronomici innovativi e di grande successo come Mangia come scrivi, Mangia come ridi, Mangiamusica e Mangiacinema.

Stiamo parlando di Gianluigi Negri, giornalista professionista, critico cinematografico, collaboratore della locale testata Gazzetta di Parma e curatore di eventi pioneristici a Parma, Fidenza, Salsomaggiore Terme e Cantù, dove - nel ristorante di famiglia “Il Garibaldi” - si svolgono le trasferte e le edizioni speciali di Mangia come scrivi e Mangiamusica.

1) Gianluigi come è iniziata la tua carriera da giornalista e come si è evoluta negli anni?
“Ho iniziato nel 1993, poco prima del centenario del cinema, a Radio Monte Kanate a Salsomaggiore con il programma “Hollywood e dintorni: carrellate e panoramiche sul cinema”. Poi, nel tempo, sono arrivate Radio 12 a Parma - lì ho fatto davvero tantissimi anni - Radio Inn a Piacenza, Radio 24.
Per la carta stampata, cominciai nel 1995 con un mensile che si chiamava Notorius e, subito dopo, con il quotidiano La tribuna di Parma, di cui ero critico cinematografico. Nel 1996 ho iniziato con la Gazzetta di Parma. Ci sono state tante altre esperienze, tra quotidiani, mensili e testate online, ma sarebbe lungo elencarle. Voglio solo ricordare il periodo alla Libertà di Piacenza: tre anni interi, dal 1999 al 2001, in cui ero la prima firma del cinema e recensivo i film di Kubrick, Lucas e Scorsese, giusto per fare tre nomi. In quel periodo il compianto Maurizio Schiaretti, persona particolarmente attenta ai meriti e all’impegno, mi chiese di diventare anche critico della Gazzetta di Parma, ma - altra epoca e altre “regole” - avrei dovuto scegliere di lasciare Piacenza: non lo feci, perché là avevo grandissimo spazio. Mi richiamò, se non ricordo male, nel 2003. E lì, pur avendo continuato sempre a scrivere sugli spettacoli a Parma ininterrottamente dal 1996, iniziai anche a firmare recensioni cinematografiche. Dal 2007 al 2009 sono stato redattore della Gazzetta di Parma, in diversi reparti, durante i quattro mesi estivi.”

2) Sei l'ideatore di straordinari e innovativi format in cui arte, cultura ed enogastronomia si fondono assieme in un tutt’uno unico e coinvolgente. Ci racconti la nascita di Mangia come scrivi?
“Con Mangia come scrivi, è iniziato tutto per gioco, nel 2006, in una trattoria di Montechiarugolo: il Cigno nero, gestito allora dai miei genitori Alda e Marco che dal dicembre 2010 gestiscono il ristorante Il Garibaldi di Cantù. L’idea era mettere a tavola tre autori e un artista, spogliandoli dell’abituale narcisismo con il quale si è soliti conoscerli nelle presentazioni in libreria o nelle mostre. La sfida era rendere la cultura “appetibile”, fruibile per tutti, cercando di lasciare fuori dalla sala l’autoreferenzialità e provando a “servire” al pubblico, letteralmente, qualcosa di invitante, accattivante, lieve: intrattenere facendo cultura, fare cultura intrattenendo. In 15 anni abbiamo messo a tavola oltre 500 scrittori, 170 artisti, 10.000 partecipanti, con più di 50 vignaioli e artisti del gusto presentati al pubblico.”

3) I numeri che ci riporti sono da record. E anche Mangiamusica e Mangiacinema non sono da meno. Ce ne parli?
“Parto da Mangiacinema a Salsomaggiore, la cui prima edizione si è svolta nel 2014. Era pronta nel 2012 e la proposi tre volte, in tre momenti diversi, vedendola sempre bocciare. La feci per “rabbia”, alla quarta volta, con soli 3 mila euro di finanziamento pubblico. Un festival nazionale, con Radio 24 e Film Tv come media partner e con ospiti Pupi Avati, Enrico Vaime, Gianmarco Tognazzi, Wilma De Angelis, Stefano Disegni, Edoardo Raspelli, tra i tanti. Follia pura: un format completamente nuovo, originale, in anticipo sui tempi e, successivamente, stra-imitato ovunque.
Anche Mangiamusica era pronta due anni prima, ma lì nessuna “bocciatura”: occorreva solo trovare il momento giusto per proporla al Comune di Fidenza, che nel 2016 ha accolto con entusiasmo l’idea ed il progetto “gemello” o “cugino” di Mangiacinema, da realizzare questa volta in un meraviglioso teatro ottocentesco: il Magnani. Siamo stati i primi in Italia a fare uno show cooking a teatro durante uno spettacolo. Quanti ne sono arrivati dopo (sorride, ndr)…”

4) Che tu sia un precursore, creativo e lungimirante è fuori da ogni dubbio. Ci puoi anticipare qualcosa sulle prossime edizioni di Mangiacinema e Mangiamusica: quando si terranno? i nomi di alcuni ospiti?
“Per Mangiacinema le cose sono sempre difficili, anzi difficilissime. La sesta edizione (anno zero) del 2019, dedicata a Bertolucci, è stata un successo senza precedenti. Poco dopo ho ricevuto le “solite” promesse dall’amministrazione, ma non abbiamo al momento alcuna certezza e dobbiamo ancora chiudere il bilancio 2019. Il tempo stringe, ma lì è sempre difficile organizzare tutto: in primis per ragioni economiche, poi per ragioni di pianificazione e di logistica. Abbiamo già tante richieste ed idee, ma non c’è ancora nulla di concreto. Il cuore ci spingerebbe a rifarlo, la ragione no. Vediamo cosa prevarrà: in passato, nonostante le mille difficoltà, ha sempre prevalso il cuore.
Per Mangiamusica è diverso: la quarta edizione (che si è appena chiusa) ha fatto registrare quattro sold out su quattro serate. Con Roberto Brivio, Flavio Oreglio e Alberto Patrucco nello spettacolo “Invenzioni a tre voci”, con Rossana Casale, con Renato Pozzetto, che ha ricevuto anche il Premio Mangiacinema – Creatore di Sogni, con Enrico Ruggeri e i Decibel. Ci sono già le future quattro date (a partire da fine ottobre 2020) e sto prendendo contatti con alcuni artisti, ma è presto per le anticipazioni.”

5) Quest'anno Mangia come scrivi si presenta come limited edition. Dopo la serata dedicata alla scrittura surrealista di Antonio Tacete, che ha avuto grande successo, quale sarà il prossimo appuntamento?
“La serata di fine gennaio alle Tre Ville di Parma è stata una “limited edition”, peraltro da tutto esaurito e molto divertente. Al momento è prevista una data a Cantù, che annunceremo a breve, ma non sono previsti altri appuntamenti a Parma. Siamo la rassegna di artisti e scrittori a tavola più longeva e imitata d’Italia. Nati nel 2006, abbiamo fatto 175 cene letterarie e artistiche in 15 anni, senza mai ricevere un euro di contributo pubblico. Qualcuno non vuole che si dica o non ama sentirselo dire: ci sono imprenditori della cultura e volontari della cultura. Noi facciamo cose libere e indipendenti da sempre, che non hanno eguali in termini di originalità e che non si trovano in nessun altra realtà italiana. Non sempre c’è spazio per iniziative libere e coraggiose come queste.”

6) Hai un sogno nel cassetto o una "pazzia" che vorresti fare?
“Avevo un bellissimo format di cinema e sport, che ho proposto a un Comune: hanno promesso di finanziarlo e poi lo hanno copiato, fallendo miseramente… Sarebbe andata in maniera diversa se avessero sposato il nostro, anziché copiarlo malamente. Mi piacerebbe farlo, ma il “mercato” della cultura è completamente saturo e inondato di iniziative che spesso risultano senz’anima, identità e necessità.”

7) Ci salutiamo con una domanda semplice, al contempo difficilissima: tre pregi e tre difetti di Gianluigi Negri...
“Sono sia pregi che difetti, a seconda dei punti di vista: ostinazione, precisione, eccessiva schiettezza.”

In attesa delle novità 2020 per questi straordinari format, ringraziamo Gianluigi Negri e lo esortiamo a continuare nella sua attività di divulgatore di Cultura, vera, fruibile e golosa con la passione che lo contraddistingue da sempre e con l’augurio che istituzioni e aziende lungimiranti e sensibili come lui possano affiancarlo in questo cammino fatto di Arte e ancor di più di persone e di esperienze multisensoriali uniche!

Gianluigi_Negri_con_Pupi_Avati.jpg

 

Pubblicato in Cultura Emilia