Visualizza articoli per tag: 118

Ieri mattina Filippo Cavalli dell'Osteria Dei Mascalzoni e presidente del Streetfood Quality Parma ha consegnato 20 pasti alla Centrale del 118 in Via del Taglio. A ricevere i pasti dalle mani di Filippoè stato  Marco Boselli che ha ringraziato del gradito ristoro destinato agli operatori impegnati in questi giorni di emergenza.

Un bel gesto di vicinanza e riconoscenza a chi in questi periodo non si è risparmiato per assolvere al proprio dovere e anche oltre!

(Foto di Francesca Bocchia)

Giovedì, 26 Marzo 2020 17:15

"118" l'infuocata linea dell'emergenza.

Il numero telefonico unico 118 riceve le chiamate di soccorso da parte dei cittadini e dal quale partono le disposizioni per intervenire, nel modo più rapido e opportuno rispetto alla tipologia di chiamata. A Parma è situata la centrale operativa "Emilia Ovest" dalla quale vengono smistate le chiamate provenienti da Piacenza, Parma e Reggio Emilia.

Di Lamberto Colla e Francesca Bocchia Parma 26 marzo 2020. Il primo filtro qualificato per ottenere un risultato di intervento di emergenza positivo è il "118". Il numero di emergenza per eccellenza, la linea "più infuocata" di quest'ultimo mese quasi interamente dedicato al coronavirus. Per comprendere lo spirito che anima gli operatori, siamo entrati virtualmente nella sede di Via del Taglio, da dove vengono smistaste le chiamate dell'Emilia Ovest, per registrare una testimonianza diretta dalla voce di Antonio Pastori, dirigente infermieristico e tecnico.

"Stiamo affrontando questa emergenza, come tutti - osserva Antonio Pastori -, con grande impegno e con un grande impatto emotivo da parte di tutti i nostri operatoti. Abbiamo cementato tutte le postazioni di lavoro disponibili all'interno della centrale operativa e grazie a questo siamo riusciti a rispondere a tutti gli appelli dei cittadini. Senza l'aspetto fondamentale, messo a disposizione dal volontariato di Parma ma anche di tutte le altre province interessate, da qui infatti gestiamo le chiamate che provengono da Piacenza e da Reggio oltre che da Parma, non saremmo riusciti a garantire il servizio che è sotto agli occhi di tutti. Pensate che in una condizione normale abbiamo risposto a un caso al giorno di polmonite segnalato al 118, nel giorno di massimo picco da coronavirus a Parma siamo arrivati a superare i 150 casi di pazienti trasportati. Questa è la dimensione epocale. Stiamo osservando una piccola onda di decrescita ma è ancora presto, deve essere ancora accompagnata e compresa nel suo andamento. Ci vuole ancora forza, coraggio e insistenza da parte di tutti".

Come opera il "118"
L'attività principale della Centrale operativa 118 è fornire la risposta più qualificata e rapida possibile nelle situazioni di emergenza e urgenza sanitaria che colpiscono la popolazione.
Il numero telefonico unico 118 riceve le chiamate di soccorso da parte dei cittadini ai quali verranno rivolte alcune domande per stabilire al meglio quanto sta accadendo dal punto di vista sanitario, e per individuare nel modo più preciso possibile il luogo dell'incidente.
In base a queste brevi ma indispensabili domande, gli infermieri del 118 attribuiscono un codice all'urgenza in atto e coordinano l'invio immediato del mezzo più appropriato all'intervento.
Il soccorso può essere svolto da un'ambulanza di base con volontari o da un'ambulanza avanzata con l'infermiere o il medico a bordo (automedica) fino ad arrivare all'impiego dell'elicottero (eliambulanza).
Dopo aver svolto tutti i trattamenti sanitari necessari direttamente sul luogo dell'accaduto, il personale della Centrale operativa 118 provvede a coordinare il successivo trasporto del paziente verso l'ospedale più vicino oppure competente e specializzato per la patologia che ha determinato il soccorso.
Il bacino di competenza è rappresentato dalla provincia di Piacenza, Parma e Reggio Emilia

PR_118-26mar2020.png

 

 

Pubblicato in Cronaca Parma
Martedì, 20 Agosto 2019 10:18

Elisoccorso notturno del 118 a Solara

IN ARRIVO A SOLARA UNA NUOVA PIAZZOLA PER L'ELISOCCORSO NOTTURNO DEL 118

Sarà presto operativa a Solara una nuova piazzola per l'elisoccorso notturno del 118, che verrà attivata presso il campo sportivo, appena conclusi i lavori del cantiere attualmente in corso.


Nell'ambito del più ampio progetto del Servizio sanitario regionale, in collaborazione con le Aziente USL territorialmente interessate, continua la predisposizione di una rete capillare di piazzole, individuate in spazi ampi e liberi da ostacoli, sempre accessibili, per l'importante servizio di atterraggio notturno degli elicotteri del 118.


Si tratterà della seconda piazzola presente sul territorio comunale di Bomporto poichè è già da tempo attiva quella presso il campo sportivo di Sorbara. Il piano della rete di superfici di elisoccorso prevede poi l'attivazione di altre piazzole nei comuni limitrofi.


Come prevede la procedura, anche a Solara verrà esposto, all'ingresso del sito individuato per la nuova piazzola, in maniera ben visibile, il cartello informativo contenente le indicazioni operative da adottare nei casi di attività di elisoccorso.

Arresto cardiaco: 118 e Polizia di Stato salvano la vita ad un uomo colto da malore in un’area di servizio sull’A22.


Modena 31 luglio 2019 - Nel pomeriggio di ieri, personale della Sottosezione della Polizia Stradale di Modena Nord è intervenuto presso l’area di servizio “Campogalliano Est” della Autostrada A22 in quanto era stata segnalata una persona colta da un probabile arresto cardiaco.


Gli agenti che si trovano nei pressi del casello autostradale di Campogalliano sono immediatamente intervenuti per prestare soccorso.
Sul posto si trovava già personale del 118, al quale gli agenti hanno dato immediato ausilio. La situazione, infatti, si presentava molto grave: l’uomo, un italiano di 58 anni residente in provincia di Verona, era disteso a terra, privo di conoscenza. Gli agenti, in perfetta sinergia con il personale medico, impegnato nella somministrazione dei farmaci salvavita, e seguendone puntualmente le indicazioni per operare nella maniera più corretta possibile, hanno effettuato le manovre di rianimazione cardiopolmonare con l’utilizzo di tecniche di compressione toracica esterna, ventilazione mediante ambu e defibrillatore semiautomatico. Dopo 45 minuti l’uomo ha ripreso alcuni parametri vitali, senza però stabilizzarli del tutto.


I sanitari hanno, pertanto, deciso di trasportare il paziente presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale di Baggiovara, che è avvenuto, dato il codice rosso di emergenza, con l’ausilio della pattuglia della Polizia Stradale, che ha scortato fino al nosocomio l’ambulanza.
Fondamentale è stato anche l’intervento immediato prestato dal personale della stazione di servizio che non ha esitato ad utilizzare il defibrillatore presente presso la stessa area di servizio.

Pubblicato in Cronaca Modena

Dalla chiamata al 118 alla sala di emodinamica in pochi minuti grazie all'efficienza del percorso emergenza-urgenza. E il cuore riprende a battere.

Comincia tutto con una chiamata in apparenza normale in una notte speciale. Sono le 3.57 della vigilia di Natale e alla Centrale operativa 118 Emilia ovest dell'Ospedale di Parma arriva una chiamata da un quartiere della città, zona via Venezia. Il famigliare di un 41enne chiama per segnalare un forte dolore allo stomaco irradiato, vomito, accompagnato da malessere generale. La telefonata arriva in mezzo a una decina di altre, tutte con indicazioni simili, segno che l'influenza è arrivata a pieno in città.

Con una piccola differenza: "Nella descrizione dei sintomi, l'operatore ha intuito che si poteva trattare di un evento cardiologico importante", spiega oggi Marco Boselli, coordinatore della Centrale operativa 118. Per questo l'ambulanza con un infermiere specializzato a bordo parte subito.

Nel frattempo i sintomi del 41enne peggiorano, l'uomo perde coscienza e, sotto la guida dell'operatore al telefono, viene coricato a terra su un fianco. E' lì che l'infermiere lo trova alle 4.10. Applicato in urgenza il monitor per il controllo del cuore, parte subito la manovra di rianimazione: un massaggio cardiaco e una scarica con il defibrillatore. Una, due, tre volte. La quarta volta il polso torna a prendere ritmo. Nel frattempo anche l'automedica arriva sul posto, mentre il monitor trasmette il tracciato dall'abitazione alla centrale operativa: grazie a questa informazione al Maggiore una sala di emodinamica viene preparata e l'uomo è affidato alle cure dei cardiologi.

Si tratta del percorso STEMI che prevede per i pazienti che hanno un evento cardiologico significativo un percorso dedicato diretto alla sala di intervento con predisposizione degli esami necessari e preparazione.

Nel caso del parmigiano di 41 anni, si tratta dell'esame alle coronarie e di un intervento di riapertura di un'arteria coronarica, detta angioplastica, eseguito dalla dottoressa Maria Alberta Cattabiani. Oggi le sue condizioni sono di progressivo miglioramento: lo conferma Franco Masini, responsabile della Terapia intensiva cardiologica Utic: "Già la metà della settimana prossima potrebbe lasciare l'Ospedale, per cominciare il percorso di riabilitazione".

"Capacità di interpretazione delle informazioni, rapidità, elevata tecnologia, percorsi di emergenza-urgenza appropriati e condivisi con le Unità operative aziendali – sottolinea Adriano Furlan, direttore della Centrale operativa 118 - sono questi gli elementi che per un parmigiano di 41 anni hanno significato una vita salvata e in buona salute".

Pubblicato in Cronaca Parma

Erano completamente ubriachi i due cittadini marocchini che ieri pomeriggio hanno creato non pochi problemi nel centro di Castelnovo Sotto. Uno di loro era steso in mezzo alla strada, e quando i Carabinieri hanno provato a farlo desistere, lui ha provato a tagliarsi le vene con un coccio di bottiglia.

Reggio Emilia, 5 agosto 2014 – di Ivan Rocchi

Il centralino dei Carabinieri è stato letteralmente preso d'assalto ieri pomeriggio, con decine di telefonate che segnalavano due ubriachi molesti a spasso per Castelnovo Sotto, in pieno centro. Quando i militari li hanno raggiunti in piazza degli Alberi, uno dei due era sdraiato in strada, nel mezzo della carreggiata, in apparente coma etilico.

Il personale del 118, intervenuto sul posto, stava provando a farli riprendere, ma inutilmente. Alla vista dei militari, però, quello che giaceva per terra ha prima rotto la bottiglia di superalcolico che teneva in mano, poi con un coccio preso dall'asfalto si è ferito ai polsi, lasciando zampillare il sangue davanti alle decine di curiosi che nel frattempo si erano fermati per vedere la scena.

Il 39enne di Anzola Emilia e il 37enne di Bologna, entrambi cittadini marocchini, alla fine sono stati soccorsi dai medici del 118, sotto la vigilanza dei Carabinieri, per abuso etilico. Il 37enne è stato curato anche per la ferita al polso destro, poi suturata. I due sono stati rilasciati dai Carabinieri, che però hanno ora avviato l'iter per l'emissione del foglio di via obbligatorio per tre anni dall'intero comune di Castelnovo Sotto.

Pubblicato in Cronaca Reggio Emilia