Giovedì, 14 Novembre 2019 15:01

Sala Baganza capitale del benessere

Sabato 16 e domenica 17 novembre, la Rocca ospita “BioEssere”. Oltre 30 eventi tra incontri, whorkshop, degustazioni, cooking show, laboratori e dimostrazioni.

Parma  

Metti una location storica esclusiva, tre piani di esposizione-mostra mercato, quattro spazi eventi, oltre trenta appuntamenti, tra incontri, workshop, degustazioni, cooking show, laboratori per bambini e dimostrazioni. E aggiungi numerosi professionisti a disposizione per trattamenti e consulenze personalizzate. Tutto questo è BioEssere 2019, la due giorni dedicata al benessere che si svolgerà venerdì 16 e sabato 17 novembre alla Rocca Sanvitale di Sala Baganza, in provincia di Parma.

La manifestazione, presentata con una conferenza stampa nella mattinata di martedì 12 novembre nella Rocca di Sala Baganza e organizzata da Bi&Bi Eventi ed Ideares con il patrocinio del Comune, sarà un’occasione unica per incontrarsi e confrontarsi su tematiche attuali come salute, alimentazione  naturale, trattamenti per il corpo olistici e e le pratiche dolci di benessere naturale.

Prendersi cura di se stessi, nel rispetto dell’equilibrio corpo e mente, in armonia con la natura, queste saranno le parole chiave di due giorni di appuntamenti e dimostrazioni: cooking show, degustazioni, laboratori, free class e presentazioni di libri, tra cui quella del famoso libro “Il Digiuno per Tutti” di Stefano Erzegovesi, vincitore del premio Bancarella Cucina 2019. Ma non solo perché a BioEssere 2019 ci sarà il tempo anche di conoscere da vicino storie come quelle di Daniele Raco, comico della scuderia Zelig, che presenterà il suo libro “La Gallina” per raccontare il fenomeno della dipendenza dal gioco, di scoprire nella pratica discipline come il pilates, lo yoga, o ancora le filosofie del Qi Gong, dell'ayurveda o dello shiatsu e di fare acquisti in un market selezionato.

All’evento parteciperà anche il dottor Francesco Chiampo del Centro San Girolamo di Parma, polo di livello nazionale per la riabilitazione e la medicina fisica, che illustrerà i servizi del Centro, dalla spinometria per rilevare problemi della spina dorsale senza raggi x, alla fisioterapia, dal ricondizionamento muscolare al Pilates, fino all'esoscheletro HAL, di cui il centro parmigiano è esclusivista per l'Italia.

Per l’intera durata dell’evento, al primo piano della Rocca sarà presente un market selezionato tutto dedicato al bio e al naturale; tra gli stand sarà possibile trovare cosmesi naturale, scarpe vegane e posturali, monili energetici, ritratti dell’anima, thè dello Sri Lanka, tessili naturali, lampade di sale e prodotti a base di olio di Argan. Il market rispetterà gli orari della manifestazione in orario continuato.

 

Il secondo piano è invece dedicato ai trattamenti: i visitatori potranno cogliere l’occasione per provare massaggi shiatsu, massaggi rilassanti effettuati con tecniche orientali, cristalloterapia, bagni sonori e altro ancora. 

 

Il biglietto di accesso avrà un costo di 5 euro per l’entrata giornaliera (i bambini entro i 12 anni hanno l'ingresso gratuito), gli eventi in programma saranno ad entrata libera fino a esaurimento posti. 

 

Nell'area esterna alla Rocca sarà presente anche una proposta di street food che saprà premiare i sapori e anche la voglia di tenersi in forma, con proposte dolci e salate, vegetariane e gluten-free, con prodotti a base di farine antiche, integrali e macinate a pietra.

 

«BioEssere per noi era un'iniziativa da cogliere – sottolinea il sindaco di Sala Baganza Aldo Spina –, perché rientra a pieno titolo in quella che è l'identità della Rocca Sanvitale e, più, in generale della nostra comunità. Il tema della qualità della vita ci interessa moltissimo e come Amministrazione comunale vogliamo creare eventi che non siano soltanto apprezzati, ma che abbiano anche un'utilità e in questo senso sentiamo anche una grande responsabilità. Riteniamo inoltre che sia fondamentale percepire gli spazi del comune come vitali e questa manifestazione soddisfa pienamente questa nostra volontà».

«Ringraziamo Bi&Bi e Ideares per aver scelto il nostro comune – afferma il vicesindaco Giovanni Ronchini –. BioEssere è un'occasione straordinaria per approfondire il concetto di benessere, argomento divenuto quasi un diritto. Oggi è necessario riflettere sulla nostra qualità della vita. Ci stiamo impegnando affinché la Rocca diventi sempre di più un luogo di confronto tra persone e su temi importanti, per la comunità ma non solo. Realizzare qui BioEssere ci sembrava coerente con una serie di iniziative che si sono già svolte a Sala Baganza. Auspichiamo che questa possa essere la prima di una lunga serie di edizioni».

Danilo Biacchi, titolare di Bi&Bi Eventi, ha a sua volta ringraziato l’Amministrazione comunale per l’ospitalità. «Siamo entusiasti di poter realizzare BioEssere in questa bellissima location – aggiunge –. La Rocca Sanvitale è stata fin da subito nei nostri pensieri, un luogo che si presta a questo tipo di evento, nel quale crediamo molto. C'è molto interesse intorno al benessere e alla salute e crediamo che siano argomenti attuali e molto importanti da affrontare».

Emanuela Dallatana di Ideares, osserva come l’azienda di organizzazione e promozione eventi, abbia «aperto un grande focus sul food, dopo aver realizzato il Gola Gola Festival, sulla tematica “alimentazione sana ed equilibrio mente corpo”. Credo che la parola “benessere” sia abusata, ed è bene dunque approfondire il discorso e offrire al pubblico spunti e metodi per poter vivere meglio»

Il Centro San Girolamo presenterà al week-end dedicato  al benessere di Sala Baganza (Pr) 16 e 17 novembre

PARMA 6 novembre 2019 – BIOESSERE: due giorni di benessere in tutte le sue forme

Alla seconda edizione di BioEssere 2019 ci sarà l'occasione anche di parlare della salute della schiena e più in generale dell'apparato muscolo-scheletrico in compagnia degli esperti del Centro San Girolamo, eccellenza di Parma.

L'evento che si terrà a Sala Baganza, presso la Rocca San Vitale, il prossimo 16 e 17 novembre 2019, realizzato anche grazie al patrocinio del comune di Sala Baganza, sarà un’occasione unica per incontrarsi e confrontarsi su tematiche come la salute, l'alimentazione naturale, i trattamenti per il corpo e le pratiche dolci di benessere naturale. Prendersi cura di sé, nel rispetto dell’equilibrio di corpo e mente, in armonia con la natura, queste saranno le parole chiave di una due giorni di eventi, cooking show, degustazioni, laboratori, free class e presentazioni di libri.

All’evento parteciperà anche il dottor Francesco Chiampo del Centro San Girolamo di Parma, polo di livello nazionale per la riabilitazione e la medicina fisica, che aveva già preso parte alla prima edizione di Bioessere. Chiampo illustrerà i servizi del Centro, dalla spinometria per rilevare problemi della spina dorsale senza raggi x, alla fisioterapia, dal ricondizionamento muscolare al Pilates, fino all'esoscheletro HAL, di cui il centro parmigiano è esclusivista per l'Italia. Una “interfaccia neuro-funzionale”, il cui aspetto caratterizzante è la capacità di connettersi con il sistema nervoso del paziente mediante delle semplici placche adesive. Grazie alla lettura dei segnali bioelettrici, e sfruttando la neuroplasticità, HAL può portare importanti benefici a persone colpite da patologie del sistema nervoso quali ictus, Parkinson e sclerosi multipla, e in particolare lesioni midollari incomplete.

Per maggiori info sul Centro San Girolamo è possibile visitare il loro sito: https://www.centrosangirolamo.it/news/

L’evento si terrà presso la prestigiosa location della Rocca dei Sanvitale a Sala Baganza, inserita nel circuito i Castelli del Ducato. Il biglietto di accesso avrà un costo di 5€ per l’entrata giornaliera, gli eventi in programma saranno ad entrata libera fino a esaurimento posti.

INFO:
www.ilmercatodeglieventi.it 

BIOESSERE_LOGHI_2.jpg

BIOESSERE_RETRO_DEF.jpg

 

Pubblicato in Dove andiamo? Parma

Le conquiste più recenti e le prospettive nella cura del tumore al pancreas, saranno al centro di un incontro che si svolgerà giovedì 14 novembre alle 20.45 nella Sala convegni della Rocca Sanvitale di Sala Baganza (P.zza Gramsci 1).

Una serata all’insegna della salute, organizzata dalla sezione AVIS salese e dall’Associazione Unipancreas di Verona e patrocinata dal Comune di Sala Baganza, che vedrà la prestigiosa partecipazione del dottor Giovanni Butturini, responsabile della Chirurgia Pediatrica dell’Ospedale “P. Pederzoli” di Peschiera del Garda. 

Butturini, tra i massimi esperti in materia a livello nazionale e presidente di Unipancreas, sarà introdotto dal dottor Giovanni Ercolini, medico di Medicina generale, che coordinerà l’incontro.  L’entrata sarà, naturalmente, libera e gratuita. 

Pubblicato in Dove andiamo? Parma

Domenica 10 novembre, nell’oratorio della Rocca di Sala Baganza, "España", il settimo appuntamento nell’ambito della rassegna “A Tu per Tu”. Ingresso gratuito.

A Sala Baganza arrivano i ritmi spagnoli con Joaquín Palomares, uno dei più grandi violinisti contemporanei, e il pianoforte di Andrea Rucli, autentico talento con all’attivo numerose partecipazioni a festival internazionali. 

Questa la coppia di livello mondiale che si esibirà in "España", il concerto che si terrà all’oratorio della Rocca di Sala Baganza alle 18 di domenica 10 novembre nell’ambito del festival “A Tu per Tu”. Palomares e Rucli eseguiranno musiche di Turina, Granados, De Falla, Nin, Sarasate, per una performance che si annuncia indimenticabile e che, come per tutti gli appuntamenti della rassegna, sarà a ingresso libero e gratuito fino a esaurimento posti. 

Diplomato in violino e musica da camera con menzione speciale nei Conservatori di Valencia e Bruxelles sotto la guida di Alos, Leon-Ara, Kleve, de Canck e van den Doorn, Palomares ha completato la sua formazione con V. Klimov, D. Zsigmondi e A. Rosand dai quali ha appreso uno stile romantico-virtuoso riconosciuto dalla critica internazionale. Con il debutto da solista a soli 15 anni nel Concerto per Violino di Beethoven, ha iniziato una carriera artistica che lo ha portato nelle migliori sale d’Europa e del Giappone, esibendosi con  le orchestre più prestigiose (Orchestra Nazionale di Spagna, RTVE, Mozart Orchester di Vienna, Virtuosi della Filarmonica di Berlino, Orchestre da Camera di Lodz e di Venezia) e con direttori del calibro di Maazel, Jurowski, Chernouschenco. 

Andrea Rucli, si è diplomato al Conservatorio “L.Cherubini” di Firenze con il massimo dei voti e lode sotto la guida di  Alessandro Specchi. È stato prima allievo, poi partner in duo pianistico e assistente per oltre dieci anni del russo Konstantin Bogino, e da diversi anni accompagna il violista e compositore Vladimir Mendelssohn. In prima mondiale ha registrato opere per pianoforte solo e di musica da camera della compositrice russa Ella Adaiewsky,coronamento di un lavoro di riscoperta promosso dall’Associazione Sergio Gaggia.

La rassegna concertistica “A Tu per Tu”, giunta quest’anno alla sua XIII edizione, da sempre riscuote un grande successo di pubblico, grazie al livello degli artisti di fama internazionale e al rapporto tra i musicisti e il pubblico, in un ambiente informale, che favorisce un dialogo diretto tra chi suona e chi ascolta. Una magia, sotto la direzione artistica del maestro Claudio Piastra, che rappresenta il frutto dell’impegno dell’Amministrazione comunale salese, dell’Associazione Parma OperArt e del tandem di imprese locali Azienda Agricola Palazzo e Crosspolimeri, da sempre vicine a questa iniziativa culturale di altissimo livello. 

La rassegna si concluderà domenica 24 novembre, sempre alle 18 nell’oratorio della Rocca di Sala Baganza, con “La Signora delle Camelie”, film muto del 1921 diretto da Ray C. Smallwood con musiche di Rossella Spinosa al pianoforte. 

 

 

 

Pubblicato in Dove andiamo? Parma

Le piante secolari sono malate e verranno abbattute il 5 e 6 novembre. Il sindaco Spina: «Una triste notizia, ma li rimpiazzeremo».

Hanno resistito al tempo, perfino alla Seconda Guerra Mondiale, i due cedri dell’Himalaya che da tempo immemore svettano di fronte al Municipio di Sala Baganza. Erano stati addirittura capaci di ricrescere più forti e più belli, dopo che, narrano le cronache degli anziani salesi, i tedeschi li avevano brutalmente tagliati per evitare che intralciassero la linea di tiro della mitragliatrice installata sul balcone della casa comunale, quasi a voler proteggere la comunità dall’orrore nazista. 

Ma anche le storie più lunghe e più belle sono destinate a finire, e nelle giornate di martedì 5 mercoledì 6 novembre, i due colossi verranno abbattuti. Tutta colpa di un piccolo parassita fungino chiamato Armillaria, che ne ha compromesso in modo irrimediabile le radici, al punto da minarne la staticità. Al loro posto però, e qui arriva la bella notizia, l’Amministrazione comunale ha deciso di piantare due gelsi bianchi. 

A indicare che per i due cedri non ci fosse più nulla da fare, erano state le analisi svolte a fine settembre da un pool di esperti agronomi, che avevano confermato il loro cattivo stato di salute. Del resto, a far temere il peggio c’erano i tanti rami rinsecchiti e il fogliame sempre più diradato. L’Ufficio Patrimonio del Comune di Sala Baganza, da anni svolge un’attività periodica di censimento delle piante di proprietà pubblica, monitorando attentamente il loro stato di salute. E dopo aver constatato visivamente le cattive condizioni delle piante, aveva deciso svolgere analisi più approfondite. Analisi che non hanno lasciato scampo.

La loro sostituzione con due esemplari di gelso bianco, nella variante senza frutti, è stata decisa per le caratteristiche di questa particolare specie che richiama fortemente la tradizione del nostro territorio. Il gelso bianco, poi, è una pianta longeva, robusta, in grado di crescere rapidamente e con una grande capacità di adattamento. Presenta inoltre una chioma folta e in autunno le sue foglie si colorano di un bellissimo giallo intenso. L’intervento prevede anche il restyling delle aiuole, affidato alla ditta specializzata Demetra di Milano, che verranno riempite con terra in grado di evitare la crescita di piante infestanti. 

Per il sindaco di Sala Baganza Aldo Spina, la sentenza di abbattimento «è sicuramente una notizia molto triste, perché si tratta di due esemplari bellissimi che hanno attraversato la storia della nostra comunità e ai quali siamo molto affezionati. Purtroppo – prosegue il primo cittadino – non ci sono alternative. Sono tuttavia soddisfatto della loro sostituzione, con piante che hanno un importante valore simbolico per il nostro territorio. E verranno riqualificate anche le aiuole, dove troveranno posto dei fiori bellissimi». 

Il Comune comunica infine che le operazioni di abbattimento dei due cedri saranno piuttosto complesse e comporteranno anche delle modifiche alla viabilità nel tratto di via Vittorio Emanuele II di fronte al Municipio.

 
 
 
 
 

La banda ultralarga permetterà a cittadini e aziende di navigare fino a 1 Gigabit. I lavori inizieranno dall’area artigianale Nord “La Fornace”.

Entro i prossimi giorni a Sala Baganza prenderanno il via i lavori per la posa della rete in fibra ottica targata “Open Fiber”, società partecipata dal Gruppo CDP ed Enel. 

Una rete a banda ultralarga con tecnologia FTTH “Fiber to the Home”, letteralmente “fibra fino a casa”, che prevede la copertura in fibra ottica dell’intera tratta dalla centrale all’abitazione o azienda, consentendo il massimo della performance e della stabilità. La tecnologia FTTH, infatti, è l’unica in grado di consentire una velocità di trasmissione fino a 1 Gigabit per secondo, sia in download che in upload. 

La prima area di Sala Baganza ad essere cablata, sarà la zona artigianale Nord, “La Fornace”. Successivamente, la rete raggiungerà in modo capillare tutte le altre aree comunali insediate. Una volta completata, l’autostrada telematica ad alta velocità verrà messa sul mercato a disposizione degli operatori. Da quel momento, gli utenti potranno concordare con il gestore prescelto il contratto più adeguato alle loro esigenze. Una volta stipulato il contratto, sarà l’operatore stesso a mettersi in contatto con “Open Fiber” per dare inizio all’ultima fase di installazione, garantendo i vantaggi del cablaggio che per i proprietari si traduce anche in un aumento del valore dell’immobile.

Durante l’installazione saranno possibili alcuni disagi, anche se per la posa della fibra verranno utilizzate perlopiù infrastrutture già esistenti, come le reti di illuminazione pubblica e quelle dell’Enel, utilizzate per l’energia elettrica. 

In caso di disagi o per avere informazioni più dettagliate, è possibile telefonare all’Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) del Comune di Sala Baganza, che risponde allo 0521 331311.

 

 

 

Fino a venerdì 15 novembre 2019, sarà possibile presentare richiesta per l’assegnazione nei cinque comuni dell’Unione Pedemontana Parmense.

Da oggi, lunedì 14 ottobre 2019 e fino a venerdì 15 novembre 2019, sarà possibile presentare domanda per l’assegnazione degli alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica nei cinque comuni dell’Unione Pedemontana Parmense di Collecchio, Felino, Montechiarugolo, Sala Baganza e Traversetolo. 

ACER di Parma, per conto di Azienda Pedemontana Sociale, ha infatti pubblicato il bando integrativo per l’assegnazione, che andrà ad aggiornare le graduatorie del bando generale 2017. 

Al bando integrativo possono partecipare sia i nuovi aspiranti all’assegnazione di un alloggio, sia coloro i quali, pur essendo in graduatoria, abbiano interesse a far valere condizioni più favorevoli per ottenere un’abitazione di Edilizia Residenziale Pubblica. 

I requisiti per partecipare

Per poter presentare la domanda occorre non avere un valore ISEE superiore a 17.154 euro per nucleo familiare e un Patrimonio mobiliare (auto, moto, barche, depositi e conti correnti bancari e postali, titoli di Stato, azioni, obbligazioni, buoni fruttiferi e partecipazioni azionarie) non superiore ai 35.000 euro. 

I limiti riguardano anche la titolarità di diritti reali su beni immobili. Per poter partecipare al bando, i componenti del nucleo familiare non devono essere titolari, complessivamente, di una quota superiore al 50% del diritto di proprietà, usufrutto, uso o abitazione sul medesimo alloggio ovunque ubicato e adeguato alle esigenze del nucleo familiare. 

Potranno richiedere l’assegnazione tutti i cittadini italiani o dell’Unione Europea, i familiari dei cittadini UE regolarmente soggiornanti, i cittadini stranieri titolari di permesso di soggiorno UE per lungo periodo, i titolari dello status di rifugiati politici e i cittadini stranieri con permesso di soggiorno almeno biennale e che esercitino regolare attività di lavoro subordinato o di lavoro autonomo.

Chi presenterà domanda dovrà inoltre essere residente, anagraficamente o lavorativamente, nel comune nel quale si richiede l’assegnazione e risiedere in Emilia-Romagna da almeno tre anni.

Come, dove e quando presentare la domanda

Le domande di partecipazione dovranno essere compilate unicamente sui moduli predisposti da ACER Parma per conto dell’Azienda Pedemontana Sociale, e presentate da lunedì 14 ottobre 2019, fino a venerdì 15 novembre 2019. Potranno essere presentate direttamente presso il Comune, gli sportelli sociali territoriali o consegnate a mano, previo appuntamento, alla funzionaria ACER incaricata, rag.  Maria Grazia Giuffredi, telefonando allo 0521 215207.

Le domande potranno anche essere spedite tramite raccomandata con ricevuta di ritorno all’ACER di Parma (vicolo Grossardi n. 16/A – 43125 Parma). 

Altre informazioni riguardanti i requisiti, i loghi e gli orari per la presentazione delle domande e la modulistica necessaria, sono disponibili sul sito dell’Unione Pedemontana Parmense all’indirizzo www.unionepedemontana.pr.it

Pubblicato in Cronaca Parma
Venerdì, 11 Ottobre 2019 11:18

Botte alla moglie, arrestato albanese

Felino: insulti e botte alla moglie, arrestato un 50enne albanese.

Nella serata di mercoledì i Carabinieri della Stazione di Sala Baganza hanno eseguito una misura cautelare in carcere disposta dal GIP a carico di un 50enne cittadino albanese, da tempo residente in Italia, per i ripetuti maltrattamenti nei confronti della moglie.


Le indagini dei Carabinieri, coordinate e dirette dalla Procura della Repubblica di Parma (PM dott. Bianchi), hanno consentito di far emergere un drammatico quadro familiare, caratterizzato da violenze fisiche e verbali poste in essere dall’indagato ai danni della moglie, sua connazionale.


Tali condotte illecite andavano avanti da anni, e sarebbero avvenute anche in presenza dei figli. L’uomo, spesso ubriaco, ossessionato da una morbosa gelosia, avrebbe sottoposto la donna a continue violenze fisiche e verbali tra le mura domestiche, finché, ormai giunta al limite, la donna si è determinata a denunciare il suo dramma ai carabinieri.


Le indagini, dirette dal magistrato titolare, sono iniziate lo scorso aprile ed hanno permesso di ricostruire il grave quadro indiziario di colpevolezza, che ha portato all’emissione della misura restrittiva a carico del 50enne, disposta dal G.I.P. del Tribunale di Parma.

Pubblicato in Cronaca Parma

Quattro già pronti a partire per 400 mila euro e altri tre in progettazione per 1,2 milioni per la sicurezza dell’asta del Baganza e i rii minori. L’assessore Gazzolo ha incontrato i sindaci dei due Comuni: «A cinque anni dall’alluvione del 2014, finanziati 33 interventi per 2 milioni 300 mila euro: un impegno che continua».

Bologna –

Partono nuovi cantieri per la messa in sicurezza di Sala Baganza e Felino, centri abitati della provincia di Parma che si affacciano lungo il torrente Baganza. Sono 7 gli interventi al via, finanziati dalla Regione con 1 milione 600 mila euro. Già nelle prossime settimane inizieranno 4 opere di manutenzione dal valore di 400 mila euro per il consolidamento delle difese spondali, la rimozione del legname, del materiale trasportato dal fiume e la protezione delle prese di raccolta dell’acqua a servizio dell’acquedotto. Altri 3 interventi sono in progettazione per 1 milione 200 mila euro: oltre all'efficienza idraulica dei rii minori, comprendono due importanti lavori da mezzo milione ciascuno finanziati nel mese di settembre a Felino e Sala con il Piano nazionale per la mitigazione del rischio idrogeologico.

Ad annunciarli è Paola Gazzolo, assessore regionale alla difesa del suolo e protezione civile, presente questa mattina a Felino per fare il punto sulla messa in sicurezza del territorio insieme ai sindaci dei due comuni. 

«Proprio nei prossimi giorni ricorrerà il quinto anniversario dell’alluvione dell’ottobre 2014: da allora non si è mai fermato l’impegno della Regione per accrescere la sicurezza dell’intera asta fluviale del Baganza e del nodo idraulico di Parma e Colorno», afferma Gazzolo. «Con i nuovi lavori in programma sale a quasi 2 milioni 300 mila euro il totale degli investimenti realizzati tra Felino e Sala a partire dal 2015, con 33 cantieri quasi tutti già conclusi».

Tra le opere in corso di progettazione, rilevanti due interventi a Felino per 700 mila euro. Riguardano il ripristino della sezione di deflusso di alcuni rii – tra cui Castello, Silano, S. Ilario – in località Gallignana (150 mila euro) e la realizzazione di un’arginatura lungo la sponda destra del Baganza (550 mila euro), parte di un progetto più ampio dal valore complessivo di 1 milione 800 mila euro che comprende anche il risezionamento del Rio Bertone a San Michele Gatti (1,25 milioni).

Tra Parma e Sala Baganza si sta progettando il primo stralcio di interventi di sicurezza idraulica con l'acquisizione aree private che già costituiscono arginature esistenti (500 mila euro).

«In questo pacchetto di lavori promossi dalla Regione Emilia-Romagna - dichiara Aldo Spina, sindaco di Sala – cogliamo il segnale di attenzione che avevamo chiesto per l’intero bacino del torrente Baganza, riguardo alla realizzazione di opere nel tratto a monte e a valle della futura cassa di laminazione. Interventi volti a garantire la manutenzione e la messa in sicurezza dei nostri insediamenti».

Soddisfazione è espressa anche dal sindaco di Felino, Elisa Leoni: «La necessità della messa in sicurezza del Baganza e dei rii minori è una priorità condivisa di Regione e Comuni: gli interventi svolti e in programma sono il risultato di un lavoro di squadra e l’impegno nella direzione di un’opera capace di contenere eventi calamitosi, purtroppo sempre più frequenti, è stato atteso. È importante realizzare interventi in ottica di prevenzione per tutelare l’ambiente e soprattutto la popolazione».

Gli interventi

A Sala Baganza dal 2015 sono stati finanziati 25 cantieri per quasi 1 milione di euro. Due sono in fase di appalto e saranno avviati nei prossimi mesi: il ripristino delle difese spondali sul torrente Baganza a San Vitale, necessario per proteggere le prese di captazione delle acque dell’acquedotto (100 mila euro) e le opere di manutenzione lungo il Baganza, nel capoluogo e a valle del ponte sul fiume (130 mila euro). Già consegnati i lavori di manutenzione a S. Vitale Baganza e a Limido per 115 mila euro.

Tutti gli altri cantieri finanziati sono già conclusi e comprendono, tra l’altro, il ripristino di difese spondali del torrente Baganza (45 mila euro), anche a protezione del centro sportivo (20 mila); la riduzione del rischio idraulico che grava su strade comunali (100 mila), alcuni ripristini della viabilità (5 mila), il miglioramento dell’officiosità idraulica del Rio Case Giorgi (5 mila), la riparazione di opere idrauliche a Limido (45 mila) e a S. Vitale Baganza (50 mila).

A Felino, sempre dal 2015, la Regione ha finanziato 7 interventi per oltre 800 mila euro. La maggior parte delle risorse – 700 mila euro – sono destinate ad interventi in fase di progettazione. Si tratta del ripristino della sezione di deflusso di alcuni rii (tra i quali Castello, Silano, S. Ilario) in località Gallignana per 150 mila euro e del primo stralcio delle opere di difesa di Felino e S. Michele Gatti, con la realizzazione di una difesa spondale e arginatura in sponda destra del torrente Baganza. I lavori si completeranno con un ulteriore lotto da 1 milione 250 mila euro (in attesa di finanziamento nazionale) che comprenderà anche il risezionamento del Rio Bertone in località San Michele Gatti, oltre a interventi in sponda sinistra sul Baganza. In totale sono 1 milione 800 mila euro.

Ammontano a oltre 100 mila euro le risorse destinate a 5 interventi già conclusi nei mesi scorsi: i lavori di riduzione della frana che interessa la strada Barbiano-Poggio di S. Ilario Baganza” per 25 mila euro, lo spurgo di fognature e la pulizia straordinaria di immobili comunali per 8 mila euro e la sistemazione della difesa spondale che protegge le prese dell’acquedotto, nel torrente Baganza (50 mila). È di 25.000 euro la somma investita per la movimentazione di materiale nell'alveo del torrente Baganza vicino ai pozzi che alimentano la rete idrica di Felino.

 

 

Iscrizioni dal 2 settembre. Lezioni di inglese, francese, spagnolo e italiano per stranieri. Seguiranno corsi di informatica, sartoria e degustazione vini.

 

Fedeli al motto “non si finisce mai di imparare”, il CPIA di Parma, in collaborazione con il Comune di Sala Baganza, organizza corsi di lingua straniera, ai quali prossimamente se ne aggiungeranno altri di informatica, sartoria e di degustazione vini, che si terranno nella Rocca Sanvitale. 

Una collaborazione, quella tra l’Amministrazione comunale e il Centro Provinciale Istruzione Adulti del Ministero della Pubblica istruzione, che prosegue e rilancia la filosofia della formazione permanente, alla luce del successo dei corsi organizzati negli ultimi anni che hanno visto una grande partecipazione da parte dei salesi.

Ai corsi di lingue, che si terranno sempre al mercoledì nella scuola media “Ferdinando Maestri” a partire dal 23 ottobre, dalle 18.30 alle 20.30, si potrà imparare l’inglese, il francese e lo spagnolo. Per ogni lingua verranno organizzate due “classi” a seconda del livello (A1 e A2), che verrà stabilito con un test. I corsi, che termineranno a maggio, avranno una durata di 50 ore e costeranno 100 euro. Sempre a Sala Baganza si terranno inoltre corsi di italiano per gli stranieri. 

Una volta concluse le lezioni e superato il test finale, verranno rilasciati gli attestati di frequenza e competenza del livello raggiunto, che saranno validi anche come credito formativo

Le iscrizioni si apriranno lunedì 2 settembre e termineranno il 12 di ottobre. A fine agosto sul sito del Comune (www.sala-baganza.pr.it), sarà possibile scaricare l’apposito modulo (chi volesse può anche ritirarlo direttamente in Municipio in formato cartaceo), che dopo essere stato debitamente compilato potrà essere inviato all’indirizzo mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., oppure consegnato a mano nella sede municipale di via Vittorio Emanuele II, sia allo Sportello multifunzione (Piano terra), sia all’Ufficio Scuola (Primo piano). 

«Siamo molto soddisfatti di questa collaborazione con il CPIA, istituto della scuola pubblica – sottolinea il sindaco Aldo Spina –. Alla professionalità dei docenti corrisponde un interesse crescente che per noi diventa uno stimolo per ricercare nuovi spazi per lo sviluppo di ulteriori esperienze. L’idea della formazione continua ci appartiene e continueremo a sostenerla». 

Formazione continua che «è il nostro obiettivo – afferma Linuccio Pederzani, docente e vicario del CPIA –. Negli ultimi tre anni abbiamo registrato un aumento di partecipazione da parte della popolazione e abbiamo sempre avuto un ottimo rapporto con l’Amministrazione salese».

Tra i “testimonial” dei corsi c’è anche Lucia Longhi, responsabile dell’Ufficio Scuola del Comune che ha partecipato ai corsi di lingue per “rispolverare” l’inglese e il francese e imparare un po’ di spagnolo. «Chiunque dovrebbe cogliere queste opportunità – spiega – che hanno un carattere educativo anche nei confronti dei figli. “Mia mamma va a scuola”, diceva mia figlia e credo che per lei sia stato un esempio del fatto che nella vita si ha sempre bisogno di imparare e di conoscere cose nuove. Tornare dietro a un banco per me è stato anche un modo anche per rimettermi in gioco». Accettate la sfida? 

Pagina 1 di 10