Visualizza articoli per tag: truffa

Nei guai è finito un quarantenne a cui l’Inps aveva chiesto i contributi per tre donne straniere assunte come collaboratrici domestiche. L’uomo ha negato il rapporto di lavoro, che invece è stato dimostrato, dicendo di essere stato vittima di una truffa.

Pubblicato in Cronaca Reggio Emilia

Nella giornata di ieri i Carabinieri della Stazione di Varsi a conclusione dell’attività d’indagine, hanno denunciato per truffa un 24enne residente a Pescara e gravato da diversi precedenti di polizia.

Pubblicato in Cronaca Parma

Si tratta di un trentenne residente nel reggiano, dipendente di un servizio postale privato, che anziché consegnare la posta, se ne sbarazzava gettandola nei cassonetti o nei fossi. La segnalazione è arrivata dai cittadini.

Pubblicato in Cronaca Modena

Nella giornata di ieri i Carabinieri della Stazione di Vigatto, a conclusione dell’ attività d’indagine, hanno denunciato per truffa un 57enne residente in provincia di Treviso.

Pubblicato in Cronaca Parma
Giovedì, 04 Marzo 2021 15:52

Tenta truffa al Mediaworld ma viene scoperta.

Arrestata dalla Polizia di Stato giovane donna italiana per possesso di documenti falsi validi per l’espatrio. Denunciata per tentata truffa e sostituzione di persona.

Pubblicato in Cronaca Parma

I controlli della Guardia di Finanza di Carpi hanno consentito di scoprire due capannoni in uso a due ditte edili che custodivano materiale mai pagato ai fornitori e quattro lavoratori in nero. Indagini anche su eventuali proventi illeciti

Pubblicato in Cronaca Modena

CARABINIERI: controlli del territorio sventato furto di portofoglio e denunce per truffa

Pubblicato in Cronaca Parma

 

Si tratta di due cittadini indiani che per superare l’esame orale per conseguire la patente italiana avevano fatto ricorso a cellulari con tecnologia bluetooth. Una telecamera consentiva ai complici di visionare i test e di suggerire le risposte.

MODENA – I quiz per superare l’esame orale per il conseguimento della patente possono essere particolarmente ostici, soprattutto quando non si ha la completa padronanza della lingua italiana. Per questo due cittadini indiani sono ricorsi…al suggeritore.

È quanto hanno scoperto gli uomini della Sezione Polizia Stradale di Modena che sono intervenuti presso la Motorizzazione Civile, dove si stava tenendo la sessione d’esame e hanno scoperto i due stranieri mentre tentavano di superare il test facendo ricorso ad apparecchi elettronici ricetrasmittenti. In particolare, uno dei due aveva un dispositivo auricolare bluetooth e un cellulare fissato con del nastro adesivo intorno al torace. Sul maglione si era poi procurato un foro in corrispondenza della telecamera. Anche il secondo era in possesso di un’apparecchiatura elettronica bluetooth, ma posizionata attorno al collo grazie a un laccetto, e un cellulare IPhone applicato al torace con del nastro adesivo. Al maglione era stato applicato anche in questo caso un foro strategico per consentire alla telecamera di visionare il test. 

Questo stratagemma consentiva a terze persone, collegate da remoto, di visionare i quiz e di suggerire le risposte esatte tramite auricolare oppure tramite un codice predefinito attraverso sequenze di vibrazione del trasmettitore. I due cittadini extracomunitari sono quindi stati denunciati per falso ideologico commesso al fine di ottenere il superamento dell’esame di teoria per il conseguimento della patente italiana di guida. 

Non si tratta, tuttavia, di un caso isolato, che anche in passato ha portato a diverse denunce e alla scoperta di vere e proprie organizzazioni che, dietro lauti compensi, offrono il “servizio” di suggerimenti a cittadini stranieri non in gradi di affrontare in maniera autonoma l’esame di guida teorico. Per questo la Polizia Stradale, in collaborazione con gli uffici della Motorizzazione Civile presso la cui sede si tengono le sessioni d’esame, effettuano regolarmente controlli.

Pubblicato in Cronaca Modena

Tentata truffa ad un’azienda carpigiana: denunciato dalla Polizia di Stato un 39enne nigeriano

Pubblicato in Cronaca Modena

Il 24 enne, residente nella Bassa modenese si era invaghito di una 38 enne dell’Appennino e le aveva proposto di vedersi di persona. La donna le avrebbe proposto sesso a pagamento, ma poi si è presentata con un amico 28 enne che, dopo aver trasportato il giovane in un luogo isolato, lo ha picchiato e rapinato. I due sono stati arrestati. 

Pubblicato in Cronaca Modena
Pagina 1 di 8