Giovedì, 03 Agosto 2017 16:00

Il furto al Panorama si trasforma in rapina

Parma: Ieri verso le ore 16.35 la volante veniva inviata presso il supermercato panorama per sedare una lite in atto tra alcuni soggetti che si trovavano al piano terra del centro commerciale. Durante le fasi dell'intervento, un poliziotto, per meglio capire la dinamica della lite, si portava al piano superiore del centro commerciale ove tutto era iniziato. Giunto al primo piano l'attenzione del poliziotto si spostava subito sulla guardia giurata il quale richiedeva il suo intervento poiché due soggetti extracomunitari stavano rubando alcune bottiglie di superalcolici.

Il poliziotto e la G.P.G. si avvicinavano alle casse ed individuavano i ladri. I due, capito di essere stati scoperti, si dividevano e tentavano la fuga. Grazie alla reattività del poliziotto uno dei due soggetti veniva raggiunto dopo pochi metri e dopo una breve colluttazione, veniva assicurato; l'altro ladro invece riusciva a guadagnare la fuga seminando il panico tra i presenti all'interno del centro commerciale spintonando diversi clienti che inevitabilmente cadevano a terra ma, fortunatamente, senza che nessuno riportasse ferite gravi.
Il fermato, D.A. classe '92 originario del Senegal, con numerosi pregiudizi di polizia per furto e spaccio di stupefacenti e con il divieto di ritorno in vari comuni italiani, a seguito di perquisizione personale, veniva trovato in possesso di uno zaino di colore blu che all'interno presentava una schermatura per eludere il sistema antitaccheggio, contenente nr. 7 bottiglie di superalcolici, nonché una confezione in cellophane con all'interno circa 30 grammi di sostanza stupefacente tipo marijuana. D.A. veniva pertanto arrestato per il reato di rapina impropria, resistenza e lesioni a P.U. - in quanto l'operatore di Polizia intervenuto, riportava nella colluttazione giorni 7 di prognosi - nonché denunciato per la detenzione ai fini di spaccio della sostanza stupefacente.


FURTO SUPERMERCATO INTERSPAR

La trascorsa notte, verso le ore 03.45, a seguito di allarme al 113, la volante si portava in via San Leonardo in quanto era stata segnalata la presenza nel piazzale del supermercato "Interspar" di alcune persone incappucciate e vestite di nero che stavano scappando.
Immediatamente la pattuglia si portava sul posto ed insieme alla guardia giurata effettuava un controllo per vedere se vi erano stati dei tentativi di furto.
Giunti nei pressi dell'ingresso del supermercato i poliziotti notavano che una vetrina laterale era stata completamente sfondata ed i ladri, una volta dentro, avevano rotto una vetrina espositiva di cellulari portando via decine di smartphone e tablet di diverse marche.
Gli agenti effettuavano subito un pattugliamento della zona alla ricerca degli autori del furto con esito negativo.
Parma, 3 agosto 2017


Ufficio Stampa e Relazioni Esterne
Questura di Parma

Pubblicato in Cronaca Parma

Ieri mattina, verso le ore 10.00, personale di polizia ha compiuto un blitz in un casolare in zona via Traversetolo, a seguito di una segnalazione. Le Volanti, giunte sul posto, hanno rinvenuto oltre duecento scatoloni contenenti jeans e pantaloni etichettati, provento di un furto compiuto alcuni giorni fa al magazzino della ditta "T'AMO" di Fidenza.
All'interno degli scatoloni venivano rinvenuti 4498 paia di pantaloni e 10 gilet da uomo. Al termine degli adempimenti e dei rilievi eseguiti da personale del locale Gabinetto di Polizia Scientifica intervenuta sul posto, i capi di abbigliamento - pantaloni da uomo e da donna di diverse taglie ­- opportunamente censiti e catalogati, sono stati restituiti al legittimo proprietario.
Al momento sono in corso accertamenti al fine di risalire agli autori del furto.

Pubblicato in Cronaca Parma
Martedì, 27 Giugno 2017 11:15

Furto nella notte al Barino

Terzo colpo in soli due giorni a Parma. Dopo il furto di domenica mattina all'attività commerciale Amor di Patata, dove i ladri hanno infranto la vetrina del negozio asportando il registratore di cassa e quello della notte fra domenica e lunedì presso la sede del Campus universitario di via delle Scienze, dove ignoti si sono intrufolati all'interno degli uffici dello stabile del Palacampus forzando gli armadietti degli spogliatoi, e dopo aver infranto una finestra della Segreteria Golf sono riusciti ad entrare all'interno per rovistare alla ricerca di oggetti di valore, è toccato al Barino.

Nella nottata appena trascorsa, una volante della Polizia di Stato è intervenuta presso il locale a seguito di segnalazione di furto, dove ignoti, poco prima dell'intervento della volante, hanno asportato un tombino in ghisa dalla sede stradale e infranto la porta secondaria del locale, riuscendo ad accedere all'interno. Un volta dentro, hanno puntato al cassetto del registratore di cassa con all'interno contante per circa 300 Euro. Sono in corso le indagini per risalire ai responsabili.

Parma, 27 giugno 2017

Pubblicato in Cronaca Parma

Presso l'Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura di Parma è custodita dal 24 gennaio 2017 una bicicletta di probabile provenienza furtiva (foto).
La Questura cerca il legittimo proprietario.
L'interessato alla restituzione potrà contattare o presentarsi presso quest'Ufficio munito della relativa denuncia di furto.

QUESTURA DI PARMA
Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico
Tel. 0521/219546

Pubblicato in Cronaca Parma

E' un pluripregiudicato catanese di 38 anni, A.G., senza fissa dimora, il responsabile del furto avvenuto questa notte alle 03.00 presso l'edicola di via Emilia Est 474: l'uomo è stato tratto in arresto da un equipaggio volante in servizio di controllo del territorio.

A.G., infatti, dopo aver sfondato la parte laterale dell'edicola si è introdotto all'interno ed ha asportato merce per alcune centinaia di euro: con dvd, figurine ed altro materiale si stava allontanando furtivamente quando un equipaggio della Polizia di Stato ha notato il sospetto nei pressi dell'edicola appena razziata.
Immediatamente bloccato è stato trovato in possesso della refurtiva asportata.
Gravato da precedenti specifici l'uomo sarà processato questa mattina con rito direttissimo, tutta la merce è stata restituita al legittimo proprietario.

Pubblicato in Cronaca Modena
Giovedì, 23 Febbraio 2017 11:31

Parma - Scippa anziane a bordo del suo scooter

La polizia di stato arresta il responsabile, incastrato dalle testimonianze e dalle telecamere del centro commerciale Eurosia. Almeno tre le anziane donne vittime dello scippatore.

Parma, 23 febbraio 2017

Giovane in sella ad uno scooter color grigio prendeva di mira le signore anziane. Alla fine del mese di settembre inizi ottobre scorso, ben tre gli scippi consumati. Il primo nel tardo pomeriggio del 23 settembre 2016 in viale Mariotti, quando una 74enne è stata raggiunta da dietro ed affiancata dal giovane in scooter grigio per strapparle dal collo la collana in oro.

Il secondo nei pressi della chiesa di strada Sant'Eurosia da cui l'anziana vittima 80enne stava uscendo. Lo scippatore l'ha aggiunta alle spalle e le ha strappato la borsetta per poi fuggire lungo via Rossi, facendola cadere e causandole una escoriazione al braccio. Il bottino: un portamonete, telefono cellulare, documenti e 250 euro.

Il terzo episodio è avvenuto nel tardo pomeriggio del 3 ottobre 2016, ancora una volta in strada Sant'Eurosia ed ancora una volta in danno di un'anziana signora 83enne, in uscita dalla vicina chiesa. Dalle parole della donna, gli investigatori della Squadra Mobile hanno ricostruito i concitati secondi della sua aggressione: l'anziana mentre si trovava ancora nel cortile della Chiesa, ha sentito il rumore di un motorino alle sue spalle e dopo pochi istanti si è sentiva strattonare la spalla e tirare la borsetta contenete, tra le altre cose, la somma di 150 euro. La rovinosa caduta a terra, a seguito del forte strappo, ha causato alla signora la frattura al bacino con prognosi totale di 33 giorni.

Nel frattempo, le indagini degli investigatori dell'Antirapine erano già in moto ed avevano consentito di raccogliere utili elementi. Infatti, a seguito del secondo episodio, tramite il responsabile del servizio di Sicurezza del centro commerciale Eurosia (non lontano al teatro degli eventi), gli agenti hanno scoperto che nel parcheggio sotterraneo era stata rinvenuta una borsa con i documenti della vittima, acquisendo le registrazioni delle telecamere di sicurezza che avevano ripreso lo scippatore giungere nel sotterraneo a bordo di uno scooter color grigio.

La svolta alle indagini è, però, giunta all'indomani dell'ultimo episodio quando è stato ascoltato, presso gli Uffici della Squadra Mobile, uno dei testimoni che aveva assistito ai fatti ed era riuscito a memorizzare il targhino dello scooter. Gli investigatori della Sezione Antirapine, dopo aver vagliato centinaia di targhe ed incrociato le stesse coi modelli di scooter, sono risaliti allo scooter giusto che risultava poi essere intestato ad un cittadino indiano, che l'aveva prestato al nipote.

Singh Lovejeet, rintracciato ed accompagnato presso questi Uffici della Questura, unitamente allo scooter in suo possesso, ha ammesso di aver commesso solamente due scippi, coinvolgendo per il terzo episodio un suo connazionale. Le indagini svolte dagli investigatori dell'Antirapina ed in particolare le analisi dei tabulati del telefono del ragazzo, hanno però permesso di scagionare il "fantomatico complice" e di stabilire la colpevolezza anche del terzo episodio. Il Pubblico ministero, dr.ssa Daniela Nunno, preso atto della molteplicità di gravi indizi di colpevolezza nonché della gravità delle azioni dallo stesso perpetrate, ha richiesto ed ottenuto dal G.I.P. presso il Tribunale l'emissione di una misura restrittiva della libertà personale, contestando i reati di furto con strappo, continuato e lesioni personali.
Rintracciato dagli investigatori della sezione Antirapine, nei giorni scorsi, è stato arrestato e rinchiuso presso il carcere di Parma.

Pubblicato in Cronaca Parma
Mercoledì, 22 Febbraio 2017 17:54

Modena - Furto in un bar di via Cesena

La Polizia di Stato arresta in flagranza responsabile di tentato furto al bar Clic di via Cesena. Un complice dell'arrestato è riuscito a darsi alla fuga nelle concitate fasi dell'arresto.

Modena, 22 febbraio 2017

Il ladro è stato trovato mentre stava tagliando la saracinesca del bar "Clic" di via Cesena 4 con l'intento di consumare un furto. E' accaduto la scorsa notte, alle 02.00 circa quando durante un normale servizio di pattugliamento un equipaggio volante ha notato un uomo che cercava di nascondendosi dietro un cespuglio. Insospettiti dal movimento i poliziotti si sono recati sul posto dove si sono imbattuti in due soggetti con il volto coperto da passamontagna e muniti di ricetrasmittenti che hanno cercato di darsi alla fuga.
In sede di sopralluogo è stato accertato il taglio della saracinesca del bar e la manomissione dei nottolini delle serrature. Il complice dell'arrestato è riuscito a darsi alla fuga nelle concitate fasi dell'arresto.
Processato per direttissima, nel primo pomeriggio, l'uomo è stato sottoposto all'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

Pubblicato in Cronaca Modena

L'opera è stata offerta in vendita da tre ricettatori ad un ricchissimo collezionista di Casablanca, per circa 940 mila euro. Il ringraziamento del sindaco di Muzzarelli alle autorità per le indagini e all'imprenditore marocchino che avrebbe segnalato il tentativo di vendita del dipinto rubato a Modena nel 2014.

Modena, 16 febbraio 2017

"Ci auguriamo che la tela del Guercino possa tornare a Modena il prima possibile". Lo afferma il sindaco Gian Carlo Muzzarelli commentando la notizia, del ritrovamento in Marocco del dipinto "Madonna col Bambino in trono e i Santi Giovanni Evangelista e Gregorio Taumaturgo" rubato nel 2014 dalla chiesa di San Vincenzo.
La preziosa tela, datata 1639, è stata ritrovata a Casablanca, come riporta il quotidiano online Lesiteinfo. L'opera, dal valore inestimabile, è stata offerta in vendita da tre ricettatori ad un ricchissimo collezionista di Casablanca, per circa 940 mila euro.

"E' una notizia che ci ha emozionato – aggiunge Muzzarelli – e ora attendiamo maggiori dettagli e la conferma da parte delle autorità. Ricordo che sin dal giorno in cui è stato scoperto il furto, sono state avviate indagini rigorose, ben sapendo che, sarebbero passati degli anni, ma prima o poi i responsabili avrebbero cercato di vendere la preziosa tela. Grazie quindi alle autorità e grazie all'imprenditore marocchino che con la sua denuncia ha consentito di ritrovare il dipinto".

Pubblicato in Cronaca Modena
Lunedì, 13 Febbraio 2017 15:28

Parma - Rapina aggravata in via Verdi

Dopo aver strappato la borsa, l'uomo è fuggito in auto con un complice. Grazie alla tempestiva segnalazione al 118, una volante ha intercettato e fermato il veicolo nei pressi di Via Mantova.

Parma, 13 febbraio 2017

Ieri mattina, poco dopo le otto, una cittadina che aveva appena assistito ad un furto nei pressi di Via Verdi, ha chiamato il 113 riuscendo a fornire la descrizione fisica di un uomo che scappava a piedi inseguito dalla propria vittima, e che arrivato nei pressi di Via Albertelli, saliva a bordo di una Golf condotta da un'altra persona, dandosi immediatamente alla fuga. Grazie ad un importante dettaglio sull'auto che risultava viaggiare con un unico faro anteriore in funzione, una volante ha intercettato e fermato il veicolo nei pressi di Via Mantova trovando a bordo Q.H. e B.I, entrambi originari del Marocco, i quali, corrispondendo alle descrizioni ricevute dalla Sala Operativa, sono stati immediatamente sottoposti a perquisizione personale estendendo il controllo anche al veicolo.

Nell'abitacolo dell'autovettura è stata rinvenuta la borsa sottratta poco prima alla vittima dell'aggressione in Via Verdi, ed alcune banconote per il valore complessivo di 50 euro poste all'interno del porta oggetti del cruscotto. I due soggetti sono stati condotti presso gli Uffici della Questura ove si è proceduto nei loro confronti ai rilievi dattiloscopici utili alla loro compiuta identificazione.

Nel frattempo la vittima, una donna originaria della Corea del Sud ma residente a Parma, recatasi in Questura ha dichiarato in sede di denuncia che, intorno alle 8.10, mentre stava passeggiando nei pressi di Via Verdi, un uomo le si è avvicinato strappandole di dosso la borsa che teneva in spalla, facendola cadere rovinosamente a terra e procurandole delle lesioni alla spalla ed agli arti, poi giudicate guaribili dal pronto soccorso in 8 giorni. Nonostante le ferite la donna ha tentato nell'immediato di porsi all'inseguimento del rapinatore che tuttavia si allontanava a bordo di un'autovettura condotta da un secondo uomo facendo perdere le sue tracce.

Gli operatori della Squadra Volante hanno proceduto a trarre in arresto i due giovani per il reato di rapina aggravata in concorso e lesioni personali aggravate in concorso. Al momento i soggetti si trovano trattenuti presso il carcere di via Burla in attesa di giudizio.

Pubblicato in Cronaca Parma

Arrestati in flagranza di reato per furto in abitazione aggravato in concorso, due dei quali denunciati altresì per porto ingiustificato di chiavi e grimaldelli. Fermati grazie agli inquilini dello stabile. 

Parma, 3 febbraio 2017

Nel pomeriggio di ieri, verso le 17.10, le volanti della Questura di Parma sono intervenute in via Emilio Lepido 30, per un furto in abitazione in corso, a seguito della chiamata al 113 da parte di inquilini del condominio, insospettiti da forti rumori contro la porta di un appartamento.
Grazie all'intervento repentino delle volanti, i 4 soggetti, tra cui due donne ed un minore, tutti di etnia nomade, sono stati sorpresi in flagranza di reato nel tentativo di scassinare una porta. Fermati e sottoposti a perquisizione personale, due dei nomadi sono risultati in possesso di strumenti atti all'effrazione. Sono, inoltre, stati rinvenuti e sequestrati nelle borse delle donne, due paia di guanti da lavoro in gomma e tessuto, un oggetto di plastica usato solitamente per far scattare la serratura delle porte blindate, una torcia elettrica ed un cacciavite di grosse dimensioni.

Due dei 4 si muovevano per le scale dello stabile facendo da palo mentre altri due tentavano di aprire la porta utilizzando gli attrezzi da scasso. I tre soggetti maggiorenni sono stati sottoposti a rilievi dattiloscopici e tratti in arresto in flagranza di reato in attesa del processo con rito direttissimo; il minorenne è stato associato presso una struttura per minori a disposizione dell'A. G. competente. Le due donne sono state altresì indagate in stato di libertà per i reati di possesso ingiustificato di chiavi alterate o grimaldelli.

Pubblicato in Cronaca Parma