Visualizza articoli per tag: furti

Martedì, 21 Novembre 2017 10:42

Ancora raffiche di furti in abitazioni

Nella giornata di ieri, nel corso del pomeriggio e delle prime ore della sera, equipaggi della Questura di Parma hanno effettuato molteplici interventi con sopralluogo a seguito di chiamate per furti in abitazionei. 

h. 18.30 Via Navetta, 31;
h. 19.30 Via Francesco Zanetti, 8;
h. 19.45 Via Belgrado, 3;
h. 20.00 Via Casalegno, 6;
h. 20.15 Via XXIV Aprile, 1;
h. 20.55 Via Montanara, 24;
h. 21.00 Via Biagio Pascal, 5;
h. 21.30 Via Casalegno, 4.

In tutti i furti gli ignoti ladri raggiungevano i balconi delle abitazioni prese di mira, balconi ubicati al piano rialzato o ai primi piani, e dopo aver forzato la porta finestra corrispondente, accedevano nei vari appartamenti, mettendo a soqquadro tutti gli ambienti.
In tutti i furti venivano asportate piccole somme di denaro, oppure oggetti in oro e monili vari.

In alcuni casi le vittime stanno predisponendo l'elenco degli oggetti asportati per sporre denuncia.  
Solo in Via Navetta, 31 i ladri accedevano attraverso l'effrazione della porta di ingresso di un appartamento posto al secondo piano.

Pubblicato in Cronaca Parma

Le Volanti della Questura di Parma, hanno effettuato numerosi sopralluoghi di furto, consumato o tentato, in abitazione.

I malviventi hanno colpito in diverse zone della città lo scorso venerdi 17 novembre: Via Passo della Colla, Via Paradigna, via Ferdinando Guerci, Via Bassano del Grappa, Strada Bassa Nuova.

In Via Giuseppe Micheli, invece, entrati in casa mentre il proprietario era all'interno, si sono dati alla fuga una volta scoperti.
Danneggiate porte e finestre per accedere all'interno dei locali, i rei hanno messo a soqquadro i vari appartamenti, sottraendo preziosi e contanti.

In Strada Parasacchi è stata recuperata, abbandonata a bordo strada, una scatola portagioie a forma di valigetta contenente bigiotteria ed orologi al quarzo di scarso valore.

Pubblicato in Cronaca Parma

La Questura di Parma informa che sono custodite, presso i loro uffici, una serie di biciclette rinvenute nel corso di tutto il corrente anno 2017.

Le biciclette potranno essere visionate presso quest'ufficio dai cittadini interessati a partire da venerdì 24 novembre p.v. e per tutte le due settimane successive tra le ore 9.00 e le 11.00 (il martedì e il giovedì fino alle 14.00).

I legittimi proprietari delle biciclette eventualmente riconosciute, per rientrane in possesso, dovranno presentare la relativa denuncia di furto.

Eventuali informazioni, sempre negli orari anzidetti, al n. tel. 0521/219546.

Pubblicato in Cronaca Parma

In seguito alla segnalazione di una tabaccheria di San Prospero, i Carabinieri di San Prospero e San Felice hanno ricostruito le mosse dei tra stranieri, che risultavano domiciliati a Bastiglia. Nell'appartamento sono stati rinvenuti arnesi da scasso, monete e 500 litri di gasolio, probabilmente rubati.

BASTIGLIA (MO) – La lotteria istantanea, il cosiddetto Gratta&Vinci, è stato fatale a una banda di cittadini moldavi, che sono stati trovati in possesso di arnesi da scasso e diversa refurtiva probabilmente sottratta ad aziende agricole e ad esercizi della zona.

È stato proprio grazie ad alcuni biglietti, risultati rubati, che i tre avevano tentato di riscuotere in una tabaccheria di San Prospero, che sono partite le minuziose indagini dei Carabinieri di San Prospero e di San Felice sul Panaro. Gli uomini dell'Arma sono riusciti a risalire ai tre moldavi, di cui due pregiudicati, di 37, 35 e 28 anni, che risultavano domiciliati a Bastiglia.

Un successivo blitz nell'appartamento in uso ai tre stranieri ha confermato i sospetti.

Nell'abitazione sono infatti stati trovati arnesi da scasso, ma anche ricetrasmittenti e sofisticati apparecchi elettronici, tra cui un rilevatore di microspie. Inoltre, nell'appartamento erano presenti diverse banconote e monete, probabile proventi di furti da slot machine o supermercati. Nel garage, invece, i Carabinieri hanno rinvenuto quasi 500 litri di gasolio, sulla cui provenienza si sta indagando. Non è comunque difficile che sia frutto di furti messi a segno presso aziende agricole della zona. Il carburante sarà donato ad associazioni che si occupano di solidarietà.

I tre moldavi, invece, sono stati denunciati a piede libero per ricettazione in concorso.

Pubblicato in Cronaca Modena
Martedì, 07 Novembre 2017 11:36

Raffica di furti e borseggi

Parma: Raffica di furti in diversi quartieri della città. Le Volanti della Questura di Parma, hanno effettuato numerosi sopralluoghi di furto tra i giorni 5 e 7 Novembre .

I malviventi hanno colpito in diverse zone della città: Strada Eja, Via Puzzarini, via Fratelli Bandiera, Via Brescia, Via Sporzana, Bgo delle Grazie,Via Newton, Strada Martinella, Strada Langhirano,stradello Mozzani, Viale Vittoria.

Danneggiate porte e finestre per accedere all'interno dei locali, i rei hanno messo a soqquadro, appartamenti, alcuni uffici e negozi privati sottraendo diversi monili d'oro e contanti.

I giorni 3 e 4 Novembre anche i borseggiatori hanno effettuato numerosi colpi a bordo dei mezzi pubblici; diverse denunce di furto a bordo delle linee bus 4,3,8,5.

Pubblicato in Cronaca Parma
Sabato, 04 Novembre 2017 16:13

Nottata di furti in abitazioni

Notte di furti in abitazioni a Parma. Le volanti sono intervenute in via Casalegno, in via Gorizia e in via Ferrarini. 

Il primo intervento della Questura di Parma è stato richiesto verso le 19.00. Un equipaggio della Squadra Volante si portava in via Casalegno al civico 1 piano rialzato per il sopralluogo di turno. Sul posto gli Agenti accertavano, insieme  al proprietario di casa, che ignoti si erano introdotti all'interno mettendo tutto a soqquadro ed asportando tre anelli in oro ed un paio di orecchini sempre in oro. Vane le ricerche al fine di identificare gli autori.

Dopo circa mez'ora, erano circa le 19.30,  un altro equipaggio della Squadra Volante venva inviato in via Gorizia al civico 16 per un secondo sopralluogo di furto. Sul posto gli Agenti constatavano, unitamente al proprietario di casa, che altri ignoti si erano introdotti all'interno mettendo tutto a soqquadro ed asportando due anelli in oro.

Infine, alle 22.45 circa, un ennesimo analogo intervento è stato richiesto in via Ferrarini al numero 10 e sempre per unfurto. Sul posto gli Agenti accertavano, insieme al  figlio dei proprietari di casa, potevano constatare che ignoti si erano introdotti all'interno mettendo tutto a soqquadro. Il richiedente soccorso non è stato però  in grado di stabilere se qualcosa mancasse  dall'interno dell'appartamento riservandosi di produrre un elenco degli eventuali oggetti venuti a mancare.  

Pubblicato in Cronaca Parma

La Questura di Parma comunica che presso i loro Uffici è conservata, tra le altre, una bicicletta sequestrata la sera del 5/9/2017 in Borgo Serena davanti allo studio del Notaio Caputo.

Il legittimo proprietario potrà ottenerne la restituzione presentandosi presso gli uffici della Questura munito della relativa denuncia di furto.

Pubblicato in Cronaca Parma
Sabato, 28 Ottobre 2017 15:07

Parma, criminalità scatenata.

Microcriminalità scatenata. Venerdi di lavoro straordinario per la Polizia di Stato. Tra furti in appartamento, due furti all'Esselunga, un'auto rubata e persino un poliziotto libero dal servizio ferma un ladro di biciclette.

FURTO IN APPARTAMENTO IN STRADA MARTORANO RUBATA UN'AUTO

Alle ore 08.50 circa del 27 c.m., la volante veniva inviata in strada Martorano in quanto una donna, al suo risveglio, si accorgeva che ignoti si erano introdotti nella sua abitazione. La richiedente lamentava la mancanza di un computer portatile, del denaro contante (60 euro), e una macchina di grossa cilindrata le cui chiavi si trovavano all'interno dell'appartamento.
Gli agenti accertavano che il furto era avvenuto tre le ore 02.00 e le ore 07.00 e che i ladri si erano introdotti in casa tramite una finestra che era stato forzata e che la proprietaria non aveva udito alcun rumore.
Venivano diramate le ricerche del veicolo.

DUE FURTI ALL'ESSELUNGA. UN'ITALIANA E UN RUMENO DENUNCIATI.
Alle 10.00 la volante veniva inviata presso l'Esselunga di via Emilia Est in quanto l'addetto alla sicurezza aveva fermato una donna resasi responsabile di furto. Tramite le testimonianze rese, gli agenti accertavano che la donna, aggirando si tra gli scaffali, prelevava alcuni articoli posizionandoli all'interno del carrello, dopodiché vi posizionava sopra la sua borsa personale e, con una mossa repentina occultava gli articoli nella borsa.
L'addetto alla vigilanza notava che la donna aveva occultato vari articoli ma, giunta in cassa, pagava solo alcuni oggetti che si trovavano nel carrello. La donna veniva fermata e consegnava la merce occultata per un valore di circa 200 euro.
Gli agenti identificavano la donna per L.T., parmigiana classe 1965 con diversi pregiudizi di Polizia per reati contro il patrimonio, la quale veniva accompagnata in Questura, sottoposta a rilievi segnaletici e denunciata in stato di libertà per il reato di furto aggravato.
Alle successive ore 12.35 la volante ritornava nuovamente al supermercato in quanto era stata fermata un'altra persona che aveva rubato della merce. In questo caso il ladro aveva occultato la merce, diverse bottiglie di superalcolici, sotto il giubbotto e, anziché passare dalle casse, scavalcava la barriera d'ingresso e si allontanava. Lo straniero veniva subito fermato dall'addetto alla vigilanza che recuperava anche refurtiva, per un valore di circa 80 euro, e contattava il 113. Il ladro, D.I.R., rumeno classe 1973, con precedenti di Polizia, veniva accompagnato in Questura e denunciato per il reato di furto aggravato.

POLIZIOTTO LIBERO DAL SERVIZIO FERMA UN SOGGETTO CHE AVEVA RUBATO UNA BICICLETTA.

Verso le ore 14.10 un agente libero dal servizio si trovava in zona di via Venezia. L'attenzione dell'agente veniva richiamata da un giovane, dall'aspetto trasandato, che si aggirava con fare sospetto nei pressi di una banca. Il poliziotto, considerata la possibilità che il soggetto potesse commettere qualche reato, si appostava in modo da poter osservare i movimenti del sospettato. Quest'ultimo, dopo aver passeggiato nervosamente nei pressi delle banca osservava le biciclette posteggiate su una rastrelliera. Infatti, dopo circa dieci minuti, si avvicinava ad una bicicletta, l'afferrava e si allontanava in direzione via Venezia trascinando la bici.
A questo punto il poliziotto, chiaro del fatto che la bici non potesse essere di proprietà dell'uomo, lo bloccava e richiedeva l'ausilio di una volante che giungeva sul posto dopo pochi istanti.
Gli agenti della volante provvedevano ad accompagnare il soggetto in Questura. Identificato per O.A. italiano classe 1979 con precedenti di Polizia grazie ai rilievi foto segnaletici, il ladro veniva denunciato in stato di libertà per il reato di furto aggravato.

FURTO IN ABITAZIONE IN VIA MONTE PRINZERA.

Alle ore 15.15 la volante veniva inviata in via Monte Prinzera in quanto, durante la mattinata, era stato commesso un furto all'interno di un appartamento. Sul posto gli agenti contattavano il richiedente unitamente al quale effettuavano un sopralluogo ed accertavano che i ladri, dopo aver danneggiato la recinzione esterna, si introducevano nel giardino della casa e successivamente, forzando una finestra posta sul resto, nell'abitazione.
All'interno dell'abitazione i ladri rovistavano in quasi tutte le camere mettendo tutto a soqquadro ed asportando diversi oggetti preziosi della quali al momento non si riusciva a quantificare il valore.

STRANIERO INSULTA DUE RAGAZZE SULL'AUTOBUS. DENUNCIATO
Alle ore 19.50 circa, gli agenti venivano inviati in strada Traversetolo in quanto, sull'autobus linea 11, vi era appena stato un diverbio tra due ragazze ed uno straniero. Sul posto gli agenti identificavano le due ragazze, una minorenne ed una di pochi mesi sopra i 18 anni, le quali riferivano che mentre si trovavano a bordo del suddetto autobus venivano insultate da uno straniero. Le ragazze riferivano che il diverbio era nato in quanto lo straniero, probabilmente ubriaco, aveva fatto cadere in terra una bottiglia di birra che era rotolata verso le due ragazze, provocando le loro rimostranze. A questo punto lo straniero iniziava ad insultare le due senza però mai minacciarle o passare alla vie di fatto.
Lo straniero, che si trovava ancora a bordo dell'autobus, a specifica domanda da parte degli agenti, riferiva che non aveva al seguito alcun documento e che non aveva alcuna voglia di parlare con la Polizia, deridendo gli agenti intervenuti. Stante quanto sopra il soggetto veniva accompagnato in Questura per una corretta identificazione e sottoposto a perquisizione che dava esito positivo in quanto all'interno del giubbotto dello straniero veniva trovato in un coltello multiuso.
L'uomo veniva identificato per S.B. nato in Gambia nel 1997, con precedenti di Polizia ed in regola con la normativa sul soggiorno, e denunciato per il reato di rifiuto di indicazioni sulla propria identità e porto di oggetti atti ad offendere.

FURTO IN UN APPARTAMENTO DI VIA BOLOGNA

Alle ore 20.45 la volante veniva inviata in via Bologna in quanto una donna, rientrata nella sua abitazione, si accorgeva che ignoti vi si erano introdotti ed avevano asportato alcuni oggetti. La donna riferiva di essere stata fuori dalla mattina ed al suo rientro, verso le ore 20.00, notava che tutti i cassetti erano stati aperti e rovistati all'interno.
La donna lamentava la mancanza di alcuni monili in oro dei quali però, al momento, non sapeva quantificarne il valore.

Pubblicato in Cronaca Parma

Microcriminalità scatenata. Tre persone fermate e denunciate per furti all'interno dei supermercati Esselunga e Panorama. Una ragazza minorenne, i cui i genitori erano irreperibili, è stata affidata a una comunità

FURTO ALL'ESSELUNGA DI VIA EMILIA OVEST DENUNCIATO.

Alle  08.40 di ieri mattina una volante veniva inviata presso il supermercato "Esselunga" di via Emilia ovest su invito di un addetto alla sicurezza che aveva fermato un uomo responsabile di furto. Gli agenti hanno quindi identificato S.F. italiano classe 1960, già noto alle forze dell'ordine per numerosi reati contro il patrimonio.

Il ladro, come testimoniato dall'addetta alla sicurezza, mentre si aggirava tra gli scaffali prelevava una parure da letto e, dopo averla occultata sotto il giaccone, si allontanava dal supermercato oltrepassando la barriera casse. Prontamente fermato dal servizio di sicurezza il soggetto immediatamente riconsegnava quanto indebitamente asportato.
La merce, del valore di euro 80 circa, veniva restituita al responsabile del negozio mentre S.F., accompagnato in Questura per essere sottoposto a rilievi foto segnaletici, veniva denunciato per il reato di furto aggravato.

FURTO PANORAMA. DENUNCIATE UNA MINORE ED UNA 22ENNE.

Verso mezzogiorno un'altra volante veniva inviata presso il supermercato Panorama in quanto erano state fermate due ragazze responsabili di furto. Anche in questo secondo caso gli agenti provvedevano a identificare le due ragazze, note alla Questura di Parma per numerosi pregiudizi di Polizia per reati contro il patrimonio. S.B. nata a Roma nel 1995 e H.L. classe 2000 nata a Roma di nazionalità bosniaca, secondo quanto reso dall'addetto alla sicurezza erano entrate all'interno del supermercato con un passeggino e, aggirandosi tra gli scaffali, avevano occultato diversi oggetti all'interno delle loro borsette. Superata la barriera cassa, senza mostrare la merce precedentemente occultata, tentavano di allontanarsi dal centro commerciale ma venivano prontamente fermate dall'addetto alla sicurezza e da personale dell'I.V.R.I.. Le due donne consegnavano spontaneamente la merce rubata (per un valore di 50 euro circa).

La ragazza minore riferiva agli agenti di trovarsi in stato di gravidanza mentre la 22 enne era in compagnia dei suoi tre figli minori di rispettivamente di anni 2, 1 ed un neonato di pochi mesi.

Le due ragazze venivano accompagnate in Questura e sottoposte a rilievi foto segnaletici in quanto entrambe prive di documenti identificativi. Dai risultati emersi si evinceva che le donne erano state fermate numerose volte dalle forze di Polizia utilizzando quasi sempre nomi diversi. Le due venivano quindi denunciate in stato di libertà per il reato di furto aggravato in concorso.
La minore, considerato che i genitori erano irreperibili, è stata affidata ad una comunità.

 

Pubblicato in Cronaca Parma

Erano circa le 13.30 di ieri, quando una  volante veniva inviata al supermercato "Famila" di strada Langhirano su richiesta del direttore del supermercato che aveva fermato un soggetto responsabile di furto.

Il direttore riferiva che, mentre si trovava in negozio, notava un uomo già noto per furti nel medesimo locale, che lo insospettiva e perciò   decideva di tenerlo sotto "mira"  con le telecamere di sicurezza.

Tramite il sistema di videosorveglianza in effetti il direttore osservava che l'uomo era intento a prelevre diversi generi alimentari dagli scaffali occultandoli all'interno della giacca; giunto nei pressi delle casse il sospettato, anziché pagare la merce, per un valore di euro 40 circa, usciva utilizzando la corsie dedicata all'uscita senza acquisti. Il direttore a questo punto fermava l'uomo e contattava il 113.

Gli agenti identificavano il soggetto e da accertamenti di Polizia accertavano che l'umo aveva a carico numerosi precedenti di Polizia per reati contro il patrimonio ed in particolare per furti all'interno dei supermercati.

Il soggetto, che risultava inoltre avere a suo carico la misura della libertà vigilata, veniva sottoposto a perquisizione personale estesa anche al veicolo a lui in uso, perquisizione che dava esito positivo in quanto all'interno del veicolo venivano rinvenuti altri generi alimentari riportanti l'etichettatura del supermercato Esselunga, dei quali l'uomo confermava l'illecita provenienza.

Successivamente, dopo aver confermato che la merce era di proprietà del supermercato Esselunga, si contattava i direttore per la restituzione di quanto rinvenuto.

Il soggetto, B.E. italiano classe 1957, residente nel piacentino, con il divieto di ritorno in vari Comuni italiani, veniva quindi sottoposto a rilievi foto segnaletici e denunciato per il reato di furto aggravato.

Pubblicato in Cronaca Parma
Pagina 5 di 7