Visualizza articoli per tag: automobilismo

Lunedì, 27 Agosto 2018 20:18

Però, Zanardi da Castel Maggiore!

Alessandro Zanardi torna al volante. Debutta nel difficile DTM ed artiglia un'incredibile quinta posizione. La leggenda continua.

di Matteo Landi

Alex è fatto così. Abbraccia continuamente nuove sfide. Quando nel 2003 tornò al volante di un'auto da corsa erano tanti gli scettici. Un uomo senza gambe in un campionato automobilistico? Farà solo la comparsa, la mascotte della categoria o costituirà addirittura un pericolo per gli altri piloti? Eppure sarebbe bastato poco per rendersi conto che stavamo per assistere ad un'impresa sportiva ed umana più unica che rara. Sarebbe bastata una lettura poco più che superficiale dell'essere umano Alex Zanardi - il pilota che dominò in America quando la Cart era un campionato altamente professionale, per certi aspetto allo stesso livello del Grande Circus della Formula 1 - per capire che una storia da antologia stava per essere scritta. Quella storia che ancora non è arrivata all'ultimo capitolo. BMW ha sempre creduto in lui, permettendogli di vincere nel Mondiale Turismo, regalandogli altre importanti chance ora che la sua carriera automobilistica deve trovare spazio fra le sue vittorie in handbike, vedi l'unica e vincente apparizione di Alex nel Campionato Italiano Gran Turismo 2016. Lo scorso weekend il DTM ha fatto il suo debutto a Misano. E BMW ha voluto Zanardi nelle sue fila. Per Alex la sfida era incredibile: rookie a 51 anni suonati, in una categoria in cui competono ex piloti di F1, veterani e giovani di belle speranze che hanno preferito all'eterna trincea da collaudatori in F1 una carriera da professionisti al servizio di Mercedes, Audi o BMW su vetture da oltre 500 cv. Per la prima volta Zanardi ha corso senza protesi, tutti i comandi sul volante: pulsanti e leve da azionare con le sue mani. Il resto ce l'ha messo il cuore.

In Gara 1 Zanardi ha preso le misure. In Gara 2 il colpaccio

La prima gara del weekend l'ha affrontata puntando al sodo, evitando di fare danni. Risultato: 13esimo. Nella seconda gara Alex ha cercato e ottenuto il colpaccio. Gara in notturna, partenza su pista bagnata. Zanardi è scattato dall'ultima posizione. Ha prima evitato i guai poi ha lasciato che la maggior parte dei piloti passasse alle gomme slick, su pista che via via si andava ad asciugare. Ritrovatosi in un'inaspettata quarta posizione e prossimo al suo pit stop ha deciso di continuare, convinto che il meteo sarebbe cambiato. Così è stato. Altro scroscio di pioggia ed alle spalle del pilota bolognese si è scatenato il delirio: testacoda, scontri, sbandate incontrollate, chi aveva le slick si è ritrovato costretto all'ennesima sosta. Zanardi, dopo aver subito il sorpasso di Eriksson, che poi vincerà la gara, si è ritrovato con un giro di vantaggio sul sesto classificato. Dopo una fase di neutralizzazione per l'intervento della safety car il pilota italiano ha impostato un ottimo ritmo, con un occhio su chi alle sue spalle stava rimontando, con pneumatici più freschi: l'ex F1, leader della classifica, Paul Di Resta. E dopo la sosta Alex ha condotto la sua BMW al quinto posto finale, mostrando un passo stupefacente per un debuttante, con tutte le limitazioni del caso. Mai un errore, mai una sbavatura, per lunghi tratti di gara ha perso un solo secondo al giro nei confronti del leader. "Sono molto grato per questa chance ricevuta da BMW. Hanno sempre creduto in me, sono felice di averli potuti ripagare. Questo weekend avrà sempre un posto speciale nel mio cuore". Anche nel nostro, Alex. 51 anni, una carriera ricca di vittorie alle spalle, ed ha ancora la fame di stupire del giovane debuttante. Ah, dal 2001 gli mancano le gambe, ma la gioia che prova per quel che gli è rimasto non l'ha mai fatto vacillare. A gennaio affronterà la 24 ore di Daytona. Sempre con BMW. Che dire? Però, Zanardi da Castel Maggiore!

Pubblicato in Motori Emilia
Martedì, 07 Agosto 2018 09:41

Niki Lauda, l'intramontabile

Il tre volte campione del mondo di F1, oggi presidente non esecutivo Mercedes, ha superato con successo un trapianto polmonare presso l'Ospedale di Vienna. L'ennesimo capitolo difficile di una vita da film, vissuta con coraggio e determinazione.

di Matteo Landi

Maggio 2006, Lauda ed Ecclestone ricostruiscono davanti le telecamere ciò che accadde quel maledetto 1° agosto del 1976. Camminando sul circuito del Nurburgring, a distanza di circa 30 anni Lauda ripercorre con la mente gli istanti precedenti al fatidico schianto che lo sfigurò per sempre. Ad un certo punto Merzario, colui che all'epoca ebbe la forza ed il coraggio di fermarsi, scendere dalla sua Wolf-Williams per prelevare il corpo offeso di Lauda dalla Ferrari in fiamme, raccoglie un grosso orecchio di plastica. Risate. Lauda lo occosta al suo volto: ok Niki, sei più bello con il tuo sbruciacchiato orecchio naturale! Lauda e Merzario ridono a crepapelle. E' sempre stato così. Forte, determinato e cinico. Da quel terribile incidente, che avrebbe messo un punto alla carriera di tanti, lui ne uscì più forte che mai. E l'anno dopo, nel 1977, brandì un altro titolo alla corte di Enzo Ferrari. Ebbe poi il coraggio di entrare in contrasto con il Grande Vecchio, lasciare la Scuderia per giocarsi altre carte alla Brabham. Il suo terzo titolo mondiale lo colse però nel 1984, quando al volante di una McLaren riuscì a sconfiggere per mezzo punto un altro grande di sempre, Alain Prost. Fedele? Mai. Faceva la fortuna di ogni squadra, grazie alle sue abili doti di collaudatore. Era capace di rigirare un'auto come un calzino ed a beneficiarne era anche il compagno di squadra: la vettura cresceva, il team diveniva vincente mai lui era già pronto per una nuova sfida. Altrove. I fans del Cavallino lo ricordano anche consulente Ferrari, negli anni 90, prima che Niki passasse in Jaguar. Oggi Lauda, l'intramontabile, è presidente non esecutivo di quella Mercedes che domina da anni sui circuiti di F1. La sua presenza ai box è fondamentale, specialmente nella gestione di piloti di rango come Hamilton. Ora che è affiancato da Bottas la vita di Niki è più semplice. Ma non è per questo che recentemente si era assentato. Una vacanza ad Ibiza, febbre alta ed una forte tosse. Da lì il suo quadro clinico è notevolmente peggiorato fino al trapianto di polmone ben superato nella sua Vienna. Dopo una vita di corsa e di corse, vissuta con responsabilità e coraggio a 300 all'ora, Niki si trova davanti all'ennesima sfida. Nel 2013, con "Rush", Ron Howard illustrò al mondo il campionato del mondo di F1 del 1976 e racchiuse in 123 minuti di pellicola parte della magia del pilota, ed uomo, Niki Lauda. Capace di rialzarsi dopo il tonfo del Nurburgring e di abbandonarsi poi alla "cinica" paura del Fuji, lasciando sotto il diluvio il titolo al rivale Hunt. Consapevole che avrebbe comunque vinto ancora. Come nel periodo successivo al terribile schianto oggi Niki sta raccogliendo le forze per tornare al comando dell'armata Mercedes. Negli ultimi giorni Walter Klepetko, capo del dipartimento clinico di chirurgia toracica dell'ospedale di Vienna, ha dichiarato: "Le condizioni del signor Lauda erano estremamente critiche, i polmoni fortemente danneggiati. Ci vorrà del tempo ma siamo ottimisti". Visto che si parla di uno come Niki Lauda come si può pensare diversamente? A presto intramontabile Niki!

Pubblicato in Motori Emilia
Domenica, 29 Luglio 2018 19:43

F1, Ungheria: doppio podio amaro

Vettel e Raikkonen salgono sul podio ma Hamilton vince ancora. Adesso i punti che Vettel deve recuperare sono 24. Ancora troppi errori per gli uomini di Arrivabene ma il titolo non è un miraggio.

di Matteo Landi

Il Gran Premio d'Ungheria poteva essere l'occasione per cancellare la delusione dello scorso Gran Premio di Germania. L'impresa non è riuscita alla Ferrari, ancora frastornata dall'addio di Marchionne. Se ad Hockenheim gli uomini di Maranello potevano ascrivere la sconfitta ad un piccolo ma determinante errore di Vettel, sull'Hungaroring nessuno nel box Rosso ha reso al massimo, determinando un'altra sconfitta che brucia. Durante le prove libere, disputatesi sull'asciutto, le Ferrari erano indubbiamente le vetture più veloci. La pioggia, caduta sabato, ha però stravolto i piani di Vettel e Raikkonen, incapaci di battere sull'asfalto viscido il duo Mercedes. Risultato: Hamilton in pole position davanti a Bottas, con Raikkonen e Vettel qualificatisi rispettivamente terzo e quarto. Il weekend ha svoltato in quel momento. In gara, su pista non più bagnata, la Ferrari aveva tuttavia l'occasione di contendere la vittoria ad Hamilton. Al termine del primo giro la classifica recitava Hamilton, Bottas, Vettel, Raikkonen. La Ferrari aveva deciso di far partire il tedesco con gomme soft, andando controcorrente rispetto agli altri top driver, partiti con le più morbide ultrasoft. La strategia stava funzionando ma sono stati i meccanici del box Rosso a sbagliare. Vettel, durante la sua sosta, ha perso secondi preziosi e la sua gara si è scontrata con "il tappo" Bottas, abile a contenere il tedesco ed il rientrante Raikkonen. Dopo l'errore di Vettel in Germania, i pessimi pit stop compiuti dai meccanici Ferrari in terra ungherese indicano che la sosta estiva arriva nel momento migliore per gli uomini guidati da Arrivabene. Per continuare a sognare il titolo servirà un'inversione di tendenza significativa, ogni altro errore potrà segnare il punto di svolta definitivo, in negativo, per le ambizioni iridate di Vettel. Alla fine della gara i due piloti della Rossa sono riusciti a salire sul podio, dietro al vincitore Hamilton che adesso vanta 24 punti di vantaggio sul rivale tedesco. Quasi quanti ne assegna la vittoria: 25.

Bottas, azione deliberata o da incompetente?

La gara ungherese ha segnato definitivamente il destino di Bottas, ormai inequivocabilmente relegato a seconda guida Mercedes, gregario indiscusso del leader di box Hamilton. Il finlandese ha perso ulteriori punti mondiali a causa di una condotta di gara sconsiderata. Eravamo a Silverstone quando Allison, direttore tecnico Mercedes, scaricò tutta la sua frustazione su Raikkonen, reo di aver colpito Hamilton nelle prime concitate fasi di gara. Per usare le sue stesse parole: caro Allison, è stata un'azione deliberata o da incompetente quella compiuta da Bottas, che negli ultimi giri ha rischiato di eliminare Vettel dalla gara? Che dire poi della collisione Bottas-Ricciardo, avvenuta poco dopo, con il pilota Mercedes che è andato a colpire la pancia destra della Red Bull dell'australiano? Che pensare poi delle (mancate) decisioni dei commissari? Se a Silverstone il finlandese di casa Ferrari fu sanzionato con 10 secondi di penalità, in Ungheria quello di casa Mercedes è stato sanzionato solamente "a metà": 10 secondi aggiunti al suo tempo finale di gara per lo scontro con Ricciardo, che non cambiano alcunchè. Ignorato l'episodio con Vettel. Quest'anno gli uomini guidati da Charlie Whiting si stanno superando. In negativo. Tornando con la memoria al weekend del Gp d'Austria spiccano le 3 posizioni di penalità inferte in griglia a Vettel per presunto impedimento ai danni di Sainz durante le qualifiche. Stavolta neanche una ramanzina a Verstappen, colpevole dello stesso illecito durante le prove ufficiali del Gran Premio d'Ungheria. Pensare che esista una volontà dei poteri forti della Formula 1 di danneggiare la Ferrari è pura fantasia. E' molto più realistico affermare che chi prende le decisioni nel Grande Circus sia inadeguato: serve un'uniformità di giudizio oppure tutto si trasformerà in un baraccone senza senso.

Raikkonen, e sono 5 di fila!

In seguito alla sua doppia azione sconsiderata Bottas non è riuscito ad andare oltre il quinto posto finale. I tanti tifosi finlandesi accorsi in terra magiara hanno comunque potuto gioire per il terzo posto conquistato da Raikkonen, abile nel finale ad approfittare del già citato scontro Bottas-Vettel. Per la vettura n°7 il box Ferrari ha optato per le due soste. La strategia, messa in difficoltà dall'ennesimo pit stop particolarmente lento del box Rosso, ha dato a Raikkonen la possibilità di stare in pista con pneumatici sempre piuttosto freschi. Per contro, il pilota di Espoo, ha dovuto spingere costantemente per recuperare i circa 21 secondi persi a causa della sosta in più, non eseguita dal compagno Vettel e dal duo Mercedes. Il recupero è riuscito benissimo a Raikkonen che ha così potuto festeggiare il quinto podio consecutivo. Alla faccia di chi lo vedeva già senza sedile per il 2019 a vantaggio del giovane Leclerc.

Leclerc, gara no. Gasly, sesto: rivincita Honda

Non è stata una gara fortunata per il giovane monegasco pilota del Ferrari Driver Academy. Poco dopo il via si è ritrovato costretto al ritiro dopo qualche toccata subita alla prima curva. Stavolta la futura stella Ferrari non ha avuto modo di mostrare il proprio talento dopo che, per la verità, non aveva brillato neanche in qualifica. Chi ha spiccato è invece Gasly: costantemente in top ten, a suo agio sulla pioggia caduta durante le prove ufficiali che hanno decretato la sua terza fila in griglia di partenza. Grazie ad il suo sesto posto finale e gli 8 punti conquistati Toro Rosso rosicchia un pò dello svantaggio che subisce da chi la precede in classifica costruttori: la blasonata McLaren. Uno smacco per gli uomini del team inglese, fantasma di se stesso. Dopo anni a decantare la presunta superiorità del telaio McLaren, vanificata dalle scarse prestazioni della power unit Honda ecco che la piccola Toro Rosso, grazie alla stessa Honda, si fa beffa di McLaren-Renault.

Sosta estiva: chi ne gioverà?

Adesso il Grande Circus si ferma per circa un mese. I motori torneranno a rombare a fine agosto sul circuito di Spa, in Belgio. Nel 2017 fu la svolta della stagione. Il ritorno alle ostilità decretò la fine dei sogni di titolo per la Ferrari, afflitta da innumerevoli problemi tecnici nelle ultime gare stagionali. Con una terribile trasferta asiatica. Oggi a Maranello vanno in vacanza dopo giorni difficili, con il lutto di Marchionne che sovrasta qualsiasi risultato negativo ottenuto in pista. Nelle Ardenne, Vettel e soci, incontreranno un pista che potrebbe esaltare le qualità della SF71-H. Da non vanificare con gli errori-orrori visti in quest'ultima settimana di corse. La pausa servirà a ricaricare le energie. I 24 punti che separano Vettel da Hamilton possono non essere uno scoglio insormontabile.

Pubblicato in Motori Emilia
Domenica, 22 Luglio 2018 19:50

Incubo Rosso

Vettel getta al vento una vittoria certa nel weekend che cambia la storia della Ferrari. Marchionne perde il comando mentre, a Zurigo, lotta per la vita. Storia di un weekend che segna un'era.

di Matteo Landi

Weekend del Gp di Germania, sabato 21 luglio 2018, Vettel conquista una strepitosa pole position ma la gioia del box Ferrari è contenuta. Nel frattempo i vertici FCA sconvolgono la direzione del Gruppo, Ferrari compresa. Le condizioni di Sergio Marchionne, operato alla spalla destra, si sono complicate notevolmente negli ultimi giorni. Il top manager, ricoverato a Zurigo "non potrà tornare a lavorare", si legge in una nota della stessa FCA. Mentre Vettel pone le basi di una vittoria che lui stesso getterà al vento, Marchionne perde ogni carica presso Cnh Industrial, Fca e Ferrari. Il nuovo presidente del Cavallino diventa John Elkann, visibilmente addolorato per le condizioni di Marchionne, e amministratore delegato Louis Camilleri, quest'ultimo attualmente presidente del board di Philip Morris International. Ad Hockenheim la Ferrari può, nonostante tutto, rafforzare la leadership iridata. Di fronte al dramma dell'ormai ex Presidente tutto va in secondo piano, ma gli uomini di Arrivabene hanno il compito di portare avanti il sogno iridato che lo stesso Marchionne ha creato, prendendo per mano una Ferrari in profonda difficoltà agli albori dell'era power unit.

Hockenheim, la gara: dall'errore di Vettel alla rimonta di Hamilton

In Germania, invece, la vittoria che fino a due terzi di gara sembrava scontata, ed addirittura una sonora doppietta, si è trasformata in una bruciante sconfitta che non fa bene agli animi del box Rosso. E soprattutto a Vettel. Il Campione stavolta ha toppato. Di brutto. Con Hamilton penalizzato in qualifica da un problema tecnico, forse generato da un suo stesso errore, il tedesco di casa Ferrari aveva l'occasione per dare un sensibile strappo al mondiale. Ed invece è bastata un pò di pioggia, un piccolo errore e Vettel ha terminato anzitempo la sua gara contro le barriere. Uno sbaglio banale, quasi da debuttante. Succede anche ai migliori. "La Domenica di Vettel" di colpo si trasforma in "La Domenica di Hamilton". Partito con il coltello fra i denti l'inglese aveva rimontato bene fino alla quinta posizione, già sua al 14esimo giro. Senza il cambio di meteo non avrebbe assolutamente potuto competere per la vittoria, facilitata anche dalla safety car entrata in pista nel finale.

Hamilton fortissimo e vittorioso, con aiutino

La direzione gara ha ancora una volta dato una bella mano al pilota Mercedes, non penalizzato nonostante la brusca sterzata data da Hamilton alla sua Mercedes che gli ha permesso di tornare in pista quando aveva già imboccato la corsia di ingresso ai box. Nel 2016, a Baku, Kimi Raikkonen per molto meno fu sanzionato con 5 secondi di penalità. Uno dei lati oscuri della Formula 1, quello delle penalità affibbiate a casaccio, che sembra non possa schiarirsi mai. Detto questo non si può che applaudire la gara di Hamilton, tornato in testa al mondiale con ben 17 punti di vantaggio su Vettel.

Raikkonen: bella gara ma non è mai il suo giorno

Poteva essere la gara di Raikkonen ma l'ultimo campione del mondo Ferrari non riesce a farsi baciare dalla fortuna. Dopo il ritiro di Vettel è stato malamente ostacolato da un doppiato, perdendo la seconda posizione, conquistata da Bottas. Dalla terza piazza non è riuscito a schiodarsi visti anche i pochi giri a disposizione da lì alla bandiera a scacchi. In gara il finlandese è passato dalla leadership, al dover lasciar strada al compagno Vettel per ordine di Scuderia, alla terza posizione finale, appunto. Raikkonen aveva svolto il suo unico pit stop al 14esimo giro di gara. Ha tenuto un ottimo ritmo nonostante si trovasse in pista con gomme con cui sperava di concludere la gara senza doverle sostituire. Poi la pioggia e tutto il resto. Niente, per il buon vecchio Kimi non ce n'è!

Il weekend nero della Rossa

Quello che sta terminando è un weekend strano per Maranello. Dalla pole position ottenuta proprio mentre cambiavano le redini dell'azienda, alla botta di Vettel contro le protezioni. Molto più della sconfitta fanno male le condizioni in cui versa l'ex Presidente. Un uomo lontano dallo stile del Grande Vecchio, Enzo Ferrari. Distante dal modo di condurre la Ferrari che aveva Montezemolo. Si è fatto odiare dai fans della Rossa quando ha maltrattato a parole Luca Cordero. Si è fatto amare quando ha mostrato che, a modo suo, era possibile riportare alla competitività una squadra che nel 2014 aveva toccato uno dei suoi minimi storici in termini di risultati nella massima competizione automobilistica. La Ferrari adesso guarda al futuro con parziale incertezza. Da una parte ci sono i grandi numeri ottenuti dall'industria di automobili stradali ed il bel gruppo formato in epoca Marchionne per quanto riguarda la Scuderia. Dall'altra ci si domanda quale sarà la direzione che prenderà un manager del calibro di Camilleri. Potente uomo d'affari, fra il 2002 ed il 2007 presidente Kraft, ed attualmente -come detto- presidente Philip Morris. Si proseguirà lungo la via tracciata da Marchionne o si cambierà direzione? Il 22 luglio 2018 per la Ferrari non sarà ricordato per la brusca sconfitta subita in pista. Verrà ricordato come la domenica del weekend che bruscamente ha segnato un'era. In bocca al lupo Sergio.

Pubblicato in Motori Emilia
Domenica, 10 Giugno 2018 23:58

F1, Canada: il Fiume Rosso

A Montreal la Ferrari è un fiume in piena che abbatte qualsiasi avversario. Vettel domina, Hamilton è solo quinto. Raikkonen, sesto, non partecipa alla festa Ferrari ma Vettel, adesso, è primo nel mondiale.

di Matteo Landi

Durante l'inno italiano Vettel si improvvisa direttore d'orchesta, scandisce il ritmo ai suoi meccanici che, ai piedi del podio, cantano a squarciagola. Era una bella abitudine del grande Schumacher, portata avanti durante la sua permanenza in Ferrari fino a quando, ingiustamente, fu bacchettato dai politici italiani. Al termine del Gp del Canada Vettel fa bene ad essere felice. Un dominio totale il suo, iniziato con la pole position conquistata sabato. Tutti i giri al comando, altra analogia con le gare della Ferrari dei tempi d'oro del sette volte iridato che ha fatto la storia della Formula 1. Una noia mortale per qualcuno, bellissima per i tifosi Ferrari sparsi in tutto il mondo. Come le tribune di Montreal, tinte di rosso, ricordano. "Non c'è due senza tre" recita il detto che i fan del Cavallino attendevano si traducesse in fatti da più di due mesi. Dopo le due vittorie consecutive di inizio mondiale il campionato degli uomini di Maranello aveva preso una strana piega: incidenti, calo di rendimento dovuto alle ormai famose gomme con battistrada dallo spessore ridotto impiegate in Spagna, il ritorno alla competitività della Red Bull. In Canada la Ferrari torna a festeggiare, interrompendo un digiuno di vittorie che sulla pista intitolata a Gilles Villeneuve durava dall'ormai lontano 2004 quando a trionfare fu, manco a dirlo, Michael Schumacher. Se la cavalcata vincente di Vettel è sembrata fin troppo facile il merito è proprio del tedesco, ben coadiuvato dagli ultimi sviluppi della power unit Ferrari. Dopo essersi conquistato una combattutissima pole position al via non ha lasciato alcuna speranza a Bottas e Verstappen, partiti rispettivamente dalla seconda e terza posizione. L'avvio fulmineo di Vettel è stato tuttavia subito stoppato dall'ingresso in pista della safety car, necessaria affinchè i commissari potessero rimuovere le vetture incidentate di Hartley e Stroll. Al rientro ai box della vettura di sicurezza, avvenuto al termine del quarto giro, Vettel ha ben gestito la ripartenza e, da quel momento, Bottas non ha mai costituito una reale minaccia per le ambizioni di successo del tedesco. Il quale lascia il Nord America in testa alla classifica mondiale, con un punto di vantaggio su Hamilton.

Hamilton: nella "sua" Montreal dalle stelle alle stalle

L'inglese attendeva con impazienza la pista canadese, sulla quale aveva già trionfato ben sei volte. Una pista che avrebbe dovuto favorire il suo stile di guida e la potenza della power unit Mercedes. La prima delusione di Hamilton è arrivata addirittura prima del weekend, quando Mercedes ha deciso di non portare in pista una nuova power unit dotata degli ultimi sviluppi: affidabilità non certa per il motorone tedesco e tutto rimandato al Gran Premio di Francia. Per Hamilton l'inerzia negativa è poi proseguita sabato, quando non è riuscito a far meglio di una mediocre quarta posizione. In gara gli è andata anche peggio: verso il decimo giro ha accusato una presunta perdita di potenza ed a fine gara non è riuscito ad avere la meglio su un Ricciardo azzoppato da un motore stanco e dall'affidabilità ballerina trascinatasi dallo scorso Gran Premio di Monaco. Al termine la classifica di gara recita: Vettel, Bottas, Verstappen, Ricciardo, Hamilton e Raikkonen. Quasi una battuta d'arresto, quindi, per l'inglese campione del mondo in carica che adesso, come detto, si vede sopravanzato nel mondiale dal rivale Vettel.

Che Bottas! Raikkonen opaco

Detto dei "grandi" di Ferrari e Mercedes è bene rimarcare il superlativo weekend di Bottas, per una volta indiscusso leader all'interno del box grigio. Un solo errore ha macchiato la gara del finlandese: al 56esimo giro ha intraversato la sua vettura pagando 1,5 secondi circa al leader ma, ad onor del vero, quanto successo non ha inficiato sul risultato finale. Prestazione incolore invece per il connazionale Raikkonen. Il ferrarista ha corso con la power unit priva degli aggiornamenti che hanno dato una spinta in più a Vettel ma il sesto posto finale e soprattutto il suo passo gara altalenante non convincono.

Leclerc: il futuro che avanza

Tralasciando la gara dei tre top team merita risalto la gara di Leclerc. Il monegasco ha condotto ancora una volta a punti l'Alfa Romeo-Sauber grazie alla sua decima posizione finale. Il pilota del Ferrari Driver Academy ormai non stupisce più e conferma le doti mostrate durante questo scorcio di campionato e soprattutto nelle formule propedeutiche. Con le sue gesta il giovane Leclerc fa navigare la Sauber dipinta Alfa Romeo in posizioni che, per prestazioni, non le competono. Vedere i risultati del più esperto compagno Ericsson per credere. Un altro motivo di gioia per gli uomini di Marchionne che attendono il prossimo gran premio per confermare le ottime prestazioni della SF71-H: in Francia la Pirelli porterà le gomme con spessore del battistrada ridotto di 0,4 mm, la prova del fuoco per Vettel e Raikkonen. Sarà l'occasione per scacciare certi fantasmi o per confermare che, comunque vada, sarà dura fino alla fine.

Pubblicato in Motori Emilia
Domenica, 13 Maggio 2018 19:56

F1, Spagna: Pirelli show per Hamilton

Pirelli cambia le gomme prima del weekend di gara e la Mercedes domina. Ferrari sprofonda. Campionato falsato? A Maranello adesso devono alzare la voce.

di Matteo Landi

A fine gara Hamilton ha ringraziato la squadra che gli ha fornito una vettura velocissima, dimenticando volontariamente di menzionare Pirelli. Durante i test invernali, disputati proprio sulla pista catalana, la Mercedes non riusciva a gestire adeguatamente le sue gomme: la vettura tedesca portava al blistering le Pirelli evidenziando una formazione di vesciche che andava a compromettere le prestazioni delle frecce d'argento e la durata delle gomme stesse. Per contro Ferrari aveva lavorato bene sul proprio telaio raggiungendo un feeling ideale fra esso e gli pneumatici. Dopo 4 gare bellissime, vissute con una lotta al vertice che ha fornito risultati eccellenti per Ferrari, a Barcellona lo spettacolo subisce una pesante battuta d'arresto con Hamilton che domina una gara soporifera. Merito di Pirelli che prima della gara, nonostante le squadre avessero già scelto la combinazione di mescole da portare in pista in Catalogna, decide di far debuttare uno pneumatico dal battistrada ridotto nello spessore di 0,4 mm. Una scelta che rende più difficile il surriscaldamento della gomma e la formazione di blistering. Ed in Spagna il campionato volta faccia. La Ferrari perde la sua superiorità prestazionale e già in qualifica si ritrova dietro alle due Mercedes. Non solo, questa modifica improvvisa portata dalla Pirelli stravolge il proverbiale equilibrio mostrato fino a Baku dalle vetture Rosse, e Vettel deve addirittura disputare il suo giro veloce con le teoricamente meno prestazionali gomme soft in luogo delle supersoft. In gara Ferrari sprofonda, lontana parente della formidabile Rossa vista nell'inizio di mondiale e Vettel, secondo ma ben lontano dal leader Hamilton, si ritrova costretto ad eseguire una sosta in più rispetto a Bottas e Verstappen che alla fine gli terminano davanti. Risultato: Hamilton si invola nel mondiale, Vettel giunge solamente quarto al traguardo e campionato decisamente falsato da una scelta discutibile di Pirelli.

Mercedes-Pirelli, la storia si ripete. Ferrari, adesso alza la voce!

Nel 2013 proprio Mercedes e Pirelli eseguirono un vietatissimo test privato. La squadra tedesca risolse i suoi problemi di gestione degli pneumatici e, nonostante fu palese la violazione, la Federazione di fatto non comminò alcuna sanzione al team teutonico. Maggio 2018, il rapporto Mercedes-Pirelli sembra più....saldo che mai. Con la complicità della Federazione Internazionale. Queste gomme con battistrada ribassato saranno protagoniste di altre due gare quest'anno e Ferrari può già mettere in bilancio una minus valenza inattesa fino a pochi giorni fa. A Maranello adesso devono alzare la voce. In caso contrario il peso politico Mercedes, di questo passo, schiaccerà ancora le ambizioni iridate degli uomini di Marchionne. Fra due settimane Pirelli tornerà agli pneumatici "convenzionali" e le vetture, su una pista storica e particolare come quella di Montecarlo, torneranno a mostrare le loro "reali" prestazioni.

Raikkonen si ritira: ben 2 problemi di affidabilità in solo weekend

In Ferrari devono comunque fare mea culpa per i preoccupanti problemi di affidabilità mostrati dalla monoposto di Raikkonen. Il finlandese ha vissuto una battuta d'arresto che mina le sue chance iridate e le ambizioni di classifica costruttori di Ferrari, adesso seconda e lontana da Mercedes. Alla Ferrari n. 7, durante le prove, avevano già dovuto sostiture il motore termico: adesso risulta impensabile per Raikkonen arrivare al termine del campionato senza incorrere in penalità. E siamo solo alla quinta gara.

Verstappen sul podio ma ancora graziato. Grosjean da pazzi!

Nessuna sanzione per Verstappen, ottimo terzo in Spagna, ma ancora protagonista di episodi negativi come la tamponata rifilata a Sirotkin che ha compromesso l'integrità dell'ala anteriore della Red Bull. Il danno non ha rallentato l'olandese, fortunato e graziato, ancora, dai commissari. Evidentemente le lotte della seconda parte dello schieramento assorbono le energie degli stewart, pronti a sanzionare Vandoorne per un banale e irrilevante taglio di curva ma insensibili alle manovre del pupillo Red Bull. Si spera invece che diano una punizione esemplare a Grosjean: al primo giro il pilota Haas ha perso la vettura ed è andato in testacoda, rigettandosi pericolosamente in pista in mezzo al gruppo delle monoposto. Per Hulkenberg e Gasly il contatto con la monoposto americana è stato inevitabile, con ritiro per le 3 vetture. Poteva andare molto peggio. Nel 2012 il pilota francese venne squalificato per una gara in seguito all'incidente al via del Gp del Belgio. Sei anni dopo si meriterebbe un'analoga sanzione.

Ferrari: tieniti stretto Leclerc! Magnussen: gran sesto posto

In Ferrari, nonostante un Gran Premio decisamente amaro, possono sorridere per le prestazioni di Leclerc, pilota dell'Academy in forza al team Alfa Romeo-Sauber. Il monegasco è andato ancora una volta a punti dopo una gara in cui ha duellato con piloti ben più esperti di lui ed il decimo posto fa seguito all'incredibile sesto di Baku. Gran gara anche di Magnussen: il danese ogni tanto spegne il cervello, come in prova quando ha ostacolato in pieno rettilineo proprio Leclerc, ed è un peccato perche l'ottimo feeling con la sua Haas gli permette prestazioni notevoli come il sesto posto al traguardo della gara odierna.

Williams, crisi infinita

Crisi nera invece per la Williams: il glorioso e plurititolato team inglese non riesce ad abbandonare le zone meno nobili della classifica. In qualifica occupa costantemente le ultimissime posizioni ed in gara non è che vada molto meglio. Il debuttante Sirotkin non può certo fornire indicazioni alla squadra tali da farle risalire la classifica. Stroll è al secondo anno in F1, l'anno scorso beneficiava della presenza in squadra del maturo Massa. Il 2018 rischia di diventare l'anno nero della storia della squadra inglese e le prospettive future appaiono ben poco rassicuranti, con sponsor sul piede di partenza. Vedere in pista il terzo pilota Kubica sarebbe bellissimo, ma non a queste condizioni: le scarse prestazioni offuscherebbero inevitabilmente gli sforzi compiuti dal polacco per tornare al volante di una F1 in un Gran Premio. Fra due settimane Monaco ospiterà il grande Circus iridato. Con gomme dal battistrada "ordinario" e sullo storico tracciato cittadino ne vedremo delle belle. Dopo la pagina nera scritta in Spagna la Formula 1 ne ha terribilmente bisogno.

Pubblicato in Motori Emilia
Mercoledì, 18 Aprile 2018 20:45

Romelettric!!!

Sabato scorso la Formula E è sbarcata a Roma, nelle strade dell'EUR. Una grande festa, una bella gara scandita da sorpassi e ruotate. Il sogno di Enzo Ferrari si è realizzato. E non finisce qui.

di Matteo Landi - Fotografie Benedetta De Marchi

Roma 2018-3

Sam Bird, Lucas Di Grassi e Andrè Lotterer festeggiano su un palco, in un bagno di coriandoli tricolori. Il primo è un ottimo pilota GT e vanta fra le sue molteplici esperienze sportive un periodo da collaudatore per la Mercedes di F1, il secondo ha corso per un anno nella massima Formula, con poca fortuna, e nell'endurance con successo, il terzo ha sbancato più volte Le Mans. Adesso sono protagonisti nel campionato di Formula E. Davanti a loro una marea di persone in festa ed un obelisco. Se si allunga lo sguardo si scorge il Palazzo della Civiltà Italiana, detto anche Colosseo Quadrato. Pochi anni fa avrebbe potuto essere un sogno. Invece è tutto vero, non servono pizzicotti, non c'è da svegliarsi. Roma, la città eterna, divenuta per un weekend il ponte fra presente e futuro. Il 14 aprile le strade dell'EUR hanno ospitato le monoposto elettriche che corrono in tutto il mondo. Audi, Renault, Jaguar, Mahindra, DS, sono solo alcuni dei marchi che partecipano al campionato nato nel 2014. Vetture che vantano un'accelerazione da 0 a 100 km/h in soli 3 secondi ed una velocità massima di circa 220 km/h. Fra un'accelerazione e l'altra, scandita dal fruscio del vento e dallo stridio delle gomme che scivolano sull'asfalto, migliaia di persone guardano incuriosite. Non corre la Ferrari, la nazionale Rossa, eppure tutti sembrano divertirsi. Sorpassi, ruotate, piloti che, come dei gladiatori moderni, si sfidano proprio nella Roma epica che conobbe altri tipi di lottatori. E' una grande festa, ma anche una sfida vera. Dispiace che il pilota italiano Luca Filippi non riesca ad uscire dalle retrovie, troppa sfortuna in un sabato per lui non indimenticabile. In Formula E tutto si svolge in un solo, intensissimo, giorno e se qualcosa non va per il verso giusto, lo paghi. Un format sicuramente interessante per il pubblico, che ha l'occasione di vedere compattate dalle 8,00 alle 17,05 prove libere, qualifiche, super pole e gara. Con in mezzo sessione di autografi, con i piloti a disposizione del pubblico, ed altre attività parellele. Mentre negli stand adiacenti alla pista DJ e musicisti accompagnano coloro che si avventurano fra le auto in esposizione: dalla monoposto di Formula E del futuro ad avveniristiche auto da strada. A Roma è successo questo ed altro, in un weekend da ricordare che ha dato lustro alla nostra capitale ed al paese intero.

Roma 2018-5

Le monoposto all'EUR: un sogno di Enzo Ferrari

Negli anni ottanta Enzo Ferrari tentò di far correre la Formula 1 a Roma, proprio nel quartiere dell'EUR. La gara fu inserita nel calendario di F1 del 1985 ma prima della sua disputa fu annullata: proteste ecologiste e congiunture politiche negarono il realizzarsi del sogno dell'uomo, icona italiana, e di milioni di appassionati. Quando nel 2009 viene presentato in Campidoglio il progetto di un Gran Premio di F1 da svolgersi sempre nell'EUR sembrano esserci tutti i presupposti perchè quanto messo nero su bianco possa concretizzarsi. C'è il disegno della pista, c'è l'entusiasmo di Maurizio Flammini, già organizzatore del mondiale Superbike, a promuovere quello che dovrà essere un evento con pochi uguali. Neanche due anni dopo l'allora sindaco della capitale Gianni Alemanno annunciò la rinuncia formale al progetto: ancora una volta la politica fece capolino sulla vicenda e Bernie Ecclestone ne ebbe abbastanza. Il 14 aprile 2018 la Formula E è riuscita laddove il grande Circus della F1 ha fallito. Fra le due categorie c'è un differenza abissale: da una parte corrono vetture con 1000 cv, dall'altra mezzi con prestazioni ben più modeste, in altre parole le auto che disputano le due categorie hanno in comune solo il numero delle ruote. Questo non toglie alla Formula elettrica le ragioni del suo successo: meno politica, organizzazione "smart", format che asseconda le esigenze del grande pubblico avvicinando i fan ai piloti ed alle auto. Tutte caratteristiche che hanno fatto la differenza, unite ai capitali che Formula E ha messo a disposizione per il rifacimento del manto stradale di parte dell'EUR ed al restauro di infrastrutture che resteranno a disposizione dei cittadini.

Roma 2018-4

Sam Bird vince davanti a più di 30.000 spettatori

La gara ha visto prevalere l'inglese Sam Bird, pronto ad approfittare della disavventura occorsa allo svedese Felix Rosenqvist, appiedato al 22esimo giro da una sospensione danneggiata. Un gran premio ricco di sorpassi e colpi di scena. A regalare emozioni ci ha pensato anche il brasiliano Lucas Di Grassi, secondo al traguardo dopo una bella rimonta condita da ruotate che hanno infiammato il pubblico. Come detto, peccato per Luca Filippi, mai protagonista e solamente 13esimo al traguardo. Stavolta la sua Spark-NIO non ha reso al meglio, come dimostra la 12esima posizione del compagno Oliver Turvey. In Formula E l'Italia è tuttavia comunque protagonista: tutti i piloti corrono con l'ottimo telaio nato dalla collaborazione fra Spark e Dallara, casa costruttice di Varano de' Melegari che vanta innumerevoli successi nei campionati automobilistici di tutto il mondo. Come sempre ha regalato spettacolo l'ex F1 Sebastien Buemi, mai domo e sempre pronto a ricorrere alle maniere forti quando c'è da attaccare o difendere la posizione. Lo svizzero si è comunque dovuto accontentare del sesto posto finale, dietro a Jean-Eric Vergne. Il francese, anch'egli ex F1, rimane leader della classifica e nonostante corra per la squadra privata cinese Techeetah, che utilizza materiale Renault, sta riuscendo ad avere la meglio su piloti che possono contare sull'appoggio della case madri.Roma 2018-2

Roma, la festa continua

Al termine della gara, fra musica e coriandoli, la sindaca Raggi ha annunciato l'intenzione di voler continuare ad ospitare la Formula E per altri 5 anni. Roma diventerà così una tappa abituale per gli appassionati di corse e non solo. Ancora 5 anni di sostenibilità, divertimento e competizione per Roma, sempre più Città Eterna.

Pubblicato in Motori Emilia
Domenica, 08 Aprile 2018 21:56

F1, Bahrain: Vettel nella storia!

Ferrari vince ancora grazie ad una magia del pilota tedesco: riscritta la storia delle corse. Bottas e Hamilton battuti. Sfortuna per Raikkonen. Che gara stupenda!

di Matteo Landi

Domenica 08 aprile 2018, uno di quei giorni che, sportivamente parlando, ringrazi Dio di aver vissuto. Una gara che rimarrà per sempre negli annali della Formula 1, come Jarama 1981 o Montreal 2003, con Villeneuve nel primo caso e Schumacher nell'altro, eroicamente vincenti nonostante il pressante fiato sul collo dei rivali giunti al traguardo a pochi metri di distacco. Bahrain 2018, la gara che consacra definitivamente Vettel nell'Olimpo dei grandi, così da fugare ogni dubbio anche a chi lo ha sempre visto pluricampione solo grazie ai mezzi che ha guidato. Il tedesco così fa due su due e dopo un Gran Premio d'Australia vinto di strategia, con anche un pizzico di fortuna, vince oggi nonostante la strategia, folle, dell'unico pit stop, portando a compiere alle sue gomme soft quasi 40 giri. A dire il vero l'azzardo era divenuto l'unico modo per vincere la gara quando si è visto il passo velocissimo delle due Mercedes, ma per concretizzare il risultato serviva un vero maestro della guida e Vettel lo è stato. A pochi giri dalla fine la vittoria di Bottas sembrava quasi scontata, poi sono venute fuori le doti da campionissimo di Vettel e la Ferrari ha potuto ancora una volta festeggiare nonostante i pronostici fossero tutti a favore dello squadrone Mercedes e di Hamilton.

Pole position e vittoria: Ferrari e Vettel danzano nel deserto del Bahrain

Ma in qualifica era già evidente come la Ferrari, dopo lo scherzetto australe, fosse pronta a giocare ancora in attacco, con Vettel e Raikkonen capaci di strappare una clamorosa doppietta. Riuscirci poi su una pista "completa" in cui la potenza della power unit, l'efficienza aerodinamica ed una buona trazione sono caratteristiche necessarie per ben figurare aveva gettato scompiglio nel box Mercedes. Inoltre l'armata tedesca era dovuta ricorrere alla sostituzione del cambio sulla vettura di Hamilton, costretto in gara a scattare solamente in nona piazza in seguito alla penalità di 5 posizioni prevista da regolamento. Allo spegnersi dei semafori Vettel è riuscito a mantenere la testa mentre Raikkonen, partito dal lato sporco, si è visto sfilare da Bottas. Intanto Hamilton iniziava una furiosa rimonta capace di portarlo in pochi giri in top 4. Ad un certo punto la gara sembrava andare incontro all'inglese, su una strategia che prevedeva una sola sosta consapevole dell'ottima velocità della sua vettura con le più durevoli gomme medie. Chissà come sarebbe andata a Raikkonen se gli avessero montato adeguatamente le supersoft per l'ultimo stint. Non lo sapremo mai, perchè lo sfortunato finlandese alla ripartenza dalla piazzola di sosta ha incompevolmente investito un meccanico che ancora non era riuscito a sostituire la posteriore sinistra. Risultato: ritiro per Raikkonen e gamba fratturata per il tecnico Ferrari. La casa del Cavallino si è così ritrovata nel finale di gara con una sola freccia nel suo arco contro le due Mercedes che dotate di gomme più fresche sembravano potersi sbarazzare facilmente della Ferrari leader della corsa. Forse solo a Vettel poteva riuscire la prodezza di cui si è reso protagonista. Con Hamilton più staccato Bottas ha provato all'ultimo giro l'attacco decisivo ma Vettel, quasi sulle tele, lo ha respinto andando a vincere ed entrando nella storia delle corse.

Ferrari-Mercedes: 2 a 0

Due vittorie su due gare per la Ferrari, su piste totalmente diverse: il cittadino di Melbourne ed una tracciato "vero" come quello costruito nella periferia di Manama. Vincendo "di rapina" in Australia, partendo dalla pole position in Bahrain. Per ora sta vincendo sui rivali anche sul piano dell'affidabilità, vista la necessità di Hamilton di dover sostituire il cambio dopo solamente un evento e la debacle personale di Bottas quando durante le qualifiche del Gp d'Australia è andato a muro. E' presto per parlare di "lotta mondiale" ma intanto godiamoci questa Ferrari e....grazie Vettel!

Toro Rosso fa festa e Sauber porta in top ten il marchio Alfa Romeo. Red Bull, che disastro!

Tralasciando Ferrari e Mercedes il secondo Gp della stagione ci consegna tre sorprese, di cui una in negativo. E' infatti andata malissimo a Red Bull, annunciata protagonista di questo mondiale. Nei fatti non sta concretizzando. Le vetture austriache nelle prove libere avevano mostrato un passo da primato ma già sabato Verstappen ha rovinato i piani della compagine di Mateschitz andandosi a schiantare contro le barriere, determinando così la sua 15esima posizione sulla griglia di partenza. In gara non è andata meglio al giovane pilota, ritiratosi dopo un contatto con l'incolpevole Hamilton. Dopo la pessima prestazione australiana un altro passo falso per il giovane olandese che rinverdisce così il soprannome "Versbatten" a suo tempo attribuito al padre. Peccato per Ricciardo, buon quarto sabato, vittima domenica di un presunto problema elettrico dopo pochi km. Zero in casella così per Red Bull in una gara che ha visto sorridere, eccome, i cugini di Toro Rosso: primi punti in F1 per Gasly che ha caparbiamente condotto al quarto posto finale la sua vettura dotata di una rinvigorita power unit Honda che ha permesso al francese di difendersi senza problemi sugli allunghi del circuito di Manama. Chissà come si sentiranno in McLaren: anni passati ad incolpare il costruttore nipponico per gli scarsi risultati ottenuti ed ora che hanno i motori Renault si beccano manciate di secondi dal piccolo costruttore faentino. Detto di Toro Rosso l'altra bella sorpresa è la buona prestazione della Sauber colorata Alfa Romeo, addirittura a punti con il meno blasonato Ericsson. Lo svedese si è reso protagonista di una gara solida, giungendo nono al termine di una gara che non ha visto brillare il compagno di squadra, campione di F2, Leclerc. Considerando anche la quinta posizione finale della Haas di Magnussen si può pensare che in Sauber abbiano ricevuto una bella mano dalla power unit Ferrari. Un altro vanto per la casa di Maranello in un giorno che ha riscritto la storia della Formula 1.

Pubblicato in Motori Emilia
Domenica, 25 Marzo 2018 13:24

F1, Australia: Alba Rossa

Bentornata Formula 1, bentornata Ferrari! Vince Vettel, davanti ad un Hamilton velocissimo. Raikkonen va sul podio. A Maranello hanno tanto lavoro da fare ma intanto cominciano con una bella sbornia australe.

di Matteo Landi

Il tempo dei fatti è arrivato. Fiumi di parole si sono sprecati durante un inverno di ipotesi, speranze, opportunità. Ma non a Maranello. Il silenzio "assordante" dei mesi che hanno separato l'ultima gara 2017 dalla prima di questa nuova stagione, è stato rotto solo da qualche dichiarazione di Marchionne riguardo la gestione della Formula 1 da parte dei nuovi padroni di Liberty Media, tenendosi invece abbottonato quando c'era da esprimersi sulla riscossa Ferrari che i tifosi tanto invocavano. Alle parole di Vettel ed Hamilton nel dopo qualifica del sabato, con l'inglese baldanzoso e sorridente che quasi si faceva burla della mimica facciale assente di Raikkonen, il più serio dei tre durante la press conference, sono seguiti i fatti. Ed i fatti ci hanno consegnato una Ferrari protagonista, festosa con Vettel vincitore e Raikkonen terzo dietro ad un cupo Hamilton che, arpionata la prima pole position dell'anno, sperava in qualcosa di meglio. Saranno tante le pole Mercedes quest'anno, perchè è la specialità di casa Hamilton e la Mercedes va forte, tanto forte. E' senza dubbio la vettura più veloce del lotto, ma la gara si gioca domenica e con queste nuove velocissime vetture dotate di un'aerodinamica estrema, sensibile in negativo alle scie, con le quali superare è divenuto ancor più difficile, la strategia è divenuta determinante. Al termine di questo Gran Premio d'Australia si contano pochi sorpassi, ma lo spettacolo, scaturito da una lotta sui decimi di secondo, da una tensione costante, da una lotta fra uomini, non è venuto meno. Quel tipo di spettacolo che è la vera essenza della Formula 1. La pista di Melbourne è particolare, un cittadino piuttosto veloce, atipico. I responsi di questa domenica non sono da prendere come oro colato e la vittoria Ferrari non significa che a Maranello lotteranno per il mondiale ma quant'è bello vedere la Rossa tagliare il traguardo davanti a tutti, quant'è stato bello sentire l'inno italiano cantanto a squarciagola dai meccanici della Scuderia. Bentornata Formula 1, bentornata Ferrari!

Vettel veloce, fortunato e più solido di Hamilton. Mercedes superiore ma non basta

La gara di oggi è stata l'ulteriore dimostrazione di quanto i risultati dei test invernali vadano presi con le molle. Dopo le prove di Barcellona gli addetti ai lavori vedevano favorita la solita Mercedes, con la Red Bull pronta a contendere il successo allo squadrone tedesco e la Ferrari terza incomoda. Vettel e Raikkonen avevano sparato dei temponi ma tanti davano merito del risultato all'utilizzo delle gomme più morbide della vasta gamma Pirelli di quest'anno e ad un carico di carburante irrisorio. La pole position stratosferica di Hamiton sembrava dar ragione all'opinione comune. L'inglese era riuscito a stare davanti ai due piloti Ferrari di 6 decimi, un distacco abissale per la Formula 1 odierna. Ma quanto lo specialista della pole aveva messo del suo e quanto era dovuto alla velocità della sua Mercedes? Difficile da dire, considerando che è venuta meno la prestazione del compagno Bottas, a muro nell'ultima parte delle qualifiche dopo un errore pacchiano, inaccettabile da uno che guida per i campioni del mondo in carica, dominatori dell'era power unit. Sicuramente i tanti che vedevano una Red Bull in palla si erano sbagliati riguardo alle performance Red Bull, ottime ma appena inferiori a quelle Ferrari: Verstappen si è dovuto accontentare della quarta posizione ad un soffio da Vettel, Ricciardo, penalizzato di tre posizioni in griglia per non aver rallentato a dovere in prova quand'era esposta la bandiera rossa, addirittura dell'ottava posizione. Ed in gara per gli alfieri della squadra austriaca è andata anche peggio. Verstappen, poco lucido fin dal via quando ha perso la posizione nei confronti della Haas di Magnussen, nel tentativo di sopravanzare il danese ha esagerato ed è finito in testacoda. Per lui tante sbavature in una gara che ha terminato sesto. Due posizioni dietro al compagno Ricciardo: solido, veloce, mai sopra le righe, l'australiano ha cercato di artigliare il podio, ma nel finale non è riuscito a superare un Raikkonen che ha fatto le spalle larghe, facendo valere la sua grande esperienza. Il finlandese è stato il vero asso nella manica Ferrari. Ad una Mercedes che ha corso con una sola punta, Bottas è partito quindicesimo ed ha tagliato il traguardo mestamente ottavo, ha fatto contraltare una Ferrari forte della presenza al vertice di entrambi i piloti. Raikkonen è partito bene ed ha lungamente tenuto il passo del leader Hamilton. Quando il pilota Ferrari è entrato ai box per il suo cambio gomme la Mercedes ha reagito immediatamente chiamando alla medesima operazione Hamilton. Vettel, fino a quel momento terzo, si è così ritrovato in testa. Il tedesco ha tenuto un buon ritmo ma la sua sosta ai box lo avrebbe fatto finire inevitabilmente alle spalle dell'inglese e del finlandese. Questo sarebbe successo in una gara "lineare" ma Melbourne riserva spesso sorprese, e l'imprevisto, la Haas di Grosjean ferma a bordo pista in posizione scomoda dopo un pit stop maldestro, è arrivato nel momento migliore per la Ferrari. Vettel ha potuto compiere il pit stop in regime di Virtual Safety Car, e l'obbligo per tutti a procedere ad andatura limitata gli ha permesso di uscire dai box davanti ad Hamilton.

Che finale! Bentornata Formula 1!

L'ultima parte di gara è stata un concetrato di emozioni. Il tedesco è rimasto lucido mentre Hamilton gli fiatava sul collo. L'inglese non poteva credere ai suoi occhi, davanti aveva la Rossa del rivale Vettel. Forte di una Mercedes ultracompetitiva aveva ancora molti giri per compiere quel sorpasso che non gli è poi riuscito. E' rimasto costantemente negli scarichi del leader ma nel momento di massima pressione è uscito di pista perdendo due preziosi secondi. Hamilton si è messo nuovamente alla caccia di Vettel ricucendo lo strappo in pochi giri. Nel finale è arrivata la resa dell'inglese, chiamato dal suo box a tirare i remi in barca per salvaguardare gli stanchi pneumatici (questo ufficialmente, ma si ipotizza un piccolo "problema" di motore) e la gara è finita con un Vettel festoso, a pugno alto nonostante uno scomodo ed invadente Halo, con i meccanici gioiosi al muretto ed un'alba rossa quasi insperata. A Maranello dovranno lavorare molto, c'è comunque da chiudere un innegabile gap prestazionale con Mercedes, ma gli strateghi ed i meccanici del box Rosso, ed i piloti Vettel e Raikkonen, hanno dimostrato che si può indurre all'errore Hamilton, per non parlare di Bottas, e sfruttare l'ostentata sicurezza di Wolff e compagni a proprio vantaggio.

Haas è la quarta forza del mondiale, ma spreca tutto. McLaren ne approfitta ed Alonso torna a sorridere

Oltre alla lotta al vertice è da rilevare la prestazione messa in mostra da due outsiders, di cui uno di lusso: Haas e McLaren. I primi hanno conquistato in qualifica una strepitosa terza fila, con Magnussen davanti a Grosjean. In gara entrambi i piloti sono partiti alla grande: Magnussen ha lungamente occupato la quarta posizione dando filo da torcere a Verstappen, inducendolo ad un errore da principiante. L'olandese non ha perso la sua proverbiale velocità ma resta un baby fenomeno, più baby che fenomeno. Anche Grosjean al via è scattato bene e si è fatto sempre più grande negli specchietti del compagno Magnussen quando Verstappen si è tolto di mezzo. Sembrava una gran domenica da ricordare per il team americano ma è divenuta un vero incubo: al box entrambi i piloti hanno vissuto la stessa sventura con i meccanici che hanno avvitato male un pneumatico. Tradotto: ritiro per entrambi ed enorme occasione gettata al vento. Grazie anche alle disavventure Haas in casa McLaren si è vissuto il ritorno nelle posizioni che contano: i vertici sono ancora un miraggio ma, come dice Alonso, con la power unit Renault adesso possono lottare. Quinto lo spagnolo, nono Vandoorne, due vetture a punti: bene così. Male invece la ex collaboratrice degli inglesi, la Honda, nuova partner della Scuderia Toro Rosso: nei test invernali sembrava aver trovato quell'affidabilità e quella prestazione che ancora non aveva raggiunto dal suo ritorno in Formula 1 ma la prima gara del 2018 riporta i giapponesi alle tensioni vissute negli ultimi anni. Hartley ha terminato la gara in ultima posizione, 15esimo, Gasly si è ritirato. In queste condizioni è impossibile comprendere quale sia il reale valore della vettura progettata da Toro Rosso. E' certo invece che in Honda dovranno lavorare alacremente se non vogliono deteriorare il loro rapporto con il gruppo Red Bull, considerando che la possibile futura join venture con la "squadra madre" sarà fatta solo se in questo 2018 performance ed affidabilità saranno a livelli accettabili.

Prossima tappa Bahrain

Con il primo Gran Premio alle spalle si dovrà attendere due settimane per vedere all'opera le nuove monoposto sul circuito del Bahrain: una pista completamente diversa da quella australiana. Lì ci faremo un'idea più precisa riguardo le prestazioni delle diverse vetture. Mercedes sarà sicuramente competitiva, impossibile non tenere conto di quanto visto a Melbourne. In Ferrari rimangono con i piedi per terra ma adesso sono sicuri di poterli battere. Intanto godiamoci questo dolce risveglio in Rosso.

Pubblicato in Motori Emilia
Giovedì, 22 Febbraio 2018 21:55

SF71H: lo strabismo di Venere

Presentata la nuova vettura con cui Vettel e Raikkonen disputeranno il mondiale 2018. Bella, nonostante Halo, rossa e cattiva. Ed i tifosi sognano già.

di Matteo Landi

L'attesa è finita. Un mondiale sfumato, un inverno di duro lavoro nel silenzio più assoluto. A Maranello oggi si respirava un'aria diversa. La SF71H, nuova creatura realizzata dagli uomini Ferrari, è uscita allo scoperto. Doveva essere una delle Ferrari più brutte di sempre, a causa di Halo, il nuovo dispositivo posto a protezione della testa dei piloti obbligatorio per regolamento. Ed invece tolti i veli la nuova arma del Cavallino Rampante è sembrata la solita bellissima donna, con quel piccolo difetto che accentua ancora di più le sue caratteristiche migliori. Ne accentua il fascino, è lo strabismo di Venere. Marc Genè, con il suo inglese un pò maccheronico, un pò macchiettistico, ha introdotto l'evento tanto atteso dai milioni di fans sparsi nel globo. Rossa, tanto, più della vettura che l'ha preceduta. Meno bianco ed un pizzico di grigio. La vettura con cui Vettel e Raikkonen proveranno a riportare a Maranello un mondiale che manca ormai dal 2007 (2008 per il costruttori) è un concentrato di novità.

SF71H: lavoro maniacale sul versante aerodinamico alla ricerca della massima prestazione

Non si può non notare il lavoro di fino effettuato dalla squadra di Mattia Binotto sulle diverse aree della monoposto: la bocca delle pance laterali è assai complessa, un'evoluzione estrema del concetto introdotto proprio dalla Ferrari lo scorso anno sulla SF70H. Il retrotreno è stato miniaturizzato ed unitamente alle varie appendici aerodinamiche sparse sulla vettura si cerca una minore resistenza all'avanzamento, puntando sull'efficienza, in altre parole alla prestazione pura. Specialmente in qualifica, come rimarcato dal direttore tecnico Mattia Binotto. La velocità sul giro secco è stata la vera spina nel fianco della monoposto 2017 insieme ad un'affidabilità non eccellente: quest'anno saranno solamente 3 le power unit a disposizione per ogni vettura, nell'arco dei 21 gran premi previsti dal calendario 2018. Sarà una sfida incredibile per monoposto che sono chiamate ad esprimere le massime prestazioni a fronte di percorrenze superiori persino a quelle richieste ai prototipi che corrono nel mondiale endurance.

A Maranello c'è entusiasmo. Il motto è però sempre lo stesso: "piedi per terra e testa bassa"

Una sfida che non spaventa gli uomini di Maranello. Arrivabene in parte raffredda gli animi "fino a quando non vedi la vettura scendere in pista non si sa mai quanto possa andare" in parte lascia coltivare il sogno:"i tifosi voglioni i titoli? anche noi". Giusto così, perchè la sconfitta è ammessa ma per la Ferrari l'obbligo è, e sempre sarà, provare a vincere. 22 febbraio 2018, la mente è andata ad una ventina d'anni fa quando la Ferrari usciva da anni difficili e da un mondiale, quello 1997, perso per un'inerzia in quella stregata Jerez. Era il 1998, Montezemolo non poteva più nascondersi dietro le parole e puntava deciso al mondiale dopo un digiuno che durava dal lontano 1979. Tante analogie con quel passato che poi divenne glorioso dopo due ulteriori annate sfortunate. Allora al timone della Rossa c'era un tedesco, tale Michael Schumacher, che scrisse la storia rendendo ancor più ricco il palmares Ferrari. Adesso i tifosi sperano che Vettel possa replicare anche solamente in parte il successo ottenuto dal pilota più titolato della storia. Ma sei poi sarà l'amatissimo Raikkonen, sullo sfumare della sua lunga carriera, a riportare il sorriso a Maranello, beh...ben venga.

Anche Mercedes svela la sua nuova arma

La Ferrari dovrà fare i conti con una Mercedes più agguerrita che mai. La vettura che oggi stesso hanno presentato i tedeschi si presenta apparentemente come la logica evoluzione della titolata monoposto 2017. Spaventano le forme che sono riusciti a realizzare l'ex Ferrari Aldo Costa e compagni: un posteriore così rastremato che quasi scompare nella vista dall'alto. Unitamente ad una power unit ancor più potente potrebbero assicurare ad Hamilton e Bottas prestazioni spaventose, almeno per la concorrenza. A Maranello dichiarano di aver guadagnato anche loro qualche cavallo, ma questa resta pur sempre una Formula Hybrid in cui la cavalleria la fa da padrona e gli sviluppi aerodinamici apportati a Maranello potrebbero non bastare. A Melbourne, il prossimo 25 marzo, ne sapremo di più. E chissà se la nuova Alfa Romeo Sauber motorizzata Ferrari, presentata pochi giorni fa, accompagnerà il Cavallino Rampante nelle zone nobili della classifica. Il supporto di una power unit aggiornata e la classe del debuttante Leclerc, prodotto del Ferrari Driver Academy, saranno un importante valore aggiunto per la squadra svizzera largamente finanziata da Alfa Romeo. Le prove pre-stagionali che inizieranno il 26 febbraio a Barcellona potrebbero essere l'antipasto di un mondiale da sogno.

Pubblicato in Motori Emilia