Visualizza articoli per tag: Confcooperative MO

Sabato 14 novembre dalle 15 alle 18 l'agronomo Lucio Brioschi insegna come gestire le piante di agrumi in vaso. Con la stagione autunnale, infatti, bisogna pensare al ricovero in luogo adatto delle piante tipicamente mediterranee, in particolare gli agrumi.Per partecipare al corso è richiesto un contributo di 5 euro. -

Modena, 13 ottobre 2015 -

Continuano i corsi proposti dalla Solgarden, la cooperativa sociale che gestisce il garden di via Madre Teresa 5 a Sassuolo. Sabato 14 novembre dalle 15 alle 18 l'agronomo Lucio Brioschi insegna come gestire le piante di agrumi in vaso. Con la stagione autunnale, infatti, bisogna pensare al ricovero in luogo adatto delle piante tipicamente mediterranee, in particolare gli agrumi. Di conseguenza occorre sapere come effettuare eventuali rinvasi, potature, concimazioni ecc. Per partecipare al corso è richiesto un contributo di 5 euro.

(fonte: ufficio stampa Confcooperative MO)

Sabato 14 novembre a Formigine arriva "Q.B. Quanto Basta - Stili di vita per un futuro equo" con testi di Gesualdi, Zanotelli e altri per iniziativa dell'associazione Cose dell'Altro Mondo e della cooperativa sociale Vagamondi, presso cui sono in vendita i biglietti. -

Modena, 10 novembre 2015 

Arriva a Formigine "Q.B. Quanto Basta - Stili di vita per un futuro equo", lo spettacolo teatrale basato sugli scritti di Francesco Gesualdi, padre Alex Zanotelli e molti altri. L'evento è in programma sabato 14 novembre alle 21 all'auditorium Spira Mirabilis (via H. Pagani 25) per iniziativa dell'associazione Cose dell'Altro Mondo e della cooperativa sociale Vagamondi (commercio equo e solidale). Il ricavato verrà devoluto a un progetto di cooperazione in ricordo di Giovanni Ottani, socio fondatore dell'associazione e della cooperativa, scomparso in un incidente stradale il 16 maggio scorso. Lo spettacolo parte dalle considerazioni sui sempre più evidenti squilibri climatici causati dall'attività umana, per arrivare a riflettere su un modello di sviluppo alternativo, orientato alla giustizia sociale, dignità umana e salvaguardia del creato. "Q.B. Quanto Basta", che appartiene al filone del cosiddetto "teatro civile", sarà messo in scena da Itineraria Teatro ( www.itineraria.it ). I biglietti costano 5 euro e sono in vendita presso la bottega di Vagamondi (via per Sassuolo 1, Formigine). Contribuiscono alla serata, tra gli altri, Confcooperative Modena, Emil Banca e le cooperative sociali Eortè e Oltremare.

(Fonte: ufficio stampa Confcooperative MO)

Giovedì, 05 Novembre 2015 13:26

Ultimi giorni per iscriversi ad Imprendocoop

Imprendocoop è il progetto di Confcooperative Modena per favorire l'occupazione e l'imprenditorialità. A disposizione degli aspiranti cooperatori un percorso formativo di alto livello, premi in denaro, assistenza, consulenza e servizi gratuiti per un anno. La raccolta delle candidature termina il 10 novembre. -

Modena, 5 novembre 2015

Si sono presentate al pubblico due delle cooperative nate dalla prima edizione di Imprendocoop, il progetto di Confcooperative Modena per favorire l'occupazione e l'imprenditorialità. L'evento si è svolto il 15 ottobre presso lo spazio Coop Working inaugurato a giugno a palazzo Europa e messo a disposizione delle neo cooperative. I soci di InTandem e Stars&Cows, due delle cooperative che si sono costituite grazie a Imprendocoop 2014, hanno raccontato la loro esperienza e scambiato idee con persone interessate a creare nuove cooperative in settori innovativi.

Ricordiamo che Confcooperative Modena mette a disposizione degli aspiranti cooperatori un percorso formativo di alto livello, premi in denaro, assistenza, consulenza e servizi gratuiti per un anno. L'erogazione dei premi e servizi è vincolata alla costituzione di un'impresa in forma cooperativa e all'adesione a Confcooperative Modena. La raccolta delle candidature avviene on line su www.imprendocoop.it  e termina il 10 novembre. Info: tel. 059.384602

(Fonte: ufficio stampa Confcooperative MO)

Pubblicato in Comunicati Lavoro Modena

Convegno di studi organizzato da Confcooperative Modena domani - mercoledì 4 novembre. L'iniziativa è in programma dalle 9.30 alle 13 a palazzo Europa (sala C - primo piano) a Modena ed è riservata alle cooperative aderenti a Confcooperative Modena. -

Modena, 3 novembre 2015

Si parla del Jobs Act, cioè della riforma del lavoro e della gestione dei nuovi ammortizzatori sociali, nel convegno di studi organizzato da Confcooperative Modena domani - mercoledì 4 novembre. L'iniziativa è in programma dalle 9.30 alle 13 a palazzo Europa (sala C - primo piano) a Modena ed è riservata alle cooperative aderenti a Confcooperative Modena. Intervengono Eufranio Massi, esperto di diritto del lavoro, e Alessandro Monzani, responsabile dell'ufficio sindacale di Confcooperative Modena.

(Fonte: ufficio stampa Confcooperative MO)

Pubblicato in Comunicati Lavoro Modena

Rating sociale, a Emil Banca un voto di A- in una scala da D a AA. La banca di credito cooperativo presente a Modena, Bologna e Ferrara è la prima banca in Italia a ottenere il giudizio assegnato da MicroFinanza Rating, una società privata e indipendente leader mondiale nel settore. - 

Modena, 3 novembre 2015 -

Emil Banca ha un rating sociale di A-, su una scala che va da D a AA. Il voto glielo ha assegnato MicroFinanza Rating, una società privata e indipendente leader mondiale nel settore con 15 anni di esperienza e oltre 800 clienti in 88 diversi Paesi. La banca di credito cooperativo presente a Modena, Bologna e Ferrara è la prima banca in Italia a ottenere il rating sociale, che permette a un'impresa di misurare, dimostrare e migliorare il livello di realizzazione della propria missione e di raggiungimento degli obiettivi sociali dichiarati.

«Siamo molto orgogliosi del risultato conseguito, atteso ma non scontato – afferma il presidente di Emil Banca Giulio Magagni - In termini sintetici, il nostro rating sociale di A- significa che i sistemi di performance sociale e protezione dei clienti sono buoni e la missione sociale è raggiungibile. In pratica il giudizio è stato molto buono, ma c'è ancora da lavorare. Del resto lo scopo del rating è indirizzare l'azienda verso un'azione di miglioramento, avendo individuato preventivamente le criticità».

A differenza del rating classico, che valuta la solidità economica e finanziaria di un'azienda, il rating sociale è una misura che tiene in considerazioni aspetti diversi dalle sole dimensioni finanziarie, come la governance, la trasparenza, l'impatto ambientale e altri aspetti tipici della responsabilità sociale d'impresa. "Gli obiettivi sociali sono inclusi nelle scelte strategiche e gli organi decisionali mostrano un'adeguata adesione alla missione istituzionale, il turnover del personale è molto basso, la protezione dei clienti è buona, le pratiche di recupero crediti sono non aggressive e le politiche aziendali per prevenire il sovraindebitamento dei clienti di credito sono buone. Eccellente la responsabilità verso le proprie comunità e l'ambiente, grazie a 19 comitati soci che presidiano il territorio e a un monitoraggio costante del consumo interno di carta, metano, energia elettrica".

Queste sono alcune delle osservazioni che, al termine di un attento esame durato diverse settimane e che ha toccato quasi tutti i settori della banca, hanno portato MicroFinanza Rating ad attribuire ad Emil Banca un rating sociale di A-, su una scala che va da D a AA, con un giudizio complessivo che recita "Sistemi di gestione della perfomance sociale e di protezione del cliente buoni. Missione sociale raggiungibile". «L'idea di sottoporci a questo giudizio - aggiunge Daniele Ravaglia, direttore generale Emil Banca - nasce dall'aver partecipato al Programma Jasmine per l'ottenimento di fondi da parte di un organismo europeo (Fei – Fondo europeo per gli investimenti) per finanziare le microimprese e grazie al quale l'anno scorso abbiamo messo a disposizione del territorio 4 milioni di euro a condizioni molto vantaggiose. Alla società che effettuò quella scrupolosa due diligence abbiamo poi chiesto un'ulteriore indagine per verificare il livello di allineamento delle nostre strategie con la missione sociale, l'equilibrio tra obiettivi sociali e finanziari e soprattutto il grado di "protezione" che la nostra azienda ha nei confronti della clientela. Un'analisi che assume un grande valore nel momento in cui avviene attraverso una valutazione esterna, indipendente e riconosciuta a livello internazionale».

«Il rating sociale risponde ad alcune domande - spiega Aldo Moauro, direttore di MicroFinanza Rating – Le principali sono: qual è il rischio di deviazione dalla missione a cui è esposta l'impresa? Vi è equilibrio fra obiettivi sociali e finanziari? L'impresa protegge i propri clienti (per esempio dal sovraindebitamento e dai soprusi)? È attrezzata per avere un ruolo nella valorizzazione della comunità e dell'ambiente? Qual è il profilo socio-economico dei clienti? Com'è percepita, da parte dei clienti, la qualità dei servizi offerti?».

(Fonte: ufficio stampa Confcooperative MO)

Nuovo consiglio di amministrazione di Conserve Italia, il consorzio cooperativo di S. Lazzaro di Savena (Bologna) leader nazionale nell'ortofrutta trasformata: quattro cooperatori modenesi. Alla presidenza Maurizio Gardini; Vanni Girotti, presidente della cooperativa S. Rocco di Ravarino, è stato confermato alla vicepresidenza. -

Modena, 2 novembre 2015

Ci sono anche quattro cooperatori modenesi nel nuovo consiglio di amministrazione di Conserve Italia, il consorzio cooperativo di S. Lazzaro di Savena (Bologna) leader nazionale nell'ortofrutta trasformata. L'assemblea dei soci ha rieletto alla presidenza Maurizio Gardini; Vanni Girotti, presidente della cooperativa S. Rocco di Ravarino, è stato confermato alla vicepresidenza. Nel nuovo cda siedono anche i cooperatori modenesi Adriano Aldrovandi (presidente della cooperativa Fruit Modena Group di Sorbara), Diana Bortoli (presidente della cooperativa Ital-Frutta di S. Felice sul Panaro) e Pier Giorgio Lenzarini (vicepresidente della cooperativa Agrintesa, che ha la sede a Faenza e uno stabilimento a Castelfranco Emilia).

(Fonte: ufficio stampa Confcooperative MO)

Foto di personaggi e luoghi del mondo, quadri, sculture africane e lanterne in mostra a Concordia in occasione della fiera di Ognissanti. La mostra viene inaugurata dopodomani, sabato 31 ottobre nella sede della cooperativa De Gasperi ed è visitabile anche domenica 1 novembre. -

Modena, 29 ottobre 2015 -

Foto di personaggi e luoghi del mondo, quadri, sculture africane e lanterne in mostra a Concordia in occasione della fiera di Ognissanti. L'iniziativa è della cooperativa culturale Alcide De Gasperi, aderente a Confcooperative Modena. La mostra viene inaugurata dopodomani – sabato 31 ottobre – alle 10.30 nella sede della cooperativa (via Carducci 6) ed è visitabile anche domenica 1 novembre dalle 9 alle 19 (ingresso libero). Il materiale in esposizione è opera di Giuseppe Malaguti (le foto), pittore Gibellino (i quadri), Francesco Ghidoni (le sculture africane) e Gabriele Reggiani (le lanterne e altri oggetti del passato). «Lo scopo della nostra cooperativa – spiega il presidente della Alcide De Gasperi Federico Tassi – è valorizzare la cultura locale dando visibilità agli artisti e collezionisti del nostro territorio. La mostra multidisciplinare di Ognissanti, che organizziamo da qualche anno, rientra in queste iniziative e riscuote sempre un buon successo di pubblico».

(Fonte: ufficio stampa Confcooperative MO)

Domani alla Solgarden di Sassuolo l'agronomo Lucio Brioschi insegna come coltivare i frutti da terrazzo. Per partecipare al corso è richiesto un contributo di 5 euro. -

Modena, 16 ottobre 2015 -

Continuano i corsi proposti dalla Solgarden, la cooperativa sociale che gestisce il garden di via Madre Teresa 5 a Sassuolo. Domani – sabato 17 ottobre – dalle 15 alle 18 l'agronomo Lucio Brioschi insegna come coltivare i frutti da terrazzo: melo, pero, ciliegio, pesco, susina, fico, melograno, uva, kiwi, kaki, nespolo, mini frutti o frutti del sottobosco quali mora, lampone, mirtillo, ribes, uvaspina, bacche di goji.

A questi si possono aggiungere anche frutti classici con portainnesto (la parte bassa della pianta su cui viene innestata la varietà specifica), adatti a vivere in piccoli contenitori su balcone e terrazzo. Per partecipare al corso è richiesto un contributo di 5 euro.

(Fonte: ufficio stampa Confcooperative MO)

La cooperativa ha ottenuto i "Tre Bicchieri dell'Emilia-Romagna" nella guida Vini d'Italia 2016 del Gambero Rosso. Premiato il Lambrusco di Sorbara Secco Omaggio a Gino Friedmann. -

Modena, 16 ottobre 2015 -

La Cantina di Carpi e Sorbara continua a riscuotere consensi di critica e pubblico. Anche quest'anno la cooperativa ha ottenuto i "Tre Bicchieri dell'Emilia-Romagna" nella guida Vini d'Italia 2016 del Gambero Rosso. Il riconoscimento è andato al Lambrusco di Sorbara Secco Omaggio a Gino Friedmann FB '14. Il vino, che aveva avuto i "Tre Bicchieri" anche l'anno scorso, rappresenta un omaggio a Gino Friedmann, discendente di una famiglia israelita considerato un pioniere della vitivinicoltura cooperativa. Nel 1913 Friedmann fondò la Cantina sociale di Nonantola, rimasta attiva fino al 1998, anno in cui i soci sono confluiti nella Cantina di Sorbara. Durante la seconda guerra mondiale, in qualità di presidente della comunità israelita modenese, Friedmann organizzò un centro clandestino di ricovero e assistenza presso la dimora di famiglia a Nonantola, dove furono accolti e salvati numerosi giovani ebrei fuggiti dall'est europeo occupato dalle truppe tedesche.

(Fonte: ufficio stampa Confcooperative MO)

Aceto Balsamico Tradizionale di Modena, Lambrusco e Parmigiano Reggiano sono stati protagonisti di un evento organizzato nell'ambito della 49 esima Fiera del Riso a Isola della Scala (Verona). -

Modena, 15 ottobre 2015 -

Grazie a tre cooperative modenesi, Aceto Balsamico Tradizionale di Modena, Lambrusco e Parmigiano Reggiano sono stati protagonisti di un evento organizzato nell'ambito della 49 esima Fiera del Riso che si è conclusa nei giorni scorsi a Isola della Scala (Verona). La cooperativa La Tradizione di Modena, la Cantina Settecani di Castelvetro e il caseificio S. Lucio di Montardone di Serramazzoni hanno infatti partecipato con i loro prodotti a "Sua Maestà l'Aceto Balsamico", una cena, con cucina a vista, nella quale sono stati serviti piatti di riso vialone nano conditi con "l'oro nero" modenese. Alla Fiera del Riso erano presenti sessanta ristoratori, cuochi e maestri risottari da otto regioni italiane, 800 persone al lavoro tra stand, espositori e organizzazione, dieci riserie; durante i 26 giorni della manifestazione sono stati serviti oltre 380 mila piatti di riso.

(Fonte: ufficio stampa Confcooperative MO)