Compagnia Carabinieri di Carpi: rubano una tonnellata di ferro a Campogalliano. Due persone arrestate.

I Carabinieri della Stazione di Campogalliano hanno arrestato, la scorsa notte, due uomini di circa 40 anni perché sorpresi mentre rubavano una tonnellata di ferro dal cantiere di una abitazione in ristrutturazione.

La pattuglia, durante la perlustrazione notturna, ha notato dei movimenti in un cantiere in ristrutturazione e, appostatasi a distanza avendo intuito che potesse trattarsi di un furto in corso, ha atteso che i due uomini individuati salissero sul furgone parcheggiato proprio di fronte all'abitazione e che era già stato caricato, per poi bloccarli impedendone la fuga.

Le due persone, un modenese ed un magrebino residente a Campogalliano entrambi di circa 40 anni con precedenti per furto, avevano asportato ferro per un quantitativo di quasi 1 tonnellata, tra cui anche ringhiere e tubature, provocando un danno consistente alla vittima che avrebbe poi dovuto riacquistare sul mercato il materiale.

Dalla verifica è emerso che non tutto il ferro presente sul veicolo apparteneva alla stessa abitazione pertanto sono in corso accertamenti per verificare quali altri cantieri i due abbiano "saccheggiato" e, a tal proposito, si invitano i cittadini dei comuni di Campogalliano e Modena contattare i Carabinieri della Stazione di Campogalliano per segnalare eventuali furti di questa natura subiti di recente.

Carpi CC furto ferroferro

Pubblicato in Cronaca Modena
Sabato, 09 Maggio 2015 17:48

Carpi, scoperto mini-market dello spaccio

Controllo del territorio. La Compagnia Carabinieri di Carpi ha scoperto un mini-market della droga e fermato un motociclista ubriaco e senza patente.

Carpi. 9 maggio 2015 - I Carabinieri della Stazione di Carpi hanno tratto in arresto un 40enne trovato in possesso di quasi 150 grammi di hashish e marijuana e 200 pasticche. I Carabinieri avevano già da tempo posto l'attenzione sui movimenti dell'uomo, noto per avere già precedenti per spaccio, residente a Novi di Modena ma spesso visto aggirarsi tra i locali della città dei Pio ove spesso prendeva contatti e appuntamenti con i giovani carpigiani. Sviluppata l'attività d'indagine, è stato bloccato mentre percorreva in pieno giorno viale Manzoni. Sottoposto a perquisizione veicolare sono spuntati subito alcuni grammi di hashish e marijuana nascosti sotto il sedile.

Immediatamente i militari si sono recati presso la sua abitazione, sita a Novi di Modena e l'hanno perquisita, rinvenendo quasi 150 grammi tra marijuana e hashish in un mobiletto e 15 piantine. Durante l'ispezione poi sono emerse 190 pasticche verdi suddivise in più buste, 160 grammi di polvere gialla, magnesio, mannitolo ed altro materiale per il confezionamento dello stupefacente. In pratica un vero e proprio mini-market della droga. Oltre alla "materia prima", sono stati trovati anche strumenti per la fabbricazione delle pasticche, tra cui basi metalliche con fori rettangolari e stampi in legno con fori cilindrici.

L'uomo è stato arrestato per detenzione di stupefacenti finalizzata allo spaccio e il materiale, in particolare le polveri e le pasticche sono state inviate ad un laboratorio per essere analizzate, in modo da accertare di quale tipologia di droghe sintetica si tratta e se il materiale da taglio possa essere particolarmente dannoso per la salute umana.

DENUNCIATI UBRIACHI E SENZA PATENTE AL VOLANTE
Sempre a Carpi, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile in servizio perlustrativo nella frazione San Marino, hanno denunciato un 50enne sorpreso alla guida della sua moto, una Yamaha, ubriaco e senza patente. Dopo averlo fermato verso le due di notte, accertato l'alito vinoso, è stato sottoposto a controllo etilometrico che ha evidenziato una percentuale di alcol nel sangue superiore quasi di 4 volte il limite consentito. Dal controllo è emerso anche che guidava senza patente perché gli era stata revocata alcuni mesi fa. Nel corso della settimana sono state ritirate già 3 patenti a persone che guidavano l'autovettura in stato di ebbrezza. Oltre alle denuncie penali, sono previste severe sanzioni in termini di sospensione della patente e multe salate da pagare per quanti, disinteressandosi al rischio a cui sottopongono se stessi e soprattutto gli altri utenti della strada, si mettono ubriachi alla guida dei propri mezzi.

CC Droga 2

(Comando Compagnia Carabinieri Carpi)

Pubblicato in Cronaca Modena

Compagnia Carabinieri di Carpi.
San Felice sul Panaro.  Trovati i due minorenni scomparsi da 9 giorni.

Erano stanchi ed affamati i due sedicenni scomparsi 9 giorni fa e hanno telefonato al 112 da una cabina telefonica di San Felice sul Panaro, chiedendo aiuto per tornare a casa.

I Carabinieri della Centrale Operativa di Carpi che hanno ricevuto la telefonata hanno immediatamente allertato la Stazione Carabinieri di San Felice sul Panaro che si è attivata per prelevare i due giovani, conducendoli in caserma.

Sono apparsi subito provati ed affamati e dopo essere stati rifocillati dai militari hanno raccontato di aver trovato rifugio in una casa diroccata ed abbandonata nelle campagne tra San Felice e Mirandola. Si erano nutriti con del cibo acquistato qualche giorno prima e messo da parte in vista del loro allontanamento e una volta terminato, non avendo di che sfamarsi hanno deciso di chiamare i Carabinieri per chiedere il loro aiuto per tornare a casa.

Il ragazzo è stato affidato ai genitori, mentre la ragazza ai servizi sociali.

Pubblicato in Cronaca Modena


Carpi, contrasto al lavoro nero. 

Carpi, 21 marzo 2015 - 
I Carabinieri della Stazione di Carpi unitamente ai militari dell'Ispettorato del Lavoro di Modena hanno eseguito alcuni controlli a laboratori tessili della città dei Pio, sospendendone l'attività di uno, risultato irregolare.

Più precisamente, tre laboratori tessili sono stati sottoposti a verifiche, con il controllo complessivo di circa una trentina di lavoratori, tutti di nazionalità cino-popolare. Presso uno dei tre laboratori è stata riscontrata la presenza di 7 lavoratori di cui ben 4 in nero, privi pertanto di un regolare contratto di assunzione. Da una verifica più approfondita è emerso che uno dei 4 lavoratori irregolari era anche privo di documenti di identità e clandestino in Italia, pertanto il titolare dell'attività, un cinese di 35 anni, è stato denunciato all'Autorità Giudiziaria per sfruttamento di manodopera clandestina. Inoltre l'attività imprenditoriale è stata sospesa fino al pagamento della multa prevista -che si aggira attorno a circa 10.000 euro- e la regolarizzazione dei lavoratori in nero. Il piano terra dello stabile risultava essere stato adibito a laboratorio, mentre i dipendenti dormivano in alcuni appartamenti situati al piano superiore, in condizioni igienico-sanitarie che non destavano a rilievi.

L'attenzione rivolta dai Carabinieri al regolare svolgimento delle attività commerciali ed imprenditoriali è di alto livello, sia per salvaguardare la tutela dei diritti dei lavoratori sia per assicurare una regolare concorrenza del mercato, la cui violazione determina una distorsione nella presenza delle attività imprenditoriali, producendo maggiori vantaggi per quelle che operano in maniera sleale e penalizzando quelle più virtuose e rispettose delle normative vigenti. L'illegalità nelle attività imprenditoriali e commerciali, oltre a distorcere le regole della concorrenza, sono elementi di attrazione per altre forme di illiceità che poi si diffondono nell'ambiente circostante, inquinandolo. È necessario preservare il territorio anche da queste forme di criminalità che contribuiscono a rendere meno sicuro e tutelato il paese

Pubblicato in Cronaca Modena

Controllo del territorio. 

I Carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Carpi hanno bloccato questa notte due giovani magrebini per furti su auto in via Forlì e via Ravenna.

I militari, allertati da un cittadino che aveva visto aggirarsi con fare sospetto i due, li hanno bloccati proprio in via Ravenna, mentre erano a bordo di una Toyota Yaris. Alla vista della "gazzella" dei Carabinieri, uno dei due ha tentato di accovacciarsi in auto, nascondendosi mentre l'altro ha tentato la fuga a piedi ma è stato bloccato dopo pochi metri, non avendo fatto i conti con la reattività e la prontezza dei Carabinieri.

Dagli immediati accertamenti condotti è emerso che avevano forzato la serratura del veicolo con un coltello a scatto con lama di 12 cm, trovato in tasca ad uno dei due durante la perquisizione personale, e la loro azione delittuosa è stata interrotta dal pronto intervento dei Carabinieri: non è ancora perfettamente chiaro se volevano asportare l'autoradio o qualche oggetto eventualmente trovato nel veicolo o piuttosto rubare direttamente la macchina.

Dal successivo controllo sui veicoli parcheggiati lungo le vie attigue, in particolare in via Forlì, i militari hanno riscontrato segni di danneggiamento delle serrature di altre 4 autovetture, che i malviventi avevano tentato di aprire con il coltello, senza però riuscirci. I magrebini, uno ventenne e l'altro 23enne, con precedenti penali per reati contro il patrimonio, residenti a Carpi unitamente alle proprie famiglie di origine, sono stati arrestati per tentato furto aggravato e continuato e nei prossimi giorni saranno sottoposti a giudizio direttissimo.

Pubblicato in Cronaca Modena
Pagina 2 di 2