Visualizza articoli per tag: facebook

Nuova truffa online: in circolazione pericolosa imitazione di FaceApp. Per non cadere nella trappola, occhio all'applicazione che tra le opzioni invecchia anche i volti. Lo “Sportello dei Diritti” lancia l'allerta: "è stata sviluppata da malintenzionati un'app «fake», un'imitazione, che infetta le vittime facendo visualizzare pubblicità indesiderata è un modo per prelevare denaro dai nostri conti.

E' in circolazione un nuovo tipo di frode online approfittando della popolarità di FaceApp. A rilanciare l’allerta dei ricercatori della società russa di sicurezza informatica Kaspersky è lo “Sportello dei Diritti”, che invita a prestare la massima attenzione a una pericolosa imitazione di FaceApp.

In tal senso, è bene riportare la descrizione della nuova truffa indicata dagli esperti russi: “Una volta che l'applicazione viene scaricata da fonti non ufficiali e installata, spiegano, simula un guasto e questa è successivamente rimossa". "In seguito, un modulo malevolo dell'applicazione rimane nascosto nel dispositivo dell'utente, facendo visualizzare annunci pubblicitari". La versione finta di FaceApp infetta i dispositivi delle vittime con un «adware» (virus progettato per lanciare messaggi pubblicitari sul display) denominato MobiDash. Secondo i dati di Kaspersky, circa 500 utenti unici hanno riscontrato questo problema negli ultimi due giorni, mentre la prima rilevazione del modulo adware è datata 7 luglio. Sono stati identificate quasi 800 diverse modifiche ai moduli. Seguire i nostri consigli è il miglior viatico per non cadere in queste vere e proprie trappole, rileva Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti. Nel caso siate comunque incappati nella frode potrete rivolgervi agli esperti della nostra associazione tramite i nostri contatti email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. per valutare immediatamente tutte le soluzioni del caso per evitare pregiudizi.

(21 luglio 2019)

Pubblicato in Cronaca Emilia
Venerdì, 19 Aprile 2019 06:13

Privacy, altri guai in vista per Facebook

Privacy, altri guai in vista per Facebook: scaricati 1,5 milioni di indirizzi email senza permesso negli ultimi tre anni

Facebook finisce ancora una volta nel mirino per violazione della privacy. Secondo la stessa compagnia, ha scaricato negli ultimi tre anni circa 1,5 milioni di indirizzi email al momento dell'iscrizione di nuovi utenti senza però chiedere il consenso per l'utilizzo.

A riportare la notizia è Business Insider che ha riscontrato l'inizio di questo accumulo di indirizzi e-mail da maggio del 2016. L'azienda di Menlo Park ha ammesso di aver caricato involontariamente su Facebook questo elenco e che ora sta operando per la rimozione.

"Il mese scorso abbiamo smesso di offrire la verifica della password tramite email come opzione per le persone che verificassero il loro account al momento della registrazione per Facebook. Quando abbiamo esaminato i passaggi che le persone stavano eseguendo per verificare i loro account, abbiamo scoperto che in alcuni casi i contatti email della gente sono stati caricati involontariamente su Facebook quando hanno creato il loro account", ha spiegato un portavoce della società.

Il caso è emerso dalla denuncia di un esperto di cybersicurezza. Dopo aver notato che Facebook richiedeva ad alcuni utenti l'inserimento della password della posta elettronica al momento della registrazione per verificane l'identità, si è insospettito, poiché fornire indirizzo email e la password per un accesso è una procedura sorpassata dagli esperti del settore. Facebook avvisava gli utenti che al momento dell'iscrizione al social, inserendo la propria email, avrebbe importato i contatti per costruire la rete di connessioni sociali. All'inizio nessuno ha dato il giusto peso a dove finissero questi contatti raccolti ma, con l'attuale ammissione, Facebook ha confermato che negli anni ha raccolto e caricato oltre 1,5 milioni di indirizzi email. La società con sede in California ha confermato le informazioni, rilevando che questo passaggio di verifica è stato rimosso il mese scorso. La compagnia, evidenzia Giovanni D'Agata, presidente dello"Sportello dei Diritti, ha fatto una serie di gaffe sulle informazioni private dei suoi membri negli ultimi anni. Ad esempio, i messaggi di milioni di utenti che volevano che fossero visibili solo dai loro "amici" di Facebook erano stati condivisi pubblicamente, rendendoli visibili al mondo.

(18 aprile 2019)

Domenica, 25 Marzo 2018 09:20

La gran farsa della “privacy”

Controllati, spiati giorno e notte in barba alle dichiarazioni di diniego d'utilizzo dei dati sensibili, e pure la Foto di Classe rischia di sparire a causa della privacy.

di Lamberto Colla Parma 25 marzo 2018 -
Siamo costantemente obbligati a sottoscrivere moduli connessi alla privacy e a autorizzare l'uso dei propri dati personali, sensibili o meno, per ogni più insignificante transazione economica o partecipazione alla vita sociale.

La "privacy" sembra essere diventata un'ossessione.

Poi, se si alza la testa dallo smartphone, si scopre che ogni passo è controllato da una videocamera di sorveglianza privata o pubblica. Il percorso autostradale è tracciato dalle telecamere di ingresso, uscita e ogni 10 chilometri dai "tutor".
La semplice operazione di prelievo dal bancomat è video-registrata e le tessere di raccolta a punti altro non sono che eccezionali metodi di analisi dei comportamenti di spesa, segmentati per area geografica e perfettamente individuati nell'anagrafica personale.

Tutti noi siamo straregistrati e iper monitorati nonostante il continuo diniego al consenso d'uso dei dati personali, al punto tale che dopo una navigazione in internet, alla ricerca di un prodotto o una visita fisica a un centro commerciale, ecco che veniamo immediatamente tampinati da pubblicità del prodotto poco prima ricercato o dalle offerte promosse dal centro commerciale.

Il consumatore è nudo e indifeso da non accorgersi nemmeno più di questa stretta sorveglianza alla quale è sottoposto.

Però la privacy è sacra!
E allora ecco che ogni tanto un nuovo "talebano" della privacy riesce a far parlare di sé.
Il più recente, e forse anche ridicolo, è quel dirigente scolastico fiorentino che ha vietato, per questione di privacy ovviamente, la foto di classe.

Una delle tradizioni della infanzia e della adolescenza che ha emozionato generazioni e generazioni. Quella cartolina, in bianco e nero al tempo delle mie elementari e medie, poi già stampata a colori al liceo, commentata, spesso in modo molto originale, e autografata sul retro da tutti i compagni di classe, rischia l'alienazione in favore della privacy.

Se invece ci fosse qualcuno disposto a "comperare" il prodotto "foto di classe" per farne un ottimo affare, sono sicuro che si troverebbe la scappatoia di aggirare l'ostacolo etico e formale.

Sappiamo tutti, infatti, che ogni nostro movimento viene registrato e catalogato e infine venduto alle aziende di marketing che a loro volta ne fanno uno strumento commerciale che rivendono alle aziende clienti sotto forma di consulenza di marketing e/o di comunicazione.

Ecco quindi che lo scandalo Facebook, altro non è che la vendita di un proprio servizio. L'unica differenza, sempre che venga accertata, è che il cliente era un politico rampante invece di una azienda commerciale e comunque, almeno alle prime battute, non sembra esserci stato dolo o illeciti vari.

Dolo e illeciti invece erano ben emersi nello scandalo Telecom ai tempi in cui l'azienda telefonica era guidata da Tronchetti Provera (Pirelli).
Era il 2005 quando scoppiò lo scandalo dei "dossier", raccolti attraverso intercettazioni (molte delle quali non autorizzate ovviamente) a favore di vari esponenti dell'industria, di manager, dell'editoria ecc..., effettuati attraverso Telecom e coordinati da vari professionisti , un tempo al soldo dei servizi segreti (SISMI o SISDE). Un'azione di "dossieraggio", in alcuni casi ben condito da falsità utili a "far fuori " il nemico come ad esempio il caso di un ex alto dirigente della Coca-Cola.

Cosa vogliamo dire sulla riservatezza dei documenti custoditi nei tribunali e le fughe di notizie che raggiungono prima la "stampa" del diretto interessato"?

E stiamo qui a discutere sulla foto di classe!

Concludendo, è tutta una gran farsa, utile a affibbiare responsabilità e sanzioni per questioni formali piuttosto che a salvaguardare l'interesse privato del cittadino comune, il più indifeso e impossibilitato a proteggersi. Quello stesso che prima o poi incapperà in qualche sanzione per aver fatto un selfie dove, inavvertitamente, ha inquadrato un ladro in azione senza aver ottenuto dallo stesso la liberatoria.

_________________________
(per restare informati - editoriali)

 

Pubblicato in Politica Emilia

Sentenza Tribunale di Mantova: foto dei figli su Facebook solo con il consenso dell'altro genitore. "L'inserimento di foto di minori sui social network costituisce comportamento potenzialmente pregiudizievole per essi"

Attenti a pubblicare su facebook le foto dei vostri figli.

Un genitore non può pubblicare sulle reti sociali foto dei figli minorenni senza il consenso dell'altro genitore, e le foto che sono già in rete vanno immediatamente rimosse.

Lo ha stabilito il Tribunale di Mantova con una sentenza del giudice Mauro Bernardi, evidenzia Giovanni D'Agata, presidente dello "Sportello dei Diritti", riguardante il caso di due coniugi separati in cui il padre aveva richiesto la revisione dell'accordo sull'affido dei bambini e la loro residenza con la madre.

Nel ricorso l'uomo ha sottolineato il fatto che la madre, a cui erano affidati i due figli (uno di tre anni e mezzo e un altro di un anno e mezzo) aveva deciso di pubblicare le loro foto sul web. Il padre si era opposto e, quando le ha viste ancora sui social network, è ricorso al giudice.

Il Tribunale, infatti, ha ritenuto che l'inserimento delle foto dei figli minori sui social network nonostante l'opposizione di uno dei genitori integri violazione dell'art. 10 c.c., che vieta la pubblicazione di foto e immagini senza il consenso dell'avente diritto, nonché degli artt. 4, 7, 8 e 145 del Dlgs. 196/2003, riguardante la tutela della riservatezza dei dati personali, nonché degli artt. 1 e 16, 1° comma, della Convenzione di New York sui Diritti del Fanciullo (Conv. NY 20.11.1989, ratificata dall'Italia con l. 27.5.1991 n. 176) che entrerà in vigore l'anno prossimo.

«L'inserimento di foto di minori sui social network costituisce comportamento potenzialmente pregiudizievole per essi - scrive il giudice - in quanto ciò determina la diffusione delle immagini fra un numero indeterminato di persone, conosciute e non, le quali possono essere malintenzionate e avvicinarsi ai bambini» non potendo, inoltre, trascurare il pericolo che qualcuno «con procedimenti di fotomontaggio», ne tragga «materiale pedopornografico da far circolare tra gli interessati».

Nonostante questo il giudice non ha ritenuto di modificare l'accordo sui figli.

Pubblicato in Nuove Tecnologie Emilia
Giovedì, 19 Febbraio 2015 10:24

Nuovo virus su Facebook, attenzione a dove cliccate

Attenzione se venite taggati su Facebook in foto o video sospetti da amici: questo programma malevolo si insinua e sottrarre i dati sensibili anche attraverso la chat -

Parma, 19 febbraio 2015 -

La Polizia di Stato lancia l'allarme di un nuovo virus che ha preso piede sulla rete, in particolare sul più utilizzato dei social network: Facebook.
La modalità è semplice e il rischio di diffusione alta, si tratta infatti di un programma "malevolo" che ha la capacità di sottrarre i dati sensibili. Ci si ritrova taggati da un amico in un video o in una foto - si tratta quasi sempre di pornografia - e basta cliccare sul link per essere contagiati. Ovviamente il vostro amico è ignaro di tutto.

Attenzione perché questo virus non risparmia neanche gli smartphone e attenzione anche alla chat, perché si può trasmettere da contatto a contatto insinuandosi anche lì, quindi se chattate con un amico "infetto" potreste essere a sua volta infettati e così iniziare a trasmetterlo ai vostri contatti.

Come difendersi?

1. Non cliccate sul link ed eliminate direttamente il post
2. Dite anche ai vostri amici di eliminarlo dalla loro bacheca

Riportiamo di seguito la nota della Polizia di Stato - disponibile anche sulla pagina Facebook di Agente LISA -

"Innanzitutto evitate di cliccare su link che vi sembrano strani (possibile che un mio amico mi tagghi in un video porno sulla mia bacheca?) e, poi, è bene avere un buon antivirus aggiornato.

Anche il passaparola con i vostri contatti di Facebook può risultare utile. Una buona idea è quella di scrivere un post sulla vostra bacheca dicendo a tutti gli amici che non avete taggato nessuno su video o foto e di non aprire link inviati a vostro nome perché si tratta di un virus."

Pubblicato in Cronaca Emilia

Il 16enne era scappato da casa in seguito al litigio con il compagno della madre. Dopo una fuga durata diversi giorni, alla fine il ragazzo è stato rintracciato dai Carabinieri a casa di un amico, dove era stato ospitato. Decisive le ricerche compiute dai Carabinieri su Facebook.

Reggio Emilia, 4 agosto 2014 – di Ivan Rocchi

In seguito a un brutto litigio con il compagno della madre, si è fatto ospitare per qualche giorno da un amico, che però ignorava la sua fuga da casa. Ma nonostante gli scarsi indizi sulla sua destinazione, i carabinieri di Poviglio sono riusciti a rintracciarlo in pochi giorni, anche grazie a Facebook. La fuga del 16enne era iniziata il 29 luglio scorso e si è conclusa ieri con il ritorno a casa del ragazzo, sano e salvo.

Il forte diverbio con il compagno della madre aveva spinto il giovane a fare lo zaino e allontanarsi da casa, rendendosi irreperibile. Infatti, non aveva neanche portato il cellulare con sé. In seguito alla denuncia di scomparsa da parte della madre, sono scattate subito le ricerche: in provincia, grazie al piano coordinato dalla Prefettura reggiana, ma anche nell'intero territorio nazionale, tramite l'inserimento del giovane in una apposita banca dati.

Nel frattempo, si era fatta sempre più concreta l'ipotesi che il 16enne avesse trovato ospitalità a casa di qualche suo amico. Gli uomini dell'Arma hanno quindi incominciato a battere questa pista. Le attenzioni degli investigatori si sono così concentrate sugli amici del 16enne, e grazie a Facebook si è risaliti a un amico del fuggitivo.

Quando i militari hanno bussato alla casa di chi lo ospitava, il ragazzo stava ancora dormendo. Era in ottime condizioni di salute e aveva intenzione di tornare a casa nei prossimi giorni. Ma i Carabinieri hanno anticipato i tempi, portandolo via con loro per consegnarlo alla madre.

Pubblicato in Cronaca Reggio Emilia

E’ on line da oggi, lunedì 28 aprile, la pagina Facebook dello sportello comunale Informagiovani all’indirizzo  https://www.facebook.com/informagiovanipiacenza.

  

Piacenza, 28 aprile 2014 -

“Uno strumento agile, funzionale all’immediatezza comunicativa e alla più ampia diffusione delle iniziative che riguardano principalmente gli under 35 – commenta l’assessora alle Politiche Giovanili Giulia Piroli – con l’obiettivo di rendere sempre più accessibili e dirette le informazioni”. 

Numerosi e di vario genere i contenuti: concorsi, opportunità di mettere in gioco il proprio talento creativo, percorsi formativi, possibilità di stage e tirocini, gallerie di immagini fotografiche e video, link a campagne, notizie e appuntamenti di carattere nazionale, con un occhio di riguardo ai progetti europei. “L’idea – prosegue l’assessora Piroli – non è solo quella di dare un taglio più accattivante e coinvolgente al dialogo tra l’Amministrazione comunale e i ragazzi, ma ancor prima quella di cogliere le potenzialità che la rete offre nel veicolare le notizie in modo efficace e tempestivo, integrando così gli altri strumenti già operativi: gli sportelli Quinfo di piazzetta Pescheria, il sito web comunale con la sezione dedicata ai giovani, l’archivio multimediale Gap”. 

Tra i temi in evidenza nella pagina Facebook dell’Informagiovani piacentino, le occasioni di lavoro e di stage nell’ambito di Expo 2015, il tesseramento all’associazione Aig (Alberghi italiani per la Gioventù), nonché i link alle realtà che, sul territorio piacentino, danno spazio alla voce dei giovani e alle loro esigenze. Prossimamente, ci saranno novità anche in merito alla seconda edizione del Bando Giovani e Idee d’Impresa

 

(Fonte: ufficio stampa Comune di Piacenza)

 

Giovedì, 30 Gennaio 2014 15:23

Parma, un like su Facebook da querela

Un "mi piace" pericoloso su Facebook che ha portato alla querela e al rischio di una sanzione da sei mesi a tre anni -

Parma, 30 gennaio 2014 -

La Procura di Parma ha chiesto un rinvio a giudizio per diffamazione per un uomo che ha espresso con "un like" il proprio consenso ad un commento offensivo, all'interno di una discussione sul noto social network, scoppiata fra due donne. Lo rende noto la Gazzetta di Parma, riportando che per quel "mi piace", l'uomo rischia da sei mesi a tre anni e una multa di circa 500 euro. L'accusa è di concorso in diffamazione aggravata e l'uomo dovrà affrontare il processo.

 

Pubblicato in Cronaca Emilia