Visualizza articoli per tag: bufale

Indubbiamente è una ragazza attraente, dai bei lineamenti e con il plus di avere un colore esotico che da sempre ha scatenato le fantasie degli italiani. Nonostante tutto ciò  è stata rifiutata da un ristoratore veneto a causa del colore della pelle, come la ragazza stessa ha denunciato in video social ripreso da moltissime testate giornalistiche e televisive. 

di LGC Parma 8 ottobre 2018 -  Judith Romanello, è una ragazza che non può passare inosservata e tantomeno non piacere pensando, per di più, alla attrazione che esercitano sui maschi italiani. le sinuose e statuarie bellezze creole, caraibiche o carioche. La nostra storia televisiva, cinematografica e musicale è colma di esempi,  a partire da Lola Falana per passare a Zeudi Araya, a Amii Stewart o a Jnifen Afef per citarne alcune di particolare fama.

Judith è una di quelle bellezze, come si può facilmente apprezzare dai suoi account social (vedi) e dalle foto riprese da Instagram, che ama giustamente farsi guardare e indubbiamente al suo lato B manca solo la parola.

Ma qualche dubbio sulla autenticità dell'episodio denunciato sorge quando non viene indicato il titolare o almeno il nome del  ristorante, quando, cosa inconsueta, il colloquio sarebbe stato effettuato in un luogo pubblico e che la stessa ragazza non avrebbe registrato il numero di telefono del suo interlocutore.

C'è da augurarsi che sia solo una trovata pubblicitaria e che prima o poi una agenzia lanci le scuse, altrimenti sarebbe da condannare la stessa Judith alla pari delle condanne che sono fiondate sui social all'indirizzo del ristoratore razzista anonimo.

Purtroppo la ragazza è già stata segnata da un abuso sessuale, denunciato via social nell'estate scorsa, di cui vi è rimasta solo una misera traccia (vedi sotto) giustificata dal fatto che "lo stronzo faccia qualcosa". Una sfortuna che sembra inseguire Judith come in diversi hanno sottolineato nei commenti facebook.

Stiamo a vedere se nelle prossime ore si riuscirà a vedere questo razzista.  Intanto Judith l'abbiamo vista e apprezzata e pare che un importante ristoratore abbia già deciso di offrirle un posto di lavoro "riparatore".

Personalmente ritengo comunque che un datore di lavoro possa avere ancora la possibilità di decidere senza che venga etichettato come razzista, sessista o omofobo nel caso non ritenga che il soggetto incontrato sia all'altezza dell'incarico.

 

 

 

Post_Judit_stupro_2017.png

 

 

Judith-Romanello-imnstagramIMG_1180_IMG_1179.jpg

 

 

Judith-Romanello-IMG_1180.jpg

Judith-Romanello-imnstagramIMG_1181.jpg

Judith-Romanello-imnstagramIMG_1182.jpg

 

Affollata conferenza a Scandiano del noto giornalista e divulgatore scientifico, organizzata dal Lions Club Scandiano in collaborazione con il Comune.

Informazioni presentate come vere con l'intento di ingannare e creare un forte impatto emotivo nelle persone e nella società: queste sono le fake news. Ma perché esistono persone o vere e proprie organizzazioni che creano e diffondono notizie false? I motivi sono molti: propaganda, divertimento, crudeltà, ma soprattutto profitto. Sì, perché con le fake news oggi si fa business, influenzano le persone, fanno leva sulle loro emozioni e condizionano l'opinione pubblica.

Paolo Attivissimo, giornalista studioso di media e noto cacciatore di bufale, protagonista a Scandiano di un'affollata conferenza organizzata dal Lions Club locale, ha esplorato questo fenomeno, in realtà piuttosto antico, ma diventato oggi estremamente diffuso grazie alla velocità dei social network.
"Ci sono moltissimi siti italiani e stranieri specializzati nella produzione di notizie false, ma ci sono anche siti esperti nello smascherarle – ha spiegato Attivissimo – purtroppo la smentita non ha mai lo stesso effetto della notizia, anzi spesso è come una notizia data due volte".

Come difenderci allora da questa montagna crescente di bufale che si diffondono tanto rapidamente sul web?

"Internet è il problema, ma anche il suo antidoto – ha sottolineato lo studioso – e la censura non funziona, anzi spesso genera l'effetto inverso. Però possiamo chiedere ai giornalisti di essere più rigorosi nella verifica delle notizie o utilizzare la tecnologia per incoraggiare e diffondere le informazioni "buone", come fa l'associazione Sleeping Giants, ma soprattutto dobbiamo educare al senso critico". Ha concluso Attivissimo "oggi siamo tutti un po' creduloni, mentre dobbiamo riappropriarci dell'approccio scientifico: i fatti sono fatti".

Sono molti, infatti, i modi per verificare la veridicità delle migliaia di informazioni che arrivano a noi ogni giorno: news.google.com o scholar.google.it sono strumenti molto efficaci, ma anche tineye.com o karmadecay.com che permettono una ricerca rapida per immagini o addirittura si può consultare l'avanzatissimo fakenews.publicdatalab.org.

Perché se Sofocle, il poeta greco, diceva che quello che la gente crede prevale sulla verità è pur vero che la verità vince sempre...basta cercarla!

(intervista: seconda parte https://youtu.be/-_7ihitknWA)

Paolo_Attivissimo_in_conferenza_1.jpg

 

Pubblicato in Cultura Emilia