Visualizza articoli per tag: Territorio Soliera

Eortè distribuisce i pacchi con i generi di prima necessità.

La cooperativa sociale Eortè di Soliera (aderente a Confcooperative Modena) è stata coinvolta nella gestione dei progetti di solidarietà alimentare avviati dai Comuni di Carpi e Soliera a seguito dell’ordinanza della Protezione Civile n. 658 del 29 marzo 2020.

Con questo provvedimento sono stati erogati fondi di emergenza per dare una risposta immediata a tutte le famiglie in difficoltà economica che necessitano di un aiuto concreto per far fronte ai propri bisogni quotidiani. «Il progetto ha tanti risvolti positivi per il territorio, a partire – spiega Roberto Zanoli, direttore di Eortè - dalla scelta di coinvolgere produttori locali, piccoli esercenti e altre realtà territoriali per favorire la filiera locale e corta, in un’ottica di economia solidale. È un segno concreto di attenzione all'economia del territorio gravemente colpita dal Covid-19. Un altro aspetto positivo è la meravigliosa risposta della solidarietà della cittadinanza italiana e straniera».

I Comuni di Carpi e Soliera hanno erogato buoni spesa e avviato un progetto per la distribuzione di pacchi contenenti generi alimentari di prima necessità. A Soliera nel week end di Pasqua si è svolta la prima distribuzione alimentare prevista per i beneficiari del bonus spesa, che ha interessato più di 300 famiglie solieresi.

Eortè ha gestito la logistica, coinvolgendo dodici realtà associative del territorio e più di 70 volontari. A Carpi la cooperativa è capofila del progetto insieme all’associazione di volontariato Porta Aperta. Entrambe sono impegnate nel coinvolgimento dei volontari, acquisti, raccolta, preparazione e distribuzione dei prodotti. Da oggi - venerdì 17 aprile - Eortè e Porta Aperta preparano i pacchi presso Carpi Fashion System, in via dell'Agricoltura 43.

Cittadini e imprese possono contribuire a queste forme di solidarietà, con un bonifico bancario o generi indispensabili per i quali è stato individuato un punto di raccolta e distribuzione. «L’attivazione di questi progetti è un segno tangibile della forza della rete della solidarietà nel territorio. Questa esperienza – conclude Zanoli – ci consente di acquisire nuove competenze e professionalità che saranno molto utili anche per il futuro».

Dopo aver conquistato il pass per la Finale del prestigioso Premio Bertoli, Davide Turci è atteso ora da un altro importante appuntamento del panorama musicale italiano.

Con un "Filo di voce" Davide Turci, cantautore originario di Soliera (MO), continua a conquistare finali nei più importati premi italiani dedicati al cantautorato di qualità.
Dopo aver passato la semifinale di Roma lo scorso 3 luglio, sarà infatti ad AULLA sabato prossimo 21 per giocarsi la finale di uno dei più importati e quotati premi Nazionali dedicati al cantautorato italiano, il prestigioso Premio Lunezia.

Davide, sul palco con altri 8 finalisti provenienti da tutta Italia, sarà l'unico rappresentante emiliano romagnolo di questa finalissima e, lato sensu, avrà sulle spalle la  esponsabilità di essere per una notte il portabandiera della qualità indiscussa della storia musicale della regione Emilia Romagna, una terra che ha dato i natali a numerosi artisti che hanno saputo lasciare un segno indelebile nella storia della musica italiana.

Sarà quindi una notte indimenticabile quella di Aulla dove tutto è pronto per la XXVIII edizione del Premio Lunezia. E si tratta di fatto di un ritorno dopo otto anni nel tradizionale penultimo week-end di luglio: 19, 20 e 21.

La "capitale" della Lunigiana si riappropria così di una manifestazione oggi patrimonio della cultura musicale italiana, patrocinata dal Ministero della Cultura e nata nel 1996 nella piccola piazza Cavour, ma già allora consacrata dalla presenza di Fabrizio De André e Fernanda Pivano.

Un Premio, il Lunezia, che - è doveroso ricordarlo - ha ospitato, premiato e fatto esibire più di 250 interpreti della musica italiana. Tra loro, artisti del calibro di Vasco Rossi Ligabue, Ivano Fossati, Fabrizio De Andrè, Lucio Dalla, Claudio Baglioni, Laura Pausini, Elisa, Pooh, Mauro Pagani, Gianni Morandi, Negramaro, Andrea Bocelli, Charles Aznavour, Vinicio Capossela, Edoardo Bennato e molti altri ancora.

Davide Turci si dichiara «molto emozionato di poter essere in un certo senso il portabandiera della nostra regione e delle nostre radici musicali in un contesto cosi importante come il Premio Lunezia. Il mio brano "Con un filo di voce" - ha aggiunto il cantautore solierese - è un inno alla musica cantautorale e fa il verso ai cosiddetti "campioni da karaoke" che rispetto, ma che rappresentano a mio avviso un'altra cosa rispetto alla bellezza di poter scrivere ed interpretare il proprio lavoro. E' evidente – ha concluso Davide – che il 21 luglio affronterò questa tappa con la giusta motivazione, con tanta emozione e con la responsabilità di cercare di rappresentare al meglio la mia Soliera, la mia provincia e la mia regione. Spero con tutto il cuore di esserne all'altezza».

Imponente dispositivo di controllo del territorio: decine di carabinieri impegnati a controllare le zone più isolate del territorio: dall'area doganale di Campogalliano ai parcheggi dei Laghi Curiel, passando per le zone industriali di Carpi e Soliera.

Modena, 14 ottobre 2016

Ieri sera, fino a tarda notte, i Carabinieri della Compagnia di Carpi hanno messo in campo un imponente dispositivo di controllo del territorio. Il servizio, svolto da decine di militari, ha permesso di controllare le zone più isolate del territorio: dall'area doganale di Campogalliano ai parcheggi dei Laghi Curiel, passando per le zone industriali di Carpi e Soliera. Controllati tutti gli insediamenti nomadi del territorio. A seguito degli interventi effettuati sono state centinaia le persone controllate. All'esito del servizio sono state arrestate tre persone ed altre cinque denunciate in stato di libertà.

Due dei tre arrestati (di Mirandola e di San Felice sul Panaro), stanotte, sono stati sorpresi dai militari della Stazione CC di San Martino Spino mentre raccoglievano decine di piante di canapa indiana che da qualche settimana avevano coltivato in un bosco poco distante dal centro abitato di Mirandola. L'altro arrestato, invece, residente a Carpi, è stato arrestato dai carabinieri del Nucleo Operativo perché trovato in possesso di 30 grammi di cocaina pura. Lo stupefacente, in questo caso, era nascosto all'interno di alcune scatole di veleno per insetti.

Più "variopinto" lo scenario dei denunciati a piede libero: uno di loro, di Cento, è stato fermato in Via dell'Industria e trovato in possesso di quattro grammi di cocaina che nascondeva nelle mutande. Un altro, invece, anch'egli di Mirandola, è stato fermato - sempre stanotte - dai carabinieri di Campogalliano all'interno della zona doganale: nascondeva all'altezza della caviglia un coltello a doppia lama. Un altro ancora, marocchino residente a Modena, è stato fermato dai militari di Carpi e trovato in possesso di un permesso provvisorio di guida palesemente contraffatto. Un giovane di Soliera, invece, è stato trovato in possesso di mezz'etto di marijuana, abilmente occultato all'interno del filtro dell'aria della sua autovettura.
Tre gli assuntori di stupefacenti segnalati alla Prefettura.

Pubblicato in Cronaca Modena

Si parla di salute nell'incontro organizzato domani sera – venerdì 14 ottobre – alle 21 a Limidi dalla cooperativa sociale Eortè di Soliera. Al Social Bar gestito dalla cooperativa presso il centro sociale O. Pederzoli (via Papotti 18) Marta Marcon e Alexandra De Marco spiegano come prevenire le malattie attraverso un'alimentazione corretta e una detossinazione.

(Fonte: ufficio stampa Confcoop MO)

Pubblicato in Dove andiamo? Modena
Martedì, 11 Ottobre 2016 12:17

Social Bar Eortè: due serate su bellezza e salute

Si parla di bellezza e salute nei due incontri organizzati questa settimana dalla cooperativa sociale Eortè di Soliera. Si comincia domani – mercoledì 12 ottobre – alle 21 nel Social Bar.

Modena, 11 ottobre 2016

Si comincia domani – mercoledì 12 ottobre – alle 21 nel Social Bar gestito dalla cooperativa a Soliera (piazza Sassi 10).
Tema: la cura giornaliera della pelle e del viso con alimenti e prodotti naturali che ringiovaniscono le cellule del nostro corpo.
Venerdì 14 ottobre, invece, al Social Bar di Limidi (ore 21, via Papotti 18) si parla di prevenzione delle malattie attraverso un'alimentazione corretta e una detossinazione.
Relatrici di entrambi gli incontri sono Marta Marcon e Alexandra De Marco.

(Fonte: ufficio stampa Confcooperative MO)

Pubblicato in Dove andiamo? Modena

Due gli eventi in programma questa settimana ai Social Bar gestiti dalla cooperativa sociale Eortè a Soliera e Limidi. Si comincia domani alle 21 all'Eortè Social Bar di Soliera con Quizzami Live Show, una serata di giochi, cultura, abilità e fortuna, con diversi premi in palio.

Modena, 27 settembre 2016

Sono due gli eventi in programma questa settimana ai Social Bar gestiti dalla cooperativa sociale Eortè a Soliera e Limidi.
Si comincia domani - mercoledì 28 settembre - alle 21 all'Eortè Social Bar di Soliera (piazza Sassì 10) con Quizzami Live Show, una serata di giochi, cultura, abilità e fortuna, con diversi premi in palio; è obbligatoria la prenotazione (Chiara 346 3568500 o Roberto 345 2931387).
Venerdì 30 settembre, invece, all'Eortè Social Bar di Limidi (via Papotti 18) alle 21 si parla di cibo e salute, ovvero come le scelte alimentari possono influire sulla salute dei nostri figli; interviene Ruggero Consarino. L'incontro è organizzato in collaborazione con l'associazione La Festa (Gruppo di acquisto solidale).
Ricordiamo che la cooperativa sociale Eortè, aderente a Confcooperative Modena, è nata nel 2010 per iniziativa di un gruppo di famiglie desiderose di agire per promuovere un'economia alternativa, in particolare per produrre e offrire servizi alla persona e alla famiglia.

(Fonte: ufficio stampa Confcoopertive MO)

Domani sera l'incontro "Giornalismo digitale e potere di Internet". Se ne parla domani - venerdì 23 settembre – alle 21 con con i giornalisti e media educator Laura Parenti e Alberto Sabatini all'Eortè Social Bar di Limidi, gestito da pochi giorni dalla cooperativa sociale Eortè.

Modena, 22 settembre 2016

Se ne parla domani - venerdì 23 settembrealle 21 con con i giornalisti e media educator Laura Parenti e Alberto Sabatini all'Eortè Social Bar di Limidi, gestito da pochi giorni dalla cooperativa sociale Eortè. Aderente a Confcooperative Modena e nata nel 2010 per iniziativa di un gruppo di famiglie desiderose di agire per promuovere un'economia alternativa, in particolare per produrre e offrire servizi alla persona e alla famiglia, Eortè ha già in gestione il Social Bar di Soliera (piazza Sassi) dal 31 marzo 2012.
Quello di Limidi si trova presso il centro sociale O. Pederzoli (via Papotti 18).
«La grave crisi economica che sta colpendo molte famiglie, in particolare quelle più deboli dal punto di vista delle risorse personali ed economiche e della rete di aiuto, ci ha convinto a rischiare per fondare una nuova impresa quale opportunità concreta di lavoro per un numero crescente di persone – spiega il presidente di Eortè Federico Tusberti.

Come già avviene in quello di Soliera, il Social Bar di Limidi propone solo prodotti biologici a chilometro zero, provenienti dal circuito del commercio equosolidale utilizzando i contatti del Gas (gruppo di acquisto solidale) "La Festa". Soprattutto vuole essere un luogo per instaurare e coltivare relazioni tra le persone».
Il Social Bar Eorté di Limidi è gestito da due dipendenti della cooperativa e nove studenti universitari che, grazie al sistema dei voucher, hanno la possibilità di affacciarsi al mondo del lavoro in modo legale. Aperto dal lunedì al sabato (ore 7-19), il Social Bar Eortè di Limidi può ospitare anche compleanni, anniversari, corsi di formazione ecc.
«Le sinergie che già si stanno sviluppando con il centro polivalente di Limidi e con le altre realtà del territorio – sottolinea Tusberti – renderanno possibile la realizzazione di iniziative formative e culturali, come quella di domani sera sul giornalismo digitale».

(Fonte: ufficio stampa Confcoop MO)

Inaugurato a Limidi di Soliera il Social Bar gestito dalla cooperativa sociale Eortè, aderente a Confcooperative Modena. In programma numerose iniziative formative e culturali.

Modena, 20 settembre 2016

È stato inaugurato a Limidi di Soliera il Social Bar gestito dalla cooperativa sociale Eortè, aderente a Confcooperative Modena e nata nel 2010 per iniziativa di un gruppo di famiglie desiderose di agire per promuovere un'economia alternativa, in particolare per produrre e offrire servizi alla persona e alla famiglia.
Eortè ha in gestione il Social Bar di Soliera (piazza Sassi) dal 31 marzo 2012. Quello di Limidi si trova presso il centro sociale O. Pederzoli (via Papotti 18). All'inaugurazione sono intervenuti, insieme a tanti limidesi, il sindaco di Soliera Roberto Solomita, alcuni assessori, il parroco di Limidi don Antonio Dotti, rappresentanti del centro sociale e del consiglio di frazione.

«La grave crisi economica che sta colpendo molte famiglie, in particolare quelle più deboli dal punto di vista delle risorse personali ed economiche e della rete di aiuto, ci ha convinto a rischiare per fondare una nuova impresa quale opportunità concreta di lavoro per un numero crescente di persone – spiega il presidente di Eortè Federico Tusberti - Come già avviene in quello di Soliera, il Social Bar di Limidi propone solo prodotti biologici a chilometro zero, provenienti dal circuito del commercio equosolidale utilizzando i contatti del Gas (gruppo di acquisto solidale) "La Festa". Soprattutto vuole essere un luogo per instaurare e coltivare relazioni tra le persone».

Il Social Bar Eorté di Limidi è gestito da due dipendenti della cooperativa e nove studenti universitari che, grazie al sistema dei voucher, hanno la possibilità di affacciarsi al mondo del lavoro in modo legale. Aperto dal lunedì al sabato (ore 7-19), il Social Bar Eortè di Limidi di Soliera può ospitare anche compleanni, anniversari, corsi di formazione ecc.

«Le sinergie che già si stanno sviluppando con il centro polivalente di Limidi e con le altre realtà del territorio – sottolinea Tusberti – renderanno possibile la realizzazione di iniziative formative e culturali». Si comincia domani - mercoledì 21 settembre - alle 21 all'Eortè Social Bar Soliera (piazza Sassì 10) con un incontro sulle opportunità di volontariato, formazione e lavoro in Europa; interviene Barbara Finessi (Centro Europe Direct Modena, Agenzia Locale Eurodesk), presenta Patrizia Natali, assessore alle Politiche giovanili e all'Europa del Comune di Soliera.
Venerdì 23 settembre all'Eortè Social Bar Limidi (ore 21) si parla di giornalismo digitale e potere di Internet con Laura Parenti e Alberto Sabatini, giornalisti e media educator.

(fonte: ufficio stampa Confcoop MO)

Pubblicato in Comunicati Lavoro Modena

"Il coraggio dell'utopia": ausili per la disabilità, metodologie ed esperienze di vita. Se ne parla domani – mercoledì 20 gennaio - a Soliera nel convegno organizzato dalla cooperativa sociale Aida onlus con il patrocinio dell'Unione delle Terre d'Argine. -

Modena, 19 gennaio 2016

Ausili per la disabilità, metodologie ed esperienze di vita. Se ne parla domani – mercoledì 20 gennaio - a Soliera nel convegno organizzato dalla cooperativa sociale Aida onlus con il patrocinio dell'Unione delle Terre d'Argine. L'iniziativa, intitolata , si svolge alle 19.30 presso la sala consiliare del castello Campori. Interviene Simone Soria, che dieci anni fa si è laureato in ingegneria informatica con 110 e lode nonostante una grave disabilità motoria (non cammina, non usa le mani e articola le parole con fatica). Fondatore della cooperativa Aida, domani Soria racconta la sua esperienza di integrazione scolastica e sociale, nonché il lavoro che porta avanti da dieci anni nel campo degli ausili per disabili e il suo innovativo metodo di valutazione delle capacità residua della persona. Partecipano al convegno rappresentanti della cooperativa sociale Nazareno di Carpi, delle associazioni Gruppo Genitori Figli Con Handicap e SiPuòFare, i sindaci di Soliera Roberto Solomita e Carpi Alberto Bellelli, Sabrina Tellini (servizi sociali dell'Unione delle Terre d'Argine), Luciano Mazzoleni (Medicina Riabilitativa di Carpi) e Giuliana Urbelli, assessore al Welfare del Comune di Modena. Info: tel. 3890596888; www.paralisicerebraleinfantile.it

(Fonte: ufficio stampa Confcooperative MO)

Pubblicato in Comunicati Lavoro Modena

Il furto è stato messo in atto su un Fiorino parcheggiato in via Grandi. Ad agire sono stati 4 ragazzi, di cui 3 minorenni studenti delle scuole superiori di Modena. Dalle indagini sono risultati con precedenti di polizia per furto. I tre minorenni sono stati tradotti presso il Centro di accoglienza minorile di Bologna mentre il maggiorenne sarà giudicato a Modena oggi con il processo direttissimo.

Modena, 3 dicembre 2015 -

I Carabinieri della Stazione Soliera hanno arrestato 4 giovanissimi ieri sera per furto su auto. I 4 ragazzi, di cui 3 di età compresa tra i 15 e i 17 anni ed un 19enne, sono stati sorpresi dalla pattuglia dei Carabinieri in servizio perlustrativo serale mentre depredavano un Fiorino parcheggiato in via Grandi, lasciato incautamente aperto dal proprietario. I militari, durante la perlustrazione hanno notato un "palo" che alla vista della pattuglia è fuggito a piedi e hanno subito bloccato gli altri 3 mentre smontavano l'autoradio del furgoncino. Altre pattuglie dell'Arma giunte sul posto per rinforzare il dispositivo hanno poi individuato e riconosciuto il ragazzo fuggito e lo hanno tratto in arresto. Dal sopralluogo è emerso che i giovani avevano rovistato nel veicolo alla ricerca di altri oggetti di valore. Il maggiorenne e due dei minorenni sono risultati essere stranieri tutti di nazionalità diversa mentre l'altro minorenne è un italiano e risiedono tra Carpi e Soliera. I tre minorenni sono studenti delle scuole superiori di Modena mentre il maggiorenne non risulta esplicare attività lavorativa. Dagli accertamenti è emerso anche che avevano alcuni precedenti di polizia per furto. Sono in corso verifiche finalizzate ad accertare la responsabilità dei quattro nei furti su auto verificatisi nei territori limitrofi a Soliera negli ultime settimane. I tre minorenni sono stati tradotti presso il Centro di accoglienza minorile di Bologna mentre il maggiorenne sarà giudicato a Modena oggi con il processo direttissimo.

 

Pubblicato in Cronaca Modena
Pagina 1 di 3