Visualizza articoli per tag: Questura di Modena

Tentata rapina alla titolare di una tabaccheria di Carpi: la Polizia di Stato incastra i due autori.

Carpi 20 gennaio 2020 - Nella serata del 3 gennaio 2019 la titolare di una tabaccheria di Carpi, mentre rientrava a casa dopo la chiusura del negozio, subì una tentata rapina da parte di due soggetti, di cui uno con volto travisato e armato di pistola.

La donna, una volta parcheggiata l’auto nei pressi dell’abitazione, era stata avvicinata da un uomo con una tuta da lavoro stradale ed un passamontagna, che le aveva intimato con una pistola semiautomatica di versare l’intero incasso, circa 5000 euro, all’interno di una borsa.

Le urla della donna e del figlio avevano fatto in modo che la rapina non andasse a buon fine; i due malviventi erano scappati a bordo di una autovettura a fari spenti e a forte velocità.

Gli agenti del Commissariato di P.S. intervennero sul posto nell’immediatezza e subito sono partite le indagini, coordinate dalla locale Procura della Repubblica, con la collaborazione dei colleghi del Commissariato di P.S. di Mirandola.

Grazie alle informazioni e alle testimonianze raccolte, sono state recuperate all’interno di un cassonetto dell’immondizia la tuta da lavoro, indossata dal rapinatore, e la pistola, una scacciacani, con la quale avevano tentato la rapina.

La serrata quanto complicata attività degli investigatori, effettuata con metodi tradizionali e con l’utilizzo di intercettazioni telefoniche e pedinamenti, ha permesso di risalire nelle ore successive all’autovettura utilizzata dai due malviventi, in uso ad un 50enne italiano senza fissa dimora soggiornante tra i comuni di Mirandola e Castelfranco, gravato da un unico precedente di Polizia, ma di fatto frequentatore abituale di noti pregiudicati.

Gli agenti sono riusciti, infine, ad inquadrare anche il vero e proprio autore della tentata rapina, un italiano di 50 anni con precedenti di Polizia a proprio carico.

Sono stati ricostruiti anche i movimenti dei due soggetti prima della rapina, i quali erano partiti dal comune di San Prospero direzione Carpi, dove avevano atteso la chiusura del negozio per poi spostarsi nei pressi dell’abitazione della vittima.

I due, sottoposti ad interrogatorio presso gli Uffici del Commissariato di P.S., hanno fornito dichiarazioni incongruenti e forvianti. La comparazione dei campioni di DNA prelevati ai due indagati ha dato riscontro positivo in quanto sono state trovate tracce biologiche di uno dei due soggetti sulla tuta da lavoro.

Alla luce dei fatti sopra descritti e delle fonti di prova raccolte, la locale Procura ha richiesto al G.I.P. del Tribunale di Modena l’emissione delle misure cautelari nei confronti dei due malviventi.
L’ordinanza di custodia cautelare è stata eseguita nei confronti del rapinatore il 10 gennaio scorso; al termine delle incombenze di rito, il 50enne è stato associato alla locale casa Circondariale. L’altro, il complice, è stato rintracciato il 17 gennaio scorso e anch’egli tradotto in carcere a disposizione della Autorità Giudiziaria procedente.

 

MO_questura-ordinanza_1_1.jpg

 

 

 

Pubblicato in Cronaca Modena

Modena 19 gennaio 2020 - A mezzanotte circa della notte, di sabato, i poliziotti della Squadra Mobile sono intervenuti per indagare su un grave accoltellamento fra automobilisti, segnalato da una pattuglia della Polizia Stradale di Modena Nord.

Gli agenti hanno potuto accertare che per futili motivi connessi alla viabilità, sull’A22, direzione Brennero, corsia di decelerazione dell’uscita del casello autostradale di Campogalliano, all’altezza del cavalcavia n.145, un automobilista, dopo aver inveito su strada con un altro per una manovra azzardata, lo ha costretto a fermare la propria corsa, ponendosi di fronte con il veicolo per farlo accostare. Si è, quindi, avvicinato a piedi con un coltello in mano al passeggero dell’altra auto, sferrando con l’arma un colpo secco all’addome del malcapitato, non spingendosi oltre solo perché, nel frattempo, si era accorto del passaggio, nella carreggiata opposta, di una pattuglia della Polizia Stradale, che in brevissimo tempo si è portata sul luogo dell’evento.

L’aggressore è riuscito a scappare prima dell’arrivo della pattuglia della Polizia.

La vittima, un milanese di 52 anni residente a Carpi, accoltellato di fronte alla moglie, è stato trasportato d’urgenza all’ospedale, dov’è stato successivamente operato all’addome con una prognosi di 30 giorni e dichiarato fuori pericolo.

La Squadra Mobile è riuscita, dopo circa 2 ore di attività ad identificare l’autore dell’aggressione, un noto pregiudicato italiano di 46 anni, e a rintracciarlo presso la sua abitazione a Campogalliano.

Essendo scaduti i termini temporali per procedere all’arresto in flagranza e non essendoci i presupposti per il fermo, in accordo con il Magistrato di turno, il soggetto è stato denunciato a piede libero rimettendo alla valutazione dell’Autorità Giudiziaria eventuali misure cautelari successive per il reato di lesioni aggravate.

Pubblicato in Cronaca Modena
Venerdì, 17 Gennaio 2020 15:44

Impegno costante della Polizia Stradale a Modena

Con l’impiego di n. 6175 pattuglie, nel corso dell’anno 2019 la Polizia Stradale di Modena ha complessivamente accertato n. 20900 infrazioni al codice della strada, delle quali n.11.583 in ambito autostradale e n. 9317 sulla viabilità ordinaria.

Modena 17 gennaio 2020 - A seguito dell’accertamento di infrazioni connesse alla guida in stato di ebbrezza alcolica o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, all’utilizzo del telefono durante la guida o al superamento del limite di velocità di oltre 40 Km/h, comportamenti frequentemente causa di gravi incidenti anche con esito mortale, nel medesimo periodo sono state ritirate n. 376 patenti di guida, mentre i punti decurtati per le medesime infrazioni oltre che per il mancato utilizzo dei sistemi di ritenuta di conducente e passeggeri o di seggiolini per i bambini, sono stati complessivamente n. 26.992 ; infine si segnala che sono state ritirate n. 485 carte di circolazione di veicoli a seguito di infrazioni alle norme di comportamento previste dal Codice della Strada nonché per mancanza della prevista revisione periodica o della copertura assicurativa oltre che per violazioni alle norme che regolano il trasporto merci in conto proprio ed in conto terzi.

Attività infortunistica.
L’andamento del fenomeno infortunistico ha fatto registrare una diminuzione del numero complessivo degli incidenti (871, - 19% rispetto al 2018) ed una considerevole diminuzione delle persone ferite (331, - 21%); a fronte di questi valori positivi, purtroppo, in linea con la tendenza nazionale, è stato registrato un incremento dei sinistri con esito mortale e conseguentemente delle persone decedute ( 13 incidenti con esito mortale pari a + 38% con 18 persone decedute ).
In particolare sono stati rilevati 596 incidenti in ambito autostradale dei quali 9 mortali, 131 con feriti e 456 con danni a cose, mentre sulla viabilità ordinaria sono stati rilevati 4 incidenti mortali, 55 con feriti e 54 con danni a cose.

Contrasto della guida sotto effetto di alcool e di sostanze stupefacenti.
Nel 2019 è proseguita la campagna straordinaria di controllo sulle condizioni psicofisiche dei conducenti, di veicoli sia in ambito autostradale che sulla viabilità ordinaria, per l’accertamento sull’eventuale assunzione di alcool; nelle ore serali e notturne sono state impiegate n. 125 pattuglie che hanno rilevato 38 incidenti e proceduto al controllo dello stato psicofisico di 3513 conducenti, dei quali il 1.8% ( totali 64 ovvero 54 uomini e 10 donne) è risultato positivo al test di verifica del tasso alcolemico, con un trend in diminuzione rispetto al 2018 ( la percentuale dei positivi al suddetto test era del 3,4 %).
Le persone denunciate, invece, per guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti sono state 5.
I sequestri dei veicoli sono stati 3 e si sono tutti tramutati in confische amministrative.
Dal mese di Ottobre 2019, il Servizio Polizia Stradale ha dato l’avvio ad una campagna straordinaria di controlli per il contrasto dell’uso di stupefacenti alla guida di veicoli, da attuarsi nelle notti dei fine settimana lungo la viabilità autostradale, con l’utilizzo di un laboratorio mobile per l’esecuzione, direttamente su strada, delle analisi di secondo livello della saliva, a mezzo di cromatografia liquida.

Autotrasporto professionale
In ossequio agli obbiettivi delineati nel protocollo d’intesa tra Ministro dell’Interno e Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti del luglio 2009, la Polizia Stradale, nel corso del 2019, ha continuato a dare forte impulso ai servizi di controllo nel settore del trasporto professionale.
Per quanto concerne quelli svolti congiuntamente al personale del Dipartimento Trasporti Terrestri con i Centri Mobili di Revisione, sono stati effettuati da questa Sezione 9 servizi da 48 operatori di Polizia, con il concorso di 16 operatori del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, che hanno portato al controllo di 107 veicoli pesanti, con l’accertamento di 96 infrazioni e n.2 carte di circolazione ritirate.

 

Operazioni ad Alto Impatto

Dal 1° gennaio al 31 dicembre 2019 ai servizi programmati mensilmente a livello regionale sono stati affiancati dispositivi specifici pianificati a livello nazionale, secondo il modello delle “Operazioni ad Alto Impatto”, nella misura di circa 5 al mese, per sottoporre a controllo massivo particolari settori del trasporto e verificare il rispetto di specifiche norme poste a salvaguardia della sicurezza stradale. I dispositivi sono stati programmati e realizzati da personale particolarmente preparato in settori della circolazione in cui le violazioni costituiscono generale pericolo per la Sicurezza dei cittadini.

Le “operazioni” in oggetto riguardano i seguenti settori, che hanno fatto registrare i risultati di seguito indicati:

- CINTURE DI SCUREZZA E SISTEMI DI RITENUTA :
12 operazioni – 1664 veicoli controllati e 426 violazioni accertate di cui 165 riferite alla normativa specifica);

- ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA :
9 operazioni ( 2 in più rispetto al 2018 ) – 2205 veicoli controllati – 115 violazioni contestate di cui 21 alla normativa specifica;

- AUTOTRASPORTO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE DI PERSONE :
5 operazioni - 63 veicoli controllati e 15 violazioni accertate di cui 15 alla specifica normativa;

- TRASPORTO DI ANIMALI VIVI :
5 operazioni - 26 veicoli controllati e 13 violazioni accertate di cui 3 alla normativa specifica;

- TRASPORTO DI MERCI PERICOLOSE :
6 operazioni - 90 veicoli controllati e 10 violazioni accertate di cui 3 alla normativa specifica;

- TRASPORTI ECCEZIONALI :
6 operazioni ( 4 in più rispetto al 2018 ) con 7 veicoli controllati e 3 violazioni accertate alla normativa specifica;

- TRASPORTO DI SOSTANZE ALIMENTARI :
5 operazioni – 39 veicoli controllati – 9 violazioni accertate di cui 2 alla normativa specifica;

- USO CORRETTO DI TELEFONI ALLA GUIDA DI VEICOLI :
8 operazioni – 1470 veicoli controllati e 97 violazioni accertate relative alla specifica normativa );

- STATO DI EFFICIENZA DEGLI PNEUMATICI :
3 operazioni – 580 veicoli controllati – 55 violazioni accertate di cui 15 alla specifica normativa.

I controlli ad “Alto Impatto” sono già stati riprogrammati per tutto il 2020.

Nell’ambito dell’Osservatorio Provinciale sull’Incidentalità, inoltre, a fronte del crescente
numero di incidenti con esito mortale nella Provincia, il Signor Prefetto di Modena ha disposto, in occasione del Ponte dell’Immacolata e delle Festività Natalizie, l’effettuazione di alcuni “focus day” incentrati sul contrasto ai comportamenti dei conducenti di veicoli che sono spesso causa di sinistri (velocità – stato psico-fisico conducenti – utilizzo sistemi ritenuta), da attuarsi da parte di tutte le forze di Polizia presenti sul territorio.
Per tale attività ha incaricato la Sezione Polizia Stradale di Modena di predisporre il relativo calendario e di fungere da elemento di coordinamento e raccolta dati: 8281 veicoli controllati – 9136 persone controllate – 1251 violazioni accertate.

Gite scolastiche in sicurezza
Nel corso del 2019, d’intesa con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, sono stati attivati controlli d’iniziativa o su segnalazione dell’istituto scolastico mirati al controllo degli autobus destinati al trasporto di scolaresche per gite o viaggi d’istruzione.
Nel corso dell’anno sono stati sottoposti a controllo 161 autobus, dei quali 30 hanno evidenziato almeno una irregolarità, per un totale di 39 infrazioni e il ritiro di 0 patenti e 6 carte di circolazione.

 

Campagne di informazione ed educazione stradale

Nell’anno 2019 numerose sono state le campagne di educazione ed informazione stradale, organizzate sia a livello nazionale che a livello locale, cui ha partecipato la Polizia Stradale di Modena.
Sono state inoltre effettuate 12 docenze in tema di Sicurezza Stradale che hanno coinvolto complessivamente n. 1470 studenti di scuole di primo e secondo grado della provincia di Modena, organizzate dall’Associazione Italiana Giovani Vittime della Strada, o richieste dagli stessi Dirigenti Scolastici nell’ambito del progetto sulla legalità con particolare riferimento alla guida in stato di ebbrezza dovuta all’abuso di alcol ed uso non terapeutico di stupefacenti o sostanze psicoattive, alla guida con l’utilizzo di apparecchi radiotelefonici senza vivavoce, alla maggiore lesività da sinistro stradale per il mancato uso dei sistemi di ritenuta o del casco, alla normativa comunemente nota come “ Omicidio Stradale”.

 

Inoltre nel corso del 2019, sono state attuate le seguenti campagne di informazione ed educazione stradale.

- La campagna di sicurezza stradale “BICI SCUOLA“, nell’ambito delle iniziative realtive al transito del Giro d’Italia - Studenti formati 750
- La campagna di sicurezza stradale “EDWARD” Studenti formati 120
- La campagna di sicurezza stradale, “BAMBINOPOLI” persone contattate 600
- Bimbi in Auto, in collaborazione con il Ministero della Salute, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e le principali Associazioni dei Pediatri, per sensibilizzare gli adulti sull’importanza dell’utilizzo dei sistemi di ritenuta per la sicurezza dei bambini in auto, nonché su tutti gli aspetti legati alla loro sicurezza quando viaggiano in auto attraverso n.12 servizi specifici che hanno portato a n.20 contravvenzioni riguardanti specificatamente in trasporto di passeggeri minori.

Attività di polizia giudiziaria

In materia di polizia giudiziaria, l’impegno profuso ha permesso di conseguire risultati soddisfacenti in tutti gli ambiti di competenza.
In particolare, l’attività investigativa di competenza ha portato all’arresto di 14 persone ed al deferimento all’A.G. di altre 235.
Sono stati rintracciati 7 clandestini e sono stati sequestrati e/o rinvenuti 44 veicoli oggetto di reato.
Nel corso dell’attività investigativa, sono state inoltre sequestrate patenti di guida e carte di circolazione false, per un totale di 101 documenti.
Si è proceduto infine al sequestro di Kg 17,7 di cocaina, Grammi 102 di cannabinoidi e grammi 30 di droghe sintetiche.

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in Cronaca Modena

Modena 13 gennaio 2020 - Nella serata di domenica, personale della Squadra Volante ha tratto in arresto un cittadino italiano di 49 anni, responsabile del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Fermato per un controllo mentre percorreva via Puccini a bordo della propria auto, l’uomo si è mostrato da subito particolarmente agitato e nervoso. Da una immediata verifica in banca dati è emerso che il 49enne era gravato da numerosi precedenti penali e di Polizia specifici, motivo per il quale gli agenti hanno effettuato un’ispezione più approfondita.
Sulla sua persona, in una tasca della giacca, sono stati rinvenuti tre involucri termosaldati di sostanza stupefacente, accertati successivamente essere del tipo cocaina.
Un accurato controllo dell’autovettura, ha permesso agli agenti di rinvenire ulteriori 20 involucri di cocaina, occultati nel vano centrale dell’auto, tra i due sedili anteriori dentro un sacchetto in simil pelle di colore nero, nonché nel tessuto della leva del cambio.

La sostanza stupefacente per un peso complessivo di 16 grammi e la somma in contanti pari a 835 euro sono stati sottoposti a sequestro; il malvivente, dopo gli accertamenti di rito, è stato trattenuto presso le camere di sicurezza della Questura, come disposto dal Magistrato di turno, in attesa del processo con rito direttissimo.

 

 

Pubblicato in Cronaca Modena

Nella giornata di mercoledì, quattro equipaggi dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico hanno proceduto al controllo dello stabile in disuso, ex “Termosanitaria Corradini S.P.A.”, sito in via Ruffini, nelle cui vicinanze, recentemente, sono stati notati alcuni individui con precedente in materia di stupefacenti. 

Nello stabile sono stati rintracciati in totale 14 soggetti, tutti deferiti all’Autorità Giudiziaria per invasione di terreni ed edifici al fine di occuparli. Il fabbricato, posto su due livelli, versava in pessime condizioni igieniche ed al suo interno erano stati ricavati alcuni giacigli di fortuna.

Inoltre, l’attività ha portato all’arresto di 8 persone, fra cui due donne, ed alla denuncia in stato di libertà di altri 6 individui, questi ultimi tutti cittadini tunisini, fra cui due minori.

Quattro degli arresti sono scattati per detenzioni ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, infatti, gli operatori della Squadra Volante hanno sequestrato complessivamente 29,2 grammi di cocaina e 899,1 grammi di hashish, suddivisi in dosi termosaldate e pronte per essere immesse nel mercato illecito.

Una cittadina macedone di 31 anni è risultata essere destinataria di un provvedimento di sospensione cautelativa della detenzione domiciliare, emesso dal Magistrato di Sorveglianza di Bolzano a seguito di tre episodi di evasione dalla misura cautelare degli arresti domiciliari cui la donna era sottoposta.

Un cittadino libico di 23 anni è risultato essere destinatario dell’aggravamento della misura cautelare del divieto di dimora nel Comune di Modena e Provincia, emessa dal Tribunale di Modena lo scorso 19 novembre, commutata con la misura della custodia cautelare in carcere.

Altri due individui, entrambi cittadini tunisini di 36 e 23 anni, sono stati tratti in arresto per reingresso illegale nel territorio nazionale. I due erano stati accompagnati coattivamente alla frontiera.

I sei soggetti denunciati in stato di libertà si sono resi responsabili a vario titolo di inosservanza alle norme sugli stranieri, porto di oggetti atti ad offendere, nel particolare due coltelli a serramanico, e falsa dichiarazione a Pubblico Ufficiale sull’identità personale.

La Polizia di Stato arresta anche un 22enne per spaccio di sostanze stupefacenti
Nelle stesse ore, in via Nicolò dell’Abate, personale della Squadra Mobile ha tratto in arresto un cittadino nigeriano di 22 anni per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Durante un servizio mirato alla repressione dello spaccio di droga in città, gli agenti della Sezione Narcotici hanno notato il 22enne mentre era intento a cedere una dose di marijuana ad una giovane donna. Sottoposto a perquisizione personale, il soggetto è stato trovato in possesso di 20,10 grammi di marijuana, suddivise in quattro involucri.
Su disposizione del Magistrato di Turno, il cittadino nigeriano è stato trattenuto all’interno delle camere di sicurezza della Questura in attesa di processo con rito direttissimo.

Pubblicato in Cronaca Modena

Carpi 9 gennaio 2020 - A seguito della rissa aggravata sfociata nell’accoltellamento di un ragazzo di 16 anni, avvenuta nella serata del 2 gennaio scorso in centro storico e che ha visto coinvolti un gruppo di giovani, di cui nove deferiti all’Autorità Giudiziaria, quattro dei quali infra diciottenni, il Commissariato di P.S. di Carpi ha posto in essere una articolata attività d’indagine che ha permesso di individuare due ulteriori protagonisti della rissa, un minorenne di Carpi ed un ragazzo, da poco maggiorenne, residente a Reggiolo. Anche questi ultimi sono stati denunciati in stato di libertà.

Anche alla luce dei fatti avvenuti, sono stati intensificati i controlli nei luoghi di ritrovo dei giovani carpigiani ed in particolare nel centro storico cittadino.

Nella serata del 5 gennaio scorso, la Squadra Volante ha sequestrato alcuni grammi di marijuana, detenuta da un 23enne pakistano, che è stato segnalato alla Prefettura per l’uso di stupefacenti; al giovane, che si trovava alla guida di un’autovettura, è stata altresì ritirata la patente.

Pubblicato in Cronaca Modena
Venerdì, 03 Gennaio 2020 14:36

Rissa di Carpi, individuati e denunciato gli autori

Individuati e denunciati dalla Polizia di Stato gli autori della rissa avvenuta nel centro di Carpi.

Modena 3 gennaio 2020 - Nella giornata di ieri il personale del Commissariato di Polizia di Carpi ha deferito all’Autorità Giudiziaria i partecipanti alla rissa avvenuta a Carpi in via San Francesco, col ferimento con colpi di arma da taglio di un giovane minorenne. Nella circostanza, è stato denunciato per rissa, lesioni personali e porto ingiustificato di armi e oggetti atti ad offendere anche l’autore dell’accoltellamento.

In particolare, gli operatori delle Volanti del Commissariato intervenuti sul posto a seguito di una segnalazione di un’accesa lite tra una decina di persone, tra cui alcuni minorenni, dopo aver soccorso il giovane ferito con arma da taglio, hanno proceduto all’identificazione e all’accompagnamento dei responsabili dell’accaduto presso gli uffici del Commissariato di Polizia.

Gli accertamenti effettuati attraverso la visione delle telecamere di sorveglianza della zona centro e dalle testimonianze acquisite hanno consentito la ricostruzione dei fatti, dai quali si constatava che la disputa era nata in via San Francesco e poi si era spostata nel parco cittadino ubicato davanti al cimitero, ove un maggiorenne al culmine del litigio estraeva un coltello e colpiva al costato un ragazzo di 16 anni.

Le perquisizioni effettuate d’intesa con la locale Procura della Repubblica hanno consentito agli Agenti il ritrovamento e il sequestro dell’arma usata per compiere l’azione criminosa.

Poiché i partecipanti alla rissa risultavano essere sia maggiorenni che minorenni gli stessi venivano deferiti alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Modena e alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Bologna.

 

 

 

Pubblicato in Cronaca Modena

I fatti risalgono al 17 dicembre scorso: sono circa le 9.00 del mattino, quando un uomo con un coltello da cucina minaccia la commessa della profumeria Vaccari in largo Garibaldi, la spintona a terra, si fa consegnare le chiavi, si chiude in negozio con lei, la imbavaglia e la lega con la sua stessa sciarpa.

Svuota quindi la cassa, circa 2.000 euro in contanti, si appropria del portafogli della vittima e riempie due borsoni con svariati articoli di profumeria per un valore di circa 8.000 euro.

Solo il suono del campanello da parte di un cliente, che vuole entrare in negozio, lo distoglie dall'intento di abusare della ragazza. Assicuratosi il via libera, prende il bottino e si dà alla fuga.

E qui interviene la Polizia che si mette immediatamente sulle tracce del rapinatore. Il primo fondamentale contributo alle ricerche è dato della Polizia Scientifica: un minuzioso lavoro di squadra e accurati rilievi tecnici sulla scena del crimine permettono infatti di evidenziare due impronte, quella del mignolo e dell'anulare della mano destra, sul retro del computer della cassa, che nella foga il rapinatore aveva afferrato e spostato dalla propria sede e su una scaletta dove aveva messo a sedere la vittima. Lavoro estremamente complesso se si pensa a quante impronte digitali possono sovrapporsi le une alle altre su scaffali ed oggetti all'interno di una attività commerciale. La comparazione delle impronte rilevate con quelle registrate in banca dati e la successiva individuazione fotografica del rapinatore da parte della vittima forniscono l'identikit dell'uomo: un 34enne nigeriano pregiudicato, in Italia senza fissa dimora ed irregolare sul territorio nazionale, ritenuto responsabile anche di un'altra rapina, commessa il 16 dicembre scorso, ai danni di una dipendente di un discount in via Vignolese.

Dopo giorni di incessanti ricerche, senza soluzione di continuità, durante le quali gli investigatori della Squadra Mobile, la cui attività è stata coordinata dalla Procura della Repubblica di Modena, non si sono mai dati per vinti, finalmente nel pomeriggio di ieri, dopo un primo tentativo andato a vuoto presso uno stabile in via Pancaldi, sono riusciti a rintracciarlo in via Paolo Ferrari.

Per lui è scattato l'arresto in esecuzione della misura cautelare in carcere emessa dal G.I.P del Tribunale di Modena.

Il nigeriano, indagato per i reati di rapina, sequestro di persona e tentata violenza sessuale, al termine delle incombenze di rito, è stato associato alla locale Casa Circondariale a disposizione dell'autorità giudiziaria procedente.

 

Pubblicato in Cronaca Modena

La Squadra Mobile ha tratto in arresto due cittadini italiani di 36 e 54 anni, pluripregiudicati, responsabili del reato di indebito utilizzo di carte di credito.

Gli agenti, mentre transitavano con auto civetta in via Vignolese, hanno notato un veicolo fermo, ma con motore acceso, all’altezza dell’intersezione con via Zamenhoff, al cui interno vi era un noto pregiudicato.
Nelle vicinanze, allo sportello del bancomat della filiale UNICREDIT, un altro soggetto con cappellino ed occhiali da sole, conosciuto dalle Forze dell’ordine per i suoi trascorsi, era intento ad effettuare alcune operazioni.

Terminato il tentativo di prelievo, l’uomo è stato bloccato dagli agenti ancora in possesso della carta di credito. Contestualmente è stato fermato per un controllo anche il conducente dell’autovettura.
La perquisizione personale ha dato esito positivo in quanto ha permesso di rinvenire un’altra carta di credito, avvolta in un foglio di carta rilasciato dalle banche con il codice PIN, intestata ad un cittadino straniero. All’interno del veicolo, inoltre, vi erano un paio di guanti da lavoro, una torcia di piccole dimensioni e una punta da trapano in acciaio, oggetto utilizzato comunemente dai malviventi per infrangere i finestrini delle auto.

Da successive indagini, si è potuto accertare che le due carte di credito erano state asportate da uno zaino, custodito all’interno dell’abitacolo di un camion, dopo averne infranto un finestrino a Castelnuovo Rangone.
I due malviventi, pertanto, sono stati anche denunciati per il reato di ricettazione di carte di credito oggetto di furto.

Pubblicato in Cronaca Modena

Modena 23  dicembre 2019 - Nell'ambito di mirati servizi, finalizzati alla prevenzione e al contrasto del consumo e dello spaccio di sostanze stupefacenti tra i giovani, la scorsa settimana, personale della Polizia di Stato e della locale Polizia Municipale ha effettuato un controllo presso il comparto scolastico Leonardo da Vinci.

L'attività si inserisce in un più ampio progetto di diffusione della cultura della legalità tra giovani, obiettivo condiviso da Forze dell’ordine ed istituzioni scolastiche a vari livelli.
Detti controlli hanno lo scopo di tutelare chi vive l'ambiente scolastico, in primis gli studenti, che per la loro giovane età sono generalmente più esposti a pericoli ed insidie e meritano una particolare attenzione da parte delle autorità.


Gli agenti della Squadra Mobile unitamente a uomini del Nucleo Problematiche del Territorio della Polizia Municipale, d’intesa con la Dirigenza scolastica particolarmente attenta a tali dinamiche, hanno perlustrato le aree cortilive di pertinenza del plesso scolastico “Corni”, per poi effettuare verifiche a campione in alcune aule.

Nel corso dei controlli, un 17enne ha spontaneamente dichiarato di detenere all’interno del proprio zaino della marijuana per un peso complessivo, come successivamente accertato, di grammi 29,71.
Il giovane era in possesso anche di 275 euro in contanti, suddivisi in banconote di vario taglio, di un bilancino di precisione e un coltellino con lama richiudibile.

Il 17enne, al termine delle formalità di rito, è stato denunciato in stato di libertà per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e affidato ai familiari.

 

Pubblicato in Cronaca Modena
Pagina 1 di 31