Redazione

Redazione

Non la “solita” manifestazione gastronomica: La Bonissima è un appuntamento dedicato ai prodotti agroalimentari e gastronomici d’eccellenza provenienti dal territorio modenese. Oltre al grande mercato affollato di stand dei numerosi produttori che proporranno specialità tradizionali e quasi introvabili, il programma prevede showcooking, degustazioni e altri eventi collaterali.

Modena -

Giunta alla undicesima edizione e organizzata da SGP Eventi, con il patrocinio del Comune di Modena e in collaborazione con Camera di Commercio di Modena Tradizioni e Sapori e BPER Banca, La Bonissima è un appuntamento irrinunciabile per i buongustai e per chi si occupa di cucina. Per tre giorni Piazza Grande – che assieme al Duomo e alla Ghirlandina è Patrimonio Unesco dell’Umanità dal 1997 – verrà trasformata in una frequentata vetrina delle eccellenze agroalimentari e gastronomiche del territorio, vere e proprie specialità spesso impossibili da trovare sugli scaffali dei negozi poiché la quantità limitatissima prodotta ne rende difficile il commercio. Le numerose pagode allestite in piazza – spazio privilegiato per i mercati fin dall’epoca antica, come testimonia la statua duecentesca de “La Bonissima” da cui prende il nome l’iniziativa e che simboleggia il “buon commercio” – ospiteranno aziende agricole, pasticcerie, laboratori artigianali e micro-produttori di cibi sopraffini, tutti da scoprire o riscoprire.  

Una giuria composta da esperti gourmet modenesi – Stefano Reggiani, Pier Luigi Roncaglia, Luca Bonacini e Norberto Magnani – degusterà i prodotti degli espositori, valutandone caratteristiche organolettiche, lavorazione artigianale, qualità e bontà di ciascuno, assegnando il premio principale e le menzioni speciali e decretando infine il Re del Mercato de La Bonissima

 

MERCATO DEI PRODUTTORI: LA TRADIZIONE NEL PIATTO

Tra l’infinita quantità di prodotti a disposizione di visitatori e appassionati durante kermesse del gusto ci saranno tutti i simboli modenesi, dal gnocco fritto a base di ingredienti a Km 0, ai borlenghi preparati con ingredienti semplici e un procedimento spettacolare, poi serviti caldi con lardo e aromi alle crescentine/tigelle.

I golosi di dolci non resteranno a bocca asciutta, poiché l’arte della pasticceria sarà magnificamente rappresentata in Piazza Grande: dai poco noti – e difficili da trovare – ciacci di castagne, al croccante e alle raffinatissime praline all’Aceto Balsamico, passando poi per i profumati amaretti e ad un dolce dalle origini antiche e che rappresentano egregiamente la cucina modenese: il savor. Questa marmellata di mosto d'uva con aggiunta di frutta, di colore scuro e dal sapore intenso, molto calorica era consumato nei periodi invernali quando erano necessarie energie per lavorare nei campi, ma ancora oggi squisita e apprezzata.

La borsa della spesa potrà essere riempita con specialità introvabili e che stupiranno per i sapori genuini e per la qualità eccellente: dagli orti e dai boschi provengono il tartufo nero della Val Dragone, i funghi porcini e i frutti del sottobosco. Tra i saporitissimi salumi si potranno acquistare la coppa di testa, il guanciale, i ciccioli morbidi e frolli oltre al salame di San Felice, e per completare un tagliere sopraffino, ecco i formaggi: pregiatissimo e rarissimo il Parmigiano Reggiano 56 mesi, eccellenti le forme di Parmigiano Reggiano prodotto con latte delle vacche bianche modenesi e di montagna, la caciotta di mucca e la ricotta. Da mangiare caldi sul momento anche i calzagatti, altro piatto tipico della tradizione modenese, di origine contadina, a base di polenta, grandissima risorsa quando la fame si faceva sentire e di fagioli, considerati la carne dei poveri e cotiche e fagioli, con tre tipologie di fagioli bio del nostro appennino.

Per accompagnare il trionfo di delizie, una birra artigianale o un calice di lambrusco Grasparossa di Castelvetro sono l’ideale, mentre per concludere il pasto non si rinuncerà a un bicchierino del liquore tipico di questo territorio, il nocino.

Infine, l’“oro nero”: il sublime Aceto Balsamico Tradizionale di Modena sarà rappresentato da aziende agricole che ne curano pazientemente la produzione, rielaborandolo anche in squisiti condimenti come il Mielaceto: un connubio tra la dolcezza del miele e gli inconfondibili aromi dell’Aceto Balsamico.

 

DEGUSTAZIONI, SHOWCOOKING ED EVENTI

Ma il programma di La Bonissima 2019 comprende anche degustazioni guidate e gratuite dei prodotti in vendita presso il mercato, interessantissimi showcooking condotti da grandi maestri della cucina, workshop, presentazioni di libri e visite guidate ai monumenti più affascinanti di Modena. 

Tra gli eventi più significativi, segnaliamo:

 

DEGUSTAZIONI IN TOUR “Il percorso del Gusto” con l’esperto gourmet Pierluigi Roncaglia

Insieme all’esperto gourmet i partecipanti compiranno un tour con assaggi tra gli stand dei produttori de La Bonissima. Introduzione all’analisi sensoriale e utilizzo di una scheda per distinguere l’influenza dei cinque sensi alla valutazione di un alimento. Scoperta e approfondimento degli ingredienti dei prodotti presentati dagli espositori della Bonissima.

(Piazza Grande, sabato 19 ottobre, ore 11,30 e domenica 20 ore 10.30)

 

LA COPPIA FUMANTE: premiazione degli “Ambasciatori Della Coppia Fumante”, organizzata da Artestampa. Conduce il Gran Maestro della Confraternita del Gnocco d’Oro, Luca Bonacini, insieme al fratello Carlo Bonacini (Piazza Grande, sabato 19 ottobre, ore 11,00)

 

I GIOVANI VINAIOLI: Tre nuovi imprenditori locali di lambrusco, verranno premiati per l’impegno e il lavoro svolto in pochi anni di attività dedicata all’antica arte del Vinaioli di Lambrusco. Alla presenza dell’Assessore al Centro Storico, Andrea Bosi. A cura di Enrico Zanella del Cicchetto Bottega di Carpi e Artigiani del Gusto di Modena. Al termine assaggio gratuito di lambrusco delle case vinicole premiate. 

 

VISITE GUIDATE AI TESORI DI MODENA: l’associazione culturale LaRoseNoire presenta, in collaborazione con La Bonissima, due visite guidate nei tesori della città di Modena (centro storico, sabato 19 ottobre, ore 14.50; domenica 20 ottobre, ore 14.50)

 

SHOWCOOKING “AEMILIA: UNA RICETTA MODENESE RIVISITATA”, una ricetta gourmet della tradizione della provincia modenese rivisitata in chiave alternativa e di alta qualità. 

Lo show è si diviso in due parti: una sfida culinaria dedicata agli amatori e food blogger che si avvicenderanno nella preparazione della loro ricetta; la proposta gourmet migliore vincerà una cena per due in un noto ristorante modenese.

La seconda parte vede lo showcooking di Stefano Corghi, chef de Luppolo e L’Uva e Francesco Rompianesi, sous chef del Prospero Modena prepareranno una ricetta tipica modenese rivisitata con assaggi finali. In collaborazione con Modena a Tavola, il consorzio che rappresenta quasi quaranta fra i più prestigiosi ristoranti della provincia di Modena.  Presenta l’esperto gourmet Stefano Reggiani (FoodLab Viale L. A. Muratori, 75/A)

 

SHOWCOOKING: Christian di Asmara, nome d’arte di Christian Lo Russo, è lo chef di Generi Alimentari da Panino, e durante lo showcooking mostrerà le fasi di preparazione di due dei migliori panini gourmet che si possono gustare nel suo locale (Piazza Grande, sabato 19 ottobre, ore 17,30)

 

LABORATORI DI CUCINA a cura de La Bottega da Leonida

• gnocco fritto, con degustazione (Piazza Grande, domenica 20 ottobre, ore 11,00)

tortelli, con degustazione (Piazza Grande, domenica 20 ottobre, ore 16,00) 

 

IL RE DEL MERCATO: verrà annunciato il Re del Mercato, scelto dalla giuria di esperti. Il produttore verrà premiato sul palco de La Bonissima e la menzione speciale dell’edizione 2019, alla presenza dell’Assessora Ferrari (Piazza Grande, domenica 20 ottobre, ore 12,30).

 

LA BONISSIMA SOLIDALE CON APERITIVO: Al termine della manifestazione i produttori del mercato doneranno dei prodotti tipici destinati ad un refettorio: l’iniziativa, curata da Food for Soul (l’associazione no-profit fondata da Massimo Bottura e Lara Gilmore), prevede che gli chef di Modena si alternino volontariamente ai fornelli offrendo cene solidali a chi ne ha più bisogno. Lo staff di SGP Eventi si occuperà quindi di consegnare i prodotti alla Fondazione Auxilium che gestisce il progetto e che li userà per la cena solidale della settimana seguente.

Inoltre sarà allestito un aperitivo finale sotto al palco con i prodotti del mercato de La Bonissima. 

Laboratori Lego, incontri sulla salute, visite guidate alle strumentazioni, presentazione di libri, clown e spettacoli di magia. Pausa pranzo con il Pasta Party offerto  dalla Protezione Civile. Dalle 11.30 alle 18, al Cattani e all’Ospedale dei Bambini aggiungi anche tu un mattoncino di cuore.

Parma -

Sabato 19 ottobre all’Ospedale Maggiore di Parma porte aperte in Oncologia e Radioterapia per il #MATTONCINODICUORE day, una giornata di incontri, scoperte e conoscenze a contatto con i professionisti per osservare da vicino il lavoro sul campo e nei laboratori.

L’evento si aprirà alle ore 11.30 davanti al padiglione Cattani (ingresso via Gramsci) con la presentazione del nuovo Centro oncologico nel plastico realizzato in mattoncini LEGO dall’artista Riccardo Zangelmi. Una riproduzione in scala di quello che sarà il futuro Centro oncologico che si animerà dei personaggi e degli arredi costruiti dai partecipanti ai laboratori gratuiti che si terranno dalle 12 alle 18 all’Ospedale dei bambini dove faranno la loro comparsa anche il mago Kevin con le sue mirabolanti magie e i sorrisi dei clown Vip Parma.

Per chi volesse conoscere le cellule, capire cosa sta dietro alla cura, parlare di salute e di prevenzione al pad. Cattani troverà visite guidate ai laboratori del Day Hospital oncologico e potrà partecipare agli incontri con i professionisti dell’Ospedale Maggiore: alle ore 14 con il prof. Marcello Tiseo per scoprire il futuro della ricerca mentre alle ore 16 con il dottor Antonino Musolino per conoscere la prevenzione e migliorare i nostri stili di vita. 

Sempre sabato si apriranno le porte della Radioterapia dove la direttrice del reparto, dott.ssa Nunziata D’Abbiero, guiderà i visitatori a conoscere il lavoro di equipe che sta alle spalle di un percorso terapico e spiegherà dal vivo il nuovo acceleratore lineare istallato da pochi mesi nel reparto (ogni ora dalle 13).

Tante inoltre saranno le attività proposte dalle associazioni di volontariato amiche di “insieme con te”, la raccolta fondi che vuole aggiungere mattoncini di cuore per il Centro oncologico, tra cui Verso il Sereno che proporrà laboratori di trucco e di  parrucche aperti a tutti, metterà a disposizione una psicologa per un punto di ascolto e presenterà il nuovo sito alle ore 16.30. La Doppia Elica offrirà ai presenti un laboratorio di uncinetto per partecipare alla creazione di addobbi natalizi, mentre La Coperta di Linus stenderà la sua coperte colorate; prevenzione con l’associazione Lilt perché parlarne aiuta; mentre FabLab sarà al fianco della sagoma mascotte che ha realizzato per la raccolta fondi a favore del Centro Oncologico. Presente il pulmino di Intercral che garantisce il trasporto gratuito per i pazienti oncologico mentre per la pausa pranzo il Pasta Party offerto dalla Protezione Civile.

Tutte le attività sono gratuite e realizzate grazie alla disponibilità del personale dell’Ospedale Maggiore, delle associazioni di volontariato e degli amici che sostengono il Centro oncologico e la raccolta fondi, insieme per costruire la miglior cura del futuro.

La raccolta fondi ha il sostegno di: Azienda Ospedaliero-Universitaria, Comitato Consultivo Misto aziendale, Azienda Usl, Università degli Studi di Parma, Conferenza Territoriale Sociale e Sanitaria, Fondazione Cariparma, Unione Parmense degli Industriali e Munus Fondazione di Comunità.

#MATTONCINODICUORE – Programma 

Ore 11.30 piazzetta pad. Cattani (via Gramsci)

Scopri come sarà il nuovo Centro oncologico, nel modello in mattoncini LEGO realizzato dall’artista Riccardo Zangelmi.

Ospedale dei Bambini

Dalle 12 alle 18 LEGOlandia. Laboratorio di costruzioni con un progettista certificato Lego, Riccardo Zangelmi. Per costruire insieme gli arredi, le apparecchiature e i personaggi che animeranno il plastico del nuovo Centro

Ore 14.30 Le magie del mago Kevin

Dalle 15.30 alle 17 Scherzi giochi e nasi rossi: Ecco a voi clown VIP Parma!

Pad. Cattani, Day Hospital oncologico

Incontri e visite guidate

Due facce della cura, ne parliamo con:

ore 14:00 Marcello TISEO “Il futuro della ricerca”

ore 16:00 Antonino MUSOLINO “Conoscere, prevenire, curarsi”

I misteri delle cellule”. Come sono fatte e come funzionano: le scoperte al microscopio. Visite guidate nei laboratori  alle ore 14:30 - 15:30 - 16:30

Il raggio gentile”, visite guidate all’acceleratore lineare di ultima generazione della Radioterapia. Alle ore 13, 14, 15 e 16

Storie di coraggio

Come vele sopra il male”, Donne, attimi di intensa quotidianità nel libro fotografico di Sandro CAPATTI. Alle ore 15:00

I luoghi dell’anima”, L’eternità, l’amore, il dolore nel libro di Raffaele BALSANO e Marco ARCIDIACONO. Alle ore 17:00

Pad. Cattani, Day Hospital oncologico, sala d’attesa rossa

Attività proposte dai professionisti che affiancano l’associazione Verso il Sereno

Ore 14.30 “Parrucche in testa”, con Franco Fontana System

Ore 15.30 “Un trucco per amico” con estetiste specializzate per pelli sensibili

Alle ore 16.30 l’associazione che da quasi 20 anni è una presenza assidua al fianco dei pazienti oncologici presenta il nuovo sito internet e il nuovo logo.

Attività delle associazioni Lilt e Doppia Elica, La coperta di Linus e FabLab.

 

Dalle 12.30 alle 14.30 Pasta Party offerto dalla Protezione Civile

 

Le iniziative si svolgeranno anche in caso di maltempo.

All'Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna il primo trapianto al mondo di vertebre umane. Ad effettuare l'intervento su un paziente colpito da tumore osseo maligno, l'équipe di Alessandro Gasbarrini, direttore della Chirurgia Vertebrale a indirizzo oncologico e degenerativo dello Ior. La straordinaria operazione illustrata oggi alla stampa in Regione.

Bologna -

Quattro vertebre conservate nella Banca del Tessuto Muscolo-scheletrico dell'Emilia-Romagna sono state utilizzate per sostituire la parte di colonna vertebrale rimossa. È la prima volta al mondo ed è stato possibile all’Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna. Una parte di colonna vertebrale è stata sostituita da quattro vertebre umane. L’intervento è stato eseguito lo scorso 6 settembre su un paziente di 77 anni colpito da cordoma, forma maligna di tumore osseo. A guidare l’equipe, il direttore della Chirurgia Vertebrale a indirizzo oncologico e degenerativo del Rizzoli, Alessandro Gasbarrini.

È stato lo stesso medico ad illustrare oggi alla stampa, in Regione, i dettagli di questa operazione ad altissima complessità. Assieme a lui il presidente Stefano Bonaccini, l’assessore alle Politiche per la Salute, Sergio Venturi, il direttore generale dell’Istituto Ortopedico Rizzoli, Mario Cavalli, e Dante Dallari, direttore della Banca del Tessuto Muscolo-scheletrico della Regione Emilia-Romagna che ha sede al Rizzoli e ha fornito le vertebre umane trapiantate al paziente. Una realtà d’eccellenza, prima nata in Italia e la più importante per numero di tessuti conservati e distribuiti: oltre il 50% del tessuto da donatore utilizzato in Italia arriva da qui. 

Ed è proprio grazie a tale disponibilità e alle competenze cliniche e specialistiche dell’ospedale felsineo che tra le diverse possibili è stata scelta questa procedura, adottata dopo la rimozione delle vertebre malate, la cosiddetta ‘vertebrectomia’, trattamento obbligato in casi come questo.

Pagina 2 di 5450