Visualizza articoli per tag: trasporti

Martedì, 13 Agosto 2019 15:46

Pass per residenti in zona stadio Tardini

Residenti in zona stadio Tardini, ecco il pass di cortesia per agevolare il transito - info e modalitá di consegna/ritiro

Il Parma Calcio ed il Comune di Parma, in vista della nuova stagione agonistica che si disputerà presso lo stadio Ennio Tardini, (storico luogo di aggregazione della città di Parma) per ridurre al minino i disagi per i residenti del suo quartiere, hanno predisposto un “Pass di cortesia”, rilasciato a titolo gratuito, che ha lo scopo di agevolare il transito nelle aree che per necessità organizzative sono escluse al traffico veicolare e/o pedonale.
Questo “Pass” garantirà il transito nelle giornate in cui vengono disputate le partite allo stadio, al fine di poter raggiungere con l’auto il proprio domicilio, tramite accessi designati. Questi “Pass di cortesia” non autorizzano la sosta nelle vie dove la stessa è vietata.


Gli stessi saranno consegnati agli aventi diritto, nei tempi e modi sotto indicati, tramite la presentazione della carta di circolazione riportante l’indirizzo di residenza del titolare. Per i residenti di alcune strade sottoposte ad ulteriori restrizioni di transito pedonale, verranno inoltre rilasciati anche “Pass Pedonali” per facilitare l’accesso.


Si specifica, per evitare malintesi, che i residenti delle zone indicate hanno già il pieno diritto di transito verso le proprie abitazioni e che il “Pass di Cortesia” avrà la funzione di facilitare gli ingressi, semplificando le operazioni di controllo e rendere quindi più veloce il superamento dei blocchi del traffico stabiliti e dei varchi d’accesso, questi ultimi ottimizzati e ridimensionati nel numero.
Il ritiro dei Pass di Cortesia sarà possibile a partire dal giorno 14/08/2019, dal lunedì al venerdì, presso la sede del Centro di Coordinamento Parma Club (Stadio Tardini Piazzale Risorgimento 1) dalle ore 15:00 alle ore 19:00 e sabato 17/08/2019 dalle ore 09.00 alle ore 12.00. Chiuso il giorno 15/08/2019.

pastedImagebase640.jpg

PLANIMETRIA ZONE PASS (ALL.1) (2).jpg

 

 

 

 

Lunedì, 12 Agosto 2019 16:29

La biglietteria mobile di SETA

Anche quest’anno Seta allestisce la biglietteria mobile: un servizio prezioso per gli utenti della provincia di Piacenza
Dal 16 al 26 agosto in undici località del territorio piacentino sarà operativo un punto mobile attrezzato per acquistare o rinnovare gli abbonamenti al trasporto pubblico: si parte da Rottofreno-S.Nicolò (venerdì 16 agosto) e si prosegue a Rivergaro (sabato 17), Podenzano e San Giorgio (lunedì 19), Castell’Arquato (martedì 20), Pianello Val Tidone (mercoledì 21), Agazzano (giovedì 22), Bettola (venerdì 23), Pontenure e Cortemaggiore (sabato 24), Monticelli d’Ongina (lunedì 26). I nuovi abbonati, grazie ad una speciale promozione, risparmiano i 5 euro di costo della card.


PIACENZA, 12 AGOSTO 2019 – Anche quest’anno, nei mesi di agosto e settembre, Seta allestirà una biglietteria mobile che sarà operativa in oltre 40 località dei bacini provinciali di Modena, Reggio Emilia e Piacenza. L’iniziativa è realizzata in collaborazione con le rispettive Amministrazioni comunali interessate, ed è finalizzata ad offrire un utile servizio ai tanti utenti che risiedono al di fuori dei capoluoghi o delle località in cui è presente una biglietteria in sede fissa. Grazie a questo servizio, vecchi e nuovi abbonati potranno acquistare o rinnovare la propria tessera con comodità, senza doversi necessariamente recare presso le biglietterie centrali. Inoltre, anticipando l’acquisto ad agosto, si evitano gli affollamenti agli sportelli che si verificano nei primi giorni di settembre. Per i nuovi clienti, poi, c’è una convenienza ulteriore: acquistando un abbonamento annuale presso la biglietteria mobile Seta si risparmiano i 5 euro di costo della tessera, grazie ad una speciale promozione attivata dall’azienda.

Il punto mobile attrezzato di Seta dove acquistare o rinnovare gli abbonamenti al trasporto pubblico sarà operativo a partire da venerdì 16 agosto a Rottofreno-S.Nicolò (Piazzale Barca), dalle ore 9,30 alle 13,00 e dalle ore 14,00 alle 17,00. Si prosegue sabato 17 agosto a Rivergaro (Piazza della Pesa) con i medesimi orari di apertura. Dopo la pausa domenicale la biglietteria mobile Seta riprende il servizio lunedì 19 agosto a San Giorgio Piacentino (Piazza Marconi, dalle ore 09,30 alle ore 13,00), mentre nel pomeriggio dalle ore 14,30 alle ore 17,30 si sposterà in Piazza Nuova a Podenzano. Martedì 20 agosto sarà a Castell’Arquato (Piazza San Carlo), mercoledì 21 agosto a Pianello Val Tidone (Largo Dal Verme), giovedì 22 agosto ad Agazzano (Piazza Europa) e venerdì 23 agosto a Bettola (Piazza Colombo): in tutte queste località l’orario di esercizio sarà dalle ore 9,30 alle 13,00 e dalle ore 14,00 alle 17,00). Sabato 24 agosto il punto mobile Seta farà tappa a Pontenure (Piazza Re Amato, dalle ore 9,30 alle 13) e Cortemaggiore (Piazza Patrioti, dalle ore 14,30 alle 17,30), per poi chiudere il tour in terra piacentina lunedì 26 agosto a Monticelli d’Ongina (Via Martiri della Libertà, dalle ore 9,30 alle 13,00 e dalle ore 14,00 alle 17,00).

Presso la biglietteria mobile Seta sarà possibile acquistare o ricaricare gli abbonamenti ordinari annuali per il servizio di trasporto pubblico, con rilascio immediato delle tessere di nuova emissione grazie ad una postazione informatica dotata di computer e stampanti. Il pagamento potrà avvenire esclusivamente mediante carte bancarie (bancomat o carte di credito). Chi deve sottoscrivere un abbonamento Seta per la prima volta deve portare con sè una fototessera recente, il codice fiscale ed un documento di identità (per i minorenni è sufficiente il documento del genitore o tutore legale). Chi invece è già titolare di un abbonamento Seta e deve solo rinnovarlo deve portare con sè la tessera già in suo possesso.

Per ulteriori informazioni sui costi degli abbonamenti e sulle modalità di acquisto/pagamento è possibile consultare il sito internet www.setaweb.it oppure contattare il servizio di informazioni telefoniche di Seta al numero 840 000 216. E’ disponibile anche un servizio informazioni via WhatsApp, accessibile gratuitamente al numero 334 2194058.

seta PC biglietteria.jpg

Lunedì, 12 Agosto 2019 07:45

Le novità per acquistare gli abbonamenti TEP

L'abbonamento TEP si acquista su appuntamento in biglietteria. Nuovo servizio per prenotare un appuntamento con gli operatori delle biglietterie per acquistare l’abbonamento senza attese e senza code.

Parma, venerdì 9 agosto 2019 - Novità in arrivo da quest’anno per chi deve sottoscrivere o rinnovare un abbonamento urbano o extraurbano TEP. Oltre ai tradizionali sistemi di ricarica da remoto (web, bancomat, tabaccherie) sarà possibile continuare a rivolgersi agli sportelli TEP, ma con la garanzia di poter trovare un operatore a disposizione e di compiere l’operazione rapidamente, senza il rischio di affrontare code e lunghe attese.
Dal 12 agosto sarà attivo un servizio di acquisto degli abbonamenti su appuntamento. Sarà sufficiente collegarsi via web all’indirizzo http://bit.ly/appuntamentoTEP per prenotare l’appuntamento con un operatore presso lo sportello desiderato (Barriera Bixio, P.le Paer angolo via Garibaldi o in Cicletteria presso la Stazione).


Fin dall’entrata in funzione del sistema di tariffazione Mi Muovo, TEP ha attivato diversi servizi di ricarica che permettono a chi acquista un abbonamento di compiere l’operazione senza recarsi fisicamente in biglietteria, con risparmio di tempo e senza inutili attese. Diverse persone però continuano a compiere l’operazione agli sportelli perché alcuni abbonamenti (ad es. quelli per gli studenti universitari) richiedono delle certificazioni che comprovino il diritto a fruire di tariffe agevolate o semplicemente perché prima di acquistare il titolo di viaggio il cliente ha la necessità di chiedere informazioni e chiarimenti direttamente agli operatori. Nei periodi in cui le sottoscrizioni di abbonamenti tradizionalmente si intensificano –tra la seconda metà di agosto e la prima metà di settembre per chi va a scuola in bus – c’è il rischio di dover restare a lungo in biglietteria in attesa del proprio turno. L’appuntamento permetterà di usufruire del servizio all’orario prefissato, senza ritardi e senza perdite di tempo.
TEP raccomanda a quanti hanno necessità di accedere alle biglietterie per le operazioni di acquisto e di ricarica di prenotare il proprio appuntamento in tempo utile per non arrivare all’ultimo minuto quando gli appuntamenti disponibili risulteranno già tutti occupati. Gli appuntamenti saranno prenotabili già dal 19 agosto anche per chi ha l’abbonamento in scadenza a settembre. Per chi rinnova il proprio titolo prima della scadenza, infatti, la validità non sarà rinnovata in anticipo, ma partire dal giorno successivo la naturale scadenza dello stesso.
La prenotazione degli appuntamenti non sarà attiva solo per l’estate, ma anche nei mesi successivi e per tutti i titoli di viaggio –annuali, ma anche mensili e trimestrali. In questa prima fase sarà possibile prenotare appuntamenti dal 19 agosto e fino all’11 ottobre.


Chi non dispone di un collegamento ad Internet o di un device per la navigazione (pc, smartphone o tablet) potrà prenotare l’appuntamento anche telefonicamente, contattando il numero 0521 214 441, attivo dal 19 agosto dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 12.30.


Per chi ha necessità di compiere operazioni diverse dall’acquisto o rinnovo dell’abbonamento (es. pagamento sanzioni, richiesta informazioni ecc.) presso la biglietteria di Barriera Bixio sarà comunque disponibile uno sportello dedicato, con accesso diretto in base alla priorità di arrivo.

Ufficio Stampa TEP spa

È in arrivo nei prossimi mesi una rivoluzione nei servizi di trasporto pubblico locale. Si tratta di un progetto che modificherà in modo significativo l’assetto della rete del servizio urbano. Frutto di uno studio avviato 2 anni fa, il nuovo impianto ha lo scopo di rispondere alle nuove necessità espresse dalla città che cambia e accogliere le esigenze di mobilità dei cittadini che si aspettano un servizio sempre più dinamico e affidabile. Ciò anche in vista di Parma 2020 che richiamerà in città visitatori e turisti con necessità di spostamento sul territorio. Il piano d’azione va quindi a modificare la rete di trasporto pubblico locale che, pur mantenendo l’assetto radiale, si adatta ai cambiamenti demografici e strutturali della città.

Ne hanno parlato, questa mattina, nel corso della conferenza stampa di presentazione, il sindaco, Federico Pizzarotti; Tiziana Benassi, Assessore alle Politiche di Sostenibilità Ambientale del Comune; Roberto Prada, Presidente Tep Spa e Paolo Rezoagli, Presidente di Smtp – Società per la mobilità ed il trasporto pubblico di Parma – Spa.

Tiziana Benassi, Assessore alle Politiche di Sostenibilità Ambientale, ha parlato di “una grande rivoluzione che interesserà nei prossimi mesi il Trasporto Pubblico Locale Urbano e che discende da un percorso avviato circa un anno e mezzo fa con Tep e Smtp e che tiene conto delle istanze espresse dai cittadini in occasione del questionario inerente la mobilità promosso dalla Gazzetta di Parma e condiviso con il Comune. Da esso erano emerse alcune richieste legate all'incremento degli orari serali, delle frequenze diurne ed alla copertura di nuovi quartieri come Sant'Eurosia, Parma Mia e San Lazzaro Est”. La Riforma della Mobilità vede nel nuovo piano del Trasporto Pubblico Locale Urbano un punto strategico. Fra le novità, 8 linee in servizio durante l'orario serale e notturno dalla domenica al giovedì fino a mezzanotte, il venerdì e il sabato fino all'1.30 di notte; 13 autobus in circolazione ogni sera sulle nuove linee notturne e circa 30 mila chilometri in più di percorrenza in orario notturno e 5 linee urbane che serviranno nuovi quartieri o che avranno frequenza intensificata.

Il Presidente Tep, Roberto Prada, si è soffermato sul tema legato alla semplificazione tariffaria: “Il nuovo assetto prevede il passaggio del costo del biglietto urbano da 1.20 euro a 1.50 euro, ma la novità più importante è che il nuovo biglietto avrà una durata di 80 minuti, anziché 60 come oggi, e che potrà essere utilizzato durante tutto l'arco della giornata e, quindi, anche nelle ore serali senza sovrapprezzo. Mi preme, poi, sottolineare l'attenzione di Tep e degli enti coinvolti a favore di studenti, lavoratori e clienti storici per cui non è previsto nessun aumento del costo degli abbonamenti annuali”.

Soddisfazione è stata espressa dal Sindaco, Federico Pizzarotti, che ha ricordato come il parco mezzi Tep sia in costante rinnovamento con 10 nuovi mezzi a metano in servizio da agosto. “La flotta si rinnova – ha concluso – ed è al passo con le esigenze della città, grazie a mezzi a basso impatto ambientale e frequenze intensificate a favore dei cittadini di Parma, della provincia e dei turisti, in particolare in vista di Parma Capitale Italiana della Cultura per il 2020”.

Paolo Rezoagli, Presidente di Smtp, ha confermato l'impegno della società ad effettuare gli interventi necessari per garantire maggiore puntualità dei mezzi ed economie di gestione.

LE LINEE GUIDA

Sono 3 le direttrici principali del cambiamento:

  1. rivoluzione del servizio in orario serale e notturno

  2. integrare nella rete dei trasporti i nuovi quartieri

  3. aumentare la frequenza di passaggio dei bus

Completata la prima fase, saranno sviluppati altri percorsi di miglioramento:

è già in programma lo studio di interventi sulla viabilità cittadina per migliorare la regolarità dei servizi in zone dove si creano colli di bottiglia e rallentamenti;

la riduzione dell’impatto ambientale del trasporto pubblico con l’aumento del numero di km offerti a trazione elettrica;

la progettazione di interventi per intensificare il servizio sull’asse nord-sud ed est-ovest.

 

GLI INTERVENTI PRINCIPALI

Ecco in dettaglio gli interventi che verranno realizzati in due fasi successive: le prime variazioni già nel 2019, mentre la seconda sarà avviata con l’entrata in servizio dei nuovi filobus full-electric e dopo il completamento degli interventi viabilistici e strutturali necessari.

  1. LA RIVOLUZIONE DEL SERVIZIO NOTTURNO

Una delle novità principali riguarda il servizio notturno. Ad oggi la mobilità in orario serale è garantita dal servizio a chiamata Prontobus e da 2 linee notturne (2N e 4N) che coprono gli assi nord-sud ed est ovest della città.

Lo studio dei flussi di mobilità ha rilevato le direttrici di traffico principali che interessano la città nelle ore serali e notturne. Da settembre questi spostamenti saranno serviti da 8 linee diurne che rimarranno in funzione su buona parte del percorso ordinario anche dopo le 20. Si tratta delle linee 2, 3, 5, 7, 8, 9, 11 e 21 che copriranno l’intera area del centro con corse a cadenza fissa a frequenza 30 minuti. Le linee 7, 9, 11 e 21 avranno il tragitto limitato fino alla Stazione ferroviaria. Per la linea 3, invece, il normale percorso sarà esteso fino a raggiungere i Parcheggi Scambiatori Est e Ovest e San Pancrazio. Questo consentirà anche di lasciare gratuitamente l’auto fuori dal centro in orario serale, con impatto positivo sul problema del parcheggio selvaggio che affligge il centro città, specie nel fine settimana.

Le linee sostituiranno integralmente il servizio Prontobus e le attuali linee notturne e, diversamente da quanto avviene oggi per il servizio a chiamata, le corse attive in orario notturno saranno accessibili con i normali biglietti e abbonamenti disponibili per il servizio urbano ordinario. In altre parole, chi è abbonato potrà utilizzare il servizio notturno senza alcuna spesa aggiuntiva (mentre oggi il servizio Prontobus richiede il pagamento di un biglietto maggiorato al costo di 2,50 euro o di un abbonamento integrativo al costo di 5,00 euro al mese per chi ha già un abbonamento urbano). Chi viaggia con biglietti di corsa semplice, dunque, potrà pagare la normale tariffa urbana, anziché quella maggiorata Prontobus.

Il servizio delle 8 linee prolungate in orario notturno sarà attivo fino a mezzanotte dalla domenica al giovedì e fino all’1.30 nelle serate di venerdì e sabato

Il servizio è stato studiato in base ai flussi di traffico attualmente attivi sul servizio Prontobus. Integra inoltre le richieste pervenute dagli utenti, in primo luogo quanti chiedevano di poter contare su un servizio a cadenza fissa senza prenotazione, in particolare per chi viaggia in treno e arriva in stazione in orario serale

 

NUOVO SERVIZIO DIURNO

  1. NUOVI SERVIZI PER NUOVI QUARTIERI

Alcuni quartieri oggetto di sviluppo negli ultimi anni che oggi non sono serviti dal trasporto pubblico saranno collegati via bus al centro città. Si tratta di zone che ad oggi non sono ancora servite o che beneficiano di pochissimi collegamenti.

Gli interventi interesseranno le seguenti zone:

SAN LAZZARO EST: prolungamento linea 8, con una corsa ogni 10 minuti

QUARTIERE EUROSIA: la linea 11 sarà estesa al quartiere S.Eurosia. Parte del quartiere sarà toccato anche dal nuovo percorso della linea 8, con una corsa ogni 10 minuti.

La seconda parte di questo progetto vedrà la luce nel corso del 2020. Con l’arrivo dei nuovi filobus full-electric attualmente in produzione, la linea 1 verrà estesa al quartiere PARMA MIA, che attualmente non è raggiunto da alcun servizio di trasporto pubblico. I nuovi veicoli, infatti, sono in grado di coprire tragitti di media estensione anche in mancanza dell’infrastruttura aerea filoviaria.

 

PIÙ BUS PER TUTTI

Aumentano le frequenze delle principali linee cittadine. I servizi saranno potenziati su diverse tratte. In particolare:

la LINEA 8 aumenterà l’offerta di servizio, passando ad una frequenza di una corsa ogni 10 minuti(anziché una ogni 12 come oggi)

la LINEA 11, oggi disponibile con una corsa ogni 20 minuti, avrà frequenza 15 minuti, con servizio esteso alla nuova zona residenziale tra via Budellungo, via Bach e via Schubert.

il quartiere San Lazzaro Est, oggi servito da una corsa ogni 20 minuti della linea 9, sarà invece servito dalla LINEA 8 con una corsa ogni 10 minuti. Cambia dunque la linea di riferimento per il quartiere, i cui abitanti potranno beneficiare di un servizio potenziato rispetto a quanto offerto attualmente.

la zona del quartiere artigianale Crocetta sarà servita dalla LINEA 12 con frequenza 30 minuti (oggi in zona transita la linea 9 con frequenza 60 minuti)

sarà ridefinito il percorso della LINEA 15.

Le modifiche dei percorsi sulle linee oggetto d’intervento saranno condivise con la cittadinanza.

 

OPERAZIONE PUNTUALITÀ

Nei prossimi mesi saranno condotti gli studi per realizzare alcuni interventi sulla viabilità cittadina per sciogliere alcuni nodi di traffico che creano rallentamenti e che sono causa di ritardi e irregolarità per le linee di trasporto pubblico. In particolare:

LINEA 23: spostamento delle fermate presso i parcheggi scambiatori est e ovest

LINEA 9: modifica del percorso in zona Crocetta, che sarà in parte integrato nella linea 12

LINEE 1 – 6 – 11: modifica del percorso a Barriera Bixio con transito attraverso i cancelli della Barriera in senso nord-sud.

LINEE 7 – 21: corsia riservata lungo l’intero percorso di uscita dall’area Campus

Per rendere più veloce il tragitto verso il Campus dall’area est e della città e dalla zona S.Lazzaro, sarà istituita una NAVETTA con collegamento diretto. Si tratta di un servizio attivo per 3 corse al giorno in andata e in ritorno, studiato in collaborazione con l’Università e basato sull’analisi degli spostamenti registrati per i telefoni cellulari in ingresso al Campus. Oltre all’area dell’università, la linea raggiungerà anche barriera Repubblica, la zona della Cittadella e dello Stadio.

 

OBIETTIVO GREEN

Sempre nel corso del 2020, alcuni interventi favoriranno l’utilizzo di veicoli elettrici, consentendo di aumentare i km offerti a trazione elettrica.

LINEA 1: il capolinea nord, che oggi si trova in Stazione, sarà spostato al parcheggio Nord presso l’autostrada. L’area non coperta da linea aerea sarà percorsa grazie all’energia fornita dalle batterie dei nuovi filobus full- electric in arrivo nel 2020.

LINEA 3: sarà condotto uno studio per poter realizzare l’estensione della rete filoviaria fino ai parcheggi scambiatori est e ovest, che quindi offriranno collegamenti diretti a impatto zero da e per il centro città.

Le azioni pianificate produrranno un rafforzamento dell’offerta di servizio sull’asse nord sud ed est ovest della mobilità urbana, che rappresentano le principali linee di forza del traffico cittadino.

Il risultato complessivo sarà un aumento delle frequenze di servizio in buona parte della città e un aumento del numero di bus in circolazione. In definitiva, i cittadini di Parma potranno beneficiare di un numero maggiore di corse e di un servizio più attento alle esigenze di chi si muove quotidianamente sul territorio. Un significativo passo avanti dunque, per offrire risposte puntuali a chi vuole vivere la città, di giorno e la sera, senza il vincolo di un’automobile.

 

NUOVE TARIFFE

Da settembre alcune tariffe dei titoli di viaggio, stabili da febbraio del 2011, saranno aumentate. La manovra tariffaria complessiva comprende anche l’abbassamento delle tariffe per gli studenti già anticipato all’inizio dell’anno. Gli aumenti, che riguardano solo alcuni dei titoli di viaggio, decorreranno dal 1° ottobre.

I proventi della manovra tariffaria saranno in parte utilizzati per finanziare i miglioramenti dei servizi sopra descritti, in considerazione:

della riduzione delle tariffe del servizio notturno che, come detto, saranno accessibili con un biglietto meno costoso per gli utenti occasionali e gratuitamente per chi è già abbonato al servizio diurno;

dell’incremento del tempo di validità del biglietto (da 60 a 80 minuti), che può tradursi in un risparmio per chi riesce a concludere la propria attività entro i 80 minuti;

dall’incremento del numero di chilometri percorsi e dall’aumento della frequenza di passaggio dei bus.

L’aumento del costo del biglietto, inoltre, servirà a far fronte all’incremento dei costi dei fattori produttivi verificatosi nell’ultimo periodo, in particolare i costi energetici e il costo lavoro.

A queste voci di spesa si è aggiunta, da ultima, l’abolizione dei contributi per i maggiori oneri di malattia da parte dello Stato, che dal 2019 resteranno ad esclusivo carico della Società.

Va sottolineato che per la maggior parte dei titoli di viaggio il prezzo rimarrà invariato o subirà aumenti lievi. In particolare, le tariffe degli abbonamenti annuali non subiranno variazioni. L’utenza più fedele, quindi, non sarà penalizzata e il servizio serale/notturno, come già spiegato, risulterà più economico per i passeggeri.

Il biglietto di corsa semplice passerà da 1,20 euro a 1,50, tariffa già in vigore da tempo in molte altre città emiliane, ma la durata dello stesso passerà da 60’ a 80’. Passerà da 8,00 euro a 10,00 euro il biglietto urbano da 8 corse, con tempo di viaggio esteso a 80’. Diversamente da oggi, dunque, molte persone che si spostano per semplici commissioni avranno la possibilità di compiere il tragitto di andata e ritorno con un solo biglietto anziché con due.

Il biglietto giornaliero acquistato ai parcheggi scambiatori passerà a 2,50 euro (oggi euro 2,00). Lo stesso biglietto acquistato in biglietteria o nelle edicole/tabaccherie della città costerà invece 4,00 euro (oggi 3,00). Il biglietto per le navette per lo stadio sarà sostituito dal biglietto giornaliero dei parcheggi scambiatori. Il voucher per le scolaresche aumenterà da 1,50 a 2,00 con estensione del titolo a 80’. Tra gli abbonamenti aumenteranno solo il mensile (32,00 euro invece di 28), il mensile Carta Argento (da 21 a 24 euro) e la navetta per lo stadio (da 20 a 25 euro) valido per tutte le partite di campionato giocate in casa. I prezzi di tutti gli altri titoli resteranno invariati.

Rimane attivo inoltre l’abbonamento Bimbi in bus, che permette ai ragazzi residenti a Parma che frequentano le scuole in area comunale di viaggiare gratuitamente quando accompagnati da un genitore o da un nonno pagante.

 

NUOVI AUTOBUS IN ARRIVO

Continua come da previsioni il piano di rinnovamento della flotta TEP di valore pari a 24 milioni di euro per l’acquisto di 86 nuovi autobus nel triennio 2018-2020.

Sono in arrivo a fine mese 10 nuovi bus urbani a metano, che saranno in circolazione sulle strade di Parma a partire dai primi di agosto, appena completate le pratiche di immatricolazione.

Salgono quindi a 149 i mezzi urbani TEP a bassissimo impatto ambientale (Diesel Euro 6, EEV, a metano ed elettrici). Se si considera che il parco circolante (cioè quello normalmente in servizio) ammonta a circa 120 bus è facile intuire come il servizio ordinario sia erogato, di regola, con soli mezzi di nuova generazione. Le vetture rimanenti costituiscono la scorta cui si attinge in caso di corse di supporto nelle sole fasce orarie di punta, guasti e cantieri stradali occasionali che comportano lunghe deviazioni in funzione delle quali serve integrare il servizio con vetture aggiuntive.

Fonte: Comune di Parma 

 

Lo scalo di Linate chiude per tre mesi dal 27 luglio al 26 ottobre, dirottando i voli su Malpensa. La causa sono dei lavori che prevedono il rifacimento della pista e l'installazione di quattro nuovi sistemi per la gestione dei bagagli così da aumentare la sicurezza e ridurre i tempi di ritiro e riconsegna.

Si tratta di una delle diverse misure previste dal Comitato Provinciale dell'Ordine e della Sicurezza Pubblica in Prefettura a Varese, che ha disposto maggiori controlli su strade e autostrade e presidi di forze dell'ordine e vigili del fuoco per garantire la sicurezza in aeroporto. Un'operazione non da poco per i milanesi, abituati ad avere lo scalo a soli 7 Km dal centro della Città, che per 3 mesi dovranno percorrerne 43 in più insieme ai 700 lavoratori aeroportuali, che lo faranno ogni giorno. Per garantire i collegamenti anche Trenord aggiunge 18'500 posti ai 146 Malpensa Express, uno ogni 15 minuti, che collegano Milano allo scalo varesino.

Dal 1937, anno della sua inaugurazione, l'aeroporto di Linate ha chiuso nel 1982 e nel 2002. Nel primo caso fu per 56 giorni e i voli furono dirottati a Malpensa, che era ancora "piccola" e coincideva con l'attuale Terminal 2. In due mesi venne rifatta la pista e fu introdotto il sistema 'Ils' di atterraggio strumentale, con migliorie sul fronte della viabilità per l'accesso all'aerostazione. Vent'anni più tardi la chiusura fu limitata a 3 settimane, sempre per lavori alla pista. Il fermo di quest'anno invece è più importante. Si è partiti lo scorso maggio con lavori nell'aerostazione, con il rifacimento della facciata previsto nel 2021, in coincidenza con l'apertura della linea 4 della metropolitana.

Nei prossimi 3 mesi evidenzia Giovanni D'Agata, presidente dello "Sportello dei Diritti", sono in programma il rifacimento della pista, da eseguire secondo la normativa ogni 20 anni, e l'installazione dei quattro nuovi sistemi di Bhs, per la gestione dei bagagli, per aumentare la sicurezza riducendo i tempi di ritiro e di riconsegna.

(15 luglio 2019)

SETA S.p.A. informa che per venerdì 7 giugno, è stato indetto uno sciopero aziendale di 24 ore da parte dell’Organizzazione Sindacale USB Lavoro Privato. L'adesione allo sciopero da parte del personale SETA del bacino provinciale di Modena potrebbe dar luogo a disagi, pregiudicando la regolarità del servizio con le modalità indicate di seguito.

Servizi urbani (Modena, Carpi, Sassuolo): servizio garantito dalle ore 06,30 alle ore 08,30 e dalle ore 12,00 alle ore 16,00; possibili astensioni nelle restanti fasce orarie.

Servizio extraurbano: servizio garantito dalle ore 06,00 alle ore 08,30 e dalle ore 12,30 alle ore 16,00; possibili astensioni nelle restanti fasce orarie. 

Il servizio riprenderà regolarmente con le corse che inizieranno dopo il termine delle eventuali astensioni dal lavoro. Le corse garantite anche in caso di sciopero sono indicate nelle tabelle orarie presenti alle fermate e pubblicate nella sezione "Linee" del sito internet www.setaweb.it. 

Informazioni in tempo reale sugli orari di passaggio dei bus sono disponibili direttamente sul proprio smartphone/tablet scaricando l’applicazione gratuita “Seta”, disponibile negli store online delle piattaforme Apple e Android. Il servizio è accessibile anche attraverso la sezione “Quanto manca?” del sito internet di Seta.

Per ogni ulteriore informazione gli utenti possono contattare SETA al numero telefonico 840 000 216 oppure via WhatsApp al numero 334 2194058.

Pubblicato in Cronaca Modena

Da sabato 8 giugno anche a piacenza entra in vigore l'orario estivo per le linee urbane, suburbane ed extraurbane. Fino al 15 settembre, in concomitanza con la chiusura degli istituti scolastici su tutto il territorio provinciale, la frequenza delle corse viene rimodulata per adeguare il servizio alla riduzione dell'utenza.

Piacenza, 6 giugno 2019 -

SETA informa gli utenti di Piacenza che a partire da sabato 8 giugno, sulle linee urbane, suburbane ed extraurbane del trasporto pubblico piacentino entrerà in vigore l'orario estivo, che resterà attivo fino a domenica 15 settembre. Le variazioni apportate comporteranno una minore frequenza delle corse, che saranno rimodulate per adeguare il servizio alla riduzione dell'utenza.

Per informazioni dettagliate sui nuovi orari gli utenti possono consultare il sito internet www.setaweb.it, nella sezione dedicata al bacino territoriale di Piacenza. E' inoltre sempre possibile contattare il servizio di informazioni telefoniche di Seta (840 000 216), attivo dal lunedì al sabato dalle ore 07,00 alle 19,00.

Gli utenti possono consultare gli orari di passaggio dei bus in tempo reale grazie alla nuova app SETA per smartphone e tablet Android e iOs, scaricabile gratuitamente nei relativi store online; la stessa funzione è disponibile anche nella sezione "Quanto manca?" del sito internet. Presso le biglietterie aziendali, le principali rivendite, gli Urp e altri uffici pubblici del territorio è inoltre disponibile il nuovo libretto orario estivo, che è pubblicato in versione elettronica anche sul sito web di Seta.

Pubblicato in Cronaca Piacenza

Treni, dal 9 giugno i Frecciargento sostituiscono i Frecciabianca sulla linea adriatica. L'intervento della Regione garantirà la validità dell'abbonamento "Mi Muovo Tutto Treno". Confermati orari e fermate turisti in stazione a Bologna Non ci saranno cambiamenti per i pendolari dell'Emilia-Romagna in possesso dell'abbonamento "Mi Muovo Tutto Treno" con l'entrata in vigore, domenica 9 giugno, del nuovo orario estivo 2019 di Trenitalia.

Bologna -

La sostituzione progressiva dei treni Frecciabianca con i nuovi Frecciargento Etr 700 (Milano-Bologna-Bari-Lecce), annunciata dall'azienda in concomitanza con il nuovo orario, non dovrà comportare infatti disagi per i pendolari che quotidianamente utilizzano il servizio. Questo è l'obiettivo condiviso dalla Regione con la Direzione generale di Trenitalia.

In particolare, non sono previsti cambiamenti sul numero dei convogli e degli orari, che resteranno gli stessi. Inoltre, gli abbonati non dovranno pagare un euro in più per salire sui nuovi treni. Gli abbonati Mi Muovo Tutto Treno e, per il mese di giugno 2019 come previsto dall'accordo tra Trenitalia e Regione, gli abbonati Mi muovo Fb-Ic, potranno utilizzare i Frecciargento senza costi aggiuntivi. Per i mesi successivi la Regione garantirà il mantenimento delle stesse opportunità per i pendolari in possesso dell'integrazione ferroviaria abbonamento "Mi Muovo Tutto Treno".

Infine, la Regione ha ottenuto rassicurazioni da parte di Trenitalia sull'assenza di possibili problemi di capienza sui nuovi treni. Trenitalia ha infatti chiarito che, tenuto conto degli attuali livelli di frequentazione registrati sui treni Frecciabianca nei giorni feriali, nelle tratte Rimini-Bologna e Bologna-Milano, i posti offerti sui nuovi Frecciargento ETR 700 risultano sufficienti a garantire la domanda di trasporto sulle tratte in questione.

La sostituzione sarà graduale (per terminare entro il primo semestre 2020) e inizierà il 9 giugno con due coppie di Frecciabianca Milano - Ancona (Ancona 5.00-Milano 9.10; Ancona 6.20-Milano 10.25; Milano 18.35-Ancona 22.44; Milano 19.35-Ancona 23.33) confermando tutte le fermate degli attuali Frecciabianca.

Riguardo alle caratteristiche del nuovo materiale rotabile, il Frecciargento ETR 700 garantisce maggior comfort, wi-fi fast a bordo di ultima generazione, velocità massima di 250 km/h e articolazione su tre livelli di servizio, per soddisfare le diverse esigenze dei viaggiatori.

La Regione Emilia-Romagna si è impegnata a monitorare puntualmente questo passaggio per garantire le attuali condizioni a pendolari e abbonati e porre rimedio immediatamente a possibili disagi che si dovessero venire a creare.

Pubblicato in Cronaca Emilia

A causa della sospensione della circolazione stradale nel percorso interessato dal passaggio della carovana del Giro D'Italia il 21 maggio, tutte le linee del trasporto pubblico urbano di Modena ed alcune linee extraurbane subiranno modifiche di percorso.

Di conseguenza, il rispetto degli orari previsti non potrà essere garantito, dalle 13.30 circa fino a alle 18.30 circa. Per ordinanza comunale, dalle 14 e fino alle 17.30 verranno infatti chiuse al traffico in entrambe le direzioni la S.P.9 Panaria Bassa, Via Nonantolana, Via Ciro Menotti, Largo Garibaldi, Via Emilia Centro, Largo Aldo Moro, Via Emilia Ovest (fino all'incrocio con Viale Autodromo).

Subiranno deviazioni di percorso le linee urbane 1-2-3-4- 5-6-7-8-9-10-11-12-13-14-392-393 e le linee extraurbane 500-530-550-670-671-731-740-750-760-762-800-815-820.

Per maggiori dettagli è possibile consultare il sito www.setaweb.it, o contattare il call center di SETA al numero 800 000 216. E’ inoltre disponibile il servizio di informazioni via WhatsApp al numero 334 2194058.

Pubblicato in Cronaca Modena

II lavori erano iniziati il 18 febbraio. Costo: 245 mila euro, di cui 173 mila finanziati dalla Regione Emilia-Romagna e 72 mila euro con risorse della Provincia. Presenti all'inaugurazione il Sindaco Fadda e il Delegato Bertocchi.

Parma, 15 maggio 2019 – Oggi, mercoledì 15 maggio, alle 16, con un giorno di anticipo sulla tabella di marcia, è stato riaperto al traffico il Ponte di San Siro, in Comune di Torrile.
Il ponte era stato chiuso al transito veicolare il 18 febbraio scorso per permettere importanti lavori di rifacimento.
La conclusione dei lavori è stata solennizzata da una inaugurazione ufficiale a cui hanno preso parte il Sindaco di Torrile Alessandro Fadda, Giovanni Bertocchi Delegato alla Viabilità della Provincia di Parma con il Dirigente dott. Annoni e i tecnici del Servizio Viabilità provinciale.

"Poiché si tratta di un intervento in una zona ad elevata intensità di attività industriali, fin dal progetto abbiamo pensato a soluzioni tecniche che permettessero di contenere i tempi di chiusura del ponte – spiega il Delegato provinciale alla Viabilità Bertocchi – Il monitoraggio costante dei ponti aveva evidenziato serie problematiche, che si è deciso di risolvere immediatamente, anche per prevenire successivi aggravamenti, che avrebbero richiesto poi maggiori risorse e tempi più lunghi. Grazie all'impegno dei tecnici della Provincia e dell'impresa esecutrice riusciamo oggi a riaprire il ponte addirittura un giorno prima del previsto. "

"Ringraziato la Provincia per l'intervento, contenuto in tempi davvero limitati, e per le risorse che ha messo in campo per completare il contributo regionale" ha dichiarato il Sindaco di Torrile Alessandro Fadda.

Gli assessori regionali Gazzolo e Donini hanno fatto pervenire i loro complimenti per la positiva conclusione dell'intervento.

SCHEDA TECNICA
Il ponte di San Siro, posto sul torrente Parma lungo la Strada Provinciale 96 "Matteotti", è costituito da 3 campate, è lungo 70 metri ed era stato danneggiato dall'onda di piena del dicembre 2017.

La Provincia di Parma, proprietaria del manufatto, dopo la fase di progettazione, ha aggiudicato già a fine dicembre 2018 i lavori per l'intervento urgente di messa in sicurezza, per un costo complessivo di 245 mila euro, di cui 173 mila finanziati dalla Regione Emilia-Romagna e 72 mila euro con risorse della Provincia stessa.
I lavori per migliorare le prestazioni del ponte, la circolazione e soprattutto la sicurezza erano partiti il 18 febbraio 2019 e la conclusione era prevista dopo 90 giorni, il 16 maggio.

La Dallara Costruzioni di Varano Melegari ha eseguito gli interventi di ripristino e messa in sicurezza delle strutture e delle componenti di carreggiata lungo il manufatto: realizzazione di giunti di deformazione sulla muratura, tenuta e di pluviali di raccolta delle acque, ripristino dei calcestruzzi degradati e sostituzione dei parapetti con barriere a norma, illuminazione.
La Montaggi di Fontanellato ha fornito e messo in opera le barriere stradali di sicurezza.

Nella foto: l'inaugurazione, con Bertocchi e Fadda.

Pagina 4 di 21