Visualizza articoli per tag: territorio Bomporto

Il Consiglio Comunale ha conferito il premio San Martino d'Oro all'Associazione la Banca del Tempo di Bomporto per l'impegno, la cura e la presenza costante verso i cittadini, le istituzioni e le associazioni locali. Inoltre per la diffusione del valore della solidarietà nelle forma della reciprocità per le numerose attività organizzate al fine di migliorare la qualità della vita della Comunità attraverso l'impiego fruttuoso del tempo. -

Modena, 13 novembre 2015 - tutte le foto nella galleria immagini in fondo al testo -

Il Consiglio Comunale si è riunito in seduta straordinaria ponendo al centro della manifestazione fieristica l'impegno del volontariato locale attraverso il conferimento del premio San Martino d'Oro, un riconoscimento simbolico a chi, come San Martino riconosce nella solidarietà e nell'attenzione verso gli altri, valori fondamentali che applica nella propria vita donando tempo, impegno e aiuto agli altri.

banca del tempo bomporto 2 rid

Il premio è stato assegnato all'Associazione la Banca del Tempo di Bomporto per l'impegno, la cura e la presenza costante verso i cittadini, le istituzioni e le associazioni locali.

Inoltre per la diffusione del valore della solidarietà nelle forma della reciprocità, per le numerose attività organizzate al fine di migliorare la qualità della vita della Comunità attraverso l'impiego fruttuoso del tempo. L'amministrazione comunale ringrazia tutti volontari della Comunità.

(Fonte: ufficio stampa Comune di Bomporto)

Lunedì, 09 Novembre 2015 09:31

Sorbara, inaugurata la nuova sede dell'Auser

Si trova in Piazza dei Tigli e, oltre alla sede dei volontari, è dotata di spazi per attività ricreative, come ginnastica per adulti e corsi di lingue. L'associazione di volontariato e promozione sociale Auser ha come obiettivo la valorizzazione degli anziani e dei soggetti più deboli. Nel 2014 sono stati circa 4500 i servizi svolti a favore della Terza Età dall'Auser provinciale. -

Di Manuela Fiorini – foto di Claudio Vincenzi -

Bomporto (Mo), 9 novembre 2015 –

E' stata inaugurata sabato mattina a Sorbara la nuova sede dell'Auser, l'associazione di volontariato e promozione sociale che ha come obiettivo la valorizzazione degli anziani e dei soggetti più deboli, contrastando l'esclusione sociale, sostenendo la fragilità, diffondendo la cultura e la pratica della partecipazione e della solidarietà tra le vecchie e le nuove generazioni.
La nuova sede si trova in Piazza dei Tigli 8, vicino alla Casa della Legalità, alla scuola elementare e al campo sportivo, ai negozi e di fronte a un ampio parcheggio, parte del quale è riservato proprio ai mezzi dell'Auser.

"La nuova struttura", ha detto soddisfatto Angelo Morselli, presidente provinciale Auser, "oltre a essere molto grande, si trova tutta su un piano ed è quindi molto più accessibile per gli anziani, che non devono fare le scale o prendere l'ascensore".
L'Auser provinciale conta circa una settantina di volontari, che si occupano del trasporto degli anziani che devono recarsi dal medico o a fare una visita, ma anche a fare la spesa, andare a trovare un amico o un parente e persino dalla parrucchiera. Nel 2014 sono stati circa 4500 i servizi svolti a favore della Terza Età.

auto auser sorbara rid

"Non solo", continua Morselli, "i nostri volontari sono attivi anche nel mondo della scuola. Alcuni si occupano di accompagnare i bambini a piedi, grazie al progetto Piedibus, mentre altri hanno aderito a un altro progetto per parlare di legalità nelle classi. Perché i buoni principi si imparano fin da piccoli. Siamo soddisfatti, perché molte persone ci hanno chiesto come fare per diventare volontari".
Grande festa, quindi, per cittadini e volontari, che durante l'inaugurazione, a cui hanno partecipato anche il Sindaco di Bomporto Alberto Borghi e l'Assessore ai Servizi Sociali Tania Meschiari, hanno potuto visitare la nuova sede e condividere insieme gnocco fritto con salume, crostata alla marmellata e fare un brindisi.

Oltre agli uffici dell'Auser, nella nuova sede troveranno spazio anche tante attività ricreative. Attualmente, sono già attivi i corsi di ginnastica per adulti e corsi di lingue (spagnolo, francese e tedesco) grazie alla collaborazione con l'Università per la Libera Età Natalia Ginzburg (per info tel 059/4279459).

auser sorbara rid

Pubblicato in Cronaca Modena
Martedì, 03 Novembre 2015 18:12

Il pane di McDonald's in Italia sarà emiliano

Fattore Futuro è il progetto promosso da McDonald's Italia per valorizzare le filiere agricole italiane. Saranno tre giovani agricoltori della provincia di Modena i fornitori di grano di McDonald's per il prossimo triennio, in virtù di un accordo con l'azienda East Balt di Bomporto (MO). -

Emilia, 3 Novembre 2015 -

Fattore Futuro è il progetto promosso da McDonald's Italia con lo scopo di valorizzare ed esaltare le realtà agricole italiane. L'iniziativa, che ha ricevuto il Patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, è nata per sostenere gli imprenditori agricoli italiani under 40 ed accompagnarli nel loro percorso di crescita aziendale. Il risultato è la concreta possibilità di entrare a far parte della rete di fornitori di McDonald's per tre anni, all'interno di 7 diverse filiere: allevamento bovino, pollo, grano, insalata, patata, frutta, latte.

Una possibilità che oggi è diventata realtà per tre giovani agricoltori della provincia di Modena che, con riferimento alla filiera del pane, proprio grazie a Fattore Futuro forniranno per il prossimo triennio, in virtù di un accordo con l'azienda East Balt di Bomporto (MO), il grano utilizzato per la produzione tutta italiana nei circa 520 ristoranti dislocati sul territorio nazionale.

Conosciamo meglio questi tre giovani imprenditori emiliani

Francesco Belluti 2 rid

Il ventisettenne Francesco Belluti, di Finale Emilia, un forte sostenitore dell'idea secondo cui le nuove tecnologie possano dare un contributo significativo allo sviluppo della resa delle coltivazioni ed al monitoraggio dei costi di produzione. Per questo motivo, ha in programma di adoperare la localizzazione satellitare per implementare l'agricoltura di precisione, ridurre l'utilizzo di fertilizzanti e garantire un risparmio energetico.

Sergio CAmpana 3 rid

Sergio Campana è un ventinovenne di Campogalliano a capo di un' azienda agricola in forte espansione. L'obiettivo è quello di rispondere in modo puntuale alle esigenze di ogni singola coltura, al variare della specie e delle condizioni climatiche, così da massimizzare la qualità del prodotto finale. Inoltre, Sergio, in collaborazione con l'Università di Padova, sta portando avanti un progetto di riduzione dell'impatto ambientale attraverso l'utilizzo di batteri azotofissatori ed analisi estese dei terreni.

Carlo Filippo Luppi 2 rid

Anche Carlo Filippi Luppi, 27 anni di Finale Emilia, sta sviluppando un progetto simile insieme all'Università di Padova, uno studio su come utilizzare i batteri azotofissatori per ridurre sensibilmente l'utilizzo di fertilizzanti usati nella produzione agricola.

Oggi sono 20 gli imprenditori selezionati, tra gli oltre 130 candidati, per entrare a far parte dei fornitori di McDonald's Italia. A loro il compito di presentare un progetto di innovazione e sostenibilità per la propria azienda, un planning vincente che ha colpito e colto nel segno.

Pubblicato in Agroalimentare Emilia

Porte forzate, arredi divelti e vetrine in frantumi. Un vero e proprio raid quello che, tra sabato e domenica, ha colpito diversi esercizi commerciali della frazione di Bomporto. -

Modena, 13 ottobre 2015 - Di Manuela Fiorini – foto di Claudio Vincenzi -

Bomporto (Mo) – Ladri e vandali. Un vero è proprio tour del furto quello che, nella notte tra sabato e domenica, ha avuto come vittime alcuni negozianti della frazione di Sorbara, nel Comune di Bomporto. Da diversi mesi la cittadina è nel mirino dei malviventi, ma lo scorso weekend i ladri hanno davvero esagerato. Vetrine infrante a colpi di pietre e tombini, porte forzate, arredi divelti. Sono queste le scene che si sono trovati davanti i proprietari dei negozi colpiti e i cittadini, sempre più arrabbiati per l'escalation di episodi criminosi nella piccola frazione.

Tra gli esercizi commerciali presi di mira, c'è l'ottica "Punti di Vista", sulla strada Carpi Ravarino, in posizione centralissima. "E' il quarto furto che subisco", dice quasi rassegnato il titolare Spartaco Vincenzi. "Hanno forzato la porta sul retro e hanno portato via diversi modelli di occhiali e alcuni cartoni che erano in magazzino. Non hanno potuto svuotarmi il negozio perché ho installato un antifurto con il nebbiogeno che, probabilmente, li ha spiazzati". E, sulla questione sicurezza afferma: "Sicuramente hanno studiato prima orari e abitudini degli esercizi da colpire, perché sono andati quasi a colpo sicuro e hanno fatto tutto in una manciata di minuti. A Sorbara ci sono le telecamere, ma servono a poco, perché i ladri agiscono con il volto coperto. In mancanza di tutela da parte dello Stato, quello che possiamo fare noi negozianti, e i cittadini, è rendere la vita difficile ai malviventi installando inferriate e antifurti di ultima generazione".

Bersagli dei ladri anche il forno "Nicoletta", dove è stata forzata la serratura, e la pizzeria da asporto "Il Galeone", lungo la strada Canaletto, dove la gang è riuscita a impadronirsi del registratore di cassa con dentro pochi euro. Il raid è poi proseguito, al caseificio "Quattro Madonne", dove, ancora una volta, sono state usate delle grosse pietre per infrangere la serranda.

La vetrina della lavanderia "Fiori di loto", anch'essa in piena zona residenziale, è stata invece sfondata a colpi di pietra, mentre per infrangere quella del negozio di abbigliamento per bambini "La Mela Verde" è stato usato un tombino prelevato dalla parte opposta della strada.

Vetrina sfondata lavanderia in pagina rid

"La signora che abita sopra al negozio ha sentito dei rumori e mi ha telefonato", racconta Lara Meschiari, titolare de "La Mela Verde", "Quando sono arrivata ho trovato il tombino e la vetrina crepata. Per fortuna, ha retto e i ladri non sono riusciti a entrare. Sicuramente, si tratta di persone che hanno studiato la situazione, perché io qui non ho l'antifurto, mentre nel negozio di frutta e verdura accanto, che ne è invece provvisto, non sono andati".

Lara Meschiari di Mela Verde rid in pagina

I cittadini di Sorbara lamentano da mesi la mancanza di controlli da parte delle Forze dell'Ordine.
"Quando esco dal negozio, la sera, ho paura", continua Lara Meschiari, "E' da un po' di tempo che Sorbara è presa di mira. Queste bande itineranti sono specializzate nei furti. Studiano la zona e poi agiscono a botta sicura, usando tombini e pietre che trovano sul luogo per non essere eventualmente fermati con arnesi da scasso" . Noi cittadini siamo arrabbiati perché siamo costretti a vivere blindati e non ci sentiamo tutelati. E' venuto meno il senso di sicurezza. Basta andare nel parco dietro alla chiesa per vedere facce poco rassicuranti che, alle quattro del pomeriggio, si mettono a urinare all'aperto, incuranti della presenza dei bambini. E se qualcuno osa dire loro qualcosa, viene preso a male parole. Senza contare che, sempre nel parco, sono state rinvenute anche alcune siringhe".

Sulla questione dei controlli sul territorio, il problema sembra essere la scarsità di agenti.
"Per ora le Forze dell'Ordine sono intervenute con azioni temporanee", risponde il sindaco Alberto Borghi sul suo profilo Facebook a un cittadino preoccupato. "Ho richiesto al Prefetto interventi strutturali che però, al momento, non riescono a garantirci per scarsità di uomini. Dobbiamo chiederlo tutti assieme e senza contrapposizioni tra cittadini e amministrazione, perché il nostro interlocutore comune è lo Stato, che deve fare la sua parte".

Pubblicato in Cronaca Modena

Sabato 19 e domenica 20 settembre, appuntamento conclusivo con la 41° edizione della festa con laboratori artistici, stand gastronomici, mercatini ed eventi collaterali. -

Modena, 17 settembre 2015 - di Manuela Fiorini – foto di Claudio Vincenzi -

Ultimo fine settimana, sabato 19 e domenica 29 settembre, per la 41° edizione della Festa del Lambrusco di Sorbara, la manifestazione che, ogni anno, prelude all'autunno e attira nella frazione del comune di Bomporto, centinaia di curiosi e buongustai. A fare gli onori di casa, naturalmente, è il celebre vino rosso frizzante, che si fregia della DOC, Denominazione di origine controllata. Di colore rosso rubino o granato di varia intensità, oppure rosato, dal profumo gradevole e intenso, il Lambrusco di Sorbara nasce dai vitigni omonimi, che si alimentano dai terreni tra il Secchia e il Panaro, zona di produzione di questo prodotto di eccellenza.

Tanti gli eventi collaterali che allieteranno questo ultimo fine settimana della manifestazione. Già giovedì 17, alle 20.30 è il programma una Grande Tombola di beneficenza, in collaborazione con Il Campanile, il giornalino della parrocchia di Sorbara. Ricordiamo, infatti, che la pieve matildica è ancora inagibile dopo i danni subiti durante il terremoto del 2012.

DSC03902 rid

Sabato 19, invece, si entra nel vivo. A partire dalle ore 17, l'associazione Laboratori di Piazza Torre di Modena promuovono la "Produzione e mostra di prodotti artistici", durante i quali tutti potranno cimentarsi nella produzione di manufatti sotto la guida dei maestri artigiani. Dalle 18, aprirà anche il mercatino dei prodotti tipici "Dalla terra alla tavola – Le eccellenze del territorio", mentre, dalle 19, tornano i "classici" del gusto che caratterizzano la festa. Apre il ristorante, con i menù degustazione a base di polenta, gnocco fritto con salumi, lasagne, rosette, stinco e cinghiale, il tutto annaffiato da buon Lambrusco di Sorbara. Tornano anche La pesca del salume, che mette in palio mortadelle, tagli di ciccioli, salami e cotechini, e la Pesca di beneficenza promossa dalla Parrocchia. Ci sarà anche uno spazio enologico con degustazione di Lambrusco di Sorbara e, per finire, alle 21.30, serata danzante con la Scuola di ballo Arci Soliera.

festa lambrusco sorbara 2015 rid

La giornata conclusiva, domenica 20, si apre alle 9 con i laboratori artigianali, il mercatino de prodotti tipici e il Mercato della Rocca, con tante proposte di moda, calzature, articoli per la casa, tutti rigorosamente "made in Italy". Sempre alle 9, è in programma la Gara di minicross, cross ed Enduro "Trofeo delle frazioni", aperta a tutte le cilindrate. Nel pomeriggio, alle 14, il gruppo La ciliegia di Marano sul Panaro organizza il 13° Raduno delle Fiat 500. La "piccola" di casa Fiat sfilerà per le vie del centro alle 17.30, in tutte le sue versioni storiche e varianti. Alle 16, gli amanti degli animali non possono perdere la dimostrazione di sheepdog, una divertente conduzione di anatre indiane da parte di simpatici border collie. Alle 16.30 si esibisce il gruppo folk San Martino.
Gran finale, alle 21, con il coro Gioacchino Rossini che presenta lo spettacolo "La Corale Rossini canta e recita...non solo lirica".
Anche domenica funzioneranno il ristorante e la pizzeria e si potrà tentare la fortuna con la Pesca del Salume e la Pesca di beneficenza.

Pubblicato in Dove andiamo? Modena
Giovedì, 16 Luglio 2015 00:00

A Bomporto sabato arriva la "Notte delle arti"

Una serata dedicata all'arte, alla musica, al teatro di strada, alla danza e ad ogni forma di espressione artistica. Per le vie principali concerti musicali (Daniele Paganelli Quartet, Manuela Pellegatta, Café Wha, Break Floyd, Old Pistols, ed una rassegna di giovani dj locali), teatro di strada ("Juggling Rendez-Vous"), gare sportive, percorsi arborei e giochi per bambini (Jonathan Ecocampus). Il mercato dell'ingegno e tante proposte culinarie e commerciali, curate dall'associazione "Porto delle idee", completano il programma. -

Modena, 16 luglio 2015 - allegata la locandina scaricabile con il programma -

Le vie, le piazze e i luoghi significativi del centro storico si animeranno di spettacoli provenienti dal variegato mondo dell'arte: musica, danza, teatro, arti visive, cabaret e molte altre forme espressive, collocate ben al di là dei canoni artistici tradizionali.
La manifestazione sarà aperta in Piazza Roma dalla voce inconfondibile di Daniele Paganelli e dal suo quartetto, che proporranno le più famose melodie dei musicals, cui seguirà il concerto degli Old Pistols (musica anni '70 e '80).
Nella via principale del Comune, via per Modena, verrà allestita una zona dedicata alle associazioni di volontariato, cui si devono tante ed importanti iniziative a favore del territorio comunale, mentre, a partire dalle 22.00, prenderà vita una rassegna musicale di gruppi locali, con esibizione di giovani dj.

Piazza Matteotti sarà la sede principale del mercatino dell'ingegno ed ospiterà un percorso "gioco- natura" per bambini, a cura dell'associazione Wild Life Forever. Sotto la galleria del Tornacanale è invece allestito il concerto della cantante milanese Manuela Pellegatta, che sta riscuotendo grande interesse tra gli amanti della musica d'autore, e lo spettacolo di teatro di strada "Juggling Rendez- Vous" della compagnia Begheré.
Attese inoltre le finali del torneo di beach soccer (piazza Donatori di Sangue), tornei di nuoto e di beach volley (Piscina "Darsena"), assieme a tornei di hockey in line (Via Verdi).

Molto viva e piena di attrattive è anche la zona di Via Tevere e di Via Arno, con proposte culinarie, concerti, karaoke e tuning show.
Anche il mondo produttivo bomportese ha risposto con grande entusiasmo. Grazie al coordinamento dell'associazione "Porto delle Idee" e dei commercianti del capoluogo cittadino, è stata garantita sino a notte inoltrata l'apertura dei diversi esercizi commerciali, con offerte ed iniziative gastronomiche e del tutto particolari.

Pubblicato in Dove andiamo? Modena
Lunedì, 29 Giugno 2015 09:50

Sorbara torna al Medioevo con la Festa Matildica

Armigeri, cavalieri, antichi mestieri e un sontuoso banchetto hanno fatto rivivere ai numerosi partecipanti le atmosfere dell'epoca della Grancontessa Matilde di Canossa che, proprio qui, il 2 luglio 1084, sconfisse le truppe della Lega Imperiale di Enrico IV. -

Modena, 29 giugno 2015 - Di Manuela Fiorini – tutte le foto nella galleria immagini in fondo alla pagina -

Peccato per il maltempo, che non ha consentito di rispettare il programma della Festa Matildica di Sorbara, la manifestazione che, ogni anno, riporta la frazione del Comune di Bomporto indietro nel tempo, fino al Medioevo. Proprio qui, infatti, il 2 luglio 1084, si tenne la Battaglia di Sorbara, che vide contrapposti i sostenitori dell'imperatore Enrico IV e le forze di Matilde di Canossa, sostenitrice del Papa. Fu proprio la Grancontessa a prevalere sulla Lega Imperiale, mettendo fine alla lotta per le investiture. Per ringraziare la Provvidenza divina, che l'aveva sostenuta in battaglia, Matilde fece ricostruire a sue spese la Chiesa Parrocchiale di Sorbara, oggi, purtroppo, ancora inagibile a causa del sisma del 2012.

A rendere ancora più speciale questa edizione della festa, c'era anche la ricorrenza del 900 anni della morte della Grancontessa, avvenuta il 24 luglio 1115.
Fin dal tardo pomeriggio, le strade del centro della frazione si sono trasformate in un villaggio medievale, con l'Accampamento de cavalieri e dame, allestito dall'associazione modenese AES Cranna. Qui, i numerosi partecipanti hanno potuto vedere da vicino gli strumenti e le tecniche dei mestieri più antichi, dal panificatore, al cerusico, dallo speziale al maestro delle scuri e persino il boia, che accoglieva i visitatori con tanto di cappuccio, ascia e gogna! Mentre figuranti in costume medievale passeggiavano tra il sagrato della pieve, via Verdeta e Piazza Matilde di Canossa, qui le bancarelle del Mercato offrivano prodotti tipici del territorio, oggetti di artigianato artistico e curiosità.

In pagina messale rid

 

Tanta l'attesa per l'apertura del Gran Banchetto Matildico, una lunga tavolata all'aperto dove i commensali hanno potuto degustare le Pietanze di Matilde, gnocco fritto con tagliere di salumi, funghi, cipolline e torta tradizionale, o le Pietanza di Enrico, carne alla griglia con legumi e torta tradizionale. Il tutto annaffiato da buon Lambrusco di Sorbara che, dice la leggenda, Matilde fece trovare "casualmente" alle truppe dell'imperatore durante l'assedio per renderli meno lucidi in battaglia. I partecipanti al banchetto hanno potuto anche portare a casa, come ricordo della serata, il tagliere matildico con inciso il nome della Grancontessa e un bicchiere di terracotta in puro stile medievale.
Tra le 21 e le 22, un violento acquazzone ha costretto alla ritirata i commensali e i visitatori, mentre l'organizzazione non ha potuto terminare la serata con l'atteso Incendio della Pieve, lo spettacolo di fuochi d'artificio che, ogni anno, illumina la chiesa medievale. L'appuntamento è per il 2016.

spezieria rid

Pubblicato in Cronaca Modena

Un ricco e variegato calendario per celebrare la figura della Grancontessa. Il 26 e 27 giugno una due giorni di storia, cultura e gastronomia. -

Modena, 23 giugno 2015 - in allegaro scaricabile la locandina della manifestazione -

Il IX centenario della morte di Matilde di Canossa si celebra con un ricco e variegato programma che vede la tradizionale "Festa Matildica di Sorbara", giunta alla settima edizione, occupare un posto di indubbio rilievo.

Sorbara, la frazione famosa per il suo vitigno di Lambrusco DOC si appresta a celebrare la figura della Grancontessa. Una due giorni, il 26 e 27 giugno ricca di storia, cultura e gastronomia.

L'iniziativa, coordinata dal Comune di Bomporto, è stata realizzata e gestita da oltre settanta Commercianti e Aziende della frazione, riuniti nell'associazione di promozione territoriale "Porto delle Idee", nonché dal Comitato "Festa del Lambrusco", dalla Polivalente sorbarese, dall'Auser, dal Gruppo Scout e dalla Parrocchia di Sorbara e Banca del Tempo.

Venerdì 26 giugno, alle ore 21.30 in Piazza Matilde di Canossa, verrà ricordato il rapporto tra la Grancontessa ed l'artista modenese Wiligelmo, nello spettacolo teatrale curato da Lorenzo Sentimenti dal titolo "Wiligelmo, l'angelo ed il drago".

Sabato 27 giugno, alle ore 18.00, avrà inizio la giornata di festeggiamenti inizierà con l'apertura degli stand dei Commercianti e dei banchi del Mercato storico-medioevale. Intorno alle 19,30 prenderà vita uno degli elementi caratterizzanti della Festa: l'apertura del Gran Banchetto di Matilde. Su oltre 150 metri di tavolata sarà possibile gustare ricette della tradizione, organizzate in due distinti menù, cui si accompagneranno l'immancabile Lambrusco (offerto dalle Cantine vinicole del Sorbara), la Frutta e la "Torta Matildica".
Alle ore 21.30 le gesta dei cavalieri e la storica "battaglia di Sorbara" verranno ricordate in uno spettacolo suggestivo ed epico, curato dalle associazioni Aes Cranna e Militia Sancti Machaele di Modena, dal titolo "Giudizio di Dio alla corte di Matilde". A conclusione spettacoli di fuochi e luci concluderanno questa particolarissima edizione della manifestazione sorbarese.

Pubblicato in Cultura Modena

Presso la Casa della Legalità di Sorbara di Bomporto (MO) si è tenuto un incontro pubblico per parlare di prevenzione contro truffe, raggiri e furti. A breve anche un vademecum cartaceo. -

Modena, 10 giugno 2015 - di Manuela Fiorini – 

BOMPORTO (MO) - C'è chi ha incautamente consegnato a estranei la chiave di un cantiere lasciando nel mazzo anche quelle di casa e se l'è trovata svaligiata, chi ha deposto borse, computer e portafogli nel portabagagli dell'auto o sotto il sedile dopo aver parcheggiato e si è trovato il vetro infranto e gli oggetti rubati, chi ha ingenuamente "invitato" i ladri in casa fidandosi di finti tecnici del gas, finti venditori o funzionari, o diffondendo sui social network la partenza per le vacanze. Sono solo alcuni degli esempi citati durante l'incontro "Sicurezza e ordine pubblico", tenutosi presso la Casa della Legalità di Sorbara di Bomporto (Mo) alla presenza del Sindaco Alberto Borghi, del Comandante Provinciale dei Carabinieri di Modena Maggiore Carmelo Rustico e del Maresciallo Corrado Salemi del Comando dei Carabinieri di Bomporto. L'evento ha avuto come fine la diffusione di consigli per la sicurezza per prevenire i reati e incrementare la collaborazione tra cittadini e Forze dell'Ordine, soprattutto dopo "l'epidemia" di microcriminalità che ha colpito la zona.

I consigli, ovviamente, valgono per tutti. Vediamo, allora, in sintesi, quali accortezze ognuno di noi può mettere in atto. Tra i reati più "gettonati" dai malviventi ci sono le truffe in casa ad opera di finti tecnici del gas, finti venditori, finti conoscenti o finti addetti Inps.
"Il primo consiglio – ha spiegato il Maggiore Rustico – è ovviamente quello di non aprire a sconosciuti, soprattutto se si è soli in casa. Dobbiamo poi tenere sempre presente la massima "l'abito non fa il monaco" e accertarci che chi si presenta sia chi dice di essere, magari telefonando non ai numeri forniti dal soggetto, che potrebbero essere quelli di complici, ma direttamente alle Forze dell'Ordine o agli Enti preposti. Bisogna poi diffidare degli acquisti a prezzi stracciati e non consegnare soldi cash a sconosciuti".

Basta un attimo di distrazione, poi, per trovarsi la carta di credito clonata e il conto corrente svuotato. "Non dobbiamo mai perdere di vista la carta, soprattutto durante i pagamenti in negozi, locali o ristoranti – spiegano le Forze dell'Ordine – Si deve poi controllare sempre l'estratto conto e tenere le ricevute, utili in caso di spese non riconosciute".
In caso di acquisti via internet, è prudente affidarsi solo a siti sicuri con sistema SSL e SET in cui i dati della carta vengono crittografati. Restano sempre valide le accortezze di non comunicare mai i dati via email e, in caso di furto o smarrimento, tenere sempre a portata di mano i numeri verdi per bloccare la carta il prima possibile.

Attenzione anche quando si fa un prelievo al bancomat. Spesso, infatti, i malviventi installano microtelecamere o skimmer che carpiscono i codici o fotografano la carta. Se poi i soldi non escono, non allontanatevi dallo sportello. Spesso, infatti, la "colpa" è di apposite forchettine che bloccano provvidenzialmente le banconote all'uscita, ma solo finché non passa il ladro a prenderli al posto vostro, non appena ve ne sarete andati.

sicurezza bomporto in pagina rid

Sono in aumento anche i furti in auto e dell'auto. Consigli come non lasciare incustoditi e in vista borse, portafogli, computer e altri oggetti di valore possono sembrare banali, come anche chiudere porte e portelloni, ma molte vittime di furti hanno invece commesso queste imprudenze. Chi si è visto portare via l'auto sotto il naso, spesso ha dichiarato nella denuncia di avere lasciato le chiavi inserite nel quadro, perché doveva scendere "solo per pochi minuti". Anche comportamenti "virtuosi" come riporre borse e oggetti di valore nel bagagliaio possono non sfuggire all'occhio esperto del ladro, se messi in atto dopo essersi fermati per parcheggiare.

I consigli per proteggersi dai furti in abitazione, invece, vanno dai più banali, come lasciare TV, luci e radio accese quando si esce per breve tempo, non postare sui social network foto di interni con quadri o altri oggetti preziosi, non comunicare la propria assenza se non a familiari e persone fidate e fare ritirare la posta a un vicino durante le vacanze a quelli che comportano un investimento in vetri antisfondamento o inferriate per chi vive al primo piano o dotarsi di un buon antifurto e collegarlo con le forze dell'ordine. Le porte blindate, poi, se non chiuse con almeno una mandata, si possono tranquillamente aprire con una scheda telefonica.

"Armadi, cassetti, tasche dei vestiti, letti, tappeti e interno dei vasi sono i luoghi in cui i ladri vanno a vedere per primi– spiegano i Carabinieri – Oggetti e documenti importanti andrebbero tenuti in una cassaforte o nascosti in luoghi non scontati per scoraggiare i ladri che, in genere, hanno poco tempo per agire".

"La prevenzione – ha concluso il Maggiore Rustico – non sono solo i pattugliamenti, ma anche il concorso di intenti tra cittadini e Forze dell'Ordine. Quando si assiste a un episodio criminoso o se ne è vittima, occorre segnalarlo al 112 o al 113 e presentare la denuncia. I cittadini possono anche segnalare i casi sospetti per impedire il verificarsi di nuovi reati".

I consigli per la sicurezza diventeranno a breve un vademecum cartaceo che sarà distribuito a tutti i cittadini dell'Unione del Sorbara.

Pubblicato in Cronaca Modena

"Sicurezza ed ordine pubblico": il Comandante provinciale dei Carabinieri incontra i cittadini dell'Unione Comuni del Sorbara ("Casa della Legalità, lunedì 8 giugno 2015) -

Modena, 8 giugno 2015 -

Nell'ottica di informare al meglio i cittadini degli sforzi compiuti dai Carabinieri dei Comandi locali e del Comando Provinciale di Modena, nella lotta contro la microcriminalità, è stato organizzato un momento di confronto con il Comandante della Compagnia Carabinieri di Modena, magg. Carmelo Rustico, questa sera alle ore 21.00, presso la "Casa della Legalità" di Sorbara.
Alla presenza di Amministratori locali dell'Unione Comuni del Sorbara, sarà quella occasione propizia anche per delineare semplici ma efficaci strategie per difendere la proprietà privata da furti, scassi e altre forme di illegalità, delle quali tanto si è discusso e consegnato alla cronaca locale negli ultimi mesi.
L'incontro servirà infine per conoscere più nel dettaglio il piano degli interventi e dei controlli promosso sui territori dal Comando dei Carabinieri, ed ancora per rinsaldare il legame tra cittadini ed Arma, e per riportare a maggiore tranquillità e sicurezza i territori dell'Unione Comuni del Sorbara.

Pubblicato in Dove andiamo? Modena
Pagina 5 di 11