Visualizza articoli per tag: sicurezza

Continuano gli incontri di CNA per fornire una panoramica sulla corretta gestione della sicurezza e del modello aziendale, per ottenere importanti risparmi sul premio annuale INAIL. L'appuntamento questa volta è per domani, martedì 17 novembre, alle 15.30, presso la sede CNA di Castelfranco, in via Emilia. -

Castelfranco, 16 novembre 2015 -

Nuova iniziativa CNA per fare il punto sulla sicurezza nei cantieri e cercare di sintetizzare e condividere la documentazione minima per essere sicuri e in regola con leggi e normative. L'appuntamento questa volta è per domani, martedì 17 novembre, alle 15.30, presso la sede CNA di Castelfranco, in via Emilia.
L'iniziativa passerà in rassegna i diversi modi con i quali è possibile ottenere importanti risparmi sul premio annuale INAIL, mentre la presenza dei tecnici dell'AUSL Guido Besutti e Leo Di Federico permetterà di illustrare gli aspetti più importanti della corretta gestione della sicurezza.
La seconda parte del seminario invece vedrà gli esperti del sistema CNA, parlare di come una corretta gestione della sicurezza e del modello aziendale possa, oltre che rendere più efficiente la vita in azienda, permettere importanti risparmi sul premio annuale INAIL.
La partecipazione all'incontro garantirà crediti formativi a geometri e periti industriali.
Alle imprese partecipanti sarà proposto un check up gratuito sulla corretta gestione della sicurezza aziendale e verrà fornita una check list che l'AUSL utilizza durante le attività di controllo.

(Fonte: Ufficio Stampa CNA MO)

Pubblicato in Comunicati Lavoro Modena
Domenica, 15 Novembre 2015 10:05

Prostituta estorce 300mila euro a un pensionato

Prostituta estorce 300mila euro a un pensionato facendo minacce a sfondo sessuale. Lo ha minacciato per mesi e mesi, facendo pressioni e ricatti a sfondo sessuale. La vittima è un facoltoso pensionato parmigiano.

Parma - Nel giro di qualche mese una prostituta romena di 31 anni, con l'aiuto dei suoi collaboratori, era riuscita a farsi dare quasi 300.000 euro.
Erano minacce e ricatti pesanti come macigni, insopportabili.

"Se non mi dai i soldi dico tutto a tua moglie". Doveva essere più o meno questa la frase del ricatto che il benestante settantenne si è sentito ripetere per mesi e che gli rimbombava in testa, continuamente . La paura lo faceva cedere alle aggressioni verbali e la sua torturatrice lo sapeva.
Lei lo aveva come cliente affezionato ed era riuscita ad estorcergli la grossa cifra con l'aiuto dei suoi complici. Fino a quando non è stata arrestata.

La donna è stata catturata dalla polizia nei pressi della rotonda che congiunge la tangenziale Nord a Via Stati Uniti d'America, in località Fraore, su ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip presso il Tribunale di Parma per il reato di estorsione continuata in concorso, quale componente di un gruppo di dedito ad attività illecite.

Pubblicato in Cronaca Parma
Mercoledì, 11 Novembre 2015 15:07

Parma - Giuseppe Tramuta: "Sicurezza snobbata!"

La nota stampa di Giuseppe Tramuta sulla sicurezza cittadina. Un'analisi dopo i gravi fatti di cronaca degli ultimi giorni che si conclude con le proposte concrete avanzate. "La mancanza di controllo del territorio unitamente al decreto "Svuota Carceri" ha inevitabilmente portato ad una delinquenza più marcata e, quindi, ad un pericolo costante per noi cittadini di Parma." -

Parma, 11 novembre 2015 -

Nonostante le continue assicurazioni da parte delle autorità preposte che, per non destare allarmismo tra la gente, continua a sottolineare che nella nostra città la Sicurezza non rappresenta un grave problema, i gravi fatti occorsi in questi ultimi giorni, stanno a dimostrare il contrario.
La mancanza di controllo del territorio unitamente al decreto "Svuota Carceri" ha inevitabilmente portato ad una delinquenza più marcata e, quindi, ad un pericolo costante per noi cittadini di Parma. Pericolo che, se rapportato al grado di vivibilità di solo pochi anni fa, ci rende invivibile il nostro quotidiano.
Dopo la fine del mio servizio nella Polizia di Stato - Squadra Mobile, più volte sono stato contattato come tecnico con lunga esperienza in materia di Sicurezza. Attualmente con il movimento Prima Parma - Territorio & Autonomia, abbiamo presentato una serie di proposte per una prevenzione del territorio e dei cittadini (vedi petizione "Città Sicura") che, come ormai è noto a tutti, è stata snobbata sia dall'amministrazione che dai consiglieri d minoranza.
Lo scritto arrivato a me nei giorni scorsi, come primo firmatario della suddetta petizione, da parte del Presidente del Consiglio Comunale di Parma, Dott. Vagnozzi, non è certo la risposta che ci si aspettava; solo una cronistoria di quanto successo dal momento della presentazione ad oggi. Quindi, di fatto, la risposta che doveva essere data non è mai arrivata.
Ora, mi chiedo come si possa continuare a nascondersi dietro a risposte date e non date, provvedimenti che non hanno portato a nulla di positivo, mancanza di considerazione sia dei cittadini di Parma che delle loro proprietà.
Come esperto in materia mi sento doppiamente frustrato; vedo cose che potrebbero essere benissimo evitate se solo si volesse agire con buona volontà e senso di rispetto verso la città.
Le proposte avanzate sono:
1) Riapertura delle circoscrizioni aventi funzioni di commissariati in ogni quartiere con la presenza di personale della Polizia Municipale in divisa h24 (nelle ore notturne anche con auto dotata di lampeggiante acceso come deterrente)
2) Più personale in divisa sul territorio, soprattutto nei pressi delle scuole, parchi e luoghi mal frequentati, svolgendo attività di monitoraggio in collaborazione con tutti i cittadini e i commercianti. Le segnalazioni poi dovrebbero essere tempestivamente inviate dagli stessi alla Centrale Operativa delle forze dell'ordine
3) Altro mezzo molto importante, le telecamere dislocate in vari punti della città, con particolare riguardo alle arterie principali
4) Addestramento mirato degli agenti della Polizia Municipale
5) Migliore gestione delle Forze dell'Ordine
6) Evitare iniziative private di "Ronde" molto pericolose; molto meglio il controllo del vicinato
Ritengo che questi suggerimenti, non dispendiosi, possano migliorare di molto la Sicurezza dl nostro territorio.
Mi auguro a questo punto che, chi di dovere, mi dia la possibilità di impegnarmi ancora una volta per Parma ed i suoi cittadini.

Giuseppe Tramuta

Pubblicato in Cronaca Parma

Un investimento di circa 30.000 euro in tecnologie per il Policlinico di Modena. Un piano sicurezza che riguarderà le aree esterne e i parcheggi, accessi alla struttura, maggiore attenzione alle aree a rischio. La Direzione: "L'ospedale è un bene di tutti, aiutateci a preservarlo". -

Modena, 26 ottobre 2015 -

130 telecamere funzionanti, le guardie giurate a presidiare il campus, la presenza del poliziotto al Posto di Polizia e l'inserimento del Policlinico nel percorso delle Volanti. Questi i primi effetti del piano di sicurezza che il Policlinico di Modena ha predisposto con la collaborazione delle Istituzioni e delle forze dell'ordine cittadine e che verrà varato entro dicembre 2015 che riguarderà le aree esterne e i parcheggi, accessi alla struttura, maggiore attenzione alle aree a rischio. La Direzione generale ha da subito inserito la sicurezza tra le sue priorità e a questo proposito ha deciso di istituire, a partire dal 1° maggio, la figura del security manager, per raggiungere l'obiettivo di definire politiche di sicurezza in tutta l'area ospedaliera e implementare soluzioni più idonee di tipo sia organizzativo, sia tecnologico.

Gli interventi

"ll Policlinico di Modena è una struttura enorme – spiega Enrica Corvino, Security manager del Policlinico - e, per la sua stessa natura di ospedale, deve essere aperto al pubblico: pazienti, parenti, studenti. Purtroppo questa vocazione di accoglienza può essere sfruttata, da persone senza scrupoli, per comportamenti delittuosi, sempre gravi ma davvero vigliacchi quando si sfrutta la sofferenza per commettere un reato. In questi mesi abbiamo lavorato per potenziare e razionalizzare l'esistente, con l'obiettivo di implementare la dotazione di sicurezza nel 2016. È stata decisiva la collaborazione con il servizio di Vigilanza Interna (Coop Service) e le forze dell'ordine. La necessità di una collaborazione con tutti i soggetti coinvolti è motivata proprio dal fatto che non esiste un sistema di sicurezza sicuro perfetto e che per minimizzare il più possibile i rischi è fondamentale un approccio a trecentosessanta gradi che tenga conto delle diverse realtà aziendali". Nella pratica sono stati investiti 30.000 euro per ripristinare tutte le 130 telecamere presenti, sostituendo quelle obsolete e/o non più funzionanti riposizionando quelle che – per effetto di modifiche avvenute agli spazi non assicuravano più la giusta visuale. Si tratta di 97 telecamere all'interno, e 33 all'esterno. A questo intervento di sicurezza passiva, si è aggiunto un potenziamento del turno della vigilanza e una più stretta collaborazione con le istituzioni e le forze dell'ordine. "Abbiamo costituito una vera e propria cabina di regia – conclude Corvino – all'interno della quale scambiamo informazioni e predisponiamo azioni di miglioramento, monitorando la situazione."

Il supporto di tutti

Il piano sicurezza mira a dotare il Policlinico di nuovi strumenti per difendersi. Gli strumenti, però, da soli non bastano, solo collaborando tutti insieme potremo vincere questa battaglia di civiltà. Per questo motivo il Security manager ha incontrato i coordinatori infermieristici, in collaborazione con la Direzione Professioni Sanitarie per proporre modelli di comportamento condivisi. A breve sarà consegnato loro un vademecum che riporta consigli utili per cercare di ridurrei i rischi. "Ognuno fa la sua parte, compie le giuste azioni preliminari e diventa un componente dell'equipe che si preoccupa della sua sicurezza" questo lo slogan che riassume la filosofia del progetto.

"Desidero ringraziare il Security manager, gli operatori e la vigilanza per il lavoro svolto in questi mesi – ha concluso il Direttore generale Ivan Trenti – e le Istituzioni che hanno subito mostrato grande sensibilità al problema di sicurezza del Policlinico e ci hanno fornito grande collaborazione. Questo piano va visto come un punto di partenza, non di arrivo: c'è ancora molto lavoro da fare ma questo primo risultato vuole essere un segnale importante per tutta la cittadinanza."

(Fonte: ufficio stampa USL MO)

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa di Prima Parma – Territorio & Autonomia, a firma Zanacca - Lavagetto, sulla mancata risposta alla petizione sottoscritta da oltre 2.000 Parmigiani a sostegno del progetto "città sicura" come previsto dallo Statuto Comunale. -

Parma, 29 settembre 2015 -

Apprendiamo dai giornali on-line che oggi il Consiglio Comunale discuterà di sicurezza. Restiamo ancora una volta basiti nel constatare che nessuno dell'Amministrazione Comunale ha ancora dato risposta alla petizione sottoscritta da oltre 2.000 Parmigiani a sostegno del progetto "città sicura" come previsto dallo Statuto Comunale.
Eppure, dopo il nostro appello al Prefetto, ci era sembrato di capire che, a seguito della riunione dei capigruppo, la relativa mozione, dopo oltre un anno di attesa, era in dirittura di arrivo.

Inoltre, in risposta a quella presa di posizione, avevamo esplicitamente chiesto di essere avvisati qualora la mozione arrivasse in discussione in Consiglio Comunale, come atto di cortesia se non anche dovuto nei confronti di tutti gli oltre 2000 cittadini di Parma.

A questo punto, chiediamo ai consiglieri comunali di maggioranza e opposizione, compresi quelli che in questi giorni si stanno impegnando in analoghe iniziative, se ritengono che tale atteggiamento sia rispettoso nei riguardi delle migliaia di cittadini che hanno sottoscritto la petizione.

Naturalmente, ci spiace pensare che, forse, il nostro atteggiamento collaborativo e sempre positivo, possa essere stato scambiato dall'Amministrazione come mancanza di forza nel concretizzare il nostro lavoro e le nostre proposte.

Ora utilizzeremo ogni strumento possibile per fare rispettare la volontà ed i diritti di noi Parmigiani ed arrivare ad avere una risposta certa e veloce alla petizione, stanchi ormai di questo atteggiamento irrispettoso di chi ci amministra.

Cecilia Zanacca

Giampaolo Lavagetto

Prima Parma – Territorio & Autonomia

Pubblicato in Politica Parma

Prima Parma-Territorio & Autonomia: "Ora almeno si invitino i firmatari a partecipare alla discussione della mozione." -

Parma, 16 settembre 2015 -

Riceviamo e pubblichiamo la replica a Marco Vagnozzi, Presidente del Consiglio Comunale, dopo la denuncia al Prefetto, di Giampaolo Lavagetto e Cecilia Zanacca per la mancata risposta in merito alla petizione "Città Sicura" che aveva raccolto oltre 200 firme. -

"Caro Presidente del Consiglio Comunale di Parma,

La sua "repentina" risposta alla nostra richiesta di intervento da parte del Prefetto di Parma al fine di vedere tutelate le richieste di oltre 2000 cittadini di Parma relativamente alla petizione "Città Sicura", più che da portavoce dei cittadini ( ci sembra che sia questo il modo in cui si facciano chiamare gli eletti del M5S), rischia di apparire come una stizzita replica stile Prima Repubblica. E' davvero questo il punto cui il logorio dell'amministrazione vi ha portato ? Speriamo davvero di no! Diversamente tutti i proclami che vi hanno portato ad amministrare la città, sarebbero svaniti nel nulla come una bolla di sapone!
Caro Presidente, a noi non interessa la polemica pretestuosa, ne tanto meno gli attacchi personali, ma il rispetto dei diritti dei Cittadini di Parma. Quello ci sta davvero molto a cuore!
Ci siamo infatti rivolti al Prefetto di Parma semplicemente perchè non avevamo avuto alcun riscontro da chi di dovere; soprattutto non l'avevano avuto più di 2000 parmigiani che, confidando nell'attuale amministrazione, avevano scelto un modo da voi caldeggiato (vedi attuale statuto comunale) per risolvere questioni particolarmente urgenti. Un anno di totale silenzio avrebbe scatenato reazioni ben più energiche di quelle da noi seguite, assolutamente in linea con quanto previsto dalla legge. Soprattutto perchè ci era parso che il suo movimento facesse di questo tema un cavallo di battaglia; non è forse vero?
Da 12 mesi le viene gentilmente chiesto dai primi firmatari della petizione di fare chiarezza sull' iter della medesima, visto che lo Statuto impone all'Ente di fornire agli interessati, risposta ai quesiti posti. Solo ora, purtroppo a seguito di quello che abbiamo ritenuto dover fare per tutelare la fiducia ricevuta da oltre 2.000 Parmigiani, ci si risponde che la responsabilità del ritardo sembra essere dell' intero Consiglio Comunale. Soprattutto, apprendiamo che in modo unilaterale si è deciso, senza interpellare gli interessati, di sciogliere la petizione in una unica seduta con altre iniziative dei Consiglieri, cosa che non ci sembra rispettosa dei cittadini firmatari ne dello stesso Statuto.
Naturalmente agendo nell'interesse dei cittadini di Parma, siamo ancora assolutamente pronti a riprendere il discorso in modo costruttivo con lei e con tutto il Consiglio Comunale, a patto che tutto si svolta con la massima urgenza e condivisione. A tale proposito, ci sembra doveroso che i primi firmatari della petizione siano invitati nella sede di quella che lei ha annunciato essere la prossima discussione della mozione, al fine di potere illustrare ai consiglieri il punto di vista degli oltre 2.000 parmigiani firmatari.
E' forse pretendere troppo?

Cecilia Zanacca - Giampaolo Lavagetto

Pubblicato in Politica Parma

La nota stampa di Cecilia Zanacca, leader di Prima Parma-Territorio & Autonomia sulla petizione per Parma "Città Sicura": "Bene la raccolta firme sulla differenziata. Ora, però, il Consigliere Ghiretti coerentemente si attivi i affinché il consiglio comunale dia risposta agli oltre 2.000 parmigiani che hanno sottoscritto la petizione." -

Parma, 14 settembre 2015 -

Da ormai oltre 1 anno, più di 2.000 parmigiani attendono che il Consiglio Comunale di Parma dia una risposta alla petizione sul progetto "Città Sicura". Nel settembre dello scorso anno, infatti, il Presidente del Consiglio Comunale, in chiusura della discussione, si era impegnato a trasformare in mozione la petizione affinché, come da Statuto, fosse data una risposta ai firmatari. Da allora numerosi appelli ai consiglieri sono stati fatti affinché venisse mantenuto l'impegno preso. Non ultimo, l' appello di oltre 10 consiglieri di quartiere inviato a giugno di quest'anno a tutti i capigruppo, ma anche questo toltalmente ignorato dai destinatari. Prendiamo atto che il consigliere Ghiretti, con il suo gruppo Parma Unita, in questi giorni ha avviato una condivisibile raccolta firma sulla petizione per un miglioramento della raccolta differenziata. Augurandogli il buon esito dell' iniziativa e complimentandoci per la meritoria iniziativa, ritenendo assolutamente condividibile il fatto che non esistano firme di cittadini di Parma di serie A e di serie B, chiediamo al Consigliere Ghiretti di attivarsi al fine di stimolare il Consoglio Comaunale a dare la doverosa risposta, ormai attesa troppo a lungo.
Ci auguriamo pertanto che, finalmente tutti i parmigiani sottocrittori della petizione "Città Sicura" abbiano la dovuta attenzione e risposta.

Cecilia Zanacca
Prima Parma - Territorio & Autonomia

Pubblicato in Politica Parma
Giovedì, 27 Agosto 2015 10:28

Zanzara killer, nuovi casi in pianura padana

Si rinnova l'allarme per la zanzara killer. Due vittime gravi in pianura padana. Nell'uno per cento dei casi l'infezione può portare la meningite. I sintomi sono simili a una comune influenza. Le raccomandazioni.

di Virgilio, Parma 26 agosto 2015 -
Sono 2 le persone ricoverate nel reparto di malattie infettive e tropicali dell'ospedale di Sant'Angelo Lodigiano. Ai pazienti, che mostravano uno stato confusionale con febbre alta, è stata diagnosticata la febbre del Nilo occidentale, un virus che si trasmette a causa delle zanzare culex pipiens.
La malattia indicata come west nile disease, che è al centro delle attività di sorveglianza e prevenzione della Regione Emilia Romagna ormai da diversi anni (2009), seppure in modo non grave ha colpito, anche recentemente, un cittadino di Reggio Emilia e uno di Scandiano.

West Nile Disease

La West Nile Disease o Malattia del Nilo Occidentale è un'infezione virale trasmessa dalle zanzare, che trova negli uccelli (corvidi) il serbatoio naturale. Può essere contratta dall'uomo e dal cavallo, se punti da una zanzara portatrice del virus. Con maggiore frequenza i vettori della malattia del Nilo occidentale sono le zanzare del genere culex, (zanzara comune), anche se non è possibile escludere che anche le zanzare tigre, che vivono prevalentemente di giorno e che sono considerate i principali vettori delle forme di malattia Chikungunya e Dengue, possano trasmettere la malattia del Nilo Occidentale.


Le zanzare del genere culex pungono più frequentemente nelle ore crepuscolari e serali, e si sviluppano vicino a terreni ricchi di vegetazione in prossimità di grandi raccolte di acqua.
La maggior parte delle persone infette malattia del Nilo occidentale non mostra alcun sintomo.

Circa nel 20% dei casi si manifesta nella forma conclamata con tosse, eruzioni cutanee, diarrea, linfadenopatia (linfonodi ingrossati) e difficoltà a respirare. Questi sintomi durano solitamente 3-5 giorni e possono variare molto a seconda dell'età della persona.
In pochi casi, negli anziani e nei soggetti più deboli (immunodepressi), possono aggiungersi gravi complicazioni neurologiche quali meningite o encefalite; i sintomi più gravi (malattia neuro invasiva di West Nile) si presentano in media in meno dell'1% delle persone infette (1 persona su 150).

Nei casi più gravi (circa 1 su mille) il virus può causare un'encefalite letale o esiti permanenti. Come già detto la forma grave della malattia interessa principalmente le persone anziane o con ridotta efficienza del sistema immunitario.
Anche gli animali possono essere colpiti da questo virus, in particolare uccelli selvatici e cavalli. Nel cavallo il decorso della malattia è simile a quello dell'uomo: di solito si notano febbre, difficoltà di movimento degli arti posteriori, fino ad arrivare all'impossibilità ad alzarsi da terra. La zanzara rappresenta l'unico vettore del virus e quindi l'unica possibilità di contrarre l'infezione.

Nel 2009 La Regione ha emanato il Piano di sorveglianza e controllo malattia di West Nile Disease, Chikungunya e Dengue e altri arbovirus in Emilia-Romagna. Nel 2015 Il sistema regionale di sorveglianza ha rilevato il virus in zanzare comuni e uccelli selvatici e conseguentemente sono state attivate tutte le misure previste dal Piano regionale.
Ai Comuni è stato chiesto di continuare gli interventi straordinari contro gli insetti adulti, in caso di manifestazioni all'aperto in ore serali che comportino la presenza di molte persone, e di potenziare l'informazione e la comunicazione sulla necessità di proteggersi dalle punture delle zanzare:

- rimuovere con frequenza ogni raccolta di acqua permanente da sottovasi, bidoni, ciotole per animali, teli e quanto altro. L'acqua va gettata nel terreno, dove le larve moriranno, e non nei tombini, dove invece sopravvivono fino a diventare zanzare adulte
- consigliabile trattare ogni 20 giorni con prodotti antilarvali tombini e caditoie di grondaia.
- all'interno degli edifici il metodo più efficace è l'utilizzo di zanzariere, a maglie strette, applicate a porte-finestre e finestre, ma anche direttamente sul letto; in alternativa, è possibile utilizzare, sempre con le finestre aperte, zampironi o apparecchi elettroemanatori di insetticidi liquidi o a piastrine.
- nei luoghi all'aperto dovrebbero essere indossati indumenti di colore chiaro – quelli scuri o colorati sono più attrattivi per gli insetti - che coprano il più possibile (con maniche lunghe e pantaloni lunghi).
- vanno evitati i profumi, le creme e i dopobarba in quanto attraggono gli insetti.
- Un buon livello di protezione è assicurato dall'uso di repellenti cutanei per uso topico (direttamente sulla pelle). Le sostanze repellenti applicate sulla cute ostacolano, infatti, il raggiungimento della pelle da parte della zanzara, impedendo ai sensori delle zanzare di intercettare i vasi sanguigni.
- questi prodotti vanno applicati sulla cute scoperta, compreso il cuoio capelluto. Occorre ripetere il trattamento dato che i prodotti evaporano rapidamente e vengono eliminati con la sudorazione.
- nell'uso di questi prodotti bisogna seguire scrupolosamente le indicazioni riportate sulla confezione e va adottata grande cautela con i bambini o su pelli sensibili. I repellenti non vanno applicati sulle mucose (labbra, bocca), sugli occhi, sulla cute abrasa; possono essere invece spruzzati sui vestiti per aumentarne l'effetto protettivo.

 

Una risoluzione, a firma del consigliere Foti, impegna la Giunta regionale a verificare, insieme ai competenti organi di Polizia, la reale situazione in cui versano le maggiori stazioni dell'Emilia-Romagna e in particolare quella di Bologna e a promuovere azioni che garantiscano la tutela e la sicurezza dei viaggiatori e di chi opera in quei contesti

La situazione in cui versano le principali stazioni ferroviarie non è più tollerabile visto il "costante aumento" di "borseggi, scippi, rapine, aggressioni verbali e fisiche da parte di persone di varie etnie che inducono, quando non obbligano, i viaggiatori a usufruire dei loro servigi in cambio di denaro e, in caso di risposta negativa, fanno oggetto il malcapitato di insulti e maltrattamenti".

Lo scrive il consigliere Tommaso Foti (Fdi-An) in una risoluzione, dove segnala che le stazioni, e in particolare quella di Bologna, si stanno riducendo sempre più a ricettacoli di "emarginati di ogni genere".

"Non è difficile ritenere- si legge nel testo- che molti di coloro che si prestano a 'fornire aiuto' ai passeggeri (sia proponendosi per il trasporto delle valigie, sia per procurare il titolo di viaggio) sono il braccio operativo di violenti organizzati in racket che sovrintendono qualsiasi attività: l'invalido che fa la questua, il portabagagli abusivo, il clochard per poter dormire 'tranquillamente' nel proprio cartone, solo per citarne alcuni, devono tutti versare il 'pizzo' al racket".

Di qui, l'invito alla Giunta regionale ad assumere iniziative per verificare, in accordo con i competenti Corpi di Polizia, quale sia la reale situazione delle stazioni dell'Emilia-Romagna e, in primo luogo, di quella del capoluogo regionale "così da promuovere un'azione coordinata, congiunta e condivisa che garantisca la tutela e la sicurezza dei passeggeri e di coloro che prestano regolarmente la propria attività nelle stazioni, a partire dalle donne e dagli uomini in divisa".

(Fonte Regione Emilia Romagna) - (Tutti gli atti consiliari – dalle interrogazioni alle risoluzioni, ai progetti di legge – sono disponibili on line sul sito dell'Assemblea legislativa al link: http://www.assemblea.emr.it/attivita-legislativa (ac)

Pubblicato in Politica Emilia

Nel pomeriggio di ieri, personale della Squadra Volante durante il servizio di controllo del territorio ha effettuato accurate verifiche nella zona della stazione dei treni e all'interno della stessa.

Gli agenti hanno proceduto all'identificazione di un gruppo di persone che stazionava sotto la pensilina esterna senza apparente motivo; tra questi vi era una donna, già nota alle forze dell'ordine, tale G.D., classe 1987, con numerosi precedenti penali a proprio carico, che stava discutendo animatamente con un'altra persona.
Al termine del controllo il gruppetto di senza tetto è stato invitato ad allontanarsi dalla zona.

Intorno alla mezzanotte, la Sala Operativa, allertata da una telefona al 113, ha inviato una pattuglia presso la Stazione Ferroviaria. Era stata segnalata la presenza di una ragazza, appena scesa da un treno in transito, la quale in stato di agitazione aveva lanciato per terra la custodia di un telefono cellulare cercando nel contempo di spegnere il dispositivo, nonostante lo stesso continuasse a suonare e finendo per nasconderlo all'interno di uno stivale.

Grazie alle indicazioni del richiedente l'intervento, gli agenti sono riusciti ad individuare la donna e a fermarla. La ragazza identificata per G.D., la stessa che nel pomeriggio stazionava sotto la pensilina della stazione unitamente ad altri soggetti poco raccomandabili, dopo parecchie insistenze ha consegnato il cellulare in suo possesso, affermando di appartenerle.

G.D., stante i numerosi precedenti di polizia e essendo evidente la provenienza illecita del cellulare, il cui PIN d'accesso era sconosciuto alla donna, è stata accompagnata presso la Questura per ulteriori accertamenti.

Nel frattempo, è stato contattato il capotreno del convoglio dal quale la ragazza era scesa, il quale ha riferito che un dipendente delle FF.SS., in servizio su quel treno, si era accorto della sottrazione del proprio cellulare, ma non era riuscito a bloccare la donna prima che il treno ripartisse da Modena.

Alla luce di quanto sopra, G.D. è stata trattenuta presso le locali celle di sicurezza in stato di arresto, come disposto dal Magistrato di turno, in attesa del processo con rito direttissimo.

(Fonte Questura di Modena)

Pubblicato in Cronaca Modena