Visualizza articoli per tag: scuola

Sono aperte le iscrizioni al Centro Estivo Sportivo, organizzato dal Gruppo Sportivo Anna Frank di Parma, che partirà il prossimo 10 giugno con orario 8.00-17.00 presso la parrocchia del Buon Pastore in Largo Coen, 7 (zona Crocetta). 

Tante le attività sportive e ricreativelaboratori didattici, due giornate in piscina alla settimana, una gita settimanale e il servizio mensa.

Il centro, rivolto a bambini e bambine dalla prima elementare alla prima media, è coordinato dalla psicologa e psicoterapeuta Francesca Tenti, affiancata da operatrici professionali, sia per la parte didattica, sia per quella sportiva. 

Le iscrizioni - fino ad esaurimento posti - vengono raccolte presso la palestra della scuola Anna Frank in via Pini,16 dal lunedì al venerdì con orario 16.30 - 18.00.

Per ulteriori informazioni è possibile scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure chiamare il numero 339 5243471.   

Locandina_Centro_Estivo_Sportivo_Anna_Frank.jpg

Pubblicato in Scuola Parma
Mercoledì, 08 Maggio 2019 16:22

1.800 studenti reggiani a lezione d’Europa

Conclusi oggi gli incontri, promossi dalla Provincia di Reggio Emilia in collaborazione con la Fondazione E35, per illustrare ai giovani l’importanza e le opportunità dell’Unione Europea. Per due di loro un viaggio premio a Praga.

Reggio Emilia

Si è concluso questa mattina, proprio alla vigilia della Festa dell’Europa, “What Europe does for me? Cosa fa l’Europa per me?”, il modulo formativo che la Provincia di Reggio Emilia, in collaborazione con la Fondazione per la progettazione internazionale E35, ha predisposto per illustrare agli studenti delle scuole superiori l’importanza e il funzionamento dell’Unione europea e le opportunità offerte in particolare ai giovani.

In un mese esatto, sono stati una ventina gli incontri che, negli istituti di tutto il territorio reggiano, hanno coinvolto ben 1.800 studenti delle classi quarte e, soprattutto, quinte: gli ultimi, questa mattina nell’aula magna dello Scaruffi, sono stati 120 studenti del Motti.

Il format - studiato da Martino Soragni e Francesca Tamburini della Fondazione E35, che hanno tenuto gli incontri – prevedeva un test preventivo attraverso la piattaforma Kahoot!, una breve parte teorica e una seconda di diretto coinvolgimento degli studenti attraverso quiz e talk. Proprio in base ai punteggi ottenuti nel quiz finale, i due studenti che avranno ottenuto il miglior risultato saranno premiati con un viaggio a Praga di tre giorni (dal 19 al 21 maggio) all’interno di un progetto sulla cittadinanza europea del programma “Europa per i cittadini”. La premiazione dei due vincitori, e dei migliori studenti di ogni istituto, si terrà giovedì 16 maggio nella Sala del Consiglio provinciale.

 “In un anno importante che, il prossimo 26 maggio, vedrà anche gli italiani chiamati ad eleggere il nuovo Parlamento europeo, con questa iniziativa abbiamo voluto informare gli studenti circa il funzionamento dell’istituzione e dei suoi organi elettivi, anche al fine di promuovere una buona partecipazione al voto, perché  tanto l’Italia quanto l’Europa hanno bisogno dell’impegno e del protagonismo dei nostri giovani – spiega il presidente della Provincia di Reggio Emilia, Giorgio Zanni - Per cambiare in meglio le cose, le critiche, pur legittime, infatti non bastano: serve un migliore rapporto tra cittadini e istituzioni che inevitabilmente passa dall’utilizzo degli strumenti democratici a nostra disposizione, a partire dal diritto di voto”.

 “Grande attenzione è stata anche dedicata a tutti gli aspetti relativi alle opportunità che l’Unione europea offre ai giovani in termini di formazione, tirocini e lavoro grazie ai programmi Erasmus + e My first EURES job ed anche attraverso il Corpo europeo di solidarietà, una sorta di servizio civile continentale”, aggiunge la vicepresidente della Provincia, Ilenia Malavasi.

 

Fonte: Provincia di Reggio Emilia

Grande successo ha ottenuto la prova sul campo degli occhiali predisposti per la realtà aumentata, sperimentata per la prima volta in ambito nazionale presso la scuola media Montanari di Mirandola

Lo scopo è stato quello di favorire la nascita di modelli didattici innovativi orientatati alla inclusione degli alunni con disagio. La prova doveva verificare la possibilità di avviare una interazione sincrona tra l’insegnante e l’alunno in modo da facilitare l’apprendimento nelle differenti discipline. In questo momento è possibile inviare le informazioni digitali nel “terzo occhio dello studente” e di poterle visualizzare, ma non di interagire. È necessario avanzare nella realizzazione di un progetto per computer che consenta allo studente di comunicare in modo digitale con l’insegnante. Per Guido Zaccarelli, ideatore e promotore dell’iniziativa «questo dimostra l’importanza di promuovere iniziative che sostengano lo sviluppo tecnologico in quegli ambiti che spesso sono esclusi dalla ricerca perché focalizzati in ambito industriale e commerciale». 

Nonostante questo, alla scuola secondaria di I grado “F. Montanari” continua la sperimentazione didattica con la realtà aumentata e virtuale. “Sono quasi due decenni che il nostro istituto sperimenta sistematicamente metodologie didattiche che prevedono l’utilizzo di strumenti tecnologici. Nel corso degli anni, la presenza di un team digitale particolarmente attente alle innovazioni ma consapevole della priorità del metodo rispetto agli strumenti, ci ha consentito, oggi, di costruire, su solide basi metodologiche, percorsi didattici tutti da sperimentare che prevedono il ricorso a questa nuova frontiera della tecnologia”, ricordano gli insegnanti del nuovo team digitale formato dalle professoresse Bruno Cecilia, Anna Perretta, Rosa Navarra, Serra Francesca, Elisa Golinelli, operative da questo anno scolastico. 

“Il nostro obiettivo, in continuità con quanto realizzato negli anni dai nostri colleghi”, ricordano ancora gli insegnanti, “è praticare l’inclusione invisibile: un’offerta formativa che ponga al centro del processo di insegnamento - apprendimento le abilità e le fragilità di ciascun allievo, a partire dalle quali costruire percorsi formativi personalizzati, flessibili, efficaci, tenendo bene a mente, però, i traguardi per lo sviluppo delle competenze e gli obiettivi di apprendimento che caratterizzano il nostro segmento scolastico. 

realta-aumentata-scuola-mirandola00001.jpg

La realtà aumentata e virtuale, nella varietà delle sue declinazioni didattiche, può sostenerci nel nostro obiettivo”, continuano gli insegnanti. “Ci stiamo muovendo nella direzione tracciata dal MIUR, dalle azioni del PNSD e dalla lungimiranza di personalità esterne alla scuola, come il dottor Guido Zaccarelli che appoggia e implementa le nostre progettualità”. 

Alla prova su campo era presente alla la Dr.ssa Daniela Pederzoli, una mamma operativa presso un'associazione di volontariato che si occupa di disabilità infantile: «sono molto affascinata e incuriosita dal mondo della realtà aumentata. Ritengo che, una volta risolte alcune criticità, come ad esempio quella rappresentata dalla struttura degli occhiali, ancora non adatta all’uso quotidiano, l’impiego della realtà aumentata in ambito scolastico, così come nel sociale, possa diventare uno strumento facilitante (e inclusivo) per i nostri ragazzi. Penso in particolare a quelli più fragili, con disturbi dell’apprendimento o che rientrano nello spettro autistico o ancora con la sindrome di down, ecc.. Se si riuscirà ad ottenere un’adeguata customizzazione del prodotto, la realtà aumentata potrà diventare davvero una risposta tangibile alle esigenze più diverse. La voglia di esplorare questo sentiero c’è, le energie non mancano e tante idee stanno già affiorando alla mente».

In questo momento del tempo si invitano le aziende e le istituzioni ad avviare al loro interno azioni che possano contribuire a completare il progetto di sperimentazione in stretta sintonia con il corpo docenti perché possa ambire a diventare un progetto pilota da estendere, in base ai risultati ottenuti, a livello nazionale.  

realta-aumentata-scuola-mirandola00000.jpg

 

Pubblicato in Cronaca Modena

Le Fiamme Gialle di Parma hanno tenuto nei giorni scorsi degli incontri con gli studenti della Scuola primaria “Mezzani” e dell’Istituto Superiore “ITIS G. Galilei” di San Secondo Parmense per parlare di cultura della legalità economica, nell’ambito della settima edizione del Progetto “Educazione alla legalità economica”. 

Si tratta di un’iniziativa che trae origine dal Protocollo d’intesa stipulato tra il Comando Generale della Guardia di Finanza ed il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, finalizzato a promuovere, nell’ambito dell’insegnamento “Cittadinanza e Costituzione”, un programma di attività a favore degli alunni delle scuole primarie e secondarie

A sette anni dall’avvio del Protocollo, l’intento degli incontri non è cambiato: far maturare nei giovani la consapevolezza del valore della legalità economica, con particolare riferimento alla prevenzione dell’evasione fiscale e dello sperpero di risorse pubbliche, delle falsificazioni, della contraffazione, nonché dell’uso e dello spaccio di sostanze stupefacenti.

Con l’ausilio di materiale audio-visivo della fedele mascotte della Guardia di Finanza, Finzy, il grifetto finanziere, e di video di cronaca sempre attuali, i militari di Parma hanno, infatti, illustrato ai giovani discenti il ruolo rivestito dal Corpo, quale organo di polizia vicino a tutti i cittadini, il cui compito principale risiede nel tutelare le libertà economiche, affermando un principio di “convenienza” sociale della legalità, quale bene fondamentale per lo sviluppo della leale concorrenza e per l’incremento dei servizi rivolti a tutti. 

Temi particolarmente sentiti dai ragazzi si sono dimostrati il costo sociale e umano della contraffazione e i rischi per gli acquirenti dei prodotti contraffatti, oltre alla lotta allo spaccio di sostanze stupefacenti e gli effetti derivanti dal loro uso. Le domande dei giovani più curiosi hanno permesso, infatti, di instaurare un dialogo particolarmente dinamico che ha coinvolto anche gli insegnanti presenti, facendo sì che gli interventi delle Fiamme Gialle si siano inseriti compiutamente in quel percorso didattico intrapreso dagli studenti, che passa dalle nozioni apprese tra i banchi di scuola fino ad arrivare alla formazione di cittadini consapevoli.

Gli incontri dei militari della Guardia di Finanza di Parma continueranno ancora per tutto il mese di aprile in altri Istituti scolastici del territorio e all’iniziativa sarà abbinato un concorso denominato “Insieme per la legalità”, che ha lo scopo di sensibilizzare i giovani, tramite il coinvolgimento delle scuole, sul valore civile ed educativo della legalità economica, nonché in merito alle attività svolte dal Corpo in tali settori, favorendo la loro espressione libera, creativa e spontanea sulla tematica.

Pubblicato in Cronaca Parma

Iniziato oggi con tre classi del Canossa un ciclo di 18 incontri, promossi in collaborazione con la Fondazione E35, per illustrare ai giovani l’importanza e le opportunità dell’Unione europea.

Reggio Emilia -

E’ iniziato questa mattina nell’aula magna del Bus Pascal, coinvolgendo tre quinte del vicino liceo Canossa, “What Europe does for me? Cosa fa l’Europa per me?”, un modulo formativo che la Provincia di Reggio Emilia, in collaborazione con la Fondazione per la progettazione internazionale E35, ha predisposto per illustrare agli studenti delle scuole superiori l’importanza e il funzionamento dell’Unione europea e le opportunità offerte in particolare ai giovani. “In un anno importante, che coinciderà a maggio con il rinnovo del Parlamento europeo, il modulo mira ad informare gli studenti delle classi quarte e quinte circa il funzionamento dell’istituzione e dei suoi organi elettivi, anche al fine di promuovere una buona partecipazione al voto, perché  tanto l’Italia quanto l’Europa hanno bisogno dell’impegno e del protagonismo dei nostri giovani – spiega il presidente della Provincia di Reggio Emilia, Giorgio Zanni - Per cambiare in meglio le cose, le critiche, pur legittime, infatti non bastano: serve un migliore rapporto tra cittadini e istituzioni che inevitabilmente passa dall’utilizzo degli strumenti democratici a nostra disposizione, a partire dal diritto di voto”.

“Grande attenzione sarà poi dedicata a tutti gli aspetti relativi alle opportunità che l’Unione europea offre ai giovani in termini di formazione, tirocini e lavoro grazie ai programmi Erasmus + e My first EURES job ed anche attraverso il Corpo europeo di solidarietà, una sorta di servizio civile continentale”, aggiunge la vicepresidente della Provincia, Ilenia Malavasi.

Complessivamente circa 1.700 gli studenti, prevalentemente di quinta, che saranno coinvolti attraverso 18 incontri programmati da qui al 7 maggio in istituti superiori di città e provincia. Il format - studiato da Martino Soragni e Francesca Tamburini della Fondazione E35, che terranno gli incontri – prevede un test preventivo attraverso la piattaforma Kahoot!, una breve parte teorica e una seconda di diretto coinvolgimento degli studenti attraverso quiz e talk.

Fonte: Provincia di Reggio Emlia

Caso di bullismo a Parma: i docenti non possono rispondere di episodi che avvengono al di fuori del perimetro delle scuole

Dopo che i genitori di una ragazzina hanno denunciato, tra gli altri, anche gli insegnanti della giovane studentessa vittima di presunti atti di bullismo, gravi episodi che sarebbero stati perpetrati con l'uso di modalità telematiche al di fuori dell'orario scolastico, in merito alla vicenda prende posizione anche la Gilda degli Insegnanti di Parma e Piacenza, che si dichiara disponibile a prestare tutta l'assistenza possibile ai colleghi che sono stati involontariamente coinvolti in questa spiacevole vicenda.

Salvatore Pizzo, coordinatore della Gilda di Parma e Piacenza a tal fine precisa: "Si parla di denunce ma siamo curiosi di capire quali reati o delitti si ipotizzano a carico degli insegnanti per atti che sarebbero stati compiuti da minor,i quando questi erano sotto la responsabilità dei loro genitori - continua il dirigente sindacale - comunque sia il Contratto Collettivo che regola il lavoro e le prestazioni professionali dei docenti prevede che questi programmino ed organizzino le lezioni e partecipino a tutte le attività funzionali legate all'organizzazione di esse, spesso equivocando sulla cortese disponibilità degli insegnanti molti ritengono che oltre ad insegnare le loro materie i docenti abbiano anche altri obblighi".

Con " Jambonetto e Balanzone" gli studenti dello Scappi di Bologna vincono ER School Of Food "Dall'Acqua alla Tavola , il cibo è irriguo"

1.2 milioni di contatti e 230 istituti coinvolti attraverso social web Facebook e Instagram. A Maggio la classe sarà premiata a Rimini alla Fiera Internazionale dell'ortofrutticoltura Macfrut 2019

Bologna - Il concorso ER School of Food, vero e proprio social tour dei giovani alla scoperta dei prodotti e sapori regionali, patrocinato da Regione Emilia-Romagna e Ufficio Scolastico Regionale, ha visto primeggiare, tra oltre 1.000 partecipanti per un totale di circa 40 classi di diversi istituti superiori, la classe bolognese 2 Ap del Bartolomeo Scappi.

Nella sezione "Dall'acqua alla tavola, il cibo è irriguo" - ideata da Anbi Emilia Romagna che prevedeva la realizzazione di un progetto in grado di mostrare in modo esemplare il rapporto indissolubile tra la risorsa idrica e la tipicità gastronomica che ne deriva - lo Scappi ha piazzato i suoi studenti sul gradino più alto del podio.

Grazie al lavoro approfondito svolto in classe sulle diverse tematiche che legano strettamente l'ambiente ed in particolare l'acqua alle produzioni di qualità tutelate dalle denominazioni di origine protetta, i filmaker in erba hanno confezionato il video "Jambonetto e Balanzone" ( link visibile su https://youtu.be/5X-BtCr0U3o) dove la selezione mirata degli ingredienti reperibili sul nostro territorio testimoniano direttamente che solo grazie al decisivo contributo dell'irrigazione il cibo può considerarsi a tutti gli effetti "irriguo".

ANBI Emilia Romagna, infatti , l'associazione che riunisce e rappresenta i Consorzi di Bonifica del comprensorio regionale promuove, all'indirizzo delle giovani generazioni, proprio questi traguardi formativi volti ad incrementare, anno dopo anno, la maggior consapevolezza del valore stesso della preziosa risorsa idrica fondamentale per la vita, l'alimentazione, l'economia, l'agricoltura sostenibile, gli habitat all'insegna di un cibo buono, sano, pulito e giusto. La 2Ap dello Scappi, in virtù di questo ottimo risultato, sarà premiata il prossimo 8 Maggio a Rimini a Macfrut 2019 nell'ambito della Fiera internazionale dell'ortofrutticoltura alla presenza delle istituzioni, amministratori locali e dei Consorzi di bonifica.

I numeri di questa edizione del concorso sono davvero sorprendenti: in poco meno di un anno dall'avvio del progetto sono state raggiunte ed interessate attraverso l'utilizzo dei social oltre 1.200.000 persone raggiunte, con contatti diretti a 230 istituti dell'Emilia Romagna con 7.500 interazioni, 54000 persone raggiunte su Facebook, 17.000 interazioni e 85.500 persone raggiunte su Instagram, 286.000 contatti su altri media e web.

Margherita Asta che ha perso la madre e i fratelli nella strage di Pizzolungo ha incontrato le terze classi della Newton nella sala del Consiglio Comunale di Parma.

Parma -

Conoscere è il primo passo per combattere la mafia: lavorare alla costruzione e alla promozione di una cultura della legalità è lo scopo del Progetto “Concittadini con legalità” promosso dall’Ufficio Progetti del Settore Servizi Educativi del Comune di Parma in collaborazione con l’Associazione Libera rivolto agli alunni delle seconde e terze classi delle Scuole secondarie di primo grado del Comune di Parma.

Ines Seletti, assessora ai Servizi Educativi, ha partecipato questa mattina al toccante incontro delle classi della scuola Newton (3^D, 3^E e 3^ F accompagnate dai docenti D'Ovidio, Bigliardi, Calabrese, Alberici e Daniele) con Margherita Asta. 

Margherita Asta insieme a Carlo Cantini di Libera Parma è tornata sulla sua vicenda famigliare, quando nell'aprile del 1985 l'esplosione di un'autobomba destinata al giudice Carlo Palermo, investì invece in pieno l'auto di sua madre Barbara Rizzi e dei suoi fratelli gemelli di 6 anni. L'omicidio dei suoi famigliari è passato alle cronache come la strage di Pizzolungo.

L'incontro è stato tappa intermedia di un percorso che i ragazzi concluderanno il prossimo 15 maggio presso il cinema Astra con un'assemblea di tutti le classi partecipanti al percorso.

"Ascoltare la voce di Margherita, rivivere con lei la sua terribile esperienza, è stato un momento forte, che toccato da vicino gli studenti. Il progetto vuole farli riflettere su come la mafia non sia un fenomeno lontano e come sia, invece, necessario attivare una scelta quotidiana di legalità per costruire una comunità sana" hanno commentato l'assessora Ines Seletti e i rappresentanti di Libera.

 

Continua, a Parma, la programmazione dei laboratori di CucinaLab, iniziativa che si inserisce all’interno del progetto “Crescere in Armonia. Educare al Benessere” dei Servizi Educativi del Comune.

Ieri all’interno della Scuola Micheli gli alunni insieme ai genitori, al personale di cucina e ai tecnici  hanno realizzato alcuni piatti tipici della “Cucina del Mondo”: involtini primavera, cous cous alla marocchina, zighinì e un dolce la torta Marrakesch.

2019_03_28-bambini-CucinaLab-parma4.jpg

Ospite dell’evento è stato il giocatore del Parma Calcio Massimo Gobbi che, dopo aver indossato grembiule e cuffia, si è cimentato nella preparazione dei piatti insieme agli alunni, ai genitori e all'assessore all'Educazione Ines Seletti. Al termine della preparazione le pietanze sono state consumate insieme. 

il_giocatore_del_Parma_Calcio_Massimo_Gobbi.jpg

 

 

Pubblicato in Cronaca Parma

Nella serata di sabato 23 marzo scorso, personale della Squadra Volante ha tratto in arresto un italiano di anni 40, responsabile del reato di furto aggravato.
Intorno alle ore 21.00, personale dell'Istituto di Vigilanza Coopservice ha segnalato alla Centrale Operativa l'entrata in funzione del sistema d'allarme del Nido d'Infanzia comunale "Parco XXII aprile".

Gli agenti, che si trovano in via Gramsci, sono intervenuti sul posto immediatamente ed una volta entrati nel cortile della scuola hanno notato un uomo uscire dall'ingresso principale scappando all'interno del parco XXII aprile. Postisi all'inseguimento, gli operatori hanno bloccato il 40enne ancora in possesso di una borsa zaino, all'interno della quale vi erano un impianto audio con casse, un termometro ambientale, un cd musicale, tre chiavette USB, una scheda di memoria per macchina fotografica, un pezzo di parmigiano e un portafoglio contenente una carta di bancomat prepagata. In una tasca dei pantaloni sono state recuperate monete per un importo di circa 40 euro.

L'intera refurtiva, come si è potuto accertare da un successivo sopralluogo, era stata asportata dalla scuola. Le monetine erano state prelevate da un distributore automatico presente nell'istituto, che era stato scassinato con l'utilizzo di un paio di forbici a punte arrotondate, rinvenute nella disponibilità del ladro.

I vari locali della scuola erano completamente a soqquadro, compresa la cucina da dove era stato prelevato il formaggio. Il malvivente era entrato nell'edificio da una porta secondaria, utilizzando come leva per aprirla, un bastone di legno con la punta in acciaio, rinvenuto nelle immediate vicinanze.

Il 40enne, pluripregiudicato per svariati reati (ricettazione, furto aggravato, violenza e resistenza a P.U. e lesioni personali) dopo gli accertamenti di rito è stato trattenuto presso le locali celle di sicurezza, come disposto dal Magistrato di turno, in attesa del processo con rito direttissimo.

Pubblicato in Cronaca Modena