Visualizza articoli per tag: salute

Martedì, 20 Agosto 2019 10:18

Elisoccorso notturno del 118 a Solara

IN ARRIVO A SOLARA UNA NUOVA PIAZZOLA PER L'ELISOCCORSO NOTTURNO DEL 118

Sarà presto operativa a Solara una nuova piazzola per l'elisoccorso notturno del 118, che verrà attivata presso il campo sportivo, appena conclusi i lavori del cantiere attualmente in corso.


Nell'ambito del più ampio progetto del Servizio sanitario regionale, in collaborazione con le Aziente USL territorialmente interessate, continua la predisposizione di una rete capillare di piazzole, individuate in spazi ampi e liberi da ostacoli, sempre accessibili, per l'importante servizio di atterraggio notturno degli elicotteri del 118.


Si tratterà della seconda piazzola presente sul territorio comunale di Bomporto poichè è già da tempo attiva quella presso il campo sportivo di Sorbara. Il piano della rete di superfici di elisoccorso prevede poi l'attivazione di altre piazzole nei comuni limitrofi.


Come prevede la procedura, anche a Solara verrà esposto, all'ingresso del sito individuato per la nuova piazzola, in maniera ben visibile, il cartello informativo contenente le indicazioni operative da adottare nei casi di attività di elisoccorso.

Editoriale:  - I botti di Ferragosto. - Le sorprese in dote all’USDA del 12 agosto - Allerta, pezzi di vetro nell'Aglio, olio e peperoncino -E’ allarme per i calabroni killer, un morto in Italia e un ferito grave in Spagna - Buon Ferragosto! -

cibus-33-18ago19-COP.jpg
SOMMARIO Anno 18 - n° 33 18 agosto 2019
1.1 editoriale
I botti di Ferragosto.
2.1 lattiero caseario Lattiero caseario. 6 agosto 2019
2.1 Bis lattiero caseario Lattiero caseari. tendenza
3.1 cereali e dintorni Le sorprese in dote all’USDA del 12 agosto.
4.1 cereali e dintorni tendenze. Ripresa delle quotazioni nazionali
5.1 cereali e dintorni Cereali e dintorni. La sorpresa soia come era prevedibile
6.1 sicurezza alimentare Allerta, pezzi di vetro nell'Aglio, olio e peperoncino
6.2 salute e sicurezza E’ allarme per i calabroni killer, un morto in Italia e un ferito grave in Spagna.
7.1 ferragosto Buon Ferragosto!
8.1promozioni “vino” e partners
9.1 promozioni “birra” e partners

(per seguire gli argomenti correlati clicca QUI)

 

  

(Scarica il PDF alla sezione allegati)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Allarme calabroni killer in Europa: un 65enne morto nel Comune di Alta Val d'Intelvi in Italia  e un ferito grave a Candamo, in Spagna 
 
Torna l'incubo calabroni asiatici. Un uomo di 65 anni è morto sulla strada provinciale a Ramponio Vernia, nel Comune di Alta Val d'Intelvi, in provincia di Como, dopo essere stato punto da un calabrone asiatico poco prima delle 16. Sul posto sono arrivati i soccorsi del 118, anche con l'elisoccorso ma non c'è stato nulla da fare per il pensionato che è morto in pochi istanti.

Sempre oggi ma in Spagna, un operaio della società Serpa, specializzato nella rimozione dei nidi di vespe, è stato punto alle 14:00 a Candamo da una vespa asiatica. Il lavoratore ha subito una grave reazione allergica, quindi è stato trasferito al Central University Hospital of Asturias (HUCA) nell'elicottero dei vigili del fuoco. Il morso è avvenuto proprio mentre l'operatore insieme ai suoi compagni cercavano di distruggere un nido di questo tipo di vespe. Dopo aver subito uno shock anafilattico, i suoi compagni che erano insieme a lui hanno cercato di soccorrerlo iniettandoli una dose di adrenalina, ma viste le sue condizioni hanno chiesto aiuto trasferendolo al centro sanitario più vicino, il Grado. Lì, le sue condizioni sono peggiorate tanto da rendere necessario il suo trasferimento all'Hospital Universitario Central de Asturias (HUCA) di Oviedo a bordo dell'elicottero dove sono riusciti a stabilizzarlo.

Quegli di oggi sono gli ultimi casi di una ormai lunga serie. Il primo agosto una turista francese di 60 anni, originaria di Essonne, è morta a Grayan-et-l’Hôpital (Gironda) in Francia, dopo essere stata punta da un calabrone asiatico. A stroncarla quasi certamente è stato uno shock anafilattico che le ha causato irreversibili problemi respiratori.

Anche in Italia, dopo quella di oggi, i calabroni asiatici hanno fatto delle vittime. Il 18 ottobre 2015, un anziano di 87 anni morì e la moglie fu ricoverata in ospedale per le punture di uno sciame di calabroni, che li aveva attaccati, mentre cercavano funghi nei boschi tra Lenta e Gattinara, in provincia di Vercelli. Si tratta molto probabilmente di calabroni giganti provenienti da Asia,  Giappone e Cina che sarebbero arrivati in Europa all’interno di un container di ceramiche cinesi e si sarebbero diffusi in Francia, Portogallo, Spagna e anche in Inghilterra. Queste creature giganti sono simile alle comuni vespe ma misurano la grandezza di un pollice umano. La loro puntura inietta una potente sostanza che contiene ben 8 sostanze chimiche altamente tossiche per l’uomo. La Francia conta, con quella di ieri, ben sette vittime per la puntura di questi calabroni giganti ben noti come Vespa Mandarini. Una di queste vittime è un signore di 54 anni che è stato attaccato da uno sciame di calabroni dopo averli disturbati nel loro nido, sicuramente senza volerlo.

La sostanza che viene iniettata provoca uno shock anafilattico che se non è tamponato immediatamente con una iniezione di cortisone è letale. Quando la vespa mandarini punge il dolore che si prova è simile ad un chiodo rovente nella pelle, come hanno descritto alcuni malcapitati.

L’allerta in Europa è massima, sottolinea Giovanni D'Agata, presidente dello Sportello dei Diritti” e purtroppo, dopo l'episodio di ieri in Francia, anche in Italia. Questi predatori sono terribili a tal punto da non temere l'uomo e cibano le loro larve con gli insetti comuni che uccidono senza pietà. Gli interventi per presenza di nidi di calabroni e vespe velutine da parte dei Vigili del fuoco e di squadre specializzate della Protezione civile nelle ultime settimane sono cresciuti in modo esponenziale non soltanto in campagna, ma anche all’interno di abitazioni. In caso di presenza di nidi di dimensioni significative il suggerimento è quello di dare l’allarme e non tentare di eliminarli con i metodi tradizionali.

(16 agosto 2019)
 

 

 

Domenica 1 settembre intera giornata dedicata al benessere. Tante le attività in programma dalle 8.00 alle 21.00

Domenica 1 settembre torna a La Caplèrà in strada Costa Garibalda,11 a Medesano, Salute & Benessere, rassegna curata dalla giornalista Francesca Caggiati, con il patrocinio della Provincia di Parma e del Comune di Medesano.


L’iniziativa, organizzata in collaborazione con l’Associazione La Caplèra e con Parma Da Vivere, si svilupperà nell’arco dell’intera giornata con attività esperienziali e di informazione dedicate al benessere psico-fisico.


Il programma della giornata si svilupperà come segue:
- ore 8.00: lezione di yoga (Erika Ferrari – yogi trainer e coach)
- ore 9.00: colazione con prodotti artigianali e miniworkshop di aromaterapia (Katia Bottioni di Pan di Zenzero e Elisabetta Paolini – chiniesologa, armoaterapeuta e naturopata)
- ore 10.00: conferenza introduttiva e trattamenti Reiki (Elisa Tosi – Master Reiki Usui Shiki Ryoho – e Simona Mazzoni – operatrice Reiki di primo livello)
- ore 12.00: workshop sul “rifiuto” (Francesco Ballarini – counselor umanista)
- ore 13.00: degustazione con prodotti a base di ganoderma (Rosanna Gaudino – operatrice del benessere)
- ore 14.00: test individuali di biorisonanza energetica (Paolo Valli – maestro, istruttore e operatore olistico)
- ore 15.00: conferenza introduttiva e trattamenti individuali Shiatsu (Cecilia Bonazzi – operatrice diplomata IRTE – Katia Asti e Melissa Lamanna Shiatsu practitioner)
- ore 17.00: seminario su “L’amore in età matura” (Alessandra Giovanelli – pedagogista, consulente e mediatrice familiare)
- ore 18.00: consulti individuali di medicina estetica e antiaging (dr. Naser Jabbarpour – medico estetico) con aperitivo e degustazione (Katia Bottioni – Rosanna Gaudino)
- ore 20.00: miniworkshop esperienziale sull’equilibrio mente-corpo attraverso la voce con il metodo brevettato soul voice (Anna Marchesani – vocal coach, musicoterapeuta e Soul Voice practitioner)
Si consigliano abiti comodi e un materassino o stuoia.


Ulteriori informazioni sono disponibili sul gruppo Fb “Salute & Benessere Parma” e sulla pagina Parma Da Vivere.


Per partecipare – fino ad esaurimento posti - è necessario prenotarsi al numero 338 5219408 o inviare una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

wellness.jpg

 

 

 

Pubblicato in Dove andiamo? Parma

Editoriale:  - Un Italiano a Parigi,- Lattiero caseario. Latte spot e burro in caduta libera, stop crema e formaggi.- DOP IGP, la qualità dei territori. - Sabato 7 settembre torna a Bologna la Festa del BIO - Apicoltura. La Regione investe 560 mila euro - Cimice asiatica, Alleanza Cooperative chiede un tavolo di crisi - Fiume Po, scatta l’operazione “Argini Sicuri” -


SOMMARIO Anno 18 - n° 32 11 agosto 2019 cibus-32-11ago19-COP.jpg
1.1 editoriale
Un Italiano a Parigi,
2.1 lattiero caseario Lattiero caseario. Latte spot e burro in caduta libera, stop crema e formaggi. -
2.1 Bis lattiero caseario Lattiero caseari. tendenza
3.1 cereali e dintorni Cereali e dintorni. Mercati ancora turbati. In attesa dei dati USDA.
4.1 cereali e dintorni tendenze.
6.1 agroalimentare dop igp DOP IGP, la qualità dei territori.
6.2 bio eventi Sabato 7 settembre torna a Bologna la Festa del BIO 
7.1 apicoltura Apicoltura. La Regione investe 560 mila euro
7.2 rischio cimice asiatica Cimice asiatica, Alleanza Cooperative chiede un tavolo di crisi
8.1 argini sicuri Fiume Po, scatta l’operazione “Argini Sicuri”
9.1promozioni “vino” e partners
10.1 promozioni “birra” e partners 

(per seguire gli argomenti correlati clicca QUI)

 

  

(Scarica il PDF alla sezione allegati)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

All’ospedale di Baggiovara uno dei primi interventi al mondo su due pazienti di 56 e 59 anni affetti dalla doppia patologia. Grazie alla tecnologia robotica i medici sono riusciti ad asportare le neoplasie risparmiando gli organi.


di M.F. Modena 9 agosto 2019 -  – Si chiama Da Vinci come il celebre genio rinascimentale, ma non si tratta di una persona in carne e ossa, bensì di un robot che nello scorso mese di luglio è stato protagonista di una delle prime esperienze al mondo di asportazione di un doppio tumore, al rene e al colon retto su due pazienti, avvenuta all’ospedale di Baggiovara.


Grazie proprio alla tecnologia robotica, l’equipe chirurgica diretta dalla dottoressa Micaela Piccoli e quella urologica del professor Bernardo Rocco, con la collaborazione della squadra anestesiologica della dottoressa Elisabetta Bertellini, sono riuscite a trattare in maniera mini invasiva e in contemporanea una rara forma di tumore che colpisce il rene e il colon retto.
Il primo intervento è stato effettuato su un uomo di 56 anni che in passato aveva già subito l’asportazione di un rene per una precedente patologia e che presentava un tumore maligno localizzato al colon destro e una seconda neoplasia al rene destro. Il secondo ha riguardato invece una paziente di 59 anni affetta da tumore al retto, che durante un trattamento per una neoplasia mammaria ha scoperto di averne anche una al rene sinistro. Entrambi sono stati in grado di alzarsi a una giornata dall’intervento, sono stati dimessi e ora potranno proseguire le terapie previste dai protocolli.


Fondamentale nel post operatorio senza dolore e nella ripresa l’intervento della tecnologia robotica.
“Per quanto riguarda il rene”. ha dichiarato il professor Bernardo Rocco. “la chirurgia robotica è indispensabile per ottenere un’efficacia oncologica, preservare l’organo e al tempo stesso non sottoporre i pazienti a incisioni addominali estese e invalidanti. Mentre la chirurgia laparoscopia tradizionale è l’approccio corretto quando la lesione è così estesa da dover togliere tutto il rene, il robot diventa fondamentale per poter eseguire interventi finalizzati a togliere il tumore ma a risparmiare il rene. In questi casi il robot in mani esperte consente procedure molto più rapide, efficaci e sicure”

“La chirurgia robotica”, ha aggiunto la dottoressa Micaela Piccoli, “consente ai medici di eseguire vari tipi di procedure complesse con maggiore precisione, flessibilità e controllo. In modo mini-invasivo, attraverso piccole incisioni si realizzano procedure lunghe, delicate e complesse che, invece, potrebbero essere difficili o addirittura impossibili con altri metodi. Il robot dà al chirurgo una visione tridimensionale e gli offre la possibilità di fare movimenti altrimenti impossibili per un essere umano, come ruotare una mano o un braccio, a 360 gradi, o di arrivare in un punto preciso senza fare contorsioni faticose. Questi due casi ne sono una chiara esemplificazione”.


Ricordiamo che il tumore del colon retto è tra i cinque più diagnosticati in Italia con un’incidenza del 15% con 51 mila casi ogni anno e un trend in aumento. I tumori al rene e alle vie urinarie, invece, sono al nono posto tra le neoplasie più diagnosticate con circa 13.400 nuovi casi all’anno.

L’associazione simultanea dei due tumori è rara, (tra lo 0,03% e 0,5% dei casi). Tra le cause ci sono condizioni genetiche particolari o l’associazione di fattori di rischio comuni come il fumo di sigaretta. La sopravvivenza a cinque anni, in Italia, è del 71% per il rene e del 65% per il colon retto, la più alta rispetto alla media europea grazie anche ai programmi di screening sul colon retto da tempo attivi in Emilia Romagna e allo sviluppo di PDTA, Percorsi Diagnostici Terapeutico Assistenziali che assicurano una diagnosi accurata e una presa in carico della persona a 360°.

Editoriale:  -Tra diritto alla privacy e buongusto. Quando sbattere il mostro in “prima pagina”? - Lattiero caseario. Leggero calo del latte spot, burro crema e panna ancora giù - Cereali e dintorni. Attenzione alla criticità logistica di agosto.- Energia da scarti agricoli, la Regione Emilia Romagna investe 6,8 milioni -

SOMMARIO Anno 18 - n° 31 04 agosto 2019
1.1 editorialecibus-31-4ago19-COP.jpg
Tra diritto alla privacy e buongusto. Quando sbattere il mostro in “prima pagina”?
2.1 lattiero caseario Lattiero caseario. Leggero calo del latte spot, burro crema e panna ancora giù.
2.1 Bis lattiero caseario Lattiero caseari. tendenza
3.1 cereali e dintorni Cereali e dintorni. Attenzione alla criticità logistica di agosto.
4.1 cereali e dintorni tendenze.
6.1 energia verde Energia da scarti agricoli, la Regione Emilia Romagna investe 6,8 milioni
6.2 ambiente e eventi Anche la diga del Molato nel programma di Confluenze Festival
7.1 acqua e caldo L’acqua c’è, per ora.
8.1promozioni “vino” e partners
9.1 promozioni “birra” e partners
(per seguire gli argomenti correlati clicca QUI)
 

 

(per seguire gli argomenti correlati clicca QUI)

 

  

(Scarica il PDF alla sezione allegati)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Editoriale:  - Carola sarà ascoltata in Parlamento UE e invece multati i nostri 3 valorosi parlamentari.- Lattiero caseari. Burro in flessione, burro e panna nuovo crollo del prezzo. - Cereali e dintorni. Aperto un nuovo spiraglio sui dazi USA-Cina -Corsi per manutentori impianti pomodoro - Alert, sicurezza alimentare -


SOMMARIO Anno 18 - n° 30 28 luglio 2019
1.1 editoriale
Carola sarà ascoltata in Parlamento UE e invece multati i nostri 3 valorosi parlamentari.
2.1 lattiero caseario Lattiero caseari. Burro in flessione, burro e panna nuovo crollo del prezzo..
2.1 Bis lattiero caseario Lattiero caseari. tendenza
3.1 cereali e dintorni Cereali e dintorni. Aperto un nuovo spiraglio sui dazi USA-Cina
4.1 cereali e dintorni Poche novità sul fronte cereali..
5.1 pomodoro Corsi per manutentori impianti pomodoro
5.2 sicurezza alimentare Avviso per i celiaci
5.3 sicurezza alimentare Alert, sicurezza alimentare
6.1 sicurezza alimentare Rischio Listeria
6.2 pomodoro Campagna del pomodoro, Steriltom avvia i motori: prima in Italia
7.1 economia Distretti emiliani, export in crescita
8.1promozioni “vino” e partners
9.1 promozioni “birra” e partners

 

(per seguire gli argomenti correlati clicca QUI)

 cibus-30-28lug19-COP.jpg

  

(Scarica il PDF alla sezione allegati)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sabato, 27 Luglio 2019 16:00

Curcuma e epatite, chiarimenti dal Ministero

Integratori alimentari a base di curcuma associati a casi epatite. Chiarimenti dal Ministero della Salute: analisi hanno escluso la presenza di contaminanti.

Le analisi effettuate sui campioni di integratori alimentari a base di curcuma correlati ai casi di epatite hanno escluso la presenza di contaminanti o di sostanze volontariamente aggiunte quali possibili cause del danno epatico. Lo puntualizza il Ministero della Salute (Direzione Generale Dispositivi Medici) -in una nota pubblicata oggi sul sito salute.gov -in cui dettaglia che a seguito delle indagini condotte sui casi di epatite colestatica segnalati dopo l’assunzione di integratori alimentari contenenti estratti e preparati di Curcuma longa, e, in un caso, dopo il consumo di Curcuma in polvere, il gruppo interdisciplinare di esperti appositamente costituito e la sezione dietetica e nutrizione del comitato tecnico per la nutrizione e la sanità animale hanno concluso che, ad oggi, le cause sono verosimilmente da ricondurre a particolari condizioni di suscettibilità individuale, di alterazioni preesistenti, anche latenti, della funzione epato-biliare o anche alla concomitante assunzione di farmaci.

Gli eventi segnalati hanno coinvolto preparati ed estratti di curcuma diversi tra di loro e si sono verificati dopo l’assunzione di dosi molto variabili di curcumina, anche se nella maggior parte dei casi il titolo di tale sostanza era elevato e spesso associato ad altri ingredienti volti ad aumentarne l’assorbimento.

Dall’esame dei dati della letteratura scientifica e dalle informazioni fornite dagli altri Stati membri, sono emerse segnalazioni di casi di epatiti acute ad impronta colestatica correlati all’uso di estratti di curcuma anche in altri Paesi. Pertanto, alla luce di tali conclusioni, si è deciso di adottare una specifica avvertenza per l’etichettatura degli integratori in questione, volta a sconsigliarne l’uso a soggetti con alterazioni della funzione epato-biliare o con calcolosi delle vie biliari e, in caso di concomitante assunzione di farmaci, ad invitare comunque a sentire il parere del medico. Per la curcuma in polvere, considerando la storia e le dimensioni del consumo come alimento, non sono emersi elementi per particolari raccomandazioni. Tuttavia, evidenzia Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, la situazione continuerà ad essere seguita con attenzione in relazione all’emergere di eventuali nuovi elementi o dati scientifici da considerare al fine di tutelare la sicurezza dei consumatori.

(26 luglio 2019)

Editoriale:  - Il “mercato degli affidamenti”. Lo schifo che era già noto ma “tollerato - Lattiero caseari. Panna in crescita unica novità. - Cereali e dintorni. “Weather Market” - Bonifica Parmense, bilancio ok: avanzo positivo per un milione di euro presto reinvestito sul territorio - Pomodoro - Al via la campagna 2019: l’impegno di Prince -
SOMMARIO Anno 18 - n° 29 21 luglio 2019


1.1 editoriale
Il “mercato degli affidamenti”. Lo schifo che era già noto ma “tollerato”
2.1 lattiero caseario Lattiero caseari. Panna in crescita unica novità.
2.1 Bis lattiero caseario Lattiero caseari. tendenza
3.1 cereali e dintorni Cereali e dintorni. “Weather Market”.
5.1 bonifica Bonifica Parmense, bilancio ok: avanzo positivo per un milione di euro presto reinvestito sul territorio
5.2 turismo ambientale Anche il BMW club di Como e Varese in visita al Molato
5.3 pomodoro Pomodoro - Al via la campagna 2019: l’impegno di Princes
6.1 ambiente sostenibilità Sostenibilità in ufficio: come ottenerla?
7.1 bracconaggio PO “Boom del biologico sul territorio reggiano”
8.1promozioni “vino” e partners
9.1 promozioni “birra” e partners

(per seguire gli argomenti correlati clicca QUI)

 cibus-29-21lug19-COP.jpg

  

(Scarica il PDF alla sezione allegati)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagina 5 di 56