Visualizza articoli per tag: motori

Venerdì, 04 Maggio 2018 16:23

Mercedes-Benz Classe A - VIDEO

Mercedes-Benz Classe A diventa più tecnologica che mai, sportiva e spaziosa.

Scopri tutto nel video!

In collaborazone con Videomotori

Pubblicato in Motori Emilia

Parma, 4 maggio 2018 - Ben 120 le moto d'epoca che hanno fatto tappa a Parma per il Motogiro d'Italia. L'evento è stato organizzato del Moto Club Terni L.Liberati – P.Pileri sotto la regia della Federazione Motociclistica Italiana e Internazionale.

Ieri il Motogiro ha scarrozzato per le strade della provincia di Parma, fino a raggiungere l'autodromo Riccardo Paletti dove le due ruote hanno effettuato la prima prova speciale cronometrata.

Hanno poi risalito, dandosi battaglia, i tornanti del Passo della Cisa per arrivare in Piazza Garibaldi.

Dopo un ristoro offerto dalle aziende locali, tra i quali la Erre Food SPA, e la Prosciutteria di Silvano Romani di via Farini, le moto si sono messe in mostra ai numerosi curiosi in Piazza Garibaldi.

Il vicesindaco Marco Bosi ha accolto la carovana dando appuntamento al prossimo anno per una nuova tappa nel cuore di Parma.

(Fotografie di Francesca Bocchia)

 

Motogiro_Italia-Parma-3mag18-DSC_4629-1.jpg

 

Motogiro_Italia-Parma-3mag18-DSC_4608-1.jpg

 

Motogiro_Italia-Parma-3mag18-DSC_4591-1.jpg

 

Motogiro_Italia-Parma-3mag18-DSC_4587-1.jpg

 

Motogiro_Italia-Parma-3mag18-DSC_4581-1.jpg

 

...Prosegue in galleria immagini...

Pubblicato in Motori Emilia

Prosegue l'attesa per la tappa di Mille Miglia a Parma prevista per il prossimo 18 maggio. Domani gli eventi di "Aspettando la Mille Miglia" porteranno in Piazza Garibaldi dalle 13 alle 17 una decina di FERRARI PORTOFINO EUROPEAN MOTORSHOW.

Si tratta della nuova Gran Turismo con motore V8 della casa di Maranello. Il nuovissimo modello, erede della California T, ne conserva i fondamentali, è dedicata alla guida all'aria aperta, e porta il nome di uno dei borghi più belli d'Italia. Sinonimo di eleganza, sportività e lusso. Viene lanciato con questo prototipo anche il colore "rosso Portofino". In mostra, nel cuore della città, quindi una nuova pagina della casa automobilistica più prestigiosa d'Italia, un evento che si inserisce nell'ampio programma di eventi che la IV tappa di Mille Miglia a Parma regalerà alla città.

Un altro simbolo italiano, la Vespa, sarà protagonista, sabato 5 Maggio (dalle ore 13,30 inizio delle prove libere) della SUPERCOPPA ITALIANA DI GIMKANA presso il Parcheggio Scambiatore Sud (Largo Simonini zona Campus Universitario) con la direzione sportiva del Vespa Club Italia (iscrizione www.vespaclubparma.it).

 

Pubblicato in Dove andiamo? Parma
Sabato, 28 Aprile 2018 09:09

Carrera Cup Italia, pronta al via!

Reggio Emilia, giovedì 26 aprile 2018 - Il tanto atteso inizio della dodicesima edizione della Carrera Cup Italia è ormai alle porte. Da venerdì 27 aprile a domenica 29 aprile le Porsche 911 GT3 Cup di nuova generazione calcheranno la pista dell'autodromo Enzo e Dino Ferrari.

Il programma del weekend inizierà venerdì 27 a partire dalle 16.10 con un'ora di prove libere.
Sabato mattina si svolgeranno le prove divise in PQ1 e PQ2: la prima sessione dalle 10.50 alle 11.20 determinerà i migliori 10 che prenderanno parte alla seconda sessione, dalle 11.25 alle 11.35.

La competizione entrerà nel vivo durante il pomeriggio, con gara 1 a partire dalle 17.45 in diretta tv su Italia 2.
A completare il weekend sarà la gara 2, in diretta tv su Italia 1 dalle 11.05.

Ricordiamo che entrambe le gare saranno visibili anche in live streaming in HD sul sito www.carreracupitalia.it .

A rappresentare il team Dinamic Motorsport saranno i giovani Diego Bertonelli (Centro Porsche Bologna) e Gianmarco Quaresmini (Centro Porsche Brescia); Federico Reggiani, new entry della scuderia emiliana; il toscano Niccolò Mercatali (Centro Porsche Firenze) protagonista della Michelin Cup nel 2017; il gentlemen Luca Pastorelli al quale quest'anno si affiancherà il fratello Nicola.

Una delle novità di quest'anno è la Guest Car, una 911 GT3 Cup gen. I, gestita proprio da Dinamic insieme a Porsche Italia. Alla guida di questa vettura, caratterizzata da una livrea particolare che celebra i 70 anni di Porsche, si alterneranno diversi giornalisti provenienti dal settore automobilistico.

Pubblicato in Motori Emilia

Carattere audace e dotazione completa: ottima per cinque persone comode. Una silhouette slanciata e cinque motorizzazioni. C3 Aircross è la seconda vettura più venduta in Italia dopo la C3. L'elevata altezza, le grandi ruote e il Grip Control con Hill Assist Descent Control permettono di avventurarsi su qualsiasi tipo di strada e terreno, come si vede nel video.

Scopri tutto nel video!

In collaborazone con Videomotori

Pubblicato in Motori Emilia
Domenica, 15 Aprile 2018 18:00

F1, Cina: Ricciardo show! Verstappen crack!

Ricciardo vince con sorpassi da urlo. Vettel speronato da Verstappen, ancora una volta. Solo ottavo il campione tedesco che resta leader del mondiale. Raikkonen va sul podio e tiene alto l'onore Ferrari ma è un'occasione persa.

di Matteo Landi

La Formula 1 torna in Asia Orientale e la Ferrari ritrova i suoi fantasmi. Lo scorso anno la trasferta asiatica segnò la resa della squadra di Maranello e Vettel perse per motivi tecnici, ed incidenti, quei punti necessari a tenere aperto il sogno iridato. Anno nuovo, vita nuova. Ed invece no. Il Circus va in Cina e si materializza lo spauracchio Ferrari, quel Max Verstappen che sarà pure un predestinato, un futuro campione, ma intanto è capace di collezionare, quest'anno, figuracce epiche tornando anche alla sua specialità: non i sorpassi spettacolari, a farli ci pensa il sottovalutato compagno di squadra Ricciardo, ma l'autoscontro. Ed ancora una volta la sua vittima preferita è, da buon torello, la Rossa di Vettel. A fine gara i due si sono parlati ed il 4 volte campione del mondo, con quella calma zen che gli era mancata lo scorso anno, ha preferito tenere toni bassi nonostante l'evidente, enorme, delusione. Perchè in Ferrari ci avevano creduto. Soprattutto dopo l'ennesima prima fila tutta Rossa conquistata in un sabato da ricordare che, a livello prestazionale, ha segnato la svolta in questa Formula Hybrid: due Ferrari in lotta per la pole position, conquistata di un soffio da Vettel, con le Mercedes, incapaci di contrastare l'armata Rossa, staccate di mezzo secondo. Poco davanti alle due Red Bull, con Verstappen e Ricciardo nell'ordine quinto e sesto. Mettere a confronto la classifica del sabato pomeriggio con quella di fine gara è uno shock: Raikkonen terzo a tenere alto l'onore del Cavallino mentre Vettel, giunto solamente ottavo al traguardo, non ha potuto far altro che raggiungere in qualche modo il traguardo nonostante una vettura mal ridotta nel contatto con Verstappen. Eppure nella prima parte di gara tutto lasciava pensare che avremmo assistito alla terza vittoria consecutiva della casa di Maranello.

Ferrari sbaglia strategia. Verstappen pericolo ambulante

Al via il tedesco aveva difeso, con forse troppa "cattiveria", la posizione su Raikkonen e si era involato in prima posizione, mentre il compagno, rallentato dalla manovra di Vettel, veniva sfilato prima Bottas e poi da Verstappen. Dopo due gare vinte "di strategia" la Ferrari, al 19esimo giro, effettuava il primo errore della stagione lasciando a Bottas la possibilità di entrare ai box prima del tedesco della Scuderia italiana, offrendo il fianco all'undercut. Un giro dopo Vettel è entrato a sostituire gli pneumatici ma tanto gli è bastato per perdere la leadership. Il ferrarista aveva ancora la possibilità di dire la sua per la vittoria ma quando è entrata la safety car, necessaria per permettere la rimozione dei detriti frutto del contatto fratricida fra Gasly, penalizzato poi di 10 secondi, e Hartley, la Ferrari non ha azzardato quell'ulteriore cambio gomme fatto invece dai due Red Bull Ricciardo e Verstappen. In Red Bull hanno colto l'occasione d'oro, come Arrivabene e compagni avevano fatto a Melbourne, quando meno consapevoli dei loro mezzi avevano consegnato la vittoria a Vettel sfruttando la Virtual Safety Car. Chi di strategia ferisce, di strategia perisce e stavolta a Maranello hanno lasciato agli altri le carte migliori da giocare. Ma il patatrack è avvenuto dopo e porta, come detto, la firma di Max "Versbatten". Per Vettel la vittoria era divenuta un miraggio, forse poteva sbarazzarsi di Bottas ma difficilmente sarebbe riuscito a tenere dietro le due Red Bull che, con i freschi pneumatici soft montati durante il regime di Safety Car, erano pronte a conquistare un'inaspettata doppietta. Per concretizzare una buona strategia servono comunque degli ottimi piloti, come evidenziato da Vettel in Australia e Bahrain e come mostrato da Ricciardo in Cina. L'australiano ha rimontato caparbiamente, con sorpassi stupendi ma sempre nel rispetto degli avversari. Tutto il contrario del compagno Verstappen, il quale ha prima rischiato la collisione con Hamilton e poi ha speronato malamente Vettel: il tedesco stava già percorrendo la curva quando Verstappen alle sue spalle lo ha centrato danneggiando la fiancata della Ferrari e costringendo il ferrarista alla misera ottava posizione finale. I dieci secondi di penalità comminati al giovane olandese suonano come un insulto al buon senso: il pilota Red Bull ha perso una sola posizione finale, a vantaggio di Hamilton.

Hamilton, che succede?

L'inglese ha vissuto un fine settimana sottotono. Le ha prese da Bottas in qualifica, poco incisivo in gara, ha colto la quarta posizione finale, portandosi a 9 lunghezze nella classifica mondiale dal leader Vettel. "Ho voluto toglierti il sorriso", erano le parole che Hamilton pronunciò all'indirizzo del pilota Ferrari nella conferenza stampa post qualifiche di Melbourne: da allora è l'inglese quello che ha gioito di meno.

Red Bull, è Ricciardo il caposquadra

Chi stavolta era felice alla follia, sconfinando in una dolce commozione, era Ricciardo. Sul podio non ha retto le lacrime, prima di bere lo champagne dalla sua scarpa. E' quasi clamoroso come i vertici Red Bull continuino ad appoggiare incondizionatamente Verstappen, per inciso in questo 2018 è un pilota che neanche merita la massima Formula, rimanendo vaghi sull'eventuale rinnovo contrattuale con il forte pilota australiano. Eppure, in questo momento, è l'unico diamante che brilla fra i quattro piloti Red Bull presenti nel mondiale, tenendo in considerazione anche Gasly e Hartley, alfieri Toro Rosso. Oggi i due futuri fenomeni Verstappen e Gasly hanno compiuto errori analoghi. Se quest'ultimo può appellarsi alla sua scarsa esperienza, ricordiamoci che in Bahrain aveva ottenuto una prestazione "monstre", Verstappen ha disputato più di 60 gran premi, viene sempre osannato quando conquista un podio o una vittoria ma mai troppo criticato dalla squadra quando commette errori che privano la stessa di preziosi punti mondiali. Per contro Ricciardo da quando corre in F1 vanta una costanza impressionante, limitata quando da scarse prestazioni del mezzo, quando da problemi di affidabilità ma raramente da suoi errori. Qualunque sia la squadra che si assicurerà i suoi servigi farà un ottimo affare.

Leclerc ancora in fase tirocinio e la Sauber arranca. Renault è la prima degli altri

Top team a parte c'è da sottilineare il passo indietro compiuto in Cina dall'Alfa Romeo-Sauber: Ericsson e Leclerc hanno occupato costantemente i bassifondi della classifica, la nona posizione conquistata dallo svedese solo una settimana fa è uno sbiadito ricordo. Appiccicare sul cofano motore un marchio prestigioso non aiuta ad andare più forte e nessuno si aspettava un balzo in avanti della squadra svizzera dopo anni di vacche magre. Tuttavia ci si attendeva una spinta in più da parte del giovane Leclerc, campione in carica di F2. Questa generazione di vetture è estremamente veloce e difficile da portare al limite, lo stesso Gasly inizia solamente ora a mostrare sprazzi della sua classe, alternandoli ad errori pacchiani come quello compiuto in Cina. Hartley, velocissimo nel mondiale endurance, fatica a trovare il ritmo giusto. Vedremo quando Leclerc riuscirà ad uscire da questa impasse iniziale. Si è fatto vedere invece nelle posizioni che contano della top ten Nico Hulkenberg: il tedesco è giunto al traguardo in sesta posizione, approfittando dei problemi di Vettel e battendo Alonso e Sainz. Lo spagnolo della Renault ha conquistato la nona piazza, a pochi decimi dal sofferente Vettel, non lontano da Alonso che ha terminato in settima posizione. La zona punti non è più irraggiungile per il due volte campione del mondo che, tuttavia, rimane lontano dalle posizioni che lui e McLaren vogliono tornare ad occupare.

Pubblicato in Motori Emilia
Domenica, 08 Aprile 2018 21:56

F1, Bahrain: Vettel nella storia!

Ferrari vince ancora grazie ad una magia del pilota tedesco: riscritta la storia delle corse. Bottas e Hamilton battuti. Sfortuna per Raikkonen. Che gara stupenda!

di Matteo Landi

Domenica 08 aprile 2018, uno di quei giorni che, sportivamente parlando, ringrazi Dio di aver vissuto. Una gara che rimarrà per sempre negli annali della Formula 1, come Jarama 1981 o Montreal 2003, con Villeneuve nel primo caso e Schumacher nell'altro, eroicamente vincenti nonostante il pressante fiato sul collo dei rivali giunti al traguardo a pochi metri di distacco. Bahrain 2018, la gara che consacra definitivamente Vettel nell'Olimpo dei grandi, così da fugare ogni dubbio anche a chi lo ha sempre visto pluricampione solo grazie ai mezzi che ha guidato. Il tedesco così fa due su due e dopo un Gran Premio d'Australia vinto di strategia, con anche un pizzico di fortuna, vince oggi nonostante la strategia, folle, dell'unico pit stop, portando a compiere alle sue gomme soft quasi 40 giri. A dire il vero l'azzardo era divenuto l'unico modo per vincere la gara quando si è visto il passo velocissimo delle due Mercedes, ma per concretizzare il risultato serviva un vero maestro della guida e Vettel lo è stato. A pochi giri dalla fine la vittoria di Bottas sembrava quasi scontata, poi sono venute fuori le doti da campionissimo di Vettel e la Ferrari ha potuto ancora una volta festeggiare nonostante i pronostici fossero tutti a favore dello squadrone Mercedes e di Hamilton.

Pole position e vittoria: Ferrari e Vettel danzano nel deserto del Bahrain

Ma in qualifica era già evidente come la Ferrari, dopo lo scherzetto australe, fosse pronta a giocare ancora in attacco, con Vettel e Raikkonen capaci di strappare una clamorosa doppietta. Riuscirci poi su una pista "completa" in cui la potenza della power unit, l'efficienza aerodinamica ed una buona trazione sono caratteristiche necessarie per ben figurare aveva gettato scompiglio nel box Mercedes. Inoltre l'armata tedesca era dovuta ricorrere alla sostituzione del cambio sulla vettura di Hamilton, costretto in gara a scattare solamente in nona piazza in seguito alla penalità di 5 posizioni prevista da regolamento. Allo spegnersi dei semafori Vettel è riuscito a mantenere la testa mentre Raikkonen, partito dal lato sporco, si è visto sfilare da Bottas. Intanto Hamilton iniziava una furiosa rimonta capace di portarlo in pochi giri in top 4. Ad un certo punto la gara sembrava andare incontro all'inglese, su una strategia che prevedeva una sola sosta consapevole dell'ottima velocità della sua vettura con le più durevoli gomme medie. Chissà come sarebbe andata a Raikkonen se gli avessero montato adeguatamente le supersoft per l'ultimo stint. Non lo sapremo mai, perchè lo sfortunato finlandese alla ripartenza dalla piazzola di sosta ha incompevolmente investito un meccanico che ancora non era riuscito a sostituire la posteriore sinistra. Risultato: ritiro per Raikkonen e gamba fratturata per il tecnico Ferrari. La casa del Cavallino si è così ritrovata nel finale di gara con una sola freccia nel suo arco contro le due Mercedes che dotate di gomme più fresche sembravano potersi sbarazzare facilmente della Ferrari leader della corsa. Forse solo a Vettel poteva riuscire la prodezza di cui si è reso protagonista. Con Hamilton più staccato Bottas ha provato all'ultimo giro l'attacco decisivo ma Vettel, quasi sulle tele, lo ha respinto andando a vincere ed entrando nella storia delle corse.

Ferrari-Mercedes: 2 a 0

Due vittorie su due gare per la Ferrari, su piste totalmente diverse: il cittadino di Melbourne ed una tracciato "vero" come quello costruito nella periferia di Manama. Vincendo "di rapina" in Australia, partendo dalla pole position in Bahrain. Per ora sta vincendo sui rivali anche sul piano dell'affidabilità, vista la necessità di Hamilton di dover sostituire il cambio dopo solamente un evento e la debacle personale di Bottas quando durante le qualifiche del Gp d'Australia è andato a muro. E' presto per parlare di "lotta mondiale" ma intanto godiamoci questa Ferrari e....grazie Vettel!

Toro Rosso fa festa e Sauber porta in top ten il marchio Alfa Romeo. Red Bull, che disastro!

Tralasciando Ferrari e Mercedes il secondo Gp della stagione ci consegna tre sorprese, di cui una in negativo. E' infatti andata malissimo a Red Bull, annunciata protagonista di questo mondiale. Nei fatti non sta concretizzando. Le vetture austriache nelle prove libere avevano mostrato un passo da primato ma già sabato Verstappen ha rovinato i piani della compagine di Mateschitz andandosi a schiantare contro le barriere, determinando così la sua 15esima posizione sulla griglia di partenza. In gara non è andata meglio al giovane pilota, ritiratosi dopo un contatto con l'incolpevole Hamilton. Dopo la pessima prestazione australiana un altro passo falso per il giovane olandese che rinverdisce così il soprannome "Versbatten" a suo tempo attribuito al padre. Peccato per Ricciardo, buon quarto sabato, vittima domenica di un presunto problema elettrico dopo pochi km. Zero in casella così per Red Bull in una gara che ha visto sorridere, eccome, i cugini di Toro Rosso: primi punti in F1 per Gasly che ha caparbiamente condotto al quarto posto finale la sua vettura dotata di una rinvigorita power unit Honda che ha permesso al francese di difendersi senza problemi sugli allunghi del circuito di Manama. Chissà come si sentiranno in McLaren: anni passati ad incolpare il costruttore nipponico per gli scarsi risultati ottenuti ed ora che hanno i motori Renault si beccano manciate di secondi dal piccolo costruttore faentino. Detto di Toro Rosso l'altra bella sorpresa è la buona prestazione della Sauber colorata Alfa Romeo, addirittura a punti con il meno blasonato Ericsson. Lo svedese si è reso protagonista di una gara solida, giungendo nono al termine di una gara che non ha visto brillare il compagno di squadra, campione di F2, Leclerc. Considerando anche la quinta posizione finale della Haas di Magnussen si può pensare che in Sauber abbiano ricevuto una bella mano dalla power unit Ferrari. Un altro vanto per la casa di Maranello in un giorno che ha riscritto la storia della Formula 1.

Pubblicato in Motori Emilia
Giovedì, 29 Marzo 2018 16:00

ACI Modena premia i suoi piloti

Si è tenuta presso il ristorante Vinicio di Modena la serata di gala che ha premiato i piloti che si sono distinti nel Campionato Sociale. Ma è stata anche l'occasione di fare un bilancio dell'attività del 2017 e di parlare dei progetti futuri.

Di Manuela Fiorini – Foto Claudio Vincenzi

MODENA – Aci Modena premia i suoi piloti. E lo fa nella cornice del ristorante Vinicio, tra buon cibo emiliano e volti noti della politica, dello sport e dell'economia modenese. Tra gli ospiti, l'ingegnere Mauro Forghieri, progettista di auto di Formula 1, direttore tecnico della Scuderia Ferrari dal 1962 al 1971 e dal 1973 al 1984, con all'attivo un bilancio di 54 Gran Premi vinti, 4 titoli Piloti e ben 7 Costruttori, Don Sergio Mantovani, figura storica per il mondo dei motori modenese. Già cappellano di Ferrari e Maserati, tifosissimo del Cavallino Rampante, è stato amico personale di molti piloti e confidente di Enzo Ferrari, che gli attribuì il soprannome di "Don Ruspa" dopo che, senza tanti preamboli fece radere al suolo, nonostante il veto della Soprintendenza, una pieve antica, ma pericolante, vicino a Santa Caterina, per costruire una casa di riposo per anziani. E poi Giulio Guerzoni, assessore allo Sport, Ambiente, Energia e Sicurezza del Territorio del Comune di Modena, Maria Carafoli, presidente Panathlon Club Modena e il Presidente di Aci Modena Vincenzo Credi.

L'evento è stato anche un'occasione per fare un bilancio dell'attività 2017 di Aci Modena. I soci effettivi sono 38.053. Le licenze sportive sono state in totale 399, di cui 175 per Concorrente Conduttore, 120 Licenze Kart, 91 per Ufficiali di Gara e 13 per Scuderie Csai e Card.

La serata, condotta dai giornalisti Federica Galli e Paolo Reggianini, è iniziata con i saluti del Presidente di Aci Modena Vincenzo Credi, che ha sottolineato l'impegno di Aci nella promozione della sicurezza alla guida, con corsi di Guida Sicura. Hanno poi ritirato il premio per la categoria Ufficiali di Gara, Roberta degli Esposti, presidente dell'Associazione UUGG Aci Modena, e Giordano Giannelli, Ufficiale di Gara di UUGG Aci Modena. Premiata anche l'Associazione UUGG Amici dell'Aerautodromo, nella persona del presidente Giacomo Dal Sasso e dell'Ufficiale di Gara Galiano Toschi.
La premiazione è entrata nel vivo con l'assegnazione dei riconoscimenti per la categoria Velocità in Circuito, assegnato a Luciano Tarabini (1° assoluto Coppa Italia GT), Francesco Malavasi (1° assoluto Campionato durata 3 ore e 1° assoluto Campionato Prototipi Categoria "Bronze") e Edoardo Barbolini, (2° Coppa Italia Turismo 2° Divisione).
Per la categoria Velocità in Circuito Auto Storiche, sono stati premiati Rino Righi (1° Campionato Italiano Velocità Auto Storiche Classe 2000 cc) e Marcello Incerti (1° Campionato Italiano Velocità Auto Storiche Classe 1600 cc).
Il premo per la categoria Velocità in Salita Auto Storiche è andato invece a Giuliano Palmieri (1°Campionato Italiano Velocità in Salita 2° Raggruppamento e 2° Assoluto Campionato Europeo Salita Auto Storiche).
Passando alla categoria Cross Country, il premio come 1° Assoluto Campionato Italiano Cross Country Rally è andato al pilota Andrea Dalmazzini. Mentre per la categoria Rally sono stati insigniti della targa Lorenzo Grani (1° Campionato Regionale Aci Sport Gruppi A6/K10/R2b e 3° Campionato Italiano WRC R2b) e Fabio Cangini (1° Assoluto Campionato Regionale Aci Sport Navigatori e 1° Trofeo Clio R3 Navigatori).
Passando alla categoria Regolarità Sport, sono stati assegnati i premi a Andrea Marani (7 piazzamenti al 1° posto) e Enrico Colfi (6 piazzamenti al 1° posto). Infine, per la categoria Kart, il premio è andato a Giacomo Savani (2° assoluto nel Campionato Regionale Lombardia) 

ACI-Modena-premio-piloti-2018.jpg

2ACI-Modena-premio-piloti-2018.jpg

ACI-Modena-premio-piloti-20184.jpg

ACI-Modena-premio-piloti-20186.jpg

ACI-Modena-premio-piloti-2018-7.jpg

ACI-Modena-premio-piloti-2018-8.jpg

ACI-Modena-premio-piloti-2018-11.jpg

ACI-Modena-premio-piloti-2018-13.jpg

ACI-Modena-premio-piloti-2018-33.jpg

ACI-Modena-premio-piloti-2018-24.jpg

ACI-Modena-premio-piloti-2018-14.jpg

ACI-Modena-premio-piloti-2018-55.jpg

ACI-Modena-premio-piloti-2018-66.jpg

ACI-22Modena-premio-piloti-2018.jpg

121ACI-Modena-premio-piloti-2018.jpg

65ACI-Modena-premio-piloti-2018.jpg

 

Pubblicato in Cronaca Modena
Giovedì, 22 Febbraio 2018 21:55

SF71H: lo strabismo di Venere

Presentata la nuova vettura con cui Vettel e Raikkonen disputeranno il mondiale 2018. Bella, nonostante Halo, rossa e cattiva. Ed i tifosi sognano già.

di Matteo Landi

L'attesa è finita. Un mondiale sfumato, un inverno di duro lavoro nel silenzio più assoluto. A Maranello oggi si respirava un'aria diversa. La SF71H, nuova creatura realizzata dagli uomini Ferrari, è uscita allo scoperto. Doveva essere una delle Ferrari più brutte di sempre, a causa di Halo, il nuovo dispositivo posto a protezione della testa dei piloti obbligatorio per regolamento. Ed invece tolti i veli la nuova arma del Cavallino Rampante è sembrata la solita bellissima donna, con quel piccolo difetto che accentua ancora di più le sue caratteristiche migliori. Ne accentua il fascino, è lo strabismo di Venere. Marc Genè, con il suo inglese un pò maccheronico, un pò macchiettistico, ha introdotto l'evento tanto atteso dai milioni di fans sparsi nel globo. Rossa, tanto, più della vettura che l'ha preceduta. Meno bianco ed un pizzico di grigio. La vettura con cui Vettel e Raikkonen proveranno a riportare a Maranello un mondiale che manca ormai dal 2007 (2008 per il costruttori) è un concentrato di novità.

SF71H: lavoro maniacale sul versante aerodinamico alla ricerca della massima prestazione

Non si può non notare il lavoro di fino effettuato dalla squadra di Mattia Binotto sulle diverse aree della monoposto: la bocca delle pance laterali è assai complessa, un'evoluzione estrema del concetto introdotto proprio dalla Ferrari lo scorso anno sulla SF70H. Il retrotreno è stato miniaturizzato ed unitamente alle varie appendici aerodinamiche sparse sulla vettura si cerca una minore resistenza all'avanzamento, puntando sull'efficienza, in altre parole alla prestazione pura. Specialmente in qualifica, come rimarcato dal direttore tecnico Mattia Binotto. La velocità sul giro secco è stata la vera spina nel fianco della monoposto 2017 insieme ad un'affidabilità non eccellente: quest'anno saranno solamente 3 le power unit a disposizione per ogni vettura, nell'arco dei 21 gran premi previsti dal calendario 2018. Sarà una sfida incredibile per monoposto che sono chiamate ad esprimere le massime prestazioni a fronte di percorrenze superiori persino a quelle richieste ai prototipi che corrono nel mondiale endurance.

A Maranello c'è entusiasmo. Il motto è però sempre lo stesso: "piedi per terra e testa bassa"

Una sfida che non spaventa gli uomini di Maranello. Arrivabene in parte raffredda gli animi "fino a quando non vedi la vettura scendere in pista non si sa mai quanto possa andare" in parte lascia coltivare il sogno:"i tifosi voglioni i titoli? anche noi". Giusto così, perchè la sconfitta è ammessa ma per la Ferrari l'obbligo è, e sempre sarà, provare a vincere. 22 febbraio 2018, la mente è andata ad una ventina d'anni fa quando la Ferrari usciva da anni difficili e da un mondiale, quello 1997, perso per un'inerzia in quella stregata Jerez. Era il 1998, Montezemolo non poteva più nascondersi dietro le parole e puntava deciso al mondiale dopo un digiuno che durava dal lontano 1979. Tante analogie con quel passato che poi divenne glorioso dopo due ulteriori annate sfortunate. Allora al timone della Rossa c'era un tedesco, tale Michael Schumacher, che scrisse la storia rendendo ancor più ricco il palmares Ferrari. Adesso i tifosi sperano che Vettel possa replicare anche solamente in parte il successo ottenuto dal pilota più titolato della storia. Ma sei poi sarà l'amatissimo Raikkonen, sullo sfumare della sua lunga carriera, a riportare il sorriso a Maranello, beh...ben venga.

Anche Mercedes svela la sua nuova arma

La Ferrari dovrà fare i conti con una Mercedes più agguerrita che mai. La vettura che oggi stesso hanno presentato i tedeschi si presenta apparentemente come la logica evoluzione della titolata monoposto 2017. Spaventano le forme che sono riusciti a realizzare l'ex Ferrari Aldo Costa e compagni: un posteriore così rastremato che quasi scompare nella vista dall'alto. Unitamente ad una power unit ancor più potente potrebbero assicurare ad Hamilton e Bottas prestazioni spaventose, almeno per la concorrenza. A Maranello dichiarano di aver guadagnato anche loro qualche cavallo, ma questa resta pur sempre una Formula Hybrid in cui la cavalleria la fa da padrona e gli sviluppi aerodinamici apportati a Maranello potrebbero non bastare. A Melbourne, il prossimo 25 marzo, ne sapremo di più. E chissà se la nuova Alfa Romeo Sauber motorizzata Ferrari, presentata pochi giorni fa, accompagnerà il Cavallino Rampante nelle zone nobili della classifica. Il supporto di una power unit aggiornata e la classe del debuttante Leclerc, prodotto del Ferrari Driver Academy, saranno un importante valore aggiunto per la squadra svizzera largamente finanziata da Alfa Romeo. Le prove pre-stagionali che inizieranno il 26 febbraio a Barcellona potrebbero essere l'antipasto di un mondiale da sogno.

Pubblicato in Motori Emilia
Lunedì, 22 Gennaio 2018 16:39

Ford Fiesta 2018 - VIDEO

Ordinabile in quattro tipi di allestimenti, è la prima Ford ad essere dotata del sistema di riconoscimento dei pedoni, diminuendo così la possibilità di incidenti stradali. Fra le caratteristiche della nuova Ford Fiesta sono da segnalare, in ambito tecnologico, l'Active Park Assist (controllo attivo al parcheggio), l'Adaptive Cruise Control (controllo adattivo della velocità) e il Traffic Sign Recognition (riconoscimento dei segnali stradali).

Scopri tutto nel video!

In collaborazone con Videomotori

Pubblicato in Motori Emilia
Pagina 5 di 55