Visualizza articoli per tag: cronaca

La mattina del 23 ottobre, personale della Squadra Mobile di Parma, nel corso di una perquisizione effettuata a seguito della cattura di due ricercati, ha rinvenuto e sequestrato il seguente materiale, che si ritiene possa essere provento di furti, tendenzialmente in aziende.

Chi avesse riconosciuto le buste contenenti la valuta estera, può presentarsi presso gli Uffici della Squadra Mobile munito di denuncia. 

refurtiva.jpg

Pubblicato in Cronaca Parma
Giovedì, 14 Novembre 2019 14:35

Parma Bene Comune

Proposte per un'amministrazione condivisa, il titolo del Convegno che si è tenuto a Palazzo del Governatore, organizzato dall’Assessorato Partecipazione e Diritti dei Cittadini del Comune di Parma in collaborazione con Labsus, laboratorio per la sussidiarietà.

Parma -

Un nuovo modo d'intendere l'interesse delle comunità con il focus sulla cura dei beni comuni.

Da una parte l’amministrazione dall’altra la cittadinanza, ma alleati per una definizione condivisa del concetto d’interesse generale.

Il patto di collaborazione fra amministrazione pubblica e cittadinanza (associazioni, gruppi di cittadini e cittadine, istituzioni scolastiche) produce qualità nelle relazioni e promuove un vero modello sociale, con un approccio collaborativo e non competitivo.

All’incontro è stato aperto dal Sindaco Federico Pizzarotti: “La cittadinanza attiva è la nuova strada che hanno amministrazioni e cittadini per una gestione adeguata e funzionale, sia per carenza di risorse sia per responsabilità condivisa. Le cose pubbliche sono di tutti e alla fine di nessuno perché si delega e si aspetta passivamente l’intervento delle istituzioni”. Il Sindaco ha anche valorizzato il ruolo dei CCV, ricordando che la sua amministrazione li ha istituiti ufficialmente nel 2015 e che, da allora, si sta facendo un percorso significativo e costruttivo. L’Assessora Nicoletta Paci ha ribadito quanto gli strumenti partecipativi siano importanti: “Il Comune ha realizzato il Regolamento di Cittadinanza Attiva e investe sul tema della formazione, con la convinzione che la nuova cultura partecipativa vada coltivata, valorizzata e promossa”.

È intervenuta la Dirigente del Settore Associazionismo, Partecipazione e Pari opportunità, Debora Saccani a illustrare il percorso di formazione realizzato da Labsus e rivolto ai Consigli dei Cittadini Volontari, alle associazioni, ai cittadini. Incontri, simulazione della costruzione di patti, plenarie per condividere un nuovo pensiero dedicato alla cura condivisa dei beni comuni, e quindi delle comunità e delle città.

La parola è passata alle esperienze già presenti in città: la Dirigente scolastica Nadia Malcisi dell’Istituto Salvo D’Acquisto e Benedetto Campione del Gruppo Scuola hanno parlato del patto di collaborazione firmato per il progetto “Orto urbano e serra di comunità” nel quartiere Montanara. Storie di comunità che confluiscono in progetti comuni.

Poi è stata la volta di Sara Deledda, coordinatrice del CCV Oltretorrente e di Paolo Bertozzi, consigliere che hanno raccontato il percorso che ha condotto dal progetto di bilancio partecipativo alla costruzione di un patto di collaborazione strumento di aggregazione utile per superare distanze anche fra i membri della comunità.

Infine ha concluso i lavori Gregorio Arena, Presidente di Labsus. “Come si può sviluppare la cultura dei beni comuni? Anche perché è evidente, e da tanti anni, che l’amministrazione pubblica non può da sola farsi carico di tutte le situazioni sempre più complesse, ma deve cercare la collaborazione dei cittadini. Prendersi cura dei beni comuni non è fare manutenzione, ma cambia la qualità dell’intervento. Il modello partecipativo si sta diffondendo con grande velocità perché libera energie che ricadono, in maniera positiva, su tutta la comunità”.

 

L'Ufficio Oggetti Smarriti, situato nel comando della Polizia Municipale di Parma in strada del Taglio 8/A, segnala che sono stati rinvenute: sei biciclette, un tablet Ipad, un borsellino ed un braccialetto.
I legittimi proprietari che li hanno smarriti possono contattare l'ufficio stesso al numero 0521/218738, o prenderne visione nella sede di via Del Taglio 8/A.

Pubblicato in Cronaca Parma

Ieri, un’importante operazione di controllo delle zone calde di Parma ha visto impegnata la Polizia di Stato, con l’impiego di una volante, di un’unità Cinofila di Bologna, 3 pattuglie del Reparto prevenzione Crimine di Reggio Emilia e una pattuglia della Polizia Municipale.

Per prevenire i furti e i borseggi è stato utilizzato il sistema predittivo X-LAW, che permette alle pattuglie impiegate sul territorio, di passare al setaccio i luoghi dove potrebbero compiersi furti e borseggi.

Grande attenzione ai parchi cittadini di Parma, dove con l’ausilio del cane antidroga Barak sono stati sequestrati oltre 100 grammi di marijuana e 1 grammo di cocaina.

In uno dei luoghi segnalati dal sistema per la possibile commissione di reati predatori, sono stati fermati due soggetti a bordo di un’auto, un italiano con numerosi precedenti per reati contro il patrimonio ed un cittadino del Marocco, gravato anche lui da numerosi pregiudizi. Quest’ultimo, residente a Reggio Emilia, a seguito degli accertamenti è stato sottoposto alla misura di prevenzione del foglio di via da Parma con divieto di ritorno.

Pubblicato in Cronaca Parma

Dalla European Crohn’s and Colitis Organisation uno dei 12 awards annuali disponibili a livello europeo. Team di ricerca coordinato dai proff. Simona Bertoni e Marco Radi per un approccio terapeutico innovativo basato su piccole molecole di sintesi per la cura del morbo di Crohn e della colite ulcerosa.

 

Parma, 13 novembre 2019 - 

La European Crohn’s and Colitis Organisation (ECCO),associazione internazionale da anni impegnata nell’assistenza dei pazienti con malattie infiammatorie croniche intestinali (Inflammatory Bowel Disease - IBD), ha assegnato a un team multidisciplinare dell’Università di Parma, coordinato dai docenti Simona Bertoni e Marco Radi del Dipartimento di Scienze degli Alimenti e del Farmaco, uno dei 12 awards di durata annuale disponibili a livello europeo.

Il team di ricerca propone di validare un approccio terapeutico innovativo basato su piccole molecole di sintesi per la cura del morbo di Crohn e della colite ulcerosa

In particolare, la ricerca finanziata dalla ECCO permetterà di investigare un approccio finora mai testato nell’ambito delle IBD, e basato sull’impiego di nuove piccole molecole in grado di ridurre il richiamo di cellule infiammatorie a livello intestinale interferendo con l’asse CCL20-CCR6, una via di segnalazione implicata nella patogenesi delle IBD.

Grazie alla sinergia tra l’Unità di Chimica farmaceutica diretta dal prof. Radi, deputata alla progettazione e sintesi di composti ad attività antagonista verso i recettori CCR6, e l’Unità di Farmacologia della prof.ssa Bertoni, impegnata negli studi pre-clinici di efficacia, l’indagine potrà rappresentare un passo significativo verso la validazione di un target farmacologico originale e verso lo sviluppo di un approccio terapeutico innovativo, complementare alle terapie attualmente a disposizione e auspicabilmente privo delle loro controindicazioni.

I casi di malattie infiammatorie croniche intestinali aumentano in tutta Europa e, solo in Italia, si stima che le persone affette da IBD siano oggi almeno 250.000: i sintomi intestinali ed extra-intestinali sono spesso fortemente debilitanti, con un pesante impatto sulla vita di tutti i giorni e su quella lavorativa. I farmaci attualmente in uso hanno efficacia e tollerabilità limitate, e elevato è il numero di soggetti che non rispondono alle terapie o diventano ad esse resistenti. 

 

Pubblicato in Cronaca Parma

La Provincia di Reggio Emilia ha emesso anche quest’anno un'ordinanza che prescrive, a partire dal 15 novembre e fino al 15 aprile prossimo, l'obbligo – per tutti i veicoli - essere muniti di pneumatici invernali idonei alla marcia su neve o su ghiaccio o di avere a bordo sistemi antisdrucciolevoli. Queste le strade provinciali interessate dal provvedimento:

la Sp 513R di Val D'Enza, dalla rotatoria con via di Vittorio in comune di San Polo al centro abitato di Castelnovo Monti; 

la Variante di Ponterosso, dalla rotatoria in località Croce a quella in via Micheli a Castelnovo Monti;

la Sp 103 Teleferica-Selvanizza, dall’incrocio con la Sp 15 a Ponte Enza;

la Sp 102 Ramiseto-Lago Calamone, dall’incrocio con la Sp 15 a fine strada;

la Sp 99 Case Bagatti-Febbio-Peschiera, dall’incrocio con la Sp 9 (piste Rescadore) fino a Peschiera di Febbio;

la Sp 58 Passo Cerreto-Lago, dall’incrocio con la Statale 63 all’inizio del centro abitato di Cerreto Laghi;

la Sp 18 Busana-Ligonchio-Passo Pradarena, dall’incrocio con la Sp 91 a Ponte Rossendola fino al Passo Pradarena.

L’obbligo riguarda invece solamente i mezzi pesanti (con massa a pieno carico superiore a 3,5 tonnellate) sui seguenti tratti di strade provinciali: 

la Sp 37 Albinea-Pratissolo-Chiozza, dal centro abitato di Albinea alla rotatoria di Pratissolo di Scandiano;

la Sp 7 Pratissolo-Felina, dalla rotatoria di Pratissolo di Scandiano al centro abitato di Viano;

la Sp 486R di Montefiorino, dalla rotatoria in località Tressano di Castellarano fino al ponte sul torrente Dolo;

la Variante di Puianello nel tratto tra la rotatoria con la Sp 21 e quella con la Statale 63;

la Sp 63 Albinea-Casina, dal centro abitato di Albinea fino all’incrocio per Viano.

Il provvedimento mira a evitare che i mezzi in difficoltà a causa di condizioni avverse possano bloccare la circolazione rendendo anche difficoltoso, se non impossibile, lo svolgimento dei servizi di emergenza, pubblica utilità e sgombero neve.  L'obbligo avrà validità anche oltre il periodo previsto, in concomitanza con il verificarsi di precipitazioni nevose o formazione di ghiaccio.

Per info in tempo reale sulla viabilità e in caso di eventuali emergenze si ricorda che è possibile consultare il profilo Twitter della Provincia di Reggio Emilia @ProvinciadiRE.

Un anno fa è scomparsa a Parma la professoressa Onelia Ravasini. Insegnante di Lettere all’Istituto tecnico Melloni, attiva nella parrocchia del Corpus Domini, membro del Consiglio diocesano di Parma, dalla fine degli anni Sessanta è stata una pioniera del dialogo ecumenico a Parma.

Fondatrice e responsabile per anni del gruppo di Parma del Segretariato Attività Ecumeniche (SAE), collaborò alla nascita della Commissione diocesana ecumenismo e dialogo istituita dal vescovo Benito Cocchi negli anni ’90 e alla nascita del Consiglio delle Chiese cristiane di Parma, fondato nel 2004 dalle Chiese avventista, cattolica, metodista e ortodossa. Il suo impegno si è dispiegato non solo nella chiesa e tra le chiese di Parma ma anche nell’ambito del dialogo con la Comunità ebraica e le altre comunità religiose presenti a Parma che nel 2007 hanno creato il Forum interreligioso “4 ottobre”. Il contributo di Ravasini non ha trascurato l’ambito sociale a fianco di diverse realtà.

Venerdì 15 novembre alle 20.45 nel salone “Carlo Buzzi” dell’oratorio del Corpus Domini (via De Giovanni, angolo via Bandini) il gruppo SAE di Parma rinnoverà la memoria della sua fondatrice nell’incontro “Ricordando Onelia Ravasini”, una serata di testimonianze su una donna di frontiera. Dopo il saluto del parroco, don Marco Uriati, interverranno diverse persone che l’hanno conosciuta e hanno collaborato con lei nei molteplici ambiti nei quali ha espresso la sua fede e il suo amore per tutti.

 

Il Segretariato Attività Ecumeniche (SAE) è un’associazione laica e interconfessionale per l’ecumenismo e il dialogo a partire dal dialogo con l’ebraismo fondata a Roma da Maria Vingiani. Dal 1964 organizza annualmente una sessione di formazione ecumenica estiva e un convegno di primavera. E’ presente in diverse città attraverso gruppi locali, anche a Parma fin dai primi anni ‘70.

Pubblicato in Cronaca Parma
Lunedì, 11 Novembre 2019 15:14

A Bomporto commemorazione per i caduti di Nassiriya

Lunedì 11 novembre: commemorazione per i caduti di nassiriya In Sala Civica Tornacanale, nell'ambito della Fiera di San Martino.

 

Come ogni anno l'Amministrazione comunale di Bomporto ha organizzato un momento di raccoglimento presso il monumento dedicato ai Caduti di NassirIya, realizzato in paese nel 2008.

Il Sindaco Angelo Giovannini e il Maresciallo Giovanni De Maldè, comandante della locale stazione dei Carabinieri, hanno deposto una corona commemorativa a ricordo del sacrificio dei 17 militari e 2 civili che in quel vile attentato terroristico del 2003 persero la vita, mentre il parroco Don Francesco Bruni ha impartito la benedizione al solenne momento ed ai presenti.

Hanno partecipato alla cerimonia, oltre al Gonfalone comunale, le insegne e i rappresentanti di Associazione Nazionale Carabinieri, ANPI ed alcuni cittadini.

Commemorazione_Nassiriya.jpg

Lo scorso 8 novembre, a Modena, sono stati effettuati controlli in quattro appartamenti, destinati all’accoglienza di richiedenti asilo politico, da parte di personale della Squadra Mobile, agenti del Nucleo Problematiche del Territorio ed operatori del Quartiere 2 della locale Polizia Municipale.

I controlli sono scaturiti a seguito di segnalazioni, anche da parte degli stessi responsabili delle cooperative che gestiscono gli immobili, in ordine a qualche anomalia rilevata nelle frequentazioni degli appartamenti e a possibili “via vai” sospetti. 

Il servizio mirato è stato effettuato con l’ausilio dell’unità cinofila Victor di Casina di Reggio Emilia.

I controlli hanno interessato dapprima due immobili ubicati in zona viale Gramsci; all’interno di uno di questi, il fiuto del cane Victor ha consentito di rinvenire marijuana, nascosta in balcone, per un peso complessivo di 50 grammi circa.

Successivamente gli agenti si sono portati presso altri due appartamenti in zona Viale Amendola, dove non sono state rilevate anomalie.

Complessivamente durante il servizio sono state identificate 21 persone, tutte in regola con i documenti di soggiorno.

Sono in corso ulteriori indagini finalizzate all’individuazione del possessore dello stupefacente ritrovato.

Pubblicato in Cronaca Modena

I Carabinieri del Norm hanno dato esecuzione ad alcune ordinanze emesse dal Gip di Parma di applicazione della misura cautelare in carcere nei confronti di S. J., O. E., O. T., - le iniziali - tutti e tre in Italia senza fissa dimora, per il reato di spaccio. Agli indagati, in distinte attività di indagine, vengono contestate circa 2000 cessioni di sostanza stupefacente quali cocaina, marijuana, hashish ed eroina per un valore approssimativo stimato intorno ai 75.000 €.

I tre soggetti, spacciano nel territorio di Parma, sin dal 2015. Le modalità di consegna (in bici o in auto) sono pressoché similari, mentre le zone delle attività illecite erano divise fra Barriera Bixio e Ospedale Piccole Figlie.

Gli assuntori sono stati chiamati a riconoscere i pusher di riferimento, con esito positivo. L’età degli acquirenti varia dai 20 ai 50 anni; tra questi ultimi, ve ne sono alcuni da oltre 20 anni assuntori abituali, elemento questo che, unitamente alla serialità degli episodi emersi attraverso le attività di osservazione e controllo sul territorio compiute dai militari, hanno portato i P.M. e i Gip, rispettivamente a chiedere e ad emettere le misure. 

Dalle dichiarazioni degli acquirenti (tutte connotate da precisione) è stato possibile ricavare la gravità indiziaria a carico di ciascun indagato, il modus operandi dei pusher e i luoghi utilizzati per le consegne. 

Tutti e tre sono apparsi in grado in ogni momento di procacciarsi le dosi di sostanze psicotrope richieste dai rispettivi clienti nonché di evadere immediatamente gli ordinativi di questi ultimi, che ricevevano ormai con cadenze regolari. 

I consumatori effettuavano almeno un acquisto a settimana. In alcuni casi erano gli stessi pusher che si premuravano di contattare personalmente alcuni clienti che non si erano riforniti per un certo periodo di tempo oppure di consigliar loro l’acquisto di sostanze più potenti. 

I pusher sono apparsi ben inseriti nel mercato di riferimento, da cui hanno evidentemente tratto sostentamento sistematico, ricavandone notevoli profitti.

Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Parma, hanno svelato la sussistenza di un’attività di spaccio condotta in maniera seriale, capillare e professionale, certamente lucrativa, e costituiscono l’ennesima dimostrazione dell’impegno diuturno degli apparti investigativi di Parma (Polizia Giudiziaria e Procura della Repubblica) nel difficile contrasto all’illecito mercato degli stupefacenti.

Pubblicato in Cronaca Parma
Pagina 6 di 244