Visualizza articoli per tag: calcio

Sabato, 08 Dicembre 2018 09:09

Parma Calcio - Chievo, modifiche alla viabilità

Parma, 7 dicembre 2018. In vista della partita Parma Calcio - Chievo che si disputerà domenica 9 dicembre, alle ore 15, allo stadio Tardini, sono state previste le seguenti modifiche alla viabilità.

Dalle ore 10 alle ore 18 istituzione del divieto di sosta con rimozione forzata lungo le seguenti strade: via Torelli; viale Duca Alessandro (nel tratto compreso da piazzale Risorgimento a via Viotti); via Puccini; via Pezzani; via Scarlatti; viale Partigiani d'Italia da piazzale Risorgimento alla rotatoria con viale Campanini; nel parcheggio (lato Sud) compreso tra viale S. Michele, piazzale Risorgimento e viale P. M. Rossi (escluso venditore ambulante autorizzato); viale San Michele (eccetto veicoli accreditati con apposito permesso "Parma Calcio"); viale Pier Maria Rossi (eccetto invalidi primi tre stalli di sosta righe blu da piazzale Risorgimento in direzione piazzale Vittorio Emanuele II e veicoli accreditati con apposito permesso "Parma Calcio "); parcheggio scambiatore Nord Largo Maestà del Taglio.

Dalle ore 11 fino a cessate esigenze (per montaggio strutture temporanee a servizio della manifestazione sportiva): istituzione del divieto di circolazione veicolare nella bretella di collegamento di via Torelli con viale Partigiani d'Italia.

Istituzione del divieto di circolazione veicolare in viale Partigiani d'Italia da piazzale Risorgimento a via Puccini (corsia Sud) fronte ingresso Curva Nord dello Stadio "E. Tardini".

Istituzione del divieto di circolazione pedonale in viale Partigiani d'Italia, marciapiede lato est fronte ingresso Curva Nord dello Stadio "E. Tardini". I pedoni dovranno servirsi del marciapiede sul lato opposto.

Dalle ore 13 fino a cessate esigenze istituzione del divieto di circolazione veicolare, da attuarsi a richiesta del Funzionario Dirigente i servizi di Ordine Pubblico, all'interno dell'area delimitata dalle seguenti strade e piazze, che manterranno la transitabilità: viale Campanini; strada Zarotto (nel tratto compreso tra via Mantova e via Montebello); via Montebello(da via Galimberti a strada Zarotto); via Galimberti (da via Montebello a via Anna Frank); via A. Frank, da via Martiri di Cefalonia a via Galimberti; via Martiri di Cefalonia, da via Anna Frank a Sette F.lli Cervi; via Sette Fratelli Cervi (nel tratto compreso tra via Martiri di Cefalonia e viale Duca Alessandro); viale Duca Alessandro (nel tratto compreso tra via Sette Fratelli Cervi e via Pizzi); via Pizzi; viale Solferino (nel tratto compreso tra via Pizzi e viale Martiri della Libertà); viale Martiri della Libertà (non transitabile); viale San Michele (non transitabile); viale Pier Maria Rossi, da viale Campanini a piazzale Vittorio Emanuele II.

Dal provvedimento di divieto di circolazione sono esclusi i residenti che esibiscono un documento d'identità (fatto salvo quanto disposto dal Funzionario Dirigente i servizi di Ordine Pubblico) fatta eccezione per via Torelli il cui transito è consentito ai soli residenti titolari di posto auto interno, i veicoli delle Forze di Polizia e di pubblica assistenza e di soccorso, i mezzi Azienda TEP SpA destinati al trasporto dei tifosi locali, i taxi, i velocipedi, i ciclomotori, i pullman dei giocatori delle due Società calcistiche interessate alla manifestazione sportiva, i veicoli accreditati Parma Calcio 1913, con apposito permesso, diretti ai posti auto dedicati in viale Pier Maria Rossi e viale San Michele (totale 20 stalli riservati) i veicoli con autorizzazione cat. invalidi nazionale.

Istituzione del divieto di circolazione, anche pedonale, dalle ore 13, per i tifosi locali in: via Torelli (nel tratto compreso tra da piazzale Risorgimento all'intersezione con via Anna Frank); via Viotti (tra via Torelli e via Duca Alessandro); via Massari (nel tratto compreso tra via Montagnana e via Torelli eccetto residenti).

Istituzione del divieto di circolazione anche pedonale, dalle ore 13 per i tifosi ospiti in: via Duca Alessandro (nel tratto compreso tra piazzale Risorgimento e via Viotti).

Dalle ore 13 alle ore 18: istituzione di area di sosta riservata ai veicoli che espongono l'autorizzazione invalidi nazionale in via Puccini (nel tratto compreso tra Viale Partigiani d'Italia e via Bandini).

Dalle ore 12.30 alle ore 19: destituzione della corsia preferenziale di strada Zarotto e contestuale
disattivazione del sistema elettronico di rilevamento dei transiti.

Inoltre, dalle ore 10 alle ore 20 di domenica 9 dicembre e comunque fino a cessate esigenze: in via Toscana – civico 7A nella porzione di area di parcheggio interna all'Auditorium "N. Paganini" istituzione del divieto di sosta con rimozione forzata ambo i lati su tutto il piazzale, esclusi mezzi autorizzati Società Parma Calcio 1913 che esibiscono apposito permesso.

Quasi 13 mila biglietti venduti e coreografie degne della massima serie nella Curva Montagnani accompagnano una partita molto attesa. Al 66° il bomber Ferrario sigla il goal della vittoria. I gialloblù mantengono il primo posto sul podio e distanziano i “cugini” di 8 punti.

Di Manuela Fiorini – foto di Claudio Vincenzi

MODENA –

Un entusiasmo e un tifo da serie A, con un record di quasi 13 mila biglietti venduti e coreografie spettacolari hanno fatto da sfondo al derby emiliano Modena – Reggio Audace, disputatosi allo Stadio Braglia e vinto dai padroni di casa per 1-0. 

Partita equilibrata, ma intensa, preceduta da un omaggio dei presidenti delle due società allo scomparso Paolo Ponzo, ex giocatore delle due squadre. La Curva Montagnani attende “dipinta” di bianco, poi parte la coreografia da brivido. Prima si disegna il fiume Secchia, poi compaiono le sagome di due giocatori con le maglie delle due squadre avversarie su uno sfondo gialloblù. Immancabili gli sfottò che sottolineano una rivalità ironica e goliardica, mai irrispettosa, mentre sventolano bandiere e compaiono canarini giganti. Buona presenza anche dei tifosi granata.

modena-derby-reggio-partita.jpg

modena-derby-reggio-partita-tifoserie.jpg

Fischio dell’arbitro, inizia la partita. Dopo tre minuti Zamparo prova il tiro in porta dalla distanza, ma il pallone è out. Bisogna aspettare il 17° per vedere un altro tiro in porta, ma Cavagna trova un Dieye pronto, niente da fare per i granata. Si fanno sentire i Canarini: Boscolo Papo tenta di andare a segno di testa, ma manca il pallone. Al 24° Ferrario intercetta un pallone vagante e mira alla porta con una girata al volo: colpisce la rete esterna, peccato!

Ci riprova poco dopo Baldazzi, tiro deviato da Narduzzo in angolo. Al 27° Messori sfiora il goal, ma il portiere granata difende la porta e para anche la bella punizione di Loviso negli ultimi minuti del primo tempo. L’arbitro Di Marco segna un minuto di recupero, ma non succede nulla di nuovo. Il primo tempo si conclude a reti inviolate.

Il secondo tempo inizia senza cambi. Dopo nove minuti punizione per il Reggio Audace, ma la palla finisce out. Il ritmo della partita sembra calare, finché al 66° il bomber Ferrario segna l’1-0 mentre esplode lo stadio Braglia. Lo stesso Ferrario ci riprova due minuti dopo, ma i granata fanno muro. Parte il carosello dei cambi nella parte finale della partita. Bellini sostituisce Sansovini, Ferrario esce ed entra Ferretti. 

modena-derby-reggio-partita-4.jpeg

Il Reggio Audace parte al contrattacco, ma il Modena è attento al risultato. Esce anche Messori tra gli applausi ed entra Gerace. Sei i minuti di recupero. I granata non si fanno mai pericolosi e si arriva al fischio finale senza grosse sorprese. Il derby è tutto gialloblù. 

Il Modena conquista così 3 punti preziosi che lo mantengono al primo posto della classifica, e allunga la distanza dai “cugini”: 8 i punti di differenza. Prossima sfida a Sasso Marconi, ancora tutta emiliana.

modena-derby-reggio-partita-5.jpeg

modena-derby-partita.jpg

 

 

Pubblicato in Calcio Modena

L’ex capitano crociato si racconta in “Alessandro Lucarelli, l’ultima bandiera” e ieri non sono mancate le persone in fila presso lo stadio Tardini di Parma per l'ambito autografo.

La presentazione del libro si terrà questa sera, venerdì 30 Novembre 2018, presso l’Auditorium Paganini (Sala Ipogea) alle ore 21. Presenta la serata Alessandro Bonan. INGRESSO LIBERO.

 

Galleria fotografica a cura di Francesca Bocchia 

ALESSANDRO_LUCARELLI_FIRMA_LIBRI_TARDINI_2018_001.jpg

ALESSANDRO_LUCARELLI_FIRMA_LIBRI_TARDINI_2018_002.jpg

ALESSANDRO_LUCARELLI_FIRMA_LIBRI_TARDINI_2018_003.jpg

ALESSANDRO_LUCARELLI_FIRMA_LIBRI_TARDINI_2018_010.jpg

ALESSANDRO_LUCARELLI_FIRMA_LIBRI_TARDINI_2018_013.jpg

ALESSANDRO_LUCARELLI_FIRMA_LIBRI_TARDINI_2018_017.jpg

ALESSANDRO_LUCARELLI_FIRMA_LIBRI_TARDINI_2018_018.jpg

ALESSANDRO_LUCARELLI_FIRMA_LIBRI_TARDINI_2018_020.jpg

ALESSANDRO_LUCARELLI_FIRMA_LIBRI_TARDINI_2018_022.jpg

ALESSANDRO_LUCARELLI_FIRMA_LIBRI_TARDINI_2018_023.jpg

ALESSANDRO_LUCARELLI_FIRMA_LIBRI_TARDINI_2018_028.jpg

ALESSANDRO_LUCARELLI_FIRMA_LIBRI_TARDINI_2018_030.jpg

 

 

 

 

 

Pubblicato in Cronaca Parma

Gervinho e Bruno Alves regalano i tre punti al Tardini e proiettano la squadra nella zona Europa. Bella prestazione di carattere dei crociati contro un Sassuolo poco incisivo in zona goal.

di Luca Gabrielli Parma. 25 novembre 2018 - 

La sosta per le nazionali non imbriglia il buon momento del Parma che dopo l'ultima vittoria in trasferta contro il Torino trova un'altra vittoria fondamentale per l'obiettivo salvezza. Ma dando un'occhiata alla classifica i tifosi, ad oggi, incominciamo a pensare a qualcosa di più gratificante di una semplice salvezza, un vero e proprio sogno che vorrebbe dire Europa.

La classifica infatti alla 12a giornata vede i crociati in sesta posizione con ben venti punti portati in cascina e squadre del calibro di Roma e Fiorentina alle spalle. Si tratta di una "mission impossible" il raggiungimento del traguardo Europa League ma quest'anno il campionato vede molte squadre sullo stesso livello e nessuna capace di mostrarsi superiore alle altre, a parte una Juventus impressionante.

Il Parma si trova lì ad approfittare dei passi falsi di squadre ben più attrezzate ma che ancora non hanno trovato una quadra di gioco. Idea di gioco che invece ha il team allenato da D'Aversa che piaccia o non piaccia sta per il momento portando ottimi risultati.

La squadra ducale adotta il classico catenaccio intervallato da rapide ripartenze, pronta a colpire l'avversario di turno con le accelerazioni di un ritrovato Gervinho. Piano piano l'infermeria si sta svuotando con la possibilità per l'allenatore di far ruotare maggiormente i giocatori. Davanti poi c'è un Roberto Inglese sempre pronto a far sportellate con i difensori e meritevole probabilmente di una chiamata in Nazionale e un gigantesco Bruno Alves a guidare con grande esperienza la difesa.

Gervinho e Bruno Alves chiudono la gara nei primi 45'

Un primo tempo molto divertente con il Parma che passa in vantaggio già nei primi minuti con Gervinho che ribatte a rete una parata di Consigli su un suo tiro. Al 25' il raddoppio è servito con Bruno Alves che sugli sviluppi di un calcio d'angolo deposita in rete un pallone facile facile alle spalle dell'estremo difensore neroverde. Il Sassuolo è sotto shock e solo l'intervento della Var permette a Babacar di accorciare le distanze su calcio di rigore al 36'. La ripresa non regala le stesse emozioni del primo tempo e il Parma arretra il baricentro aspettando un Sassuolo privo di mordente. Solo Matri nelle ultime battute regala un brivido al Tardini ma Sepe si trova pronto nell'intervento.

I crociati sorpassano proprio il Sassuolo e si posizionano alle spalle di quel Milan che affronteranno nella prossima giornata di campionato a San Siro in un vero e proprio spareggio per l'Europa.

 

 

 

Pubblicato in Calcio Emilia

Al Braglia i Canarini non deludono e dopo lo scivolone con il Fiorenzuola confermano il primo posto in classifica a sei punti di distacco dalla Pergolettese. 

Di Manuela Fiorini – foto di Claudio Vincenzi

MODENA –

Poker del Modena, che al Braglia umilia il Calvina per 4-1 ritrovando smalto dopo lo scivolone con il Fiorenzuola. I Canarini partono subito in attacco e passano in vantaggio ad appena 3 minuti dal fischio di inizio con Ferretti, che segna il suo primo goal in campionato.

Sempre Ferretti raddoppia al 13° piazzando in rete un cross di Sansovini. Gli uomini di Apolloni dominano il primo tempo con tante occasioni goal prima con Montella, poi con Boscolo Papo e Sansovini. Intervallo prima della ripresa sul 2-0 per il Modena.

Nel secondo tempo i Gialloblù gestiscono il risultato. Un fallo su Montella fa chiedere un rigore, ma l’arbitro non lo concede. All’84° della ripresa il difensore Ndoj entra in area con un’azione personale e segna il terzo goal per il Modena. Il Calvina prova ad alzare la testa e va a segno con Serafini un minuto prima della fine del tempo regolamentare: 3-1.

Il Modena allunga ulteriormente le distanze con rete di Baldazzi che al 90° segna il 4-1 su assist di Ferrario. I tre punti confermano i Canarini al primo posto della classifica, a sei lunghezze dalla Pergolettese. Ora lo attende la trasferta di Pavia e, soprattutto, il derby con la Reggiana, al terzo posto in classifica, il prossimo 2 dicembre al Braglia

il_Modena_batte_il_Calvina00000.jpg

il_Modena_batte_il_Calvina00001.jpg

il_Modena_batte_il_Calvina00002.jpg

il_Modena_batte_il_Calvina00003.jpg

il_Modena_batte_il_Calvina00004.jpg

il_Modena_batte_il_Calvina00005.jpg

il_Modena_batte_il_Calvina00006.jpg

il_Modena_batte_il_Calvina00007.jpg

il_Modena_batte_il_Calvina00008.jpg

il_Modena_batte_il_Calvina00009.jpgil_Modena_batte_il_Calvina00010.jpg

il_Modena_batte_il_Calvina00011.jpg

il_Modena_batte_il_Calvina00012.jpg

il_Modena_batte_il_Calvina00013.jpg

Pubblicato in Sport Modena
Lunedì, 12 Novembre 2018 14:51

Il Modena crolla al Braglia. Poker del Fiorenzuola

Prima sconfitta della stagione per i Canarini, che incassano 4 goal dagli ospiti. La partita parte male con una formazione non affiatata e prosegue peggio con una serie di errori.

Di Manuela Fiorini – foto di Claudio Vincenzi

MODENA -

Il Fiorenzuola arresta la corsa del Modena, che al Braglia incassa quattro reti e subisce la prima sconfitta di campionato. La “tempesta perfetta” che porta all’ 1-4 finale è un mix di disattenzione, atteggiamento in campo, una formazione che parte poco affiatata fin dall’inizio e una serie di errori.

Già dopo 7 minuti dal fischio di inizio Rabiu manda a terra un avversario e l’arbitro assegna un rigore al Fiorenzuola, che va a segno con Bigotto. I piacentini raddoppiano con Anastasia dopo appena 5 minuti. 

Apolloni manda in campo Ferrario al posto di Lauria. I Canarini partono subito in attacco, ma il Fiorenzuola può contare su un Libertazzi particolarmente in forma. Il portiere piacentino para infatti un tiro di Boscolo Papo al 24°. Dopo appena due minuti Ferrario si vede negare un rigore. Insiste ancora il Modena con Baldazzi, ma il suo tiro secco colpisce la traversa. Niente da fare.

L’uomo partita si conferma però il portiere del Fiorenzuola Libertazzi, che al 32° anticipa prima Ferrario e al 40° prima respinge in corner una cannonata di Rabiu, poi vanifica il calcio d’angolo salvando il risultato.

Il Modena insiste prima con pallonetto di Ferrario al 42°, ma l’arbitro fischia il fuori gioco tra le proteste dei tifosi gialloblù e annulla la rete. A pochi secondi dalla fine del primo tempo, il solito Libertazzi para sulla linea di porta la rovesciata di Pettarin. Fischio dell’arbitro sullo 0-2.

La partita riprende ma dopo pochi secondi arriva il terzo goal del Fiorenzuola siglato da Anastasia: 0-3. La distanza si allunga e il portiere canarino Dieye, tra impegno e fortuna, prima para in corner, poi sul conseguente calcio d’angolo il colpo di testa di Bigotto colpisce la traversa. Due tiri sfortunati del piacentino Bouhali evitano per un soffio il quarto goal.

Apolloni si gioca il tutto per tutto e manda in campo Sansovini e Loviso, che prova a sfondare la barriera di Libertazzi, che però para miracolosamente su calcio di punizione. Al 31° del secondo tempo, ancora Libertazzi riesce ad allontanare il pallone dalla linea di porta su una conclusione di testa di Ferrario. I Canarini protestano con il Direttore di Gara sostenendo che il pallone è stato respinto quando già aveva superato la linea di porta, ma il tutto si conclude con un nulla di fatto. Nel frattempo, il portiere piacentino viene colto dai crampi e viene sostituito da Lupescu, che al 41° incassa il primo e unico goal del Modena realizzato da Ferrario su rigore.

I padroni di casa tentano un’estrema rimonta, ma la fortuna non è dalla parte dei Canarini. Al 45° e al 46° prima Sansovini poi Dierna hanno per le mani l’occasione goal, ma non riescono a trovare la via della rete. Ci prova anche Ferrario, con un tiro in porta parato in corner da Lupescu, che si dimostra all’altezza del primo portiere del Fiorenzuola. Niente da fare per il Modena, che a pochi istanti dal triplice fischio finale incassa anche il quarto goal segnato da Marra.

La partita si conclude con la sconfitta dei Canarini per 1-4. Il Modena rimane tuttavia primo in classifica. Gli applausi dei tifosi del Braglia vanno sia alla squadra che agli avversari. In curva, gli striscioni hanno voluto ricordare durante la partita Gino Leone, storico tifoso gialloblu, recentemente scomparso. 

modena-fiorenzuola-fotopartita00000.jpg

modena-fiorenzuola-fotopartita00001.jpg

modena-fiorenzuola-fotopartita00002.jpg

modena-fiorenzuola-fotopartita00003.jpg

modena-fiorenzuola-fotopartita00004.jpg

modena-fiorenzuola-fotopartita00005.jpg

modena-fiorenzuola-fotopartita00006.jpg

modena-fiorenzuola-fotopartita00007.jpg

modena-fiorenzuola-fotopartita00008.jpg

modena-fiorenzuola-fotopartita00009.jpg

modena-fiorenzuola-fotopartita00010.jpg

modena-fiorenzuola-fotopartita00011.jpg

modena-fiorenzuola-fotopartita00012.jpg

modena-fiorenzuola-fotopartita00013.jpg

modena-fiorenzuola-fotopartita00014.jpg

 

 

Pubblicato in Calcio Modena

I crociati tornano da Torino con una vittoria meritata nell’arco dei novanta minuti e si portano a ridosso della zona Europa. Grande prestazione di Gervinho, tornato decisivo e del debuttante dal 1’ Alessandro Bastoni, protagonista di una prova maiuscola.

Di Luca Gabrielli

Dopo alcune partite condite da prestazioni non all’altezza e pochi punti portati in cascina, il Parma ritrova gioco e punti nell’ostica trasferta contro il Torino allenato da Walter Mazzarri, squadra molto in salute nell’ultimo mese.

Pronti via e Gervinho sulla sinistra scappa ai difensori granata e complice un rimpallo favorevole batte Sirigu sul primo palo al 9’. Una doccia fredda per la squadra di casa che accusa il colpo e al 25’ prende il raddoppio firmato Roberto Inglese che sfrutta da bomber consumato un cross dalla sinistrate terzino di giornata Gagliolo e con un esterno-punta trova un bellissimo goal. Un due a zero meritatissimo che però dura poco perché al 37’ Baselli sfrutta un indecisione della difesa crociata e batte Sepe con un tiro potente e preciso dal limite.

Il Parma arretra sensibilmente il baricentro e il Torino, supportato dai tifosi sugli spalti si butta in avanti alla ricerca della rete del pari ma i ragazzi di D’Aversa si dimostrano freddi e compatti soprattutto nel reparto difensivo che oltre alla certezza Bruno Alves, scopre le doti del talentuosissimo Alessandro Bastoni, classe ’99 in prestito dall’Inter. Nulla da fare per Walter Mazzarri che nella ripresa stravolge la squadra e butta dentro i vari Berenguer, Parigini e Zaza ma torna a casa con una sconfitta.  Per il Parma invece i punti sono 17 e in città si vocifera a bassa voce di un posto in Europa.

 

PIEDI PER TERRA PER RAGGIUNGERE LA SALVEZZA, POI SI VEDRÀ…

I giocatori però sanno perfettamente che l’obiettivo primario sono i 40 punti che vorrebbero dire salvezza ma questo inizio di campionato a ridosso delle prime sta portando una ventata di euforia nell’ambiente che non si vedeva dai tempi del primo Parma targato Nevio Scala. Il livello della squadra si sa, non è altissimo ma la voglia vista ieri di rincorrere ogni pallone e poi colpire l’avversario con ripartenze letali ad innescare Gervinho e Inglese, soddisfano in pieno i tifosi. Ci sarà da capire quanto durerà questa condizione fisica e soprattutto la tenuta mentale dei giocatori, non abituati alle zone nobili della Serie A.

La prestazione di sabato comunque conferma la solidità difensiva del Parma che ha scoperto un altro possibile protagonista del proseguo della stagione, quell’Alessandro Bastoni in prestito dall’Inter che non dimostra per nulla i suoi 19 anni al fianco dell’esperto Bruno Alves. Una prestazione da incorniciare senza sbavature ad imbrigliare l’esperto attaccante Belotti, un cliente davvero scomodo. Per D’Aversa una freccia in più nel proprio arco per poter far ruotare ulteriormente tutti gli uomini della rosa. Ora ci sarà la sosta per le nazionali poi verrà al Tardini il frizzante Sassuolo di De Zerbi da prendere con le molle.

Pubblicato in Calcio Parma

Una partita al cardiopalma con un primo tempo che si chiude in pareggio. Ma nella seconda parte i Canarini passano in vantaggio e mantengono il risultato. La squadra di Apolloni è ora in testa con 3 punti di vantaggio sul Fanfulla, prossimo avversario.

Di Manuela Fiorini – Foto di Claudio Vincenzi

Una sfida, quella contro il Crema, che ha tenuto i tifosi gialloblu con il fiato sospeso. L’inizio non è stato infatti dei migliori, con un autogol di Dierna che maldestramente manda la palla in rete intercettando un tiro del Crema. 

Gli uomini di Apolloni non si perdono d’animo e cercano subito di rimediare portandosi pericolosamente nell’area avversaria. Al 21° Ferrario tenta un tiro in porta recuperando a metà campo un pallone dagli avversari, che tuttavia lo raggiungono e gli impediscono di andare a segno.

Al 33° ci pensa Dierna a rimediare all’autogol, inforcando questa volta la porta del Crema: 1-1.

Gli ospiti tornano però in vantaggio al 39° con Pagano, grazie a un rigore assegnato al Crema per fallo di Perna su Ferrari.

Appena due minuti dopo, Pettarin porta di nuovo il Modena in pareggio piazzando la palla in rete grazie a un assist in rovesciata di Montella. Nel finale del primo tempo il Crema si fa di nuovo pericoloso con Ferrari che arriva però solo al limite dell’area e manca la porta canarina di poco. Pausa sul 2 a 2.

Nella ripresa il Crema parte agguerrito, ma è il Modena ad andare per primo in vantaggio al 69° grazie a un’azione combinata su cross di Sansovini e assist di testa di Ferrario, che consentono a Baldazzi di andare in rete. 

Raddoppio del Modena al 76° sempre grazie a un cross di Sansovini su Ferrario che va in rete: 4 a 2 per il Modena, che nel finale gestisce il risultato senza mai smettere di attaccare. Il fischio dell’arbitro fa portare a casa ai Canarini tre punti preziosi, che portano la squadra al primo posto della classifica, con tre punti di vantaggio sul Fanfulla, prossimo avversario.

partita-modenacrema-gazzettadellemilia00000.jpg

partita-modenacrema-gazzettadellemilia00001.jpg

partita-modenacrema-gazzettadellemilia00002.jpg

partita-modenacrema-gazzettadellemilia00003.jpg

partita-modenacrema-gazzettadellemilia00004.jpg

partita-modenacrema-gazzettadellemilia00006.jpg

partita-modenacrema-gazzettadellemilia00007.jpg

partita-modenacrema-gazzettadellemilia00008.jpg

partita-modenacrema-gazzettadellemilia00009.jpg

partita-modenacrema-gazzettadellemilia00010.jpg

partita-modenacrema-gazzettadellemilia00011.jpg

partita-modenacrema-gazzettadellemilia00012.jpg

partita-modenacrema-gazzettadellemilia00013.jpg

partita-modenacrema-gazzettadellemilia00015.jpg

partita-modenacrema-gazzettadellemilia00016.jpg

partita-modenacrema-gazzettadellemilia00017.jpg

partita-modenacrema-gazzettadellemilia00018.jpg

partita-modenacrema-gazzettadellemilia00019.jpg

 

 

Pubblicato in Calcio Modena

Un errore di Gagliolo a dieci minuti dalla fine condanna i crociati che non riescono a reagire al rigore realizzato da Ciro Immobile e subiscono il due a zero finale da Correa. La prestazione non è da buttare contro una Lazio da primi posti in classifica.

Parma, 22 ottobre 2018 - di Luca Gabrielli - 

Ce l'aveva quasi fatta la squadra allenata da D'Aversa a inchiodare la Lazio sullo zero a zero ma all'81' un intervento scomposto in area di rigore del centrale Gagliolo permette al cinico bomber Immobile di battere dal dischetto l'estremo difensore crociato Sepe e di dare una svolta alla gara, fino a quel momento in equilibrio. Certo gli ospiti nella ripresa hanno cambiato ritmo chiudendo nella meta campo gli ordinati giocatori ducali. Ma il calcio è fatto di episodi e l'astuto Berisha, subentrato nella ripresa, ha permesso agli aquilotti di portare a proprio vantaggio il match. Il Parma, a dieci minuti dalla fine, subisce il colpo e prova in modo disordinato a riportare la gara in parità dando alla Lazio l'occasione di colpire in contropiede proprio con l'onnipresente Immobile che al 94' serve un assist al neoentrato Correa che in diagonale trafigge l'incolpevole estremo difensore parmigiano e fissa il risultato sul due a zero finale. Nel primo tempo non ci sono troppe emozioni, con i laziali che sembrano imballati con un un giro palla lento, permettendo al Parma di chiudere bene gli spazi e cercare di colpire in contropiede. Nella ripresa invece la squadra di Inzaghi alza il ritmo e aumenta il pressing rendendosi più pericoloso dalle parti di Sepe.

I cambi di Inzaghi danno una svolta alla gara

Ma sono i cambi effettuati da Simone Inzaghi che regalano i tre punti alla Lazio con Berisha e Correa che prendono il posto rispettivamente di Lucas Leiva e Luis Alberto, fino a quel momento evanescente.
Il Parma gioca una partita con tenacia e concentrazione ma l'assenza pesante di Gervinho e un Roberto Inglese a mezzo servizio alla lunga pesano sull'economia del gioco e del risultato che cambia in favore degli ospiti proprio grazie ai due subentrati. Nulla da rimproverare agli uomini di D'Aversa che contro una Lazio formato Champions non sfigurano per niente. Ora testa alla prossima trasferta di Bergamo contro un'Atalanta vittoriosa ieri per cinque a zero contro un Chievo letteralmente in disarmo. Non sarà facile agli Atleti Azzurri d'Italia ma il Parma visto quest'anno ci ha abituati a imprese fuori dall'ordinario.

Pubblicato in Calcio Parma
Lunedì, 22 Ottobre 2018 06:23

Tragico dopo partita - Muore un tifoso laziale

Dopo la partita tragico episodio per un tifoso della Lazio. Un uomo di 53 anni si è accasciato al suolo in Viale Solferino all'interno del cortile del Seminario Minore dove è stato trovato da alcuni passanti che hanno dato l'allarme. Le cause del decesso sembra siano di origine naturale.

Molto probabilmente l'uomo, a fine della partita Parma Lazio, era in cammino verso la stazione ferroviaria quando è stato colto da un improvviso malore. Dei passanti hanno dato l'allarme vedendo il corpo dell'uomo a terra, ma i soccorsi sono stati inutili. Quando è arrivata l'ambulanza non c'era più niente da fare. Sul posto la Polizia di Stato e la scientifica per gli accertamenti del caso. Il corpo dell'uomo è a disposizione dell'autorità giudiziaria per gli accertamenti del caso.

Pubblicato in Cronaca Parma