Vittoria "scaccia crisi" per il Napoli che trema solo nel finale -

Reggio Emilia, 29 settembre 2014 – di Maria Caterina Viscomi -

Altra sconfitta per i neroverdi, stavolta di fronte al proprio pubblico e contro un Napoli in piena crisi che è tornato a vincere dopo tre giornate, seppur con qualche difficoltà ed un pizzico di fortuna. Gli ospiti partono da subito in quinta e già al 4' si avvicinano alla rete con capitan Hamsik, bloccato prontamente da Consigli; al 25', inoltre, l'ex azzurro Cannavaro serve Callejon che va fuori di poco e che decide di rimediare su cross di Higuain solo tre minuti dopo, portando i suoi in vantaggio. Per tutto il primo tempo, gli emiliani hanno cercato di tamponare le azioni avversarie e sono stati poco propositivi e concreti.

La reazione è arrivata solo nella seconda frazione di gara quando sono stati gli ospiti a chiudersi nella propria metà campo, lasciando l'iniziativa al Sassuolo: ci provano Zaza, che riesce a procurare qualche grattacapo ad Albiol, Missiroli e Pavoletti; il più pericoloso si rivela però Peluso che all'85' prende una clamorosa traversa e vede sfumare il pareggio. Nel post-partita è intervenuto anche mister Di Francesco che ha fatto un'analisi sintetica e lucida del match: «Nel complesso non siamo stati inferiori al Napoli come possesso palla. Nel primo tempo eravamo troppo timidi, nel secondo ho chiesto più intraprendenza. La nostra forza è essere aggressivi e cercare di non far giocare gli avversari». Cosa che ci auguriamo accada nelle prossime sfide.

Le pagelle: Consigli 6,5 – Gazzola 6 (dal 75' Vrsaljko 6) – Cannavaro 6 – Acerbi 6,5 – Peluso 6 – Brighi 5,5 (dal 56' Missiroli 6) – Magnanelli 6,5 – Taider 5 – Floccari 5,5 (dal 72' Pavoletti 6) – Zaza 5,5 – Sansone 5,5. All. Di Francesco 6.

Migliore in campo: Magnanelli

Peggiore in campo: Taider

Pubblicato in Calcio Emilia

A Verona è arrivata la prima vittoria dei crociati grazie ad un Cassano trascinatore -

Parma, 22 settembre 2014 – di Maria Caterina Viscomi -

Sino all'inizio del secondo tempo, probabilmente nessuno avrebbe scommesso sulla vittoria del Parma e sulla sconfitta del Chievo: sì, perché per i primi quarantacinque minuti di gioco al Bentegodi è andato in scena il dominio dei padroni di casa, apparsi più incisivi e determinati, tutto il contrario dei ducali, poco presenti in campo e costretti a subire il pressing degli avversari che hanno trovato subito il vantaggio con Izco, che è riuscito a capitalizzare al meglio un passaggio di Lazarevic (4'). 
Nel secondo tempo entrambe le squadre hanno cambiato volto e se una si è improvvisamente svegliata con l'ingresso di Coda e Galloppa, l'altra si è eclissata totalmente, dando forse per scontato il risultato di vantaggio e sottovalutando nettamente i crociati. Inoltre Cassano si è ricordato di essere Cassano ed ha cominciato a mettere in mostra le sue doti migliori, portando i suoi al pareggio al 65' con un destro all'incrocio dei pali su cross di Coda, che dieci minuti dopo ha punito nuovamente Bardi concretizzando un lancio dell'altro neo entrato. Protagonisti per l'1-3 ancora FantAntonio e Coda: assist di quest'ultimo per il compagno che è riuscito a realizzare la tripletta per i gialloblù. E' stato, infine, l'ex Paloschi, anche lui subentrato in corso di gara, a riaprire la partita all'82'. Nulla da fare comunque per il Chievo contro il Parma che finalmente ha conquistato i suoi primi tre punti.

Le pagelle: Mirante 6 – Mendes 5 – Costa 5,5 - Lucarelli 6 – Gobbi 5,5 – Acquah 6 – Lodi 5 – (dal '64 Galloppa 7) – Jorquera 5,5 – Ghezzal 5 – (dal '64 Coda 7,5) – Cassano 7,5 - Belfodil 5,5 (dal '78 Rispoli s.v.).

Partita, invece, priva di emozioni a Reggio Emilia, dove la sfida tra Sassuolo e Sampdoria è terminata a reti inviolate ed è stata giocata a ritmi piuttosto bassi, nonostante l'avvio promettente. Poco dopo il fischio d'avvio Gabbiadini si è avvicinato al vantaggio, sprecando un'occasione d'oro; sono seguite le proteste da entrambe le parti per due penalty che il giudice di gara ha ritenuto non esserci: prima da parte dei doriani per un contatto in area su Gabbiadini stesso, poi a parti invertite per un contatto dubbio tra De Silvestri e Zaza. Quello che è venuto dopo è stato un botta e risposta tra le due squadre, con Floro Flores per i neroverdi e con Okaka ed Eder per i blucerchiati. Nella ripresa i toni si sono abbassati e il fratello gemello di Zaza visto in nazionale è stato sostituito da Floccari, che sul finire ha rischiato di mandare sotto gli avversari, provocando un brivido lungo la schiena dei tifosi ospiti. 
Nota positiva per gli emiliani è stata la difesa, con le ottime prestazioni di Francesco Acerbi, al suo ritorno dopo 10 mesi di stop, e di Antei: insieme sono infatti riusciti ad archiviare in maniera perfetta la complicata pratica Okaka-Eder.

Le pagelle: Consigli 6 – Vrasljko 6 – Antei 6,5 – Acerbi 7 – Peluso 5,5 – Brighi 5,5 (77' Biondini s.v.) – Magnanelli 6,5 – Taider 6 – Floro Flores 6,5 – (88' Chibsah s.v.) – Zaza 5 – (76' Floccari 6,5) – Sansone 5,5.

Pubblicato in Calcio Emilia

Nella seconda giornata di campionato è pioggia di goal contro le emiliane -

Parma, 15 settembre 2014 – di Maria Caterina Viscomi -

La seconda giornata di campionato è stata una sfida tra le squadre emiliane e quelle milanesi. Sfida che è terminata con la disfatta delle prime sotto le grinfie affamate delle altre: Sassuolo e Parma, infatti, sono state travolte rispettivamente da Inter e Milan con una raffica di reti.

Inter vs Sassuolo - Corsi e ricorsi storici, avrebbe detto Giambattista Vico. O qualche moderno superstizioso potrebbe parlare piuttosto di "maledizione Inter" dato che ancora una volta i neroazzurri si sono rivelati la bestia nera del Sassuolo che, esattamente come nel girone d'andata del precedente campionato (sempre in settembre!) ha incassato ben 7 reti dagli avversari. Inutile per Di Francesco aver schierato il magico tridente Berardi-Zaza-Sansone, quando ad accompagnarlo ci sono stati un centrocampo debole ed una difesa inesistente e quando anche le tre punte stesse, su cui i più avevano fatto affidamento, sono apparse irriconoscibili rispetto alle ultime prestazioni. La storia si è ripetuta pure grazie a Berardi (non nuovo a gesti deprecabili dovuti al nervosismo) che al 15' del secondo tempo ha deciso di farsi espellere per una gomitata a Juan Jesus. Dopo la batosta l'anno scorso, però, era arrivato il pareggio con il Napoli: e se Vico dovesse avere ragione, lo stesso potrebbe accadere la settimana prossima contro la Sampdoria...


Il film della partita


3-5-2 per l'Inter con Icardi ed Osvaldo in attacco; per il Sassuolo in avanti è il promettente "baby tridente". L'arbitro fischia l'avvio e dopo soli tre minuti i neroazzurri trovano la rete del vantaggio con il numero 9 che prima è fermato da Consigli, poi ribatte e mette a segno. Al '21 è un altro gioiello dell'Inter a realizzare il goal: Kovacic trasforma nel 2-0 una sponda di Osvaldo; prima dell'intervallo, inoltre, arrivano altre due reti siglate dal tandem d'attacco. Nella seconda frazione di gioco la musica non cambia: passano 7 minuti e ancora Icardi trafigge il portiere neroverde; i lombardi non risparmiano gli avversari e cinicamente vanno a segno altre due volte con Osvaldo e il neo entrato Guarin. Gli emiliani si mostrano pericolosi solo sull'1-0 con un uno-due tra Magnanelli e Sansone, per il resto sono evanescenti per 90 minuti.

Parma vs Milan – La notizia del ritiro delle dimissioni del Presidente Ghirardi deve aver sicuramente restituito tranquillità ai ducali, ma purtroppo questa non è bastata per riportare la squadra, reduce dalla sconfitta con il neo promosso Cesena, alla vittoria. L'avversario non era dei migliori per cercare il riscatto, poiché il Milan sembra aver ritrovato la sua forma ideale dopo il campionato non proprio brillante dello scorso anno. Ad aprire le danze al '25 è Bonaventura che può gioire solo per due minuti, sino a quando l'ex Cassano, ripetutamente oggetto di insulti da parte della tifoseria ospite, trova il pareggio. Il Milan, però, vuole vincere e va a segno prima con Honda, poi con Menez che si procura il rigore, trasformandolo in rete. Nella ripresa Felipe riapre i giochi con il 2-3 e la situazione sembra diventare favorevole per i crociati quando Bonera viene espulso per tocco di mano e somma di ammonizioni. Alla notte dei goal non potevano non partecipare anche De Jong per il Milan e Lucarelli per il Parma; inoltre Menez ne aggiunge un altro alla sua lista. Sul finire De Ceglie commette un goffo errore e la insacca nella sua porta. Al triplice fischio hanno la meglio i ragazzi di Inzaghi che con Juve e Roma si piazzano al primo posto della classifica; Parma invece ancora a zero punti.

Pubblicato in Calcio Emilia

I neopromossi battono i ducali grazie alla rete di Rodriguez. A Reggio Sau risponde a Zaza -

Parma, 1 settembre 2014 – di Maria Caterina Viscomi -

E' cominciata male la stagione 2014-2015 del Parma, caduto sotto l'entusiasmo e la grinta dei cugini romagnoli del Cesena, freschi di promozione in Serie A.
Alla corte di Donadoni manca Antonio Cassano, non presente tra le fila dei convocati: ma può bastare l'assenza di un solo tassello per far perdere l'equilibrio ad un intera squadra? Complici della sconfitta, forse, sono state anche alcune scelte del mister che ha fatto partire Amauri solo nella ripresa, nonché la forma non sicuramente perfetta di Biabiany, altra pedina essenziale nelle dinamiche gialloblù.

Al Cesena, dunque, è stato sufficiente il goal di Rodriguez nella prima metà di gioco per superare di misura i crociati, salvati dal doppio svantaggio da Mirante su una conclusione pericolosa di Cascione ('86). Al '93, inoltre, Lucarelli ha sprecato l'occasione del pareggio, ostacolato da un ottimo Leali.

E' terminato, invece, con un pari più che equo il match tra Sassuolo e Cagliari, partita giocata per gran parte dei 90 minuti a ritmi elevati e che ha visto protagonista ancora una volta Simone Zaza, il quale probabilmente avrà voluto dimostrare a tutti di meritarsi la convocazione nella nazionale di Antonio Conte. Ottima la sua intesa con il compagno Berardi, da annoverare tra i migliori in campo: è lui, infatti, a creare il cross trasformato poi in rete dal neo azzurro ('42). Due minuti dopo Sau porta i suoi al pareggio, risultato su cui si è chiusa la gara. Sotto la lente d'ingrandimento al Mapei Stadium anche Zeman, al suo debutto in serie A con il Cagliari.

 

Pubblicato in Calcio Emilia

Nel posticipo della prima giornata del campionato di serie B, in programma lunedì 1° settembre, alle 20.30 allo Stadio Braglia, i Canarini affrontano i padovani. Durante la partita ai tifosi del Modena sarà consegnato il trofeo Fairplay, dedicato a Gaetano Scirea.

Di Manuela Fiorini –  31 agosto 2014
Tutto è pronto per l'esordio del Modena nel Campionato di Serie B 2014-2015. Si giocherà domani sera, lunedì 1° settembre, alle 20.30, allo stadio Braglia, il posticipo con il Cittadella. "La prima giornata è sempre una partita un po' delicata – ha commentato il Mister Walter Novellino durante la conferenza stampa pre partita – ma dobbiamo giocarla con grinta. Non credo che io debba caricare la mia squadra più di tanto, perché è la prima gara e tutti vogliono giocarla bene davanti al proprio pubblico. Il Cittadella è una squadra che ha una sua fisionomia e una sua inquadratura di gioco. Noi non dobbiamo avere paura, dobbiamo avere rispetto. La serie B è un campionato lungo, dove anche ieri le retrocesse hanno faticato, perché non è un campionato facile. Quello che dico ai miei giocatori, fin dall'inizio, è scordare il passato e vivere il presente. Domani affrontiamo una squadra che vuole fare la partita anche lei, quindi che vinca il migliore".
La probabile formazione di 4-4-2 potrebbe vedere in campo Pinsoglio, Gozzi, Cionek, Marzorati, Rubin, Acosty, Osuij, Schiavone, Nizzetto, Ferrari e Beltrame.
Novellino dovrà, probabilmente, rinunciare a Zoboli, infortunato, e sicuramente a Signori.
"Non ho ancora tutto l'organico.- commenta il Mister canarino -. Al di là di questo ho delle scelte da fare, perché sono tutti giocatori giovani, importanti, che possono fare bene".

MO Mo Calcio Walter Novellino
In concomitanza con la prima di campionato, si chiude anche il calciomercato, dal quale non è escluso che possano arrivare delle "sorprese", anche se l'allenatore gialloblu non si sbilancia: "Per ogni ruolo ci vogliono due giocatori, che noi non abbiamo. La società ci sta lavorando . Per alcuni giocatori sembrava fatta, ma poi hanno scelto piazze più belle, piazze più blasonate. Ma, alla fine, quello che conta è il campo".
In occasione dell'esordio, i tifosi del Modena riceveranno il premio "Fairplay" intitolato a Gaetano Scirea, campione della Juventus e della Nazionale, scomparso nel 1989 in un incidente stradale in Polonia. Un ideale passaggio di consegne tra il Cittadella, la cui tifoseria si è aggiudicata il premio nelle ultime tre edizioni, e i Canarini. Per l'occasione, Mariella e Riccardo Scirea, moglie e figlio del campione, hanno voluto mandare, tramite il sito della Lega di Serie B, una lettera di elogio.
"Le nostre congratulazioni al Modena, per il trofeo Fairplay intitolato a Gaetano. Nell'ultima stagione, l'atteggiamento dei tifosi è stato il più corretto del campionato di serie B. La squadra è arrivata alle semifinali dei playoff, ha impensierito il Cesena, poi promosso, e anche il rapporto con i sostenitori è stato gestito in maniera molto sana. (...). In questi anni drammatici, di violenze negli stadi italiani, il pubblico dello stadio Alberto Braglia merita un encomio particolare. Sarà di esempio, anche di aiuto, per gli sportivi che seguono gli altri club. La stessa città della Ghirlandina deve essere orgogliosa. Allo stesso modo, il pubblico del Cittadella, con i suoi circa 1500 abbonati, è il fiore all'occhiello della società veneta. Per la stagione al via ora, un augurio a entrambe per risultati ancora migliori".

(foto di Claudio Vincenzi)

Pubblicato in Calcio Modena
Venerdì, 22 Agosto 2014 09:06

Tim Cup, buona la prima per il Sassuolo

Poker emiliano contro il Cittadella, è doppietta per Sansone.

Reggio Emilia, 22 agosto 2014 – di Maria Caterina Viscomi
Vincere o perdere, proseguire la corsa o essere eliminati: questa è la spietata regola dei turni di Coppa Italia (ad eccezione delle semifinali) e i ragazzi di Eusebio Di Francesco hanno scelto la prima alternativa, cominciando nel migliore dei modi la nuova stagione.
E' stata proprio la partita di ieri sera tra Sassuolo e Cittadella a dare il via al terzo turno eliminatorio della Tim Cup, match giocato in anticipo rispetto agli altri perché sabato la squadra emiliana sarà impegnata anche nel Trofeo Tim con Juventus e Milan.
Alle 20:30, dunque, si sono accese le luci del Mapei Stadium per illuminare la prima gara ufficiale della stagione neroverde dopo le amichevoli estive in vista del secondo anno di permanenza in Serie A.
A sbloccare il risultato è il solito Simone Zaza che al '12 mette a segno su un calcio d'angolo di Berardi; venti minuti d'illusione e Coralli porta i suoi al momentaneo pareggio ('32), risultato sul quale si chiude la prima frazione di gioco. Nel secondo tempo ci pensa Sansone a siglare il vantaggio, sempre su assist del numero 25, ed a realizzare il 3-1 ('83) con una bellissima azione personale. La partita è ormai chiusa quando Floro Flores firma la quarta rete per i neroverdi ('92).
Con questa vittoria gli emiliani si qualificano al quarto turno di Tim Cup e sfideranno la vincente tra Chievo Verona e Pescara.

Pubblicato in Calcio Modena
Mercoledì, 20 Agosto 2014 12:14

Trofeo Tim, continua la vendita dei biglietti

Il triangolare andrà in scena a Reggio, protagonista anche il Sassuolo.

Reggio Emilia, 20 agosto 2014 – di Maria Caterina Viscomi
Sarà ancora una volta il Mapei Stadium a fare da cornice al Trofeo Tim, giunto ormai alla sua quattordicesima edizione. E chissà che non si replichi anche il suo epilogo...
Sabato 23 agosto, dunque, per la seconda volta consecutiva sarà la città emiliana ad ospitare il triangolare promosso da Telecom Italia ed organizzato da Master Group Sport. Come l'anno scorso, inoltre, le squadre che si sfideranno in campo sono Juventus, Milan e Sassuolo, che avrà modo di prepararsi in casa alla prima gara di campionato, anch'essa casalinga, contro il Cagliari di Zeman.
Per assistere al torneo, che avrà inizio alle 20:45, è ancora possibile acquistare i biglietti presso i punti vendita Viva Ticket autorizzati. Ai tifosi neroverdi si consiglia l'acquisto dei Distinti Laterali Sud I-L, ai sostenitori juventini della Gradinata Sud ed a quelli rossoneri della Curva Nord.
Questi i prezzi dei biglietti:
• TRIBUNA CENTRALE Intero € 35
• TRIBUNA LATERALE Intero € 30
• DISTINTI CENTRALI Intero € 25
• DISTINTI LATERALI Intero € 20
• GRADINATA SUD Intero € 15
• CURVA NORD Intero € 15
• DISTINTI LATERALI SUD I-L Intero € 15
Potranno assistere gratuitamente al torneo senza posto assegnato i bambini sino a 4 anni di età non ancora compiuti.

Pubblicato in Calcio Emilia


E Cassano ha confessato: "La mia felicità è a Parma. Voglio finire qui la carriera"
Parma, 26 luglio 2014 – di Maria Caterina Viscomi
Manca poco più di un mese all'inizio del campionato di Serie A ed è tempo per le squadre italiane di prepararsi tecnicamente ma non solo. Nella giornata di giovedì nel quartier generale del Parma, alla presenza dell'ad Pietro Leonardi, sono state presentate le divise per la nuova stagione. Novità assoluta, oltre a quelle con i colori tradizionali, è stata la quarta maglia che gli emiliani hanno deciso di mettere nel loro armadio, maglia che, per fare un omaggio allo sponsor principale Vorwerk Folletto, sarà verde. Una di queste, con stampato il nome del presidente dell'azienda Patrizio Barsotti, è stata donata al suo responsabile della comunicazione Luca Corsi.
Nei giorni scorsi, inoltre, la società ducale ha voluto smentire quanto pubblicato su alcune testate online circa il mancato pagamento delle spese per l'avvio della procedura del Tas in merito alla vicenda Europa League, motivo per il quale, secondo tali siti, ci sarebbero stati dei ritardi nel procedimento.
Nella serata di ieri, poi, è arrivata un'altra delusione: anche il Consiglio di Stato, dopo il no del Tar del Lazio e della Corte di Giustizia del Coni, ha respinto il ricorso intentato dalla società contro l'esclusione dalla competizione continentale. Questo il comunicato diramato dal Parma in seguito alla notizia: "Gli avvocati Federico Tedeschini, Paolo Rodella e Pierluigi Giammaria comunicano che il Consiglio di Stato ha respinto il ricorso presentato dal Parma Fc avverso l'esclusione dall'Europa League. Un breve commento sulla sentenza e sulle successive iniziative che verranno intraprese, sarà diramato non appena la sentenza stessa sarà resa disponibile".
Sulla questione era tornato qualche ora prima anche Cassano, reduce dalla precoce eliminazione dal mondiale: in conferenza stampa, Fantantonio ha parlato di "sogno rubato in maniera schifosa". Ha voluto poi rincuorare i tifosi gialloblù, confessando di aver rifiutato un contratto triennale con gli Emirati Arabi e di voler terminare la sua carriera in Italia, preferibilmente a Parma, che per lui "vale come il Barcellona".
Ha infine espresso la sua stima nei confronti della società e dei compagni: le premesse per chiudere con i crociati, dunque, ci sono.

Pubblicato in Calcio Parma

Durante la presentazione della Campagna Abbonamenti 2014-2015 è stato ufficializzato l'acquisto dell'ex centravanti di Spezia e Verona -

Modena, 17 luglio 2014 - Testo e foto di Claudio Vincenzi -

E' ufficiale, Nicola Ferrari, già centravanti di Spezia e Verona, nel prossimo campionato giocherà tra le fila del Modena. La presentazione del nuovo acquisto è avvenuta questa mattina, a sorpresa, allo Stadio Alberto Braglia di Modena in occasione della presentazione della Campagna Abbonamenti 2014-2015.
Soddisfatto il Mister Walter Novellino, che attende fiducioso di poter completare la rosa con altri quattro o cinque acquisti. Si parla concretamente di Stefano Beltrame e Andrea Schiavone, entrambi di scuola juventina. Ferrari affiancherà Pablo Granoche, altro nuovo acquisto della squadra canarina, in attacco.

Novellino 1rid

In un clima disteso e fiducioso il nuovo Direttore Sportivo Massimo Taibi e il patron Antonio Caliendo hanno ribadito l'ambizione di puntare ancora più in alto rispetto alla scorsa stagione, che ha visto il Modena giocarsi i play off. A tal proposito si stanno definendo altri "colpi" di mercato, al fine di consegnare quanto prima al mister Novellino un gruppo "importante" e al completo con il quale cominciare a lavorare.
La squadra è poi partita per il consueto ritiro estivo alla volta di Fanano, dove rimarrà fino al 31 luglio.

Pubblicato in Calcio Modena

Da Balotelli capro espiatorio alla morte di Ciro Esposito -

Parma, 28 giugno 2014 – di Maria Caterina Viscomi -

In questi giorni è andata in scena la sconfitta del calcio italiano, in tutti i sensi. Dall'eliminazione dalla World Cup con annessi comportamenti deplorevoli derivanti dalla delusione per la precoce ritirata dei nostri, alla morte di Ciro Esposito, il tifoso del Napoli deceduto dopo 50 giorni di agonia per essere stato ferito durante il pre-gara della finale di Coppa Italia tra Napoli e Fiorentina del 3 maggio scorso. Ma andiamo con ordine. 
Martedì è stato il turno della disfatta azzurra a Natal, dove la Nazionale italiana ha perso contro un più motivato Uruguay, procurandosi una meritatissima eliminazione dalla competizione mondiale, senza accedere neanche agli ottavi. Nelle ore successive è stato il delirio con le dimissioni di Prandelli e Abete e con tutta una serie di contestazioni: bersaglio principale è stato Mario Balotelli, contro cui si è scatenato un vero e proprio "j'accuse" che è sconfinato in affermazioni razziste totalmente fuori luogo e da condannare. Anche in questo caso, quindi, si è sprecata un'occasione per tacere e per dare al mondo intero un'idea positiva del tifo italiano. 
Tifo che non ne è uscito bene neanche mercoledì, quando è arrivata la notizia della morte di Ciro, che ha forse voluto vedere l'ultima partita prima di andarsene per sempre ed unirsi alla lista delle vittime di un calcio malato che dovrebbe trovare al più presto una "cura" capace di porre fine a ogni razzismo e ad ogni violenza. Solo così potremmo avere un calcio capace di unire e che possa tornare essere, come dicono in molti, il gioco più bello del mondo.

Pubblicato in Calcio Emilia