Visualizza articoli per tag: bambini

"Al Museo c'è più Gusto!" fa tappa al Museo del Vino Domenica 22 novembre il secondo incontro ai Musei del Cibo, per il progetto "Crescere in Armonia, Educare al Benessere" in collaborazione con il Comune di Parma. La partecipazione (visita+laboratorio) è gratuita per tutti i bambini/ragazzi e per un max di due accompagnatori adulti a testa fino ad esaurimento dei posti disponibili. -

Parma, 14 novembre 2015 -

Al gusto si può educare sin dalla più tenera età.
È il messaggio che l'evento "Al museo c'è più gusto" ha voluto lanciare.
Un'occasione unica, per grandi e piccoli, che potranno avventurarsi nel meraviglioso mondo dei sapori alla scoperta delle sensazioni che il cibo può regalare.
Domenica 22 novembre, dalle ore 15,30 alle 17,30, al Museo del Vino di Sala Baganza, con esperimenti e attività divertenti, da vivere in prima persona, bambini e genitori impareranno a destreggiarsi tra gusti fondamentali, sapori e aromi e combinazioni impensabili. L'appuntamento rientra nel progetto del Comune di Parma "Crescere in Armonia, Educare al Benessere", del quale i Musei del Cibo condividono le finalità considerandolo particolarmente in linea con le proprie attività educative.

"Al Museo c'è più Gusto!" è l'iniziativa organizzata dai Musei del Cibo della provincia di Parma che verrà proposta nel corso dell'anno scolastico in tutti i sei musei del circuito per le famiglie dei bambini e ragazzi delle Scuole Primarie e Secondarie di Primo Grado del Comune di Parma (dai 6 ai 12 anni).

Una visita guidata, appositamente pensata anche per i più piccoli, li accompagnerà attraverso l'allestimento museale, cercando di far emergere tutte le curiosità e le domande dei singoli. I partecipanti saranno poi invitati a un laboratorio interattivo sul Gusto, dove con rigore scientifico e modalità coinvolgenti, saranno accompagnati alla scoperta di questo senso così fondamentale sul tema dell'alimentazione.
La partecipazione (visita+laboratorio) è gratuita per tutti i bambini/ragazzi e per un max di due accompagnatori adulti a testa fino ad esaurimento dei posti disponibili.

La prenotazione è obbligatoria.
Info ed iscrizioni al Parma Point tel. 0521 931800 (ore 9,30 - 19,30).

Pubblicato in Dove andiamo? Parma

In Piazza Duomo, domani dalle ore 8.30 in poi, la Polizia Postale e delle Comunicazioni incontrerà gli studenti delle scuole secondarie di primo grado, utilizzando un autoarticolato multimediale allestito come un'aula didattica. -

Parma, 7 ottobre 2015 – di Alexa Kuhne -

La rete affascina. La rete educa. La rete può essere una trappola.
Una consapevolezza che sta attecchendo su scuola, genitori ed istituzioni. Ma occorre che a essere messi in guardia siano soprattutto i più indifesi e incoscienti: i bambini. Che domani potranno visitare un truck speciale, allestito dalla Polizia di Stato per incontrare i più piccoli, i loro genitori e gli insegnanti e parlare di sicurezza online, dei social network, del cyberbullismo, dell'adescamento in rete e dell'importanza della sicurezza della privacy.
Quest'anno la terza edizione riparte da Ponticelli, a Napoli, e domani arriva a Parma.
Si tratta della più importante e imponente campagna educativa itinerante realizzata dalla Polizia di Stato e dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca nell'ambito del progetto Generazioni Connesse del Safer Internet Center Italia, sulla sensibilizzazione e prevenzione dei rischi e pericoli della Rete.

Un progetto al passo con i tempi delle nuove generazioni, co-finanziato da quest'anno dalla Commissione Europea, riconoscendolo come una delle migliori "best practices" in Europa.
Nel corso delle 2 edizioni precedenti ha raccolto un grande consenso: gli operatori della Polizia Postale e delle Comunicazioni hanno incontrato circa 150.000 studenti nelle piazze e 800.000 nelle scuole, 25.000 genitori, 10.800 insegnanti per un totale di 2.800 Istituti scolastici, 18.000 km percorsi e oltre 130 città raggiunte sul territorio.
Ancora una volta le Istituzioni scendono in campo insieme ad Associazioni, Aziende e società civile per un solo grande obiettivo: fare in modo che i gravissimi episodi di cronaca culminati con il suicidio di alcuni adolescenti ed il dilagante fenomeno del cyberbullismo e di tutte le varie forme di prevaricazione connesse ad un uso distorto delle tecnologie, non avvengano più.

Da Napoli a Milano passando per L'Aquila, Pescara, Pesaro, Rimini, Modena, Parma, Spinea (VE), Treviso, Trieste, Vicenza, Bolzano, Borgo Valsugana (TN), Mantova, Piacenza, Pavia, Brescia, Seriate (BG), Como, Novara, Aosta, Torino, Asti, Savona, Genova, La Spezia, Arezzo, Firenze, Prato, Lucca, Ventimiglia (IM), Sanremo (IM), Perugia, Assisi, Torre del Greco (NA), Casal di Principe (CE), Termoli (CB), Manfredonia (FG), Matera, Taranto, Spezzano Albanese (CS), Crotone, Catania, Caltagirone (CT), Gela (CL), Agrigento, Castel Vetrano (TP), Cagliari, Nuoro, Sassari, Civitavecchia (RM), Viterbo, Tivoli (RM), Tagliacozzo (AQ), Sora (FR), Sezze (LT) e Roma, gli operatori della Polizia Postale, attraverso un truck allestito con un'aula didattica, incontreranno studenti, genitori e insegnanti sui temi della sicurezza online con un linguaggio semplice ma esplicito adatto a tutte le fasce di età.

Secondo una ricerca di Skuola.net, realizzata per la Polizia di Stato, su un campione di circa 4.000 studenti di scuole medie e superiori, 2 studenti su 3 affermano che le proprie competenze digital provengono in tutto o quasi da esperienze di apprendimento extra scolastico. Solo l'8% degli intervistati attribuisce alla scuola un ruolo fondamentale nell'alfabetizzazione informatica.
Da questi dati si evince l'importanza delle attività di formazione e sensibilizzazione che, nell'anno passato, hanno coinvolto una buona fetta ma non la totalità degli studenti. Sempre secondo la ricerca di Skuola.net, il 58% degli studenti, nell'anno scolastico 2014/2015, non ha ricevuto dalla scuola incontri di formazione sull'uso consapevole della rete. La restante parte invece ha potuto usufruire di queste opportunità formative, anche se 1 si 4 ha deciso di non prendervi parte.

I social network infatti sono ormai diventati uno strumento di comunicazione del tutto integrato nella quotidianità dei teenager.
La stessa Polizia di Stato, quotidianamente, interagisce con i cittadini attraverso le pagine Facebook dell'Agente Lisa e della Polizia di Stato, nonché con il profilo Twitter istituzionale.
Preoccupa in maniera più forte il fenomeno del cyberbullismo: circa 2 ragazzi su 3 ritengono che fenomeni di questo tipo siano in aumento. Infatti la metà di loro ha avuto esperienza diretta o indiretta di fenomeni di questo tipo.
Per questo motivo 4 su 5 accoglierebbero con favore incontri con esperti per formare gli studenti all'uso dei social. Di seguito i dati statistici sul fenomeno del cyberbullismo confrontati con l'anno precedente.
L'intera campagna educativa e le iniziative ad essa connesse sono inoltre condivise sulla pagina Facebook "Una Vita Da Social" che, nel corso dell'ultimo anno, ha raggiunto 700.000 visualizzazioni settimanali sui temi della sicurezza online.

Pubblicato in Cronaca Parma

Domenica 27 settembre al mercato contadino di Carpi un viaggio tra i sapori del mondo riservato ai bambini. L'iniziativa è gratuita e non è richiesta la prenotazione. -

Modena, 25 settembre 2015

Un viaggio tra i sapori del mondo riservato ai bambini di età compresa tra 3 e 10 anni. Lo propone la cooperativa sociale Bottega del Sole di Carpi, specializzata nel commercio di prodotti equo e solidali. L'iniziativa è in programma dopodomani – domenica 27 settembre – dalle 10 alle 13 al mercato contadino, presso il parco Giovanni Paolo II (ex foro boario), in via Alghisi a Carpi. A ogni bambino saranno consegnati una valigetta cartonata e un passaporto con i quali potrà esplorare gli spazi allestiti dalla cooperativa sociale Giravolta, i cui operatori insegneranno a piantare un chicco di riso, disegnare e incollare con polveri speziate, costruire il bastone della pioggia, e via discorrendo. L'iniziativa è gratuita e non è richiesta la prenotazione.

(Fonte: ufficio stampa Confcooperative MO)

Ogni mercoledì di Maggio, a partire dalle 17.00, quattro piazze del centro storico saranno coinvolte per allegre attività dedicate ai più piccoli. Si comincia oggi mercoledì 6 maggio, in Piazza Mazzini, per partire alla grande alla scoperta di un tesoro nascosto. Tutti gli spettacoli sono a ingresso libero e gratuito. -

Modena, 6 maggio 2015 – In allegato scaricabile tutto il programma -

Modenamoremio anche per quest'anno ripropone in centro storico gli appuntamenti con i "Mercoledì di maggio": tutti dedicati al divertimento per i più piccoli, con attività e animazioni negli angoli più suggestivi del centro storico.
Durante i 4 mercoledì di maggio, come vuole la tradizione, la piazza diventerà luogo di incontro per le famiglie: si comincia oggi mercoledì 6 maggio, in Piazza Mazzini, per partire alla grande alla scoperta di un tesoro nascosto. Grazie alla preziosa collaborazione con ANT Italia Onlus – delegazione di Modena, tutti i piccoli partecipanti saranno coinvolti in una CACCIA AL TESORO davvero entusiasmante. Per tutti i bambini presenti in omaggio una gustosa pizza offerta da PizzaALTaglio.

Mercoledì 13 maggio sarà la volta di un divertente spettacolo in Piazza xx settembre dal titolo LA SPESA DI PRIMAVERA. A cura di Staff Oplà di Modena, grandi e piccini potranno trascorrere un piacevole pomeriggio all'interno di un vero e proprio laboratorio di giocoleria dove ci si potrà anche scatenare con la baby dance e cimentarsi in particolari sculture di palloncini. Sempre lo Staff Oplà curerà il divertimento dei più piccoli Mercoledì 20 maggio in Piazza Pomposa grazie allo spettacolo LA PIAZZA MAGICA. Infine Mercoledì 27 maggio al Parco Novi Sad si terrà IL BATTESIMO DELLA SELLA: due simpatici pony faranno la conoscenza di tutti i bambini presenti grazie alla collaborazione con il Circolo Ippico i Pioppi.

Si ricorda che tutti gli spettacoli sono a ingresso libero e gratuito. In caso di maltempo le attività non verranno svolte.
Il programma di spettacoli ideato da Modenamoremio, grazie al contributo di Wamgroup, è un motivo in più per godersi le bellezze del nostro centro storico riscoprendo il piacere di passeggiare all'aria aperta insieme a tutta la famiglia.

locandina meroledi 6 maggio rid

Modenamoremio
Società di Promozione del Centro Storico
Via Scudari, 12 - Modena
Tel. 059.212714 - Fax. 059.4390147
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
www.modenamoremio.it 

(Fonte: ufficio stampa Modenamoremio)

Pubblicato in Dove andiamo? Modena

eUROPA tEATRI, al via la Stagione 2014/2015 di Teatro Ragazzi. Primo appuntamento con I CIGNI SELVATICI sabato 6 e domenica 7 dicembre -

Parma, 5 dicembre 2014 -

Al via la Stagione 2014.2015 di eUROPA tEATRI rivolta ai ragazzi, promossa da Comune di Parma, Provincia di Parma, Regione Emilia-Romagna.

Primo appuntamento al Teatro Europa, in Via Oradour, sabato 6 dicembre ore 21.15 (con replica domenica 7 dicembre ore 16.30) è con "I CIGNI SELVATICI", produzione eUROPA tEATRI, liberamente ispirata alla favola H.C. Andersen, testo e regia Ilaria Gerbella, con Chiara Rubes, musiche originali di Patrizia Mattioli e pupazzi realizzati da Mirella Gazzotti (per bambini dai 6 anni di età).

Cosa di più magico c'è se non aprire un libro e vivere le avventure dei personaggi, essere trasportati nel vento della tempesta in un mare in burrasca, percorrere silenziosamente la strada del cimitero senza che le streghe si accorgano di te, e infine riuscire con il tuo sacrificio a salvare chi ami infrangendo il perfido incantesimo? Così inizia lo spettacolo, con una narratrice e un libro dalle cui pagine scaturiscono i protagonisti della fiaba.

L'anno nuovo si apre con una delle più belle storie di Perrault: domenica 11 gennaio ore 16.30 il Teatrodell'Orsa presenta "POLLICINO", testo teatrale di Bernardino Bonzani e Monica Morini, con Bernardino Bonzani e Franco Tanzi, costruzioni di Franco Tanzi, regia Monica Morini (per bambini di età inferiore ai 6 anni).
Tutto comincia con la Grande Privazione, tanta fame, pochi affetti, niente soldi. Come si fa quando i genitori non ci sono? E quando la crisi rosicchia anche i bisogni più elementari, il cibo, la casa, la scuola? E i fratelli ci aiuteranno?
Una fiaba per vincere la paura, un sentiero di molliche di pane per entrare nel bosco, sapere chi siamo, essere forti anche quando siamo i più piccoli. Come Pollicino occorre ritrovare la strada di casa e, quando proprio non si può fare altrimenti, si deve trovare il coraggio di affrontare l'orco.

Sabato 17 gennaio ore 21.15 (con replica domenica 18 gennaio ore 16.30) Europa Teatri presenta "HÄNSEL E GRETEL", liberamente ispirato alla fiaba dei Fratelli Grimm, con Marco Musso e Chiara Rubes, testo e regia Ilaria Gerbella (per bambini dai 6 anni di età).
Con "Hänsel e Gretel" ci si trova di fronte a una classica fiaba iniziatica; segni inequivocabili sono l'abbandono dei bambini nel bosco e il raggiungimento della casetta nella foresta. La storia descrive inequivocabilmente un percorso di crescita e il passaggio da una condizione infantile a una adulta. In scena i due attori assumeranno nel corso dello spettacolo le sembianze dei vari personaggi della fiaba: i genitori, la strega, gli animali del bosco.

Sabato 7 febbraio ore 21.15 (con replica domenica 8 febbraio ore 16.30) Europa Teatri presenta, per bambini dai 6 anni di età, "MANI D'ARGENTO", di e con Chiara Rubes e Franca Tragni. Se una storia è un seme, noi siamo il suo terreno, e ascoltando la storia riusciamo ad esperirla come se noi stessi fossimo l'eroe e l'eroina che alla fine vince. All'eroina di questa rocambolesca fiaba vengono, complice un padre poco accorto, tagliate le mani. Da lì una serie di peripezie la portano ad allontanarsi dalla famiglia e, attraverso molte cadute e risalite con interventi magici o di pazienza, astuzia, si arriva alla risoluzione felice: le mani ricrescono in materiale assai più prezioso che all'inizio, d'argento appunto. La fiaba sembra voler dire: realizzarsi significa non tanto non cadere, ma alzarsi ogni volta e imparare. Tra paura e stupore, gli eventi si snocciolano nel racconto e nello spettacolo in un gioco emozionante e coinvolgente di luci e ombre.

Al termine degli spettacoli, ogni domenica alle ore 17.45, si svolgerà un ciclo di incontri sulla fiaba, curato dall'antropologa Antonella Azzali, intitolato "TI RACCONTO...LA VITA", una serie di momenti di riflessione sui contenuti della fiaba e i suoi insegnamenti simbolici.
Questo il calendario degli incontri: LA METAMORFOSI (7 dicembre), SUPERARE L'ORCO (11 gennaio), CRESCERE – dalla dipendenza all'autonomia (18 gennaio), INIZIAZIONE ALLA RESISTENZA (8 febbraio).

Prezzo biglietti: 8,00 Euro adulti - 6,00 Euro ridotto bambini
Associati al Consorzio Solidarietà Sociale e Forum Solidarietà (1 bambino+1 adulto) 10,00 Euro

Info e prenotazioni: Europa Teatri, Via Oradour 14 – Parma, Tel. 0521-243377
www.europateatri.it

(Fonte: leStaffette ufficio stampa)

Pubblicato in Dove andiamo? Parma

Trentasette bambini provenienti dai campi profughi sahrawi sono stati ospitati nei giorni scorsi da famiglie della nostra provincia. Il progetto punta ad allontanare i giovani dal caldo estivo del deserto del Sahara e a sensibilizzare i cittadini sulle condizioni di vita di questo popolo.

Reggio Emilia, 22 luglio 2014 – di Ivan Rocchi

"Per questi bambini il soggiorno non è semplicemente una vacanza, ma risponde ad obiettivi importanti: la possibilità di avere una migliore alimentazione, di sottoporsi a controlli medici di base, di conoscere un diverso ambiente naturale e climatico". L'assessore comunale alla Città internazionale Serena Foracchia ha spiegato così l'accoglienza a Reggio di 37 bambini provenienti dai campi profughi sahrawi. Nelle scorse settimane i giovani sono stati ospitati da diverse famiglie della nostra provincia grazie all'associazione Jaima Sahrawi e in collaborazione con la rappresentanza in Italia del Fronte Polisario, il movimento politico che si batte per l'indipendenza del Sahara occidentale.

Infatti, circa 300.000 sahrawi vivono dal 1975 in campi profughi nel deserto algerino del Sahara occidentale, scampati all'esercito marocchino. I ragazzi provengono dal campo profughi di Smara, situato nell'estremo sud dell'Algeria, un luogo dove nei mesi di luglio e agosto si raggiungono temperature oltre i 40 gradi.

Recentemente, i 37 bambini e i loro 7 accompagnatori sono stati invitati in Municipio dall'assessore Foracchia e dall'assessore alle Infrastrutture e beni comuni Mirko Tutino. Ad attendere i ragazzi c'erano anche Francesca Palombi, dell'ufficio minori del Ministero delle Politiche sociali, i parlamentari Maino Marchi e Antonella Incerti, Andrea Costa, sindaco di Luzzara, e Mirella Rossi, assessore alla Scuola, pace e diritti umani di Albinea. In veste di ambasciatori di pace, i bambini indossavano gli abiti tradizionali e hanno esposto la bandiera del popolo Sahrawi.

Il legame che unisce la nostra regione e la città di Reggio con il popolo sahrawi risale a più di 15 anni fa. Tra i soggetti più attivi c'è proprio l'associazione Jaima Sahrawi, nata a Reggio Emilia nel 2000, che ha l'obiettivo di far conoscere e sostenere la lotta per la pace e l'autodeterminazione di questo popolo. E adesso anche diversi comuni del territorio provinciale hanno abbracciato la causa. Per esempio, a Scandiano è stata recentemente inaugurata, a Scandiano, una via intitolata al "Popolo Sahrawi", mentre a Luzzara e a Gualtieri sono state collocate targhe con la scritta "Comune amico del Popolo Sahrawi".

Pubblicato in Cronaca Reggio Emilia
Pagina 7 di 7