Visualizza articoli per tag: Territorio Pavullo MO

 

Escursioni e lezioni per i più piccoli nel solco della tradizione di Pavullo verso il ciclismo. Uno staff di alto livello per incrementate l'uso della bicicletta in tutto il Frignano -

 

Pavullo nel Frignano 25 marzo 2014 -

Con il supporto all’organizzazione dell'ultima tappa, della “Settimana Ciclistica Internazionale Coppi e Bartali”, una cronometro con arrivo al Castello di Montecuccolo, in programma a Pavullo domenica 30 marzo, inizia la stagione per l’Unione Sportiva Pavullese, società nata lo scorso anno dalla fusione fra Frignano Bike e Cimone Mtb e che conta oltre 180 tesserati. Il sodalizio, che è intitolato alla memoria di Romeo Venturelli, organizza inoltre escursioni su tutto il territorio nazionale e un corso di mountain bike per bambini e ragazzi nati entro il 2008, che si terrà, da 1 maggio a metà luglio, nelle serate di lunedì e giovedì dalle 18,30 alle 20,30. Gli allievi, saranno seguiti sempre dallo staff di maestri e accompagnatori del Centro Nazionale di Mtb – Unione Sportiva Pavullese diplomati Uisp/Coni e formati dalla più prestigiosa scuola di mountain bike d’italia ovvero l’Ami,  la Scuola Nazionale Maestri di mountain bike. Nel corso delle uscite i ragazzi apprenderanno, oltre a nozioni sulla tecnica di guida, informazioni basilari sul codice della strada, il rispetto e la tutela dell’ambiente e le operazioni di riparazione di una foratura. Per maggiori informazioni sono a disposizione i numeri320 3082600 e 335 6088083.  Nel 2014 inoltre l’Us Pavullese, diventerà ufficialmente Scuola di Ciclismo Uisp. 

La  società nella nuova stagione, ha inoltre l’obiettivo di incrementare ancora il numero di iscrizioni e più in generale l’utilizzo della bicicletta nella zona del Frignano, e la speranza di avere finalmente un’area riservata,  in cui creare una sede ufficiale e un percorso permanente di mtb/pump track.

 

(Fonte: ufficio stampa Comune di Pavullo nel Frignano (Mo))

 

L'esercitazione è stata promossa dall'Amministrazione Comunale, in collaborazione con i Dirigenti Scolastici i Responsabili della Sicurezza e con le associazioni di volontariato, per testare l'efficacia del piano di protezione civile e i tempi di risposta del sistema, per liberare gli edifici interessati.

 

Pavullo, 24 marzo 2014 -

Si è tenuta venerdì 21 marzo a Pavullo, coinvolgendo tutte le scuole di ogni ordine e grado, una prova di evacuazione senza preavviso, con simulazione di un evento sismico. L'esercitazione è stata promossa dall’Amministrazione Comunale, in collaborazione con i Dirigenti Scolastici i Responsabili della Sicurezza e con le associazioni di volontariato, per testare l’efficacia del piano di protezione civile e i tempi di risposta del sistema, per liberare gli edifici interessati. Il numero di persone evacuate è stato di circa 1.500. In particolare, il complesso costituito dalle Scuole secondarie di primo grado Montecuccoli e secondarie di secondo grado Marconi e Cavazzi – Sorbelli, ha raggiunto il punto di ritrovo stabilito dal Piano, situato presso il piazzale dello stadio comunale Minelli, mentre le scuole primarie si sono recate ognuna presso il proprio punto assegnato. La prova, che si è svolta in modo ordinato, ha inoltre consentito di testare la viabilità lungo i tratti interessati dal transito dei ragazzi delle scuole.

 

 

 

 

L'atto, vuole tutelare il tessuto produttivo del Frignano, soprattutto in questo particolare momento di difficoltà, contro la concorrenza sleale portata da chi non ha qualifiche e competenze per poter esercitare mestieri e professioni che necessitano, invece di preparazione e conoscenza.

Pavullo, 17 marzo 2014 -

Venerdì 14 marzo, a Pavullo, presso la sala consiliare dell'Unione dei Comuni del Frignano, è stato firmato un protocollo d'intesa per contrastare il fenomeno dell'abusivismo nelle professioni e nelle imprese. L'atto, vuole tutelare il tessuto produttivo del Frignano, soprattutto in questo particolare momento di difficoltà, contro la concorrenza sleale portata da chi non ha qualifiche e competenze per poter esercitare mestieri e professioni che necessitano, invece di preparazione e conoscenza. Il fenomeno, purtroppo in intensificazione, può portare, anche inconsapevolmente, a favorire fenomeni molto gravi, come lo sfruttamento della manodopera, il lavoro nero e l'evasione fiscale e può determinare anche pericoli per la salute. Il protocollo è stato firmato dal Presidente dell'Unione dei Comuni e Sindaco di Pavullo, Romano Canovi, dal Comandante del Corpo Unico di Polizia Municipale del Frignano, Pierpaolo Marullo, da Ermanno Brusiani, Presidente di Cna Pavullo e da Gabriele Soci, Direttore di Confesercenti Pavullo. Con esso le associazioni si impegnano, in accordo con l'Unione dei Comuni, ad attuare una campagna informativa, a istituire presso le sedi un punto di raccolta per le segnalazioni di attività irregolari, di inviare alla Polizia Municipale le informazioni raccolte i base a precisi riscontri e a proseguire nell'opera di sensibilizzazione presso gli associati, per un'attività rispettosa di leggi e normative. L'Unione dei Comuni, da parte sua, promuoverà presso i comuni membri l'adozione di provvedimenti specifici per rendere restrittivo il divieto di vendita di prodotti o servizi di chi non sia specificatamente autorizzato e istituirà un tavolo tecnico a cadenza semestrale, per verificare l'efficacia delle operazioni svolte e per programmare eventualmente ulteriori iniziative. Il Corpo Unico di Polizia Municipale del Frignano, infine, svilupperà le informazioni ricevute dalle associazioni, per accertare eventuali violazioni alle procedure amministrative in vigore.

 

(Fonte: ufficio stampa Comune di Pavullo nel Frignano (Mo))

 

Sostanzialmente positiva la valutazione di CNA, che per il futuro richiese un passo in più sul fronte della riduzione di imposte e burocrazia -

Pavullo, 11 marzo 2014 -

E' una valutazione sostanzialmente positiva quella che Ermanno Brusiani, presidente della CNA di Pavullo, dà del bilancio preventivo comunale.
"Sono sicuramente segnali positivi quelli lanciati dal Comune di Pavullo nel bilancio preventivo presentatoci nei giorni scorsi dal sindaco Romano Canovi. Il contenimento delle spese, perseguito ad esempio attraverso la gestione e l'utilizzo dei servizi comuni all'interno dell'Unione, rappresenta un modalità positiva di gestione della macchina amministrativa. Ma adesso occorre fare un passo in più: serve, anche a livello locale, una vera riduzione delle imposte e della burocrazia: il fatto che, tra il 2012 ed il 2013, nella sola zona del Frignano le imprese siano diminuite del 3,1% e gli occupati del 2,4%, dipende anche da questi fattori. Non è più ammissibile che a un piccolo imprenditore occorrano circa 280 giorni di lavoro per saldare i conti del fisco".
Secondo l'Associazione, dunque, pur apprezzando l'impegno del Comune di Pavullo a non aumentare i tributi alle categorie produttive a proposito dell'applicazione della Tasi, rimane questo problema più generale da affrontare, una situazione grave, come ha testimoniato la partecipazione in massa di imprenditori dell'Appennino alla manifestazione nazionale di Rete Imprese Italia del 18 febbraio scorso a Roma.
La valutazione positiva del bilancio, in ogni caso, va di là dall'impegno a non aumentare la Tasi. "Condividiamo – rileva ancora Brusiani – l'aumento degli stanziamenti per l'assistenza agli anziani e all'infanzia, così come riteniamo importanti gli investimenti che l'amministrazione di Pavullo ha intenzione di mettere in campo nei prossimi mesi sul territorio comunale, interventi che potranno generare lavoro e occupazione per le imprese locali. E in questa direzione va anche la conferma dello stanziamento anche quest'anno dei fondi, gestiti dall'Unione, per l'abbattimento dei tassi d'interesse sui finanziamenti alle imprese".
Apprezzabile, secondo CNA, anche la volontà espressa di Canovi di contribuire al sostegno dell'Associazione "tutti per Pavullo" per la promozione del territorio, con l'organizzazione di manifestazioni ed eventi utili a dare opportunità al mondo del commercio.

 

(Fonte: L'Ufficio Stampa CNA MO)

 

Martedì 11 marzo a causa dell'installazione del nuovo server possibili disagi in molti uffici del Comune di Pavullo nel Frignano. Martedì 18 marzo chiusi per il trasloco dell'archivio gli uffici Edilizia Privata e Urbanistica e lo Sportello Catastale del Frignano -

 

Pavullo, 10 marzo 2014 -

A causa dell'installazione del nuovo server, nella mattinata di martedì 11 marzo, potranno verificarsi interruzioni nei servizi di molti uffici del Comune di Pavullo. La migrazione dei dati, infatti, comporterà un periodo di fermo delle procedure coinvolte interessando gli uffici Segreteria, Contabilità, Personale, Rette scolastiche, Servizi Demografici, Pratiche Edilizie e Beni Mobili e Immobili. Per evitare inutili disagi ai cittadini, si consiglia di telefonare preventivamente ai numeri 0536 29911 e 0536 29977, per verificare la funzionalità dei servizi coinvolti.
Martedì 18 marzo, inoltre, a causa del trasloco dell'archivio, saranno chiusi al pubblico gli uffici di Edilizia Privata/Sue e Urbanistica e lo Sportello Catastale Decentrato del Frignano.

(Fonte: ufficio stampa Comune di Pavullo nel Frignano)

 

Sabato, 08 Marzo 2014 18:27

Pavullo, possibili disagi in Comune

 

Martedì 11 marzo a causa dell'installazione del nuovo server possibili disagi in molti uffici del Comune di Pavullo nel Frignano. 

Martedì 18 marzo chiusi per il trasloco dell'archivio gli uffici Edilizia Privata e Urbanistica e lo Sportello Catastale del Frignano.

- Pavullo 08 Marzo 2014 ----

A causa dell'installazione del nuovo server, nella mattinata di martedì 11 marzo, potranno verificarsi interruzioni nei servizi di molti uffici del Comune di Pavullo. La migrazione dei dati, infatti, comporterà un periodo di fermo delle procedure coinvolte interessando gli uffici Segreteria, Contabilità, Personale, Rette scolastiche, Servizi Demografici, Pratiche Edilizie e Beni Mobili e Immobili. Per evitare inutili disagi ai cittadini, si consiglia di telefonare preventivamente ai numeri 0536 29911 e 0536 29977, per verificare la funzionalità dei servizi coinvolti.

Martedì 18 marzo, inoltre, a causa del trasloco dell'archivio, saranno chiusi al pubblico gli uffici di Edilizia Privata/Sue e Urbanistica e lo Sportello Catastale Decentrato del Frignano.

(Fonte Comune Pavullo nel Frignano)

In un anno l'aumento delle prenotazioni è stato di 36.045 unità, pari a un +5,30% totale. "Professionalità e comodità di accesso, i due requisiti più apprezzati" -

 Modena, 25 febbraio 2014 -

Continua a crescere il numero delle prenotazioni di visite ed esami specialistici effettuate nelle farmacie del territorio. Confrontando i dati del 2012 con quelli del 2013, emerge che l'incremento è stato di 36.005 unità, pari ad un +5,30%. In valore assoluto si è passati da 679.747 prenotazioni a 715.792. Dall'analisi dei dati risulta anche evidente che le pesanti conseguenze derivanti dal terremoto, almeno in questo ambito, appaiono superate, tanto che il maggior incremento percentuale, +25%, si registra nel distretto che ha subito maggior danni, vale a dire quello di Mirandola.

"Si tratta di un dato che, ancora una volta, evidenzia il gradimento da parte dei cittadini rispetto alla opportunità di effettuare le cosiddette prenotazioni CUP nell'ambito del Sistema Sanitario Nazionale entrando in una farmacia. Le motivazioni di questo crescente successo credo siano molteplici. Sicuramente c'è la comodità: le farmacie sono presenti in modo omogeneo in tutto il territorio, anche nei comuni o nelle frazioni di minori dimensioni; inoltre gli orari, molto flessibili e prolungati, semplificano non poco la vita soprattutto a chi lavora" spiega Silvana Casale, presidente di Federfarma Modena, l'Associazione che riunisce la totalità dei titolari di farmacie private. "Ma l'elemento per me più importante è il luogo dell'erogazione del servizio. La farmacia è parte integrante del Servizio Sanitario Nazionale ed ha una funzione che è eminentemente di interesse pubblico. Al suo interno opera il farmacista che, con il medico di medicina generale, rimane il primo punto di riferimento per i cittadini in ambito sanitario. Spesso al rapporto professionale si somma un solido rapporto fiduciario" prosegue la Casale.

Scorrendo i dati emerge che in valori assoluti il distretto nel quale nel 2013 sono state effettuate più prenotazioni CUP è quello di Modena con 151.375, seguono Carpi con 144.747, Sassuolo (141.812), Mirandola (91.952), Castelfranco Emilia (74.260), Vignola (81.429) e, in chiusura, Pavullo con 30.217 prenotazioni.

Schermata 2014-02-25 alle 15.49.41

Interessante è anche l'analisi delle tendenze per singoli distretti. In tutti, sia pure con differenze percentuali anche rilevanti, si registrano incrementi. In questa classifica, come già ricordato, si colloca al primo posto il distretto di Mirandola, che passa dalle 73.807 prenotazioni del 2012 alle circa 92.000 del 2013, con una differenza di 18.145 unità pari ad un +24,58%. Si ricorda che in questo distretto, nel confronto dati tra il 2011 e il 2012, si era registrata una contrazione dell'11%, dovuta al sisma del maggio 2012 che aveva colpito il territorio della Bassa, con 21 farmacie evacuate su 150 di cui 17 solo nel distretto di Mirandola. Si registrano significativi incrementi anche nei distretti di Vignola (+8,43%), di Pavullo (+6,85%), di Modena (+2,70%), di Carpi con il 2,08% e di Castelfranco Emilia con il 2.37%. Pressoché invariato il valore di Sassuolo, che registra un +0,62%.

"Prendendo spunto da questi dati, colgo l'occasione per rinnovare il nostro impegno a favore della farmacia dei servizi, un luogo cioè dove la gente oltre ai farmaci può ricevere una risposta più complessiva in termini di servizi dedicati alla salute. Il nostro auspicio è che il proficuo dialogo attivato in questi anni con l'Azienda Usl di Modena possa trovare nuovo slancio sia in un'ottica di integrazione ulteriore tra il servizio sanitario pubblico e la rete delle farmacie, sia come opportunità per razionalizzare l'utilizzo delle risorse a disposizione" ha concluso Silvana Casale.

(Fonte: ufficio stampa Federfarma Modena)

 

La Giunta Municipale di Pavullo, ha approvato, come anticipato nei giorni scorsi, il progetto definitivo per la realizzazione della variante del Carrai, uno dei punti critici della viabilità pavullese.

Pavullo, 19 febbraio 2014 -

Il progetto è stato redatto dallo studio di progettazione individuato dal Comune, seguendo le indicazioni e le direttive di Anas. Con questo importante provvedimento, l' Amministrazione Comunale ha messo in condizione Anas di procedere nei successivi adempimenti: il reperimento delle risorse finanziarie necessarie e l'esecuzione dei lavori. Al momento il progetto predisposto non necessita di ulteriori modifiche. In questi giorni, inoltre, è stata affidata anche l'esecuzione della perizia archeologica richiesta dalla Sovrintendenza, che avverrà non appena le condizioni atmosferiche lo consentiranno.
"Il progetto – spiega l'Assessore ai lavori pubblici Stefano Scaruffi – prevede l'allargamento della sede stradale, in uscita da Pavullo verso Modena, fino all'incrocio con via Molino Galeotto. Da quel punto si abbandonerà il vecchio tracciato, che rimarrà in uso per i soli residenti, e sarà realizzata una galleria artificiale di poco più di un centinaio di metri, ubicata dove attualmente si trova il vecchio tunnel costruito prima della seconda guerra mondiale, durante i lavori per la ferrovia Modena – Pavullo, mai terminata. Dopo l'uscita della galleria, la sede stradale sarà allargata e sarà raddrizzata la curva verso sinistra che precede la località Acquabona".
"Siamo soddisfatti, - conclude l'Assessore Scaruffi - perché dopo due anni di lavoro e rispettando gli impegni presi con i cittadini, siamo arrivati a un vero e proprio punto di svolta. Ora, infatti, possiamo presentarci ad Anas per chiedere che l'opera sia finanziata al più presto e che sia inserita nella programmazione per il 2014".

(Fonte: ufficio stampa Comune di Pavullo)

 

Andamenti positivi nell'abbigliamento per bambini, calzature sportive e capospalla. In calo intimo e valore medio scontrino. Tengono le zone di Carpi, Pavullo e Modena. Decisamente negativo il trend nella zona di Vignola -

Modena, 17 febbraio 2014 -

Fanno i conti con il difficile momento economico e la ridotta capacità di spesa delle famiglie modenesi i saldi invernali. A poco più di un mese dall'avvio le tradizionali vendite di fine stagione fanno registrare sul territorio un calo del 20% rispetto al 2013. A rilevarlo è FISMO-Confesercenti Modena che ha tracciato un primo bilancio dal monitoraggio di oltre un centinaio di imprese del settore moda-abbigliamento e calzature, dalla montagna alla pianura, passando ovviamente per il capoluogo e i maggiori centri della provincia.

L'andamento per settori merceologici
Vanno molto a rilento le vendite tra i capi di abbigliamento classici invernali sia per uomo che per donna: dalle giacche, alle camice, dai pantaloni, agli abiti. Anche l'intimo segna il passo così come gli articoli da merceria. Tiene bene con punte d'incremento, guardando sempre all'inverno precedente l'abbigliamento per bambini: settore in cui gli acquisti prevalenti sono rappresentati da capi di taglie superiori da far utilizzare ai figli piccoli l'anno prossimo. Mostrano solida stabilità gli affari tra i capi di maglieria classica mentre risultano contrassegnati da segno "+" la vendita di giacconi e capospalla in generale e quella di calzature, in particolare quelle sportive genere sneakers. Quanto al valore medio dello scontrino, siamo fino ad oggi intorno ai 55 euro. Anche se la maggior parte degli operatori monitorati, il 60% circa, non ha difficoltà a dichiarare un calo rispetto all'anno passato del 15%.

L'andamento nelle diverse aree della provincia
Sono le zone di Modena, Carpi e Pavullo quelle dove il trend delle vendite di fine stagione si conferma sostanzialmente stabile. In tutte lo sconto medio applicato è del 30%; varia invece l'importo medio dello scontrino: 65 euro nel primo caso, 80 euro nel secondo e 40 nel terzo. Meno bene nell'area di Vignola dove le vendite in occasione dei saldi sono scese del 20% come pure il valore dell'importo, assestandosi intorno ai 55 euro. Male il comprensorio ceramico – Sassuolo, Formigine, Maranello – che oltre ad un calo degli affari del 15%, la cifra spesa per i saldi si aggira intorno ai 44 euro: al di sotto cioè della media provinciale.

"Si giunge ormai ai saldi di fine stagione – dichiara FISMO-Confesercenti Modena – dopo mesi di vendite promozionali, sempre più diffuse e ravvicinate alle date di partenza. Senza contare che a depotenziarli contribuiscono anche le spese sostenute in occasione delle festività natalizie, la data di avvio già prima dell'epifania, alla pressione fiscale... elementi che condizionano la volontà oltre che la capacità di acquisto dei consumatori. Rimane poco meno di un mese ancora e con percentuali di sconto più elevate, con l'auspicio che possano rappresentare un po' più di ossigeno per le imprese modenesi del settore".

(Fonte: ufficio stampa Confesercenti Modena)

 

Domenica, 09 Febbraio 2014 14:04

Pavullo, incontro con l'Arcivescovo di Modena

 L'Arcivescovo di Modena incontra le autorità cittadine di Pavullo nell'ambito della Visita Pastorale

- Pavullo, 9 febbraio 2014 - 

Martedì prossimo, 11 febbraio, alle 18, presso la sala consiliare del municipio di Pavullo, l'Arcivescovo di Modena – Nonantola, Mons. Antonio Lanfranchi, incontrerà le autorità cittadine, nell'ambito della Visita Pastorale al Vicariato di Pavullo, iniziata sabato 8 febbraio e che si concluderà, dopo una lunga serie di incontri e visite alle parrocchie, sabato 5 aprile. La visita di Mons. Lanfranchi è iniziata sabato pomeriggio con la Messa di inizio, alle 17 presso la chiesa parrocchiale di San Bartolomeo ed è proseguita domenica 9 con la giornata dell'ammalato, durante la quale il Vescovo Antonio ha incontrato, in mattinata, i degenti dell'ospedale, mentre nel pomeriggio, alle 16 ha celebrato una messa sempre all'interno dell'istituto di cura, seguita, alle 17, da un incontro con i dirigenti e gli operatori sanitari. Lunedì, invece, si sarà la visita alle case di riposo "Francesco e Chiara", "Villa Frignano" e "Fili d'Argento". In serata, presso la parrocchia di Monteobizzo, l'incontro con le famiglie. Si parlerà di "Emergenza Educativa", con gli interventi del vicepreside dell'istituto "Marconi" Vincenzo Ricci, della psicologa Maria Rignanese e dell'assistente sociale Laura Bastai. Martedì, prima dell'incontro istituzionale, Mons. Lanfranchi incontrerà al mattino gli studenti delle scuole superiori "Cavazzi – Sorbelli" e "Marconi" e visiterà alcune fabbriche del territorio. Dopo l'appuntamento in municipio, alle 20,30, presso l'oratorio di Monteobizzo, il confronto con il mondo associativo e delle categorie. La Visita Pastorale, poi, proseguirà giovedì 20 febbraio con due incontri. Al mattino alle 9,30, a Monteobizzo, quello con i sacerdoti e i diaconi; in serta, alle 20,30, presso la chiesa di San Bartolomeo, quello con i catechisti e gli educatori.
Il programma completo della Visita Pastorale è consultabile sul sito internet del Comune di Pavullo: www.comune.pavullo-nel-frignano.mo.it, nella sezione incontri ed eventi.

(Fonte Comune di Pavullo)