Il Presidente della Provincia di Parma Diego Rossi replica all'attacco del Comitato e all'interrogazione di Rainieri. "Sui sensori o su altri dispositivi decidono i nostri tecnici, di concerto con la Provincia di Cremona. Non sono indispensabili per la riapertura del ponte. Non siamo tutti ingegneri, a ciascuno il suo mestiere. Il cantiere sta andando come un orologio, se continuiamo così i tempi saranno rispettati."

Parma, 12 marzo 2019 – Il Presidente della Provincia di Parma Diego Rossi replica all'attacco che il Comitato Treno Ponte Tangenziale, tramite il suo Presidente Paolo Antonini, ha lanciato nei giorni scorsi dalla pagina online di OglioPoNews e all'interrogazione che il consigliere Fabio Rainieri (Lega) ha presentato in Regione.
Antonini e Rainieri hanno sollecitato la Provincia ad emettere un bando per l'acquisto di sensori per il controllo della stabilità del ponte sul Po di Colorno - Casalmaggiore, ponte che è oggetto, come è noto, di lavori di ripristino, ventilando un allungamento dei tempi.

"La Provincia di Parma sta gestendo al meglio la situazione – replica il Presidente Rossi –Bisogna farsene una ragione: non siamo tutti ingegneri. Finora i nostri tecnici hanno dato buona prova: il bando di gara è stato condotto bene, ha già superato gli scogli del Tar e del Consiglio di Stato. Il cantiere va come un orologio, operano contemporaneamente sul ponte 50 operai e 15 mezzi d'opera; l'organizzazione è notevole, si lavora con la massima attenzione alla sicurezza, come richiesto dai servizi Ausl, che hanno già effettuato numerosi sopralluoghi; più passa il tempo e più aumenta la certezza di arrivare a fine lavori nei tempi previsti. Anche le condizioni meteo ci stanno aiutando. Dunque, perché questi attacchi da parte del Comitato e del consigliere regionale Rainieri? "

Rossi entra anche nel merito del tema dei sensori: "Non è vero che il ponte non potrà riaprire al traffico senza sensori, che servono invece sul lungo periodo – continua il Presidente della Provincia di Parma – Decideranno i nostri tecnici quale tipo di sensori occorreranno per il monitoraggio continuo del ponte e se per acquistarli sia necessaria una gara oppure no: stiamo studiando la soluzione più opportuna con l'Università di Parma, che ci ha messo a disposizione esperti di alto profilo. Ci sono varie possibilità tecniche, che vengono tutte vagliate, di concerto con la Provincia di Cremona. In ogni caso, si tratta di costi molto superiori di quanto pensino il Comitato e Rainieri. Non siamo tenuti a spiegare in anteprima le nostre procedure al Comitato, dobbiamo semmai renderne conto sia all'Anac (Autorità Anticorruzione) sia alla Corte dei Conti. Ciò che deve importare è che la riapertura sia entro i termini e in condizioni di piena sicurezza, con la strumentazione di controllo più idonea. Si sta studiando anche il problema del controllo del peso dei mezzi in relazione al limite di portata del ponte, e le eventuali misure sanzionatorie."

Nella foto: Il cantiere del Ponte sul Po di Colorno - Casalmaggiore - marzo 2019

Nostro malgrado ci tocca ancora una volta denunciare episodi d'inciviltà e vandalismo nel nostro comune. Questa volta ad essere presa di mira è la chiesa di Santo Stefano che costeggia il torrente Parma. La chiesa era stata già nel marzo del 2017 oggetto di writers decisamente poco fantasiosi. Questa volta la storia si è ripetuta con ulteriori graffiti che si sono aggiunti a quelli già presenti e mai rimossi.

La chiesta dalla misteriosa bellezza, ispirata all'estetica della perfezione dei classici greci e romani, baciata dalle acque del torrente e sinuosa dalle forme neoclassiche, fu la prima sede parrocchiale del comune fino al 1582. Costruita in epoca remota fu agibile fino al 2012, ma il terremoto le provocò ingenti danni e definitivamente ne fu inibito l'accesso.

Un'altro bene storico e culturale del nostro territorio, aimè lasciato a se stesso, vilmente abbandonato. Oltre ai graffiti sulla facciata che costeggia il Parma, dagli svariati colori, bottiglie di alcolici sostano indisturbate da tempo sui muri dell'edificio sacro (si narra ora non lo sia più e che sia stato sconsacrato). Vetri e rifiuti oggi fanno da cornice ad un manufatto artistico che in epoca remota fu splendente, ed oggi invece giace come tanti altri nel più totale degrado.

Davvero un bel biglietto da visita per tutti quei turisti che dopo un giro alla reggia, decidono di fare una passeggiata sull'argine che costeggia il torrente parma.

Il coordinamento del gruppo

Amo - COLORNO

 

Graffiti_chiesa_Colorno_mar19-received_2578262552248766.jpeg

Pubblicato in Cronaca Parma
Giovedì, 07 Marzo 2019 16:14

Sciopero 8 marzo TreNord TrenItalia

Venerdì 8 marzo alcuni sindacati annunciano uno sciopero generale sul servizio ferroviario. Lo sciopero avrà inizio a mezzanotte e dovrebbe avere conclusione alle ore 21 con le solite corse garantite comunicate dal fornitore del servizio ferroviario nelle fasce orarie dalle 6 alle ore 9 e dalle 18 alle ore 21.

Senza nulla togliere alle motivazioni dell'ennesimo sciopero dei dipendenti ferroviari siamo a registrare l'ennesimo disagio annunciato per tutti i pendolari ed in particolar modo ci riferiamo doverosamente ancora una volta alla solita tratta "Parma - Brescia". L'ennesimo disagio che va ad accumularsi ai soliti ritardi e alle soppressioni ormai quotidiane dei treni.

Mentre ormai i viaggiatori convivono perennemente con un servizio da terzo mondo, arriva per le tratte a lunga percorrenza, un regalo decisamente poco gustoso, che sa di beffa, offerto per la ricorrenza della festa della donna. Parliamo di una semplice caramella gelee al limone che Trenitalia avrebbe voluto regalare a seguito di una costosa consumazione nell'area bar dei treni Frecciarossa. "Avrebbe" perché dopo l'indignazione sui social di tantissime mamme viaggiatrici e non, tutto è stato annullato. Rimane invece il disagio dello sciopero di giorno 8 marzo, proprio in concomitanza con la festa della donna. Un dono decisamente meno succoso della caramellina Cafferel che Trenitalia avrebbe voluto regalare.

Trenitalia e Trenord hanno davvero tanto da farsi perdonare. Negli ultimi anni i disservizi sono stati troppi. Avrebbero dovuto far viaggiare gratuitamente per l'8 marzo tutte le donne, e magari scontare del 50% tutte le tratte più lunghe e costose. Per le donne in possesso di abbonamento avrebbero dovuto garantire uno sconto almeno del 20% per gli abbonamenti successivi. Questo sarebbe stato un modo intelligente per festeggiare la festa della donna e per cercare di riprendere quel minimo di immagine che da anni ormai hanno smarrito, ridando parte di dignità alle viaggiatrici.

Una caramella non può e non potrà mai ripagare quello che stanno passando i pendolari.

Una speranza tuttavia per Trenord ancora c'è. Faccia in modo che le tre sigle sindacali spostino il loro sciopero. Questo si che sarebbe un regalo gradito dalle donne che del treno usufruiscono quotidianamente.

Il coordinamento del gruppo

AMO - COLORNO

Quando ai tempi di Maria Luigia costruirono la Reggia sul torrente Parma, le acque che scorrevano avevano poca escursione di portata tra l'estate e l'inverno. Le piene di allora non arrivavano mai a sfiorare il cortile della Reggia ed anzi, attraverso opportune traverse a valle, anche nei periodi di magra riuscivano a mantenere un livello di acqua tale da consentire l'utilizzo di barche. Tant'è che Maria Luigia da lì, via acqua arrivava al Po e poi a Venezia.

Poi costruzioni selvagge nei secoli successivi restrinsero l'alveo di monte e le portate aumentarono a dismisura, così che sotto le arcate della Reggia si costruirono muri a difesa dalle piene. Un obbrobrio architettonico di quelli che non vorresti mai vedere su un manufatto storico di inestimabile bellezza, non a caso soprannominato "la piccola Versailles". Un modus operandi che ha deturpato uno dei più importanti monumenti d'Italia. Riportare lo stato della Reggia ai tempi che furono, è da considerare assoluta priorità. Per farlo occorre mettere in sicurezza Colorno dalle piene, realizzano esondazioni controllate a monte, nell'ottica di un Federalismo Fluviale che obblighi i territori a trattenere le proprie preziosissime acque piovane il più possibile, rilasciando a valle solo la portata minima vitale o la massima ammissibile nei periodi più piovosi. Il concetto del federalismo fluviale è strettamente propedeutico allo sviluppo di un serio progetto di scolmatura delle acque, in aree non o poco antropizzate, al fine di ridurre le portate di acqua, e di consentire anche a mezzo di laghetti la possibilità di fare scorta d'acqua per i periodi siccitosi e ad uso irriguo per i campi.

Occorre ricordare che le aree controllate esondabili, non saranno mai sminuite nel loro valore. Non si andranno mai a creare territori di serie "A" o serie "B", anzi i luoghi scelti, grazie alla copiosa fornitura idrica saranno sempre più appetibili per uso agricolo. Non è possibile cementificare dappertutto. Occorre un rispetto doveroso di normative vigenti che prevedono aree verdi e/o "selvagge" per ogni tot. di mq di cemento gettato. L'uomo si sta continuando ad impossessare di aree naturali, privando di habitat le varie specie animali, e continuando a edificare senza nessuno scrupolo.

In pratica grazie alle esondazioni controllate, si riporterà il torrente vicino al corso che natura gli diede. Oggi purtroppo sempre più ingegneri si disinteressano del mondo in cui viviamo e della vera sicurezza dei territori, impegnandosi solo a realizzare opere idrauliche insufficienti, a volte poco sicure, ma di sicuro e forte nocivo imbatto ambientale. In molti ad esempio, dopo aver incanalato l'alveo, credono di porvi rimedio con immense casse di espansione. Casse che furono inventate, giustamente, per impianti fognari con acque bianche. Il nome "cassa" deriva dalla forma a parallelepipedo delle vasche in cemento armato a supporto delle fogne.

Casse di espansione che fermano solo temporaneamente il picco di piena, facendolo poi disperdere in mare, senza alcuna possibilità di conservazione o di rimpinguamento concreto delle falde. L'acqua, bene prezioso e sempre più raro. Basti pensare che la carenza idrica colpisce più di 4 miliardi di persone in tutto il mondo. E' si giusto impegnarsi ad educare la collettività sul "risparmio idrico", in special modo nei luoghi dove il consumo di acqua è nettamente superiore al fabbisogno effettivamente richiesto, ma altresì non ci si può più permettere di sprecarla.

Occorre quindi l'impegno da parte di tutti gli enti che si occupano di idrogeologia, a trovare il giusto compromesso tra salvaguardia dei territori e conservazione delle acque. Il tutto è possibile, ma solamente iniziando a lavorare davvero sul concetto di esondazioni controllate e di federalismo fluviale. Se ogni territorio riuscisse a trattenere il proprio "oro trasparente", non si vivrebbe più di emergenza e di paura delle alluvioni e nemmeno di siccità.

Il coordinamento del gruppo
AMO - COLORNO

Pubblicato in Ambiente Parma

Il gruppo AMO - COLORNO ritiene fondamentale garantire il diritto costituzionale alla salute. Per queste ragioni, al fine di assicurare a tutti i cittadini della bassa est parmense la giusta assistenza sanitaria in ambito emergenza/urgenza propone l'installazione di un presidio fisso h24 di primo soccorso e quindi di triage.

I comuni di Colorno, Torrile e Sorbolo - Mezzani sono già in unione per quanto concerne la gestione di molti servizi, e tutti sono "dotati" di servizio di pubblica assistenza e di guardia medica notturna. Capita tuttavia sovente che a causa di uscite d'urgenza notturna, i presidi rimangano scoperti e che il cittadino sia costretto a recarsi al pronto soccorso di Parma, intasando lo stesso in attesa di una prima visita atta a capire se il paziente debba recarsi presso il punto bianco o rimanere in pronto soccorso. Sarebbe quindi utile a beneficio di un bacino di circa 30.000 abitanti, avere la disponibilità di un pronto soccorso atto ad effettuare le prime diagnosi e la cura di un paziente direttamente in loco.

Di certo è stato in bel passo avanti, ad esempio, l'ampliamento delle piste di decollo/atterraggio per l'elisoccorso capace di volare anche di notte, nella nostra provincia. Peccato che il "punto di incontro" con l'elisoccorso, più vicino ai nostri territori sia a San Secondo. Un tempo, quando il ponte sul PO tra Colorno e Casalmaggiore era aperto, ci si recava all'ospedale Oglio Po. Oggi invece non è più possibile, ma anche se il ponte fosse stato utilizzabile, non dimentichiamo che la Lombardia è un'altra regione e che molte tariffe e servizi sono diversi da chi utilizza il servizio sanitario dell'Emilia - Romagna.

Occorre garantire necessariamente la copertura sanitaria di emergenza/urgenza sul posto.

Il gruppo

AMO - COLORNO

Pubblicato in Comunicati Sanità Parma
Martedì, 12 Febbraio 2019 12:25

Ancora disservizi sulla Parma Brescia

Come si può scegliere il treno?... A volte lo si sceglie per comodità, altre volte per necessità, ma tante altre volte per obbligo. Da quando il ponte sul PO tra Colorno e Casalmaggiore è chiuso, tantissimi pendolari sono costretti a servirsi del treno per raggiungere l'altra sponda del PO. Ormai sono passati quasi due anni e anche se i lavori per la riapertura proseguono regolarmente, la data di giugno pare ancora troppo lontana.

Intanto c'è sempre la solita stonata melodia emessa dagli altoparlanti, ad accompagnare quotidianamente i viaggiatori, che devono passivamente accettare i disagi "offerti" da Trenord, sulla ormai tristemente famosa "Parma - Brescia". Se qualcuno pensa che il servizio sia migliorato, solo perché non se ne parla, si sbaglia di grosso. Le cose non sono cambiate affatto, anzi. I treni sono sempre gli stessi, piccoli e insufficienti. I vagoni sono come al solito sporchi sia dentro che fuori, e i ritardi continuano ad alternarsi. Questa volta ad essere interessato dal disagio è stato il regionale 20311 partito da Parma con almeno 16 minuti di ritardo. La causa? "Ripercussioni dovute ad un guasto agli impianti di circolazione". Copione già visto qualche settimana fa. Fino a poco prima i treni erano sembrati miracolosamente in orario, ma poteva davvero filare tutto liscio?... Si era sentito parlare di un guasto al sistema che regola la circolazione dei treni a Ospitaletto, che stava procurando disagi sulla linea "Brescia - Milano", ma di certo non si pensava che il disagio sarebbe ricaduto anche sulla nostra tratta.

L'ennesimo ritardo ha costretto alcuni viaggiatori a prendere il telefono dalla tasca e ad avvisare chi li stava attendendo. Si dato vita così ad un coro unisono di "mi dispiace", "farò di nuovo tardi", "sono ancora alla stazione" etc... A chiamate concluse poi, sono iniziate le solite lamentele, gli sbuffi, le boccate nervose di sigaretta e le solite passeggiate nervose su e giù per le banchine. Passeggiate che ci hanno ricordato la divertente pubblicità di un noto marchio di supermercato, dove si arrivava a scavare persino il pavimento a furia di camminare.

Sebbene si cerchi di sdrammatizzare, la situazione è al limite della decenza. Troviamo necessario un cambio di rotta generale sia di Trenord che di Rfi. La tratta "Parma - Brescia" ha un percorso di soli 92 km. Percorso compiuto dai treni ad una velocità lumaca di una media non superiore i 50 km orari. Il parco treni in servizio sulla linea ha un età media superiore ai 30 anni, e sarebbe davvero ora di sostituirli con i nuovi JAZZ o STADLER. Treni assolutamente accessibili anche per disabili e persone con disabilità motoria in grado anche di sopperire la mancanza di "sale blu" attrezzate per l'assistenza ai disabili. Si è parlato tanto di elettrificazione della linea e del problema del mono binario, ma ad oggi nulla è stato ancora fatto in merito. Si continuano a manifestare problemi dovuti a guasti di impianti che regolano la circolazione dei treni, e questo è senza dubbio imputabile anche ai passaggi a livello. Abbiamo poi fermate/stazioni indecenti, spesso prive di servizi igienici e di riscaldamento o addirittura di biglietterie. Biglietterie automatiche quando presenti, spesso difettose o spente. Il tempo passa ma il disagio no, e persone con biglietto o abbonamento in tasca devono continuare a subire.

Così non è possibile andare avanti. Possibile che le istituzioni ci abbiano abbandonato?...

Il gruppo

AMO - COLORNO

Ponte di Colorno: i lavori procedono celermente, sia sopra l’acqua che sotto l’impalcato.

Parma,  11 febbraio 2019 –

Fervono i lavori sul ponte sul Po di Colorno – Casalmaggiore: sono quattro le squadre che lavorano contemporaneamente tra sopra e sotto l’impalcato. 

Le ditte stanno concludendo le fondazioni per i portali di sostegno in acciaio speciale, alcune delle quali sono già terminate, e stanno  cominciando i montaggi dei portali. Inoltre, come da  progetto,  sono in corso le lavorazioni per la stesura delle fibre e anche i lavori per la post – tensione delle travi collocate sopra l’acqua, laddove appunto non è possibile lavorare da sotto.

Nella foto: le squadre al lavoro.


Fonte: Provincia di Parma - Ufficio stampa

Oltre 4000 ettari di territorio nel comune della Bassa beneficeranno di una struttura irrigua completamente rinnovata nelle funzioni idrauliche e nell'aspetto architettonico

Colorno (PR) – Un territorio a forte vocazione agricola comprendente colture di pregio alla base delle eccellenze produttive della nostra provincia esteso per oltre 4000 ettari di terreno potrà beneficiare da oggi di un impianto irriguo in gestione al Consorzio della Bonifica Parmense completamente riqualificato sia a livello di funzione idraulica sia esteticamente nell'aspetto architettonico.

L'impianto idrovoro in questione è quello di Casino, situato nel Comune di Colorno, che prende i flussi dell'acqua per uso irriguo dal Torrente Parma e li distribuisce, attraverso la fitta rete di canalizzazioni del Consorzio, alle aziende agricole limitrofe.

Il periodo di costruzione del manufatto risale agli anni '30 e in quest'ultima operazione di sostanziale restyling dell'opera il Consorzio ha ripristinato la colorazione originale; operai e maestranze consortili hanno provveduto anche alla sistemazione generale dell'intonaco e al tinteggio dei due pozzetti piezometrici.

Rilevante anche l'aggiornamento funzionale: si è provveduto al rifacimento delle vecchie tubazioni di aspirazione in acciaio e sono state poi effettuate riqualificazione e pulizia della facciata; eseguite inoltre la sistemazione e l'aggiornamento dell'impiantistica generale, oltre alla ricostruzione del tetto.

I lavori fanno parte di un programma di riqualificazione straordinario di tutti gli impianti consortili gestito dal Consorzio e realizzato con propri fondi.

FOTO:


- 001: I pozzi piezometrici dell'impianto di Casino restaurati;
- 002: L'impianto di Casino come appare al termine dei lavori.

 

001_Pozzi_piezometrici_Casino_1.jpg

Un sindacalista della Cgil di Colorno ha asserito a mezzo stampa di aver stilato con il sindaco un verbale relativo all'introduzione di un "coordinatore pedagogico" all'interno dell'Istituto Comprensivo Statale i che ha sede nella cittadina, ci pare un'affermazione alquanto curiosa:

i sindaci non hanno alcuna titolarità relativa alle scuole statali che sono gestite dal Ministero dell'istruzione

I rapporti sindacali in ciascuna istituzione scolastica statale competono al dirigente scolastico, a livello provinciale sono curati dal dirigente territoriale (quello che una volta era provveditore) ed a livello regionale al direttore dell'Ufficio Scolastico Regionale.

Evidentemente il sindacalista della Cgil si riferiva a qualche scuola comunale, perché se fosse esatto quanto ha asserito sarebbe una grave invasione di campo del Sindaco all'interno dei rapporti sindacali di un altro ente che gli non amministra.

La norme prevedono che al tavolo di trattativa ci devono essere le RSU elette nella scuola interessata e le organizzazioni sindacali rappresentative del comparto istruzione che sono cinque, compresa la Gilda.

Quanto al coordinatore pedagogico esso è una figura non prevista dal contratto collettivo di settore e una discussione sul tema, per la scuola statale, non compete al livello locale. Salvatore Pizzo coordinatore della Gilda degli insegnanti di Parma e Piacenza a tal fine precisa: "Comunque per avere maggiori lumi chiederemo formalmente agli organi preposti, se un accordo sindacale c'è stato noi avevamo titolo ad esserci, se non ci hanno invitato sarà facile farlo annullare".

SEDE DI PARMA: Borgo delle Colonne 32-43121 –
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. -tel.338/8103820 – tel.fax 0521/684809

SEDE DI PIACENZA: Via S. Marco, 22 – 29100 Piacenza

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Tel. 0523 314046 – 338/8103820

Giovedì, 31 Gennaio 2019 09:21

Il confronto Gilda, Amo Colorno continua ...

Un gruppo locale di Colorno continua a criticarci semplicemente perchè chiediamo norme più chiare che diano serenità al corpo insegnanti, ciò dopo la condanna e la parziale assoluzione di due docenti che operavano in quel contesto.

Ovviamente ci inchineremo alla sentenza quando essa diventerà definitiva, adesso è appena finito il primo grado. Rispetto al caso specifico avvenuto in quella località esistono ex alunni delle due insegnanti incriminate, oggi forse sono anche maggiorenni, i quali potrebbero riferire meglio come si sono trovati. Rileviamo ancora che il sodalizio locale non parla a nome delle rappresentanze elette negli organi collegiali, anche perchè non avrebbe titolo a farlo. Comunque sia, non siamo interessati a prestare il fianco a chi cerca visibilità nel contesto politico locale, operando noi in un comparto Statale che esula dalle dinamiche di paese. 

Le nostre controparti ai tavoli di trattativa afferenti le Scuole Statali non sono le associazioni di paese, tuttavia i politici locali che vogliono discutere con noi possono richiedere un appuntamento, tempo permettendo tutti vengono ricevuti.

Salvatore Pizzo
Gilda degli Insegnanti Parma e Piacenza

Pagina 6 di 18