Visualizza articoli per tag: Territorio Castelfranco Emilia

Cinque appuntamenti teatrali : spettacoli, dimostrazioni di lavoro, prove aperte, tutti realizzati con detenuti delle carceri dell'Emilia-Romagna.
 
Bologna, 25 ottobre 2013
 
E' il Cartellone di Teatro Carcere, che fa parte della terza edizione delle "Stanze di teatro in carcere". Tre spettacoli andranno in scena all'interno delle case circondariali (Bologna, Ferrara, Reggio Emilia), due all'esterno (al Teatro dei segni di Modena e alla Fabbrica delle Candele di Forlì). Dietro al Cartellone – realizzato, come l'intero progetto delle "Stanze", dal Coordinamento Teatro Carcere Emilia Romagna, con il sostegno della Regione (30mila euro l'anno, a partire dal 2011) – c'è la partecipazione di un'ampia rete di soggetti. Collaborano, infatti, le case circondariali di Bologna, Ferrara, Forlì, Reggio Emilia, la casa di reclusione di Castelfranco Emilia e gli istituti penitenziari di Parma; ci sono i patrocini del Prap (Provveditorato regionale amministrazione penitenziaria) Emilia-Romagna e del Dipartimento delle Arti dell'Università di Bologna. Il Cartellone è realizzato inoltre con la collaborazione di Emilia Romagna Teatro Fondazione, Fondazione ATER Formazione, l'Osservatorio dello Spettacolo della Regione, il Centro servizi volontariato di Ferrara, la Fondazione Teatro Comunale di Ferrara, l'Istituzione Gian Franco Minguzzi (Provincia di Bologna).
"E' un appuntamento ormai annuale – ha commentato l'assessore regionale alle Politiche sociali Teresa Marzocchi, presentando il programma – : vuol dire che si confermano iniziative non più estemporanee, e si consolidano esperienze importanti. Quest'anno inoltre – ha aggiunto l'assessore – il teatro torna fuori dal carcere, e infatti alcune rappresentazioni del Cartellone vengono fatte al di fuori delle case circondariali. Questo garantisce una maggiore diffusione dell'iniziativa tra le gente, e una maggiore opportunità di capire come il carcere possa essere realmente anche 'altro'".
Per l'assessore Massimo Mezzetti (Cultura), il teatro in carcere "è una di quelle 'buone pratiche' adottate in sinergia tra assessorati. Per troppo tempo la cultura è stata relegata a un campo circoscritto, come se non avesse attinenza con altri settori, come il sociale. Così non è". Mezzetti ha sottolineato inoltre l'importanza dell'esperienza artistica in carcere "non solo in un'ottica educativa-formativa, utile per un eventuale reinserimento socio-lavorativo, ma come avvio per le persone detenute della ricerca di sé, di ricostruzione della propria personalità".
 
 
Teatro Nucleo rid
 
Il protocollo d'intesa per il teatro in carcere
Il teatro in carcere come opportunità di cambiamento per i detenuti-attori e come mutamento delle modalità relazionali di chi vive l'esperienza del carcere. E' del 2011 la firma del protocollo d'intesa tra la Regione Emilia-Romagna (assessorati alla Cultura e alle Politiche sociali), il Prap e il Coordinamento Teatro Carcere Emilia Romagna, associazione di promozione sociale composta oggi da sette realtà che operano con progetti di teatro nelle carceri dell'Emilia-Romagna. Tra gli obiettivi del protocollo, lo sviluppo di programmi per il recupero e il reinserimento sociale dei cittadini in esecuzione di pena e dei dimessi dal carcere, la valorizzazione del teatro come strumento di conoscenza e crescita personale nelle realtà del carcere, la creazione di opportunità lavorative per i soggetti in esecuzione di pena.
Ogni anno in Emilia-Romagna vengono coinvolte dalle 150 alle 180 persone ristrette in progetti teatrali. Per "Stanze di teatro in carcere" 2012 sono state coinvolte 110 persone. I laboratori teatrali sono attivi in tutte le carceri della regione con modalità diverse, ma solo in 7 istituti su 10 ci sono gruppi teatrali/associazioni associate al Coordinamento Teatro Carcere. Fanno parte del Coordinamento Con...tatto (associazione di volontariato di Forlì), la cooperativa sociale reggiana Giolli, l'associazione di promozione sociale bolognese Gruppo Elettrogeno, la cooperativa sociale Le Mani Parlanti di Parma, il Teatro dei Venti (associazione di promozione sociale di Modena/Castelfranco Emilia), la cooperativa sociale bolognese Teatro del Pratello e la cooperativa Teatro Nucleo (Ferrara).
 
"Stanze di teatro in carcere": il progetto
Con il sostegno della Regione Emilia-Romagna, il Coordinamento realizza da tre anni un progetto dal titolo "Stanze di teatro in carcere", con l'obiettivo di consolidare, sostenere, promuovere le esperienze di teatro carcere e costruire una rete tra i soggetti che vi operano. Con la terza edizione del progetto, nel 2013, le "stanze" del carcere abitate dal teatro diventano così concretamente i luoghi dove accogliere e guidare il pubblico del Cartellone. Un'inedita "rassegna" di spettacoli, studi, prove aperte, dimostrazioni di lavoro che si snoda fra le carceri della regione mettendo al centro l'esperienza di avvicinamento e conoscenza dello spettatore. Appuntamenti che rappresentano gli esiti più o meno formalizzati delle attività laboratoriali portate avanti dai soci del Coordinamento, con metodologie e approcci artistici differenti che spaziano dalla drammaturgia d'attore al teatro di figura, dal teatro partecipativo alla scrittura creativa.
 
Teatro dei Venti rid
 
Il Cartellone di Teatro Carcere: programma
 
Mercoledì 30 ottobre ore 14.30
Bologna - casa circondariale, via del Gomito 2
Teatro del Pratello
LA VERITÀ SALVATA DA UNA MENZOGNA
prova aperta
scena e drammaturgia di Paolo Billi
studio a cura di Filippo Milani, Elvio Pereira De Assunçao
immagini di scena di Sandro Capatti
con i detenuti della sezione penale
e con Francesca Pedone, Susanna Accornero, Gilda Giamannossi
 
Lunedì 4 novembre ore 13
Ferrara - casa circondariale, via Arginone 327
Teatro Nucleo/Laboratorio teatrale Casa circondariale di Ferrara
diretto da Horacio Czertok
HARDCORE
regia di Andrea Amaducci
con i detenuti della sezione penale
 
Mercoledì 6 novembre ore 21
Modena - Teatro dei Segni, via San Giovanni Bosco 150
Teatro dei Venti
SETTE CONTRO TEBE
regia di Stefano Tè
con gli attori detenuti della casa di reclusione di Castelfranco Emilia
 
Giovedì 7 novembre ore 14
Reggio Emilia - Casa Circondariale, via Luigi Settembrini 8
Cooperativa Giolli
PROVA APERTA
diretta da Roberto Mazzini
con gli attori detenuti e Elisa Godani, Valeria Bottazzi
 
Sabato 16 novembre ore 15
Forlì - La Fabbrica delle Candele, piazzetta Conserva Corbizzi 3
Associazione Con...tatto
A OCCHI SBARRATI (LA CITTÀ INVISIBILE ALLO SPECCHIO)
sintesi degli ultimi quattro anni di laboratorio presso la Casa circondariale di Forlì con proiezioni, letture di racconti scritti dai detenuti e interviste ai detenuti che hanno partecipato alle attività.
 
Gli spettacoli hanno modalità di accesso diverse: per informazioni, e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Oltre al cartellone degli spettacoli, il programma "Stanze di teatro in carcere" 2013 prevede un calendario di presentazioni del volume Mappe ristrette (edizioni Titivillus, 2013) che inaugura la collana Quaderni di teatro carcere. La pubblicazione raccoglie i materiali prodotti nell'ambito delle "Stanze di teatro in carcere" 2011 e 2012. Dopo le prime uscite a Parma, Modena e Ferrara, altre presentazioni sono previste a Bologna (lunedì 11 novembre ore 18 - Librerie.Coop Zanichelli, piazza Galvani 1/h) e a Forlì (sabato 16 novembre ore 18 - La Fabbrica delle Candele, piazzetta Conserva Corbizzi 3).
 
(Fonte: ufficio stampa Regione Emilia Romagna)
A due anni dal terremoto, il prossimo 20 maggio la decima tappa della grande corsa attraverserà i centri di Sestola, Modena e della Bassa -
 
Modena, 11 ottobre 2013
 
Torna il Giro d'Italia nella sua 97° edizione che nel decennale della morte sarà dedicata a Marco Pantani. Un percorso con trasferimenti più contenuti che partirà il 9 maggio 2014 dall' Irlanda precisamente da Belfast, per arrivare il primo giugno a Trieste. Tante tappe, ma una su tutte interesserà la nostra regione in particolare un' importante parentesi modenese, nel giorno dell' anniversario del sisma che colpì l' Emilia. Martedì 20 maggio, nel corso della decima tappa Modena-Salsomaggiore Terme di 184 km, la popolare gara ciclistica toccherà alcuni centri della provincia di Modena e Reggio ancora profondamente segnati dal terribile sisma che li colpì nel maggio 2012. La data, infatti, non è casuale e cade a due anni esatti dalle prime scosse.
La nona tappa del Giro d'Italia 2014, con arrivo a Sestola, a Passo del Lupo (1.528 metri di quota), domenica 18 maggio, parte da Lugo e prevede un percorso di 174 chilometri con ben due Gran Premi della Montagna, oltre a quello dell'arrivo, a Sant'Antonio (704 metri) e a Rocchetta Sandri (689 metri), mentre a Pavullo è in programma un Traguardo volante. Il Giro arriverà in territorio modenese da Bazzano per poi transitare per Vignola, Marano, Pavullo, Fanano e da lì raggiungere Pian del Falco e l'arrivo a Passo del Lupo, a Sestola.
La decima tappa, dopo il giorno di riposo, prende il via martedì 20 maggio a Modena, dal Novi Ark, il parco archeologico realizzato nell'area del parcheggio sotterraneo in piazzale Novisad, con arrivo a Salsomaggiore Terme dopo 184 chilometri in pianura. In territorio modenese, a Mirandola, è previsto il Traguardo volante dopo i primi 60 chilometri di corsa. Da Modena, infatti, il Giro parte in direzione delle zone maggiormente colpite dal sisma del 2012 e passa per Castelfranco, San Giovanni in Persiceto, Crevalcore, Camposanto, San Felice sul Panaro, Mirandola e Concordia, per poi proseguire a Moglia e nel reggiano (Reggiolo, Villarotta, Guastalla, Gualtieri, Brescello) e poi a Parma, Fidenza e arrivo a Salsomaggiore.
Pubblicato in Sport Emilia
Venerdì, 20 Settembre 2013 13:42

Rischi e opportunità per acconciatori ed estetiste

Modena, 20 settembre 2013 
 
Cna e Lapam di Modena preparano un triplo appuntamento dedicato ai professionisti dell'acconciatura e dell'estetica -

"Aggiornamenti fiscali e nuove opportunità di lavoro per gli acconciatori" è il titolo dell'incontro che si terrà in tre sedi diverse, per andare incontro ai professionisti di tutte le località della Provincia: lunedì 23 settembre a Castelfranco Emilia (Biblioteca Comunale – piazza della Libertà, 5 – ore 18.00); lunedì 30 settembre a Zocca (Sala del Municipio – via del Mercato, 104 – ore 18.00); e lunedì 7 ottobre a Vignola (Biblioteca Auris – via San Francesco, 165 – ore 20.30).
In tutte le serate Saranno presenti Luana Franzoni, presidente provinciale di CNA Benessere e Sanità, e il collega Giancarlo Santunione di Lapam Benessere.
Franco Spaggiari, responsabile provinciale di CNA Benessere, illustrerà i contenuti della proposta di "affitto della poltrona – cabina", una nuova modalità operativa che può consentire notevoli risparmi sia a chi già gestisce un salone che a chi sta inziando ad intraprendere autonomamente questa attività, mentre il collega di Lapam Luciano Martinelli approfondirà i temi normativi e fiscali legati alle procedure di accertamento legate a studi di settore e redditometro.
Non mancherà il dibattito, che consentirà agli addetti ai lavori di approfondire eventuali dubbi.

Per informazioni è possibile contattare Franco Spaggiari (CNA) allo 059 418.111 o all'indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., oppure Daniele Casolari (Lapam) allo 059 893.111 o all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

(fonte: Ufficio Stampa CNA
 Mo)
Pubblicato in Comunicati Lavoro Emilia
Mercoledì, 18 Settembre 2013 14:39

Auto storiche pronte al via per il Gp Nuvolari

Parma, 18 settembre 2013 -
 
Arriva la 27^ edizione del Gran Premio Nuvolari, la manifestazioni internazionale di regolarità per auto storiche che da venerdì 20 a domenica 22 farà tappa anche in Emilia -

Il Gran Premio Nuvolari, gara di regolarità organizzata da Scuderia Mantova Corse, Ac Mantova e dal Museo Tazio Nuvolari, si prepara anche quest'anno ad attraversare mezza Italia con la sua carovana di macchine straordinarie. Occasione unica per gli amanti delle auto d' epoca che celebra i fasti del campione mantovano Tazio Nuvolari, con veri e propri pezzi di storia della quattro ruote che tra venerdì 20 e domenica 22 settembre, si sfideranno lungo un percorso di 1.000 chilometri, costellato da 75 prove cronometrate.

Oltre 250 le vetture al via in piazza Sordello a Mantova, tutte costruite entro il 1969, per un percorso di 1000 km tra Toscana Emilia e Lombardia che vede una forte partecipazione straniera. Partendo da Mantova il percorso si snoda tra numerose città d'arte come Siena, Arezzo, Ravenna e Ferrara. Tre tappe, in tre giorni, che vedranno attraversare anche la nostra regione, tra cui i centri emiliani di Correggio e Rubiera: appuntamento d' obbligo per gli appassionati d' auto d'epoca. Nell'edizione di quest'anno ci sarà inoltre il passaggio all'interno di due autodromi: quello di Modena e il "Dino e Enzo Ferrari" di Imola. Tra le novità, il transito nel Castello di Panzano, frazione del comune di Castelfranco Emilia, di proprietà del noto collezionista di auto e moto d'epoca Mario Righini.

Tante macchine da ammirare e non solo, a Mantova per l'occasione è stata allestita la mostra "Artisti per Nuvolari", organizzata alla Casa Museo Sartori di Castel d' Ario, paese natale del pilota: a 60 anni dalla sua scomparsa, cinquanta pittori hanno realizzato altrettante tele che lo ritraggono e ne celebrano il mito.
Pubblicato in Motori Emilia
Mercoledì, 11 Settembre 2013 15:45

Bologna - Milano due treni regionali in più al giorno

Bologna, 11 settembre 2013 -

Raddoppia l'offerta in un' ora di punta, si prolungano il servizio dal capoluogo lombardo e i collegamenti tra le città emiliane -

Due treni regionali in più tutti i giorni sulla tratta Bologna-Milano. Il servizio aggiuntivo, gestito da Tper (che con Trenitalia fornisce il servizio ferroviario regionale), è appena entrato in funzione, da lunedì 9 settembre. Dei nuovi treni (la programmazione è avvenuta in maniera coordinata tra le due Regioni interessate, Emilia-Romagna e Lombardia) possono beneficiare i pendolari tra Bologna e Parma, che vedono raddoppiata l'offerta in un'ora di punta, intorno alle 17, oltre ad avere un incremento dei collegamenti con Milano Centrale. Si estende poi di un'ora il servizio da Milano per le città dell'Emilia, colmando un vuoto creatosi due anni fa: si può stare a Milano un'ora in più e tornare comodamente e velocemente a Piacenza, Parma, Reggio, Modena, Bologna. Rilevante anche l'effetto per i collegamenti tra le città dell'Emilia, grazie al prolungamento del servizio: si può stare a Parma fino alle 23.30 e rientrare su Reggio Emilia, Modena e Bologna. Si può rimanere a Reggio Emilia fino alle 23.45 e rientrare su Modena e Bologna; si può stare a Modena fino a mezzanotte e rientrare su Bologna. Per questo servizio aggiuntivo vengono impiegati gli elettrotreni ETR 350, la cui consegna alla Regione Emilia-Romagna è in via di completamento da parte della società Stadler. Si tratta quindi di materiale rotabile moderno e nuovo di fabbrica, con eccellenti prestazioni meccaniche e di comodità di viaggio.


Nel dettaglio, c'è un treno aggiuntivo Bologna - Milano che parte da Bologna alle 17.04 e arriva a Milano Centrale alle 19.45, effettuando fermate intermedie ad Anzola Emilia (17.16), Samoggia (17.21), Castelfranco Emilia (17.27), Modena (17.37), Rubiera (17.52), Reggio Emilia (18.01), S. Ilario d'Enza (18.10), Parma (18.18), Fidenza (18.29), Fiorenzuola (18.37), Piacenza (18.53), Lodi (19.13), Milano Rogoredo (19.31), Milano Lambrate (19.38). Questo treno, con il numero R 33960, viene effettuato tutti i giorni. C'è poi un treno aggiuntivo Milano - Bologna che parte da Milano Centrale alle 22.15 e arriva a Bologna a mezzanotte e trenta, con fermate intermedie a Milano Lambrate (22.22), Milano Rogoredo (22.28), Lodi (22.43), Piacenza (23.05), Parma (23.32), Reggio Emilia (23.47), Modena (00.01). Il treno, con il numero R 33961, presta servizio tutti i giorni.

In allegato la locandina orari

(Fonte: ufficoi stampa Regione Emilia Romagna)


Bologna, 19 agosto 2013 -

Agricoltura - Le aziende che abbiano subìto danni possono presentare domanda di contributo a fondo perduto entro il 28 settembre

E' stata accolta la proposta della Regione Emilia-Romagna per il riconoscimento dell'eccezionalità della tromba d'aria che il 3 maggio ha interessato territori dei comuni di Argelato, Bentivoglio, Sala Bolognese, San Giorgio di Piano, San Pietro in Casale in provincia di Bologna e del comune di Castelfranco Emilia in provincia di Modena, provocando ingenti danni alle strutture agricole.
Le aziende che abbiano subito danni alle strutture aziendali e che si trovano all'interno delle aree delimitate, possono presentare entro il 28 settembre 2013 domanda per l'ottenimento di contributi a fondo perduto per il ripristino delle strutture danneggiate. L'entità del contributo sarà in funzione delle risorse che il Ministero assegnerà successivamente alla raccolta delle domande.
Il Decreto di declaratoria del Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 190 del 14 agosto 2013.
La domanda in copia unica, compilata in ogni parte e debitamente sottoscritta, deve essere presentata all'Ente territoriale competente (Provincia di Bologna o Provincia di Modena). 
Al momento della presentazione della richiesta di aiuto, l'azienda deve essere iscritta al Registro delle imprese della Camera di Commercio, nonché all´anagrafe delle aziende agricole della Regione Emilia-Romagna e avere il fascicolo aziendale validato, in modo da evitare di ripresentare la documentazione per i dati già presenti in anagrafe. La domanda potrà essere presentata avvalendosi delle organizzazioni professionali agricole, direttamente dall'azienda agricola in forma digitale (dal referente per l'azienda) registrato in anagrafe e dotato di un certificato digitale, oppure in forma cartacea utilizzando la modulistica predisposta dalla Regione Emilia-Romagna.

 

(Fonte: Ufficio stampa Regione Emilia Romagna)

Modena, 19 agosto 2013 -


L'Ufficio del Garante regionale per le persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale ha effettuato il 12 agosto un'ulteriore visita alla casa di reclusione di Castelfranco Emilia, per sostenere colloqui con gli internati. L'intervento dell'Ufficio era stato richiesto da un internato per via epistolare, e poi sollecitato dall'Amministrazione penitenziaria, in quanto questi aveva intrapreso a scopo dimostrativo uno sciopero della fame, ora cessato, minacciando anche quello della sete, per richiamare l'attenzione sulla sua vicenda detentiva, richiedendo della possibilità di lavorare per mantenere la famiglia. Durante la visita, si sono poi effettuati colloqui con altri internati che avevano fatto richiesta espressa, e con persone segnalate dall'area educativa stessa.
Il motivo ricorrente sta nella concreta impossibilità da parte della Magistratura di Sorveglianza di procedere alla revoca della misura di sicurezza, con contestuale proroga della stessa, per la mancanza di un'adeguata rete di riferimento che possa supportare queste persone all'esterno: spesso non hanno una famiglia, e anche quando c'è, i rapporti si sono nel tempo deteriorati. Mancano anche della possibilità di avere un alloggio; non ci sono concrete opportunità di lavoro; nella progettazione di percorsi all'esterno, risulta difficile la presa in carico da parte dei servizi del territorio, perché molti internati sono senza fissa dimora. Alcuni di questi internati hanno anche età anagrafiche particolarmente elevate rispetto alle quali sarebbe opportuno iniziare a ragionare nei termini di una fisiologica cessata pericolosità sociale per raggiunti limiti di età, con conseguente revoca della misura detentiva. Occorre, altresì, registrare, che talvolta i percorsi trattamentali di alcuni internati non vanno a buon fine per oggettiva mancanza di collaborazione da parte degli stessi, che non sempre riescono a rispettare le prescrizioni imposte nei percorsi all'esterno, anche in ragione di condizioni personali particolarmente critiche.
Particolarmente complessa appare la situazione degli internati stranieri senza permesso di soggiorno, i cui percorsi di regolarizzazione sono difficili e la cui mancanza di una rete di riferimento all'esterno è ancor più acuta.
Quanto alle pratiche relative ai permessi di soggiorno, si segnala positivamente la recente iniziativa del Comune di Castelfranco Emilia, che ha iniziato ad entrare periodicamente in carcere per offrire assistenza a chi ne necessita.
Nei mesi scorsi, l'Ufficio del Garante ha posto formalmente al DAP (Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria) due questioni relative alla struttura modenese.
La prima riguarda il timore che in una struttura che già si caratterizza per una rilevante presenza psichiatrica, con la chiusura dell'OPG di Reggio Emilia possa aumentare il numero degli internati già portatori di problemi psichiatrici, collocati in un luogo comunque inidoneo per mancanza di personale dedicato.
La seconda - in attesa di auspicate riforme legislative - riguarda l'opportunità di pensare a "territorializzare" le misure di sicurezza detentive, agevolando, laddove possibile e utile, il rientro e l'avvicinamento ai luoghi di residenza o comunque di frequentazione abituale, favorendo la presa in carico da parte dei servizi. A questo fine, potrebbero essere utilizzati appositi spazi degli istituti penitenziari esistenti, soluzione consentita dall'ordinamento penitenziario; va ricordato che una parte degli internati sfollati a causa del terremoto da Saliceta San Giuliano (MO) è stata assegnata in via definitiva in una apposita sezione del carcere di Padova.
(rg)

 

(Fonte: ufficio stampa Regione Emilia Romagna)

 

Castelfranco Emilia, 31 luglio 2013 -

In sordina, si è appreso che l'Amministrazione comunale di San Giovanni in Persiceto in provincia di Bologna ha intenzione di dare luogo alla costruzione di un outlet Mc Arthur Glen (società che annovera già outlet come quelli di Barberino del Mugello e Serravalle) di circa 20.000 metri quadrati, che sarebbe ubicato tra la zona del polo scolastico e l'ex zuccherificio, nei pressi della ferrovia, e che porterebbe alla costruzione di 100 negozi circa con la conseguente creazione di 500 nuovi posti di lavoro. Una bella notizia, quest'ultima, non fosse che nel conto vanno messi anche i posti di lavoro persi nei negozi circostanti, che inevitabilmente subiranno le ripercussioni dell'apertura del nuovo outlet. E non si tratta soltanto dei negozi dei comuni bolognesi, ma anche dei territori limitrofi della nostra provincia: sicuramente Castelfranco Emilia, San Cesario e Nonantola, e in seconda battuta Bomporto e Ravarino.

"Quanti sono i dipendenti e gli imprenditori che saranno messi in difficoltà dall'apertura di questo outlet? Quante famiglie verranno messe all'angolo da questa decisione? Qualcuno si è posto il problema?" chiedono Lena Ferrari, Luca Prandini, William Toni e Mauro Bastoni, rispettivamente presidenti locali di CNA, Confcommercio, Lapam Confartigianato e Confesercenti, le associazioni di riferimento del commercio di Rete Impresa Italia nell'Area di Castelfranco.

"E' abbastanza evidente – continuano i rappresentanti di Rete – che un centro commerciale di questo tipo sottrarrebbe numerosi clienti agli esercizi commerciali, soprattutto il sabato, il giorno della settimana in cui consumatori si recano abitualmente a fare la spesa nei centri storici della propria città. Senza contare poi l'influenza che questo outlet (parliamo di una fascia molto alta di marche) porterà anche al capoluogo". Un nuovo problema, insomma, che si aggiunge a una crisi economica deprimente per i consumi e che rischia di dare un'ulteriore (questa volta, definitiva) batosta al piccolo commercio.

"La scelta dell'Amministrazione di San Giovanni ci appare quantomeno miope: la chiusura degli esercizi commerciali nei centri storici porterà inevitabilmente all'impoverimento e al degrado, già in costante aumento in queste aree, e trascinerà tutte le altre attività alla chiusura. In una parola c'è il rischio di una ghettizzazione dei centri storici: fenomeno che spesso e volentieri è accompagnato anche da una crescita degli episodi delinquenziali".

Ecco perché le quattro Associazioni di Rete Imprese Italia – che in provincia di Modena rappresentano oltre il 70% degli esercizi commerciali – si schierano contro l'apertura dell'outlet di San Giovanni in Persiceto e, per affrontare questo problema, propongono per i prossimi giorni un incontro con i Sindaci dei Comuni interessati delle province di Modena, Bologna e Ferrara, oltre a un'assemblea aperta ai commercianti e ai cittadini da calendarizzarsi nel prossimo mese di settembre a Castelfranco Emilia.

"La vicenda – chiosano Ferrari, Prandini, Toni e Bastoni – ripropone gli stessi temi e problemi delle cosiddette arre vaste: le relazioni commerciali non rispettano certo i confini amministrativi, oggi ancor meno che in passato. Sotto questo profilo, la Regione deve e può svolgere un ruolo importante, che tenga conto di tutte le valutazioni che entrano in gioco in queste scelte. Da questo punto di vista, il mancato coinvolgimento delle associazioni di rappresentanza modenesi nella discussione sulla creazione del nuovo centro commerciale è un'ulteriore prova della scarsa considerazione in cui si tengono gli attori economici nello sviluppo di progetti che pure li coinvolgono in prima persona. E, come spesso accade, sono sempre i più piccoli a rimetterci".

(Fonte: ufficio stampa CNA MO)

Modena, 25 luglio 2013 -

Tra i protagonisti da Durs Grunbein a Michele Placido, da Tony Harrison a Simone Cristicchi. Dal 19 settembre, per quattro giorni, nell'Unione delle Terre di Castelli oltre 30 eventi gratuiti -

La poesia ritorna nei sette comuni modenesi dell’Unione Terre di Castelli, di Castelfranco Emilia e Maranello. Grandi autori declamano versi che hanno fatto la storia della poesia, persino nomi internazionali come Durs Grünbein, uno dei massimi poeti della Germania post-riunificazione e il famoso poeta inglese Tony Harrison. La poesia che racconta i grandi momenti della storia, i poeti che si fanno testimoni delle svolte e dei drammi che cambiano il mondo. La nona edizione di Poesia Festival si svolgerà nell’Unione Terre di Castelli e nei comuni di Castelfranco Emilia e Maranello dal 19 al 22 settembre. Grandi autori declameranno i versi che hanno fatto la storia della poesia, persino nomi internazionali: Durs Grünbein, tra i maggiori autori europei della sua generazione, nato nell'ex DDR e testimone della riunificazione, poeta “pensante” e dotato di uno stile elegante e vertiginoso, e il famoso poeta inglese Tony Harrison, da sempre esponente di una letteratura attenta ai disagi della società moderna e impegnato a svelare le contraddizioni della sua Inghilterra, autore per il teatro e protagonista di innovativi esperimenti, come il mediometraggio di poesia “V.” scritto e realizzato negli anni Ottanta, e le poesie dal fronte della Bosnia pubblicate dal «Guardian» negli anni Novanta.
Alla kermesse di settembre interverranno musicisti, attori e personalità dello spettacolo come Michele Placido, in scena con uno spettacolo dedicato a Pablo Neruda, poeta delle grandi passioni umane e politiche, e Simone Cristicchi con il toccante Li romani in Russia, dedicato alla tragedia della campagna di Russia. Non mancheranno momenti in musica, come l'appuntamento con il cantautore Massimo Bubola, autore raffinato e cantore delle tante sfumature della realtà, e altri dedicati alle sperimentazioni, come nella serata con Pierpaolo Capovilla dedicata a Pasolini, intellettuale tra i più ricettivi verso i grandi cambiamenti della società e del costume.
Come sempre, molti i poeti contemporanei protagonisti di letture in pubblico. Umberto Piersanti, poeta dei luoghi e della memoria, terrà la lezione introduttiva. Tra i protagonisti della poesia italiana di oggi saranno presenti tra gli altri Giuliano Scabia, Carlo Bordini, Stefano Dal Bianco e Pierluigi Bacchini.
Quando: dal 19 al 22 settembre 2013
Dove: Unione Terre di Castelli in provincia di Modena (Castelnuovo Rangone, Castelvetro di Modena, Marano sul Panaro, Spilamberto, Vignola) e comuni di Castelfranco Emilia e Maranello (MO) Gli eventi di Poesia Festival sono tutti gratuiti.
Per informazioni e dettagli sul programma www.poesiafestival.it

(Fonte: ufficio stampa Regione Emilia Romagna)

 

 


 

Giovedì, 20 Giugno 2013 13:52

In 8mila alla prima edizione di "VIvere VErde"


Modena, 20 giugno 2013 -


Piace la formula open air e sorprende la bellezza di Bosco Albergati, un luogo unico nel suo genere che ha fatto da quinta naturale alla nuova manifestazione.
Sinflora Garden è il vincitore del concorso indetto da "Giardini" -

Pagina 9 di 10