Visualizza articoli per tag: Territorio Castelfranco Emilia

La ristrutturazione e riqualificazione completa del complesso del Regina Margherita supererà i 7 milioni di euro. Previsto il potenziamento delle sinergie con il Policlinico e Baggiovara. Già dalle prossime settimane aumenteranno le prestazioni specialistiche fornite -

Modena, 26 settembre 2014 -

Distretto sanitario di Castelfranco Emilia, si cambia. Un cambiamento decisamente rilevante che porterà quest'importante territorio – 6 comuni, 75.310 abitanti, circa il 10% della provincia - ad aggiornare e migliorare i servizi di assistenza sanitaria partendo dalle esigenze delle persone ed applicando le soluzioni organizzative più adeguate.

Un percorso articolato, elaborato in coerenza con le indicazioni della Regione Emilia-Romagna, che si svilupperà nell'arco di circa tre anni e già iniziato, grazie anche agli importanti finanziamenti, oltre 7 milioni di euro, che consentiranno di ristrutturare e riqualificare completamente il complesso del Regina Margherita. Il percorso punta allo sviluppo di strutture intermedie tra ospedali e territorio, in grado di sostenere la domiciliarità e di soddisfare la maggior parte delle richieste d'assistenza: soluzioni cioè che prevedono luoghi sanitari e socio-sanitari collocati vicini alle persone e quindi più facilmente accessibili.

A presentare le novità durante una conferenza stampa tenutasi presso la sede del Comune di Castelfranco sono stati i Sindaci Reggianini e Gozzoli, rispettivamente di Castelfranco e San Cesario, Nadia Manni assessore politiche sociali e salute del Comune di Castelfranco Emilia e i direttori generali delle Aziende sanitarie modenesi, Mariella Martini per l'Ausl e Licia Petropulacos per il Policlinico, affiancati da Cristina Marchesi, direttore sanitario dell'Ausl, Ann Marie Pietrantonio, direttore dell'Ospedale di Castelfranco Emilia, Davide Milani, Direttore Assistenza Infermieristica dell'Azienda Usl, Giovanni Peressotti, Responsabile area progettazione e manutenzione del Servizio Tecnico. Punto cardine di questa evoluzione è la completa ristrutturazione e riqualificazione del complesso del Regina Margherita che porterà al potenziamento delle prestazioni ambulatoriali, specialistiche e chirurgiche, e alla creazione di una Casa della salute di tipologia grande che ospiterà un Ospedale di Comunità e un Hospice.

Il progetto prevede che già a partire dalle prossime settimane i residenti nel distretto di Castelfranco Emilia potranno contare su un progressivo incremento delle prestazioni ambulatoriali, sia sul piano qualitativo che quantitativo. Per qualificare ulteriormente le competenze del personale è stato predisposto un programma di aggiornamento e formazione per tutti gli operatori che opereranno all'interno delle strutture presenti nel distretto. "Abbiamo studiato il consumo di prestazioni e i tempi di attesa. Questo ci ha permesso di agire in tempi rapidi facendo scelte che da subito avranno una ricaduta positiva sui cittadini. Ad esempio le prestazioni specialistiche di ortopedia, urologia e pneumologia saranno più che raddoppiate, mentre quelle otorinolaringoiatriche aumenteranno del 22%" aggiunge Cristina Marchesi, direttore sanitario dell'Azienda Usl di Modena.

Un'altra importante novità sarà il potenziamento dell'attività di chirurgia ambulatoriale. Per alcune specialità sarà una vera e propria novità come per la chirurgia della mano, l'artroscopia della spalla e quella vascolare mentre in altri casi si aumenterà il numero delle sedute come nel caso della dermatologia, dell'oculistica e della ginecologia.

Significativo è anche l'incremento nell'ambito della specialistica ambulatoriale. L'aumento interessa l'ortopedia, l'oculistica, l'urologia, la neurologia, l'otorinolaringoiatria, la pneumologia, la fisiatria, la chirurgia generale e vascolare

Ad essere rivista sarà anche la sinergia con gli altri punti provinciali della rete. Se in passato era soprattutto quello di Vignola l'Ospedale di riferimento per tutta una serie di attività chirurgiche, con il nuovo piano il Policlinico, già oggi molto utilizzato dai residenti nel distretto assumerà un ruolo ancora più centrale mettendo a disposizione le proprie competenze di alto livello. "Esemplare - spiega Licia Petropulacos, direttore generale del Policlinico, - è la chirurgia della mano. In questo caso fra l'altro i maggiori posti a disposizione serviranno anche per ridurre le liste di attesa effettuando un intervento mirato, nel rispetto dei principi di equità, sui cittadini residenti in uno dei sei comuni del distretto."

Il rafforzamento e potenziamento del legame con gli altri ospedali dell'area centro coinvolge anche il Nuovo Ospedale Civile Sant'Agostino Estense che ad esempio, diverrà punto di riferimento e di scambio per l'ortopedia e la chirurgia vascolare.

(Fonte: Ufficio Stampa Azienda USL di Modena)

Pubblicato in Cronaca Modena

Un weekend in sella a una Ducati lungo la Via Emilia, incrocio di saperi regionali, eccellenze culturali e buoni sapori locali, per raccontare il territorio attraverso cibi e motori "Made in Emilia Romagna" -

Piacenza, 19 settembre 2014 -

APT e Ducati salgono insieme in sella per la promozione internazionale del prodotto turistico regionale con #Route9 Fast Motors & Slow Food, azione di co-marketing che intende valorizzare, attraverso il web, un patrimonio territoriale il cui appeal va ben oltre ai confini nazionali. In pratica due instagramers di MyER viaggeranno a bordo di una Ducati percorrendo la Via Emilia, asse viario antico che riunisce da Rimini a Piacenza espressioni identitarie regionali intense e uniche come la gastronomia e i motori. Tra osterie storiche e botteghe gastronomiche, musei motoristici d'eccellenza e grandi circuiti internazionali, l'intero viaggio sarà documentato con fotografie che verranno caricate in tempo reale sulle piattaforme social di Turismo Emilia Romagna (Twitter, Facebook, Instagram) e riprese video destinate anche al canale youtube.

Ed è il DNA del territorio il grande minimo comune denominatore di questo insolito viaggio tra motori veloci e cibo "lento", ovvero due tra i grandi simboli dell'Emilia Romagna, terra dove le grandi case automobilistiche hanno le radici nelle cultura contadina propria delle vecchie generazioni. E' lungo l'asse viario della SS9 che l'appeal dell'Emilia Romagna si esprime con carattere e si concentra: è qui che hanno infatti sede luoghi unici in tutto il mondo come l'Autodromo Enzo e Dino Ferrari (RA), i musei di Ducati, Lamborghini (BO) ed Enzo Ferrari (MO). Oltre a motori da sogno, tra località e campagne, viaggiando lungo la SS9 si scoprono e si riscoprono anche tradizioni gastronomiche da favola, da quelle di mare tipiche della Riviera romagnola a quelle di terra che invece appartengono al cuore dell'Emilia, immerso nella Pianura Padana. La promozione turistica regionale oggi si rivolge viralmente anche ai viaggiatori 2.0, con l'obiettivo di promuovere strategicamente nel villaggio globale il prodotto Italia attraverso eccellenze e tipicità che appartengono da sempre all'Emilia Romagna. La Via Emilia, antica strada consolare romana (187 A.C.) nata per collegare Ariminum a Placentia per volere del Console Marco Emilio Lepido, oltre che essere una carrellata vivace di culture, tradizioni, linguaggi del territorio regionale, è tutt'ora il collegamento tra l'est e l'ovest dell'Emilia-Romagna, ma è anche la porta verso Milano dove tutto è già in fermento per l'imminente l'Expò.

#Route9 Fast Motors & Slow Food: il programma dettagliato della due giorni

Partenza domani, sabato 20, da Rimini, con una visita mattutina all'antico Mercato Coperto del Pesce in omaggio all'Adriatico e ai suoi sapori; si prosegue poi verso Santarcangelo e Cesena, ricche di osterie tipiche, in direzione Forlimpopoli, dove è prevista una sosta a Casa Artusi, il centro di cultura gastronomica dedicato alla cucina casalinga italiana e regionale.
Si prosegue alla volta di Imola 
sede dell'Autodromo Enzo e Dino Ferrari e della nuova struttura espositiva intitolata a Checco Costa, dove è attualmente allestita una mostra-tributo ad Ayrton Senna. La giornata di sabato terminerà a Bologna tra le antiche botteghe alimentari del Quadrilatero, in pieno centro storico.
Domenica 21 si ripartirà proprio da Bologna in direzione del Museo Ducati (Borgo Panigale, BO) prima e del Museo Lamborghini a seguire (Sant'Agata Bolognese). Golosa invece la tappa successiva a Castelfranco Emilia dove è prevista una sosta nell'ambito di un corso pratico di cucina dedicato al Tortellino Tradizionale presso un'osteria storica del centro (per iscrizioni, gratuite, instater-tortellino.eventbrite.it). Il viaggio di domenica proseguirà 
alla volta del Museo Enzo Ferrari di Modena, sintesi perfetta tra passato e futuro della Casa del Cavallino Rampante e temporaneamente sede di una mostra dedicata al Centenario di Maserati. La giornata in sella alla Ducati proseguirà in direzione Reggio Emilia, animata dagli stand e spettacoli del Food Immersion Festival, per concludersi tra le salsamenterie e le bellezze naturali di Parma e Piacenza.

#Route9 Fast Motors & Slow Food è organizzato in collaborazione con Ducati e con il supporto delle community degli Instagramers Emilia Romagna e IG_EmiliaRomagna. Per seguire in tempo reale #Route 9 Fast Motors & Slow Food è sui social di Turismo Emilia Romagna su Facebook www.facebook.com/TurismoEmiliaRomagna Twitter: http://twitter.com/turismoER Instagram: http://instagram.com/turismoer

(Fonte: Ufficio Stampa Apt Servizi)

Domani a Castelfranco seminario su tortellino e marketing territoriale rivolto a operatori del settore e semplici appassionati -

Modena, 10 settembre 2014 -

Il tortellino come elemento di identità e marketing territoriale. Se ne parla domani – giovedì 11 settembre – a Castelfranco Emilia in un seminario in programma alle 15 nella sala Gabriella Degli Esposti della biblioteca comunale. L'iniziativa è organizzata dallo Ial Emilia-Romagna e dalla Scuola Alberghiera e di Ristorazione di Serramazzoni in collaborazione con l'associazione di volontariato La San Nicola. L'esperto di marketing territoriale Enrico Belgrado, consulente Ial, e il presidente de La San Nicola Giovanni Degli Angeli, vanno alla scoperta del tortellino attraverso l'analisi, la storia e gli aneddoti su un simbolo della nostra enogastronomia. Il seminario di domani, rivolto a operatori del settore e semplici appassionati, fa parte del progetto finanziato da Eburt (Ente bilaterale unitario regionale turismo) sulla qualificazione dell'offerta turistica locale e la valorizzazione del prodotto tipico.

(Fonte: ufficio stampa Ial)

Pubblicato in Dove andiamo? Modena
Mercoledì, 03 Settembre 2014 16:07

Emilia Romagna, dalla tavola al web

Alla gastronomia tipica è dedicato il tema del nuovo contest fotografico digitale #myER. L'autore del miglior scatto si aggiudicherà un'esperienza gastronomica d'altissima qualità, una cena per due persone da gustare in un ristorante stellato regionale -

Parma, 3 settembre 2014 -

Il contest fotografico #myER_KitchenStories

Riparte venerdì 5 settembre il contest di APT Servizi che promuove le eccellenze territoriali via web attraverso il popolare social network Instagram. Protagonisti degli scatti in concorso, attivo dal 5 settembre al 20 ottobre, i prodotti eccellenti e i buoni sapori regionali che raccontano di un'identità territoriale marcata, genuina ed apprezzata, tanto da essere sempre più spesso motivazione di viaggio per i turisti del gusto. Le fotografie in concorso con #myER_KitchenStories dovranno raccontare attraverso le immagini di piatti, ingredienti e ricette proprio di questa identità territoriale inimitabile, citazioni visive dell'atmosfera spensierata e leggera che rendono questa terra unica e irresistibile anche per il palato. L'Emilia Romagna, infatti, è la regione con il maggior numero di prodotti DOP e IGP, 39 in totale, primato che la incorona come incontrastata regina del gusto e regione leader in Europa per marchi di qualità. Ad alcune di queste riconosciute ed apprezzate eccellenze saranno dedicate le tre uscite fotografiche organizzate nell'ambito del contest che coinvolgeranno la community di Instagram in un reportage goloso e sincero: primo appuntamento sabato 6 settembre al Festival del Prosciutto di Parma, a fine settembre è invece un programma una "kitchen lesson" a Castelfranco Emilia (MO) per imparare a fare i tortellini emiliani secondo tradizione, e infine, in ottobre, tappa fotografica in Romagna in compagnie delle "azdore" di Rimini che daranno lezione di vera piadina romagnola ai partecipanti. Il tema della gastronomia locale è stato già al centro del contest lo scorso autunno con oltre 600 immagini caricate dagli Instagramers in 20 giorni.

L'Emilia Romagna leader del gusto: i prossimi appuntamenti per gustare le eccellenze regionali

Sono sempre più numerosi gli eventi gastronomici che compongono il cartellone degli appuntamenti in regione. Tradizionalmente in autunno l'Emilia Romagna mette in calendario il Wine Food Festival, festival dei sapori tipici giunto alla VI edizione che corre lungo un'irresistibile rotta del gusto che si estende attraverso le sue nove province per ben 2000 km di itinerari golosi. Tra settembre e dicembre sono una trentina tra sagre, fiere, degustazioni gratuite e mostre – mercato, gli appuntamenti in cartellone dedicati ai turisti gourmet.

Tra le "stelle" del gusto, apprezzate e "clonate" in tutto il mondo, il Prosciutto di Parma e il Culatello, il Parmigiano Reggiano, lo Squacquerone di Romagna e il Formaggio di Fossa di Sogliano, gli Aceti Balsamici Tradizionali di Modena e Reggio Emilia, l'olio di Brisighella, senza dimenticare il pesce dell'Adriatico e la Piadina, ma neppure il Lambrusco e il Sangiovese. E ancora: durante la prima settimana di settembre Rimini mette in cartellone due grandi eventi enogastronomici per i palati più esigenti e raffinati: dal 5 al 7 Settembre con la 14° edizione del Festival della Cucina Italiana sono attesi, tra gli altri, Gualtiero Marchesi, Carlo Cracco e lo chef riminese Gino Angelini, attualmente ai vertici della cucina americana, ma anche Fede e Tinto giornalisti di Rai Uno e Decanter di Rai Radio 2.

Durante gli stessi giorni si aggiunge un nuovo appuntamento con la tappa conclusiva del primo Gelato Word Tour che vedrà ben 24 Mastri Gelatieri internazionali contendersi in diretta da Rimini il titolo di miglior gelato artigianale al mondo. Per la prima edizione di questo evento, organizzato dalla Carpigiani Gelato University di Anzola dell'Emilia (BO), in collaborazione con Sigep-Rimini Fiera, sono attesi ospiti e giornalisti da quattro continenti nell'intento di diffondere, dall'Emilia Romagna, la cultura del buon gelato nel mondo.

I sapori locali si continueranno a celebrare in autunno (data da confermare) con un evento live a base di cibo tipico e musica targato Rimini Street Food, il primo progetto regionale nato per la valorizzazione e la promozione della piadina, che ha raccolto in una guida e in un'APP i migliori indirizzi della città dove gustarla al meglio. In poco più di un anno Rimini Street Food ha portato in Riviera i guru internazionali del gusto (da Massimo Bottura, a Heinz Beck fino ad Oscar Farinetti, per citarne solo alcuni) a gustare e reinterpretare con fantasia e creatività eccellente questo indiscusso simbolo territoriale noto ed apprezzato in Italia e nel mondo.

Da Pellegrino Artusi a Massimo Bottura & C.: a tavola con le stelle dell'Emilia Romagna

Se l'Emilia Romagna è la terra di Pellegrino Artusi, padre della cucina italiana il cui manuale di ricette è ancora oggi uno dei libri più tradotti nel mondo, gli chef contemporanei non tradiscono questa tradizione e significativa cultura che rappresenta una delle punte di diamante regionali. L'Italia, con lo chef Massimo Bottura de 'La Francescana' di Modena – quest'anno è salita sul podio per il secondo anno consecutivo aggiudicandosi il terzo posto nella classifica internazionale 'The world's 50 Best restaurants'. Sempre in tema di alta creatività culinaria, l'Emilia Romagna nel 2014 si è distinta anche secondo il parere dei maggiori critici di settore: allo chef Piergiorgio Parini de L'Osteria del Povero Diavolo di Torriana (RN), in tutta la regione seconda solo a 'La Francescana', è stato attribuito il titolo di miglior pranzo dell'anno dall'ultima edizione della Guida dei Ristoranti L'Espresso. Ancora in tema di pareri autorevoli e grandi classifiche del gusto, secondo la Guida Michelin 2014, invece, sono 28 gli indirizzi regionali da non perdere. Anche lo street food locale sale sul podio: si trova a Riccione l'indirizzo al vertice della classifica regionale della guida Street Food Gambero Rosso 2015 (www.kalamaropiadinaro.it) d'imminente uscita.
Tutti gli Instragamers che parteciperanno al contest avranno l'opportunità di gustare la cucina stellata regionale: la foto che, tra le venti finaliste selezionate da Turismo Emilia Romagna, si aggiudicherà il maggior numero di likes sarà la vincitrice di #myER_KitchenStories. Per votare ci sarà tempo dal 21 al 31 ottobre e all'autore andrà una cena per due persone presso uno degli indirizzi stellati regionali. Per ulteriori informazioni: bit.ly/myer_KitchenStories

(Fonte: Ufficio Stampa Apt Servizi)


Nessuna conseguenza sull'assistenza attualmente erogata. Da lunedì prossimo saranno messe in atto le azioni per eliminare in tempi rapidi le criticità emerse in materia di sicurezza antincendio. Per la struttura era già previsto un investimento di riqualificazione di 7milioni di euro.

Modena 23 agosto 2014 --
L'Azienda Usl di Modena informa che a seguito di un controllo ordinario svolto dai Vigili del Fuoco di Modena presso la struttura ospedaliera di Castelfranco Emilia il cui esito è stato consegnato oggi, 22 agosto, sono state riscontrate alcune criticità in materia di sicurezza antincendio; queste ultime sono riconducibili alla necessità di ridurre la mole di documenti, in particolare cartelle cliniche e pellicole radiografiche, presenti in alcuni degli archivi, e di aggiornare parte della documentazione riguardante la normativa tecnica sugli impianti e il piano di emergenza.
L'Azienda Usl al fine di garantire la massima trasparenza, sia interna che rispetto all'opinione pubblica, comunica che si è già attivata per eliminare, nel rispetto dei tempi indicati le criticità indicate nel verbale d'accertamento.
È importante prima di tutto sottolineare che gli adeguamenti richiesti non andranno ad incidere sull'assistenza sanitaria attualmente erogata, mentre sarà necessario uno slittamento dei tempi per la ripresa a pieno regime, precedentemente prevista a settembre, per eseguire i lavori richiesti.

A ciò va aggiunto che, nell'ambito dei progetti di riqualificazione e miglioramento della struttura, l'Azienda Usl di Modena aveva già previsto una serie di lavori, per un importo complessivo di circa € 4.000.000 di euro, destinati agli interventi per adeguare nel suo complesso la struttura alla normativa in materia di sicurezza sul lavoro e prevenzione degli incendi. Alcuni dei lavori erano già stati avviati nel corso del 2012 ma, a causa del fallimento dell'impresa che si era aggiudicata l'appalto, l'attività ha registrato una dilatazione dei tempi di esecuzione. Nei mesi scorsi, a seguito anche del confronto con gli Enti Locali, l'AUSL ha presentato in regione il "Piano Direttore" per l'Ospedale di Castelfranco Emilia che prevede nei prossimi anni ulteriori investimenti per circa 3.000.000 di euro, per cui la somma complessiva destinata ai lavori di riqualificazione della struttura di Castelfranco Emilia ammonta a circa 7.000.000 di euro.
(Ausl Modena)

Il corso organizzato e gestito dalla Scuola Alberghiera e di Ristorazione di Serramazzoni e dall'Istituto di Istruzione Superiore "L. Spallanzani" di Castelfranco Emilia ha insegnato a valorizzare le tipicità enogastronomiche del territorio a 17 allievi -

Modena, 18 luglio 2014 -

Ci sono anche sei 100 e lode tra i 17 allievi che nei giorni scorsi hanno conseguito la qualifica di "tecnico esperto in creazione e realizzazione di menù delle tipicità enogastronomiche del territorio". Oltre la metà degli allievi sta già lavorando e cinque di essi collaborano stabilmente con le aziende che li hanno ospitati in stage. Il corso, rivolto principalmente a persone residenti nel cratere del terremoto 2012, è stato organizzato e gestito dalla Scuola Alberghiera e di Ristorazione di Serramazzoni e dall'Istituto di Istruzione Superiore "L. Spallanzani" di Castelfranco Emilia.

«Le lezioni si sono tenute a Castelfranco presso lo "Spallanzani" – spiega Giovanna Cammelli, coordinatrice del corso per la Scuola Alberghiera di Serramazzoni - Sono state complessivamente 800 ore di formazione, di cui 450 in aula, 320 di stage e trenta di project work. Le persone formate sono in grado di progettare e realizzare menu e prodotti che prevedono l'utilizzo delle tipicità enogastronomiche del territorio, selezionare fornitori, adottare tecniche di preparazione, cottura e servizio che esaltino le caratteristiche dei prodotti tipici. Impegno e motivazione, uniti a progetti di realizzazione personale e professionale da parte degli allievi, hanno garantito la buona riuscita dell'azione formativa».

La partecipazione al corso era gratuita in quanto l'attività formativa è stata cofinanziata dal contributo di solidarietà del Fondo sociale europeo per le aree colpite dal sisma del maggio 2012. Tra i partners c'erano anche l'Osteria Francescana di Massimo Bottura (Modena), l'osteria La Fefa di Giovanna Guidetti (Finale Emilia), la facoltà di Agraria dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza, Alma (Scuola internazionale di cucina italiana) di Colorno (Parma) e l'Antica Corte Pallavicina di Spigaroli Massimo e Luciano (Polesine Parmense).

(Fonte: ufficio stampa IAL)

Torna dal 2 al 6 luglio la diciottesima edizione della festa Uisp, con il sostegno della Regione Emilia-Romagna, contro tutte le discriminazioni. I Mondiali Antirazzisti ospiteranno squadre da tutto il mondo impegnate nei tradizionali tornei di calcio a 7, basket, pallavolo, cricket e rugby, e alcune nuove proposte sportive.

Modena, 30 giugno 2014 –

Nati da un'idea semplice, ma efficace e vincente, I Mondiali Antirazzisti sono una vera e propria festa che coinvolge direttamente realtà considerate normalmente contrastanti e contraddittorie, quella dei gruppi ultrà, spesso etichettati come razzisti, e quella delle comunità di immigrati. Dai grandi stadi del Brasile al parco di Bosco Albergati a Castelfranco Emilia, in provincia di Modena, per un nuovo appuntamento con i Mondiali. Dallo spirito completamente diverso, però: contro ogni forma di discriminazione e di esclusione sociale, rispettosi dell'ambiente e di una sana cultura sportiva. Dal 2 al 6 luglio, i Mondiali Antirazzisti ospiteranno squadre da tutto il mondo impegnate nei tradizionali tornei di calcio a 7 (già circa 160 le squadre iscritte), basket, pallavolo, cricket e rugby, e alcune nuove proposte sportive. "Per noi è motivo di grande soddisfazione, oltre che di orgoglio, sostenere come Regione quest'appuntamento – ha sottolineato venerdì, in occasione della presentazione dell'edizione 2014, l'assessore alla Cultura e sport Massimo Mezzetti – . Un appuntamento di carattere culturale e sociale, che 'celebra' lo sport come veicolo di valori autentici, di incontro e di riconoscimento delle origini e dei linguaggi altrui. Sport, quindi, come pieno rispetto dell'altro". Teresa Marzocchi, assessore alle Politiche sociali, ha ricordato "la piena sintonia dei Mondiali Antirazzisti con l'impegno e le strategie del mio assessorato, e dunque l'integrazione, il rispetto di tutte le culture e il pieno riconoscimento dei diritti". La giunta regionale, inoltre, "ha approvato recentemente le Linee per la strutturazione e l'operatività della rete regionale contro le discriminazioni – ha aggiunto Marzocchi – , e la manifestazione di Bosco Albergati è un modo bello e festoso per fare antidiscriminazione".

Quella del 2014 è la diciottesima edizione dei Mondiali Antirazzisti che, per festeggiare la raggiunta "maggiore età", hanno invitato Cécile Kyenge Kashetu, ex ministra all'integrazione: quest'anno interverrà per consegnare formalmente la cittadinanza alla festa della Uisp. L'edizione 2014 avrà poi un ospite particolare: la Football Supporters Europe, che ha scelto i Mondiali Antirazzisti per celebrare lo European Football Fans' Congress (Effc). Il congresso per le elezioni dei rappresentanti dell'organizzazione dei tifosi europei rappresenta anche un modo per rilanciare il progetto originario dei Mondiali Antirazzisti, e cioè creare uno spazio di rappresentanza per i tifosi consapevoli e portatori delle più sane e vitali istanze del calcio popolare. Come da tradizione ci sarà tanta musica indipendente, gratuita e per tutti; in particolare giovedì 3 luglio, con "We Love Freak", Skiantos e Mondiali Antirazzisti omaggeranno il leader e storico fondatore della band, esponente di punta del rock demenziale italiano, Roberto "Freak" Antoni, recentemente scomparso. Non mancheranno gli incontri e i dibattiti, tra cui "Mega-eventi sportivi e diritti umani" (venerdì 4 luglio), nella "Piazza Antirazzista". Anche quest'anno, infine, verrà promossa la raccolta differenziata, che da anni supera il 70% e l'anno scorso ha toccato il record del 76%. Sarà confermata anche la distribuzione di acqua di rete per ridurre la plastica. Il programma su: www.mondialiantirazzisti.org/new

(Fonte: ufficio stampa Regione Emilia Romagna)

Pubblicato in Sport Modena

In 21 uffici postali è attivo uno sportello dedicato al solo pagamento dei bollettini di conto corrente. Per gli ultra settantenni uno sconto sulla commissione dei bollettini -

Reggio Emilia, 11 giugno 2014 -

In 21 uffici postali del Reggiano (Reggio Emilia Centro, Reggio Emilia 1 in viale Timavo, Reggio Emilia 2 piazzale Marconi, Reggio Emilia 3 via Borsellino, Reggio Emilia 4 viale Umberto I, Reggio Emilia 5 via Fratelli Cervi, Reggio Emilia 7 via Martiri di Cervarolo, Reggio Emilia 8 via Kennedy, Bagnolo in Piano, Castellarano, Castelnuovo di Sotto, Castelnuovo ne' Monti, Cavriago, Correggio, Guastalla, Montecchio, Novellara, Rubiera, San Maurizio, Sant'Ilario d'Enza e Scandiano) è operativo uno sportello dedicato al solo pagamento dei bollettini di conto corrente.
L'innovazione permette di rendere ancora più veloci le operazioni di pagamento, soprattutto quando c'è grande concentrazione di clientela per il pagamento delle imposte locali o la riscossione delle pensioni.
Il bollettino di conto corrente postale può essere pagato presso gli uffici postali con il contante, con le carte Postamat dei titolari di conto BancoPosta e con i bancomat di tutti gli Istituti bancari.
Inoltre, in tutti gli uffici postali per gli "over 70" c'è lo sconto della commissione sui bollettini.
Poste Italiane ha avviato una campagna di comunicazione rivolta a coloro che hanno già compiuto 70 anni per ricordare che possono pagare le bollette (ovviamente a loro intestate) ed in genere i bollettini postali (fatture per le utenze luce, gas, acqua, telefono, le rate dei finanziamenti, bollo auto, canone Rai, multe e tutti i soggetti muniti di conto corrente postale) versando una commissione di € 0,70 anziché € 1,30.

(Fonte: ufficio stampa Poste italiane)

Primo classificato "Per Wamba" della Farmacia Masini di Piumazzo, premio speciale a "Salotti Rosa Belle Insieme" delle Farmacie Associate Colli di Carpi. Il progetto "Per Wamba", classificatosi al primo posto, nasce dall'incontro del Dottor Giuseppe Masini con il collega di Busto Arsizio Dottor Ettore Mazzucchelli, che da vent'anni si reca a Wamba, in Kenya, a prestare la propria opera.

Modena, 28 mggio 2014 -

"Due progetti che danno ulteriore spessore professionale e sociale al ruolo del farmacista e che, grazie alla disponibilità di alcuni nostri colleghi che si sono cimentati in aree non consuete per un farmacista, trasformano in azioni concrete e al tempo stesso originali l'attenzione verso gli altri e in particolare coloro che si trovano in una situazione di maggiore fragilità. Per questo voglio ringraziare i nostri due colleghi, dottor Giuseppe Masini e dottoressa Marina Colli, che durante l'ultima edizione di Cosmofarma, nell'ambito del Contest Farmacia Etica "Marco Belli", hanno di recente ricevuto un significativo riconoscimento" sottolinea il presidente di Federfarma Modena Silvana Casale.

Il progetto "Per Wamba", classificatosi al primo posto, nasce dall'incontro del Dottor Giuseppe Masini con il collega di Busto Arsizio Dottor Ettore Mazzucchelli, che da vent'anni si reca a Wamba, in Kenya, a prestare la propria opera. Si pone l'obiettivo di rifornire e organizzare al meglio la Farmacia dell'ospedale della Missione Cattolica, compito arduo visto che si tratta di una realtà a più di 5.000 km di distanza dall'Italia. Oltre all'organizzazione il progetto prevede raccolta fondi per la Farmacia dell'Ospedale, invio di farmacisti volontari nella Missione, promozione del progetto attraverso il libro «Hello Wamba», conferenze e mostre fotografiche. "È' un onore aver partecipato ad un contest in memoria di Marco Belli. Sono orgoglioso soprattutto – ha dichiarato Giuseppe Masini - del parallelismo ideale che si è venuto a creare tra l'opera di aiuto portato in Africa e l'azione delle farmacie sul territorio delle zone terremotate dell'Emilia".

Un premio speciale è stato inoltre assegnato a "Salotti Rosa Belle Insieme", progetto nato dall'idea e dall'impegno comune delle Farmacie Associate Colli di Carpi e del Reparto di psico-oncologia dell'Ospedale Ramazzini con l'obiettivo di aiutare le pazienti oncologiche a sentirsi ancora femminili e desiderate nonostante la patologia, utilizzando prodotti di trattamento e di trucco correttivo. "Lo scopo dell'iniziativa è sostenere le pazienti non solo come degenti, ma anche come donne. È appagante ricevere ringraziamenti sinceri per averle fatte sentire bene e aver ridato loro gioia con un gesto semplice, in un momento in cui anche la normalità della vita quotidiana diventa una conquista" ha spiegato Marina Colli che ormai da quattro anni realizza il progetto.

Il contest "Marco Belli"
Nasce dalla volontà di mettere in risalto i progetti di solidarietà, beneficienza ed eco-sostenibilità messi in atto dai farmacisti italiani, incentivandoli a impegnarsi ancora di più nel sociale. Queste finalità filantropiche, unite alla intrinseca vicinanza e attenzione al mondo della farmacia, si sposano con il percorso di progetti etici e sociali intrapreso da La Roche-Posay con la sua Fondazione, che ha così deciso di sostenere il contest "Farmacia Etica" come partner unico. Il premio è intitolato al farmacista Marco Belli, vittima di un incidente d'auto durante il terremoto in Emilia del 2012. Il padre, Renzo Belli, è stato il vincitore del primo Premio Cosmofarma al Farmacista dell'anno nel 2013, esempio di un professionista che concepisce il suo lavoro come una missione, dalla quale non ci si può sottrarre neanche nei momenti più tragici.

(Fonte: ufficio stampa Federfarma Modena)

Lunedì 2 giugno torna la manifestazione gastronomica, che rende i portici del centro storico un luogo conviviale, per gustare insieme le specialità del territorio.

Modena, 27 maggio 2014 -

Giunge alla quarta edizione la gustosa manifestazione enogastronomica, che propone il piatto di eccellenza della cucina emiliana: il tortellino.
Nella sua ricetta più vera, quella della tradizione di Castelfranco Emilia, il protagonista della tavola, sarà accompagnato dalla degustazione di prodotti tipici modenesi. Parmigiano Reggiano, Prosciutto, Aceto Balsamico Tradizionale, Lambrusco, Cotechino, poi dolci e Nocino, per finire in bellezza.
Gli Chef di Modena a Tavola in collaborazione con Piacere Modena, l'Associazione La San Nicola, i Consorzi dei prodotti Tipici e le Associazioni gastronomiche del territorio proporranno un ricco menù degustazione, sotto i portici del centro storico, lungo Via Emilia, da Piazza Torre a Via Scudari. I ticket per il pranzo sono già in vendita, al costo di 15 euro. Per tutte le info www.consorziomodenaatavola.it 

Pubblicato in Dove andiamo? Modena
Pagina 5 di 10