Visualizza articoli per tag: Territorio Borgotaro

"La Pontremolese ferroviaria è prioritaria per la Regione". Lo ha dichiarato l'Assessore regionale alle Infrastrutture Donini nell'incontro con gli amministratori locali, consiglieri regionali e parlamentari in Piazza della Pace. Il Ministero, col vice ministro Nencini, ha già attivato il tavolo con le tre Regioni coinvolte. Ora la Regione ha richiesto allo Stato il finanziamento del primo tratto.

Parma, 15 marzo 2016

"Abbiamo attivato il tavolo presso il Ministero, abbiamo ottenuto l'attenzione del vice ministro Nencini; la Pontremolese ha "Priorità Uno" nella pianificazione strategica regionale. L'obiettivo primario è il recupero del finanziamento per 235 milioni di euro del lotto Parma- Vicofertile, che era stato cancellato, come segno di impegno concreto del Governo." Lo ha affermato l'Assessore alle Infrastrutture della Regione Emilia-Romagna Raffaele Donini, che ieri pomeriggio ha partecipato all'incontro organizzato dalla Provincia con gli amministratori locali, a cui hanno partecipato per il Comune di Parma il presidente del Consiglio Vagnozzi, l'Assessore Alinovi e il capogruppo Pd Dall'Olio, i sindaci di Fornovo Grenti, di Borgotaro Rossi, di Berceto Lucchi, di Fidenza Massari, di Solignano Bonazzi il vice sindaco di Collecchio Dodi, Bertocchi consigliere di Varano Melegari, i parlamentari on. Maestri e Romanini, il presidente del Cepim Marzani, i consiglieri regionali Lori, Cardinali e Rainieri, il vice presidente della Provincia Bellini e il Delegato Vescovi.

"Finalmente la Regione crede veramente nell'opera e guida il processo per portarla a compimento – ha affermato Serpagli - Per noi è fondamentale questa linea, che collega il Parmense con la Toscana. Tre sono i nodi da risolvere: Vicofertile – Parma, che ha già il progetto definitivo, e per cui le risorse erano state stanziate, poi cancellate, e che risolverebbe un problema annoso per la città. Poi gli altri due nodi, quello di Fornovo e di Berceto, per i quali c'è ancora molto da fare."

Donini, ha parlato di una "cura del ferro", per una Regione che vuole investire sul sistema ferroviario, riequilibrando gli investimenti su ferro e su strada. Poi, rispondendo agli amministratori intervenuti, si è detto favorevole a evitare il by pass di Fornovo; ha affermato che il programma RFI di valorizzazione delle stazioni già comprende le stazioni di Fornovo e Borgotaro e che i 35 milioni necessari per la stazione di Parma risultano già finanziati. L'assessore regionale ha quindi spiegato che tra il 2018 e il 2019 gli investimenti importanti e già decisi consentiranno di avere treni nuovi e risolvere il 50% dei problemi di oggi, che dipendono dalla vetustà del materiale rotabile, che sarà sostituito. Per la Pontremolese due restano i problemi: mentre il Governo "ci crede" e due Regioni (Emilia–Romagna e Liguria) l'hanno indicata come priorità, la Toscana "ci deve pensare". Il secondo: occorre ottenere la revisione del progetto definitivo, e i contatti con RFI finora non sono stati negativi.

Sulla TiBre stradale, Donini ha ricordato che il primo lotto è già cantierabile, e che la fase di pianificazione è conclusa. "Poiché è solo per 5 km in Emilia, e per 50 km in Lombardia, e la Regione Lombardia la chiede, abbiamo messo anche il 2° lotto in priorità – ha affermato – ma è un'opera che richiede un'intesa nazionale. E adesso comincia la caccia alle risorse."

Serpagli ha messo l'accento anche sul problema del pendolarismo, che si trova in una situazione molto critica, con ritardi e cancellazioni, con forti lamentele da parte dei viaggiatori. "Se da Borgotaro a Parma arriviamo in 45 minuti, la ferrovia diventa competitiva rispetto alla gomma. Chiediamo che l'assessore regionale condivida un percorso per far sì che i disservizi non accadano più; diversamente, non si riuscirà a mantenere le popolazioni in montagna."

L'Assessore Donini ha raggiunto poi Borgotaro in treno per parlare con i pendolari.

(Fonte: ufficio stampa Provincia di Parma)

La Gilda Insegnanti commenta la modifica dell'offerta formativa inerente gli indirizzi di alcuni istituti superiori del nostro territorio: "La Provincia di Parma modifica l'offerta formativa degli istituti superiori senza il parere delle rappresentanze dei docenti. Atto unilaterale del PD." -

Parma, 16 novembre 2015 -

Nei giorni scorsi il segretario provinciale del Pd Serpagli, che è anche il Consigliere delegato all'istruzione della Provincia di Parma, ha annunciato la modifica dell'offerta formativa inerente gli indirizzi di alcuni istituti superiori del nostro territorio: lo "Zappa Fermi" di Borgotaro e Bedonia, il "Berenini" di Fidenza e il "Rondani" di Parma, in questi casi il parere delle organizzazioni sindacali del comparto scuola è obbligatorio, lo prevede una legge regionale, evidentemente i vertici provinciali del Pd non ricordano nemmeno le regole volute dalla loro stessa parte politica.
La Provincia nei giorni scorsi ha emesso una nota asserendo di aver acquisito il parere delle organizzazioni sindacali: la Gilda degli Insegnanti smentisce questo dato, riferito pubblicamente dal segretario provinciale del PD Serpagli.
Siamo una delle cinque associazioni sindacali rappresentative del comparto scuola ed è grave che su un tema così delicato per l'assetto scolastico parmense qualcuno arrivi a sostenere di averci ascoltato, pur non avendolo mai fatto. Evidentemente hanno svolto una conventicola tra intimi spacciandola per un confronto sindacale: si tratta dell'ennesimo esempio di come il Pd si comporta con le rappresentanze dei docenti.
Salvatore Pizzo, coordinatore provinciale della Gilda, a tal proposito afferma: "In merito a quest'ennesimo grave episodio ci riserviamo tutte le azioni giudiziarie e sindacali, noi siamo indipendenti dalla politica e non abbiamo alcuna sudditanza psicologica nei confronti del Pd e delle altre formazioni di esso alleate o avversarie".

(Fonte: ufficio stampa Gilda Insegnanti)

Tante le frazioni che rischiano di rimanere isolate o con una accessibilità molto complicata. Serpagli: "Stiamo garantendo la percorribilità delle strade, per evitare l'isolamento delle frazioni, ma abbiamo bisogno dell'aiuto della Regione." -

Parma, 16 settembre 2015 –

L'agenzia regionale di Protezione Civile informa che da mezzogiorno di ieri è cessata l'allerta per il fiume Trebbia e quella per il fiume Nure, e per il fiume Ceno ma la situazione per il territorio è di grave disagio. La Provincia di Parma è al lavoro per garantire la percorribilità della viabilità in Val Ceno, ma le piogge dei giorni scorsi hanno creato gravi disagi.

Le strade provinciali danneggiate

L'elenco delle strade provinciali interessate è un bollettino di guerra: la 359 di Salsomaggiore e Bardi, in particolare il ponte sul Rio dei Legni in Comune di Bardi, la 66 di Compiano, la 21 di Bardi e Borgotaro, la 28 di Varsi, la 654 della Val Nure, la 77 di Boccolo, la 25 delle Pianazze. Ulteriori danni si sono verificati nelle strade provinciali sul crinale appenninico da Monchio delle Corti fino a Tornolo. Danneggiati ponti, piani stradali e tombini, si segnalano frane, cedimenti ed erosioni.

La stima dei danni

"Da una prima stima dei danni, siamo già sopra il milione di euro – afferma il Delegato provinciale alla Viabilità Gianpaolo Serpagli – Per i soli interventi di somma urgenza la cifra rasenta i 400 mila euro, impiegati per garantire la sicurezza immediata del traffico, pur con limitazioni di velocità e in alcuni casi di sensi unici alternati, in attesa degli indispensabili interventi di messa in sicurezza. Vista la dimensione del problema, chiediamo alla Regione Emilia-Romagna un finanziamento, come già avvenuto in passato."

Le frazioni che rischiano l'isolamento

Sono tante le frazioni che rischiano di rimanere isolate o con una accessibilità molto complicata, per cui la Provincia è fortemente impegnata, tra cui: Piane, Ponte Lecca, Boccolo, Scopolo, I Gabriellini, Visoleto Di Qui, Visoleto Di Là, tutte tra Bedonia, Bardi e Compiano.

Pubblicato in Cronaca Parma

Ad Albareto, Borgo Val di Taro e Bedonia, fra settembre e ottobre, tre eventi dedicati ai prodotti tipici della vallata. Gastronomia, musica, sport, spettacoli, mostre e mercati, ma anche visite guidate alla ricerca di funghi e tartufi. -

Parma, 8 settembre 2015 –

Un autunno ricco di appuntamenti in Val Taro, che celebra i suoi prodotti tipici, promuovendo il territorio.
Tre fiere che uniscono alla gastronomia, musica, sport, spettacoli, mostre e mercati. Previste anche visite guidate alla ricerca di funghi e tartufi, cene dedicate, stand gastronomici, assaggi e degustazione di vini: il tutto per avvicinare i visitatori ai frutti del sottobosco, per conoscerne le qualità e per apprezzarne le caratteristiche.

Dall'11 al 13 settembre in programma la Fiera Nazionale del Fungo porcino ad Albareto; il 19, 20, 26 e 27 settembre la Fiera del Fungo di Borgotaro IGP a Borgo Val di Taro; il 18 ottobre la Fiera del tartufo a Bedonia.

L' Autunno in Val Taro è stato presentato in Provincia durante una conferenza stampa con Gianpaolo Serpagli, Consigliere delegato della Provincia di Parma, Fabio Campisi, Presidente del comitato Fiera del Fungo di Borgotaro, Omar Olivieri, Assessore al turismo Comune di Borgo Val di Taro, Simone Bertorelli, Presidente del comitato Fiera Nazionale del fungo porcino di Albareto, Davide Riccoboni, Sindaco Comune di Albareto, Serena Previ, Consigliera con delega al turismo Comune di Bedonia.

Il Consigliere Delegato Serpagli ha ricordato che "La Val Taro è unita per la promozione delle sue manifestazioni e dei suoi prodotti: in questo modo riusciamo a portarne in tutta Italia e non solo. Questo significa investire sulla promozione anche in autunno e dare una mano all'economia dei paesi coinvolti. Anche la Provincia continua a puntare sulla capacità dei Comuni di lavorare insieme, portando un contributo fattivo alla promozione dei territori". Simone Bertorelli, Presidente del Comitato Fiera del Fungo di Albareto ha affermato che "l'unire le forze è segno di maturità da parte dei Comuni e indica un percorso da seguire. Albareto giunge al ventesimo anno e celebriamo quest'anniversario con un ricco programma: molti appuntamenti, la rinnovata collaborazione con ALMA, incontri di micologia, una mostra dedicata al Centenario della Prima Guerra Mondiale". Anche Fabio Campisi, Presidente del Comitato Fiera del Fungo di Borgotaro, ha commentato che "la novità è che tutti insieme diamo notizia delle manifestazioni in Val Taro e promuoviamo i prodotti del sottobosco. Siamo alla quarantesima edizione della Fiera del Fungo di Borgotaro dove si troverà buon cibo e grande divertimento". Infine è Serena Previ, consigliera con delega la Turismo di Bedonia a parlare della Fiera del tartufo. "Siamo solo alla seconda edizione della Fiera, ma speriamo di raggiungere le altre in longevità e importanza. Cominciamo così a valorizzare un prodotto molto importante per l'economia della nostra zona".

FIERA NAZIONALE DEL FUNGO PORCINO DI ALBARETO www.fieradialbareto.it 

Si comincia, dall'11 al 13 settembre, con la 20esima edizione della Fiera Nazionale del Fungo Porcino di Albareto, la più importante manifestazione dedicata al frutto del sottobosco, capace di attirare ogni anno migliaia di visitatori da tutta Italia e dall'estero. Ha anche ottenuto il riconoscimento di Fiera Nazionale da parte della Regione Emilia Romagna e il patrocinio del Ministero dello Sviluppo Economico e di EXPO MILANO 2015. Venerdì 11 inaugurazione della Fiera e apertura degli stand gastronomici con la partecipazione del corpo bandistico di Albareto e la "special guest" Veronica Ruggeri da "Le iene". Alle 18.30 il Palafungo diventa il teatro di "Aperitivando col Porcino", il primo assaggio della festa, con aperitivi e degustazione di vini; sabato 12 apertura degli stand con una giornata che offre tante proposte, dalla Convention Fitness & Funghi all'appuntamento con gli studenti del corso di enogastronomia ed ospitalità alberghiera di Bedonia, fino al convegno La Grande Guerra–Agricoltura e Requisizioni – Un Dazio per i combattenti, in programma alle 11. Numerosi anche gli appuntamenti dell'ultima giornata, domenica 13, con ALMA Scuola Internazionale di Cucina Italiana che offre corsi di cucina per bambini e adulti. Dopo Aperitivando col Porcino, la serata si animerà con la musica dell'orchestra "Mario Zecca". La Fiera si chiuderà ufficialmente alle 24 con il tradizionale ingresso delle "Maglie Rosse".

FIERA DEL FUNGO DI BORGOTARO IGP www.sagradelfungodiborgotaro.it 

Si continua con la Fiera del Fungo di Borgotaro IGP, il terzo (sabato 19 e domenica 20) e il quarto (sabato 26 e domenica 27) week end di settembre a Borgo Val di Taro, manifestazione gastronomica di attrazione nazionale, una tappa imperdibile per gourmet più alla moda tanto quanto per gli amanti della tradizione. Punto cardine sarà Piazza XI febbraio che, per l'occasione, si trasforma in "piazza del Buon Gusto": sarà predisposto un ampio spazio dedicato agli showcooking con la presenza di due chef di Masterchef Italia, Giuseppe "Il Conte" Garozzo e Chiara Zanotti, oltre che allo chef Alma Mario Marini e ai laboratori di pulitura e lavorazione dei funghi porcini a cura di Danilo Carretta. Diversi i punti "street food" sparsi per la fiera, dal truck del tartufo dall'Umbria alla focaccia di Recco, passando per barbecue giganti e funghi fritti da passeggio. In programma anche mostre d'arte, mercati di abbigliamento, antiquariato, giochi gonfiabili gratuiti e tanta musica con gruppi di musicisti itineranti che animeranno la fiera: ospiti speciali di questa edizione i "Contrada Lamierone" da Cesena.

FIERA DEL TARTUFO A BEDONIA www.fieradeltartufodibedonia.it 

Si conclude il 18 ottobre con la seconda Fiera del tartufo a Bedonia, una giornata dedicata alla valorizzazione e alla degustazione del prezioso alimento. Apertura degli stand alle 9.30 con il mercatino dell'artigianato-mercato del tartufo, alle 10.30 un Convegno sul tartufo della Valceno con la partecipazione del critico enogastronomico Edoardo Raspelli; alle 12.30 possibilità di pranzare nei ristoranti convenzionati con il menú a tema o in uno stand con la collaborazione dei ragazzi dell'Istituto enogastronomico; nel pomeriggio "Sapori di tartufo" con degustazioni del prodotto, la gara di tartufai e un laboratorio artistico dedicato ai più piccoli. Per tutta la giornata le vie del paese saranno animate da musica e da artisti di strada.

 

 

Pubblicato in Cronaca Parma
Venerdì, 21 Agosto 2015 12:05

AUSL: lavori in corso nella sede di Borgotaro

Dal 31 agosto, ecco i primi servizi interessati. Nessuna interruzione dell'attività, trasferiti i pazienti dell'hospice. Iniziano il 31 agosto i lavori di consolidamento strutturale della sede dell'AUSL di via Benefattori 12, a Borgotaro, utili a migliorare la sicurezza dei locali, come previsto dalla vigente normativa antisismica e che vedono un investimento di 2 milioni e 200 mila euro (per i soli interventi indifferibili).

In questa prima fase, la ristrutturazione riguarda i locali che ospitano alcuni servizi territoriali, in particolare: il servizio infermieristico domiciliare, il Sert, la farmacia e l'hospice, oltre che la cucina.

Non ci sarà alcuna interruzione alla consueta attività, solo il trasferimento nei locali dell'attigua Lungoassistenza dei pazienti ricoverati all'hospice "La Valle del Sole", dal 31 agosto.

A partire da fine mese, quindi, per contattare il servizio, occorre chiamare i numeri: 0525.970394-251-354.

La prima tranche di lavori durerà almeno cinque mesi. Per tutto il periodo del cantiere, è bene utilizzare i parcheggi dedicati e collegati al Poliambulatorio.

La Direzione dell'AUSL si scusa con i cittadini per eventuali disagi.

Pubblicato in Comunicati Sanità Parma

Il nuovo strumento digitale migliora la qualità e la sicurezza delle cure nei reparti e permette una gestione condivisa dei problemi del paziente consentendo di capire con maggior precisione e tempi più ridotti il decorso clinico dell'assistito. L'informatizzazione della cartella clinica degli ospedali dell'Azienda Usl, sarà possibile grazie a una nuova donazione della Valtarese Foundation all'Azienda Usl. -

Parma, 5 agosto 2015 -

Inizia dal Santa Maria di Borgotaro l'informatizzazione della cartella clinica degli ospedali dell'Azienda Usl, grazie a una nuova ingente donazione della Valtarese Foundation di New York.
La Cartella clinica integrata informatizzata è un importante progetto di innovazione tecnologica della durata triennale, che in varie fasi dopo il Santa Maria verrà esteso anche all'altro ospedale del Presidio aziendale, quello di Vaio, per completarsi entro la primavera 2018.
Il via operativo al progetto è reso possibile grazie a un nuovo sostanzioso contributo di quasi 80mila euro frutto della generosità della comunità borgotarese d'oltre Atlantico e dell'impegno della presidenza della Valtarese Foundation.

La Cartella clinica integrata informatizzata è nuovo strumento digitale a disposizione dei professionisti per migliorare la qualità e la sicurezza delle cure nei reparti. Facilita la comunicazione tra professionisti di diversi reparti, rendendola più rapida ed efficiente rispetto ai moduli attualmente utilizzati, e permette una gestione condivisa dei problemi del paziente consentendo di capire con maggior precisione e tempi più ridotti il decorso clinico dell'assistito.
Tra le varie funzioni, la Cartella informatizzata include la gestione della terapia farmacologica, il diario clinico integrato medico e infermieristico, il monitoraggio dei parametri vitali, le richieste di consulenza tra i reparti, la produzione e tenuta della documentazione infermieristica.

Durante tutte le fase di sviluppo del progetto sono previsti anche numerosi interventi di supporto quali: l'introduzione dei braccialetti ai pazienti, dove grazie a un codice a barre è possibile gestire i dati necessari alla terapia farmacologica e al percorso chirurgico; la cablatura con rete wi-fi dei reparti ospedalieri per consentire la massima operatività on line dei nuovi strumenti; la definizione dei supporti informatici necessari all'utilizzo della Cartella clinica informatizzata in mobilità da parte di medici e infermieri, quali personal computer portatili sanificabili e antirottura sia con tastiere che touch screen, tablet per i medici di guardia ospedaliera, postazioni touch screen e tablet per gli infermieri dotate di lettori a codici a barre con tecnologia bluetooth, e anche tablet tascabili per alcune attività giornaliere di reparto.
Il costo totale del progetto è di circa 400mila euro suddivisi in tre anni (cui si aggiungono i costi di hardware), che verranno coperti con risorse aziendali oltre a finanziamenti e donazioni come quella messa a disposizione dalla Valtarese Foundation.

(Fonte: ufficio stampa Ausl)

Pubblicato in Cronaca Parma

Dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 12.30. Interessati i Centri per l'Impiego di Parma, Fidenza, Langhirano, Borgotaro, l'Agenzia per il Lavoro di Fornovo e il Servizio Inserimento Lavorativo.

Parma, 27 luglio 2015 –

La Provincia di Parma comunica che, per tutto il mese di agosto, i Centri per l'Impiego effettueranno l'apertura al pubblico dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 12.30. Interessati i Centri per l'Impiego di Parma, Fidenza, Langhirano, Borgotaro, l'Agenzia per il Lavoro di Fornovo e il Servizio Inserimento Lavorativo Disabili.

(Fonte: ufficio stampa Provincia di Parma)

Seconda edizione dell'evento internazionale con la direzione artistica del maestro Giampaolo Bandini. Dal 26 luglio al 2 agosto. -

Parma, 23 luglio 2015 – in allegato la locandina -

Borguitar Festival 2015 dedicato alla chitarra dalla musica classica, al jazz, al rock. La rassegna è stata presentata questa mattina al Parma Point da Gianni Guido Bellini, Consigliere Provinciale con delega al supporto istituzionale, Omar Olivieri, assessore alla cultura di Borgo Val di Taro e Roberto Ughetti, Presidente "Arti e Suoni".

L'evento giunge alla seconda edizione, sempre con la direzione artistica del maestro Giampaolo Bandini, ed è organizzato dalla Fondazione Manara, dall'associazione culturale Arti e Suoni e dalla Cooperativa GAS con il patrocinio della Provincia di Parma, il contributo della Regione Emilia-Romagna, del Comune di Borgo Val di Taro, del Comune di Tornolo e del Lions Club Borgotaro.
Il Festival è un connubio tra giovani talenti e grandi maestri che si confrontano con la chitarra: è infatti previsto uno stage residenziale con l'iscrizione di quaranta ragazzi provenienti da sei nazioni. La musica è protagonista a Borgo Val di taro, con spazio al pop rock, alla chitarra classica e romantica, al bandoneon.

Gianni Guido Bellini, Consigliere Provinciale con delega al supporto istituzionale, ha confermato la volontà della Provincia di Parma nel proseguire sul tema della valorizzazione del territorio. "Questo Festival è molto importante. Lo è anche per la parte che riguarda la didattica: queste manifestazioni servono ad avvicinare i giovani al linguaggio universale della musica". Anche Omar Olivieri, assessore alla cultura di Borgo Val di Taro ha sottolineato l'importanza del Festival per Borgo Val di Taro. "E' una settimana magica, con le vie del paese che si riempiono di suoni. La musica in mezzo a splendide colline, con tanti concerti magnifici e un omaggio al maestro Aragosti, musicista e compositore borgotarese".
Tocca a Roberto Ughetti, Presidente "Arti e Suoni" raccontare il calendario Festival. "Il programma è molto ricco e i giovani chitarristi presenti si sfideranno in un concorso suddiviso in categoria solisti e musica da camera. Il livello è davvero molto elevato. Abbiamo puntato sulla didattica, soprattutto grazie alla collaborazione del Maestro Giampaolo Bandini. Il Master class è tenuto da cinque docenti di fama internazionale e partecipano quaranta ragazzi di diverse età, dalle primarie alle superiori. E poi inizia una magnifica concertistica per un Festival di indiscusso valore culturale".
Il programma, ricchissimo di eventi e con la presenza di prestigiosi artisti, vedrà il via domenica 26 luglio con il primo Concorso Internazionale dedicato ai giovani interpreti: alle 18.00 è prevista la conclusione con il concerto dei vincitori all'Auditorium Mosconi.
Lunedì 27 luglio iniziano le master class di chitarra tenute, durante la settimana, da importanti musicisti fra cui Giampaolo Bandini, Nicola Jappelli, Andrew Zohn, con la presenza di quaranta allievi.

Il programma dei concerti:
- lunedì 27, alle 21, Santuario della Madonna del Carmelo - concerto di Thomas Petrucci, Lucia Guerra, Alejandro Olson;
- martedì 28, alle 21, Chiesa di San Domenico - anteprima del Memorial Gaslini con Andrea Monarda, Giampaolo Bandini, Luca Allievi e Maurizio Bauduno (fra gli altri);
- mercoledì 29, alle 21, Sala dei Principi del Castello di Compiano - concerto di Andrew Zohn;
- giovedì 30, alle 21, chiesa di Belforte a Borgotaro - concerto del chitarrista Nicola Jappelli che si esibirà su una chitarra romantica;
- venerdì 31, alle 20.30, chiesa di San Domenico - concerto delle chitarriste russe Asya Selyutina e Olga Kamornik;
- venerdì 31, alle 21.45, Piazza La Quara - concerto dei Dire Straits Tribute Band, capitanate dal chitarrista Dario Vannini, dedicato al gruppo dei Dire Straits;
- sabato 1 agosto a partire dalle 16, allo scoccare di ogni ora fino alle 19, i migliori allievi frequentanti le master class faranno risuonare le loro chitarre nei borghi e angoli più suggestivi del centro storico di Borgo Val di Taro;
- sabato 1 agosto, alle 20.30, Chiesa di San Domenico - recital concerto di Giampaolo Bandini alla chitarra e Cesare Chiacchiaretta al Bandoneon;
- sabato 1 agosto, alle 21.45, Piazza La Quara - omaggio al musicista borgotarese Bruno Aragosti con la partecipazione del chitarrista Sandro Gibellini, accompagnato da Aldo Zunino al basso, Alfred Kramer alla batteria, Paolo Brioschi al piano e Adele Guglielmi alla voce.

Il Festival chiude domenica 2 agosto con la Mostra di Liuteria con la presenza dei più grandi liutai italiani all'Auditorium Mosconi: dalle 16 concerto finale degli allievi partecipanti alle master class.

(fonte: ufficio stampa Provincia di Parma)

Martedì, 21 Luglio 2015 17:27

Kale di Borgo Taro: trovata intesa in Regione

Stabilimento di Borgo Taro del Gruppo Kale: stop alla mobilità e avvio della cassa integrazione in deroga. -

Bologna, 21 luglio 2015 –

Ritiro della procedura di mobilità e firma della richiesta di Cassa integrazione in deroga per i prossimi 5 mesi che potrà interessare un massimo di 120 lavoratori, operai e impiegati. E' il risultato raggiunto al tavolo istituzionale per la crisi dello stabilimento Kale di Borgo Val di Taro (Parma), riunito oggi nella sede della Regione, dopo gli incontri dello scorso 8 giugno sempre a Bologna e in sede aziendale il 15 luglio.

Al tavolo, oltre la Regione Emilia-Romagna, erano presenti i rappresentanti del Comune di Borgotaro e i rappresentanti sindacali di categoria e dei lavoratori nonché della direzione aziendale di Kale Italia srl.

"Significativo e non scontato il risultato dell'intesa", sottolinea l'assessore regionale alle Attività produttive Palma Costi. "Importanti sono stati il ruolo e il lavoro congiunto delle istituzioni locali e del Governo, che hanno sollecitato anche la proprietà turca affinché rivedesse la sua posizione e si arrivasse a salvaguardare sia l'occupazione sia un sito produttivo molto importante per il territorio. Fondamentale inoltre il ruolo delle organizzazioni sindacali e delle Rsu che, con la direzione aziendale, hanno posto le basi per l'accordo. L'auspicio ora è che questi mesi siano utili all'individuazione di soluzioni idonee per la ripresa della produzione e al rilancio dello stabilimento di Borgo Val di Taro".

Pubblicato in Cronaca Parma
Mercoledì, 17 Giugno 2015 15:08

All'asta vari beni in provincia di Parma

All'asta immobili e terreni presenti in Val Taro e Val Ceno. Per tutti i beni le offerte si potranno presentare entro oggi, 17 giugno. Per il podere di Cognole entro domani. -

Parma, 17 giugno 2015 -

Il Tribunale di Parma, per il tramite dell'Istituto vendite Giudiziarie, vende all'asta vari beni presenti in Val Taro e Val Ceno, in particolare: una porzione di fabbricato in località Stabio di Gravago, nel comune di Bardi, ad un prezzo base di 39mila 375euro; nella stessa località anche due terreni, uno ad un prezzo base di 6mila 187euro, mentre l'altro parte da 18mila euro; a Borgotaro due immobili siti nel complesso "Il Rifugio del Pescatore", uno parte da 18 mila euro e l'altro da 23mila euro; nella frazione di Pontolo un appezzamento di terreno con prezzo base di 20mila euro; un altro appezzamento di terreno tra Pontolo e Baselica che parte da 21mila euro; un fabbricato a Sambuceto nel comune di Compiano, il cui prezzo base è di 44mila euro ed un podere a Cognole, nel comune di Bedonia, che parte da 9mila euro.

Per tutti i beni le offerte si potranno presentare entro il 17 giugno, per il podere di Cognole entro il 18.

Pubblicato in Cronaca Parma
Pagina 4 di 8