Visualizza articoli per tag: Sport

Mercoledì, 11 Dicembre 2019 15:40

22 DASPO a seguito dei disordini del 3 novembre scorso

Reggio Emilia 10 dicembre 2019 - Il Questore di Reggio Emilia Antonio Sbordone, al termine di un'accurata e meticolosa attività investigativa portata avanti dalla Digos, ha emesso 22 provvedimenti DASPO (Divieto di accesso dalle manifestazioni sportive).
Destinatari della misura sono 7 ultras locali e 15 sostenitori felsinei, autori delle turbative all’ordine pubblico verificatesi in occasione dell’incontro di basket del 3 novembre scorso, Grissin Bon Reggio Emilia - Virtus Segafredo Bologna.


Il giorno dell’incontro, alle ore 16.30, personale della Digos che stazionava all’incrocio semaforico tra via Guasco e viale Timavo notava un nutrito gruppo di ultras bolognesi, quasi tutti indossanti jeans chiari e giacche impermeabili scure con cappuccio alzato, provenire a piedi da questa piazza Santo Stefano in direzione via Guasco.


In via Guasco i bolognesi iniziavano a profferire frasi offensive e provocatorie nei confronti di una ventina di tifosi reggiani appartenenti al gruppo locale “Arsan” incitandoli allo scontro.
Al termine della partita gli ultras reggiani cercavano di raggiungere il settore ospiti ma grazie all’intervento delle Forze dell’Ordine si evitava lo scontro tra le opposte tifoserie.


Gli accertamenti svolti, anche attraverso la visione delle immagini registrate dalla Polizia Scientifica, hanno permesso di individuare 7 tifosi reggiani, di età compresa tra i 23 e i 45 anni.
Alcuni risultano avere precedenti di polizia per reati contro la persona come lesioni, percosse minacce.
Altri erano stati già destinatari di precedenti Daspo emessi dai Questori di Modena, Verona e Siena negli anni precedenti.

Pubblicato in Sport Reggio Emilia

I crociati espugnano il Marassi di Genova grazie all’incornata vincente dello slovacco Kucka nel primo tempo. Una prestazione solida contro una Sampdoria ancora in piena crisi e invischiata nella lotta per la salvezza.

di Luca Gabrielli Parma, 9 dicembre 2019 -  Tre punti fondamentali per restare nei piani alti della classifica di Serie A e per il momento tenersi ben distanti dalla minacciosa lotta per la salvezza che sta coinvolgendo numerose squadre, tra le quali proprio la Sampdoria affrontata ieri nel tardo pomeriggio. Il Parma è riuscito fin da subito a imporre il proprio gioco mostrando quella determinazione che ultimamente era venuta un po’ a mancare nei match precedenti con Bologna e Milan. Invece i ragazzi di D’Aversa fin dalle prime battute di gara hanno preso in mano il pallino del gioco e azione dopo azione sono diventati padroni del campo dando l’impressione di poter passare in vantaggio da un momento all’altro. E infatti il goal che poi si rivelerà decisivo per esorti della partita lo segna il centrocampista Juraj Kucka al 21’ dopo che in un altro paio di circostanze si era reso pericoloso dalle parti del portiere doriano Audero.


Su un calcio d’angolo teso, battuto alla perfezione da Hernani, il “carrarmato” slovacco prende il tempo giusto sui difensori e impatta il pallone di testa portando i gialloblù in vantaggio. Un uno a zero legittimato per la voglia e e il lavoro svolto fin a quel momento. La Sampdoria subisce il colpo e fatica tantissimo a organizzare trame pericolose. L’unico vero pericolo lo crea Vieira con un conclusione ravvicinata, imbeccato da Ramirez che Sepe però riesce a smanacciare.


Nella ripresa lo spartito cambia con l’uscita dell’autore del goal per un problema al polpaccio e viene sostituito dal regista Krugman senza che venga modificato il modulo. I padroni di casa, anche se in maniera confusa, incominciano ad attaccare e Manolo Gabbiadini con un potente calcio piazzato che si stampa sulla traversa accende la spia di pericolo per i crociati. Alla mezz’ora infatti un’ingenua trattenuta del neo entrato Dermaku dà al capitano Quagliarella la possibilità di agguantare il pari ma Sepe con un riflesso felino lo ipnotizza e a nulla serve il tap-in vincente dell’attaccante napoletano sulla ribattuta che viene annullata dalla Var. L’estremo difensore ducale si ripete in seguito con un altro prodigioso intervento di Colley e si consacra come migliore in campo. Il Parma espugna così Marassi e sale al settimo posto insieme al Napoli di Ancelotti.

I crociati hanno imparato a essere cinici nei momenti di emergenza

Oltre alla prestazione maiuscola del portiere Luigi Sepe che in questa stagione si sta consacrando come uno dei migliori nel suo ruolo in A, D’Aversa può essere estremamente soddisfatto del cambio di mentalità della squadra. L’anno scorso infatti, in una situazione di emergenza nel numero degli elementi, la squadra si era sciolta come neve al sole perdendo molti punti per strada. Quest’anno invece si sta riuscendo a fare buon viso a cattivo gioco e nonostante le numerose defezioni, il Parma non ha perso la sua identità e sta riuscendo a portare a casa punti e prestazioni fondamentali per il proseguo della stagione. Unica nota leggermente negativa è la flessione nelle ultime gare del talentino Kulusevski che non sta riuscendo a essere determinante come all’inizio. Non bisogna caricare di troppe responsabilità questo ragazzo nato nel 2000 e che sta ricevendo offerte dalle più grandi società d’Europa.
Ora sotto con il Napoli nell’anticipo delle 18 di sabato prossimo che può considerarsi un vero e proprio scontro diretto per l’Europa. Ancelotti è in piena crisi e mai come in questo momento il Parma dovrà cercare di approfittare di questa situazione per continuare a sognare.

sampdoria-parma_8dic19.jpg

 

Pubblicato in Calcio Emilia
Venerdì, 29 Novembre 2019 11:11

Ibra, quale nuova magia: Bologna in pole position

Quale sarà la nuova magia capace di inventarsi Zlatan, non è dato a sapere. Almeno per il momento, perché non manca poi così tanto all’annuncio, circa un mese o poco più all’inizio delle vacanze invernali, periodo entro cui lo svedese dovrà per forza di cose prendere una decisione, per poi aggregarsi ai nuovi compagni con l’inizio dell’anno nuovo. L’intenzione sembra proprio quella di tornare in Italia, il Paese dove ha passato più anni in assoluto e dove vuole chiudere la carriera.

Sì, ma dove? A volerlo sono davvero in tanti: dal Napoli al Milan, passando per Bologna e Fiorentina, fino alla Roma di Pallotta. Zlatan non si esprime, se non con un post di commiato, in suo pieno stile, nei confronti dei Los Angeles Galaxy e dei suoi tifosi, che ora possono “tornare a guardare il baseball”. Un Ibra che ha conquistato l’America coi numeri, segnando ben oltre 50 gol, ma non con i fatti: nessun titolo ed anche i playoff sono stati una chimera, mentre Vela lo ha anche battuto nella caccia al titolo di capocannoniere.

Da questo punto di vista però lo svedese, come illustra una infografica dedicata alla carriera e futuro di Ibrahimovic, può vantare numeri ben più importanti. È l’unico straniero nella storia del campionato italiano ad aver vinto il titolo di cannoniere con due squadre diverse, Inter prima e Milan poi. Ha vinto la special classifica dei bomber per ben 5 volte, di cui tre in Francia con la maglia del Psg: è anche l’uomo che ha segnato almeno un gol in più derby. Quello di Torino, Milano, Amsterdam, Barcellona e Manchester. Detiene anche il record delle maglie vestite in Champions League, ben sette: insomma, what else?

 

Per Zlatan le porte dell’Italia sono apertissime ed in più porti. A partire da quello bolognese, in virtù della forte stima e rapporto con Sinisa, già dai tempi della sua avventura all’Inter, quando il serbo era il secondo di Mancini. La possibilità che Zlatan si trasferisca nel capoluogo emiliano sono piuttosto alte, ma c’è la concorrenza forte di almeno altre due società.

A partire dal Milan, desideroso di ridare entusiasmo ad una piazza giustamente depressa e soprattutto punti, perché l’incubo della zona retrocessione incombe e non è poi così lontana. Contatti ci sono stati, lui spara alto, ma se si vuole, si può arrivare ad un punto di incontro. Ciò su cui non transige Ibra è la durata del contratto, 18 mesi, nulla di meno: e con Raiola, il Milan, ha più di qualche affare in ballo.

Ultima chance, ma in realtà la prima a muoversi in estate, è quella napoletana. Ibra non ha mai nascosto il suo amore per la città e poi c’è Ancelotti, con cui ha condiviso l’esperienza al Psg negli esordi del suo arrivo in Francia, con un rapporto fra i due rimasto assolutamente ottimo.

Chi la spunterà?

Pubblicato in Sport Emilia

Sconfitta a testa alta contro la capolista Florentia per l’Amatori Valorugby Emilia che in terra toscana cade 38 a 21 contro la squadra di Ferraro e in classifica viene superata dalla Capitolina, oggi vincente contro Siena.

Troppo forti i fiorentini per i ragazzi di Zanichelli e Manici che comunque giocano a testa per gran parte della gara, pagando oltremodo i 10 minuti di amnesia del primo tempo quando il Florentia va in meta 3 volte segnando 19 punti che alla fine della gara risulteranno decisivi.

3 le mete segnate dalla squadra di capitan Rossi, la prima dell’under 18 Martin Granieri nella prima frazione e quelle di Mattioli, alla sua seconda gara in serie B, e Tonelli nel finale a 10 minuti dal termine.

Nonostante la sconfitta contro un avversario di spessore con obiettivi di promozione, buone indicazioni si sono viste in campo, dal pacchetto di mischia ma soprattutto dal punto di vista disciplinare, problema principale in queste prime giornate.

Prossimo appuntamento per l’Amatori Valorugby arriveranno i Lyons Amaranto.

 

Florentia Rugby vs Amatori Valorugby Emilia 38 - 21 (Pt 19 - 3)

Marcatori: Pt 11’m Palmiotto tr Valente (7-0), 15’m Bastiani (12-0), 20’m Timperanza tr Valente (19-0), 30’m Granieri tr Ferrari (19-7); St 45’m Ardori tr Valente (26-7), 51’m Mattioli tr Ferrari (26-14), 48’m A. Nannini tr Valente (33-14), 70’m Tonelli tr Ferrari (33-21), 80’m Ferrara (38-21)
Florentia Rugby: Zappitelli; Noviro (55’ Martini), Ghini, A. Nannini, Bastiani (58’ Nistri); Valente (60’ Bernacchioni), Ferrara; Baggiani, Timperanza (60’ Guidotti), Gatta; Zonta, Palmiotto (75’ Gianassi); Tangredi (45’ Ciaramelletti), Ardori, Vicentini (45’ F. Nannini). All. Ferraro.
Amatori Valorugby Emilia: Ferrari; Tonelli, Spagnoli (70’ Gherri), Bianconi (41’ P. Dodi), Pozzi; Colli, F. Dodi; Rossi (Cap.) (65’ Sandri), Ciusa (66’ Scarica), Colombo (46’ Braglia); Granieri, Corradi; Calì (41’ Mattioli), Ciasco, Bertozzi (41’ Amin Fawzi). All.: Zanichelli - Manici
Arbitro: Carmine Marrazzo (Bo)
Ammonito: 63’ Palmiotto (Florentia)
Punti conquistati in classifica: Florentia 5; Amatori Valorugby 0

Pubblicato in Sport Parma
Domenica, 01 Dicembre 2019 18:47

F1, Abu Dhabi: Ultima Notte

Hamilton domina l'ultimo weekend dell'anno. Vince davanti a Verstappen e Leclerc. Vettel solo quinto. Un'intera stagione in una gara. Una stagione di alti (pochi ma stupendi) e bassi per la squadra di Maranello. Ed adesso al lavoro!

di Matteo Landi

Ultima notte del Campionato 2019. Hamilton taglia il traguardo vincente, sotto il cielo colorato dai classici fuochi d'artificio che chiudono la stagione. Con il titolo già in tasca il campione inglese non ha fatto prigionieri. Arrivato negli Emirati si è preso pole position, giro veloce e vittoria, mettendo il sigillo su una stagione che di fatto ha dominato. Nessun Vettel a contendergli il titolo, come successo nel 2017 e nel 2018: tanti rivali agguerriti ma incapaci di essere costanti quanto lui. In apertura di stagione solo Bottas ha provato a minacciare la leadership del team mate. Invano. Nel corso della stagione è venuta fuori la velocità di Ferrari e Red Bull, a sprazzi più forti del duo Mercedes-Hamilton, ma non è bastato. Ad Abu Dhabi il podio recita: Hamilton-Verstappen-Leclerc. Gli ultimi due sarebbero potuti arrivare a posizioni invertite, con una strategia diversa. Ma come avvenuto più volte nel corso della stagione anche questa volta il box Rosso è stato tutt'altro che impeccabile: in qualifica ha sbagliato i calcoli privando Leclerc dell'ultimo giro veloce, in gara ha fermato al giro 13 sia il monegasco che Vettel. Considerando che erano partiti con gomme diverse la scelta è sembrata piuttosto "originale". Tale strategia ha costretto il duo di Maranello ad una doppia sosta che ha messo in difficoltà Leclerc quando nel finale ha dovuto difendersi dal rimontante Bottas. Che gara quella del finlandese! Da ultimo a quarto, a dimostrazione della forza Mercedes su questa pista. In qualifica i piloti di Mattia Binotto riuscivano a guadagnare qualcosa nei primi due settori, salvo poi sprofondare nell'ultimo, surclassati dalla prestazione delle Mercedes nel tratto più guidato.

Leclerc chiude sul podio una stagione di alti e bassi. Ma che alti! Vettel: rimandato a..marzo

Ultima notte della prima stagione in Rosso di Leclerc. Al secondo anno di F1 e quarto in campionato davanti al quattro volte iridato Vettel. Quest'ultimo battuto da un compagno di squadra per la prima volta da quando corre per la Scuderia italiana. E poteva essere un meritatissimo terzo posto nel mondiale per Leclerc senza il ritiro del Brasile. Una prima annata in Ferrari che gli è valsa 10 podii, 2 vittorie e ben 7 pole position, risultando il pilota più veloce sul giro secco. Dati che fanno riflettere e lasciano pensare che con una diversa gestione e diverse "strategie interne" Mattia Binotto avrebbe potuto rendere il campionato di Leclerc ancor più avvincente. Senza dimenticare il problema tecnico del Bahrain, quando il dominante monegasco ha dovuto accontentarsi del terzo gradino del podio, e la mancata penalità di Verstappen in Austria, con l'olandese troppo aggressivo nel guadagnarsi la leadership. Riguardandosi indietro Charles potrà pensare che avrebbe potuto ottenere molto di più, ma potrà andare fiero di quanto raggiunto. Soprattutto se paragonato al rendimento di Vettel. Quasi abulico ad Abu Dhabi, quinto al traguardo, il tedesco è stato quest'anno solo lontano parente del campionissimo che dominava con Red Bull ed aveva fatto sognare già al primo anno in Rosso. In testacoda in Bahrain mentre duellava con Hamilton, franato addosso a Verstappen in Gran Bretagna, ogni volta che si è ritrovato a combattere con avversari di livello ha mostrato una debolezza mentale che non rende merito al suo palmares. Autore di una sola vittoria, a Singapore, servitagli su un piatto d'argento dal box Ferrari che ha privato Leclerc del terzo successo consecutivo. Vettel avrebbe dovuto vincere in Canada, e lo avrebbe strameritato. In quel caso la penalità subita per una manovra difensiva su Hamilton ritenuta troppo aggressiva dai giudici non ci stava. Neanche un pò. Un lampo quello di Seb a Montreal, in una stagione per lui da insufficienza. Non possiamo dimenticare quel brutto testacoda di Monza mentre il suo giovane compagno andava a vincere con la stessa vettura, divenendo il beniamino del popolo ferrarista. Sarà un lungo inverno per la Ferrari, Mattia Binotto e compagni dovranno lavorare più e meglio degli altri. Saranno confortati dal ricordo di quelle tre vittorie stagionali avvenute come d'incanto al rientro dalla pausa estiva. Una carezza dopo tante batoste subite. Un'iniezione di fiducia per il futuro. Se in Australia c'era chi pensava che in Ferrari avessero cannato completamente il progetto, nel corso della stagione si è capito che ne era mancata la comprensione. A Maranello adesso hanno la migliore power unit ed una vettura che in rettilineo non ha rivali. Con qualche aggiustamento, e più sangue freddo da parte dei piloti, il prossimo anno potranno giocarsela con Mercedes.

Red Bull-Honda: l'accoppiata funziona

Ultima notte stagionale dolce per Verstappen e Red Bull-Honda. Prima di Melbourne in tanti si attendevano una stagione deludente per la squadra austriaca, al primo anno con quella power unit Honda che tanto aveva fatto penare Alonso e McLaren. La stagione di rodaggio con Toro Rosso ha permesso agli uomini di Horner di correre senza preoccuparsi dell'affidabilità di un motore che nelle ultime gare ha quasi raggiunto le prestazioni di Ferrari e Mercedes. Tre vittorie per Verstappen, e già l'olandese si lecca i baffi, che non ha, pensando a quanto potrà fare la prossima stagione. Intanto si gode la terza piazza nel mondiale.

Buona fortuna Robert!

Ultima notte per Robert Kubica, ai titoli di coda di una carriera nella massima formula che avrebbe potuto regalargli più gioie sportive, vero, ma ha anche consegnato al mondo un esempio di tenacia e coraggio. Classe 1984, nel febbraio 2011 un terribile incidente durante il Rally di Andora, disputato per pura passione agonistica fra una stagione e l'altra della massima serie, lo mise in pericolo di vita. Fratture, lesioni multiple e addio al mondo delle competizioni. Epilogo scontato per tanti, non per lui. Lunghi interventi, una dolorosa riabilitazione poi rieccolo nei rally ed infine al via della stagione 2019 di F1. Al volante di una recalcitrante Williams ha ottenuto l'unico punto della squadra, in Germania. Un piccolo bagliore in una stagione da fondo classifica, a combattere con il giovane team mate Russell, campione di F2. Avremmo sperato in qualcosa di più per l'unica stagione di ritorno, considerando che il prossimo anno sarà sostituito dal debuttante canadese Latifi. Tralasciando i dati statistici non possiamo non inchinarci alla grandezza dell'uomo Kubica, comunque in grado di stare là, fra i grandi delle quattro ruote, dopo tutto quello che ha passato. Buona fortuna Robert, in DTM o ovunque sarà.

Hulkenberg: quando la Formula 1 è ingiusta

Ultima notte per Hulkenberg, fantastico vincitore della 24 ore di Le Mans 2015. In Formula 1 dal 2010, quando debuttò forte del titolo GP2 appena conquistato, non ha trovato una sistemazione nella serie di Liberty Media per la prossima stagione. Mai a podio, la dimostrazione vivente di quanto la Formula 1 possa essere ingiusta e talvolta poco meritocratica. Un talento cristallino che avrebbe potuto ottenere molto di più, ma chissà che non torni in ballo nel 2021.

McLaren: la strada è quella giusta

Ultima notte della stagione per una McLaren tornata vicina ai piani alti. Ed a podio con Sainz in Brasile. Lo spagnolo, insieme al giovane Norris, sono stati pedine fondamentali nel processo di rinascita della blasonata squadra inglese. Capace di concludere quarta in classifica costruttori. Sainz è riuscito a chiudere addirittura sesto in quella piloti, un traguardo che rende merito alle capacità dello spagnolo.

Si spengono le luci

Ultima notte per questa stagione di Formula 1. Mercedes, Ferrari, Red Bull, McLaren, Renault, Toro Rosso, Racing Point, Alfa Romeo, Haas, Williams, recita la classifica squadre. In attesa che tutto venga stravolto nel 2021, con l'arrivo delle nuove regole, avremo un 2020 all'insegna della continuità, con tutti gli attori che dovranno riuscire in un breve inverno a colmare il divario con l'invincibile Mercedes. Batterla sarà difficile. Fare meglio di questo Hamilton, adesso, sembra utopia. Ma chissà, mai dire mai. A Melbourne, il prossimo 15 marzo, tutti ripartiranno da zero.

Pubblicato in Motori Emilia

Gli educatori dei Giochi Tradizionali Uisp ogni settimana fino ad Aprile nelle scuole secondarie di primo grado per insegnare ai ragazzi a giocare “come una volta”. Il progetto gratuito coinvolge quasi 30 scuole e migliaia di alunni delle classi prime in tutta la provincia.

 

Reggio Emilia -

Chi da bambino non si è divertito giocando a ruba bandiera o palla prigioniera?

I giochi di una volta sono stati mandati prematuramente in pensione dalle generazioni attuali a vantaggio di tv, playstation e videogame, ma UISP lavora ostinatamente per riportarli nella vita dei ragazzi con un progetto gratuito attivo nelle scuole secondarie di primo grado da ormai dieci anni, che anche quest’anno coinvolgerà migliaia di ragazzi e ragazze a Reggio Emilia e provincia.

Da Novembre fino ad Aprile, gli educatori dei Giochi Tradizionali Uisp occuperanno alcune delle ore di educazione fisica degli alunni di prima media per far conoscere i giochi di una volta, fatti di ingegno e materiali poveri e artigianali.

Ogni classe delle circa 30 scuole coinvolte dispone di cinque lezioni da due ore ciascuna in cui gli educatori Uisp insegnano dieci diversi giochi: lancio del ferro di cavallo, barattoli, ruba bandiera, corsa nei sacchi, tiro alla fune, palla prigioniera oggi meglio conosciuta come dodgeball, palla rilanciata, carrom (il biliardo indiano), tamburello e giochi di abilità (damigiana, tubo con le noci, gioco dei chiodi).

I giochi di una volta sono uno strumento potentissimo che intreccia ingegno, abilità motorie ed educazione alla vita sociale – racconta Erasmo Lesignoli, il fautore del movimento dei Giochi Tradizionali Uisp e coordinatore del progetto -. I nostri ragazzi sono abituati a giocare spesso da soli, servendosi della tecnologia senza occasioni per misurarsi con il proprio corpo e con i coetanei. Questo – continua Lesignoli - è anche la causa di resistenze e diffidenze iniziali da parte dei ragazzi, che si trasformano un attimo dopo in un entusiasmo contagioso che tocchiamo con mano ogni anno in occasione delle finali dei Giochi a Salvaterra ma anche nelle piazze e nelle feste di paese”.

L’entusiasmo non travolge solo i ragazzi ma anche gli insegnanti, che da interlocutori per la realizzazione del progetto sono diventati, in alcuni casi, animatori volontari nello staff Uisp. È il caso del prof. Donato Nenna oggi in cattedra alla scuola Balletti di Quattro Castellache da sette anni è testimone del progetto dei Giochi Tradizionali e da maggio di quest’anno è subentrato allo staff degli animatori Uisp con un battesimo dei giochi che è avvenuto in occasione dell’inaugurazione del centro sociale di Roncocesi.

Una bellissima esperienza che coinvolge davvero tutti, me compreso – ha raccontato il prof. Nenna - anche i ragazzi meno dotati fisicamente, che in questi giochi possono competere e divertirsi alla pari dei propri compagni valorizzando le proprie abilità. Dopo molti anni passati ad osservare gli educatori in palestra sono stato felice di entrare nel team. In fondo la loro mission è molto simile alla mia: insegnare qualcosa che non può essere dimenticato”.

In perfetto spirito Uisp, la conclusione del progetto sarà una festa sportiva che si terrà sabato 16 Maggio al Parco del Liofante di Salvaterra in occasione del Trofeo dei Giochi Tradizionali.

Pubblicato in Cronaca Reggio Emilia

La partita finisce due a due ma i crociati escono rammaricati dal Dall’Ara dopo il goal all’ultimo minuto dell’ex Dzemaili. Una buona prova in piena emergenza con un Kulusevski assolutamente strepitoso.

di Luca Gabrielli Parma, 25 novembre 2019 - 

Una vera e propria doccia fredda quella subita ieri dai crociati a Bologna. Dopo aver giocato una partita tatticamente perfetta, i crociati si lasciano sfuggire i tre punti all’ultimo secondo su una girata potente di Dzemaili su calcio d’angolo. Un vero peccato proprio per la meticolosità con cui il mister D’Aversa era riuscito a preparare questo impegno con una squadra ridotta all’osso a causa degli infortuni. Specialmente in attacco l’allenatore ha dovuto tirare fuori il classico coniglio dal cilindro inventandosi Kucka falso nueve pronto a fare da boa per gli esterni Sprocati e Kulusevski. Ma la cosa che ormai non sorprende più è l’approccio mentale alla partita della squadra. Fin dai primi minuti i ragazzi cercano di trovare il prima possibile il vantaggio, aggredendo l’avversario di turno. Il primo tempo finisce uno a uno dopo il vantaggio di Kulusevski con un sinistro a giro potente, chirurgico che non lascia scampo al portiere rossoblu Skorupski. Gli ospiti non soffrono il Bologna e anzi sfiorano più volte il raddoppio in contropiede ma il “nonnetto” Palacio al 40’ gira di testa un buon corner battuto da Orsolini. Nella ripresa lo spartito non cambia e l’onnipresente Kulusevski, sempre lui, sfiora il due a zero sempre con il suo potente mancino che però si stampa sul palo. Il Bologna lentamente si porta in avanti alla disperata ricerca del pareggio ma i crociati sono messi molto bene in campo e non soffrono le timide sortite in avanti dei felsinei. Ma nel recupero avviene l’impensabile: l’arbitro concede 30’’ ulteriori ai già quattro minuti di recupero e il Bologna ancora su corner trova la rete del definitivo due a due con una girata potente al volo del capitano Dzemaili. Una vera e propria doccia fredda che gela il Parma, ormai convinto di fare ritorno a casa con il bottino pieno. Ma questo è il calcio e finché l’arbitro non emette il triplice fischio non ci si può permettere di abbassare la guardia. Questo è l’unico errore di un Parma che è andato a giocarsi il derby dell’Emilia con grande determinazione, convinto dei propri mezzi.

Un ottimo collettivo impreziosito da un giovanissimo fuoriclasse: Dejan Kulusevski

Il Parma ormai è in simbiosi con il suo mister Roberto D’Aversa. La squadra si muove con degli automatismi oliati negli anni e anche se privo di giocatori fondamentali, specialmente in attacco come Gervinho, Inglese e Cornelius, riesce a creare trame di gioco veloci e pericolose sia contro squadre al suo stesso livello sia contro squadre più blasonate. In più c’è questo svedesino classe 2000 che si muove in campo come si calcasse i campi di serie da 15 anni. Tutta la squadra si appoggia a lui sapendo che dare il pallone tra i piedi di Kulusevski è come depositarlo in cassaforte. Questo ragazzo ogni volta crea scompiglio tra le difese avversarie e regala assist o goal con una continuità disarmante. Le ultime voci sembrano tranquillizzare i tifosi gialloblù, il forte centrocampista a gennaio non si muoverà da Parma ma purtroppo dovranno mettersi l’anima in pace perché il prossimo anno tornerà all’Atalanta, proprietaria del suo cartellino. Ma siamo sicuri che resterà a Bergamo solo di passaggio perché tutte le grandi d’Europa si stanno già arrivando per rubarlo alla concorrenza. Questo ragazzino ha le stigmate e la testa del campione, ora non resta che continuare ad ammirare le sue gesta con la maglia crociata, anche se per pochi mesi purtroppo.

 

EE9C5D20-26BD-4447-AE2C-FCDE8888B1CC.JPG

Pubblicato in Calcio Parma
Domenica, 17 Novembre 2019 23:21

F1, Interlagos: Samba pa ti(r)

In Brasile ballano Verstappen, Gasly e Sainz: il podio inaspettato. Vettel e Leclerc si abbattono a vicenda e per Binotto si consuma l'incubo di una rivalità che nuoce al box Rosso. Hamilton fallace, la Mercedes di Bottas in fumo. Ad Interlagos niente è scontato.

di Matteo Landi

Bottas si pianta a bordo pista con il motore in fumo, entra in pista la safety car e si infiamma un Gran Premio del Brasile già di per sé vivace. Al 59esimo giro, alla ripresa delle ostilità, la Formula 1 cambia faccia e si trasforma in una Indycar ipertecnologica. Si consuma la "tragedia" Ferrari, con Leclerc e Vettel ritirati dopo quello scontro fratricida che tanti avevano preannunciato. Torna in pista la vettura di sicurezza, il gruppo si compatta nuovamente ed alla ripartenza Hamilton si trova costretto a rimontare dalla quarta posizione. Ma dopo il fattaccio Ferrari ecco consumarsi l'errore dell'inglese che manda in testacoda Albon. Dopo il termine della gara ci pensano i commissari a fare giustizia ed i cinque secondi di penalità rimediati da Hamilton permettono a Sainz di classificarsi terzo. Verstappen, Gasly, Sainz è il podio finale. Raikkonen e Giovinazzi artigliano un quarto ed un quinto posto che rappresentano ossigeno puro per Alfa Romeo. Con Gasly portato in trionfo dagli uomini Toro Rosso si chiude una domenica d'oro per i colori italiani, non fosse per la brutta figura rimediata dalla squadra condotta da Mattia Binotto.

Vettel-Leclerc: una rivalità che nuoce al team

A fine gara Leclerc è composto nelle dichiarazioni, nonostante il suo volto lasci trasparire un'inevitabile delusione. Il monegasco, scattato dalla 14esima posizione a causa della sostituzione della power unit, si era reso protagonista di un'incredibile rimonta, che lo vedeva già sesto al giro 10. La safety car al 54esimo giro gli aveva permesso di tornare in lotta per la vittoria. Quando al 66esimo giro ha attaccato con successo Vettel forse non si aspettava un ritorno così repentino del compagno, precedentemente remissivo nella lotta con Albon, abile a superarlo alla ripartenza dopo il regime di safety car. Colpa di Vettel? Leclerc imprudente? Probabilmente Binotto si aspettava qualcosa di diverso da questa stagione. Un quattro volte campione del mondo nei panni del pilota maturo poco incline all'errore ed il velocissimo monegasco, alla prima stagione in un top team, in fase di apprendimento. L'andamento del campionato ha dimostrato tutt'altro. Vettel, inutile negarlo, ha subito le prestazioni del nuovo driver Rosso, spesso davanti a lui. Come successo nel 2014 in Red Bull, quando l'arrivo di Ricciardo spinse il tedesco a siglare quell'accordo con Ferrari che resiste fino ad oggi. Per contro Leclerc è entrato come un ciclone nel box Ferrari e nel Cuore dei Tifosi, arrivando vicino al successo già alla seconda gara stagionale. Ad Interlagos la coppia è definitivamente....scoppiata. Sorpasso e controsorpasso, con Vettel che è andato leggermente a chiudere sul rivale di box ed ecco il patatrack! Sono lontane le smorfie di Arrivabene: Binotto riesce a rimanere composto anche dopo una domenica del genere. Ci si augura che in privato abbia mostrato un temperamento ben diverso con i suoi piloti. Se la Ferrari nella prossima stagione spera di poter competere per il titolo dovrà prima di tutto riportare armonia all'interno dello "spogliatoio". Anche perchè al vertice si è definitivamente e prepotentemente affacciata la Red Bull-Honda: battere loro e Mercedes non sarà una passeggiata.

Red Bull: il missile di Interlagos

Dopo il mare di polemiche delle ultime settimane, con Red Bull e Mercedes a puntare il dito contro la power unit Ferrari, rea di spingere troppo forte in rettilineo le Rosse, che dovrebbero dire oggi a Maranello? In Brasile le vetture condotte da Verstappen e Albon sono parse quasi imprendibili in rettilineo, dimostrando che le unità Honda hanno definitivamente raggiunto le prestazioni di Mercedes e Ferrari. Hamilton ha faticato a tenere il passo dello scatenato olandese che a fine gara ha artigliato, con grande merito, la terza vittoria stagionale. Il pilota di Hasselt ha corso alla pari con il sei volte campione del mondo, rendendogli la vita così difficile da mandarlo in confusione. L'inglese le ha provate tutte ed il maldestro attacco finale ad Albon è stata la resa finale. Questo weekend Verstappen è stato irraggiungibile: imbattibile in qualifica, implacabile in gara. Il giorno che maturerà anche come uomo ne gioverà sia lui che tutta la F1. Alla guida è ormai un campione affermato ma fuori dall'abitacolo le sue continue dichiarazioni al vetriolo risultano indigeste. Ed in Red Bull dovrebbero dargli un freno.

La rivincita di Gasly

Proprio al fianco dell'olandese aveva iniziato la stagione Gasly, poi retrocesso in Toro Rosso. Quando negli ultimi metri della gara brasiliana ha fronteggiato con coraggio e risolutezza il rimontante Hamilton si è consumata la sua rivincita. Helmut Marko gestisce i piloti della bevanda energetica a suo piacimento. Da tempo. Stagione 2015, il nuovo Kvjat fa meglio del compagno Ricciardo, colui che la stagione precedente aveva battuto un certo Vettel. Il russo sembra avere un roseo futuro nella massima Formula ma in Red Bull devono trovare un posto a Verstappen e per il pilota di Ufa inizia un calvario che lo vede prima tornare in Toro Rosso, poi fuori dal giro che conta nel 2018, prima del ritorno nella squadra faentina questa stagione. Quest'anno le montagne russe sono toccate a Gasly. Retrocesso in estate in Toro Rosso è riuscito oggi a conquistare il primo podio in carriera. Quel podio che per un impaziente Marko sarebbe dovuto arrivare mesi fa a bordo di una Red Bull ed invece, paradossalmente, è arrivato oggi con la piccola Toro Rosso. Un secondo posto da favola per Gasly, che gli permetterà di archiviare la stagione con il sorriso.

McLaren ed Alfa Romeo: in alto due marchi storici

Nel giorno della catastrofica débâcle Ferrari ecco arrivare la riscossa Alfa Romeo, con Raikkonen e Giovinazzi in quarta e quinta posizione finale. Un risultato eccellente per la squadra italo-svizzera, dopo un periodo deludente ed in calando rispetto alla prima parte della stagione. Il finlandese, campione del mondo in Brasile nell'ormai lontano 2007, ha corso in modo solido, rischiando nel finale di sopravanzare Sainz, quest'ultimo a podio dopo la penalità subita da Hamilton. Giovinazzi non è stato da meno rispetto al caposquadra: il quinto posto finale arriva dopo la sua riconferma in Alfa anche per la stagione 2020. Il miracolo di giornata è però arrivato dal già citato Sainz: terzo dopo la partenza dal fondo dello schieramento. Rivedere il marchio McLaren nelle posizioni che contano non può che far piacere.

Ultima tappa: Abu Dhabi

Un Gran Premio del Brasile che sarebbe stato il giusto epilogo per una stagione che ha vissuto di duelli entusiasmanti, ma anche di un dominio indiscusso al vertice della classifica di campionato. Sarebbe stata una conclusione esaltante per tanti ma non per i tifosi Ferrari, speranzosi di chiudere la stagione fra due settimane con qualche sorriso in più: solamente domenica primo dicembre, ad Abu Dhabi, si potranno tirare le somme del campionato 2019.

Pubblicato in Motori Emilia
Martedì, 12 Novembre 2019 15:41

Presentata la 43^ Edizione Sport Civiltà  

Parma, 12 novembre 2019 - Questa mattina in Sala del Consiglio del Comune di Parma Marco Bosi, vicesindaco, Corradi Cavazzini, presidente Sezione di Parma dell'Unione Nazionale Veterani dello Sport, Antonio Bonetti, delegato del CONI Provinciale, Fabrizio Galaverni, regional manager di Parma, Alberto Scotti, presidente Nazionale dei Veterani dello Sport e Massimo De Luca, vicepresidente di Giuria e Conduttore televisivo, hanno presentato raccontandone tutti i dettagli la 43^ edizione di Sport Civiltà.
 
Sport Civiltà è una manifestazione che racconta i valori profondi dello sport. Lo sport che deve essere prima di tutto sano divertimento. I premiati si sono distinti non solo per i risultati ma per i valori e i messaggi che hanno veicolato e messo in pratica. Lunedì a Teatro Regio sarà una grande festa dello Sport. L'intero spettacolo sarà condotto dai giornalisti Massimo De Luca e Simona Rolandi e sarà trasmesso in diretta tv su Rai Sport", ha introdotto Marco Bosivicesindaco del Comune di Parma. 

La conferenza stampa è stata moderata dal giornalista Gian Carlo Ceci.

I crociati regalano una splendida vittoria ai tifosi contro i giallorossi in grande forma nelle ultime gare. Sprocati e Cornelius nel finale di gara fissano il risultato sul due a zero ma è tutta la squadra a girare .

di Luca Gabrielli Parma, 11 novembre 2019 - Serata dalle grandi emozioni nel posticipo delle 18 al Tardini tra Parma e Roma. I ragazzi di D’Aversa volevano regalare al pubblico i primi tre punti contro una big di A prima della pausa di due settimane per la sosta delle Nazionali. Le due squadre si affrontano ad armi pari con i giallorossi che fin da subito cercano di prendere il pallino del gioco mentre i crociati cercano di sfruttare gli spazi offerti con dei contropiedi orchestrati da Kulusevski e Gervinho. Lo spartito della gara è esattamente questo nella prima frazione di gara dove l’attimo che determina il match è l’infortunio di Gervinho nel finale di primo tempo che viene sostituito dall’esterno Sprocati.
Nella ripresa si vede maggiore spettacolo con molti capovolgimenti di fronte e un Sepe che sale in cattedra e salva più di una volta i compagni dal possibile svantaggio. Prodigioso è l’intervento sul tiro a botta sicura di Pastore dopo il palo colpito su punizione da Kolarov. La Roma sembra in procinto di passare in vantaggio ma al 68’ è proprio il subentrato Sprocati a dare una doccia fredda agli ospiti con una torsione di sinistro sulla quale non può farci nulla il portiere Pau Lopez. La Roma non ci sta e si porta tutta in avanti alla ricerca disperata del pareggio ma il Parma è molto compatto nella propria trequarti e concede pochissimo agli avversari. Gli spazi per le ripartenze sono ampi e al 93’ arriva il colpo del ko con Hernani che ruba un pallone a centrocampo e serve un delizioso assist a Cornelius che di prima tira una cannonata di sinistro per il definitivo due a zero. Il Tardini esplode e per i crociati sono altri tre punti fondamentali dal sapore ancora più dolce perché conquistati contro una big.

La squadra ha una sua identità ma le voci di mercato spaventano l’ambiente

Ormai si può dire che la squadra abbia assimilato alla perfezione il credo del mister D’Aversa e negli ultimi due mesi oltre ai tanti punti messi in cascina si è visto anche un bel gioco espresso in molte gare. La squadra scende in campo sempre con l’atteggiamento giusto che negli anni scorsi i tifosi recriminavano ai giocatori e all’allenatore. Soprattutto non si vedono solo ripartenze e contropiede ma azioni manovrate volte a sopraffare l’avversario di turno. Il pubblico si diverte e applaude i suoi beniamini ma alcune voci uscite sui giornali in questa settimana stanno turbando un po’ l’ambiente. Darmian e soprattutto il gioiellino Kulusevski sembrano essere entrati nel radar dell’Inter per gennaio. Sarebbe un errore incredibile privarsi di questi due giocatori che stanno dimostrando gara dopo gara di essere i veri pilastri della squadra in questa stagione. Il fantasista svedese soprattutto, solamente classe 2000, sembra avere veramente le stimmate del vero fuoriclasse per doti tecniche e fisiche. È giunto a Parma in prestito secco dall’Atalanta e sembra che Conte sia rimasto incantato dalle doti sopraffine di questo ragazzo. La speranza è che Faggiano resista alle richieste delle grandi d’Italia per continuare a sognare nella parte sinistra della classifica, nella zona Europa.

 

ParmaCalcio-roma.jpg

Pubblicato in Calcio Emilia
Pagina 1 di 117