Omicidio della donna marocchina a Piacenza, Murelli e Pisani (Lega): «E' uno dei primi casi in Italia. La legge voluta dalla Lega pone un confine chiaro: «Niente sconti a chi uccide perché è un insulto alle donne assassinate che vedono i loro carnefici scontare pochi anni di carcere e ottenere i benefici»

(Piacenza, 11 mag. 2019) - «Una vittoria del buonsenso, della giustizia e della legalità. L'applicazione della legge voluta dalla Lega, e approvata in aprile, pone un confine netto a chi si macchia di reati gravissimi che comportano l'ergastolo: l'impossibilità di accedere al rito abbreviato e, quindi, niente sconti di pena per chi commette un omicidio».

Lo affermano i parlamentari della Lega, la deputata Elena Murelli e il senatore Pietro Pisani che si congratulano con le Forze dell'ordine per l'arresto del marito, in fuga con i figli, accusato di omicidio volontario aggravato nei confronti della moglie.

«Purtroppo - sottolineano - questa legge non ha salvato la vita alla povera Damia, accoltellata a morte a Borgonovo l'8 maggio, né ha evitato ai suoi bambini uno choc terribile. Ai bambini, e ai loro familiari, va il nostro pensiero. La legge, invece, vuole avvertire che - fatto salvo il percorso di riabilitazione per chi sbaglia - chi uccide con ferocia non avrà diritto a pene scontate. Un intervento pensato in particolare per tutelare tutte quelle donne vittime di violenza i cui carnefici, troppo spesso, se la cavano con qualche anno di carcere e tanti benefici».

Pubblicato in Cronaca Piacenza

Cavandoli (Lega): "260 mila euro per creazione ambienti didattici innovativi" - 

Roma, 3 Febbraio 2019 – "13 scuole di Parma e provincia beneficeranno dei 20 mila euro di finanziamento del Governo per la realizzazione di ambienti didattici innovativi, spazi di apprendimento capaci di integrare nella didattica l'utilizzo di tecnologie all'avanguardia. I soldi investiti nel futuro dei nostri ragazzi sono quelli spesi meglio", dice Laura Cavandoli, deputata parmigiana della Lega.

Qualche giorno fa il MIUR ha pubblicato la graduatoria dei progetti finanziati in base all'Avviso pubblicato lo scorso dicembre per la creazione di ambienti di apprendimento.
Il Governo ha stanziato 22 milioni di euro, sono state 1.115 le proposte finanziate con 20 mila euro tra le quali i 13 progetti delle scuole del nostro territorio cui sono stati attribuiti complessivamente 260 mila euro.

Le scuole di Parma e provincia che hanno ottenuto il finanziamento sono: Istituto Tecnico Tecnologico Rondani, Liceo Bertolucci, Istituto comprensivo Sanvitale Fra Salimbene di Parma, Istituto comprensivo di Borgotaro, Istituto d'Istruzione Secondaria Gadda di Fornovo, Istituto comprensivo di Felino, Istituto comprensivo di Valceno-Bardi, Istituto comprensivo di Medesano, Istituto comprensivo di Langhirano, Direzione Didattica di Fidenza, Istituto comprensivo di Neviano Arduini e Lesignano Bagni, Istituto comprensivo di Traversetolo.
"Siamo molto soddisfatti – aggiunge la Cavandoli insieme agli altri parlamentari leghisti Maurizio Campari, Maria Saponara e Giovanni Battista Tombolato – che così tanti progetti 'parmigiani' abbiano ottenuto i 20 mila euro stanziati dal MIUR. Le scuole potranno così procedere alla realizzazione di nuove aule attrezzate con arredi e dispositivi che favoriscono metodologie didattiche innovative adeguate alle esigenze dei docenti e degli studenti per la loro formazione. La scuola deve adeguarsi ai tempi ed avere gli strumenti necessari per diffondere l'utilizzo cosciente delle nuove tecnologie".

Molte e di elevato pregio sono le testimonianze lasciate in Emilia Romagna da quel Genio Universale che rispondeva al nome di Leonardo Da Vionci. Da Parma a Cesenatico passando da imola, Leonardo ha arricchito la regione delle sue opere.

di LGC, Parma 23 gennaio 2019 - Da pittoriche a ingegneristiche e topografiche, l'Emilia Romagna potrebbe venire riscoperta solo ripercorrendo le tappe di Leonardo da Vinci. Un'occasione quindi da non perdere soprattutto per quei centri minori che dovrebbero innalzare il tasso di permanenza turistca, e Parma è uno di quelli.

Sulla questione celebrativa, il consigliere regionale della Lega Daniele Marchetti, ha interrogato la Giunta: "Quali sono gli eventi programmati per ricordare l'artista e scienziato italiano?"

"La Regione ha intenzione di promuovere gli eventi organizzati sui territori emiliano-romagnoli per celebrare il 500° anniversario della morte dell'artista e scienziato Leonardo da Vinci?".
A chiederlo è ilconsigliere regionale della Lega, Daniele Marchetti, che ha depositato un'interrogazione nella quale chiede, ad oggi, quali "siano gli eventi programmati per ricordare il 500° anniversario della morte di Leonardo Da Vinci" e se la Giunta di viale Aldo Moro "abbia intenzione di darne visibilità attraverso i propri canali di comunicazione".
"Anche alla luce del sensibile aumento dei visitatori registrati dai Musei civici di Imola ritengo – sottolinea il consigliere del Carroccio - che la ricorrenza della morta di un artista e scienziato, che ha dato lustro al nostro Paese, come Leonardo Da Vinci, possa rappresentare un'occasione – da non perdere - di ulteriore sviluppo per il turismo della città del Santerno. E' evidente che per ottimizzare le celebrazioni e gli eventi già programmati per Da Vinci, occorrerebbe anche un maggiore impegno da parte della Regione Emilia-Romagna, la quale, anziché seguire le orme di quanto sta facendo – ad esempio – la Lombardia, sembra ferma al palo".
"Pertanto, proprio nell'anno in cui ricorre l'anniversario della morte di Leonardo, ricorrenza molto sentita sotto il profilo cultural e turistico in tutto il territorio romagnolo, ci aspettiamo che la Regione non solo faccia la propria parte, ma la pubblicizzi anche adeguatamente attraverso tutti i suoi canali di comunicazione" conclude Marchetti.

 

Leonardo-La_scapigliata-PR_1.jpg

 

 

Pubblicato in Cultura Emilia

Apprendo e colgo il grido di dolore di un Cittadino che segnala, dopo aver denunciato, una rapina a mano armata subita ieri alle ore 18,00 circa nei pressi dei "Giardinetti Pubblici" in Via Tarozzi ad opera di due uomini di colore armati di coltello che, dopo averlo seguito, schiaffeggiato e dopo avergli puntato il coltello alla gola, lo hanno rapinato della somma appena prelevata allo sportello automatico. Alla vittima va la mia piena vicinanza e solidarietà.

Ormai la situazione è diventata insostenibile, in quella zona come in altre dove non è più possibile girare con tranquillità soprattutto per le donne. E' urgente assumere provvedimenti incisivi, aumentare il controllo del territorio e non tacere su fatti di una simile gravità ed in primis non deve farlo la Giunta PD chiamata già più volta ad intervenire in proposito.
La sicurezza va praticata e tutelata con i fatti e non solo a parole o delegandola ai volontari ai quali va sempre il nostro ringraziamento e sostegno come va anche e di più alle nostre Forze dell'Ordine.

Chiedo con urgenza la convocazione della Commissione Sicurezza e non solo per avere i dati già divulgati alla stampa o in diretta Facebook dall'Assessore alla Sicurezza Gargano, ma per sollecitare interventi adeguati e idonei a fronteggiare la situazione critica attuale.

Inutile negare che a Castelfranco Emilia ci siano gravi problemi di sicurezza, i fatti sono purtroppo agli "onori" della cronaca quasi ogni giorno. Invito tutti i Cittadini al nostro "banchetto in piazza" sabato 19/01/2019 dalle 10,00 alle 13,00 onde raccogliere le loro testimonianze e richieste.

Il tempo dei "sorrisi" è finito, ora bisogna agire senza tentennamenti.

Castél - Castelfranco Emilia (Mòdna-Modena), 16/01/2019
Cristina Girotti Zirotti
Capogruppo Lega

 

CRISTINA_NEW.jpg

Pubblicato in Cronaca Modena

Emiliano Occhi, segretario provinciale della Lega e capogruppo in consiglio comunale, interviene sulla dichiarazione dell'assessore Casa in merito all'aggressione in Stazione.

"Le affermazioni dell'assessore  Casa sono veramente surreali.
Ecco alcune cose che dovrebbe tener presente prima di parlare:
1) la rapina e aggressione sono state compiute da un gruppo di pusher nigeriani, alcuni di quelle bande di cui lui, Pizzarotti e il PD hanno riempito Parma;
2) Casa chiede che vengano effettuati i rimpatri: quelli che solo questo Governo sta facendo e a Parma i numeri sono evidenti;
3) Parma ha già ricevuto dal Governo una trentina di nuovi carabinieri e arriveranno agenti in più rispetto a quelli previsti da Minniti;
4) Se non è capace di fare controlli e organizzare presidi utili ed efficienti con i vigili si dimetta;
5) si ricordi di manifestare la sua richiesta di rimpatri e controlli a Sindaco, giunta e maggioranza consigliare, visto che più di una volta hanno dichiarato di voler tenere tutti gli immigrati a Parma e dare a tutti la cittadinanza, anche ai carcerati;
6) dica al suo sindaco di fare meno polemiche e di applicare le Leggi sulla Sicurezza del nuovo Governo e di non fare il testimonial per la liberalizzazione delle droghe "leggere".
Partendo da questi 6 punti sicuramente la situazione a Parma migliorerà".

Ufficio Stampa
Lega Parma

Pubblicato in Cronaca Parma

Cavandoli e Campari: "Ai comuni del Parmense più di 2,5 milioni per strade e scuole"

Roma, 2 Gennaio 2018 – "Abbiamo approvato una manovra completamente diversa da quelle dei governi precedenti: invece di dare soldi alle banche, sosteniamo i cittadini truffati dagli istituti di credito; invece dell'austerity che ha messo in ginocchio famiglie e imprese, puntiamo sul rilancio dei consumi e degli investimenti; invece di strangolare piccoli comuni e province, li finanziamo con miliardi di euro per sicurezza, manutenzioni, strade e scuole. Dalle parole ai fatti: questo è un Governo che pensa ai cittadini e ai loro bisogni", spiegano Laura Cavandoli e Maurizio Campari, parlamentari parmigiani della Lega.

"Abbiamo scelto di puntare sugli enti locali e permettergli di lavorare per i propri cittadini – proseguono gli onorevoli parmigiani – facendo finanziamenti mirati, liberando risorse prima bloccate da regole assurde e dall'incapacità dei burocrati, semplificando le procedure d'appalto. Abbiamo ri-finanziato buona parte del fondo Imu-Tasi cancellato dal PD e sbloccato il Piano Periferie che il precedente governo aveva reso incostituzionale".

"Inoltre – aggiungono Cavandoli e Campari - ai comuni di piccole e medie dimensioni andrà un contributo in denaro di complessivi 400 milioni di euro (oltre 2,5 dei quali per il parmense), per favorire investimenti per la messa in sicurezza di scuole, strade, edifici pubblici e del patrimonio comunale. I comuni della Provincia di Parma fino a 2mila abitanti riceveranno dallo Stato un surplus di 40.000 euro, quelli fino a 5mila abitanti ulteriori 50.000 euro, quelli fino a 10 mila abitanti altri 70.000 euro e quelli fino a 20mila abitanti riceveranno 100.000 euro.

Beneficeranno di questo ulteriore stanziamento quasi tutti i comuni parmensi da Salsomaggiore Terme a Collecchio, da Noceto a Montechiarugolo, da Medesano a Langhirano, Sorbolo Mezzani, Traversetolo, Colorno, Felino, Sissa Trecasali, Torrile, Fontanellato, Busseto, Borgo Val di Taro, Fornovo di Taro, San Secondo Parmense, Sala Baganza, Fontevivo, Lesignano de' Bagni, Soragna, Neviano degli Arduini, Bedonia, Polesine Zibello, Roccabianca, Varano de' Melegari, Bardi, Albareto, Calestano, Tizzano Val Parma, Berceto, Corniglio, Solignano, Varsi, Terenzo, Palanzano, Compiano, Pellegrino Parmense, Tornolo, Monchio delle Corti, Bore, Valmozzola.

"L'unico obbligo per questi comuni – spiegano gli esponenti del Carroccio - è di utilizzare i fondi per lavori o manutenzioni straordinarie non altrimenti finanziate da iniziare entro il 15 maggio 2019, il risultato sarà quindi immediatamente apprezzabile da parte dei cittadini".

"Se aggiungiamo il capoluogo che riceverà 3 milioni di euro per 'Parma 2020' – concludono i parlamentari parmigiani – ai comuni del nostro territorio arriveranno quasi 6 milioni di euro oltre ai normali trasferimenti: una cosa impensabile con altri governi.
In più abbiamo destinati 3,750 miliardi di euro per i piani di sicurezza a valenza pluriennale per la manutenzione di strade e scuole delle Province vittime del pasticcio costituzionale di Renzi e del PD. Questo Governo riconosce il ruolo degli enti locali e li sostiene".

Occhi (Lega): "Molte fake-news, nessuno è stato buttato in strada". Decreto Salvini: a chi fa paura il ritorno della legalita'? - 

Parma, 10 dicembre 2018 - Bufale, fake-news, chiamate alle armi: in questi giorni sul Decreto Salvini abbiamo sentito di tutto. In verità, nessuno è stato buttato in strada, per effetto del Decreto, in particolar modo donne e bambini. "Il Decreto Salvini attacca gli interessi del business dell'immigrazione clandestina che ogni giorno costa agli italiani milioni di euro che potrebbero essere spesi in altro modo", dice Emiliano Occhi, capogruppo della Lega in Consiglio Comunale.

"Il Decreto Salvini - aggiunge Occhi - prevede che non si buttino più soldi pubblici per percorsi di formazione e integrazione a chi non è un vero profugo e dovrà lasciare l'Italia. Queste risorse pubbliche saranno destinate ai veri profughi, alle donne e ai minori, ma non alimenteranno più il business di cooperative e associazioni di amici degli amici che ogni anno drenano milioni di euro dalle casse dello Stato, delle regioni e dei comuni".

"Un Paese con 6 milioni di poveri - prosegue il capogruppo leghista - deve concentrare le sue risorse sui soggetti deboli come gli italiani in difficoltà, i disabili e i coloro che davvero scappano da guerre e persecuzioni. Il decreto Salvini è molto chiaro: il business dell'accoglienza è finito, da oggi si aiuta solo chi ne ha diritto".
"La levata di scudi dei soliti noti, che ieri difendevano gli sbarchi e oggi si oppongono al Decreto – conclude l'esponente del Carroccio - dimostra che c'è chi ha nostalgia dell'ingovernabilità del flusso migratorio, della situazione caotica e ingestibile che c'è stata fino a oggi e del fiume di denaro pubblico che girava e che andava a finire sempre nelle tasche degli amici di qualcuno. Adesso ci sono regole chiare, fondi per rimpatri e investimenti per la sicurezza. L'aria è cambiata"

Pubblicato in Cronaca Parma
Domenica, 09 Dicembre 2018 09:39

Tanti i parmigiani a Roma con Salvini

Prima gli italiani: Tanti i parmigiani alla manifestazione con Salvini. Occhi, Cavandoli e Campari (Lega): "Il cambiamento non si ferma più"

Roma, 8 dicembre 2018 - Un grande striscione sovrasta Piazza del Popolo stracolma di cittadini che hanno risposto all'appello di Matteo Salvini per la manifestazione "Prima gli italiani", c'è scritto "L'Italia rialza la testa!". E' un messaggio al Paese, ai sostenitori, agli avversari e all'Europa: l'Italia non farà più gli interessi altrui, ma solo quelli degli italiani.

Da Parma sono partiti oltre 200 leghisti con pullman, treno e auto private, per essere in Piazza con il "Capitano", guidati da Emiliano Occhi, segretario provinciale del Carroccio: "Siamo davvero tanti oggi in Piazza del Popolo, da tutta Italia per dire che il cambiamento non si ferma".

"Prima gli italiani – spiega – significa che la prima responsabilità di un Governo è verso i suoi cittadini. Un Paese con 6 milioni di poveri non può permettersi di sprecare risorse pubbliche per dare vitto, alloggio, formazione a falsi profughi, ma deve concentrare le sue risorse sui soggetti deboli come gli italiani in difficoltà, i disabili e i coloro che davvero scappano da guerre e persecuzioni. Il decreto Salvini è molto chiaro: il business dell'accoglienza è finito, da oggi si aiuta solo chi ne ha diritto".

"In questi sei mesi di governo – aggiunge Laura Cavandoli parlamentare parmigiana – abbiamo pensato al Lavoro, alla Sicurezza, alla lotta alla Povertà, alla dignità internazionale del nostro Paese. Tutte cose che chi ha governato prima aveva dimenticato. Non ci fermeremo e questa piazza piena ed entusiasta è un segnale sia per i burocrati di Bruxelles che vogliono un'Italia senza voce in capitolo, sia per i loro fiancheggiatori di casa nostra".

"Con l'azione di Governo e con questa manifestazione stiamo dando un segnale importante – aggiunge il senatore Maurizio Campari – l'Italia è finalmente cambiata e anche l'Europa cambierà. Dalle parole ai fatti non è uno slogan è la cifra politica della Lega e il consenso che abbiamo nel Paese è dovuto alla concretezza della nostra azione politica: noi manteniamo le promesse e dove ci sono i problemi lavoriamo per trovare soluzioni, non chiacchiere. Hanno provato a fermarci con le campagne d'odio, con lo spread, con i ricatti. Questa piazza lancia un messaggio chiaro: il cambiamento non si fermerà".

Prima i ministri leghisti e poi Salvini hanno ricordato alla piazza i risultati di 6 mesi di Governo del Cambiamento nel campo della lotta al business dell'immigrazione, alla mafia, alla violenza sulle donne, alla povertà, allo spaccio, al crimine organizzato e di strada, agli sprechi dell'amministrazione pubblica, il sostegno all'economia, all'innovazione, alla famiglia.

 

Roma_Salvini_8dic18-Parmigiani-IMG-20181208-WA0056_1.jpg

 

Pubblicato in Cronaca Parma
Sabato, 01 Dicembre 2018 08:06

Lega: Ma cosa succede a Castelfranco Emilia?

Furti a raffica, auto a fuoco e c'è chi non vede nulla: ma cosa succede a Castelfranco Emilia?

I furti negli appartamenti, a qualsiasi ora del giorno, nel Capoluogo e nelle Frazioni, purtroppo sono divenuti una "normalità".

Anche gli episodi di auto incendiate ormai si verificano con una certa frequenza, come accaduto ieri sera di fronte ai giardini pubblici che da tempo sono segnalati dai Cittadini anche sui social network, soprattutto da coloro che in quella zona risiedono, come luogo di aggregazione di soggetti per lo più stranieri e zona di degrado e pericolosa.

Sempre più spesso viene segnalata la paura a passare in quel giardino "pubblico" soprattutto nelle ore serali e soprattutto per le donne. Non ci stiamo a far finta di nulla, a girarci dall'altra parte. Basta! Servono più controlli e presidio del territorio e questo prima che la situazione precipiti.

Che l'Amministrazione "batta un colpo" anziché tacere e far finta di nulla, che si usino i poteri conferiti ai Sindaci dalla "Legge Salvini" anziché protestare e indossare maschere da buonisti.

Una Città sicura garantisce una vita migliore, per tutti.

Castél - Castelfranco Emilia (Mòdna-Modena), 30/11/2018
Cristina Girotti Zirotti
Capogruppo Lega

Pubblicato in Cronaca Reggio Emilia

VIOLENZA SULLE DONNE: IL GOVERNO APPROVA IL CODICE ROSSO Cavandoli (Lega): "Corsia preferenziale per denunce e giustizia più rapida"

Roma, 30 Novembre 2018 - "Dalle parole ai fatti: contro la violenza sulle donne ci saranno una corsia preferenziale per le denunce e indagini più rapide, perché si intervenga prima che la situazione volga al peggio. Il Governo del cambiamento dà una svolta decisa contro i reati nei confronti delle donne", lo dice la parlamentare parmigiana della Lega Laura Cavandoli, dopo il voto del Consiglio dei Ministri che ha approvato il "Codice Rosso", il disegno di legge che porta le firme dei ministri della Giustizia Alfonso Bonafede e della Pubblica amministrazione Giulia Bongiorno.

"Denunce per maltrattamenti, violenza sessuale, atti persecutori, lesioni aggravate commessi in contesti familiari o di convivenza – prosegue la Cavandoli - saranno portate direttamente sul tavolo del Pubblico Ministero, il quale dovrà sentire la donna vittima di violenza entro tre giorni. Anche la polizia giudiziaria dovrà dare massima priorità alle indagini".

"Di fronte ai numeri della violenza – conclude l'esponente del Carroccio – il Governo lancia un segnale forte: denunciare un atto di violenza in famiglia è quasi sempre un atto di grande coraggio per una donna. In questi casi lo Stato deve intervenire con grande rapidità e attenzione facendo, quando necessario, partire subito tutte le procedure necessarie con provvedimenti protettivi e di non avvicinamento".

Nei giorni scorsi il Parlamento aveva approvato un mozione della Maggioranza che impegnava il Governo ad assumere iniziative non solo di tipo normativo al fine di garantire pene certe e nessuna derubricazione dei reati, ma anche di riconoscere il ruolo dei Centri Antiviolenza nella loro funzione territoriale con un costante sostegno economico e istituzionale.

Pagina 1 di 2