Visualizza articoli per tag: musica

Martedì, 09 Aprile 2019 10:53

Nicola Comparato presenta "Radio Val Baganza"

Ce l'abbiamo messa tutta, ma non siamo riusciti a convincere Nicola Comparato, in arte "CumbaRat il rapper della Val Baganza", a riprendere il suo percorso artistico con la musica rap.

Di LGC 9 aprile 2019 - L'ex rapper, o il "rapper in sospeso" poiché pensiamo che possa, presto o tardi riprendere vigore, la sua vena musicale. Da più di un anno "CumbaRat" non scrive e non registra più nessun pezzo musicale, attratto da altre iniziative anche mediatiche, e in particolare affascinato da un nuovo progetto: Radio Val Baganza by N.C.

Sentiamo come giustifica questa nuova intrapresa l'eclettico Nicola:

"Da molto tempo mi viene chiesto di scrivere un nuovo brano. A dire il vero ho già scritto dei testi, e non escludo di registrare almeno una canzone prima o poi. Ma il mio discorso a livello di rap è chiuso da un po'. Troppo stress, troppa fatica, troppe spese. La radio può essere una valida alternativa. Ho fatto lo speaker radiofonico tanti anni fa per Radio Senza Nome, una web radio creata da me e un mio amico. Mi sono anche cimentato come vocalist sul palco con Faustino DJ, noto disk jockey della scena disco/funk emiliana. Ho ascoltato di tutto nella mia vita e dopo averci pensato un po' su, mi è venuta l'idea di "Radio Val Baganza". Per il momento si tratta solo di una pagina Facebook dove condividere canzoni, notizie e curiosità di ogni tipo. Io sono un tipo vecchia scuola, sono cresciuto con musica e film anni '80 e molto sarà incentrato su quel periodo. Appena sarà possibile andrò in studio a registrare delle puntate dove ogni volta presenterò una top 5. Poi, appena il progetto partirà in via ufficiale, molto probabilmente organizzerò delle serate dal vivo. Per ora non posso fare altro che ringraziarvi per avermi concesso questo spazio e invitarvi ad iscrivervi alla pagina di Radio Val Baganza. Ciao!"

Il link della pagina Radio Val Baganza by N.C https://www.facebook.com/Radio-Val-Baganza-by-NC-2305294456415016/?ti=as 

La biografia di CumbaRat - https://www.gazzettadellemilia.it/cronaca/costume-e-societa/item/22023-tra-alti-e-bassi-la-vita-e-la-musica-di-nicola-cumbarat-comparato.html 

 

Radio_Val_Baganza_By_N.C._1.jpg

Pubblicato in Nuove Tecnologie Parma
Mercoledì, 13 Marzo 2019 05:34

Contribuiamo a risvegliare l'ispirazione del rapper

Di Redazione Val Baganza 12 marzo 2019. Abbiamo già parlato di lui in un dettagliato articolo sulla nostra testata. Solitario, originale e controverso, Nicola "CumbaRat" Comparato, l'ex rapper della Val Baganza, classe '82, di origini lucane ma cresciuto in terra parmenei.

Da più di un anno "CumbaRat" ha smesso di scrivere brani in rima, ma in ricordo dei vecchi tempi ha deciso di creare una pagina Facebook da utilizzare come diario personale da condividere con tutti. Nella pagina potrete trovare anche alcuni suoi vecchi singoli da ascoltare.

E' suffciente entrare  e mettere un bel "Mi piace" per seguire questo intrigante personaggio! Chissà che non si risvegli l'ispirazione!

Ecco il link della pagina Facebook di CumbaRat https://www.facebook.com/CumbaRat-Il-Rapper-della-Val-Baganza-383101919176398/ 

Qui potrete leggere la sua biografia uscita in esclusiva sulla Gazzetta dell'Emilia
https://www.gazzettadellemilia.it/cronaca/costume-e-societa/item/22023-tra-alti-e-bassi-la-vita-e-la-musica-di-nicola-cumbarat-comparato.html 

Nicola_comparato2_1.jpg

Pubblicato in Costume e Società Parma

Hip Hop Planet jam è un evento inedito e ricco di contaminazioni che si svolgerà a Parma venerdì 1 marzo all’interno del parcheggio del rinnovato hotel Novotel in Via Trento. Musica, street art, danza, performance, live painting saranno i protagonisti di un evento senza precedenti per Parma in cui la cultura Hip Hop verrà vissuta e presentata alla città in tutte le sue forme. 

L’iniziativa, voluta e promossa dal Novotel Parma centro e organizzata da Positive River Festival, Parma 360 Festival, McLuc Culture e Itabeatboxers ospiterà artisti di alto livello provenienti da diverse città italiane e numerosi ospiti internazionali.  

Questo evento, completamente gratuito e a ingresso libero, è il primo di una serie di manifestazioni che vedranno coinvolto il rinnovato Hotel Astoria che, dopo mesi di restauri, si sta trasformando in un luogo nuovo, moderno, sfaccettato e multi servizio, in dialogo con la città, a disposizione della comunità e propulsore anche di attività artistiche e culturali di rilievo.

Quella del 1 marzo è anche una vera e propria anteprima del Festival Internazionale di Human Beatbox, quinta disciplina della Cultura Hip Hop. Il primo storico raduno degli appassionati di quest'arte, che si svolse proprio al Mu di Parma nel 2008, tornerà in città, per la sua seconda edizione, il 2 Marzo 2019 al Campus Industry Music di Largo Simonini e vedrà protagonisti importanti ospiti, da tutto il mondo, tra i migliori sulla scena.

Venerdì 1 marzo a partire dalle 18 il Novotel Parma Centro presenterà “Geo Parking Graffiti”, l’esito di una Jam di graffiti appunto coordinata dall’Associazione Culturale McLuc e realizzata dal 22 al 24 febbraio sui muri interni del parcheggio dell’Hotel, in cui writers provenienti da tutta Italia, con una special guest da Berlino, si sono ispirati al tema della natura e al paesaggio della provincia di Parma trasformando il parcheggio in uno spazio creativo, ognuno con il proprio stile e sensibilità. L’area parking di Via Trento diventerà così uno spazio di vita e di espressione, un’occasione di condivisione e di contaminazione artistica che resterà a disposizione della città.

Gli Artisti coinvolti: Aeko, Alf Sour, Bibbito, Bee Low, Encs, Fares, History,  Hot in Public, Il Prof, Je73, Luogo Comune, Mr Wany, Pepecoibermuda, Sabote, Senka, Sir Skape, Ufo & Slim, Wubik.

Con l’intento di diffondere e far conoscere tra i giovani e il pubblico di ogni età una cultura “urbana” che ha rivoluzionato il mondo della musica, della danza, dell’abbigliamento e del design, verranno presentate durante la serata le discipline base della cultura Hip Hop, creando un momento di intrattenimento e grande spettacolo. Oltre al live painting e ai Workshop di Human Beatbox, si alterneranno momenti d'improvvisazione Rap (freestyle), Live Rap show, Dj set & Dub live set, danza Breakdancesu ritmi “Breakbeat” funk, soul, jazz, hip hop suonati rigorosamente in vinile ed esibizioni di live band.

L’iniziativa, sostenuta dal Novotel Parma centro, è organizzata da Positive River Festival, Parma 360 Festival, McLuc Culture e Itabeatboxers e vede la collaborazione tecnica di Beatbox Battle Network, Gold Street Dealer & Magazine, Creative Line Studios, Hip Hop Kemp, Crossover Studio, Astrofat, End Of the Weak, Campus Industry.

The Elements of Hip Hop live show

Party di apertura del Festival internazionale di Human Beatbox

Novotel PARKING AREA, Via Trento 9, Parma

VENERDI 1 MARZO 2019

dalle ore 18.00

 

LINE UP

International beatbox jam & open mic

Bee low (de), Funkaztek (ch), Hatem (eg), Dhap + special guests

Graffiti expo & live painting

McLuc culture presents Italian all stars writers 

Freestyle, turntablism & rap show

Dank, Dj Over, Jeko, Mr. Calloway, Coen & Dj Crazykid, Cecca, Millow, Xfetto, Proto khay

Dj set & Dub live set

Jhonny I Fyah & Cesaroots (Lab Frequency outta Dubsquare)

Live band 

Low_Lows x Cypha Varano

Breakdance & hip hop style

Groovment, CID Academy, Blue Paps & freestyle area

Workshop di Human Beatbox 

Street art expo

INGRESSO LIBERO E GRATUITO 

Pubblicato in Dove andiamo? Parma

Oggi parleremo di Mangusta, un cantautore di Parma. Un artista dotato, poliedrico e istrionico che prossimamente vedremo sul palco di "Italia's Got Talent", il programma condotto da Claudio Bisio, Mara Maionchi, Federica Pellegrini e Frank Matano.

Di Nicola Comparato - A Parma e provincia la scena musicale è molto ampia. Molti giovani e meno giovani comunicano il proprio pensiero con la musica. Tra tutti spicca un personaggio in particolare, Filippo Ianni, classe '77, in arte Mangusta.

Mangusta è noto per le sue originali esibizioni, per i suoi video e per i testi delle sue canzoni che rispecchiano un modo di essere e vivere "Trash", anche se questo termine è forse troppo restrittivo considerando la genialità dell' artista.

Infatti Mangusta è un compositore e un cantautore, un vero "ShowMan", un artista completo che tratta tematiche di ogni genere nei suoi brani, che spaziano dal tema politico alla vita di tutti i giorni, e nei quali gli ascoltatori riescono ad identificarsi.

Rap, Trap e Metal sono i generi che questo talentuoso artista è riuscito a fondere, creando un sound innovativo, divertente, originale e per certi versi geniale.
Mangusta non avrebbe bisogno di presentazioni. Musicalmente nasce nei lontani anni 90, militando in svariati progetti musicali tra i quali "RH Positivo", "Eloisa Band", "Sinock", "Arte di Cento" e durante la sua lunga attività ha partecipato ad importanti programmi televisivi, ad esempio "Roxy Bar" con Red Ronnie e "Generazione X" con Ambra Angiolini.

Mangusta e la sua band, formata da Elisa Morelli alla chitarra, Jenny Rovesti al basso e Pietro Albera alla batteria, si esibiranno domenica 17 febbraio allo Spinter Club (ex Arci Titty Twister) di Parma. Uno spettacolo assolutamente da non perdere.

"Sono bidello", "Lei ne va pazza", "Acuti in ciabatte", "Borderline" tra i brani più ascoltati. Lo stile di Mangusta è inimitabile e inconfondibile, ma la sua creatività non si limita solo alla musica. Infatti questo poliedrico artista è creatore di svariate opere d'arte, come quadri e oggetti d'arredamento, interamente fatti a mano.

E' possibile ammirare le sue creazioni visitando la pagina Facebook "Filippo Ianni Arte" al seguente link https://www.facebook.com/Filippo-Ianni-Arte-1459573860845256/ 

Cliccando qui invece potrete accedere alla pagina FB di Mangusta https://www.facebook.com/mangustaverostile/ 

Alleghiamo i link di alcune sue canzoni augurandovi buon ascolto.

1) Sono bidello https://m.youtube.com/watch?v=6XGVMjTnKco 

2) Lei ne va pazza https://m.youtube.com/watch?v=FhLECnjwtpc 

3) Borsine https://m.youtube.com/watch?v=mf2-1NZAnBU 

4) Il cenone di Natale https://m.youtube.com/watch?v=0GRxTCWFpvQ 

5) La tua ragazza https://m.youtube.com/watch?v=LpiUf3ZBnj0 

6) Acuti in ciabatte https://m.youtube.com/watch?v=9r8cXB9_NC0 

 

20190202_203505_1.jpg

20190202_203531_1.jpg

Pubblicato in Arte Parma

Debutta martedì 22 gennaio il primo progetto di FOI Young: il sodalizio tra la Filarmonica dell’Opera Italiana Bruno Bartoletti e l’Istituto Superiore di Studi Musicali di Reggio Emilia e Castelnovo ne’ Monti “A. Peri - C. Merulo”. La vera Compagnia del Cigno si trova a Reggio Emilia.

Reggio Emilia -

Si trova a Reggio Emilia la vera “compagnia del Cigno”. È quella che sta coltivando la Filarmonica dell’Opera Italiana Bruno Bartoletti che, grazie al sodalizio con l’Istituto Superiore di Studi Musicali di Reggio Emilia e Castelnovo ne’ Monti “A. Peri - C. Merulo”, ha messo in piedi un fecondo e prestigioso progetto di tutoring dedicato ai giovani musicisti talentuosi del conservatorio reggiano. 

Si chiama FOI Young, un sistema virtuoso che crea progetti sinfonici e operistici costruiti ad hoc, in cui le prime parti della Filarmonica affiancano i giovani studenti nelle performance. 

Il primo frutto di FOI Young si intitola “Shakespeare in music” e debutta martedì 22 gennaio alle ore 9.00 al Teatro Cavallerizza per il pubblico delle scuole, nell'ambito dei progetti educational de “I Teatri di Reggio Emilia”

I giovani talenti del Peri suoneranno insieme ai professionisti della FOI in un’opera diretta da Valentino Corvino, eclettico direttore d'orchestra, compositore violinista italiano che si è esibito in tutto il mondo e la voce di Roberta Giallo, cantautrice, autrice, performer teatrale e scrittrice. 

Le musiche saranno di Henry Purcell e Elvis Costello. Sul palco si esibiranno gli attori della Scuola di Teatro di Bologna “Alessandra Galante Garrone”.

“Uno degli obiettivi primari della FOI Bruno Bartoletti - ha detto Manlio Maggio presidente della FOI - consiste nell'intessere continuative relazioni con il territorio delle terre verdiane, cui, ricordiamolo, appartiene anche Reggio Emilia. Con i musicisti più rappresentativi della FOI siamo sempre alla ricerca di progetti musicali innovativi che possano raggiungere il pubblico giovane e, allo stesso tempo, catturare l’interesse e la curiosità negli studenti, in modo da favorire in loro sia la tecnica di esecuzione che la passione per la musica”.

“Come Istituto siamo molto orgogliosi che questo progetto prenda il via – ha detto Marco Fiorini, direttore dell’Istituto Peri-Merulo -. Lo scopo di una Scuola di Formazione è anche quello di fornire concrete occasioni di sfide professionali per i giovani allievi che contribuiranno a formare i musicisti del domani, capaci di inserirsi in una orchestra d’alto livello come quella della FOI Bruno Bartoletti”.

 

Pubblicato in Cultura Reggio Emilia

Giovedì 31 gennaio, alle 20.30, all'Auditorium Paganini, la serata benefica “Mogol - Il Mio Canto Libero. Viaggio musicale nell’universo Mogol” in favore dell'Hospice Piccole Figlie di Parma.

 Parma -

Il Comune di Parma è a fianco dell'Associazione Claudio Bonazzi, Pro Hospice Piccole Figlie, nella promozione della serata benefica in programma giovedì 31 gennaio, alle 20.30, all'Auditorium Paganini dal titolo: “Mogol – Il mio canto libero. Viaggio musicale nell'universo di Mogol” con la partecipazione straordinaria di Mogol, la Filarmonica Arturo Toscanini, diretta dal maestro Walter Sivilotti; con il gruppo vocalist Sestetto Vocale d'Altrocanto; e la partecipazione di Andrea Salvini, regia a cura di Marco Caronna, presenta Francesca Strozzi

La presenza di Mogol renderà la serata davvero unica: la sua straordinaria cultura e la sua fantasia infatti l’hanno reso un grande scrittore, autore di testi e produttore e gli hanno permesso di lavorare con i migliori artisti del panorama musicale italiano. La sua prolifica attività conta oltre 1500 testi. 

L'Associazione Claudio Bonazzi, Pro Hospice Piccole Figlie, è sorta nel 2009 con lo scopo di far conoscere questa realtà e di spiegarne l’importanza, nonché di raccogliere fondi per poter essere di aiuto e di supporto anche in modo concreto attraverso il progetto: “Una mano per l'Hospice” che ha fatto dello slogan: “Non aggiungere giorni alla vita, bensì più vita ai giorni”, un importante presupposto alla base del percorso intrapreso, per dare alla Persona malata un’attenzione particolare che la aiuti a ritrovare la propria dignità, fornendogli sollievo, serenità ed anche speranza. 

Avviene tutto questo all’Hospice. L’Associazione Onlus Claudio Bonazzi pro Hospice è stata creata, quindi, per promuovere azioni al fine di divulgare gli scopi, la finalità e l’attività del Centro Cure Palliative “Piccole Figlie” di Parma e, non ultimo, raccogliere fondi per aiutare il Centro. 

La serata del 31 gennaio sarà quindi volta alla raccolta di fondi promossa dall'Associazione Claudio Bonazzi, Pro Hospice Piccole Figlie in collaborazione con GIA – Gruppo Imprese Artigiane, Fondazione Arturo Toscanini, con il Patrocinio del Comune e con il contributo di Azimut-Wealth Management.

La Filarmonica Arturo Toscanini  è una delle più importanti orchestre sinfoniche italiane. Nata nel 2002, porta avanti la grande tradizione musicale parmigiana di Niccolò Paganini e naturalmente del Maestro Toscanini. 

Il Sestetto Vocale D'altrocanto è formato da: Alessandra Silva Fortes, Elisa Giacomoni, Jessica Interdonato, Asia Sara Marcassa, Zoe Ranno, Megan Stefanutti. 

La serata, presentata da Francesca Strozzi, vedrà la partecipazione del musicista parmigiano Andrea Salvini, la regia sarà a cura di Marco Caronna, cantautore, musicista, regista. 

Info: Tel. 339 49 10 463 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Punti vendita biglietti: Biglietteria Auditorium Paganini (via Toscana, 5/a); Gioielleria Carboni (via Mazzini 5/a); Edicola Menotti Tatiana (via Farnese, 1), Mimma Petrolini - Associazione Onlus Claudio Bonazzi - cell. 339 49 10 463.

Pubblicato in Dove andiamo? Parma

Originale, solitario, introverso e controverso, Nicola Comparato, in arte "CumbaRat", si racconta. Non teme di mettere a nudo anche le fasi più delicate della sua vita, consapevole di essere "cresciuto" e di avere la coscienza di sé stesso e dei suoi potenziali.


Di Lamberto Colla - 7 gennaio 2019 - Originale, solitario e controverso. Stiamo parlando di Nicola Comparato in arte "CumbaRat" l'ex "Rapper della Val Baganza". Nicola è di origine lucana, nato il primo marzo del 1982 a Policoro in provincia di Matera, ma originario di Rotondella, un paese limitrofo.


Cresciuto nelle terre parmensi, più precisamente nella Val Baganza, si è avvicinato alla musica da giovanissimo, dapprima con il genere metal, (infatti si esibì per la prima volta sul palco dell'oratorio di Sala Baganza a 18 anni col suo amico di vecchia data e grande musicista "Dave Colombo" di Felino) e successivamente con la musica Punk/Rock con il gruppo "Melodia Zero", fondato con alcuni suoi amici di San Vitale Baganza (PR), anche se musicalmente lui ammette di essere cresciuto ascoltando Michael Jackson e le BoyBands.


I "Melodia Zero", dopo aver inciso il primo demo si sciolgono e ognuno dei componenti prende strade diverse.
Gli anni passano e Nicola inizia a scrivere testi in rima. Comincia la sua avventura nell' hip hop verso il 2002, cantando in coppia con il rapper di Collecchio "Disturbo". A quei tempi Nicola si fa chiamare "Delirio". Dopo questa prima esperienza, cambia il suo nome d'arte in "Nick Delirio", e poco dopo fonda i "Senza Nazione Kru" col suo grande amico "M-Salento". In questo periodo scriveranno il brano "Il battello della gioia" con "Dave Colombo" alla batteria. Cominciano cosi le prime serate dal vivo sotto la supervisione di un importante realtà della musica Drum'n'Bass, i "Quia Sound System".


Alle loro serate sarà sempre presente il loro più grande fan, un ragazzo di Monticelli Terme, "Il Capitano di lungo corso Massimo Tenore".
Numerose le esibizioni live, dal "Maffia Club" a Reggio Emilia al "Bloom" di Renazzo in provincia di Ferrara, fino ai locali di Parma, "Mu" e "Positiva". Nicola, nel frattempo partecipa anche alla realizzazione di un cortometraggio per il "Centro Giovani Montanara" di Parma, in veste di attore e compositore del brano "Oi Menina" per la colonna sonore del clip. Di lì a poco, scriverà un brano per un festival sui diritti umani dal titolo "Guardami", dove si esibirà sul palco con "M-Salento".


Tutto sembra andare bene, ma col tempo le cose si fanno sempre più difficili. Nicola si presenta sul palco della finale del "Live Song Festival 2008" a Traversetolo (PR) in condizioni pietose. La prestazione non è delle migliori. Poco prima al "Maffia Club" a Reggio Emilia, durante la gara di freestyle "Tecniche Perfette" successe la stessa cosa.
In seguito i "Senza Nazione Kru" si sciolgono. M-Salento ritorna in Puglia e Nicola resta solo. Comincia la fase di autodistruzione di Nicola. Si cimenta come speaker a "Radio Senza Nome" ma il progetto viene abbandonato quasi subito. Fausto Bertucci in arte "Faustino DJ", verso il 2010 gli propone di fare il vocalist per alcune serate. All'inizio la cosa funziona, ma Nicola, vittima del suo stile di vita fuori controllo, termina una serata in un locale parmense, esattamente a Calestano, vomitando nel bagno.
Ormai è la fine. Nicola non registrerà più nulla e non si esibirà più dal vivo. Ma un giorno, nel 2015, ritorna l'ispirazione. Nicola, con il nome d'arte "CumbaRat", che nel dialetto del suo paese d'origine non è altro che il suo cognome "Comparato", inizia a dedicare tempo e musica alla terra parmense in cui è cresciuto: La Val Baganza! "Poggio di Sant'Ilario Baganza" e "Voglio stare con te" sono solo alcuni dei brani più conosciuti dell'ex rapper. Finalmente sembra che le cose comincino ad andare per il verso giusto, ma di colpo comincia il periodo più nero del cantante.


La vita sregolata continua a creargli degli ostacoli con la musica, peggiorano i suoi rapporti con il mondo femminile e con gli amici, non sa più quale direzione prendere. Il disturbo ossessivo compulsivo e la sua voglia di isolarsi dal mondo hanno la meglio su di lui. Per parecchio tempo non avrà più una vita sociale. Inizierà a starsene da solo provando solo odio nei confronti di tutti, in attesa di una rivincita. Si ritroverà anche senza mezzo di trasporto, e questo lo porterà a perdere 20 kg a causa dei km percorsi a piedi, in bici e in autostop per recarsi al lavoro per diversi anni. Viene inoltre associato ad un grave fatto di cronaca nera a causa di alcuni canzoni da lui scritte in quel periodo.
Tuttavia nel 2016 si esibisce al "Be Bop" di Felino cantando il brano "Cambiamo Felino" dedicato alla lista civica di centro destra locale per protesta contro una sinistra che lui non riconosce più. Fino a questo momento per Nicola la politica è sempre stata una cosa personale, ma diventerà determinante negli anni a venire, riscoprendo alla fine le sue radici socialiste da tempo abbandonate per la voglia di fare polemica e di farsi notare.
Ironia della sorte, quella sera l'impianto ha un guasto, ma lui prende in mano la situazione e termina la canzone senza l'accompagnamento musicale ricevendo gli applausi dei presenti. Quella sera capisce che è giunto il momento di cominciare sul serio ad occuparsi di politica, ma prima farà un viaggio in Tunisia in compagnia di Simone di Berardino, (un organizzatore di eventi Techno/HardStyle/Progressive, leader del Team Morfos Staff e collaboratore del grande DJ Ginger Il Komandante, il padre di questo genere musicale) e la sua canzone intitolata "Italia-Tunisia" del 2017, verrà trasmessa in alcuni locali di Hammamet. In Tunisia farà anche visita alla tomba di Bettino Craxi.


Al suo ritorno in Italia, Nicola si recherà alla "Cripta Mussolini" a Predappio, per fare una ricerca sul fascismo e su quel periodo storico, poi inciderà "Ruspa" che sarà trasmessa in diretta nazionale su Rai Due in un programma condotto da "Costantino Della Gherardesca", andando contro tutti i suoi principi, alla ricerca di visibilità perché schiavo del suo personaggio. In questo periodo entrerà nella Lega senza nemmeno sapere il perché.
Seguirà "Arrivano i migranti", che susciterà l'interesse della stampa svizzera, dove il rapper, mettendosi nei panni dei cittadini, parla dell'arrivo di alcuni migranti in una frazione del comune di Felino, la località parmense in cui risiede. Da sempre innamorato della Val Baganza, Nicola si è anche dichiarato contrario al progetto "Cassa di Espansione" sul Baganza, "la costosa e impattante diga artificiale che da tempo fa discutere molti" e per la quale ha scritto un brano con la partecipazione di "Sammy Varin", lo speaker di "Radio Padania Libera", l'unico vero amico che lo ha sempre rispettato durante il brevissimo periodo leghista.


La strada va avanti tra alti e bassi, Nicola, pubblicamente schierato a destra, ma con il cuore infranto che batte a sinistra, per provocazione e per amore di una ragazza tunisina, si avvicina all' Islam, ma dopo pochi giorni lascia la religione, si fa un esame di coscienza, e decide seriamente di smettere di giocare e di impegnarsi con il Partito Socialista Italiano, l'unico partito che lo rappresenta veramente da sempre.
Prima dell'Islam aveva anche frequentato i Testimoni di Geova per tantissimo tempo. Ancor prima aveva vissuto un periodo ebraico. Questi fatti lo porteranno ad essere attaccato da molti. Viene etichettato come incoerente e poco credibile, ma lui se ne frega e va avanti per la sua strada, perché per quanto gli riguarda, la coerenza è solo un limite. E lui non ha limiti! Cita questi episodi nel brano del 2018 "Mi sono innamorato di te". Nella canzone, lui viene rifiutato dalla ragazza che ama, a causa delle troppe maschere che troppo spesso indossa.


Il suo addio alla musica è vicino, ma prima del saluto finale, scrive alcune canzoni per il "Parma Calcio", e per un po' ricomincia il successo.
Ma Nicola non ha più nulla da dire. Lui vuole solo comunicare. Dopo tanti anni la musica lo ha stancato, ma la voglia di scrivere non si è mai fermata e per questo motivo l'ex rapper ha cominciato a scrivere articoli ai giornali.
Ora Nicola ha messo la testa a posto. La sicurezza, il decoro urbano e la giustizia sociale sono i suoi nuovi obbiettivi. Il suo cavallo di battaglia sono i cittadini. Di recente è riuscito a farsi eleggere delegato sindacale con la maggioranza dei voti. Attualmente svolge anche il ruolo di segretario della Consulta del Poggio di Sant'Ilario Baganza, Cevola e Sant'Ilario Baganza, tre frazioni del comune di Felino in provincia di Parma. Di recente è anche entrato a far parte del direttivo provinciale PSI Federazione di Parma e provincia.


Il commento di Nicola Comparato:
"Io penso che nella vita tutto faccia esperienza. Specialmente gli errori. Sono un socialista che si è perso per strada, ma al contrario di tanti altri alla fine sono ritornato a casa. Ho avuto tanti problemi e avevo smesso di credere in me stesso. Ero depresso, ero da solo. Cercavo di farmi apprezzare in qualche modo. Per fortuna grazie all'appoggio dei compagni sono riuscito a riprendere in mano la mia vita. W il PSI!"

Alleghiamo i link a alcune canzoni di questo intrigante personaggio ,augurandoVi un buon ascolto.

1) Poggio di Sant'Ilario Baganza https://m.youtube.com/watch?v=YF7-l0hur04 
2) Voglio stare con te https://m.youtube.com/watch?v=Ip5NcG_Z-2E 
3) Mi sono innamorato di te https://m.youtube.com/watch?v=RtKyyGtzmz4 
4) Cassa di Espansione https://m.youtube.com/watch?v=VtOfYve7jDo 
5) Italia-Tunisia https://m.youtube.com/watch?v=TdpcZ8faBLs 
6) Arrivano i migranti https://m.youtube.com/watch?v=pIX8NV_Nll8 
7) Ruspa https://m.youtube.com/watch?v=9Oowo6oU6ms 

 

 

Nicola_comoarato_stadio_1.jpg

Pubblicato in Costume e Società Parma

Giovedì 6 dicembre, a partire dalle ore 16.30, il punto vendita Euronics di via Napoleone Colajanni (presso Esselunga Via Emilia Ovest - Parma) ospita il cantante Irama. Un pomeriggio di divertimento per i tanti fans dell'artista.

Parma -  Il punto vendita Euronics di Parma (via Napoleone Colajanni - presso Esselunga Via Emilia Ovest) continua a stupire tutti i suoi clienti con un altro importante appuntamento dedicato agli amanti della musica: giovedì 6 dicembre arriva Irama, vincitore di Amici 2018. Il giovane cantautore italiano sarà presente nel punto vendita, dalle ore 16.30, per passare un pomeriggio speciale con tutti i suoi fans e presentare il suo nuovo album "Giovani". Le persone presenti avranno la possibilità di posare per una foto con il cantante e farsi autografare il cd.

Cresciuto a Monza, il ventiduenne Filippo Maria Fanti, in arte Irama, dichiara di essersi interessato fin da bambino alla musica di Francesco Guccini e Fabrizio De André, per poi avvicinarsi all'hip-hop. La sua musica è un connubio di diversi generi, influenze e anche beat dalla strada. Il suo nome d'arte significa infatti "ritmo" in lingua malese. Dopo aver partecipato al festival di Sanremo (sezione giovani) 2016, quest'anno è riuscito a vincere la diciassettesima edizione del talent show Amici di Maria De Filippi. Il suo nuovo album "Giovani", uscito lo scorso 19 ottobre, è già primo in classifica su iTunes Italia con il singolo "Bella e Rovinata": un brano che vuole raccontare l'amore reale, senza per forza essere una favola. Con le sue nuove canzoni il giovane cantante è pronto a conquistare tutti i suoi fans con il tour iniziato il 24 novembre a Roma e toccherà tutte le più importanti città d'Italia fino a Mediolanum Forum di Milano, venerdì 5 aprile 2019.

Un altro ospite d'eccezione "colorerà" il pomeriggio. L'evento sarà infatti presentato da Marco Del Torchio, noto personaggio radiofonico della trasmissione "105 Social Club" su Radio 105, ma non solo...Conosciutissimo dai più giovani per essere uno dei fotografi più quotati del mondo del web e per aver collaborato con i più noti youtuber ed influencer italiani.

La musica ed il divertimento ancora una volta protagonisti nello store Euronics di Parma. Segnatevi in agenda giovedì 6 dicembre: direttamente da Amici 2018 arriva il cantante Irama per incontrare tutti i suoi fans!

Euronics-Dimo Spa, azienda leader nella distribuzione di elettrodomestici ed elettronica di consumo, propone nei propri store di Parma (in Via Napoleone Colajanni presso Esselunga Via Emilia Ovest e presso Parma Retail) un'ampia offerta di prodotti di qualità e di tecnologia avanzata unitamente alla competenza del personale di vendita e alla costante attenzione alla convenienza, con la continua realizzazione di promozioni sempre diverse ed innovative. Audio, Video, Informatica, Telefonia, Entertainment, Fotografia, Smart Home, Grandi e Piccoli Elettrodomestici, Clima, Incasso: l'offerta Euronics a Parma è l'ideale per rispondere alle necessità di tutti i consumatori, anche i più esigenti.

 

 

1_IRAMA_GIOVANI_COVER_COMPLETA_1.jpg

 

Pubblicato in Dove andiamo? Parma

Di Nicola Comparato Felino 28 novembre 2018 - Ci troviamo nella Val Baganza, in provincia di Parma, precisamente a San Michele Tiorre. Siamo negli studi della Rik's Recordz per conoscere più da vicino questo ambizioso e interessante progetto musicale direttamente dalla voce del fondatore.

La Rik's Recordz nasce nel 2011, da un'idea di Lorenzo "Rik" Riccardi, con l'intento di esplorare a 360 gradi il panorama musicale. Rik é riuscito a collaborare, nel corso degli anni, con artisti di ogni genere ed età. La musica non ha confini e alla Rik's Recordz questo lo si capisce fin da subito.

Tanti sono i dj's che gravitano attorno a questo progetto. Faustino Dj, Luca Prandi DJ, Robertino DJ, Max Uomo Gatto DJ, Kevin Guatelli dei Jesters e MiloTech DJ, tra i nomi più noti.

L'addetto alle pubbliche relazioni, Christian Chiaffi grande amico di Rik, è colui che si occupa anche della gestione della pagina ufficiale Facebook della Rik's Recordz..
https://www.facebook.com/riksrecordz/  .

Il fondatore della Rik's Recordz, Lorenzo "Rik" Riccardi ci ha dedicato un video messaggio.

Lo ringraziamo e gli auguriamo il meglio per il suo solido progetto, destinato a durare nel tempo.
Video intervista: https://youtu.be/AHtJGFgWyfo 

Ricks-Recordzbc9e190f-4e55-438d-b47d-8df2f8da505e_copia.jpg

 

Pubblicato in Cultura Parma

Premio Bertoli 2018: premiati anche Marco Masini, i Negrita e Dolcenera. Alberto Bertoli emoziona con “Spunta la luna dal monte” e in duetto con Nek con “Chiama piano”.

Di Manuela Fiorini – foto di Claudio Vincenzi

MODENA -

È Filippo Neviani, in arte Nek, da Sassuolo, il vincitore del Premio Bertoli 2018, assegnato sabato sera in un Teatro Storchi “sold out” in una serata spettacolo piena di emozioni e vibrazioni in musica. 

Concittadino dell’indimenticabile Pierangelo Bertoli, Nek, 46 anni, cantautore e polistrumentista, ha pubblicato più di 15 album, condizione per essere candidati al premio, e in oltre 25 anni di carriera ha venduto più di 10 milioni di dischi in tutto il mondo. Il premio gli viene conferito, oltre che per il valore artistico della sua opera, anche per la risposta positiva di pubblico e critica.

Nek_vincitore_Premio_Bertoli_2018.jpg

Nel corso della serata, tre ore e mezzo volate via, grazie alla conduzione ironica e magistrale di Andrea Barbi e alla qualità degli artisti e delle esibizioni, sono stati assegnati anche altre sezioni del premio, tra cui quella “Nuovi Cantautori, vinta da Giacomo Rossetti, musicista di strada di Meleto Valdarno (AR) con il suo intenso brano “L’America”. A Rossetti è andato anche il premio del Pierangelo Bertoli Fans Club.

Ma andiamo con ordine. La serata si apre con l’esibizione di quattro degli otto finalisti che si contendono il premio della sezione “Nuovi Cantautori”. Accompagnati dal vivo dall’orchestra originale di Pierangelo Bertoli, salgono sul palco Jacopo Ligorio, da Ostuni con “Talentopoli”, una canzone ironica sul mondo dei talent, Francesco Rainero da Firenze con la sua “Mare che cammina”, ispirato al mondo dei giovani, Orkestrina da Reggio Emilia con “La notte giudica” Monica P. da Torino con “Tutto il resto rende più denaro”.

È poi il momento del primo “vip” premiato con la targa “Italia d’Oro”. Si tratta di Marco Masini che al pianoforte esegue prima “T’innamorerai”, seguita dall’intensa “Ci vorrebbe il mare”. Tra le motivazioni del premio, il suo impegno nel descrivere la situazione politica e sociale contemporanea, trattando temi importanti come la violenza sulle donne e la droga.

Marco_Masini.jpg

Tocca poi agli altri quattro nuovi cantautori finalisti esibirsi sul palco: Marco Galli da Savona canta “La danza del tempo”, da Modena, Davide Turci, musicoterapista, esegue “Un filo di voce”. È poi il turno di Giacomo Rossetti e della sua “L’America”. Ultima, ma solo in ordine di apparizione, Noemi Tommasini con “I tuoi occhi stasera”.

Mentre la giuria esprime il suo giudizio per decretare il vincitore della sezione, sul palco salgono Paola Gallo, speaker radiofonica ed esperta di musica italiana, che insieme al sindaco di Sassuolo Claudio Pistoni, annuncia il vincitore della sezione “Per dirti t’amo”. La targa va ai Negrita, “esempio di libertà, integrità artistica e originalità, per l’attenzione nel creare brani dal forte impatto emotivo sul tema dell’amore universale dai caratteri anticonformisti e intellettualmente indipendenti”, si legge della motivazione. Pau e compagni regalano poi al pubblico “Ho imparato a sognare” “Magnolia”.

Pau_dei_Negrita.jpg

Momento molto intenso quando sul palco sale Alberto Bertoli, direttore artistico, insieme a Riccardo Benini, del Premio dedicato al padre Pierangeloche accompagnato dall’orchestra emoziona con “Eppure il vento soffia ancora” e “Spunta la luna dal monte”, che con le parti di testo in sardo omaggia anche un altro grande della musica scomparso, l’indimenticato Andrea Parodi dei Tazenda. 

Alberto_Bertoli.jpg

Un’intensa e grintosa Dolcenera riceve poi la targa per la sezione “A muso duro” , “per la capacità di affrontare il suo percorso e le sue composizioni in maniera intellettualmente indipendente, rimanendo fedele a se stessa”. Nel ricevere il premio, la cantautrice salentina, che si è esibita al pianoforte con “Un altro giorno sulla terra”“Com’è straordinaria la vita” e “Ci vediamo a casa” ha confermato come “essere una cantautrice donna sia più difficile, perché da una donna il mercato discografico si aspetta che faccia la “sciantosa” ma che una personalità come quella di Pierangelo Bertoli l’abbiano spronata con il suo esempio a rimanere se stessa.

Dolcenera_premiazione.jpg

Vengono poi annunciati i quattro finalisti che “passano il turno” e che si esibiranno con un brano di Pierangelo Bertoli. Monica P. canta “Nuova emigrazione”Davide Turci sceglie “A muso duro”Francesco Rainero “Non ti sveglierò” e Giacomo Rossetti “Leggenda antica”.

E mentre la giuria è chiamata ancora una volta a pronunciarsi e a decretare il vincitore assoluto tra Nuovi Cantautori, arriva il momento più atteso. Il Teatro Storchi esplode in un’ovazione quando viene annunciato sul palco Nek, a cui va il Premio Pierangelo Bertoli 2018, consegnato da Bruna Pattaccini, compagna di una vita di Pierangelo Bertoli. Il cantautore di Sassuolo regala al suo pubblico, che lo segue con affetto fin dai suoi primi successi, brani celebri come Laura non c’è, “Lascia che io sia” “Fatti avanti amore”. Emozionante il duetto con Alberto Bertoli, amico e conterraneo, su Chiama piano.

La serata si conclude con l’assegnazione dei premi per la sezione Nuovi Cantautori. Se il premio assoluto va a Giacomo Rossetti, a Francesco Rainero va la targa Unenia-Acep, mentre a Monica P il premio Nuovo Imaie, che include un assegno di 15 mila euro finalizzati all’organizzazione di un tour. 

 

Alberto_Bertoli_chitarra.jpg

Andrea_Barbi_e_Riccardo_Benini.jpg

Batterista_orchestra_di_Bertoli.jpg

Davide_Turci.jpg

Dolcenera_2.jpg

Francesco_Rainero_2.jpg

Francesco_Rainero.jpg

Giacomo_Rossetti_2.jpg

Giacomo_Rossetti_vincitore_nuovi_cantautori.jpg

Marco_Galli.jpg

Marco_Masini_esibizione.jpg

Marino_Bartoletti_e_Marco_Masini.jpg

Monica_P.jpg

Orchestrina.jpg

Paola_Gallo_premia_i_Negrita.jpg

Pau_dei_Negrita_2.jpg

 

 

 

Pubblicato in Cultura Modena