Poche significative novità nei diversi listini del lattiero caseario. Nei formaggi continua la discesa dei prezzi, soprattutto nel Parmigiano Reggiano. Nuovo aggiornamento della margarina. 

 
di Virgilio e Jacopo Parma 22 ottobre 2019 - 
 
LATTE SPOT – Si conferma stabile il momento favorevole del latte a Verona. Il crudo spot nazionale fermo a 46,91 e 47,94 €/100 al litro. Il latte intero pastorizzato spot estero mantiene un +1,1%, al 44,85 e 45,88 €/100 al litro), mentre lo scremato pastorizzato spot estero aumenta di +1,8% tra 28,46 e 29,50 €/100 al litro.
 
BURRO E PANNA – A Verona continua il lento calo della panna, a -1,27%. Si ferma a Milano il prezzo della crema, dopo la settimana scorsa; il listino del burro, invece, si conferma alle stesse cifre. Nessuna novità dagli zangolati parmigiano e reggiano. Aggiornamento della margarina: prezzo invariato da inizio estate.
 
Borsa di Milano 21 ottobre 2019: 
BURRO CEE: 3,30 €/Kg. (=)
BURRO CENTRIFUGA: 3,55 €/Kg.  (=)
BURRO PASTORIZZATO: 1,70 €/Kg.  (=)
BURRO ZANGOLATO: 1,50 €/Kg. (=)
CREMA A USO ALIMENTARE (40%mg): 1,88 €/Kg. (+1,1%)
MARGARINA ottobre 2019: 0,87 - 0,93 €/kg (=)
 
Borsa di Verona 21 ottobre 2019: (+1,28%)
PANNA CENTRIFUGA A USO ALIMENTARE: 1,90 – 2,05 €/Kg.
 
Borsa di Parma 18 ottobre 2019 (=)
BURRO ZANGOLATO: 1,10 €/Kg.
 
Borsa di Reggio Emilia 22 ottobre 2019 (=)
BURRO ZANGOLATO: 1,10 - 1,10 €/kg.
 
GRANA PADANO – Milano 21 ottobre 2019 – Rispetto alla settimana precedente si stabilizzano i prezzi  del 16 mesi e del 20 mesi, mentre calano il 9 mesi e il fuori sale.
 
- Grana Padano 9 mesi di stagionatura e oltre: 7,75 – 7,85 €/Kg. (-1,3%)
- Grana Padano 16 mesi di stagionatura e oltre: 8,45 – 8,70 €/Kg. (=)
- Grana Padano Riserva 20 mesi di stagionatura e oltre: 8,95 – 9,20 €/Kg. (=)
- Fuori sale 60-90 gg: 6,35 – 6,50 €/Kg. (-1,5%)
 
PARMIGIANO REGGIANO – Parma 18 ottobre 2019 – Nuovo calo alle stesse percentuali per il Parmigiano Reggiano, con un’altra settimana all’insegna del negativo.
 
-Parmigiano Reggiano 12 mesi di stagionatura e oltre: 10,65 - 10,85 €/Kg. (-0,9%)
-Parmigiano Reggiano 15 mesi di stagionatura e oltre: 10,95 - 11,05 €/Kg. (-0,9%)
-Parmigiano Reggiano 18 mesi di stagionatura e oltre: 11,60 - 12,05 €/Kg. (-0,8%)
-Parmigiano Reggiano 24 mesi di stagionatura e oltre: 12,30 - 12,80 €/Kg. (-0,8%)
-Parmigiano Reggiano 30 mesi di stagionatura e oltre: 13,40 - 13,80 €/Kg. (-0,7%)

 
#Filiera #Latte #DOP #formaggi #food #madeinitaly #lattierocaseari @theonlyparmesan@ClaudioGuidetti @100MadeinItaly

 lattiero-tendenze_15ott19.png

 

per accedere alle notizie sull'argomento clicca qui)

 

 Zangolato-PR.png

 

MULINO-FORMAGGI_trasparente.png

 

www.mulinoformaggi.it 

 (Grafici)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in Agroalimentare Emilia

Ieri a Parma è stata condotta un’altra attività di controllo straordinario del territorio volto al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti e all’immigrazione clandestina. Sono state messe in campo diverse pattuglie in più sul territorio rispetto all’ordinario: 6 della Polizia di Stato e 1 della Polizia Municipale. Il Dipartimento della Polizia di Stato ha messo altresì a disposizione una squadra del Reparto Mobile di Bologna.

Gli attenti e mirati controlli si sono svolti nel Quartiere San Leonardo, predisponendo chiusure all’interno del Parco del Naviglio Alto, così come in Via Venezia, dove i cittadini segnalano la presenza di attività di spaccio. Parallelamente, grazie ai continui servizi massivi di controllo, l’Ufficio Immigrazione, nelle ultime due settimane ha provveduto all’espulsione di 12 cittadini stranieri irregolari e particolarmente pericolosi. 

Pubblicato in Cronaca Parma

L’auto completamente distrutta dalle fiamme è stata trovata in via Caruso, la strada che conduce alla discarica di Hera. Sul posto Vigili del Fuoco e Carabinieri che cercheranno ora di dare un’identità alla vittima. Le sue condizioni sono tali da non riuscire nemmeno a stabilire se si tratta di un uomo o di una donna.

Modena –

Un cadavere carbonizzato è stato trovato questa notte, attorno alle 3, in via Caruso, la laterale di via Nonantolana, nella periferia Nord di Modena, che conduce alla discarica di Hera. La segnalazione di un’auto in fiamme ai Vigili del Fuoco è arrivata nel cuore della notte.

Giunti sul posto, i pompieri hanno spento subito le fiamme che avevano già completamente distrutto una Fiat Panda. Al suo interno, la macabra scoperta: il corpo completamente carbonizzato di una persona, non si sa ancora se di un uomo o di una donna, date le condizioni in cui versava.

Sono quindi stati informati i Carabinieri, che si sono recati sul posto per i primi rilievi e accertamenti, alla ricerca di un particolare, un indizio, anche sulla vettura, che possano fare risalire all’identità della vittima e stabilire le cause della morte. Nessuna ipotesi, infatti, è esclusa, dall’omicidio al suicidio. Al vaglio anche le immagini delle telecamere di videosorveglianza. L’auto, nel frattempo, è stata rimossa dalla sede stradale. 

A rendere ancora più inquietante il giallo è la zona in cui il corpo carbonizzato è stato ritrovato: sempre nei dintorni della discarica Hera, dove, lo scorso mese di febbraio, è stato ritrovato il corpo di Ghizlan El Hadraoui, la giovane mamma di 37 anni, uccisa a coltellate dal marito, che poi ha dato fuoco all’auto con dentro il cadavere.

Pubblicato in Cronaca Modena

Soffice torta al cioccolato in padella: la foodblogger Katia Baldrighi realizza un dolce sui fornelli

DOVE Scavolini Store Euro Torri - Piazza Arturo Balestrieri, c/o Centro commerciale Euro Torri PR
QUANDO sabato 26 ottobre – dalle 17.00 alle 18:30
IDEALE PER chi ama le cose veloci ma buone

Prosegue il tour di FoodAddiction in Store: tanti eventi dedicati alle bontà gastronomiche del bel paese, organizzati da iFood e Dissapore in collaborazione con Scavolini, che riapre le porte dei suoi showroom per accogliere tutti gli amanti della buona cucina. Show-cooking e degustazioni per esperienze culinarie indimenticabili, perfezionate dalle sapienti mani di food blogger, food coach e artigiani del cibo, per conoscere e apprendere tutti i segreti della cucina.

L’appuntamento
Sabato 26 ottobre presso lo Scavolini Store Euro Torri la foodblogger di iFood Katia Baldrighi preparerà una deliziosa torta diversa dal solito e cotta a fiamma bassa sui fornelli! Un morbido e soffice dolce al cioccolato in padella che non ha niente da invidiare alla classica cottura in forno. Dalle 17.00 Katia indosserà il grembiule per insegnare ad adulti e bambini le tecniche del mestiere. I più curiosi potranno aiutare la blogger nella preparazione e a fine evento assaggiare una golosa fetta di torta.

L’ospite speciale
Katia Baldrighi è piacentina e fin da bambina scopre la passione per la cucina. Sebbene la vita lavorativa la tenga lontana dai fornelli, si ritaglia sempre del tempo per cucinare e sperimentare, in un’ottica di costante miglioramento e creando pietanze nuove e gustose, anche di provenienze diverse. Da quasi 9 anni il suo blog iFood PappaECicci vuole ricreare un’atmosfera casalinga, racchiudendo oltre 300 ricette, appunti e racconti di vita.

Il tema e la ricetta
Per questa occasione speciale, la foodblogger Katia Baldrighi porterà in tavola una ricetta evergreen adatta a chi non vuole utilizzare il forno, magari per mancanza di tempo. La ricetta infatti, prevede una classica torta al cioccolato con uova, farina, zucchero, cacao e cioccolato fondente, con una cottura alternativa in padella. Il risultato? Gusto e morbidezza. Per decorare il dessert, Katia utilizzerà una sac-à-poche per creare dei ciuffetti di panna montata da spolverizzare con del cacao amaro.

La location
L’evento si svolge presso lo Scavolini Store Euro Torri, situato nell’area commerciale dell’Euro Torri, l’elegante Shopping Center a Parma. Ad accogliere e accompagnare i visitatori durante la scelta della cucina ideale, vi sarà la professionalità e l’esperienza di Chiara Cassinelli e i suoi collaboratori. Molti i plus offerti: rilievo misure, progettazione computerizzata, trasporto e montaggio, tutti compresi nel prezzo, e un comodo parcheggio. Lo showroom, nei suoi 372 mq, espone alcune delle novità Scavolini, per l’arredo cucina come la nuovissima Mia by Carlo Cracco e la nuova arrivata DeLinea e poi LiberaMente e Carattere e le soluzioni per l’arredo bagno tra cui Aquo e Baltimora.

 

Scavolini
Scavolini nasce a Pesaro nel 1961 grazie all’intraprendenza dei fratelli Valter ed Elvino Scavolini e in pochi anni si trasforma da piccola azienda per la produzione artigianale di cucine in una delle più importanti realtà industriali italiane. In poco tempo, ha raggiunto dimensioni considerevoli e oggi dispone di un insediamento industriale che, a livello di Gruppo, raggiunge i 240.000 mq (di cui 110.000 coperti) dove lavorano oltre 660 dipendenti. Il risultato dell’impegno aziendale è dimostrato dal fatturato di Gruppo, che ha raggiunto nel 2018 i 225 milioni di euro. Inoltre, l’indotto costituito dai fornitori di parti componibili, che negli anni è cresciuto attorno all’Azienda, è oggi una realtà importante per il territorio locale.

iFood.it - Quando i blogger ci mettono la faccia e si sporcano il grembiule
iFood.it è la nuova realtà editoriale nativa del Web, che raccoglie in un unico sito con oltre 200 food-blogger. La passione dei blogger, unita all’esperienza nell’editoria digitale di Netaddiction, attivo nel settore da oltre 15 anni, ha dato vita al nuovo portale e a un network che racconta il cibo come un’esperienza che si condivide attraverso la fotografia, il viaggio e i libri. Trasformare l’infinito amore per il cibo di chi cucina per passione in contenuti editoriali di eccellenza è la sua mission. iFood.it raggiunge ogni mese più di 1 milioni di utenti unici e oltre un milione di utenti attraverso i social network.

torta-in-padella-cioccolato-fetta-768x1024.jpg

 

 

 

 

 

Pubblicato in Dove andiamo? Parma

Un uomo, di nazionalità nigeriana classe '76, sotto l'effetto dell'alcol e palesemente irritato, ha colito con violenza la moglie, classe '82, con il proprio smartphone causandole una ferita al capo con copiosa fuoriuscita di sangue,

La donna, oltre a essere spaventata era anche preoccupata del fatto che i 3 figli, tutti molto piccoli, avevano assistito alla scena.
Gli agenti, giunti sul luogo, hanno accertato che l'uomo era ancora sporco di sangue e i figli particolarmente spaventati al punto che uno di essi ha preso per mano una delle agenti per farle notare il sangue e la mamma colpita.


Alla luce di quanto emerso, l'uomo, non nuovo a questi comportamenti, è stato arrestato per lesioni aggravate.
Oggi il processo è stato rinviato per richiesta termini a difesa, nelle more il giudice ha applicato la misura dell'allontanamento dalla casa familiare e il divieto di avvicinamento alla persona offesa.

Pubblicato in Cronaca Parma
Il Sindaco Federico Pizzarotti e gli assessori del Comune di Parma si sono fatti immortalare indossando la t-shirt #iostocolparmigiano per dire no ai dazi USA che colpiscono i prodotti italiani di qualità.

Su Instagram e Facebook sono migliaia anche i consumatori che hanno testimoniato solidarietà nei confronti del Parmigiano Reggiano postando immagini accompagnate dall’hashtag #iostocolparmigiano mostrando di avere a cuore la difesa di un comparto che dà lavoro a 50 mila persone, colpito nel suo secondo mercato export, dove ogni anno si vendono oltre 10 mila tonnellate di prodotto.

C'è materia di riflessione per insegnanti, pedagogisti, genitori e si spera per i politici. Sembra che il 35% degli studenti di terza media non capisca un testo di italiano: è in grado di leggere, ma non di comprendere. Nella scuola di una volta c'era un metodo infallibile per abituare alla comprensione del testo, il riassunto, e anche il dettato era utile. Entrambi scomparsi per fare posto a test, quiz, domande a risposta multipla. 

Ma davvero la scuola di ieri, con i suoi vecchi sistemi, era da buttare? 

Che futuro ha un Paese composto da cittadini che non sanno capire un testo scritto, e quindi interpretare i messaggi della politica e dell'informazione? Privilegiando il come si insegna (la didattica) al cosa si insegna abbiamo smantellato quell'eccellenza nazionale che era la scuola. E ora, ci troviamo al centro di un'emergenza sociale. Al di là di qualsiasi ideologia, è chiaro a tutti che la criticità del Paese, prima del fisco, della gestione dell'immigrazione, della riforma della giustizia, prima del peso dell'Italia in Europa, è l'istruzione dei nostri figli. Dai quali presto dipenderemo tutti. Occorrono investimenti, una forte selezione della classe insegnante attraverso un inderogabile aumento degli stipendi, maggiori strumenti per intervenire sui comportamenti aggressivi sempre più frequenti dei ragazzi con una legge che parifichi la figura del professore a quella del pubblico ufficiale. La scuola pubblica ha rappresentato un luogo d’incontro importante fra la cultura laica e quella cattolica, ha consentito di aprire un processo di mobilità sociale per milioni di persone e ha contribuito alla crescita della democrazia e dello sviluppo del Paese. Essa deve essere riformata, per adeguarla al nuovo contesto nel quale opera, per superare ritardi e limiti (rappresentati dalle migliaia di abbandoni e dai bassi livelli di apprendimento), che rendono il diritto allo studio non garantito per fasce ancora consistenti di popolazione. I principi di fondo devono essere netti: assicurare a ciascuno le competenze fondamentali per orientare la propria vita e il proprio lavoro; formare individui liberi ed autonomi; elevare il livello culturale delle persone; concorrere in modo decisivo al rilancio dello sviluppo e dell’occupazione nel Paese che è sempre più alle prese con una crisi che evidenzia in modo drammatico il deficit di investimenti in formazione e istruzione, innovazione e ricerca. Gli studenti devono vedere garantiti e rispettati i loro diritti, in primis quello ad una partecipazione attiva alla vita della scuola, come parte integrante del percorso educativo. Solo con l'esercizio dei diritti si può costruire la cultura della partecipazione democratica e della cittadinanza attiva. Bisogna scrivere un nuovo patto tra scuola e società, irrinunciabile per non tradire le giovani generazioni: grande, infatti, è la responsabilità degli adulti e dei genitori. Garantire ad ogni bambino ed a ogni ragazzo percorsi autonomi di crescita, nel rispetto di valori condivisi e di un’etica pubblica da riaffermare e rilanciare. Perché riformare la scuola significa porre con grande forza il tema della qualità del sapere. Non certo per praticare percorsi tradizionali, che vedono il primato della quantità sulla qualità, delle nozioni sulle conoscenze, ma per fare fino in fondo dell’apprendimento un processo che si alimenta per tutto il corso della vita. E’ un sapere che forma persone in grado di pensare criticamente, di avere conoscenze e strumenti di interpretazione, di conquistare una disciplina mentale che rifiuti le certezze affrettate ed il pensiero semplificato. In questo senso anche le associazioni di volontariato svolgono un ruolo fondamentale, offrendo alla comunità strumenti e modalità di apprendimento che possano affiancarsi all'attività delle scuole. 

Fornire un contributo culturale alla collettività diventa proposito e motore di Intesa San Martino, che si impegna quotidianamente nel San Leonardo. Con la profonda convinzione dell'importanza di lavorare in sinergia con le scuole e le insegnanti, l'associazione organizza, con alcune classi degli istituti del quartiere, percorsi didattici per riscoprire le bellezze artistiche della città di Parma, mostre aventi come tema la condizione dei minori anche in altri Paesi e letture animate per incoraggiare la partecipazione attiva dei bambini. Parlare di cultura e fare cultura, con uno sguardo particolare rivolto ai più piccoli diventa, dunque, uno dei nostri principali obiettivi. 

 

Rino Basili,  Segretario di Intesa San Martino 

 

 

Pubblicato in Cultura Emilia

In attesa dell’autopsia, la Procura ha iscritto nel registro degli indagati dodici medici dell’Ospedale di Sassuolo che hanno operato a giovane per una sospetta peritonite. L’accusa è di omicidio colposo. La morte forse causata dalla rottura di un vaso sanguigno che avrebbe provocato uno choc emorragico.

Modena –

Sono dodici i medici dell’Ospedale di Sassuolo iscritti nel registro degli indagati per la morte di Maura di Puoti, la 22 enne originaria di Caserta, ma da tempo residente a Ca’ di Sola, morta tra nella notte tra il 17 e il 18 febbraio all’ospedale di Baggiovara, dopo essere stata operata dieci giorni prima nel nosocomio sassolese.

L’ipotesi di reato è di omicidio colposo, un atto dovuto per dare inizio alle indagini e consentire la nomina di legali e periti. È prevista per domani, intanto, la Procura della Repubblica conferirà l’incarico per lo svolgimento dell’autopsia sul corpo della ragazza per ricostruire le cause esatte del decesso e indirizzare l’inchiesta dei pm su eventuali responsabilità del personale medico e sanitario che ha seguito la giovane dal primo ricovero fino alle tragiche conseguenze. 

Maura di Puoti si era presentata al pronto soccorso dell’ospedale di Vignola lo scorso 7 ottobre lamentando forti dolori addominali. I medici hanno capito subito che si trattava di un attacco di appendicite ormai degenerato in peritonite e ha trasferito la 22 enne all’ospedale di Sassuolo, dove è stata operata d’urgenza. 

Il decorso post operatorio si è svolto in maniera regolare, ma il 17 ottobre la giovane ha cominciato a lamentare un dolore alla spalla. È stata così trasferita all’ospedale di Baggiovara per essere sottoposta a un angio TAC. A parte quel dolore per il quale era stato predisposto l’accertamento diagnostico, Maura di Puoti stava bene, scherzava e rideva con i familiari, ma subito dopo l’esame le cose sono improvvisamente precipitate e dopo un breve ricovero in Rianimazione, la ragazza è deceduta. Una morte improvvisa e inaspettata, forse provocata dalla rottura di un vaso sanguigno che ha causato uno choc emorragico fatale e sulle cui responsabilità si sta indagando.

Pubblicato in Cronaca Modena

Secondo la denuncia della ragazza, di nazionalità marocchina, l’autore della violenza sarebbe un connazionale di 19 anni che avrebbe abusato di lei ne presso un cantiere di via Divisione Aqui. Il racconto è al vaglio degli inquirenti.

Modena –

Sequestrata e costretta a subire un rapporto sessuale da parte di un connazionale. Una 26 enne marocchina, senza fissa dimora, ha denunciato alla Polizia la violenza sessuale che sarebbe avvenuta nella notte tra il 14 e il 15 ottobre scorsi, in un container del cantiere del cohousing in via Divisione Aqui, in stato di abbandono da tempo e recentemente bonificato.

Secondo il racconto della giovane, un connazionale di 19 anni, anch’egli senza fissa dimora e di sua conoscenza, dal momento che entrambi frequentavano il cantiere per passarvi la notte, l’avrebbe prima minacciata con un cutter, poi l’avrebbe trascinata all’interno del container e, dopo averla rinchiusa, l’avrebbe costretta a subire un abuso sessuale.

 La Polizia di Stato, coordinata dalla Procura, sta attualmente verificando la veridicità del racconto della giovane e sta cercando di rintracciare il presunto colpevole.

 

Pubblicato in Cronaca Modena

Cinquina entusiasmante dei crociati con un Cornelius in grande serata, autore di una tripletta personale. Gli uomini di D’Aversa si affacciano nella zona Europa a pari punti con la Lazio. Nota negativa l’infortunio alla caviglia di Roberto Inglese che verrà esaminato in questi giorni.

 

di Luca Gabrielli

Serata indimenticabile ieri allo Stadio Tardini dove il Parma affrontava il Genoa di Andreazzoli bisognoso di punti salvezza per levarsi dalla penultima posizione di classifica.

Le partite post sosta Nazionali sono sempre da prendere con le molle tra acciacchi vari e poco tempo per preparare gli incontri. Gli avversari si sono presentati con una difesa completamente inedita a causa delle defezioni per infortuni e squalifica del capitano Criscito, Biraschi e Romero. Nei crociati invece infortunio muscolare dell’ultima ora del capitano Bruno Alves, sostituito dal colosso Dermaku alla prima da titolare.

In avanti tridente titolare con Gervinho e Kulusevski ai lati del bomber Roberto Inglese. Ma è proprio l’infortunio alla caviglia al 6’ del centravanti che da’ la svolta al match con l’ingresso del danese Cornelius che si rivelerà il migliore in campo. Il biondo attaccante realizza infatti una tripletta di pregevole fattura con i migliori pezzi del repertorio: dalla conclusione in controbalzo, al colpo di testa magistrale in terzo tempo da cestista Nba fino alla botta a rete di sinistro dal limite dell’area. Un attaccante completo che oltre alla finalizzazione ha dato anche un grande aiuto ai compagni facendo salire la squadra, permettendole di rifiatare. Al fianco di Cornelius si conferma ancora una volta il fantasista svedese Kulusevki, autore di due assist determinanti e del quinto goal. Una vera e propria spina nel fianco per i grifoni che non hanno saputo come arginarlo per tutta la gara. I crociati hanno tenuto il pallino del match anche grazie al ritorno fisico e tecnico di Kucka a centrocampo che ha comandato il reparto e dato soprattutto una mani in avanti con le sue sortite offensive che hanno portato nel primo tempo anche alla gioia personale per il ceco con un sinistro in scivolata che ha battuto l’incolpevole Radu.

 

Prestazione maiuscola che porta il Parma nelle zone nobili della classifica

A sorprendere il pubblico del Tardini è stato l’approccio determinato con cui i giocatori gialloblu sono scesi in campo fin dai primi minuti. La squadra ha iniziato ad attaccare immediatamente e ha mantenuto il comando del gioco dall’inizio alla fine, regalando anche sprazzi di grande calcio. Finalmente si è vista una squadra che si muove in armonia e che non attende l’avversario di turno cercando di colpirlo in contropiede. Il mister ha impostato la gara indicando ai giocatori di tenere il baricentro alto per costruire più azioni possibili per arrivare alla rete del vantaggio. I risultati sono stati stupefacenti con una “manita” che non ha lasciato alcuno scampo al Genoa, sempre più invischiato nelle parti basse della classifica e in odore di cambio di allenatore. Il Parma viceversa raggiunge la Lazio all’ottavo posto con 12 punti in zona Europa e affronterà nel prossimo turno l’Inter di Conte, grande amico di D’Aversa. La partita è di quelle in cui non si ha nulla da perdere e per certi versi sono anche le più semplici da preparare. Di sicuro se verrà affrontata con lo stesso spirito e la voglia visti ieri sera, la squadra uscirà comunque da San Siro a testa alta, che si vinca o che si perda.

Pubblicato in Calcio Parma
Pagina 1 di 1208